Cambiare la realtà (parte 3)

1.9KReport
Cambiare la realtà (parte 3)

Ciao ragazzi e ragazze! È Chase. Sai, la persona di cui parla questa storia.

So cosa stai pensando – Questo non può essere vero. Bene, ti assicuro che lo è assolutamente. Non posso provartelo, a meno che non ci incontriamo un giorno e anche allora, dovrei raccontarti tutto da capo. È qualcosa che non è molto probabile che farò poiché qualsiasi esposizione di chi e cosa sono potrebbe portare alla mia cattura da parte di qualcuno che desidera trasformarmi in una specie di cavia. Non so voi, ma non sono molto entusiasta di essere rinchiuso per il resto dell'eternità e di essere sottoposto a tutti i tipi di esperimenti nel vano tentativo di riprodurre questo...cosa che è successo a me.

Non c'è modo che io possa permettere che succeda. Mi sono divertito troppo nel corso degli anni da quando la mia realtà è cambiata.

Chiunque, torniamo al 1890, vero?

* * * * *

Capitolo 5

Quando ho visto gli occhi di Dao-Ming proiettare quella luce blu intorno alla stanza mentre lei mi cavalcava, ho cercato disperatamente di buttarla via e fuggire dalla stanza, dall'hotel, dalla città – diavolo, sarei fuggito dal continente proprio in quel momento in cui ero così spaventato.

Sfortunatamente per me, più a lungo il suo sguardo era su di me, più debole diventavo. Non cinque minuti dopo, ho scoperto che non potevo alzare la testa dal materasso, non potevo parlare. Non riuscivo nemmeno a muovere un dito, per quanto possa sembrare un cliché. Rimasi cosciente per il momento, cosa che pensavo fosse una buona cosa in quel momento. L'unica parte di me che potevo muovere erano i miei occhi. Ho inviato una preghiera silenziosa affinché qualsiasi cosa fosse sbagliata non sembrava influenzare le mie funzioni autonome come respirare e deglutire.

L'unico suono che potevo sentire era Dao-Ming mentre grugniva e gemeva, cavalcandomi attraverso un orgasmo dopo l'altro. Potevo sentire la sua figa stringersi sul mio albero mentre veniva, i suoi succhi scorrevano copiosamente.

Non sapevo perché, ma non riuscivo a sborrarmi. Se non fossi stato così spaventato in quel momento, probabilmente avrei collegato i punti e capito che tutto ciò che mi teneva immobile mi impediva anche di raggiungere la stessa beatitudine orgasmica che stava chiaramente ottenendo.

Con mia incredulità, ho scoperto che mi piaceva ancora guardarla accarezzare su e giù sul mio cazzo, a volte sgroppando velocemente e duramente, altre volte dolcemente e dolcemente lenta. Sono rimasto estasiato anche dalle sue tette che rimbalzavano avanti e indietro, rivoli di sudore che scorrevano tra di loro mentre andava.

Quando un'ora divenne due, quasi tre, Dao-Ming alla fine rallentò nel mezzo del suo più grande orgasmo e crollò sul mio petto, inghiottendo respiri profondi mentre tremava fino a fermarsi, il mio cazzo ancora sepolto dentro di lei.

Anche mentre si calmava, potevo sentirla sussurrare in quella che potevo solo supporre fosse la sua lingua madre. Potevo sentire uno schema quasi poetico nelle parole, ma non riuscivo a capirlo. Stranamente, questo mi ha spaventato soprattutto.

Capitolo 6

Alcuni minuti dopo, e consegnata a qualunque cosa il destino mi aspettasse, ho guardato la sua testa appoggiata sul mio petto solo per trovarla che mi fissava, gli occhi ancora sfavillanti di luminescenza e un sorriso che le giocava sulle labbra. Ha emesso un profondo sospiro di beatitudine post-coitale che ho sentito più che sentito.

Ero completamente terrorizzato da questa donna, ma non riuscivo a trattenermi dal pensare che fosse ancora la donna più bella che avessi mai visto. Può sembrare strano visto che non riuscivo a muovere un muscolo e completamente alla sua mercé, ma dannazione, era vero!

«Lawrence», sussurrò, sottovoce. “È stato meraviglioso! Sono così felice di averti finalmente incontrato.”

La sua figa si increspava leggermente lungo il mio cazzo come se anche lei stesse esprimendo lo stesso sentimento del suo padrone.

“So cosa stai pensando, mia cara,” disse mentre scivolava via da me. “Il motivo per cui non puoi muoverti è semplice: discendo da un dio. Non il Dio, intendiamoci, ma comunque un dio.

A questo punto, mentre non ero sicuro di poterle credere, non potevo nemmeno crederle.

L'ho seguita con gli occhi mentre si alzava e camminava lentamente avanti e indietro in fondo al letto. I suoi occhi pulsavano di quella strana luce blu mentre parlava.

“P'an Hu era un antico dio cinese che poteva cambiare forma a piacimento tra uomo e cane. Si è accoppiato con una donna e i loro discendenti erano i miei antenati.

"All'inizio eravamo in grado di diventare solo una forma di cane o un'altra, ma nel corso dei millenni abbiamo imparato a controllare questo potere: diventare qualsiasi cosa o chiunque volessimo. L'unico limite era la dimensione del cervello. Qualsiasi cosa più piccola di un gatto domestico standard rendeva il cervello incapace di organizzare il pensiero abbastanza a lungo da tornare alla forma umana.

Mentre parlava, potevo percepire sottili cambiamenti in lei. Un leggero approfondimento della sua voce. Forse un allargamento delle spalle. Meno femminilità nel suo passo. I suoi capelli erano più corti, questo lo potevo vedere. Ora che era in piedi, potevo anche dire che era decisamente un po' più alta di quando l'ho incontrata.

“Siamo pochi di numero, con nostro grande dispiacere, soprattutto perché siamo così longevi che alleviamo solo di rado. Io stesso ho avuto solo tre figli nei miei quattromila anni di vita. L'unico modo in cui possiamo produrre di più della nostra specie è cambiare regolarmente è...» Fece una pausa. “Cambia certe persone. È un processo difficile. Più difficile che produrre i nostri figli, infatti, anche se può essere molto più soddisfacente e veloce”.

"Quattromila anni?!" Chiusi gli occhi, pregando che tutto questo diventasse una specie di incubo.

Rise di nuovo, un suono profondo e rimbombante ora.

«Lawrence», disse. "Guardami."

Questa era una voce decisamente maschile. Ero oltremodo terrorizzato quando aprii lentamente gli occhi per vedere un uomo bianco dai capelli corvini e ben muscoloso in piedi sopra di me. Avrei pensato che Dao-Ming avesse giocato qualche trucco nascondendosi e facendo entrare qualcun altro nella stanza se non fosse stato per quella misteriosa luce blu che ardeva nei suoi occhi.

Borbottò alcune parole in quello che in seguito appresi essere mandarino. Improvvisamente, potevo alzare la testa dal materasso.

“Presto, Lawrence, saprai come ci si sente,” proclamò mentre accarezzava quello che era il cazzo più grande che avessi mai visto. Molto più grande e grosso del mio, era lungo almeno undici pollici e grosso quasi quanto la zampa anteriore di un puledro appena nato.

"Non puoi!" ho gracchiato. "Mi ucciderà!"

“Non essere sciocco,” rise. "Ti divertirai immensamente."

Qualche altra parola straniera uscì da lui mentre posava le mani sul mio petto, la luce blu sfolgorante ancora più luminosa. La testa mi si appesantiva, la vista si offuscava mentre sentivo un leggero bruciore in tutto il corpo.

È stata una sensazione molto intensa e, anche se ho perso conoscenza, ho capito di aver finalmente avuto l'orgasmo che fino a quel momento mi era stato negato.*

Storie simili

Prendersi cura di Liz

Mi ero appena trasferito in una nuova zona per vivere con la mia ragazza. Ci frequentiamo ormai da diversi anni, quindi sono diventato parte dell'intera famiglia. Tutti i nipoti e i nipoti della mia ragazza avevano persino iniziato a chiamarmi “zio”. Un fine settimana il mio futuro fratello e mia cognata partivano per il fine settimana per visitare alcuni amici fuori città. Stavano portando con sé i loro due figli, ma la figlia è dovuta rimanere a casa per dare una mano con una raccolta fondi per la scuola. Non volevano lasciarla a casa da sola per il fine settimana e...

420 I più visti

Likes 0

Le cronache della discesa di Suzie - parte 2

Parte 2 Un giorno ero al lavoro e facevo il solito... lavoravo per un altro giorno pieno di cazzi di gomma. Da quando i miei figli avevano buttato via TUTTA la mia biancheria intima. Matt si era preso la briga di farmi un paio di piccole cinghie attaccate a un tassello di pelle. Questo teneva fermo il mio dildo e teneva nascosto il mio cazzo. È stato facilissimo da montare e slacciare molto velocemente... quanto è stato premuroso da parte sua! Uscii dal gabinetto e trovai Sue, una delle altre commesse, appoggiata al bancone. L'ho guardata negli occhi e non potevo...

297 I più visti

Likes 0

Teenage Mutant Ninja Turtles Fanfic Capitolo 2 - scusate è tardi

Di Hana M. Brimeck Chiudo la finestra, chiudo gli occhi, mi giro, ricado all'indietro e scivolo sul pavimento. Mi prendo un momento per riprendere fiato finché i miei pensieri non vengono interrotti da un brivido freddo. 'Ho bisogno di una doccia calda.' mi dico mentre finalmente mi rialzo dal pavimento con un gemito. Mi tolgo il maglione e il reggiseno bagnati, non come se stessero facendo molto per coprirmi comunque. Mi prendo un momento per toccarmi i seni tenendoli a coppa tra le mani in un futile tentativo di scaldarli. La mia gonna cade sul pavimento in un ciuffo bagnato, seguita...

570 I più visti

Likes 0

Cronache di Succubus High, cap. 1

Cronache di Succubus High di Quiver Capitolo 1: Vetrinistica 1:25. 4° periodo. Tom sedeva dietro la scrivania nell'angolo mentre aspettava che il suo prossimo gruppo di studenti iniziasse a presentarsi per la prima lezione dopo pranzo. Non erano mai molto concentrati a quell'ora del giorno, e in più di un'occasione aveva sorpreso uno studente ad appisolarsi durante la lezione. Almeno questo gruppo era la sua classe senior. Le matricole a cui insegnava negli altri quattro periodi erano molto più turbolente. Un miscuglio così strano di scherzi infantili e drammi adolescenziali con cui confrontarsi, sempre qualche nuovo problema di cui non gli...

493 I più visti

Likes 0

Era una stronzata, pensavo

Il sabato pomeriggio andavo al cinema con alcuni amici. C'era una ragazza che mi piaceva e ho provato a sedermi accanto a lei se potevo. Un pomeriggio ho provato a tenerle la mano e lei me l'ha lasciato per un po' che l'hanno tirata via. Dopo il cinema siamo andati tutti al bar del latte e ancora una volta ho provato ad avvicinarmi a lei. Le ho parlato e sembrava che le piacessi e le ho chiesto perché ha allontanato la mano. Ha detto che stava iniziando a piacerle, ma non voleva essere coinvolta in quel modo perché eravamo tutti buoni...

976 I più visti

Likes 0

Fottuta Mia Matsumiya

Mia è una bellissima ragazza giapponese con grandi occhi espressivi, piccoli seni impertinenti, gambe lisce ed eleganti da morire e lunghi capelli neri come il corvino che di solito lega in una coda di cavallo sexy. Suona il violino per diversi gruppi d'avanguardia e, a soli 24 anni, ha un grande talento per essere così giovane e di solito riceve standing ovation alla fine dei suoi assoli. La gente spesso la paragona alla vecchia Yo-Yo Ma, in relazione al suo puro talento, e la maggior parte dei ragazzi che vengono alle sue esibizioni nutrono tantissime fantasie sull'essere quello che la porterà...

467 I più visti

Likes 0

Lo schiavo_(1)

Capitolo primo Il ritrovamento dello schiavo Erano passati diversi mesi dall'ultima volta che qualcuno si era avventurato fuori dal regno in cerca di nuovi schiavi. Ma poiché la guerra era finalmente finita, la principessa Devania decise di uscire e trovarsene una. Cercò città dopo città esaminando centinaia di giovani ma nessuno di loro suscitò il suo interesse. Poi, dopo settimane di ricerche, proprio mentre stava per arrendersi, sentì un piccolo trambusto provenire da una prigione vicina e dovette solo controllare. E lì nel cortile, ad affrontare cinque uomini, c'era l'uomo più bello che avesse mai visto, era quello giusto. Saltò giù...

296 I più visti

Likes 0

Guardare e fare

GUARDARE E FARE John sentiva di aver fatto un ottimo affare. Quando si è trasferito in questo condominio, ha incontrato e parlato con il proprietario e ha convinto quell'uomo a lasciarlo svolgere il ruolo di custode/custode/amministratore residente, facendo tutto ciò di cui l'edificio aveva bisogno per $ 200 al mese di sconto sull'affitto più le spese. Normalmente ciò richiedeva solo poche ore al mese dal suo tempo libero, e se avesse dovuto lavorare durante quel giorno in un giorno feriale, il suo programma come tecnico di laboratorio presso un'azienda farmaceutica avrebbe potuto essere modificato - la maggior parte delle cose potrebbero...

508 I più visti

Likes 0

Il tempo di Sangeeta a Praga (parte 6): tutte le cose belle devono finire

1. Sangeeta: le cose belle devono finire Le loro attività sessuali continuarono nei restanti giorni della loro permanenza a Praga. Suo figlio serviva regolarmente lei e sua zia, e Sammy era sempre disposto a essere coinvolto in qualsiasi altra scappatella sessuale capitasse. Sangeeta non avrebbe mai dimenticato quella volta in cui andarono di nuovo a casa di Richard e Susie. Vide suo figlio con il cazzo sepolto nel profondo della vagina di Heidi, Suzie che leccava i succhi di sua figlia dall'asta ogni volta che si tirava indietro prima di spingerlo di nuovo dentro Heidi, Richard con il suo cazzo nel...

532 I più visti

Likes 0

IN PALESTRA_(1)

Uno dei vantaggi dell'azienda per cui lavoro è l'appartenenza alla loro palestra. Mi alleno 3-4 volte a settimana dalla nascita della nostra bambina. Mi ero preso un giorno libero per portare la nostra bambina dal dottore per un controllo. Andava tutto bene mentre ci dirigevamo verso la casa di mia madre. Sentivo che avevo bisogno di un po' di tempo da sola, così ho chiesto a mia madre di tenere Heather tutta la notte. Bruce era fuori città per lavoro, quindi ho programmato un film tranquillo a casa. Anche la mia collaboratrice Susie si è allenata nella stessa palestra. A mia...

3.7K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.