Cambiare la realtà (parte 3)

2.1KReport
Cambiare la realtà (parte 3)

Ciao ragazzi e ragazze! È Chase. Sai, la persona di cui parla questa storia.

So cosa stai pensando – Questo non può essere vero. Bene, ti assicuro che lo è assolutamente. Non posso provartelo, a meno che non ci incontriamo un giorno e anche allora, dovrei raccontarti tutto da capo. È qualcosa che non è molto probabile che farò poiché qualsiasi esposizione di chi e cosa sono potrebbe portare alla mia cattura da parte di qualcuno che desidera trasformarmi in una specie di cavia. Non so voi, ma non sono molto entusiasta di essere rinchiuso per il resto dell'eternità e di essere sottoposto a tutti i tipi di esperimenti nel vano tentativo di riprodurre questo...cosa che è successo a me.

Non c'è modo che io possa permettere che succeda. Mi sono divertito troppo nel corso degli anni da quando la mia realtà è cambiata.

Chiunque, torniamo al 1890, vero?

* * * * *

Capitolo 5

Quando ho visto gli occhi di Dao-Ming proiettare quella luce blu intorno alla stanza mentre lei mi cavalcava, ho cercato disperatamente di buttarla via e fuggire dalla stanza, dall'hotel, dalla città – diavolo, sarei fuggito dal continente proprio in quel momento in cui ero così spaventato.

Sfortunatamente per me, più a lungo il suo sguardo era su di me, più debole diventavo. Non cinque minuti dopo, ho scoperto che non potevo alzare la testa dal materasso, non potevo parlare. Non riuscivo nemmeno a muovere un dito, per quanto possa sembrare un cliché. Rimasi cosciente per il momento, cosa che pensavo fosse una buona cosa in quel momento. L'unica parte di me che potevo muovere erano i miei occhi. Ho inviato una preghiera silenziosa affinché qualsiasi cosa fosse sbagliata non sembrava influenzare le mie funzioni autonome come respirare e deglutire.

L'unico suono che potevo sentire era Dao-Ming mentre grugniva e gemeva, cavalcandomi attraverso un orgasmo dopo l'altro. Potevo sentire la sua figa stringersi sul mio albero mentre veniva, i suoi succhi scorrevano copiosamente.

Non sapevo perché, ma non riuscivo a sborrarmi. Se non fossi stato così spaventato in quel momento, probabilmente avrei collegato i punti e capito che tutto ciò che mi teneva immobile mi impediva anche di raggiungere la stessa beatitudine orgasmica che stava chiaramente ottenendo.

Con mia incredulità, ho scoperto che mi piaceva ancora guardarla accarezzare su e giù sul mio cazzo, a volte sgroppando velocemente e duramente, altre volte dolcemente e dolcemente lenta. Sono rimasto estasiato anche dalle sue tette che rimbalzavano avanti e indietro, rivoli di sudore che scorrevano tra di loro mentre andava.

Quando un'ora divenne due, quasi tre, Dao-Ming alla fine rallentò nel mezzo del suo più grande orgasmo e crollò sul mio petto, inghiottendo respiri profondi mentre tremava fino a fermarsi, il mio cazzo ancora sepolto dentro di lei.

Anche mentre si calmava, potevo sentirla sussurrare in quella che potevo solo supporre fosse la sua lingua madre. Potevo sentire uno schema quasi poetico nelle parole, ma non riuscivo a capirlo. Stranamente, questo mi ha spaventato soprattutto.

Capitolo 6

Alcuni minuti dopo, e consegnata a qualunque cosa il destino mi aspettasse, ho guardato la sua testa appoggiata sul mio petto solo per trovarla che mi fissava, gli occhi ancora sfavillanti di luminescenza e un sorriso che le giocava sulle labbra. Ha emesso un profondo sospiro di beatitudine post-coitale che ho sentito più che sentito.

Ero completamente terrorizzato da questa donna, ma non riuscivo a trattenermi dal pensare che fosse ancora la donna più bella che avessi mai visto. Può sembrare strano visto che non riuscivo a muovere un muscolo e completamente alla sua mercé, ma dannazione, era vero!

«Lawrence», sussurrò, sottovoce. “È stato meraviglioso! Sono così felice di averti finalmente incontrato.”

La sua figa si increspava leggermente lungo il mio cazzo come se anche lei stesse esprimendo lo stesso sentimento del suo padrone.

“So cosa stai pensando, mia cara,” disse mentre scivolava via da me. “Il motivo per cui non puoi muoverti è semplice: discendo da un dio. Non il Dio, intendiamoci, ma comunque un dio.

A questo punto, mentre non ero sicuro di poterle credere, non potevo nemmeno crederle.

L'ho seguita con gli occhi mentre si alzava e camminava lentamente avanti e indietro in fondo al letto. I suoi occhi pulsavano di quella strana luce blu mentre parlava.

“P'an Hu era un antico dio cinese che poteva cambiare forma a piacimento tra uomo e cane. Si è accoppiato con una donna e i loro discendenti erano i miei antenati.

"All'inizio eravamo in grado di diventare solo una forma di cane o un'altra, ma nel corso dei millenni abbiamo imparato a controllare questo potere: diventare qualsiasi cosa o chiunque volessimo. L'unico limite era la dimensione del cervello. Qualsiasi cosa più piccola di un gatto domestico standard rendeva il cervello incapace di organizzare il pensiero abbastanza a lungo da tornare alla forma umana.

Mentre parlava, potevo percepire sottili cambiamenti in lei. Un leggero approfondimento della sua voce. Forse un allargamento delle spalle. Meno femminilità nel suo passo. I suoi capelli erano più corti, questo lo potevo vedere. Ora che era in piedi, potevo anche dire che era decisamente un po' più alta di quando l'ho incontrata.

“Siamo pochi di numero, con nostro grande dispiacere, soprattutto perché siamo così longevi che alleviamo solo di rado. Io stesso ho avuto solo tre figli nei miei quattromila anni di vita. L'unico modo in cui possiamo produrre di più della nostra specie è cambiare regolarmente è...» Fece una pausa. “Cambia certe persone. È un processo difficile. Più difficile che produrre i nostri figli, infatti, anche se può essere molto più soddisfacente e veloce”.

"Quattromila anni?!" Chiusi gli occhi, pregando che tutto questo diventasse una specie di incubo.

Rise di nuovo, un suono profondo e rimbombante ora.

«Lawrence», disse. "Guardami."

Questa era una voce decisamente maschile. Ero oltremodo terrorizzato quando aprii lentamente gli occhi per vedere un uomo bianco dai capelli corvini e ben muscoloso in piedi sopra di me. Avrei pensato che Dao-Ming avesse giocato qualche trucco nascondendosi e facendo entrare qualcun altro nella stanza se non fosse stato per quella misteriosa luce blu che ardeva nei suoi occhi.

Borbottò alcune parole in quello che in seguito appresi essere mandarino. Improvvisamente, potevo alzare la testa dal materasso.

“Presto, Lawrence, saprai come ci si sente,” proclamò mentre accarezzava quello che era il cazzo più grande che avessi mai visto. Molto più grande e grosso del mio, era lungo almeno undici pollici e grosso quasi quanto la zampa anteriore di un puledro appena nato.

"Non puoi!" ho gracchiato. "Mi ucciderà!"

“Non essere sciocco,” rise. "Ti divertirai immensamente."

Qualche altra parola straniera uscì da lui mentre posava le mani sul mio petto, la luce blu sfolgorante ancora più luminosa. La testa mi si appesantiva, la vista si offuscava mentre sentivo un leggero bruciore in tutto il corpo.

È stata una sensazione molto intensa e, anche se ho perso conoscenza, ho capito di aver finalmente avuto l'orgasmo che fino a quel momento mi era stato negato.*

Storie simili

Morgan L.

Morgan L Morgan era seduta nella sua cucina adesso per la prima volta e cominciò ad avere dei dubbi, mio ​​Dio, pensava che avessi appena passato la notte a scopare due amici di mio figlio. Mi sono divertito da morire, ma i ragazzi parlano che non vorrei che Terry lo scoprisse. Vorrei rivederli, ma potrebbe diventare difficile quando Terry è a casa. Il suo telefono squillò e un pezzo grosso si avvicinò e lei rispose immediatamente, quello che Morgan non sapeva era che i suoi due nuovi amici del sesso stavano organizzando una gangbang con lei per sabato sera. Sabato mattina...

559 I più visti

Likes 0

Le mie prime volte...

Ho parlato con Gary per più di due anni. La nostra relazione era iniziata online. Ha visto una risposta che avevo dato in una chat room e mi ha inviato un messaggio. All'inizio non sembrava interessante, ma più chiacchieravamo e più mi piaceva. Sono cauto per natura, quindi non ha avuto il mio vero nome per più di sei mesi, e anche allora solo il mio nome. A nove mesi gli ho dato il mio numero di cellulare e abbiamo iniziato a parlare al telefono. Dieci mesi ci hanno trovato a fare sesso telefonico regolarmente, cosa che avveniva principalmente nei fine...

2.1K I più visti

Likes 0

La casa adottiva

La casa adottiva Disclaimer: quanto segue è un'opera di fantasia. Pertanto, ho scelto di ambientarlo in un mondo in cui il controllo delle nascite è sicuro, efficace e disponibile al 100% e tutte le malattie sessualmente trasmissibili sono state sradicate. Nel mondo reale, alcune delle scelte che questi personaggi fanno sarebbero estremamente rischiose. Non comportarti come loro. La mascella di Michael cadde mentre fissava la donna nuda sul letto. Aveva visto donne nude sulle riviste, ma questa era la sua prima volta nella vita reale, e lei era altrettanto sexy delle professioniste delle riviste. Il suo corpo di quasi 30 anni...

1.1K I più visti

Likes 0

Una giornata nel bosco Capitolo 14

Bene, tutto - ecco l'atteso capitolo 14. Questa volta non ho elencato tutti i temi - spero che questa storia abbia un po' più di seguito ormai e quelli non sono necessari? Comunque... Capitolo 14 Paul tornò a casa più tardi quel pomeriggio. Ray se la stava cavando abbastanza bene. Gli ci sarebbe voluta una settimana per riprendersi completamente, se non fosse stato per le sue abilità da lycan ci sarebbero volute tre settimane. Paul sperava che Jess stesse andando bene quanto Ray. Entrò in casa e sentì Jess al piano di sopra. Salì le scale, guardò nella loro camera da...

414 I più visti

Likes 0

GIORNO STRESSANTE

PARTE 1 immagina di tornare a casa da una lunga giornata di lavoro, sei stanco e stressato, tutto ciò che potrebbe andare storto include essere in ritardo al lavoro, il tuo collega che ruba il tuo parcheggio, il tuo computer si è bloccato, il che ti ha fatto inviare gli ordini in ritardo, e poi qualcuno ti ha fatto a pezzi mentre tornavi a casa dal lavoro. arrivi a casa dove ti sto aspettando, apro la porta indossando solo la mia corta camicia da notte di seta azzurra con bordo in pizzo bianco, una vestaglia abbinata, un sorriso sfacciato. mi guardi...

2.8K I più visti

Likes 0

Cornuto e moglie

Aveva un aspetto piuttosto semplice. O almeno l'ho pensato da lontano finché non ho visto i suoi profondi occhi verdi a mandorla. Mentre si avvicinava, potevo vedere le sue labbra a forma di arco leggermente rivolte verso l'alto. I suoi capelli erano neri come le piume di un corvo. È passata proprio davanti a me ed è entrata nel bar. I miei occhi seguirono il suo incredibile sedere mentre si dirigeva verso il bar e si sedeva proprio accanto a un uomo di colore molto bello e ben vestito. FANCULO! Mi sono seduto a pochi sgabelli da lei e dal suo...

1.2K I più visti

Likes 0

La Congrega Parte 1 - Reed_(1)

Canna AIUTAMI QUALCUNO AIUTI PER FAVORE!!! urlò una giovane donna mentre veniva trascinata dentro dalla porta principale da un sorridente Jackson. La teneva per il collo mentre tutti nell'area del bar ridevano e sorridevano alla pietosa donna. Era attraente, con i capelli biondi tinti tagliati in un caschetto disordinato e enormi occhi castani. Indossava una specie di uniforme, ma era talmente strappata che nessuno poteva distinguere con certezza cosa ci fosse scritto. Andò nel panico, guardando tutti nella stanza, sperando che qualcuno la salvasse. Ma a nessuno fregava un cazzo. Alcuni dei ragazzi più grandi stavano giocando a freccette vicino al...

1.1K I più visti

Likes 0

The House A Slave Addestramento e asta Capitolo 11 e 12

Capitolo 11 Padrona Liz Michael e Molly e Milton Mistress Liz-D mi dice che vuole parlarmi prima che cominci. D- Che cazzo ti prende? So che sei stato un po 'giù, quindi cosa succede? Liz- Penso di stare solo facendo i movimenti. Ciò di cui hai bisogno è una sessione difficile. So che ho solo bisogno di trovare il tempo e qualcuno, magari un passivo, che posso frustare e scopare forte. Non posso farlo con Michael forse uno dei nuovi una volta. Mi dice di prendere Milton ma di non ucciderlo. Michael e Molly entrano qui, inizieremo non appena arriva il...

893 I più visti

Likes 0

Ti costerà

Ti costerà Per anni io e mia moglie abbiamo scherzato su Ti costerà. È il nostro modo di prenderci in giro. Lo facciamo anche davanti ai bambini. Se mia moglie vuole che falci il prato o porti fuori la spazzatura, le dirò: Ti costerà e lei: Va bene. Poi mi allungo e le prendo la tetta dandole una piccola stretta o alzo la mia mano sulla sua gonna per sentire la sua figa ricoperta di mutandine. Di tanto in tanto mi dimentico di dirlo così mia moglie dirà: Quanto mi costerà? Ebbene, l'altro giorno ho offerto a mia figlia di quattordici...

3.9K I più visti

Likes 0

Il sesso di Kate

Questa storia è in parte storia vera (nomi cambiati) e in parte fantasia. Decidi tu quale è quale. Kate non riusciva a pensare ad altro. Voleva sesso, aveva bisogno di sesso e fino a quando non avesse fatto sesso non sarebbe stata in grado di ritrovare la concentrazione per nient'altro. Il suo terapeuta la chiama ipersessualità, apparentemente un'altra parte del suo disturbo ossessivo compulsivo. Dopo aver lasciato il lavoro sabato e aver finalmente finito con una settimana molto poco produttiva, Kate era pronta a trovare ciò di cui aveva bisogno. E contrariamente all'opinione del suo terapeuta, non era un farmaco antidepressivo...

2.2K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.