Andando avanti - Capitolo 3

189Report
Andando avanti - Capitolo 3

Andare avanti

capitolo 3

Il tempo sembrava congelato. L'espressione di shock e orrore sul viso di Evelyn era giustapposta ai resti bagnati del mio sperma sulle sue guance e sul suo mento. Il mio cazzo è caduto dalla mia mano e la mia testa sembrava muoversi attraverso la melassa mentre si girava lentamente verso l'ingresso del bagno.

"Sembra che voi due abbiate combinato un sacco di cose", disse il signor Clark con nonchalance con un leggero sorriso, guardandosi intorno al bagno come se cercasse altri membri del nostro piccolo gruppo. "Mi chiedevo dove fossi scomparso per così tanto tempo."

Seguì un silenzio imbarazzato. Evelyn, ancora inginocchiata sul pavimento, fece una risata nervosa. Il sorriso del signor Clark divenne diabolico.

"Non è il momento di ridere, puttana", disse il signor Clark burbero, facendo un passo verso di noi. Evelyn trasalì. “Per come la vedo io, ci sono due possibilità. A, ti denuncio alla scuola e hai delle gravi conseguenze, oppure... possiamo capire qualcosa. Tra noi tre,” aggiunse, con un luccichio malvagio negli occhi.

Non mi piaceva affatto dove stesse andando.

"C-cosa vuoi dire?" La voce innocente di Evelyn trafisse il mio guazzabuglio di pensieri.

Il signor Clark annuì, ancora sorridendo. "È quello che pensavo." Le sue mani pelose si spostarono sui pantaloni e iniziò a sbottonarsi i pantaloni. Con i suoi capelli castani radi, gli occhiali spessi e la carnagione pastosa, era davvero un uomo poco attraente. Ma era enorme e imponente, ed è quello che penso mi abbia fatto mantenere la mia posizione invece di andarmene da lì. Evelyn sembrava essere stata colpita in modo simile. La sua bocca era spalancata quando si rese conto di cosa stava per accadere.

Il signor Clark si slacciò le bretelle e lasciò che i pantaloni gli cadessero alle caviglie, lasciandolo solo in calzamaglia.

“Alzati, troia,” mormorò, indicando Evelyn. Il suo respiro divenne irregolare. Ho iniziato a sentirmi male, per il bene di Evelyn. La guardai, cercando di trasmettere il mio dolore e il mio senso di colpa attraverso il contatto visivo. Lei mi guardò non con rabbia, ma con paura. Le gambe tremavano, si alzò lentamente, coprendosi la figa con le mani. Il mio sperma sul suo viso ora era mescolato con le lacrime.

Tornai a guardare il signor Clark, i cui calzini erano gonfi. Le sue mani stavano massaggiando lentamente il suo cazzo in vita in mutande. Poi, lo ha tirato fuori.

Era gigante. Non è uno scherzo, doveva essere di almeno 9 pollici e non era ancora completamente difficile. Evelyn fece un udibile sorso. Il signor Clark iniziò ad accarezzargli il cazzo, emettendo grugniti nella parte posteriore della gola.

"Ora cazzo," disse.

Eh?

"Hai sentito quello che ho detto, vaffanculo, porca puttana!" Il sussurro del signor Clark si fece più forte mentre si concentrava intensamente su noi due. "Fanculo o uno di voi può iniziare a succhiare il mio cazzo in questo momento."

Merda. Merda di merda di merda.

Evelyn mi ha guardato. Sapevamo entrambi che la nostra unica opzione era iniziare a fare sesso l'uno con l'altro, proprio ora, prima che ci facesse fare sesso con lui. La mano di Evelyn iniziò ad allontanarsi dalla sua figa e verso il mio inguine. Fu allora che suonò la campanella.

Ho quasi pianto di sollievo. Il signor Clark si rimise frettolosamente il membro nei pantaloni.

"Non pensare che abbiamo ancora finito", disse con cattiveria, fissandoci entrambi negli occhi. "C'è molto di più, a venire, non ti preoccupare." Ci strizzò l'occhio ed uscì con disinvoltura dal bagno mentre i bambini iniziavano a lasciare le lezioni. Evelyn ed io siamo andati a ripulire le nostre prove. Ha afferrato le sue mutandine e il telefono dal pavimento e io ho preso un tovagliolo di carta bagnato per asciugarle lo sperma secco dalla faccia.

"Cosa faremo?" chiese in lacrime.

"Non lo so", risposi onestamente.

Fanculo la mia vita.

* * *

Rimasi a letto quella notte, incapace di dormire. Eravamo appena sfuggiti all'ira del cazzo gigante del signor Clark. Chi avrebbe saputo che aveva quel tipo di desideri? Girandomi e rigirandomi, ho cercato di togliermi dalla testa tutti i pensieri sul signor Clark e, invece, pensare a quello che era successo prima. Sesso con Evelyn. Potevo ancora sentire la sua figa avvolta attorno al mio cazzo, che mi scopava dritto in paradiso, e le sue labbra che scivolavano lungo l'asta del mio cazzo incredibilmente duro.

Qualcosa non tornava, però. Perché era successo in primo luogo? Per me la motivazione era chiara. Come aveva detto Sean, ci sono altri pesci nel mare. La mia prova con altri pesci è avvenuta nel bagno del ragazzo durante la fisica. Ad ogni modo, è stato un collegamento, anche se Evelyn era carina e intelligente e forse poteva trasformarsi in qualcosa di più. Ma era ancora un collegamento, il mio modo di andare avanti dal crepacuore. Ma per lei cos'era, cosa significava e perché? Non le avevo parlato dall'incidente in bagno e non avevo intenzione di chiamarla all'una del mattino per discutere di quello che era successo. Le parlerei solo domani.

Ma potrei parlare con Sean. La luminosità del mio iPhone nel buio pesto mi ha accecato all'inizio, ma sono riuscito a trovare il suo contatto senza troppi problemi.

"Ciao?" rispose intontito.

"Ehi amico, spero di non averti svegliato", dissi, sapendo benissimo di averlo svegliato. Come un vero migliore amico, si lamentò solo per pochi minuti su quanto avesse dormito bene.

Gli descrissi cosa era successo quel giorno, fino a quando il signor Clark non entrò. Come ho detto, per il momento avevo cercato di allontanare dalla mia testa tutti i pensieri su quell'incidente. Inoltre, volevo affrontarlo da solo. Ci doveva essere un modo per uscirne in sicurezza. Ci doveva.

Sean, come ho già detto, era molto stanco, il che spiegava perché non si è comportato troppo sorpreso quando gli ho detto di Evelyn che mi aveva mostrato le sue mutandine durante la lezione di fisica e di lei che mi aveva portato in bagno. Francamente, ha superato le mie aspettative il fatto che non abbia iniziato a russare a metà della storia.

Tuttavia, si è ripreso quando gli ho detto che io e Evelyn abbiamo fatto sesso.

"Aspetta cosa? L'hai fottuta?"

"Uh, sì, è quello che ho detto, amico."

"Tipo, legittimo, l'ho scopata, direttamente nella figa, nel bel mezzo del bagno del ragazzo?"

"Fidati di me, non posso crederci nemmeno io."

Sean rimase in silenzio. Dopo un momento, ha detto: "Non pensavo avessi le palle uomo!"

"Nemmeno io Sean, nemmeno io."

"Come è stato? Le hai parlato da allora?"

"È stato fottutamente fantastico e no, non le ho parlato."

"Dovresti."

“Fidati di me, lo farò. Domani. Buona notte, amico.

"Ci proverò, ora che mi hai svegliato." Ancora una volta, tipico Sean.

"Chiudi il becco, Sean."

"Ti amo anch'io, Derek", disse scherzando, prima di riattaccare.

Pensare troppo a Evelyn mi faceva male al cervello. Ho deciso di attribuire l'intero evento alla possibilità su un milione che una ragazza sexy e popolare mi piacesse davvero e volesse il mio cazzo.

Mi girai, chiusi gli occhi e andai a dormire.

* * *

L'intero giorno successivo, avevo paura della lezione di fisica. Normalmente, i giorni di scuola per me passano incredibilmente lentamente, ma questo ingrandiva, come per dire: "Non vedo l'ora che arrivi alla fisica!" Vaffanculo, vita.

Mi sono rinforzato mentre mi avvicinavo alla porta della stanza del signor Clark. Mi sono sentito male e ho cercato di trattenere il mio pranzo. Fanculo, ho pensato, e ho fatto un respiro profondo, aprendo la porta.

Ho espirato quasi subito. In piedi davanti alla stanza, scrivendo il suo nome alla lavagna, c'era un sostituto. Grazie Dio.

"Sig. Clark non si sente molto bene oggi, quindi sarò il tuo sostituto per il periodo". Alta, giovane, attraente, bruna, la sostituta sembrava aver appena finito il college e la sua presenza riscaldò immediatamente la stanza. «Mi chiamo Miss Garner. Ti ha lasciato un pacchetto da completare, da completare entro la fine del periodo. E ha detto di ricordarti che venerdì hai un test.

E questo era quello. Eravamo scappati, almeno per oggi. Mi sono seduto accanto a Evelyn mentre la signorina Garner distribuiva i pacchetti.

“Ciao,” disse con un piccolo sorriso.

"Ehi", ho risposto.

Evelyn fece un respiro profondo. "Sai che non sono arrabbiato con te o niente di buono?" Si fermò. “Per ieri,” aggiunse velocemente.

Sorrido sollevato. "Va bene, sono contento."

"Spero che tu non sia arrabbiato neanche tu."

«Fidati di me, Evelyn, non lo sono. Fatta eccezione per... il finale, mi è davvero piaciuto".

«Anche io, Derek, anch'io. Ma cosa diavolo faremo con... lui? Non possiamo avere questo trattenuto sopra le nostre teste.

"Fidati di me, ci sto lavorando". E questa era la verità. Stavo pensando a cosa fare, solo che non avevo ancora avuto idee buone e concrete. Ma non aveva bisogno di saperlo.

“Ti farò sapere quando avrò capito tutto. Andrà tutto bene", dissi, mettendo la mia mano sulla sua. Sorrise al mio tocco. Ero sorpreso. La sua reputazione di avere molti fidanzati in un breve periodo di tempo era vera, ma era davvero una brava ragazza.

"Facciamo questo pacchetto, va bene?" Ho chiesto.

"Certo", disse. «Ma prima un'altra cosa. Sto, uh... farò una festa a casa mia questo venerdì sera. Vorresti, ehm, venire?"

Quella domanda mi ha davvero colto di sorpresa. Ma sapevo subito la risposta.

"Sì, mi piacerebbe sicuramente rivederti."

"Bene!" disse felicemente. E abbiamo lavorato sui nostri pacchetti per il resto del periodo, senza problemi. Avrei voluto che il signor Clark fosse assente ogni giorno.

* * *

Come si è scoperto, ho dovuto perdere la sua lezione il giorno successivo, e così ha fatto Evelyn. Un esperimento era andato storto in uno dei laboratori di chimica nell'ala scientifica e da una delle aule uscivano fumi. L'intero corridoio è stato suddiviso in zone e tutte le lezioni che avrebbero dovuto svolgersi lì sono state trasferite alla mensa. Per fortuna, la nostra lezione di fisica era una delle classi off-limits. Eravamo riusciti a sfuggirgli di nuovo, ma per quanto tempo poteva andare avanti?

* * *

Finalmente è arrivato venerdì. Il giorno della festa di Evelyn, ma anche il giorno della prova di fisica. Non c'era modo che il signor Clark sarebbe stato assente il giorno del test.

Avevo ragione. Mi sorrise innocentemente mentre camminavo in classe, ma sapevo sotto quali sporchi pensieri si nascondevano. Per fortuna, il test non è stato così difficile, ma durante questo ho quasi vomitato più volte. Il signor Clark ha sempre camminato lungo le file come un soldato durante ogni prova e, sfortunatamente, il mio posto assegnato era nell'angolo posteriore sinistro della stanza. Ogni volta che mi passava accanto, il signor Clark mi sfiorava la spalla con l'inguine, facendomi ogni volta una smorfia. Ha fatto la stessa cosa con Evelyn, e quando lei ha tirato fuori il suo test, lui l'ha lasciato cadere accidentalmente e l'ha costretta a raccoglierlo in modo da poter guardare la sua gonna. Questo doveva finire. Adesso.

Alla fine suonò la campanella. Ho consegnato rapidamente il mio test e sono corsa fuori dalla stanza dietro a Evelyn prima che il signor Clark potesse parlare con una sola parola. Eravamo a casa liberi! Almeno fino a lunedì, ma per me era anni luce di distanza.

"Ci vediamo stasera, Derek?" mi chiese Evelyn, i suoi occhi azzurri che mostravano un po' di felicità dopo una settimana così terribile.

“Sicuramente,” dissi con sicurezza, con un sorriso.

* * *

Non sono un gran festaiolo, ma mi piace divertirmi di tanto in tanto, e fin dall'inizio, la festa di Evelyn è stata un grande momento. Ho invitato Sean come un più uno, ma ha detto che doveva prendersi cura della sua sorellina e non era in grado di farcela. Quindi, mi sono fermato a casa sua da solo. C'erano già molte macchine lì e sembrava che la festa stesse appena iniziando a raggiungere il pieno svolgimento. Tempismo perfetto.

Entrai in casa e fui subito esposto a molti balli, musica ad alto volume e, naturalmente, al bere. Mi sono guardato intorno. La casa era grande, ma non troppo grande, ed era ben arredata, ma non con niente di troppo elegante, a parte una grande vetrata colorata che fiancheggiava una parete della casa. Tutto sommato, era una bella casa.

Dopo pochi minuti, ho visto Evelyn. Indossava un top bianco e una gonna viola ed era perfetta come sempre. Sembrava anche un po' brillo.

"Sono contento che tu ce l'abbia fatta!" disse, afferrandomi per un braccio e guidandomi in mezzo alla folla di adolescenti che ballavano. Mi prese entrambe le mani nelle sue e iniziò a ballare al ritmo. Non sono il miglior ballerino, ma non terribile, e per fortuna non mi sono reso troppo stupido.

Alla fine, la musica ha iniziato a prendere ritmo e all'inizio ho pensato di aver immaginato Evelyn che mi sfiorava l'inguine. Poi l'ho sentito di nuovo. Presto, era piena di macinare contro di me. Avevo un po' da bere a quel punto, e lei ne aveva bevuto più di me, quindi eravamo entrambi un po' là fuori.

L'ho guardata e ho visto nei suoi occhi lo stesso sguardo che aveva avuto nel gabinetto del bagno. Lei voleva me, e anch'io volevo lei. Si sporse in avanti.

"Diventiamo pazzi!" Mi ha urlato nell'orecchio sopra la musica. Sì, era un po' ubriaca. Solo un po.

Mi fece accostare a uno dei divani che fiancheggiavano il muro e mi buttò a terra. Mi saltò in grembo e si mise a cavalcioni su di me, baciandomi appassionatamente. Le sue labbra erano un misto dello stesso lucidalabbra alla fragola e di birra. Non era una mistura per metà.

Dato che indossava una gonna, l'unica cosa tra la sua figa bagnata e il mio inguine erano le sue mutandine che si inumidivano rapidamente. Potevo sentire il suo calore anche attraverso i miei cachi.

“Ti voglio,” mi sussurrò all'orecchio, e scese da me, trascinandomi tra la folla e su per le scale fino alla sua stanza. Chiuse la porta e la chiuse a chiave. Ho avuto solo la possibilità di guardarmi intorno per pochi secondi e notare un tema viola e molti animali di peluche prima che i miei pantaloni si abbassassero e la sua mano fosse intorno al mio cazzo duro.

"Strip", mi disse senza fiato. Ovviamente ho rispettato. Ha iniziato a spogliarsi anche lei e ho ammirato il suo corpo mentre lo vedevo completamente nudo ora. Era bellissima, con tutte le curve giuste, un gran culo e un seno sodo e brillante. E, naturalmente, i peli della figa di cui mi sono innamorato la prima volta che l'ho visto.

Siamo crollati sul letto, lei sopra di me, baciandomi ferocemente. Ho spostato la mano sul suo seno destro e l'ho strinse dolcemente, poi le ho stuzzicato il capezzolo con il dito. Lei gemette piano, facendo le fusa contro il mio collo. L'ho fatta rotolare in modo da essere sopra e le ho baciato lentamente il viso e il collo fino a raggiungere lo stesso seno. Ho preso il suo piccolo capezzolo in bocca e l'ho succhiato come una caramella, poi l'ho morso delicatamente. Le è piaciuto molto. Ho fatto scorrere il dito nella fessura tra le labbra della sua figa e l'ho sentita iniziare a bagnarsi ancora di più. Le piaceva davvero.

Le ho lasciato il seno e l'ho baciato lungo il suo ventre perfetto e tonico, poi ancora più in basso fino a raggiungere la sua figa. Ho allungato lentamente la lingua e l'ho fatta scorrere lungo la sua fessura, ottenendo il mio primo assaggio dei suoi succhi meravigliosi. Erano deliziosi, la giusta quantità di dolcezza esotica. È stato esaltante. Mi sono tuffato più a fondo, prendendo il suo clitoride nella mia bocca e succhiandolo. Si sbatté contro la mia faccia e mi afferrò la testa con entrambe le mani, premendola più forte nella sua figa.

"Cazzo sì!" ha urlato. Mi sono allontanato per un secondo, ma lei mi ha spinto indietro. Lo voleva davvero. Fui felice di obbedire, e allungai di nuovo la lingua, questa volta il più lontano possibile nel suo buco. Con la mia mano, le ho stuzzicato il clitoride. Era tutto per lei, ed è esplosa. Ho leccato i suoi succhi rimanenti e sono tornato su per baciarla.

Sapevamo entrambi cosa sarebbe successo dopo. Ho allineato il mio cazzo e l'ho spinto dentro di lei. Urlò di piacere e io emisi un mio grugnito. Cazzo, è stato così bello. Era così liscia e bagnata, la giusta quantità di oppressione che mi stringeva il cazzo. Le pareti della sua figa hanno munto il mio albero mentre la scopavo lentamente, schiaffeggiandole contro l'inguine ad ogni spinta.

“Fottimi forte, Derek,” mormorò, gli occhi ben chiusi. "Fottimi così forte."

Ho preso il ritmo, il mio cazzo si muoveva dentro e fuori e dentro e fuori, riempiendo il suo buco stretto fino in fondo. Sempre più veloce mi sono mosso, finché non siamo stati entrambi vicini.

"Sborrami dentro", gemette. "Prendo la pillola".

Ho spinto sempre più forte fino a quando non ce l'ho più fatta.

"Sto venendo!" Ho urlato e mi sono seppellito nella sua figa, sparando il mio sperma in profondità dentro di lei.

"Oh si!" pianse, mentre anche lei esplose in orgasmo.

Sono crollato su di lei, esausto. «È stato fantastico», sussurrai.

“Sì,” annuì senza fiato. Mi sono tirato fuori da lei e mi sono sdraiato accanto a lei, senza dire una parola, condividendo il momento speciale.

* * *

Non mi ero reso conto di essermi addormentato finché non mi sono svegliato qualche tempo dopo. Non riuscivo a vedere un orologio da nessuna parte, ma l'iPhone di Evelyn era sul comodino, quindi l'ho preso e l'ho guardato. Solo 10:30. Uff. Abbiamo avuto un po' di tempo.

Per curiosità, anche se probabilmente non avrei dovuto, ho fatto scorrere il dito verso destra sullo schermo del suo telefono. Quello che ho visto mi ha fatto quasi cadere il telefono.

Non aveva un passcode, quindi il suo telefono si è aperto sulla sua app utilizzata più di recente: la galleria.

Lì, c'era un video. Più precisamente, si trattava di un video del bagno del ragazzo al liceo. Ho premuto play e ho visto la mia faccia, grugnire di piacere mentre picchiavo Evelyn da dietro.

Aveva registrato tutto il tempo.



Continua...


***************

~Il dottore

Storie simili

Sesso con mia sorella (Libro 1 Capitolo 2) Riscrivi

Nota dell'autore: Fiction - Sostantivo - 1. La classe della letteratura la classe della letteratura che comprende opere di narrazione immaginativa, specialmente in forma di prosa. 2. opere di questa classe, come romanzi o racconti: narrativa poliziesca. 3. qualcosa di finto, inventato o immaginato; una storia inventata: abbiamo tutti sentito la finzione della sua salute delicata. 4. l'atto di fingere, inventare o immaginare. 5. una cosa o un evento immaginario, postulato ai fini dell'argomentazione o della spiegazione. 6. Legge. un'affermazione secondo cui esiste un fatto di cui si sa che non esiste, fatta dall'autorità di legge per portare un caso nell'ambito...

13 I più visti

Likes 0

Lascia che una Playa giochi

Lascia che A Playa Play Storia di Charles che usa il suo bell'aspetto e il suo fascino per scopare tutte le donne che vuole. Oooohh cazzo, mmmmm. geme con una gamba sulla mia spalla, mutandine nere con rifiniture rosa che pendono dal suo piede mentre attacco vigorosamente la sua figa con la mia lingua. Essendo questo il suo ultimo giorno di lavoro, ho pensato di mandarla via con un regalo d'addio. Più simile a questo è ciò che ti mancherà presente. Mentre si morde il labbro, mi afferra la nuca e mi preme il viso nella sua figa bagnata. Non sai...

1.3K I più visti

Likes 0

Fratelli gemelli... insieme

Quando i gemelli Kale e Jeremy sono cresciuti facendo tutto insieme; dal baseball, dalla scuola e dal sesso. I ragazzi avevano trascorso tutta la vita in una piccola città senza niente da fare, quindi hanno trascorso il loro tempo insieme. E come tutti i gemelli erano inseparabili. Entrambi i ragazzi, essendo gemelli identici, erano 14, 5'4 e magri, capelli biondi semi lunghi, splendidi occhi grigio bluastro, ed erano bellissimi. Erano i must di ogni ragazza della scuola. Ma con l'arrivo dell'estate passavano il tempo a scherzare nella fattoria del vicino e a nuotare nel torrente dietro casa. Oggi non ha fatto...

1.1K I più visti

Likes 0

Figlia dei vicini: Sporco segreto

È successo quando avevo 16 anni un giorno d'estate. La scuola era finita e cominciavano le vacanze. Vivo alla fine della casa in stile cottage dove i nostri vicini sono dall'altra parte del muro. Nella porta accanto vive la mia amica Eve, ha la mia età, capelli biondi e corpo da urlo. Quanto a me, sono proprio come lei, solo che ho i capelli scuri. Pochi giorni fa ho notato una cosa interessante ... il telefono ha squillato a casa di Eves e dopo pochi minuti lei è spento da qualche parte. l'ultimo giorno lo stesso. Quindi ho deciso di rintracciarla...

1.5K I più visti

Likes 0

Spirito libero (03).. Quindici (1997)

Questa storia continua dall'ANZAC Day 1997 quando avevo appena compiuto 15 anni. Ero sdraiato fuori e mi sentivo molto dolorante e tenero; finché non decisi di entrare e unirmi agli altri. Inciampai mentre cercavo di camminare. Era come se mi fossi cagato addosso i pantaloni anche se non indossavo vestiti. Il soggiorno era buio e vuoto così ho preso una coperta; si riposava sul divano e si addormentava. Dovevano essere le 6 o le 7 del mattino quando mi sono svegliato; alcuni dei ragazzi erano già in piedi e fumavano bong. Mi sentivo dolorante e rigido; poi mi resi conto che...

1.5K I più visti

Likes 0

Bobby e Jonnie erano innamorati

Aveva diciassette anni e ancora non era mai stata baciata, tranne quando ha incontrato Bobby. Aveva anche lui diciassette anni e, sebbene fosse stato baciato più volte dalle signore, non era mai arrivato in seconda base, tanto meno in terza oa casa. Ma erano innamorati, amore da cucciolo comunque, e per loro sarebbe durato per sempre. Bobby e Jonnie erano ragazzi in una scuola superiore del Midwest nel bel mezzo della campagna, quindi sapevano cosa fosse il sesso. Ma quando si è trattato di viverlo davvero, nessuno dei due aveva la più pallida idea da dove cominciare. Erano stati insieme dalla...

1.1K I più visti

Likes 0

Il rapimento e l'addestramento di Kitty Parte 2

Per coloro che stanno leggendo questa storia e non hanno letto la prima puntata, mi scuso per l'inizio di questa, parte 2. All'inizio si trascina un po', ma se leggi la prima parte e stai iniziando dalla seconda, pensa a è l'intervallo tra due lungometraggi in un cinema. :) I commenti sull'introduzione non sono necessari perché penso che troverai il resto di questa parte della storia abbastanza eccitante anche per coloro a cui piace in Never, Never, Land. Qualsiasi altro commento è più che benvenuto, specialmente da parte delle donne là fuori. DIVERTITI. Vanione PS: Se a qualche lettore piace molto...

364 I più visti

Likes 0

Ama l'onore e obbedisci

Il giorno in cui ho incontrato questa bellezza perfetta dovevo averla. Tinya e io ci siamo frequentati per diverse settimane prima ancora di provare a fare sesso con lei. Non volevo rischiare di farla arrabbiare. Ho avuto la notte in cui ho deciso di fare tutto il possibile per la mia mossa. Il ristorante era molto costoso. Ottimo cibo e vino. Atmosfera meravigliosa. Era in ritardo nell'incontrarmi, ma quando è arrivata mi sono completamente dimenticato del suo ritardo. Le sue lunghe gambe da ballerina erano evidenziate da tacchi da 5 pollici. Questo la rendeva alta quasi quanto me. La sua gonna...

361 I più visti

Likes 0

Tim, l'adolescente parte XV

Nota: ——NON sono l'autore! Ci sono diversi autori in realtà, non sono così sicuro che qualcuno di loro sia il creatore, ma so che non sono io. Sto semplicemente condividendo questa bella storia con tutti voi perché non l'ho vista qui. Ora in origine dovevano essere tutte 9 parti, ma... Qualcuno ha detto che la prima era troppo lunga, quindi ho deciso di dividerle tutte in post più piccoli. Ho pensato di provare un aspetto e una struttura della frase diversi per questo capitolo, per favore fatemi sapere come vi piace. BUON APPETITO--- Tim, l'adolescente parte quindici di: Rass Senip +++...

1.4K I più visti

Likes 2

Un po' di magia nera Capitolo 1

Capitolo 1 Questa è la mia storia... No. Questa è la mia confessione. Non sono sicuro che quello che ho fatto sia stato un crimine, ma è stato sicuramente contro natura. Il mio ultimo anno al college e in effetti le ultime settimane fino a quando non sarei stato cerimoniosamente inserito nel mondo del lavoro. Mi trovavo nel bagno che accompagnava la mia camera da letto esplorando il mio corpo allo specchio. Le lenti spesse dei miei occhiali mi facevano sgranare gli occhi sotto il disordine ondulato dei capelli neri. La mia pelle era pallida per aver passato giorni nelle biblioteche...

1.6K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.