Campeggio andato a destra ch 2_(1)

3.3KReport
Campeggio andato a destra ch 2_(1)

Ho visto il culo di Ary tremare mentre salivamo la rampa laterale della chiesa, la mia mente continuava a balenare con i ricordi del ritiro. Abbiamo parlato a lungo su Facebook nelle ultime settimane, anche se abbiamo parlato di cose casuali, la conversazione è sempre tornata al tema del sesso. Sapevamo entrambi che era un tabù, ma l'esperienza ci aveva avvicinati, quell'ultimo muro era rotto e non si poteva tornare indietro.

Ero perso nei miei pensieri e quasi l'ho urtato quando si è girata. "Mi stavi fissando di nuovo il culo?" lei disse

Scossi la testa "io?" Ho detto leggermente sarcastico "mai".

Mi sorrise "certo". Si voltò lanciandomi i capelli. Era quasi come un gioco, il nostro strano modo di flirtare.

Stavamo trasferendo scatole dall'ufficio del direttore dei bambini nella casa sul retro all'ufficio nella cappella. Come al solito ero qui perché qualcuno mi chiedeva aiuto ma perché Ary fosse qui era un mistero, soprattutto perché mi faceva portare tutte le scatole.

"Sei un uomo, vero?" mi aveva preso in giro. Non mi dispiaceva fare tutto il lavoro poiché mi dava la possibilità di guardare Ary attraverso le scatole trasparenti che avevo accatastato.

Quando finalmente siamo saliti le scale per l'ufficio, mi ha fatto mettere le scatole in un angolo e poi mi ha dato una pacca sulla testa "bravo ragazzo". Disse con voce dolce.

Ho deciso di riaverla indietro e l'ho colta alla sprovvista baciandole il collo. Non era fuori luogo per me colpirle i fianchi o la nuca, ma oggi mi sono sentito molto audace. Sussultò e la guardò torvo, ero sicura che se avesse avuto una vista calda mi avrebbe ridotto in cenere. Corsi verso le scale, ma lei mi afferrò da dietro, premendo i suoi grossi seni contro la mia schiena. Poi si è allungata e ha afferrato il mio cazzo. Sono diventato duro molto rapidamente, da tutto il tempo che abbiamo passato a parlare dei nostri punti sensibili sapeva esattamente quali pulsanti premere.

"ti piace quello?" mi sussurrò all'orecchio. Ho annuito, ho sentito dei passi vicino alle scale, quindi si è lasciata andare e si è allontanata da me. "Andiamo a prendere le altre scatole."

Ha iniziato a scendere le scale lasciandomi con la bocca socchiusa e il mio cazzo dolorante. L'ho seguita mentre cercavo di aggiustarmi i pantaloni in modo che la mia erezione fosse meno evidente, non potevo fare a meno di fissarle il sedere di nuovo. Oscillava i fianchi in modo più seducente, molto probabilmente per darmi un incentivo a continuare a muovermi.

Mi ha aiutato a portare la scrivania in ufficio e poi si è seduta su di essa. "quasi fatto." Lei disse.

Mi sono appoggiato su un lato. "Sì, ma poi non sarò più in grado di guardarti." dissi appoggiando la mia mano sulla sua gamba.

"beh, c'è molto da guardare." Disse afferrandosi il grasso della pancia. Non riuscivo a capire perché le ragazze fossero sempre così imbarazzate.

"Questo significa solo che c'è più di te da amare." Mi sono alzato e mi sono arrampicato accanto a lei sulla scrivania.

Ci siamo avvicinati e ho iniziato a mordicchiarle il collo mentre raggiungendo sotto la sua maglietta ancora una volta abbiamo sentito dei passi che salivano le scale. Sospirai e velocemente ci rialzammo sollevando la scrivania per spostarla nel nuovo ufficio.

Mentre tornavamo giù, l'ho guardata e lei ha alzato le spalle nel suo modo carino. Se solo avessimo più tempo, so che finirebbe in un'altra sessione. Adesso scuoteva il sedere in modo più seducente, non potevo farne a meno prima che scendesse l'ultimo gradino, le presi una manciata di sedere e la strinsi. Si è guardata indietro e ho pensato che mi avrebbe schiaffeggiato, ma invece mi ha semplicemente respinto. Caddi sul gradino che mi offrì la mano per aiutarmi ad alzarmi.

Mi ha tirato su, ma poi mi ha avvicinato "attenzione, qualcuno potrebbe vederti stare troppo a tuo agio". Ha detto e proprio prima di dimettersi si è "accidentalmente" strofinata contro di me.

Abbiamo finito di aiutare in chiesa, quindi ci siamo seduti nella Cappella e abbiamo parlato per un po'. "Quindi, non me l'hai mai detto, come hai fatto a farla franca a masturbare qualcuno sul sedile anteriore di uno scuolabus?" Ho chiesto.

"Beh, posso mostrartelo", sussurrò e fece scorrere il dito ora sul mio petto. "ma andiamo alla casa della gioventù."

Il solo pensiero mi ha dato un'erezione. Lei se ne accorse e mi sorrise, scendemmo le scale laterali e uscimmo dalla porta sul retro. Dopo aver attraversato il parcheggio siamo arrivati ​​alla casa che hanno ristrutturato per usarla come luogo di ritrovo per i ragazzi delle scuole medie e superiori. Oggi era vuoto poiché l'hanno già ripulito. Siamo entrati nella stanza di mezzo che aveva un grande tavolo da conferenza e sedie imbottite, lei mi ha spinto su uno e si è inginocchiata per aprirmi i pantaloni. Ha tirato fuori il mio cazzo da dietro le mie mutande.

Ha iniziato a masturbarmi e poi ha leccato la parte inferiore dal centro alla testa. Mi ha mandato un brivido lungo la schiena, non ci è voluto molto prima che iniziasse a succhiare la testa. Potrei dire che doveva averlo fatto prima, all'improvviso si fermò.

"Perché ti sei fermato?" chiesi confuso.

"Ho un'idea che potrebbe piacerti." Disse e si tolse la maglietta, slacciando il reggiseno che gettò entrambi sul tavolo.

Si è rimessa in ginocchio ma questa volta invece di masturbarmi con le mani ha usato le tette. La pelle morbida della sua scollatura era buona quasi quanto la sua figa, ha aggiunto al piacere succhiando la testa del mio cazzo. Non passò molto tempo prima che sentissi le mie palle iniziare a stringersi, deve aver sentito il mio cazzo gonfiarsi perché ha aumentato la sua aspirazione e ha iniziato a masturbarmi di nuovo stringendomi forte. Non ce la facevo più e le entrai in bocca. Quasi mi aspettavo che lo ingoiasse, invece ha afferrato alcuni fazzoletti dal tavolo e si è asciugato la bocca, ma non prima di aver tirato fuori la lingua che era ricoperta dal mio sperma. Dopo aver pulito, ci siamo seduti sul tavolo e abbiamo parlato un po'.

"dove hai imparato a farlo?" le ho chiesto ridendo.

"Te l'ho detto, ho fatto qualcosa di cui non sono orgoglioso alle medie". Disse con un'alzata di spalle.

Le poso una mano sulla spalla. "non importa adesso." dissi e le sorrisi.

"sai; Non mi dispiacerebbe farlo di nuovo". Lei disse

"che ne dici di uscire qualche volta." ho detto

"Facciamolo." Mi sorrise seducente.

Ho portato Ary a casa, poi sono tornato a casa mia. Abbiamo finito per inviare messaggi più tardi e abbiamo deciso di incontrarci più tardi quella settimana. Ho pulito il mio garage e sistemato il mio futon nell'angolo.

La settimana trascorse velocemente da allora e venne venerdì.

Quella sera arrivò Ary con il suo zaino. Indossava una maglietta e un paio di pantaloni che più li guardavo più sembravano stretti.

"è quasi ora." dissi e la guidai dentro.

"Questo è abbastanza carino." Disse gettando la borsa a terra e si lasciò cadere sul futon. "Così quello che ora?"

Mi sono seduto accanto a lei "Penso che potremmo guardare Netflix".

Ci siamo seduti per un po' con Ary sdraiata contro di me mentre io la cingevo con un braccio. Dopo un po' ho suggerito di sdraiarci sul futon, quindi l'ho aperto e regolato, in modo che il piede fosse rivolto verso la Tv.

Quando ci siamo sdraiati abbiamo continuato a guardare lo spettacolo. Con tutto quello che avevamo fatto finora sembrava che ci fosse molta tensione. Sembrava quasi imbarazzante.

"comodo?" Ho chiesto.

"Arrivarci." Lei sussurrò.

Ho fatto dei cerchi sulla sua gamba guardando la sua reazione che mi ha guardato e poi ha guardato la TV e penso che volesse vedere cosa stavo facendo. Mi sono fatto strada su per la sua coscia, mi sentivo come se mi prendesse la mano e mi chiamasse, ma invece non lo fece, finse solo di continuare a guardare la TV. Alla fine, ho raggiunto il suo stomaco, sapevo che questo era uno dei suoi punti più delicati. Le ho sollevato leggermente la maglietta e ho iniziato a strofinarle l'ombelico. Mi sono spostato di nuovo sul suo bacino, l'ho strofinato dappertutto iniziando a ottenere una reazione più sensuale da parte sua. Ha aperto un po' le gambe e l'ho preso come il mio segnale per andare avanti. Le strofinai furiosamente la figa attraverso i pantaloni mentre ansimava.

Poi mi è venuta un'idea e ho iniziato a mordicchiarle il collo. Una volta abbiamo parlato dei nostri punti più vulnerabili e questo era il suo.

Improvvisamente mi ha fermato "Ci hai messo abbastanza tempo". Mi sorrise in modo sarcastico.

"Avresti potuto iniziare anche tu." Le ho tirato fuori la lingua.

Mi è salita sopra e abbiamo iniziato a pomiciare. "Com'è questo per iniziare?"

Ci siamo rotolati all'indietro così ero sopra, ho iniziato ad accarezzarle i seni attraverso la maglietta. Abbiamo rotolato così ero in cima e ho iniziato a diventare più aggressivo. Le ho arrotolato la maglietta e ho iniziato a baciarle il décolleté, poi sono risalito fino al suo collo e l'ho leccato dolcemente. Sussultò e io tornai giù per continuare a giocare con i suoi seni. Li ho tirati fuori dal reggiseno e ho iniziato a leccarle i capezzoli.

Non ci volle molto prima che iniziasse a gemere, "qualcuno si sta divertendo?" Le sorrisi.

"qualcuno si sta davvero divertendo, posso dirlo." Lei ha ribattuto.

Le ho tolto la maglietta e il reggiseno e li ho gettati da parte, sono tornato a giocare con i suoi seni finché non mi ha fermato e mi ha spinto sul futon.

"Il mio turno." Disse mentre apriva i miei pantaloni rilasciando il mio cazzo.

All'inizio, lo accarezzò leggermente facendomi una smorfia "dai, dov'è tutto quel parlare di farmi venire così in fretta". Ho detto.

Mi strinse più forte e poi senza preavviso iniziò a succhiare la testa mandandomi elettricità lungo la schiena.

Mi ha guardato sorridendo con i suoi occhi, mi sono seduto e mi sono goduto la sensazione. Dopo un po' la fermai e la feci alzare.

"proviamo 69." Ho suggerito, e lei ha accettato, quindi si è tolta i pantaloni e si è arrampicata sopra di me.

È tornata a succhiarmi il cazzo, ho solo fissato il suo buco bagnato per qualche secondo. Anche con un po' di pelo era allettante, devo averla fissata troppo a lungo perché si è fermata e si è lamentata con me.

"Hai intenzione di fissarlo?"

Le ho aperto le labbra e le ho leccate delicatamente. Era un sapore pungente ma dolce, ho iniziato a leccare più velocemente e a spingere un dito dentro.

"è più così, continua così." Ha detto prima di tornare a succhiare.

Questo è andato avanti per alcuni minuti, ho sentito la sua figa stringersi attorno al mio dito, ho anche sentito le mie palle iniziare a stringere. Ho aumentato la mia velocità e anche lei, quasi come se fosse una gara per vedere chi avrebbe fatto venire chi per primo.

Avevo vinto, quando la sua figa ha stretto il mio dito e ho sentito i suoi succhi fluire sul mio viso. Nemmeno un secondo dopo che le mie palle si sono serrate e sono entrato nella sua bocca, ho pensato che lo avrebbe sputato fuori, ma poi ho sentito la sua aspirazione aumentare. Lo stava bevendo e questo mi ha solo fatto venire di più, quando finalmente mi sono fermato ci siamo seduti uno accanto all'altro e ci siamo asciugati il ​​pasticcio sui volti.

"Ti sei tenuto duro per tutta la settimana, vero?" lei rise

"Semplicemente non mi aspettavo che lo bevessi." ho sorriso.

"oh, ti è piaciuto?" lei strizzò l'occhio, si alzò "quindi cosa c'è dopo?"

"Mi stai lasciando decidere?" ho chiesto

Mi fece l'occhiolino e tirò fuori la lingua.

"Bene piegarsi sul braccio."

Ha fatto come ho detto e ha allargato le gambe, ho spinto nella sua figa bagnata sentendo i suoi muscoli afferrarmi in modo invitante.

"Oh sì, ci hai messo abbastanza tempo." Ha deriso

Ho spinto il più in profondità possibile, quindi ho tirato fuori quasi tutto il percorso lavorando con spinte lunghe e veloci.

"come ti piace?" dissi aumentando la velocità e spingendo verso l'alto.

"Migliorare." Ha detto di nuovo

Mentre continuavo a spingere, le presi le mani piene del sedere e iniziai a spremere dolcemente premiandomi con un gemito e la sua figa che si stringeva.

"vai più forte". Disse gemendo un po'.

Ho iniziato a spingere con più forza schiaffeggiando i nostri bacini insieme. Ho sentito il familiare formicolio nel mio cazzo "Sborro presto". Ho detto.

"Solo un po' di più, continua così." Lei gemette, io allungai una mano e iniziai a palpare i suoi seni. Ho giocato con i suoi capezzoli cercando di farla uscire più velocemente.

Mi sono tirato fuori e lei si è lamentata "perché ti sei fermato?"

"cambia posizione, siediti sul bordo". Ho detto, ho posato il braccio e lei si è seduta sul bordo.

Mi sono spinto indietro per diventare più profondo, ho lavorato di nuovo a una velocità costante e lei ha avvolto le gambe intorno a me.

"oh, questo è molto meglio." Gemeva mentre mi chinavo per succhiare i suoi capezzoli eretti.

Mi sono sentito avvicinare di nuovo e ho iniziato a battere più forte

"Sto per venire." Ho detto ma lei continuava a tenermi, quindi ho picchiato ancora un paio di volte in profondità e poi mi sono tirato indietro il più possibile per venire più vicino all'ingresso. Ho sentito la sua figa iniziare a stringermi mentre le succhiavo il capezzolo un po' più forte.

ci siamo sdraiati sul divano esausti

"Non male." Disse mentre mi alzavo per pulire.

Mi sono asciugato la sborra mentre gocciolava fuori da lei e ho pulito il più possibile.

Ci siamo seduti e abbiamo guardato Netflix insieme ancora nudi, mentre guardavamo che continuavo a strofinarle la gamba o a giocare con la sua figa mentre lei mi masturbava. Siamo finiti di nuovo nella posizione 69 dopo che entrambi siamo tornati di nuovo, ci siamo semplicemente seduti lì appoggiati l'uno all'altro.

"pronto per ripartire?" chiese Ary con un sorriso malizioso. Ho annuito.

"Vai in cima questa volta." ho detto

Mi sono seduto e l'ho guardata mentre si alzava e mi si arrampicava in grembo, il mio cazzo è diventato più duro solo per la vista.

Si è abbassata sul mio cazzo e ho sentito i suoi muscoli prendere quasi una morsa su di me. Ha iniziato a rimbalzare immediatamente e ho visto le sue tette rimbalzare su e giù con lei. Li ho presi e ho giocato di nuovo mentre scopavamo.

Dopo un po' ho capito che si stava annoiando di questa posizione, quindi ci siamo scambiati e si è appoggiata di nuovo sul davanti del divano. Quando abbiamo ricominciato a scopare, mi sono chinato per iniziare a baciarle il collo e questo l'ha fatta gemere ancora di più. Quando mi stavo avvicinando si fermò e mi fece sedere di nuovo.

Si è inginocchiata e ha iniziato a masturbarmi con le sue tette, strofinandole su e giù, poi ha ricominciato a succhiare la punta.

Mi ha mandato oltre il limite "Sto venendo". Grugnii e lei risucchiò di nuovo l'intera testa in bocca. Le sono venuta direttamente in bocca e l'ha bevuta.

"Sei una ragazza perversa." Le ho sorriso e lei mi ha tirato fuori la lingua, potevo ancora vedere un po' del mio sperma sulla sua lingua.

Dopo di che ci siamo sdraiati sotto la coperta a cucchiaio, ogni volta che diventavo duro di nuovo uno di noi si muoveva e scopavamo proprio così finché non ci addormentavamo entrambi.

Storie simili

IN PALESTRA_(1)

Uno dei vantaggi dell'azienda per cui lavoro è l'appartenenza alla loro palestra. Mi alleno 3-4 volte a settimana dalla nascita della nostra bambina. Mi ero preso un giorno libero per portare la nostra bambina dal dottore per un controllo. Andava tutto bene mentre ci dirigevamo verso la casa di mia madre. Sentivo che avevo bisogno di un po' di tempo da sola, così ho chiesto a mia madre di tenere Heather tutta la notte. Bruce era fuori città per lavoro, quindi ho programmato un film tranquillo a casa. Anche la mia collaboratrice Susie si è allenata nella stessa palestra. A mia...

3.8K I più visti

Likes 0

La Congrega Parte 1 - Reed_(1)

Canna AIUTAMI QUALCUNO AIUTI PER FAVORE!!! urlò una giovane donna mentre veniva trascinata dentro dalla porta principale da un sorridente Jackson. La teneva per il collo mentre tutti nell'area del bar ridevano e sorridevano alla pietosa donna. Era attraente, con i capelli biondi tinti tagliati in un caschetto disordinato e enormi occhi castani. Indossava una specie di uniforme, ma era talmente strappata che nessuno poteva distinguere con certezza cosa ci fosse scritto. Andò nel panico, guardando tutti nella stanza, sperando che qualcuno la salvasse. Ma a nessuno fregava un cazzo. Alcuni dei ragazzi più grandi stavano giocando a freccette vicino al...

982 I più visti

Likes 0

Giorni nel dormitorio-Parte 1

Beh, vivo in un dormitorio universitario, quindi puoi immaginare che vedo, sento parlare e faccio MOLTO sesso. Non sono mai stata una puttana ma apprezzo il corpo maschile. Una delle mie scopate preferite è avvenuta durante il primo mese di college con il mio migliore amico, Mike. Sono amico di lui fin dal primo anno del liceo e la nostra amicizia è una cosa che apprezzo molto. Sono venuto al nord (nella California settentrionale dalla California meridionale) per andare a scuola nell'agosto dello scorso anno. Ero piuttosto sola nel mio dormitorio dato che non avevo un compagno di stanza, così ho...

558 I più visti

Likes 0

Il nuovo inizio di Sarah, parte 3

Mi misi l'impermeabile e andai allo specchio da toeletta. Un'ondata di energia mi attraversò il corpo mentre mi guardavo allo specchio in piedi nudo con indosso il cappotto e le mie calze nere e nient'altro. I miei capezzoli erano eretti e teneri e mi sentivo come una donna sensuale e sexy, l'intera immagine era così erotica. Andai in ufficio e presi solo le chiavi dell'ufficio e tornai a sedermi ad aspettare la limousine con Lance e Michigan. Dopo qualche minuto il telefono di Lance squillò e ci alzammo e uscimmo dall'ufficio, questa volta ho controllato la porta per assicurarmi che fosse...

2.7K I più visti

Likes 0

I ragazzi ricchi amano 47_(0)

Qualche giorno dopo mi sono svegliato a letto ma Harvey non c'era. mi sono alzato dal letto e ho detto piccola? quando sono uscito dalla stanza c'era una borsa piena e Harvey era vicino alla porta ho detto ehi piccola dove stai andando? harvey mi ha guardato e ha detto leon mi dispiace non ti amo più (queste parole sembravano come se fossi appena stato tagliato con il coltello più affilato) ho guardato harvey e ho detto cosa e ho iniziato a respirare pesantemente e ho iniziato a piangere molto forte ha detto harvey mi dispiace di lasciarti harvey ha aperto...

1.2K I più visti

Likes 0

My Fun Family (rivisto)

Jake si è svegliato, intontito come al solito, per un altro noioso sabato a casa. Le sue giornate seguivano sempre la stessa routine durante i fine settimana, ed erano particolarmente peggiori durante l'estate; anche se ha sempre avuto una cosa da guardare al futuro. Jake guardò la tenda formata dalle sue lenzuola. Il suo grosso membro si ergeva come il supporto centrale senza alcun ragionamento dietro il suo montante mattutino. Si abbassò e lo strinse giocosamente, poi si alzò dal letto per ammirare il suo orgoglio. Sette pollici di lunghezza e quasi due di spessore; era di buone dimensioni per un...

1.2K I più visti

Likes 0

Dopo la festa in piscina

Dopo la festa in piscina. La scorsa primavera sono stato invitato al matrimonio di un amico e mi è stato chiesto di restare per il ricevimento; Non sapevo perché, ma sono rimasto comunque. Non conoscevo nessuno tranne il mio amico Fred e la sua nuova moglie. Stavo seduto a un tavolino bevendo del tè freddo e sgranocchiando cracker e formaggio quando è arrivata questa signora e mi ha chiesto se poteva sedersi per qualche minuto che era stata in piedi da quando li aveva presi. Abbiamo chiacchierato un po', le ho detto che mi chiamo Merl e lei ha risposto che...

1.1K I più visti

Likes 0

QUANDO TI DIVERTI

Mi sono sempre piaciute le donne ispaniche. C'è qualcosa in loro che è molto esotico ed eccitante. Forse è una specie di fuoco latino; Forse è il dolce colore della loro pelle scura; i loro occhi scuri... qualcosa ... qualunque cosa ... Mi eccitano! Quindi non sorprende che i miei occhi siano attratti dal dolce scuro giovane e snella senorita seduta davanti a me. sono stato guardandola, di tanto in tanto, da quando siamo partiti. Volo notturno, New York City a Los Angeles, su un aereo pieno solo a metà. Tanti vuoti i sedili ei passeggeri si sono sparpagliati, lasciandone tanti...

914 I più visti

Likes 0

ECONOMIA DOMESTICA_(0)

Andrea Patterson ha controllato la sua agenda giornaliera e ha tirato fuori la cartella di Millie Evans. Lo aprì e lo esaminò rapidamente, prendendo alcuni appunti su un blocco note giallo che aveva sulla sua grande scrivania. Millie era una brava studentessa con una personalità piacevole e sembrava che stesse andando bene in questo suo ultimo anno. Qualcuno bussò alla porta e Millie entrò nell'ufficio di Andrea e si sedette di fronte alla scrivania. Ho appena esaminato i tuoi record e sembra che tu stia andando molto bene al liceo, intonò la signora Patterson, posso attestare il fatto che nella mia...

821 I più visti

Likes 0

Trovare la strada per tornare a casa, parti 5 e 6 di 6

Parte V Dalle parti I - IV: sono tornato dall'Afghanistan, dopo essere stato colpito alla spalla e aver subito due interventi chirurgici per ripararlo. Sono uscito dall'esercito per aiutare mia madre che aveva un cancro alla vescica e ho incontrato la liceale per la quale avevo una cotta. Ho scoperto che era una madre single di una giovane figlia e ho cercato di chiederle di uscire, solo per farmi accusare di trattarla come qualcuno che pensavo non potesse prendersi cura di se stessa e avesse bisogno di essere salvata. Si è resa conto del suo errore e siamo usciti insieme una...

729 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.