Campeggio andato a destra ch 2_(1)

488Report
Campeggio andato a destra ch 2_(1)

Ho visto il culo di Ary tremare mentre salivamo la rampa laterale della chiesa, la mia mente continuava a balenare con i ricordi del ritiro. Abbiamo parlato a lungo su Facebook nelle ultime settimane, anche se abbiamo parlato di cose casuali, la conversazione è sempre tornata al tema del sesso. Sapevamo entrambi che era un tabù, ma l'esperienza ci aveva avvicinati, quell'ultimo muro era rotto e non si poteva tornare indietro.

Ero perso nei miei pensieri e quasi l'ho urtato quando si è girata. "Mi stavi fissando di nuovo il culo?" lei disse

Scossi la testa "io?" Ho detto leggermente sarcastico "mai".

Mi sorrise "certo". Si voltò lanciandomi i capelli. Era quasi come un gioco, il nostro strano modo di flirtare.

Stavamo trasferendo scatole dall'ufficio del direttore dei bambini nella casa sul retro all'ufficio nella cappella. Come al solito ero qui perché qualcuno mi chiedeva aiuto ma perché Ary fosse qui era un mistero, soprattutto perché mi faceva portare tutte le scatole.

"Sei un uomo, vero?" mi aveva preso in giro. Non mi dispiaceva fare tutto il lavoro poiché mi dava la possibilità di guardare Ary attraverso le scatole trasparenti che avevo accatastato.

Quando finalmente siamo saliti le scale per l'ufficio, mi ha fatto mettere le scatole in un angolo e poi mi ha dato una pacca sulla testa "bravo ragazzo". Disse con voce dolce.

Ho deciso di riaverla indietro e l'ho colta alla sprovvista baciandole il collo. Non era fuori luogo per me colpirle i fianchi o la nuca, ma oggi mi sono sentito molto audace. Sussultò e la guardò torvo, ero sicura che se avesse avuto una vista calda mi avrebbe ridotto in cenere. Corsi verso le scale, ma lei mi afferrò da dietro, premendo i suoi grossi seni contro la mia schiena. Poi si è allungata e ha afferrato il mio cazzo. Sono diventato duro molto rapidamente, da tutto il tempo che abbiamo passato a parlare dei nostri punti sensibili sapeva esattamente quali pulsanti premere.

"ti piace quello?" mi sussurrò all'orecchio. Ho annuito, ho sentito dei passi vicino alle scale, quindi si è lasciata andare e si è allontanata da me. "Andiamo a prendere le altre scatole."

Ha iniziato a scendere le scale lasciandomi con la bocca socchiusa e il mio cazzo dolorante. L'ho seguita mentre cercavo di aggiustarmi i pantaloni in modo che la mia erezione fosse meno evidente, non potevo fare a meno di fissarle il sedere di nuovo. Oscillava i fianchi in modo più seducente, molto probabilmente per darmi un incentivo a continuare a muovermi.

Mi ha aiutato a portare la scrivania in ufficio e poi si è seduta su di essa. "quasi fatto." Lei disse.

Mi sono appoggiato su un lato. "Sì, ma poi non sarò più in grado di guardarti." dissi appoggiando la mia mano sulla sua gamba.

"beh, c'è molto da guardare." Disse afferrandosi il grasso della pancia. Non riuscivo a capire perché le ragazze fossero sempre così imbarazzate.

"Questo significa solo che c'è più di te da amare." Mi sono alzato e mi sono arrampicato accanto a lei sulla scrivania.

Ci siamo avvicinati e ho iniziato a mordicchiarle il collo mentre raggiungendo sotto la sua maglietta ancora una volta abbiamo sentito dei passi che salivano le scale. Sospirai e velocemente ci rialzammo sollevando la scrivania per spostarla nel nuovo ufficio.

Mentre tornavamo giù, l'ho guardata e lei ha alzato le spalle nel suo modo carino. Se solo avessimo più tempo, so che finirebbe in un'altra sessione. Adesso scuoteva il sedere in modo più seducente, non potevo farne a meno prima che scendesse l'ultimo gradino, le presi una manciata di sedere e la strinsi. Si è guardata indietro e ho pensato che mi avrebbe schiaffeggiato, ma invece mi ha semplicemente respinto. Caddi sul gradino che mi offrì la mano per aiutarmi ad alzarmi.

Mi ha tirato su, ma poi mi ha avvicinato "attenzione, qualcuno potrebbe vederti stare troppo a tuo agio". Ha detto e proprio prima di dimettersi si è "accidentalmente" strofinata contro di me.

Abbiamo finito di aiutare in chiesa, quindi ci siamo seduti nella Cappella e abbiamo parlato per un po'. "Quindi, non me l'hai mai detto, come hai fatto a farla franca a masturbare qualcuno sul sedile anteriore di uno scuolabus?" Ho chiesto.

"Beh, posso mostrartelo", sussurrò e fece scorrere il dito ora sul mio petto. "ma andiamo alla casa della gioventù."

Il solo pensiero mi ha dato un'erezione. Lei se ne accorse e mi sorrise, scendemmo le scale laterali e uscimmo dalla porta sul retro. Dopo aver attraversato il parcheggio siamo arrivati ​​alla casa che hanno ristrutturato per usarla come luogo di ritrovo per i ragazzi delle scuole medie e superiori. Oggi era vuoto poiché l'hanno già ripulito. Siamo entrati nella stanza di mezzo che aveva un grande tavolo da conferenza e sedie imbottite, lei mi ha spinto su uno e si è inginocchiata per aprirmi i pantaloni. Ha tirato fuori il mio cazzo da dietro le mie mutande.

Ha iniziato a masturbarmi e poi ha leccato la parte inferiore dal centro alla testa. Mi ha mandato un brivido lungo la schiena, non ci è voluto molto prima che iniziasse a succhiare la testa. Potrei dire che doveva averlo fatto prima, all'improvviso si fermò.

"Perché ti sei fermato?" chiesi confuso.

"Ho un'idea che potrebbe piacerti." Disse e si tolse la maglietta, slacciando il reggiseno che gettò entrambi sul tavolo.

Si è rimessa in ginocchio ma questa volta invece di masturbarmi con le mani ha usato le tette. La pelle morbida della sua scollatura era buona quasi quanto la sua figa, ha aggiunto al piacere succhiando la testa del mio cazzo. Non passò molto tempo prima che sentissi le mie palle iniziare a stringersi, deve aver sentito il mio cazzo gonfiarsi perché ha aumentato la sua aspirazione e ha iniziato a masturbarmi di nuovo stringendomi forte. Non ce la facevo più e le entrai in bocca. Quasi mi aspettavo che lo ingoiasse, invece ha afferrato alcuni fazzoletti dal tavolo e si è asciugato la bocca, ma non prima di aver tirato fuori la lingua che era ricoperta dal mio sperma. Dopo aver pulito, ci siamo seduti sul tavolo e abbiamo parlato un po'.

"dove hai imparato a farlo?" le ho chiesto ridendo.

"Te l'ho detto, ho fatto qualcosa di cui non sono orgoglioso alle medie". Disse con un'alzata di spalle.

Le poso una mano sulla spalla. "non importa adesso." dissi e le sorrisi.

"sai; Non mi dispiacerebbe farlo di nuovo". Lei disse

"che ne dici di uscire qualche volta." ho detto

"Facciamolo." Mi sorrise seducente.

Ho portato Ary a casa, poi sono tornato a casa mia. Abbiamo finito per inviare messaggi più tardi e abbiamo deciso di incontrarci più tardi quella settimana. Ho pulito il mio garage e sistemato il mio futon nell'angolo.

La settimana trascorse velocemente da allora e venne venerdì.

Quella sera arrivò Ary con il suo zaino. Indossava una maglietta e un paio di pantaloni che più li guardavo più sembravano stretti.

"è quasi ora." dissi e la guidai dentro.

"Questo è abbastanza carino." Disse gettando la borsa a terra e si lasciò cadere sul futon. "Così quello che ora?"

Mi sono seduto accanto a lei "Penso che potremmo guardare Netflix".

Ci siamo seduti per un po' con Ary sdraiata contro di me mentre io la cingevo con un braccio. Dopo un po' ho suggerito di sdraiarci sul futon, quindi l'ho aperto e regolato, in modo che il piede fosse rivolto verso la Tv.

Quando ci siamo sdraiati abbiamo continuato a guardare lo spettacolo. Con tutto quello che avevamo fatto finora sembrava che ci fosse molta tensione. Sembrava quasi imbarazzante.

"comodo?" Ho chiesto.

"Arrivarci." Lei sussurrò.

Ho fatto dei cerchi sulla sua gamba guardando la sua reazione che mi ha guardato e poi ha guardato la TV e penso che volesse vedere cosa stavo facendo. Mi sono fatto strada su per la sua coscia, mi sentivo come se mi prendesse la mano e mi chiamasse, ma invece non lo fece, finse solo di continuare a guardare la TV. Alla fine, ho raggiunto il suo stomaco, sapevo che questo era uno dei suoi punti più delicati. Le ho sollevato leggermente la maglietta e ho iniziato a strofinarle l'ombelico. Mi sono spostato di nuovo sul suo bacino, l'ho strofinato dappertutto iniziando a ottenere una reazione più sensuale da parte sua. Ha aperto un po' le gambe e l'ho preso come il mio segnale per andare avanti. Le strofinai furiosamente la figa attraverso i pantaloni mentre ansimava.

Poi mi è venuta un'idea e ho iniziato a mordicchiarle il collo. Una volta abbiamo parlato dei nostri punti più vulnerabili e questo era il suo.

Improvvisamente mi ha fermato "Ci hai messo abbastanza tempo". Mi sorrise in modo sarcastico.

"Avresti potuto iniziare anche tu." Le ho tirato fuori la lingua.

Mi è salita sopra e abbiamo iniziato a pomiciare. "Com'è questo per iniziare?"

Ci siamo rotolati all'indietro così ero sopra, ho iniziato ad accarezzarle i seni attraverso la maglietta. Abbiamo rotolato così ero in cima e ho iniziato a diventare più aggressivo. Le ho arrotolato la maglietta e ho iniziato a baciarle il décolleté, poi sono risalito fino al suo collo e l'ho leccato dolcemente. Sussultò e io tornai giù per continuare a giocare con i suoi seni. Li ho tirati fuori dal reggiseno e ho iniziato a leccarle i capezzoli.

Non ci volle molto prima che iniziasse a gemere, "qualcuno si sta divertendo?" Le sorrisi.

"qualcuno si sta davvero divertendo, posso dirlo." Lei ha ribattuto.

Le ho tolto la maglietta e il reggiseno e li ho gettati da parte, sono tornato a giocare con i suoi seni finché non mi ha fermato e mi ha spinto sul futon.

"Il mio turno." Disse mentre apriva i miei pantaloni rilasciando il mio cazzo.

All'inizio, lo accarezzò leggermente facendomi una smorfia "dai, dov'è tutto quel parlare di farmi venire così in fretta". Ho detto.

Mi strinse più forte e poi senza preavviso iniziò a succhiare la testa mandandomi elettricità lungo la schiena.

Mi ha guardato sorridendo con i suoi occhi, mi sono seduto e mi sono goduto la sensazione. Dopo un po' la fermai e la feci alzare.

"proviamo 69." Ho suggerito, e lei ha accettato, quindi si è tolta i pantaloni e si è arrampicata sopra di me.

È tornata a succhiarmi il cazzo, ho solo fissato il suo buco bagnato per qualche secondo. Anche con un po' di pelo era allettante, devo averla fissata troppo a lungo perché si è fermata e si è lamentata con me.

"Hai intenzione di fissarlo?"

Le ho aperto le labbra e le ho leccate delicatamente. Era un sapore pungente ma dolce, ho iniziato a leccare più velocemente e a spingere un dito dentro.

"è più così, continua così." Ha detto prima di tornare a succhiare.

Questo è andato avanti per alcuni minuti, ho sentito la sua figa stringersi attorno al mio dito, ho anche sentito le mie palle iniziare a stringere. Ho aumentato la mia velocità e anche lei, quasi come se fosse una gara per vedere chi avrebbe fatto venire chi per primo.

Avevo vinto, quando la sua figa ha stretto il mio dito e ho sentito i suoi succhi fluire sul mio viso. Nemmeno un secondo dopo che le mie palle si sono serrate e sono entrato nella sua bocca, ho pensato che lo avrebbe sputato fuori, ma poi ho sentito la sua aspirazione aumentare. Lo stava bevendo e questo mi ha solo fatto venire di più, quando finalmente mi sono fermato ci siamo seduti uno accanto all'altro e ci siamo asciugati il ​​pasticcio sui volti.

"Ti sei tenuto duro per tutta la settimana, vero?" lei rise

"Semplicemente non mi aspettavo che lo bevessi." ho sorriso.

"oh, ti è piaciuto?" lei strizzò l'occhio, si alzò "quindi cosa c'è dopo?"

"Mi stai lasciando decidere?" ho chiesto

Mi fece l'occhiolino e tirò fuori la lingua.

"Bene piegarsi sul braccio."

Ha fatto come ho detto e ha allargato le gambe, ho spinto nella sua figa bagnata sentendo i suoi muscoli afferrarmi in modo invitante.

"Oh sì, ci hai messo abbastanza tempo." Ha deriso

Ho spinto il più in profondità possibile, quindi ho tirato fuori quasi tutto il percorso lavorando con spinte lunghe e veloci.

"come ti piace?" dissi aumentando la velocità e spingendo verso l'alto.

"Migliorare." Ha detto di nuovo

Mentre continuavo a spingere, le presi le mani piene del sedere e iniziai a spremere dolcemente premiandomi con un gemito e la sua figa che si stringeva.

"vai più forte". Disse gemendo un po'.

Ho iniziato a spingere con più forza schiaffeggiando i nostri bacini insieme. Ho sentito il familiare formicolio nel mio cazzo "Sborro presto". Ho detto.

"Solo un po' di più, continua così." Lei gemette, io allungai una mano e iniziai a palpare i suoi seni. Ho giocato con i suoi capezzoli cercando di farla uscire più velocemente.

Mi sono tirato fuori e lei si è lamentata "perché ti sei fermato?"

"cambia posizione, siediti sul bordo". Ho detto, ho posato il braccio e lei si è seduta sul bordo.

Mi sono spinto indietro per diventare più profondo, ho lavorato di nuovo a una velocità costante e lei ha avvolto le gambe intorno a me.

"oh, questo è molto meglio." Gemeva mentre mi chinavo per succhiare i suoi capezzoli eretti.

Mi sono sentito avvicinare di nuovo e ho iniziato a battere più forte

"Sto per venire." Ho detto ma lei continuava a tenermi, quindi ho picchiato ancora un paio di volte in profondità e poi mi sono tirato indietro il più possibile per venire più vicino all'ingresso. Ho sentito la sua figa iniziare a stringermi mentre le succhiavo il capezzolo un po' più forte.

ci siamo sdraiati sul divano esausti

"Non male." Disse mentre mi alzavo per pulire.

Mi sono asciugato la sborra mentre gocciolava fuori da lei e ho pulito il più possibile.

Ci siamo seduti e abbiamo guardato Netflix insieme ancora nudi, mentre guardavamo che continuavo a strofinarle la gamba o a giocare con la sua figa mentre lei mi masturbava. Siamo finiti di nuovo nella posizione 69 dopo che entrambi siamo tornati di nuovo, ci siamo semplicemente seduti lì appoggiati l'uno all'altro.

"pronto per ripartire?" chiese Ary con un sorriso malizioso. Ho annuito.

"Vai in cima questa volta." ho detto

Mi sono seduto e l'ho guardata mentre si alzava e mi si arrampicava in grembo, il mio cazzo è diventato più duro solo per la vista.

Si è abbassata sul mio cazzo e ho sentito i suoi muscoli prendere quasi una morsa su di me. Ha iniziato a rimbalzare immediatamente e ho visto le sue tette rimbalzare su e giù con lei. Li ho presi e ho giocato di nuovo mentre scopavamo.

Dopo un po' ho capito che si stava annoiando di questa posizione, quindi ci siamo scambiati e si è appoggiata di nuovo sul davanti del divano. Quando abbiamo ricominciato a scopare, mi sono chinato per iniziare a baciarle il collo e questo l'ha fatta gemere ancora di più. Quando mi stavo avvicinando si fermò e mi fece sedere di nuovo.

Si è inginocchiata e ha iniziato a masturbarmi con le sue tette, strofinandole su e giù, poi ha ricominciato a succhiare la punta.

Mi ha mandato oltre il limite "Sto venendo". Grugnii e lei risucchiò di nuovo l'intera testa in bocca. Le sono venuta direttamente in bocca e l'ha bevuta.

"Sei una ragazza perversa." Le ho sorriso e lei mi ha tirato fuori la lingua, potevo ancora vedere un po' del mio sperma sulla sua lingua.

Dopo di che ci siamo sdraiati sotto la coperta a cucchiaio, ogni volta che diventavo duro di nuovo uno di noi si muoveva e scopavamo proprio così finché non ci addormentavamo entrambi.

Storie simili

Lascia che una Playa giochi

Lascia che A Playa Play Storia di Charles che usa il suo bell'aspetto e il suo fascino per scopare tutte le donne che vuole. Oooohh cazzo, mmmmm. geme con una gamba sulla mia spalla, mutandine nere con rifiniture rosa che pendono dal suo piede mentre attacco vigorosamente la sua figa con la mia lingua. Essendo questo il suo ultimo giorno di lavoro, ho pensato di mandarla via con un regalo d'addio. Più simile a questo è ciò che ti mancherà presente. Mentre si morde il labbro, mi afferra la nuca e mi preme il viso nella sua figa bagnata. Non sai...

637 I più visti

Likes 0

Ho reso la ragazza popolare la mia schiava del dolore 3

Mi sveglio lentamente con una strana sensazione, qualcuno nel mio letto con me. Ricordo la scorsa notte con Taylor tutte le cose che avevamo fatto, i piaceri che ci eravamo fatti provare ma soprattutto ricordo quello sguardo nei suoi occhi e il modo in cui mi aveva detto che pensava di innamorarsi di me solo prima che si addormentasse avvolta tra le mie braccia. Sento che il mio cazzo è duro e preme contro il suo culo, si muove e allarga le gambe dandomi un facile accesso alla sua figa. Rimango lì per un momento cercando di capire se sta dormendo...

102 I più visti

Likes 0

Papà torna a casa dal lavoro (pt. 9)

Mi sono svegliato luminoso e presto un sabato mattina con la meravigliosa sensazione di un pompino mattutino. Non era da mia moglie darmi la testa, ma ogni tanto mi sorprendeva in questo modo quando si svegliava di umore piuttosto vivace. Ho apprezzato la sensazione delle labbra bagnate che scivolavano su e giù per il mio palo e la mano che mi accarezzava le palle, la mano sembrava familiare e non come quella di mia moglie, quindi ho finito di strofinarmi gli occhi e ho guardato in basso per trovare mia figlia Rosie che mi maneggiava amorevolmente. Non preoccuparti papà, la mamma...

143 I più visti

Likes 0

Un po' di magia nera Capitolo 1

Capitolo 1 Questa è la mia storia... No. Questa è la mia confessione. Non sono sicuro che quello che ho fatto sia stato un crimine, ma è stato sicuramente contro natura. Il mio ultimo anno al college e in effetti le ultime settimane fino a quando non sarei stato cerimoniosamente inserito nel mondo del lavoro. Mi trovavo nel bagno che accompagnava la mia camera da letto esplorando il mio corpo allo specchio. Le lenti spesse dei miei occhiali mi facevano sgranare gli occhi sotto il disordine ondulato dei capelli neri. La mia pelle era pallida per aver passato giorni nelle biblioteche...

758 I più visti

Likes 0

Ufficiale superiore

Ensign, è meglio che ci sia un'ottima ragione per essere qui Il guardiamarina Philips non aveva una buona ragione per essere nella sala degli ufficiali, sentiva il cuore crollare sui suoi stivali da combattimento Girati quando ti parlo Guardiamarina Il guardiamarina Philips si voltò lentamente, con le spalle leggermente cascanti per la sconfitta, quando vide chi lo affrontava, dimenticò completamente le vere ragioni per essere qui, infatti praticamente si dimenticò di tutto Allora Guardiamarina, che diavolo ci fai qui nella Sala Ufficiali? Il capitano Jean Harigan, l'unica donna ufficiale sulla nave e non solo è l'unica donna ufficiale sulla nave, è...

181 I più visti

Likes 0

Una ragazza impara la lezione

Tornando faticosamente verso le stalle, Katy si chiese se questo lavoro valesse davvero tutti gli sforzi. Aveva fatto una lunga passeggiata e ora stava iniziando a piovere. Si sarebbe bagnata nell'ultimo miglio. Ha tirato il guinzaglio del cane e ha iniziato a correre verso la fattoria e il rifugio. Da sei settimane lavorava al maneggio e le vacanze estive erano quasi finite. Questo è stato l'inizio della sua ultima settimana. Il lavoro non era molto ben pagato, ma poi la signora Johnson, la proprietaria della scuola di equitazione, permise a Katy di stallare il proprio cavallo lì gratuitamente e fu in...

613 I più visti

Likes 0

Tim, l'adolescente parte XV

Nota: ——NON sono l'autore! Ci sono diversi autori in realtà, non sono così sicuro che qualcuno di loro sia il creatore, ma so che non sono io. Sto semplicemente condividendo questa bella storia con tutti voi perché non l'ho vista qui. Ora in origine dovevano essere tutte 9 parti, ma... Qualcuno ha detto che la prima era troppo lunga, quindi ho deciso di dividerle tutte in post più piccoli. Ho pensato di provare un aspetto e una struttura della frase diversi per questo capitolo, per favore fatemi sapere come vi piace. BUON APPETITO--- Tim, l'adolescente parte quindici di: Rass Senip +++...

803 I più visti

Likes 2

Spingere i confini.

Sono stato sposato con Tina per 3 anni. Fin dall'inizio mi ha sorpreso con i giochi che ha giocato. All'inizio stavo semplicemente entrando nel salone nuda sapendo che non importa a che ora del giorno o della notte mi sarei subito arrapato e l'avrei scopata. Lo fa a volte quando la TV era accesa e io stavo guardando il mio programma televisivo preferito. Ha detto che voleva vedere se per me significava più di uno stupido programma televisivo. Solo per assicurarsi che fossi distratto, insisteva che mi sdraiassi sul pavimento e si sedeva sulla mia faccia così non potevo vedere nient'altro...

829 I più visti

Likes 0

Figlia dei vicini: Sporco segreto

È successo quando avevo 16 anni un giorno d'estate. La scuola era finita e cominciavano le vacanze. Vivo alla fine della casa in stile cottage dove i nostri vicini sono dall'altra parte del muro. Nella porta accanto vive la mia amica Eve, ha la mia età, capelli biondi e corpo da urlo. Quanto a me, sono proprio come lei, solo che ho i capelli scuri. Pochi giorni fa ho notato una cosa interessante ... il telefono ha squillato a casa di Eves e dopo pochi minuti lei è spento da qualche parte. l'ultimo giorno lo stesso. Quindi ho deciso di rintracciarla...

808 I più visti

Likes 0

Jaded Parte 1- Riva dell'acqua

Tutto quello a cui riuscivo a pensare era quanto faceva caldo oggi e quanto faceva freddo ieri; i forti venti che avevano soffiato la mia borsa Walmart attraverso il parcheggio mentre i miei amici avevano ridacchiato al mio inseguimento si erano trasformati in intensi raggi che picchiavano sul mio corpo di sedicenne. Sarò onesto, era un corpo che la maggior parte dei miei amici, anche i più grandi, invidiavano ed era in parte a causa del mio corpo che le ragazze più grandi uscivano comunque con me. Il mio viso innocente e i lunghi capelli biondi si sono complimentati con il...

635 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.