Un altro ospite di benvenuto 11

2KReport
Un altro ospite di benvenuto 11

Dei greci

--------------

Zeus - Re degli dei greci

Era - Regina degli dei greci, sorella e moglie di Zeus

Ade - dio degli inferi, fratello di Zeus

Poseidone - dio del mare, fratello di Zeu

Demetra - dea del raccolto e della fertilità della terra, sorella di Zeus

Afrodite - Figlia di Zeus e Dione, Dea dell'amore, della bellezza e della sessualità

Artemide - Figlia di Zeus e Leto, dea della caccia, della luna e della castità

Atena - Figlia di Zeus e Metis, dea della saggezza, coraggio, ispirazione, civiltà, legge e giustizia, guerra strategica, matematica, forza, strategia, arti, mestieri e abilità.

Ares - Figlio di Zeus e di Era, dio della guerra

Apollo - Figlio di Zeus e Leto - dio del sole e della luce, musica e poesia, guarigione e piaghe, profezia e conoscenza, ordine e bellezza, tiro con l'arco e agricoltura.

Dioniso - Figlio di Zeus e Semele - Dio della vite, della vendemmia, della vinificazione, del vino, della fertilità, della follia rituale, dell'estasi religiosa, del teatro

Efeto - Figlio di Zeus e di Era - dio del fuoco, della lavorazione dei metalli, della muratura in pietra, delle fucine e dell'arte della scultura.

Hermes - Figlio di Zeus e Maia - Messaggero degli dei, dio del commercio, ladri, viaggiatori, sport, atleti, valichi di frontiera, guida agli Inferi

Eris - Figlia di Zeus ed Era, sorella di Ares - dea minore della discordia e del conflitto

Deimos - figlio di Ares, gemello di Phobos - dio del terrore

Phobos - figlio di Ares, gemello di Deimos - dio della paura

Dolos - Personificazione dell'inganno, dell'inganno astuto, dell'astuzia, del tradimento e dell'astuzia

Apate - Controparte di Dolos, dea della frode e dell'inganno.

-------------------------------

Ephus - l'uomo divino con un potere insolito.

Dr. Quinn Markov - moglie umana di Ephus

_____________________________________

Dee egiziane e mogli a Efo

_________________________________

Bast - Dea dei gatti, della protezione, della gioia, della danza, della musica, della famiglia e dell'amore

Sekhmet- Dea del fuoco, della guerra e della danza

Hathor - Dea del cielo, danza, amore, bellezza, gioia, maternità, terre straniere, miniere, musica e fertilità.

Serket - Dea degli scorpioni, della medicina, della magia e della guarigione di punture e morsi velenosi

Maat - Dea della verità e della giustizia

Tefnut - Dea della pioggia, dell'aria, dell'umidità, del tempo, della rugiada, della fertilità e dell'acqua

--------------------------------------------------- ------------------------

Fratelli di Bast e Sekhmet

---------------

Thoth - Dio della conoscenza

Sobek - Dio del Nilo, dell'esercito, dei militari, della fertilità e dei coccodrilli

Anhur - Dio della guerra e portatore del cielo - Fratello pieno di Bast e Sekhmet

Horus - Antico dio del cielo e della regalità

Min - Dio della fertilità

Khonshu - Dio della Luna

Apophis - Dio del caos e delle tenebre

Shu - Dio del vento e dell'aria

--------------------------------------------------- --------------------------------------------------- ----------------

Il volto deforme di Dolos si contorse in un orribile sorriso. "Naturalmente ne abbiamo sentito parlare. Specialmente dopo aver ripotenziato il regno delle divinità egizie. Qualcosa che nessuno degli altri regni aveva previsto. Stavamo entrambi per fare una mossa su di loro, come lo erano pochi altri. Ora non c'è speranza di prendendoli".

Apate stava annuendo vigorosamente con la testa, sibilando e aggiunse, "quello ha fatto incazzare più di alcuni degli altri regni divini. Sono sorpreso che ci sia voluto tanto tempo prima che qualsiasi regno lo raggiungesse"

<Ah? Davvero, non sapevo che altri stessero cercando di prendere altri regni.> I pensieri di Ares risposero a loro due.

Sia Deimos che Phobos erano ancora seduti nelle vicinanze. Entrambi sapevano di non interferire con gli incontri del padre. Entrambi stavano facendo del loro meglio per non allontanarsi dai due orribili esseri davanti a loro.

"Vedo che hai avuto un assaggio delle spade assassine degli dei. Sono sorpreso che il dio..." iniziò Dolos.

<Trattieni la lingua, Dolos,> pensò Ares mentre sguainava la spada nera. <A meno che tu non voglia anche tu un assaggio, un assaggio del loro potere?>

La faccia di Dolos mostrò sorpresa per la minaccia di Ares, quindi il bastardo senza cuore era ancora com'era stato. Il sorridente Dolos alzò lentamente le mani, un piccolo sorriso sul viso. Era bello sapere che Ares era ancora il detestabile bastardo che era sempre stato.

"Allora Ares, che piano hai per noi? Lo vuoi morto, il suo potere e poi la sua morte? Come possiamo aiutarti?" disse Dolos con un piccolo inchino ad Ares.

<Così è più così. Lo voglio morto, caduto in disgrazia e dimenticato come il fallimento che è.> affermò Ares pensieri maligni.

"Uhm, ci sembra così delizioso, non è vero fratello?" disse Apato.

"Molto bene, questa sarà davvero una sfida. Dobbiamo pianificare prima di fare qualsiasi mossa su di lui. Se ricordo bene, è sorvegliato da un buon numero di divinità egizie. Sono sicuro che anche loro stanno guardando anche qualsiasi essere umano con cui avrebbe potuto fare amicizia." Dolos ha dichiarato profondamente pensieroso.

"Fratello? Pensi che potremmo dover entrare come umani? È passato molto tempo da quando siamo stati qui. Come hai detto, dovremo pianificare prima di trasferirci." disse Apato.

______________________________________________________________________________

Ephus si voltò a guardare i cinque dei e le dee che aveva lasciato. Ephus sentì le gambe tremare per un momento, poi si lasciò cadere sulla sedia con Eris tra le braccia.

Eris tossì un momento, poi i suoi occhi si aprirono. "Ephus? Cosa, come? L'ultima cosa che ricordo che Ares mi stava strangolando di nuovo. Poi, ho sentito l'orribile dolore al collo, quando..."

"Gli ho impedito di farti più. Gli ho anche ripagato il favore, per quello che ti ha fatto." Qui si voltò verso gli altri, "Ho anche tagliato la sua lingua con questo", disse loro Efo mentre sguainava la spada verde. "Mi sono stancato delle sue vanterie."

Efo udì un sussulto mentre si voltava verso Afrodite, un'espressione scioccata sul viso. Atena, stava annuendo con la testa in accordo con Ephus. "Sono sicuro, questo lo ha reso più arrabbiato di quanto non abbiamo mai visto. Sembra anche che gli sia stata fatta giustizia, felice che finalmente lo sia stato."

Ephus si voltò verso Artemide, poteva vedere che anche lei era d'accordo però, aveva ancora uno sguardo di rabbia negli occhi. "Sembra che tu sia mio pari a caccia, ricorda la tua promessa, quindi non avremo problemi."

Efo annuì mentre si voltava verso Zeus ed Era. "Penso che sia ora di livellare il campo di gioco. So che anche dove sei ora entrambi avreste problemi con lui".

Ephus quindi prese una delle loro mani, tutti guardarono mentre la pelle e gli occhi di Zeus ed Era iniziavano a brillare. Rilasciandoli, allungò una mano per prendere tutte e tre le dee femminili. Tutti e tre avevano gli occhi sgranati quando sentivano che il loro potere tornava quasi completamente.

Ephus li lasciò andare, poi si rivolse a Eris, "Mi dispiace di non poterti ancora potenziare. Temo di essere riuscito a rompere solo il novanta per cento dei legami che Ares ha in te. "Fino a quando non potrò rimuovere il resto ; Temo di non poterti dare più potere."

Eris era rapidamente scesa dal grembo di Ephus non appena si era resa conto di dove si trovava. Cadendo a terra, chinò la testa davanti a lui. "Non mi sarei mai aspettato che tu facessi quel maestro. Non sento quasi nulla di Ares dentro di me, ti ringrazio per avermi liberato tanto quanto te. È passato molto tempo da quando i miei pensieri erano miei."

Gli altri cinque a tavola fissavano Efo con la bocca spalancata. "Tu... hai rotto il novanta per cento dei legami che aveva dentro di lei?" Zeus ha dichiarato scioccato. Qui si voltò verso Eris che era ancora prostrata davanti a Efo. "Sei ancora vivo? Avevo sempre sentito dire che rompere i legami uccideva colui che era legato."

"Eris!" Dichiarò Ephus più forte di quanto intendesse, facendo tremare Eris. "Pensavo di averti detto che non volevo uno schiavo."

Una Eris leggermente tremante parlò senza mai alzare la testa. "Maestro, mi dispiace di averti fatto arrabbiare!"

"Non sono ancora arrabbiato, anche se lo sarò se continui a farlo. Ora alzati per favore, non mi piace che ti umili come uno schiavo." affermò Ephus con voce più dolce.

"Sì maestro," disse Eris alzandosi in piedi. Quindi si sedette accanto a Ephus quando le indicò il posto.

"Pensavo che, quello che ti ho detto prima, significasse che non avresti più fatto questo. Non ti vedo né ti vedrò mai come una schiava. Ora una possibile moglie sì, anche se una schiava mai. Ricorda di cosa abbiamo parlato prima te ne sei andato per aiutarmi." disse Ephus vedendo Eris, girarsi leggermente verso di lui.

"Maestro, pensavo che fosse solo per quello. Io... non sono sicuro di poter essere sempre così. Sono stato un servitore, per così tanto tempo, non sono sicuro di poter essere così tutto il tempo." Qui, alzò lo sguardo e vide che Ephus aveva un sorriso sul viso. Un sorriso dominava i suoi lineamenti, se il padrone la voleva così, chi era lei per discutere?

"Quindi, spero che vedrò molto meno di tutto questo? Mi renderebbe molto più felice se lo facessi, ok?" disse Ephus sperando che avrebbe frenato il suo inchino tutto il tempo.

"Sì maestro, cercherò di farlo il meno possibile. Vivo per servirti maestro." Eris disse un ampio sorriso sul suo viso.

"Ora per finire quello che hai chiesto", disse Ephus a Zeus. "Ho pensato che avrebbe danneggiato anche lei, anche se quando ho iniziato Ares era incosciente per la maggior parte del tempo." Gli occhi di Zeus erano spalancati per un momento mentre ci pensava.

"Questo potrebbe spiegarlo, con lui non in controllo, ha reso il legame estremamente debole. Se hai rimosso tutti i legami principali, il resto dovrebbe essere abbastanza facile." Zeus ha spiegato.

Ephus annuì mentre si voltava verso gli altri. "Come tutti voi potete dire, ho potenziato tutti voi più in alto. Come ho detto prima, penso che questo sarà anche il campo. Ho sia Zeus che Era potenziati quasi fino in fondo." Qui si rivolse alle sorelle. "Vi ho potenziato al massimo tutti e tre. So che il vostro potere è inferiore a quello di Ares, anche se contro tutti e tre è in svantaggio."

Tutti ringraziarono Ephus, che annuì e poi svanì con Eris. Un attimo dopo apparve nella sua casa. Anhur gli fece un inchino e poi strizzò l'occhio.

Pochi istanti dopo Quinn entrò tenendo in braccio il figlio. Corse velocemente da lui baciandogli il viso. "Ero preoccupato quando eri via per così tanto tempo, di solito me lo fai sapere in un modo o nell'altro. Ephus temo che questa volta potresti aver morso più di quanto tu possa masticare."

Ephus annuì mentre teneva teneramente Quinn. "Ho avuto la stessa paura, Quinn. Mi sono allenato il più duramente possibile con Anhur. Come te, temo di non essere ancora abbastanza abile. Devo allenarmi di più, se voglio avere una possibilità contro di lui la prossima volta."

Quinn fece un sospiro tremante, poi annuì tristemente con la testa. "Mi dispiace di aver dubitato di te Ephus, so che non è dentro di te non aiutare coloro che ne hanno bisogno. Ho solo paura che un giorno proverai a fare troppo, quindi non ti vedrò mai più. "

Ephus poté solo annuire mentre Quinn teneva più stretto lui e il loro figlio. "Farò il possibile per assicurarmi che ciò non accada. Voi due siete il centro del mio mondo. Amo tutte le dee, anche se torno a casa da voi."

Il sorriso luminoso di Quinn sembrava illuminare la stanza. Baciandolo, Quinn gli sussurrò all'orecchio prima di lasciare la stanza.

Erano passate quasi dodici ore quando Ephus riuscì finalmente a sfuggire alla difesa di Anhur.

"Pensavo che non avresti mai capito lo stile. Fratello? Stai bene? Di solito sei molto più veloce a raccoglierli.>" Chiese Anhur, ora preoccupato.

"Non ne sono sicuro, sembra difficile per qualche ragione. È come se quando dondolassi sono molto più basso di te di quanto pensassi." disse Ephus un po' frustrato anche lui.

"Strano, non sento alcuna influenza esterna. Forse sei solo debole? Vai a riposarti, tornerò quando avrai bisogno di me." Anhur ha dichiarato.

Ephus poté solo annuire mentre si dirigeva verso la casa. Era vero, era stato un po' affaticato, anche se niente di così grave come suggeriva Anhur.

Quando entrò, fu accolto da un Quinn dalla faccia acida. "EPHUS! Come osi entrare qui così sporco. Non ti avvicinerai a me ea nostro figlio finché non sarai pulito, VAI!"

Ephus scosse la testa, che diavolo stava succedendo? Anhur e ora Quinn si comportavano in modo strano. Erano così preoccupati per lui che li avesse fatti così male? Per il momento era troppo stanco per pensare davvero con chiarezza.

Aveva appena tolto la spada verde quando apparve la femmina egiziana.

"Stanno succedendo cose strane. Mi sento potente, emanazioni dentro e fuori questo luogo. Sono poteri più antichi, non mi piace quello che ho sentito. Possessore, attento, mio ​​fratello e io stiamo affidando il nostro destino a te. Non permetterò a nessuno di interferire in questo". Disse la donna che era la spada.

Ephus alzò di scatto la testa, poi allungò la mano cercando di sentire qualcosa di strano intorno. Per un attimo, per un attimo, sentì una presenza in casa, poi scomparve. Ringhiando, Ephus iniziò a concentrarsi di più, di nuovo, brevemente, sentì un'energia diversa in casa.

Tutto nudo, Ephus afferrò la spada verde mentre si avviava verso il soggiorno. Un'improvvisa ondata di energia lo attraversò quando entrò nella stanza.

Ephus guardò sua moglie, fu sorpreso quando la sua forma iniziò a contorcersi in una donna orribile e deforme. Quando si voltò verso Ephus gridò: "Cosa pensi di fare essendo nuda? Io.." sussultò poi si fermò quando Ephus le mise la punta della spada alla gola.

"Non so chi sei, anche se ti sventrerò prima che tu respiri un altro respiro! Se mia moglie o mio figlio vengono danneggiati, lo farò diventare realtà. Ah! Vedo che sai cosa ti sto trattenendo alla gola . Ebbene? Sto aspettando, vabbè." disse Ephus mentre iniziava a premere più forte sulla sua gola.

Con una velocità quasi accecante, una spada ruppe la spada verde, proprio mentre l'orribile femmina veniva allontanata. Recuperando molto più velocemente di quanto si aspettasse il maschio che ha portato via la femmina, Ephus ha risposto. L'orrenda forma del maschio apparve mentre ansimava, il braccio della spada quasi tagliato dalla spalla.

"Ora, non mi interessa chi sei ora, sappi che ti distruggerò se gli sarà capitato qualche danno. Sappi che non c'è nessun posto dove puoi nasconderti che non posso trovarti. Ti farò soffrire come nessun dio ha mai!" Efo ringhiò.

La rabbia di Ephus stava salendo sempre più quando iniziò a lanciarsi in avanti. La femmina aveva urlato, fissando dietro Ephus, poi la spada di Ephus aveva incontrato solo il vuoto.

Con un'oscillazione dietro di lui, la spada di Ephus incontrò e spezzò la spada di Anhur. C'è voluto tutto ciò che Anhur poteva fare per evitare di essere distrutto.

Ephus scosse la testa, vedendo finalmente che era suo cognato e amico Anhur.

"Dannazione! Avrei dovuto sapere che non eri tu! Non diresti mai cosa ha fatto quel falso. Devo trovare Quinn ed Ephus Jr." gridò Efo.

"Li sento fratello. Sono entrambi ancora protetti, niente può toccarli a meno che non lo permettano. Il tuo compagno umano è molto più intelligente di quanto pensi fratello." Anhur ha dichiarato. "Non ho mai sentito una tale forza che hai appena mostrato. Se riesci a duplicarla, non riesco a vedere nessuno che ti possa sconfiggere."

Questo fece fermare Ephus, "Perché dici questo?"

"È ovvio, ti sei innamorato di lei, così come le mie sorelle. Lei gestisce la tua casa, anche le mie sorelle la rispettano. TUTTE le mie sorelle, quindi SO che è molto più intelligente di quanto pensiamo entrambi." Anhur disse un piccolo sorrisetto sul suo volto.

Questo ovviamente fece sorridere anche Ephus. Doveva ammettere che Anhur aveva ragione, Quinn era molto intelligente. Prendendo fiato, Ephus sperò che fosse ancora più intelligente di quanto pensasse, specialmente con quei due.

_____________________________________________________________________________________________________________

Da qualche parte all'interno dell'edificio di Ares, Dolos era sdraiato prono, trasalendo, osservando il suo braccio che lentamente, molto, molto lentamente guariva.

Apate sedeva lì vicino preoccupato, finché era ferito era quasi impotente. Come aveva capito il divino? Era stato perfetto. Scuoterla non aveva molta importanza ora che avevano il suo compagno umano e il suo bambino.

Apate guardò dall'altra parte della stanza e vide Ares gongolare, anche se in realtà non poteva fare nulla. Sembrava che la femmina fosse stata segnata dal dio e dalle dee. Sarebbe bastato un tocco per avvertirli di dove si trovava.

Contro uno o due potevano reggere il confronto, anche se una grande schiera di dii e dee completamente potenziati? Nemmeno Ares avrebbe avuto una possibilità contro di loro, nonostante tutti i suoi trucchi.

Ares lanciò un'occhiata a Quinn, poteva quasi parlare, ci era voluta tutta la sua energia per far iniziare effettivamente la guarigione.

<Sei l'esca perfetta per avere il divino in svantaggio.> Qui Ares si voltò e vide Dolos che riversava tutta la sua energia nella guarigione del suo braccio. ah! Buona fortuna! Ares ci lavorava da più di mezza giornata, eppure aveva solo metà della lingua guarita.

Ares scosse la testa fissando Quinn, <Quando lo sventrò, ti userò per il mio piacere. Mi pregherai di ucciderti, oh lo farò, ancora e ancora!> Ridendo di Quinn e del bambino con lei mentre lei lo fissava senza paura.

Ares fu scosso per un momento, la femmina era così sicura di essere salvata? Non è improbabile che Ares pensò con un sorrisetto malvagio sul volto. Siamo nella MIA roccaforte; non oserebbe attaccare qui quando ho tutti i vantaggi.

Apate ha cercato di aiutare suo fratello, anche se ha scoperto che doveva guarire se stesso. Essere gettata attraverso la stanza attraverso un muro, era un episodio che non voleva ripetere.

Ephus stava per correre a salvare Quinn e suo figlio quando ci fu un fruscio improvviso. Dietro di lui e Anhur apparve un maschio alto, dai capelli scuri, con armatura e guanti sulle braccia.

Un sottile sorriso apparve sulle labbra di Anhur mentre Efesto si inchinava a Efo. "Dio desidero aiutare. Anche se non ho il potere, io..." iniziò Efesto quando anche Efo sorrise toccando il braccio del maschio.

Per un momento non accadde nulla, la testa di Efesto si sollevò di scatto mentre i suoi occhi, la pelle e l'armatura iniziarono a brillare.

"Per il potere del regno! Cos'è questo?!" Si udirono altri tre sibili di potere quando apparvero Afrodite, Artemide e Atena. Tutti e tre avevano un sorriso compiaciuto di sé sui loro volti mentre guardavano Efesto accendersi. Guardando tutti e tre Efesto chiese: "è di questo che stavate parlando voi tre?"

Quando tutti e tre annuirono, i loro sorrisi si fecero più grandi. "Qui hai pensato, stava cercando di strappare il regno a Zeus. Se avesse pianificato di fare ciò che voi quattro pensavate che l'avrebbe fatto molto prima d'ora."

Guardando a malapena le tre dee dovette essere d'accordo. "Mi scuso con te Ephus. Volevo solo proteggere la mia famiglia e la mia casa. Sono orgoglioso di chiamarti amico."

Ephus lasciò il braccio di Efesto, il bagliore che ancora irradiava da lui. "Sono anche orgoglioso di chiamarti amico; il tuo senso del dovere è molto più forte della maggior parte che ho incontrato."

Efesto rimase a fissare la sua armatura e il suo corpo mentre il bagliore svaniva molto lentamente. "Nel caso tu sia interessato, tu, come le tue sorelle, ora sei completamente alimentato." Gli disse Efo.

Efesto poteva solo fissare Efo con la bocca leggermente aperta. "In effetti è passato molto tempo dall'ultima volta che mi sentivo come mi sento. Desidero fornirti un'armatura che eliminerà quasi tutto ciò che Ares può scagliarti contro."

Questo naturalmente raddrizzò le orecchie di Efo mentre fissava l'armatura che Efesto stava tenendo. Tristemente Efo scosse la testa: "Non ho mai indossato un'armatura, temo di non essere in grado di sopportarne il peso".

"Non preoccuparti", dichiarò Efesto, "è leggero, sembra più una seconda pelle che un'armatura".

Un ampio sorriso si insinuò sulle labbra di Ephus mentre sollevava l'armatura estremamente leggera. "Così leggero, è davvero così forte?"

"Prova," disse Efesto, poi si mosse più forte che poteva verso Ephus nel momento in cui fu saldamente al suo posto. "Ora, l'hai sentito davvero?"

Scioccato, Ephus poté solo scuotere la testa di no, poi un sorriso gli venne alle labbra. Finalmente un vantaggio con cui posso convivere!

Storie simili

Alice la troia vuole solo il cazzo!

Se non hai letto la prima storia ti consiglio di leggerla prima.. Si chiama Alice scappa con Mathew e si fa riempire! per favore ricorda che sono uno scrittore principiante. Godere! Non vedo l'ora di farmi scopare, ho pensato tra me e me. Stavo per passare il fine settimana con Mathew, il mio ragazzo. Usciamo insieme da molto tempo e scopiamo ogni fine settimana. Abbiamo fatto sesso per la prima volta quando sono scappata di casa con lui per un fine settimana. I miei genitori non se ne sono accorti perché litigano sempre. Ho messo dei vestiti nella mia borsa. Ho...

164 I più visti

Likes 0

Il rapimento e l'addestramento di Kitty Parte 2

Per coloro che stanno leggendo questa storia e non hanno letto la prima puntata, mi scuso per l'inizio di questa, parte 2. All'inizio si trascina un po', ma se leggi la prima parte e stai iniziando dalla seconda, pensa a è l'intervallo tra due lungometraggi in un cinema. :) I commenti sull'introduzione non sono necessari perché penso che troverai il resto di questa parte della storia abbastanza eccitante anche per coloro a cui piace in Never, Never, Land. Qualsiasi altro commento è più che benvenuto, specialmente da parte delle donne là fuori. DIVERTITI. Vanione PS: Se a qualche lettore piace molto...

679 I più visti

Likes 0

11] Passi lungo la strada della vita.

SE SEI OFFESO DAL SESSO GAY PER FAVORE NON LEGGERE QUESTA STORIA. ACCETTO IL TUO FEEDBACK E COMMENTI. NON ESITARE A CONTATTARMI. Passi lungo la strada della vita. Raccontare la storia di come sono stato introdotto al sesso gay ha risvegliato molti ricordi sopiti, ricordi di eventi e fatti, di volti e fatti, di nomi e di persone scomparse dalla mia vita, cose che sono state sommerse nei recessi del mio cervello per quasi 40 anni. Molto era stato dimenticato e molto sepolto sotto esperienze più fresche e nuove fino a quando non è stato trascinato alla superficie della mia mente...

388 I più visti

Likes 0

La faccia da poker di Clary

Piega. Merda. I ragazzi e io stavamo giocando a poker nella tana da solo un'ora ed ero a corto di fondi, non potevo crederci, ero in una serie di sconfitte. Clairy, vieni a portare una birra a papà. dissi, chiamando mia figlia. Era sdraiata sul pavimento a guardare la TV, normalmente non era il mio fine settimana per avere la custodia, ma Aileen aveva incasinato le date e non avevo intenzione di annullare i ragazzi. Guardando le mie chips, ora vorrei averlo fatto. Va bene papà. Disse alzandosi per andare in cucina. Ho visto Roger guardarla mentre lasciava la stanza. Non...

307 I più visti

Likes 0

Ama l'onore e obbedisci

Il giorno in cui ho incontrato questa bellezza perfetta dovevo averla. Tinya e io ci siamo frequentati per diverse settimane prima ancora di provare a fare sesso con lei. Non volevo rischiare di farla arrabbiare. Ho avuto la notte in cui ho deciso di fare tutto il possibile per la mia mossa. Il ristorante era molto costoso. Ottimo cibo e vino. Atmosfera meravigliosa. Era in ritardo nell'incontrarmi, ma quando è arrivata mi sono completamente dimenticato del suo ritardo. Le sue lunghe gambe da ballerina erano evidenziate da tacchi da 5 pollici. Questo la rendeva alta quasi quanto me. La sua gonna...

662 I più visti

Likes 0

I miei giorni in Thailandia parte 4

Mentre la cameriera portava un secchiello pieno di ghiaccio e bottiglie di birra e champagne, mi rivolsi a Mia e Pannai: Voi, due, capite l'inglese? Si guardarono e annuirono. Fu Pannai a parlare: Capire... parlare di no. Ho riso una risata malvagia: “Bene…..io amo le puttane che non parlano troppo…. Sdraiati, tutti e due! E allarga le gambe, così posso vedere le tue fiche! Mentre si sdraiavano, ho preso due manciate di ghiaccio e ho iniziato a premerlo sulle loro tette, collant, su tutto il loro giovane ventre piatto. La pelle d'oca è salita su di loro e i loro capezzoli...

249 I più visti

Likes 0

Tette e culo al suo meglio

Tette e culo al suo meglio Sono rimasto totalmente sbalordito quando ho ottenuto il lavoro di educazione fisica in una scuola privata per sole ragazze. Ero appena uscito dal college ed era il mio primo incarico di insegnante a soli venticinque anni. Sono rimasti molto colpiti dal mio Master alla Cornell University. Dovevo presentarmi con una settimana di anticipo per l'orientamento. Tutti i docenti hanno riferito insieme a me. Il primo giorno abbiamo ricevuto l'assegnazione della nostra stanza nell'alloggio della facoltà e abbiamo messo le nostre cose nella nostra stanza. In realtà era un piccolo appartamento con una camera da letto...

375 I più visti

Likes 0

Sesso con mia sorella (Libro 1 Capitolo 2) Riscrivi

Nota dell'autore: Fiction - Sostantivo - 1. La classe della letteratura la classe della letteratura che comprende opere di narrazione immaginativa, specialmente in forma di prosa. 2. opere di questa classe, come romanzi o racconti: narrativa poliziesca. 3. qualcosa di finto, inventato o immaginato; una storia inventata: abbiamo tutti sentito la finzione della sua salute delicata. 4. l'atto di fingere, inventare o immaginare. 5. una cosa o un evento immaginario, postulato ai fini dell'argomentazione o della spiegazione. 6. Legge. un'affermazione secondo cui esiste un fatto di cui si sa che non esiste, fatta dall'autorità di legge per portare un caso nell'ambito...

373 I più visti

Likes 1

Seta violentata

Michael aveva pianificato bene la serata. Aveva detto a Silk che doveva restare fino a tardi per un incontro e così lei aveva detto che lo avrebbe incontrato più tardi a casa sua, ma che doveva passare dal suo appartamento per prendere alcune cose. Questo era perfetto per i piani di Michael. Silk aveva detto che l'idea dello stupro la eccitava. Una situazione controllata in cui sapeva che non c'era alcun pericolo reale. Michael sapeva che molte ragazze in realtà lo trovavano erotico e non si preoccupavano di assecondare la sua fantasia, ma sapeva anche che funzionava meglio se era all'inizio...

226 I più visti

Likes 0

Il Presidente_(1)

NO! FERMATI! NON HO FATTO NIENTE! QUESTO È PAZZO! Amanda gemette mentre si dibatteva sulla sedia elettrica. Anche se sapessi qualcosa, a questo punto non ha molta importanza. Abbiamo già le informazioni di cui avevamo bisogno, si scopre che era tua sorella Lacy quella di cui avevamo bisogno per tutto questo tempo! esclamò Doll mentre stringeva i braccioli di Amanda. Amanda era confusa e con voce tranquilla chiese allora perché mi metti su questa sedia? Doll si fermò a guardare l'Amanda. Era una normale ragazza di 18 anni di periferia. Ben abbronzato e in perfetta forma. Aveva occhi verde chiaro e...

342 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.