Piccoli passi pt. 2

351Report
Piccoli passi pt. 2

Piccoli passi

di Vanessa Evans

Parte 2

Mi sono svegliato presto, probabilmente perché ero eccitato per la giornata che mi aspettava. All'inizio mi sono sentito un po' strano quando ho capito di essere nudo, ma i ricordi sono tornati alla mente e mi sono sentito bene. Mi sono anche ricordato che avevo deciso di radermi tutti i peli pubici e la mia mano si è spostata su di esso e ho deciso che non me lo sarei perso. Saltai giù dal letto e andai in bagno.

Ok, mi ero rasato le ascelle, le braccia e le gambe ogni pochi giorni, ma il pube era diverso. Per cominciare erano peli più spessi e molto più lunghi, quindi ho dovuto prendere le mie forbici da cucito per tagliarli subito prima di attaccarli con il mio rasoio. Mi sono seduto sul lato della vasca, ho allargato le gambe e ho iniziato dall'alto. Quando sono arrivato in cima alla mia fessura ho dovuto stare più attento, non volevo avere un incidente e danneggiare il mio clitoride che sembrava essere più grande dell'ultima volta che l'ho visto allo specchio, né le mie piccole labbra . Non ce ne sono molti, ma ho immaginato che mi avrebbe fatto molto male se li avessi tagliati accidentalmente.

Mentre mi spostavo verso il mio ingresso vaginale, mi sono reso conto che la mia figa formicolava e che era bagnata.

"Alla mia figa deve piacere questo." Ho pensato.

Poi è stata la crema da barba e il rasoio. Ancora una volta sono stato molto attento al mio clitoride e alle labbra, ma alla fine ho finito il lavoro e mi sono guardato allo specchio.

"Wow", ho pensato, "sembro molto più giovane, ma mi piace, spero che piaccia anche a Ethan".

Ho pulito tutti i peli sul pavimento e poi sono entrato nella doccia. È lì che normalmente mi rado le altre mie parti e mi sono passato una rapida passata sul pube con il rasoio per vedere come ci si sente a radersi sotto la doccia.

Avevo appena finito di andare in bagno quando suonò il campanello provocandomi un rapido panico. Ho pensato che fosse Ethan e non volevo farlo aspettare ma non avevo vestiti da mettere e i miei lunghi capelli erano ancora bagnati, quindi ho preso due asciugamani, uno per avvolgermi i capelli e l'altro per avvolgermi. Stavo ancora rimboccando il secondo quando sono arrivato alla porta.

"Chi è?" Ho chiesto.

"Sono io, Ethan." La risposta è arrivata così ho aperto la porta e mi sono guardata intorno per confermare che si trattava davvero di Ethan e che nessun altro era in giro.

"Entra." dissi mentre uscivo da dietro la porta.

"Scusa, non sono ancora pronto." Ho detto.

"Quindi capisco, ma sono in anticipo, colpa mia."

"Correrò, dammi cinque minuti."

"No Claire, prenditi il ​​tuo tempo, ti dispiace se ti guardo mentre ti prepari?"

La mia prima reazione è stata di dire di no, che dovevo vestirmi, ma poi mi sono ricordata che mi aveva visto nudo la sera prima, quindi ho detto che poteva. Proprio mentre stavo per voltarmi per andare in camera mia, Ethan mi si avvicinò, mi abbracciò e mi baciò.

In qualche modo, durante il lungo bacio, l'asciugamano intorno a me si è slacciato ed è caduto a terra. Ethan mi ha tirato più vicino e ho sentito di nuovo quella bella sensazione del mio corpo nudo sui suoi vestiti.

Il bacio finì ed Ethan fece un passo indietro e le mie mani si mossero istantaneamente per coprire le mie tette e la mia figa, ma Ethan prese le mie mani e le tenne ben aperte mentre guardava su e giù il mio corpo nudo facendomi arrossire.

"Mi stai mettendo in imbarazzo Ethan." Ho detto.

“Non dovresti vergognarti Claire, ti ho vista nuda ieri sera e sono venuta presto sperando di vederti nuda prima di uscire. mi piace il nuovo aspetto. Per me ti fa sembrare più femminile, penso che i peli pubici su una donna siano brutti.

“Farei meglio a raderlo ogni giorno, allora. Credi che le altre ragazze al lavoro si radono tutti i giorni?"

"Chi ha davvero a cuore il proprio aspetto lo farà."

"Beh, d'ora in poi mi prenderò cura del mio aspetto, ma sarà una lotta finché non riuscirò a sistemare tutti i miei vestiti."

“Beh, proveremo a fare qualcosa al riguardo oggi. Ora, cosa c'è da fare per prepararti?"

"I miei capelli, ho bisogno di asciugarli."

"Ti posso aiutare con quello."

E lo fece. Asciugare i miei capelli lunghi è sempre stato un po' un lavoro ingrato, ma con Ethan che mi ha aiutato non è stato certamente un lavoro ingrato. Inoltre, stare seduto nudo sul mio letto con Ethan che mi soffiava e mi spazzolava i capelli è stata una bella esperienza, soprattutto perché continuava a strofinarmi o ritoccare velocemente i miei capezzoli.

Quando quel lavoro fu finito, andai nel cassetto della biancheria intima e tirai fuori il mio paio di mutandine più brevi e un reggiseno. Mi sono girato verso Ethan e ho visto l'espressione delusa sul suo viso, quindi ho rimesso il reggiseno nel cassetto e ho detto:

"Piccoli passi."

"Piccoli passi." Ethan rispose e sorrise.

Avrebbero potuto essere le mie mutandine più piccole, ma erano comunque grandi e mentre le tenevo per entrarci ho guardato di nuovo Ethan e ho visto lo stesso sguardo deluso sul suo viso.

“Non posso uscire senza mutande. Sarebbe troppo imbarazzante".

"Perché, chi lo saprebbe, a parte te e me?"

"Pensi davvero che alcune delle ragazze al lavoro non indossino le mutande?"

"Sì, infatti Pete mi ha detto che Janice è stata un po' negligente un giorno della scorsa settimana e ha visto che era calva come lo sei tu adesso."

"Beh, in quel caso, un altro piccolo passo, ma non posso farne a meno tutto il tempo, ho bisogno di un paio di mutandine."

"Ti daremo un po' del tipo che indossa la maggior parte delle ragazze della tua età, infradito o perizoma."

"Non so se mi piacerà indossarli, il mio sedere sarà tutto esposto e quella corda nella fessura del mio sedere sarà divertente."

“Il tuo sedere non sarà esposto, a meno che non ti togli la gonna in pubblico. Ad ogni modo, hai visto alcuni dei costumi da bagno che indossano le ragazze di questi tempi, i culi nudi sembrano essere la moda di questi tempi e sono sicura che alcune delle ragazze al lavoro indosseranno costumi da bagno che non coprono il sedere e tu hai un culetto carino che dovresti essere orgoglioso di mostrarlo al mondo.

"Non riesco a vedere che accada mai."

"Piccoli passi."

"Va bene, oggi andrò senza mutande, ma è colpa tua se qualcuno vede la mia figa."

"Questo renderebbe alcuni giorni."

"Ora, una gonna e un top o un vestito?" Ho chiesto.

"Un vestito." Ethan ha risposto: “Mi piace vedere le ragazze che indossano abiti. Hai dei jeans?"

"No, mia madre diceva sempre che le donne dovrebbero vestirsi come donne, non come uomini, e al college i pantaloni di qualsiasi tipo erano banditi, quindi non ho mai avuto il tempo di prendere i jeans".

"So che suona sciovinista e sicuramente non PC e non lo direi mai pubblicamente, ma sono d'accordo con tua madre."

Questo non mi ha infastidito perché non indosso jeans, nemmeno pantaloncini quando fa caldo. Sono andata al mio guardaroba e ho tirato fuori il mio vestito estivo più carino. Come tutti i miei vestiti e le mie gonne, l'orlo finisce sotto le mie ginocchia e questo vestito è uno dei pochi che non ha le maniche, solo due spalline sulle spalle che nascondono le spalline del reggiseno, ma quel giorno non sarebbe un problema.

Mentre mi tiravo il vestito sopra la testa e lo tiravo giù mi sentivo strana, il tessuto mi strofinava le tette e il sedere, che erano tutti nudi e di solito erano coperti dalle mie mutande. Quando ho sistemato il vestito ho detto,

"È strano Ethan."

"Scommetto che tra un paio d'ore ti sarai dimenticato di non avere la biancheria intima."

"Lo spero."

"Va bene, devo andare a mettere su il bollitore?"

"E una fetta di pane nel tostapane, per favore."

Ethan se ne andò e io finii di prepararmi. Non mi trucco mai, quindi non mi ci è voluto molto tempo e presto mi sono unito a Ethan in cucina.

"Sembrerà strano." dissi sedendomi a tavola.

"È un grande passo da bambino, ma sono sicuro al cento per cento che tra un paio d'ore sembrerà abbastanza normale".

"Lo spero, voglio essere come le altre ragazze, quindi immagino che un po' di imbarazzo e sentirsi strani lungo la strada valga la pena."

"Sono sicuro che lo è." Ethan ha risposto.

Quindici minuti dopo stavamo lasciando il mio appartamento. Mentre camminavamo verso l'auto di Ethan dissi:

"Decisamente strano, l'aria fresca del mattino mi fa esplodere il vestito e mi fa il solletico."

"Ti fa sentire bene."

"Sì, lo fa, e guarda il mio petto."

Ethan ha poi risposto,

"C'è da aspettarselo, molte ragazze hanno le slot".

"Pok?"

"I loro capezzoli duri che fanno piccole tende nei loro vestiti."

"Ma sarà imbarazzante se qualcuno diverso da te li vede."

"Non mette in imbarazzo Mary o Christine o Wendy, e le loro sporgono tanto quanto la tua Claire."

"Non me ne sono mai accorto". Ho risposto.

"Sono un uomo, notiamo queste cose." disse Ethan proprio mentre arrivavamo alla macchina.

Ethan ha aperto la porta e sono entrato come Ethan mi aveva detto che fanno le altre ragazze, poi ho detto,

"Hai visto le mie mutandine, voglio dire figa."

"No, vedi, cominci a dimenticare che non hai le mutandine."

"Sì, l'ho dimenticato, vero?" Non l'ho detto a nessuno perché Ethan aveva chiuso la porta e stava camminando dalla sua parte della macchina.

Mentre guidavamo mi sono reso conto che non stavamo andando allo stesso modo dell'autobus.

"Dove stiamo andando?" Ho chiesto.

"I dottori sono da questa parte".

"Oh sì, il dottore non vorrà che si spogli, vero?"

"Non lo so, ma ho sentito che alcuni dottori vogliono esaminare la ragazza prima che ti diano un contraccettivo."

"Ma non ho la biancheria intima."

"Sono sicuro che tutti i dottori hanno visto migliaia di ragazze nude, mi dispiace ma vederti nuda non significherà altro per loro che un paziente che ha bisogno di essere visitato."

"Immagino che tu abbia ragione."

Siamo arrivati ​​all'ambulatorio, siamo entrati e siamo saliti alla reception dove una donna di mezza età ha alzato lo sguardo e ha detto:

"Sì?"

Ethan le ha risposto e sono stato contento che l'abbia fatto perché sembrava un drago e il tono della sua voce supportava quell'idea.

"Ho telefonato e preso un appuntamento per la mia ragazza per vedere un medico per ottenere un contraccettivo."

"Oh sì, anche se non penso che la contraccezione giustifichi un appuntamento di emergenza, i preservativi sono abbastanza economici."

"Claire qui è nuova in città e anche lei ha bisogno di registrarsi."' rispose Ethan ignorando il suo commento.

“Non potrebbe andare a prendere il vecchio dottore? Oh, non importa, qui signorina, compila questo modulo.

L'addetto alla reception mi ha dato un blocco per appunti e una penna e siamo andati a sederci mentre compilavo il modulo. Mentre lo stavo facendo ho detto,

"Tutti gli addetti alla reception del dottore sono così?"

"Per lo più", ha risposto Ethan, "sono impiegati per fare del loro meglio per impedire alle persone di vedere il dottore".

"Non è molto utile."

"Sono sorpreso che ti abbia fatto la metà delle domande che il dottore ti farà."

È giusto dire che a quel punto ero piuttosto nervoso e quando finalmente un dottore maschio è uscito e ha chiamato il mio nome, sono quasi andato nel panico e sono scappato. Il mio cuore batteva forte mentre lo seguivo nel suo studio, sperando che non mi chiedesse di spogliarmi.

Dopo cinque minuti buoni di infinite domande, alcune molto personali, mi chiese di spogliarmi e io lo fissai.

«Puoi andare dietro quella tenda, e quando le avrai tolte tutte puoi salire sul tavolo e sdraiarti, per favore.

"Oh mio Dio", ho pensato mentre andavo lentamente e facevo come mi era stato detto. "Un altro uomo mi vedrà nuda e stamattina mi sono rasato la figa, vedrà tutto."

Non solo vedeva tutto, e dico tutto, palpeggiava, pungolava e premeva su gran parte del mio corpo. Ha detto che stava cercando dei noduli nei miei seni ma mi stava ancora palpeggiando. E quando mi ha detto di mettere le gambe su quelle staffe ho pensato che stavo per morire. Non solo ha sentito e guardato dentro di me, ha messo qualcosa dentro di me che ha allargato il mio buco così ampio che ho pensato che avrei potuto partorire e poi ha acceso una torcia dentro di me. Avevo chiuso gli occhi quando mi ha detto di infilare le gambe nelle staffe, ma poi ho dovuto aprire solo per vedere cosa mi stava facendo.

Proprio quando pensavo che fosse tutto finito, l'ho sentito strofinarmi il clitoride. Stavo per dirgli di smetterla quando mi sono reso conto che dentro di me si stava accumulando un orgasmo. Volevo ancora dirgli di smetterla ma ho scoperto che le parole non uscivano e nel giro di un minuto stavo avendo un orgasmo.

Non appena l'orgasmo iniziò, il dottore si fermò e tornò alla sua scrivania proprio come se fosse stato in un cassetto per tirar fuori qualcosa.

Quando l'orgasmo si placò e la mia bocca smise di gemere, sentii il dottore dire:

"Adesso puoi alzarti dal tavolo Claire e metterti le mutande ma non il vestito, non voglio rischiare di sporcarci di sangue."

"Che diavolo..." pensai "che cosa mi farà?"

Poi mi sono ricordato che quel giorno non indossavo biancheria intima, quindi sono sceso dal tavolo e sono tornato al posto su cui mi ero seduto originariamente.

Sembrando che non si fosse nemmeno registrato che ero nudo, ha detto,

"Metti il ​​braccio sulla scrivania e alza il palmo della mano."

L'ho fatto.

"Questo tampone intorpidirà una piccola area pronta per l'inserimento dell'impianto".

Ho chiuso gli occhi e per fortuna non ho sentito niente e ho aperto gli occhi quando ha detto che era tutto finito.

“Lascia quel batuffolo di cotone e il nastro per il resto della giornata e se sta ancora sanguinando quando lo togli, mettici sopra un cerotto. Puoi vestirti ora, ma prendi questo volantino e leggilo tutto, dovrebbe rispondere a tutte le tue domande.

Mi sono messo il vestito e me ne sono andato chiedendomi se stessi appena uscendo da un sogno.

"Abbracciami per favore Ethan." dissi quando tornai in sala d'attesa.

"Stai bene?" chiese Ethan.

"Credo di si." Ho risposto mentre lasciavamo l'edificio.

"Era, non so cosa dire, quell'uomo mi ha fatto venire, questo è il tuo lavoro non il suo."

"Sono sicuro che aveva le sue ragioni." Ethan ha risposto.

"Ha detto qualcosa sul controllare le mie risposte prima di toccarmi il clitoride."

"Aveva un motivo, voleva controllare che fossi normale."

"Hmm, ok, non sono normale ma mi stai aiutando a rendermi normale, grazie Ethan." dissi mentre entravo in macchina con Ethan che teneva la portiera aperta.

"Hai appena visto la mia figa?" Ho chiesto: "Ho sentito l'aria fresca su di esso".

"Non ho guardato, devo venire lì e possiamo farlo di nuovo?"

"Sono sicuro che ci saranno molte altre volte in cui potrai guardare."

"Lo spero."

Siamo entrati nel centro della città e abbiamo parcheggiato l'auto. A quel punto mi ero ripreso e quando Ethan ha aperto la porta ho tirato la parte della gonna del mio vestito fino alla vita in modo che potesse vedere davvero bene la mia figa mentre uscivo e poi ho lasciato cadere l'orlo del vestito.

Ridacchiai quando Ethan mi disse che avevo fatto un buon lavoro di rasatura.

Mi sono tenuto le mani sulle cosce mentre uscivamo dal parcheggio che per qualche motivo era molto più ventilato che fuori dal parcheggio. Quando siamo entrati nel centro commerciale ho provato sentimenti contrastanti, per cominciare ho provato un misto di imbarazzo, paura ed eccitazione a causa della mia mancanza di biancheria intima mentre mi svegliavo tra tutti quegli acquirenti. Ero eccitato perché avevo un ragazzo e ci tenevamo per mano a fare shopping insieme, e provavo apprensione per quello che sapevo che avremmo comprato e che presto avrei indossato gonne molto più corte del vestito che indossavo.

"Giusto", disse Ethan, "da dove abbiamo detto di iniziare?"

"Quello", dissi indicando quello che sembrava un ramo di una catena di una moda femminile giovane.

Siamo entrati e abbiamo iniziato a navigare. Presto ho scoperto che le loro gonne e i loro vestiti erano lunghi fino alla caviglia o mini/microgonne, e alcuni di quelli corti erano belli. Io *********** ne ho fatti tre ed Ethan *********** ne ho fatti tre. Non sorprende che i tre che ho ***********ed fossero più lunghi dei tre che Ethan ***********ed.

Siamo andati negli spogliatoi e abbiamo scoperto che Ethan non poteva entrare con me, quindi ho indossato le mie tre gonne, ho chiuso la tenda e ho capito che dovevo togliermi il vestito per provare le gonne. Ho messo la testa dietro la tenda e ho potuto vedere Ethan, quindi gli ho fatto cenno di prendermi un top, qualsiasi top.

Era molto più avanti di me e mi ha lanciato la maglia di cui aveva previsto che avrei avuto bisogno. Quando l'ho indossato era aderente ed era semitrasparente, potevo vedere il colore più scuro della pelle delle mie areole e dei miei capezzoli. Stavo per toglierlo e chiedere a Ethan di prendermene un altro quando ho capito che potevo solo coprirmi le tette con le mani, quindi l'ho lasciato e ho indossato una delle gonne.

Era lungo fino a metà coscia e sembrava carino, ma era la gonna più corta che avessi mai indossato e mi sentivo esposta, imbarazzantemente esposta. Guardandomi allo specchio, mi sono ricordato che la maggior parte delle ragazze al lavoro indossava gonne a metà coscia, quindi ho deciso di vedere cosa ne pensava Ethan. Ho aperto il sipario e ho visto non solo Ethan ma altri due uomini.

Dimenticando il mio top, mi sono avvicinato a lui e gli ho chiesto cosa ne pensassi. Mi ha fatto fare un 360 poi ha detto che gli piaceva. Ho deciso che era sulla mia lista di acquisto probabilmente. Poco prima di voltarmi per tornare indietro e provare il secondo mi sono ricordato del mio top. La mia mano volò sulle mie tette e le coprì, ma mentre guardavo i due uomini uno di loro mi fece il segno del pollice in su.

"Oh può gawd", ho pensato, mentre tornavo indietro, "questo è il secondo e il terzo uomo sconosciuto a vedere le mie tette oggi ed è solo metà mattina. Smettila di essere così negligente, Claire.

Belle anche la seconda e la terza gonna, della stessa lunghezza della prima. Se avessimo comprato quei tre sapevo che avrei dovuto stare attento al lavoro, e ovunque per quella materia. Mi sono rimesso il vestito, poi ho portato quelle tre gonne a Ethan e le ho scambiate con le tre che aveva ************.

Quando mi sono cambiata con il top e la prima delle tre gonne ho subito capito che era più corta delle mie tre. Mi sono guardato e ho pensato

“Oh mio Dio, non posso indossarlo in pubblico, forse Ethan l'ha scelto per me da indossare a casa, potrei farlo, non importa se mi chino leggermente e lui vede il mio sedere nudo o mi siedo con noncuranza e lui può vedere la mia figa, mi piacerebbe.

Ho messo la testa dietro la tenda e ho visto che Ethan era solo, quindi mi sono avvicinato a lui senza preoccuparmi della parte superiore trasparente.

"Fantastico", ha detto Ethan, "mostra davvero quelle gambe perfette".

"E molto di più se non sto attento." Ho risposto: "Non posso indossarlo per lavoro, è quasi indecente".

"Ma non è indecente e alcune ragazze al lavoro spesso indossano gonne così corte".

Aveva ragione, avevo visto un bel po' di gonne così corte e le ragazze che le indossavano sembravano ignare delle possibilità che qualcuno vedesse i loro culi e la loro figa, con o senza mutandine. Non avevo mai visto cosa c'era sotto quelle gonne, ma anche lì non l'avevo mai guardato. Mi chiedevo se Ethan avesse visto mutandine o culi e fighe nude.

Sono tornato indietro per provare il secondo solo per scoprire che era altrettanto breve. E si allargava come una gonna da skater.

"Mi sento come se non avessi niente sotto la vita." Ho detto a Ethan quando sono andato a farglielo vedere.

"Ma stai benissimo Claire, lo stavamo prendendo."

"Oh cavolo, sembrerò una puttana." Ho pensato mentre tornavo a provare l'ultima gonna.

Poi ho capito che si poteva facilmente dire che la maggior parte delle ragazze al lavoro a volte sembravano delle troie. Ho deciso che avrei dovuto ridefinire la mia versione di come fosse una troia.

L'ultima gonna era ugualmente corta e ugualmente svasata.

Cavolo, a Ethan piacciono davvero le gonne corte, forse desidera ardentemente alcune delle ragazze al lavoro, dovrò fare qualcosa per assicurarmi che non decida di scaricarmi e di inseguire una delle altre ragazze. Quando sono uscito per mostrarglielo, era ugualmente riconoscente e ha detto che anche quella gonna era sulla lista da comprare.

Mentre mi giravo per andare a rimettermi il vestito, guardai e vidi che era da solo, quindi con le spalle a lui alzai la gonna e mostrai tutto il mio sedere nudo per un paio di secondi. Quando mi sono girato per vedere quale fosse la sua reazione, ho visto che sorrideva e anche l'uomo era in piedi accanto a lui.

"Da dove viene?" Non ho chiesto a nessuno mentre la mia faccia diventava rossa per la vergogna e l'imbarazzo, lentamente mi sono rimessa il vestito. Non volevo tornare da Ethan se quell'uomo fosse stato fino a lì, sarebbe stato troppo imbarazzante.

Tre volte ho messo la testa dietro la tenda per vedere se l'uomo se ne fosse andato e per la terza volta Ethan stava iniziando a sembrare infastidito, quindi ho stretto i denti, ho raccolto tutti i vestiti e sono uscito, dritto da Ethan.



"Scusa per quello, la parte superiore si è incastrata nei miei capelli." Ho mentito, "lascia andare".

Mentre attraversavamo il negozio fino al banco delle vendite, mi sono scusato con Ethan per aver mentito e gli ho detto che ero imbarazzato per quello che avevo fatto e che non potevo affrontare l'uomo. Ethan mi ha abbracciato proprio lì nel negozio e mi ha detto che mi sarei abituato a cose del genere.

Dopo l'abbraccio ho chiesto a Ethan quale delle gonne pensava che dovessi comprare aggiungendo che potevo quasi permettermene due. Mi ha dato un bacio veloce e si è avvicinato al bancone e ha consegnato tutti e sei. Mentre uscivamo, dissi a Ethan che l'avrei ripagato, ma ci sarebbero voluti un paio di mesi.

“Mi hai già ripagato Claire, il solo vederti indossarli ha già pagato il debito. Ora, troviamo un negozio che venda top".

Sono stato molto felice di me che ho stretto le braccia con Ethan mentre camminavamo verso il prossimo negozio della nostra lista.

Presto trovammo le cime e facemmo lo stesso dell'ultimo negozio, io *********** ne facevo tre ed Ethan *********** ne facevo tre. Mentre ci dirigevamo verso gli spogliatoi Ethan ha tirato fuori dalla borsa una delle nuove gonne e me l'ha data dicendo:

“Questo ti renderà più facile uscire e mostrarmi le cime. Portami il vestito la prima volta che esci e lo metto in una delle borse.

"Mi servirà quando li avrò provati tutti."

"No, non lo farai, puoi indossare uno dei top e quella gonna, la commessa può scansionare l'etichetta sul top che indossi."

"Okay, non sapevo che potevi farlo."

"Sì, non è un problema."

Mi sono tolto il vestito e mi sono sentito di nuovo più nudo di me, se possibile, e ho subito messo la gonna, poi mi sono chiesto se Ethan mi avesse dato deliberatamente una delle gonne più corte.

Mi sono piaciuti tutti e tre i top che avevo scelto ed Ethan ha detto che anche a lui piacevano. Sono stato contento che i miei capezzoli duri non abbiano intaccato molto il loro tessuto.

Poi furono i tre che Ethan aveva scelto. Il primo era di cotone molto sottile e aderiva a tutti i piccoli contorni dei miei capezzoli.

"Lo adoro." ha detto Ethan quando sono uscito a farglielo vedere.

"Questi mi metteranno in imbarazzo." dissi indicandomi i capezzoli.

"Sei bellissima Claire, molte ragazze hanno slot del genere."

Avevo notato dei capezzoli piccoli su un paio di ragazze nel negozio, quindi non me ne sono preoccupato e sono andato a cambiarmi nel secondo.

"Oh mio Dio." Ho pensato: "Posso vedere le mie areole e i miei capezzoli, non posso indossarlo al lavoro, non posso indossarlo nemmeno al lavoro, le ragazze indossano davvero top come questo? Immagino che debbano farlo, altrimenti non sarebbero nel negozio".

Sono uscito per mostrare Ethan con le mani pronte a coprirmi le tette se c'era qualcun altro. Fortunatamente non c'era nessuno ed Ethan era pieno di lodi dicendo che ero fantastico. Quando pensavo che qualcuno stesse arrivando, mi ritirai rapidamente indietro per provare l'ultimo.

Se pensavo che gli ultimi due fossero molto rivelatori, non so come descrivere l'ultimo, era nero e totalmente trasparente.

"Sicuramente uno da indossare a casa." Ho pensato mentre uscivo per mostrare Ethan con le mani sulle tette.

Non c'era nessun altro lì, quindi ho lasciato cadere le mani e ho fatto vedere a Ethan.

"Ora è stata una scelta brillante anche se lo dico io stesso."

"Non c'è modo che potrei mai indossarlo per lavoro."

"Hai ragione ma sono sicuro che ci saranno volte in cui potrò portarti fuori indossandolo."

"Sul serio?"

"Piccoli passi Claire, piccoli passi."

Non ero convinto, ma mi sarebbe piaciuto indossarlo a casa quando c'era Ethan.

"Okay Claire, scegli uno degli ultimi tre, indossalo e poi dammi il resto."

Ho deglutito quando ho capito che sarei uscita nel negozio principale e in tutto il centro commerciale con indosso una gonna quasi indecente, un top molto sottile che mostrava la forma dei miei capezzoli e persino i piccoli rigonfiamenti delle areole o un top leggermente trasparente e senza mutandine.

"Piccoli passi." Ho pensato: "questo mi sembra un passo da gigante".

Ho scelto la parte superiore sottile sperando che i miei capezzoli diventassero morbidi e non sembrassero così evidenti. Uscendo ho dato a Ethan gli altri top e l'ho seguito alla cassa sentendomi come se fossi nudo. La mia faccia era piuttosto calda e sospettavo che fosse rossa.

Quando la ragazza si è avvicinata per scansionare il codice a barre sulla parte superiore che indossavo, ho solo sperato che non prendesse accidentalmente la gonna e la tirasse su. Non l'ha fatto e presto stavamo lasciando il negozio con me che sentivo ancora la mia faccia calda e speravo di non andare da nessuna parte con un gioco da ragazzi.

Siamo andati avanti ed Ethan mi ha chiesto se avevo fame. Quando ci ho pensato ho deciso che ero così mi ha portato al fast food più vicino. Continuavo a guardarmi intorno aspettandomi che le persone mi fissassero ma non vedevo nessuno che mi guardava e ho iniziato a rilassarmi un po' ea guardarmi intorno ancora un po', ma questa volta stavo cercando ragazze della mia età e mi ha fatto piacere vedere che c'erano erano pochi vestiti come me. Mi sono rilassato ancora un po' e quando siamo entrati nel fast food il mio cuore era quasi tornato alla normalità. Fu allora che mi resi conto che la mia figa era tutta molle.

"Wow", ho pensato, "alla mia figa piace che io sia vestito così".

Ci siamo uniti alla coda per ordinare ed Ethan ha notato alcune persone che lasciavano un tavolo.

"Prendi le valigie e prendi quel tavolo." ha detto Ethan.

Così ho fatto e ho avuto un piccolo shock quando il mio sedere nudo si è seduto sulla panca di plastica. Ho provato a tirare la gonna più in basso lungo le cosce ma non andava da nessuna parte, ho incrociato le gambe per assicurarmi che i giovani seduti di fronte non potessero vedere la mia gonna fino alla mia figa.

Poco dopo arrivò Ethan con il cibo e si sedette accanto a me. Volevo chiedergli se le ragazze indossassero davvero gonne così corte, ma sapevo la risposta, l'hanno fatto. Anche se avevo notato le ragazze nella sala relax e come stavano sedute, non avevo mai provato a guardare in alto le loro gonne per l'ovvia ragione, ma ricordavo che pochissime di loro hanno incrociato le gambe, quindi ho chiesto a Ethan,

"Al lavoro hai visto le gonne della ragazza nella sala relax e hai visto le mutande?"

"Sì, ci sono volte in cui penso che alcune ragazze si siedano deliberatamente con le ginocchia aperte per stuzzicare gli uomini con scorci delle mutandine o del pube calvo".

"Quante volte lo fanno?"

"Direi che ho visto un paio di mutandine o pube calvo in media una volta alla settimana. Non è un grosso problema, tutti sanno che le ragazze hanno le fighe e sanno più o meno che aspetto hanno".

"Quindi pensi che dovrei sedermi con le ginocchia aperte e lasciare che le persone vedano la mia figa pelata?"

“Sta a te Claire, mi piace guardare la tua figa e sono sicuro che qualsiasi uomo rosso sangue vorrebbe vederla; e non vedo l'ora di metterci le mani sopra e il mio cazzo dentro.

"Ti dispiacerebbe se altre persone vedessero la mia figa."

“No, ma mostrare o non mostrare è una tua decisione. Se vuoi mostrare la tua figa fallo. Quello che ti dirò è che se lo desideri, e non lo fai, ci sono buone probabilità che te ne pentirai".

"Ma alcune delle altre ragazze al lavoro sì."

"Si lo fanno."

Ci ho pensato un po', poi ho deciso che l'avrei fatto, ma solo quando mi fossi abituata a indossare gonne così corte.

"Dove dopo?" Ethan ha chiesto quando avevamo finito di mangiare.

"Ho bisogno di nuove mutande e forse di reggiseni."

“Sei sicuro di questo o è un caso di 'mia madre ha detto ……..'

"Un po' di entrambi, credo, ho deciso che non indosserò più un reggiseno, qual è il punto, ma penso che dovrei averne uno, bello, per ogni evenienza."

"Okay, sembra sensato, e le mutandine?"

"Beh, non indossarli non è così male come pensavo, infatti sono stato eccitato da quando abbiamo lasciato il mio appartamento, anche con questa cintura che mi hai comprato."

“Quindi indosserai mai più le mutande? Sembra che tu ti sia abituato a non indossarne nessuno.

“Sì, immagino di sì, avevi ragione, a parte alcuni momenti imbarazzanti in cui mi sono sentito bene, la mia figa è sicuramente piaciuta, è un piccolo passo che ho davvero fatto. Grazie Ethan ma ho un problema, indossavo i salvaslip quando ho il ciclo ma in queste ultime due volte ho provato i tamponi e penso di preferirli, ma se torno ai salvaslip lo ' Avrò sicuramente bisogno di nuove mutande. Non so se ce la farò senza mutande e il cordoncino degli assorbenti penzolanti”.

"Potresti sempre spingere la corda su per il tuo buco."

"Hmm, non ci avevo pensato, ma penso che dovrei avere delle mutande, per ogni evenienza.."



"Abbastanza giusto, dove andiamo a prenderli?"

“Non sono mai stato in uno prima, ma so che c'è un negozio di lingerie al piano successivo. Pensavo che posti del genere fossero solo per troie e puttane, ma ora non più".

"Ok andiamo."

Mentre stavamo camminando lì, mi sono ricordato di qualcosa che il dottore mi aveva detto, quindi ho detto:

"Ethan, quel dottore, dopo che mi ha messo questo impianto nel braccio, mi ha detto che uno dei possibili effetti collaterali era che le mestruazioni potrebbero fermarsi, quindi se succede non avrò bisogno di salvaslip o tamponi, quindi ' Potrò andare sempre senza mutande.

"E saremo in grado di fotterci il cervello a vicenda ogni singolo giorno."

"Non vedo l'ora Ethan, ma penso che dovrei avere ancora un paio di reggiseni e mutandine, per ogni evenienza."

"Va bene, e se diventiamo carini e succinti puoi indossarli come bikini quando andiamo al centro ricreativo o in spiaggia."

“Non ne sono sicuro, vedrò come sono, non ho mai indossato un bikini prima, solo un pezzo. Passare direttamente a un reggiseno e mutandine succinti sarà un grande salto".

"Possiamo portarti lì a piccoli passi, Claire."

"Pensi che qualcuna delle ragazze al lavoro avrà appena indossato dei succinti mutandine su una spiaggia?"

"È del tutto possibile, Claire, dopotutto, biancheria intima e bikini succinti sembrano molto simili."

"Ethan, dopo che avremo un paio di mutandine e reggiseni, possiamo tornare a casa mia, per favore, ho bisogno che tu ti prenda la mia verginità."

Quando stavamo salendo la scala mobile siamo stati seguiti da alcuni giovani uomini e dopo essere saliti un po' mi sono voltato e ho dato loro una rapida occhiata e ho realizzato la vista che avrebbero avuto. Ethan era in piedi accanto a me e io mi avvicinai a lui e dissi:

"I ragazzi dietro di noi stanno guardando la mia gonna."

"Vuoi stare in piedi con le gambe un po' aperte in modo che possano vederle bene?"

"Ethan, sarebbe ancora più imbarazzante."

Ma pochi secondi dopo ho fatto proprio questo e ho sentito uno degli uomini dire,

"Dannazione, guarda quello."

Questo mi ha fatto formicolare la figa e quando siamo scesi dalla cima ho detto,

"Ethan, possiamo scendere e poi risalire, per favore."

"Certo che possiamo, ma perché?"

"Voglio vedere se altri uomini guardano la mia gonna, questi tuoi piccoli passi stanno funzionando."

Quando siamo arrivati ​​in fondo siamo rimasti lì per qualche secondo, poi Ethan mi ha condotto alla scala mobile di salita. Ho visto un uomo di mezza età seguirci e sono rimasto con i piedi divaricati. Non ho sentito nulla dall'uomo e quando mi sono girato per vedere se stava guardando ho visto che era proprio dietro di me, quindi la sua testa era all'altezza della mia schiena.

Sono rimasto deluso e mentre camminavamo verso il negozio di lingerie ho pensato,

“Claire ragazza, cosa ti è preso? You never used to want to let men see your pussy. I guess that it’s because I want to be a normal girl.”

Then I said out loud,

“Ethan, do other girls like letting men see up their skirts?”

“I think that we’ve talked about this before, and yes, quite a few do, it’s their way of attracting and teasing men.”

“Oh, okay.”

In the lingerie shop we went straight to the bras and knickers section. Ethan picked up a crotchless thong and asked me if I’d like one of those.

“Too frilly for me.” I replied.

We looked at lots of knickers and bras, most of which were see-through and very small. Some of them didn’t even have any fabric, just the elastic, and I found it hard to believe that girls actually wore them but they must, a shop wouldn’t be selling them if girls didn’t buy them. We also looked at bras that had the cups made of very fine and very soft mesh and which wouldn’t give any support, not that I needed any, but if a big girl wore one of those she may as well not have bothered, but I guess that those bras are for show only.

“I can’t make up my mind Ethan, can you choose for me please, get something that you’d like to see on me.”

“That will be my pleasure Claire.”

I left Ethan to it and went to look around the store and couldn’t really believe women wore some of the thinks that were on display, I just couldn’t see the point of them. But then I remembered my sheltered background and wondered if I’d missed out on something else.

I was still browsing when Ethan came over to me and said that we were leaving and we did with me not seeing what he had bought.

It wasn’t long before we were back at his car and he was holding the door open for me to get in. I remembered what he had said and put one leg in first. That was the first time that I’d spread my legs that wide whilst wearing a skirt that short and not only did the car park breeze tickle my slightly spread pussy, as I turned my back and sat on the seat I saw Ethan looking and my bare pussy.

I didn’t lift my other leg into the car for a few seconds so that Ethan could have a really good look. When I did lift my leg in I said,

“I think that we need to get to my place as quick as possible.”

“Too right we do Claire.”

“Just don’t get caught speeding.”

As we drove the anticipation of what I knew was going to happen as soon as we got there was nearly overwhelming. My pussy was leaking onto the car seat and it didn’t stop when I squeezed my legs together. I thought about what my mother would say if she could see me right then and if she knew what I was about to do, and I was a little surprised that I didn’t at all feel guilty. As Ethan said, I have to live my life as I want, not what she wants, I am me, not a clone of her.

Ethan ended my train of thought by saying,

“You really have got used to being without underwear and wearing those new clothes haven’t you Claire?”

“Yes I have, you’ve helped me realise what I was missing, what the girls at work appeared to have that I didn’t. I’m starting to feel like a real normal girl, not one that was living someone else’s life for them.”

“Well you certainly look happy Claire.”

“I am, and I’ll be even happier when we get to my place.”

We still had quite a bit to go and the traffic was bad. After a couple of minutes silence I said,

“Ethan, the other day in the break room I heard Emily say that she had a purple clit, what did she mean, was it a euphemism?”

“Have you heard of blue balls Claire?”

“No.”

“Okay, well if a man sees a naked woman, or even just one that he fancies a lot, he will get aroused and get an erection. If it happens a lot and he can’t do anything about it, like fucking her, his erection will give him a lot frustration and even pain. If he can’t relive his erection, for whatever reason, it is said that he gets blue balls. Similarly, if a girl sees something that arouses her for a long time and she can’t do anything about her desires, her lust, it is said that she has a purple clit. So I guess that Emily was getting very sexually frustrated.”

“So when I kept feeling your hard cock pressing against my stomach last night did you have blue balls?”

“I suppose that I did, I so wanted to fuck you right then but we are going to put that right quite soon. I’m sure that it will be well worth the wait.”

“Well if you get blue balls every again Ethan, you just let me know and I will find a way for you to fuck me as quick as possible.”

“And if you get a purple clit Claire, you let me know and I will find a way to give you some relief.”

“I’ve got a purple clit right now Ethan.”

Ethan took one hand off the steering wheel and put it on my bare thigh.

“That’s nice.” Ho detto.

“How about now?” Ethan asked as he slid his hand up to my wet pussy and I opened my legs to give him better access.

“Hmm, you will never know how good that feels.”

Ethan moved his little finger between my lips and moved it up and down causing me to moan then say,

“You’d better stop doing that Ethan, if you don’t I will cum and I don’t want our first time to be in a car. Besides, you might crash.”

Ethan stopped moving his fingers but he left them where they were until he needed his hand for the driving.

As soon as the car was parked I started to get out. I didn’t need to wait for Ethan to open the door for me I would be naked in his arms in minutes. We both grabbed the bags and almost ran to the apartment. As soon as the door was shut behind us we started to take each others clothes off as our tongues fought a battle in each other’s mouths.

Once we were naked I jumped up on Ethan and wrapped my legs around his waist and he carried me to my bed.

It was amazing, better than I could ever have imagined, better that anything that I had ever read. We fucked in positions that I could never even imagine. Ethan taught me how to give blowjobs so that I could revive his cock and he showed me the pleasure that his tongue can give my pussy. He also showed me the pleasure of having my pussy eaten.

We stopped around 8 p.m. to have a rest and order a pizza. We wanted something that we could eat quickly so that we could get back to our marathon. My sexual high was so high that I opened the door to the pizza delivery guy without putting any clothes on and it made me want more of Ethan’s cock.

I think that it was somewhere around 2 a.m. when we finally got to sleep with Ethan cuddling me from behind with his cock still inside me.

*****

I woke up first and the only thing on my mind was Ethan’s cock. Due to my indoctrination by my mother and the nuns I had probably missed out on a lot of sexual fun and I intended to catch up with all the other girls.

At first I couldn’t feel Ethan’s cock but when I wiggled my butt a little I felt it on my butt, and it was hard. I wondered how that had happened but I didn’t dwell on it because I wanted that cock inside me. I slowly and gently moved my butt around until I felt the tip of his cock at the entrance to my hole then I eased myself down and felt his cock slide inside me.

All those wonderful feeling from the previous night came flooding back. For a couple of minutes I just lay there savouring the pleasure then I started gently moving my pelvis so that I raise off his cock a little then sunk back down.

I’d only done this a couple of times when I felt one of Ethan’s hands cup one of my tits and start playing with the nipple.

“Are you awake?” I whispered.

“I am now, and what a way to wake up. Please do that to me every morning.”

“You don’t live here Ethan.”

“We’ll talk about that later, right now I’m going to fuck your brains out.”

And we did, almost a repeat of the previous day’s love making session. Just before noon Ethan carried me to the bathroom and into the shower where we fucked again as we washed each other.

It was as Ethan was drying me that I realised that my pussy was sore. When I told Ethan he said that he wasn’t surprised, that I’d been a virgin 24 hours earlier and we’d fucked so many times that neither of us had any idea how many times. Whilst eating the rest of the pizza and drinking coffee Ethan asked me if I’d like to go and live with him.

“Don’t you think that it’s too soon?” Ho chiesto.

“No, we’ve know each other for months.”

“True, but we only started being an item a couple of days ago.”

“Also true but I want to wake up each morning to the sight of that amazing, naked body.”

“How about a compromise for a couple of months to see how things go. You might get sick of the sight of me in a couple of weeks.” Ho detto.

“No chance Claire, but if you want a compromise how about we spend alternate nights at each of our places.”

“That sounds fair, so tonight we’ll sleep at your place.”

“Fair enough.” Ethan replied, “so what do you want to do this afternoon?”

“I need to sort out what I’m going to wear for work tomorrow and the rest of the week.”

“You can wear what we bought yesterday.

“Some of them yes, but the ones that you chose aren’t really suitable for a workplace, even the girls at work never wear anything that short or that see-through.”

“Okay, so do you want to go shopping this afternoon?”

“No, you’ve spent too much money on me already.”

“You are worth every penny.”

“What I’ll do this afternoon is go through my wardrobe and sort out which skirts and dresses can be shortened and not look silly, and I’ll shorten them, I did tell you that I have my mother’s old sewing machine didn’t I?”

“You did, tell you what, after we’ve finished this I’ll leave you alone for two or three hours, there are a couple of things that I need to do, and you can do your thing, then I’ll come back and take you to a pub for a meal then to my place and you can spread those legs for me.”

“That sounds like a perfect plan Ethan.”

“Are you going to stay naked all day Claire?”

“I was thinking about it, you’re turning me into one of those naturist people.”

“What more could a man ask for?”

Ten minutes later the naked me was kissing Ethan goodbye at my front door. That was the second time that I’d stood in the front doorway totally naked and enjoyed every second of it.

I did what we had agreed and when Ethan returned half my dresses and skirts were a lot shorter than they had been, and a coupe of tops had had the arms cut off.

When Ethan returned I opened the door to him and he pulled me out into the corridor.

“Let me go Ethan, someone will see me.”

After he had given me a long kiss out in the corridor he let me go and we went inside.

“It’s a good job that the door didn’t close and lock us out.” Ho detto.

“Talking about keys, we need to get keys cut for both apartments.”

“Yes, then you can come in when I’m asleep and rape me.”

“It wouldn’t be rape.” Ethan replied.

“No it wouldn’t. I’ve sorted out my clothes for tomorrow, do you want to pick something for me to wear to the pub? Or will you try to get me to go there like this?”

“I’d like that, would you?”

“No, that would be too embarrassing.”

“Baby steps, how about you get naked in the car then get dressed again when we get there?”

“Hmm, I might just do that, the chances of someone seeing me are next to none. Do you want to see me in the clothes that I’ve altered?” Ho chiesto.

“Yes please.”

I tried on each one and it turned out that I’d been a little over zealous and shortened one of my dresses a bit too much. It was somewhere between the two lengths of new skirts that Ethan had bought me. Ethan said that I looked great in it so I put it with the ones that I was going to wear for work.

I shouldn’t have been surprised when Ethan picked out one of the shortest new skirts and a top that was slightly see-through for me to wear to the pub and I hoped that it wouldn’t be very bright in the pub.

I did take my top and skirt off in the car once it started moving and Ethan had a hand between my legs nearly all the way to the pub. In the car park I quickly put my skirt and top on whilst Ethan walked round to my side of the car and opened the door for me. I lifted one leg out then lifted my pelvis so that he got a good, long look at my pussy.

“Are you trying to give me blue balls?” Ethan asked.

“Are you trying to give me a purple clit Ethan?” Ho chiesto.

I got out of the car and we walked into the pub, me trying to stretch the skirt to make it longer and not succeeding. The length of the skirt distracting me from the slightly see-through top.

I saw a couple of men looking at my short skirt as we went in but that ended when we found a table and I was happy that it was in an area that wasn’t very bright. I was sat opposite Ethan and our hands joined over the table. Under the table I felt Ethan’s foot parting my thighs and his sock covered foot teased my slit for some of the time that we weren’t eating.

When we left it was dark outside and Ethan suggested that I ride to his place naked and I quickly agreed to it. He also suggested that, if I wanted to, I could strip outside the car then go up to his apartment naked.

I looked around and seeing no one I quickly stripped and got in.

Ethan hand went straight between my thighs which automatically spread to let him in and I was close to cumming when the car stopped outside Ethan’s apartment building. The building was a lot newer than mine and as I looked at it and picked up my skirt ready to put it on Ethan said,

“My apartment is up only one flight of stairs and that door leads straight up to it so how do you fancy not getting dressed and running inside and up to the apartment Claire?”

“You are joking aren’t you Ethan?”

“Maybe not, I’m 99 percent sure that you can make it without being seen.”

“You are serious aren’t you?”

“It’s entirely up to you Claire.”

“That isn’t the main entrance is it?”

“No, that’s round the front, I only know of me who uses this door, I got a key from a maintenance guy who said that I shouldn’t really have it.”

I sat there with my skirt and top in my hand and thought,

“Did I have the courage to do it? What would I do if someone did see me?”

The thought of doing it was getting me wetter and wetter. I looked all around, then looked around again then said,

“You go and open the door Ethan.”

He did, and he took my bag and my clothes with him. I was left with no choice but to do it and it was causing my pussy to gush. I watched Ethan walk the short distance then open the door. He held it open and I looked around again then opened the door, got out, and slammed the door as I set off running.

It only took seconds but it seemed like hours until I threw myself into Ethan’s arms. I heard the car beep as the doors locked then I looked up at Ethan and said,

“That was fun. Was that a baby step, and if it was what is an adult step?”

“Running or walking through the centre of the city stark naked.” Ethan replied.

“Well that’s never going to happen, can we go up to your place before someone sees me.”

“The chances of that are virtually nil but come on. I’m really proud of you Claire.”

“So am I,” I replied, “if someone told me last weekend what I would be doing this weekend I would have told them they were insane.”

Ethan was right and we saw no one as we went up the stairs and to his apartment. It’s much bigger than mine and with two bedrooms, and it has a little balcony for when the weather is good. I wasn’t really that interested in looking around and when we went into Ethan’s bedroom I pulled him onto the bed and told him to fuck me.

We both took his clothes off and another marathon love making session quickly ensued.

*****

I woke with Ethan spooning me again, but this time his cock was already going in and out of my pussy as I woke up.

“Hmm, nice.” I said as I moved one of his hands to my tits.

We made love but got interrupted by Ethan’s alarm clock. We showered together but it wasn’t as much fun because we didn’t have much time. When I was getting dressed ready for work I said,

“I don’t know if I can do this Ethan.”

“What do you mean Claire?”

“This skirt and top and no underwear for work, it’s so different to what I wore last week, people are bound to notice.”

“Ethan stopped tying his tie and came, hugged me and said,”

“I thought that it was what you wanted Claire, to be like the other girls at work?”

“It is, I do, but I ….”

“You’re a little nervous aren’t you?”

“Yes I am.”

“You’ll be fine Claire. Okay you may get the odd comment but I can guarantee that they will be compliments. Most people will be too scared to say anything just in case you complain to HR saying that they sexually harassed you.”

“I would never do that.”

“I know, but we do have a few politically correct, woke idiots, take Ms. Johnson, she thinks that the world shines out of her arse. If she even caught someone talking about the way she dresses she’d be on the phone to HR in seconds.”

“Yes, I don’t go anywhere near her.”

“I try not to as well, but you will be just fine Claire, I promise. If there is the slightest problem you can just say that I made you do it.”

“I would never drop you in it Ethan.”

“I know, but just in case. I know that this is a big baby step for you but you can do it, I know you can.”

“I love you Ethan.”

“And I love you too Claire, now get a move on, we don’t want to be late.”

We were still eating our toast as we left Ethan’s apartment.

Once we’d settled in the car and were heading for work I said,

“You do live on your own don’t you Ethan?” Ho chiesto.

“No, not really, I’ve got a girlfriend who is going to live with me every other day?”

“No not me, it’s just that I noticed that the spare bedroom looks like it has someone living there.”

“Oh that, that’s my brother Matt, his job has him working in this city every other week. His firm pay for him to stay in a hotel when he’s here but he stays at my place and pockets the hotel money.”

“You never told me you had a brother.”

“We haven’t talked about siblings on either side yet have we?”

“No.”

“When you stop ravishing my body in bed we’ll talk about them.”

I giggled a bit then replied,

“ME! It’s you who won’t take your hands off me or your cock out of me.”

“Can you blame me?”

I giggled a little again.

We arrived at work just in time and I felt strange walking in wearing just a mid-thigh skirt and a top that was so thin that my nipples let everyone know that I wasn’t wearing a bra. Ethan was right, the only comments that I got were compliments and I was soon so engrossed in my work that I did forget what I was wearing.

In the break room I sat like the other girls, not crossing our legs and I hoped that no one looked up my skirt but I also looked at the other girls and I was sure that if I were sat opposite them I would be able to see if they were wearing knickers or not.

When Ethan legitimately came to see me he asked how I was doing. I just replied that I was fine. Then he quietly said,

“No, I mean without the underwear.”

“Oh that,” I replied, “you were right, I don’t even think about it now.”

Then he very quietly said,

“I’m going to fuck you brains out as soon as we get to your place tonight.”

I smiled and replied,

“You can’t because I will have already fucked your brains out.”

By the time we got to the end of the day I had forgotten about my lack of underwear. I only got reminded of it when I went to the toilet and hiked my skirt up to have a pee and found that I had nothing to pull down.

We had another great night, in fact everything was great from then on. On the odd occasion when I realise that someone is looking up my skirt I still get a little embarrassed but I have managed to do what I’ve seen the other girls do and not turn away or cross my legs and it always makes my pussy tingle. I’m still wondering if I should ask the other girls if they are the same.

*****

Storie simili

Figlia dei vicini: Sporco segreto

È successo quando avevo 16 anni un giorno d'estate. La scuola era finita e cominciavano le vacanze. Vivo alla fine della casa in stile cottage dove i nostri vicini sono dall'altra parte del muro. Nella porta accanto vive la mia amica Eve, ha la mia età, capelli biondi e corpo da urlo. Quanto a me, sono proprio come lei, solo che ho i capelli scuri. Pochi giorni fa ho notato una cosa interessante ... il telefono ha squillato a casa di Eves e dopo pochi minuti lei è spento da qualche parte. l'ultimo giorno lo stesso. Quindi ho deciso di rintracciarla...

1.7K I più visti

Likes 0

Signora Baker

Il sole dell'Oklahoma voleva bruciarci, pensavo, mentre guidavo in garage per scaricare l'attrezzatura da giardino. Falciare i prati per soldi extra di solito non è male a meno che le temperature non rimangano sopra i cento gradi per diversi giorni. Questo era il caso nel 1980. Mi ero appena laureato e stavo per entrare a far parte della forza lavoro come insegnante di economia ad Ardmore. Tuttavia, alcuni dei miei vecchi clienti del prato avevano chiamato e avevano bisogno di fare i loro cortili, quindi ho ceduto ad aiutarli per il resto dell'estate. Ho pensato che nelle prossime due settimane il...

752 I più visti

Likes 0

Il negozio d'angolo seconda parte

La prima parte è qui: sexstories.com/story/82788/ Controllò l'orologio, sarebbe arrivata presto. Era circa una settimana dopo, ero nel suo negozio, la mamma mi aveva mandato a prendere il cibo di cui avevamo bisogno per il fine settimana. Dopo aver chiamato tutto nella cassa e aver messo tutti gli oggetti in tre grandi sacchetti di plastica. Lui mi disse: Mi devi ancora un sacco di soldi, dovrai andare nella stanza sul retro oggi Scioccato, balbettai. No. Per favore, signor Hassan, non voglio farlo Mi afferra il braccio, dicendomi; Non hai altra scelta ragazza, pensi che tutto il cibo e i soldi siano...

1.5K I più visti

Likes 0

Era una stronzata, pensavo

Il sabato pomeriggio andavo al cinema con alcuni amici. C'era una ragazza che mi piaceva e ho provato a sedermi accanto a lei se potevo. Un pomeriggio ho provato a tenerle la mano e lei me l'ha lasciato per un po' che l'hanno tirata via. Dopo il cinema siamo andati tutti al bar del latte e ancora una volta ho provato ad avvicinarmi a lei. Le ho parlato e sembrava che le piacessi e le ho chiesto perché ha allontanato la mano. Ha detto che stava iniziando a piacerle, ma non voleva essere coinvolta in quel modo perché eravamo tutti buoni...

39 I più visti

Likes 0

Jaded Parte 1- Riva dell'acqua

Tutto quello a cui riuscivo a pensare era quanto faceva caldo oggi e quanto faceva freddo ieri; i forti venti che avevano soffiato la mia borsa Walmart attraverso il parcheggio mentre i miei amici avevano ridacchiato al mio inseguimento si erano trasformati in intensi raggi che picchiavano sul mio corpo di sedicenne. Sarò onesto, era un corpo che la maggior parte dei miei amici, anche i più grandi, invidiavano ed era in parte a causa del mio corpo che le ragazze più grandi uscivano comunque con me. Il mio viso innocente e i lunghi capelli biondi si sono complimentati con il...

1.5K I più visti

Likes 0

Ufficiale superiore

Ensign, è meglio che ci sia un'ottima ragione per essere qui Il guardiamarina Philips non aveva una buona ragione per essere nella sala degli ufficiali, sentiva il cuore crollare sui suoi stivali da combattimento Girati quando ti parlo Guardiamarina Il guardiamarina Philips si voltò lentamente, con le spalle leggermente cascanti per la sconfitta, quando vide chi lo affrontava, dimenticò completamente le vere ragioni per essere qui, infatti praticamente si dimenticò di tutto Allora Guardiamarina, che diavolo ci fai qui nella Sala Ufficiali? Il capitano Jean Harigan, l'unica donna ufficiale sulla nave e non solo è l'unica donna ufficiale sulla nave, è...

983 I più visti

Likes 0

Asmodeus - Demon of Lust: Parte 8

A/N – Miei cari lettori! Grazie a tutti coloro che sono rimasti accanto a me e a questa storia per così tanto tempo. Mi scuso sinceramente per l'attesa tra questo capitolo e il precedente; Ho davvero scritto ogni volta che ho potuto. Dubito che ogni singolo capitolo varrebbe un anno intero di attesa, ma come per tutto ciò che scrivo ho riversato la mia anima nella parte 8 e spero sinceramente che ti piaccia leggerla. Come sempre, PER FAVORE, vota, commenta e inviami un'e-mail! Mi piace sentirvi ragazzi e risponderò a ogni e-mail. Buon Anno! Saluti, Steelkat Parte 8 Passeggiamo per...

801 I più visti

Likes 0

Allevamento di bellezza ch 5: Aste eBay e fare molto di più

Breeding Beauty chp5 - Bidding frenzy, vodka enama e secondi sciatti, terzi e altro.... Quindi, dopo aver realizzato ciò che Cory aveva fatto con l'offerta, ho deciso di fare un tentativo io stesso. Quindi ho pubblicato un'aggiunta su EB per una cornice in legno antico. Per assicurarmi che non venisse tolto, ho messo nella cornice una sua foto hot senza volto in mutandine... Poi sono andato su Craigslist e ho inserito un'aggiunta per l'allevamento della moglie in modo anonimo. Man mano che le e-mail arrivavano, ho provato a filtrarle e quelle che pensavo sarebbero state serie ho dato loro il link...

306 I più visti

Likes 0

Tim, l'adolescente parte XV

Nota: ——NON sono l'autore! Ci sono diversi autori in realtà, non sono così sicuro che qualcuno di loro sia il creatore, ma so che non sono io. Sto semplicemente condividendo questa bella storia con tutti voi perché non l'ho vista qui. Ora in origine dovevano essere tutte 9 parti, ma... Qualcuno ha detto che la prima era troppo lunga, quindi ho deciso di dividerle tutte in post più piccoli. Ho pensato di provare un aspetto e una struttura della frase diversi per questo capitolo, per favore fatemi sapere come vi piace. BUON APPETITO--- Tim, l'adolescente parte quindici di: Rass Senip +++...

1.6K I più visti

Likes 2

Lascia che una Playa giochi

Lascia che A Playa Play Storia di Charles che usa il suo bell'aspetto e il suo fascino per scopare tutte le donne che vuole. Oooohh cazzo, mmmmm. geme con una gamba sulla mia spalla, mutandine nere con rifiniture rosa che pendono dal suo piede mentre attacco vigorosamente la sua figa con la mia lingua. Essendo questo il suo ultimo giorno di lavoro, ho pensato di mandarla via con un regalo d'addio. Più simile a questo è ciò che ti mancherà presente. Mentre si morde il labbro, mi afferra la nuca e mi preme il viso nella sua figa bagnata. Non sai...

1.5K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.