Ho reso la ragazza popolare la mia schiava del dolore 3

574Report
Ho reso la ragazza popolare la mia schiava del dolore 3

Mi sveglio lentamente con una strana sensazione, qualcuno nel mio letto con me. Ricordo la scorsa notte con Taylor tutte le cose che avevamo fatto, i piaceri che ci eravamo fatti provare ma soprattutto ricordo quello sguardo nei suoi occhi e il modo in cui mi aveva detto che pensava di innamorarsi di me solo prima che si addormentasse avvolta tra le mie braccia.

Sento che il mio cazzo è duro e preme contro il suo culo, si muove e allarga le gambe dandomi un facile accesso alla sua figa. Rimango lì per un momento cercando di capire se sta dormendo o meno perché anche se le ho fatto molte cose ieri non sono del tutto a mio agio a scopare una ragazza addormentata.

Non riesco ancora a capire se è sveglia, quindi decido di provare a scoprirlo con certezza, mi allungo, prendo il mio cazzo e lo riposiziono in modo che poggi sulla sua coscia contro la sua figa. La sento respirare profondamente e ora sono certo che sia sveglia.

Allineo il mio cazzo con la sua figa e spingo dentro di lei. Taylor geme dolcemente mentre entro in lei e sorrido, i suoi gemiti sono come musica per le mie orecchie e voglio scoparla come si deve ma non da dietro in questo modo.

"Girarsi." Le ordino e lei si trascina un po' in giro facendo scivolare il mio cazzo fuori da lei in modo che possa rotolarsi per affrontarmi.

"Va meglio." sussurro quando è di fronte a me. Mi spingo dentro di lei, sentendo la sua figa bagnata stretta intorno al mio cazzo è meravigliosa e inizio a scoparla con colpi lenti e profondi facendola gemere forte.

La guardo mentre la scopo e vedo lo sguardo d'amore nei suoi bellissimi occhi azzurri, il leggero sorriso sulle sue labbra aperte e il rossore sulle sue guance, improvvisamente mi rendo conto che non la odio più.

Bacio Taylor profondamente, le nostre lingue si incontrano e giocano l'una con l'altra mentre continuo a scoparla con colpi lenti e profondi, tirandola quasi completamente fuori prima di spingerla di nuovo dentro di lei.

Taylor tende il suo braccio su di me e si avvicina a me facendomi cambiare il modo in cui la sto scopando e iniziando a usare colpi più veloci e più brevi.

Sembra diverso da quando abbiamo scopato la scorsa notte, è tenero e non si sente per niente amare come la sessione di scopata piena di dolore animalesco la scorsa notte o il tempo in biblioteca. Taylor si ritira dal bacio e geme forte, aprendo la bocca a forma di O.

"Posso per favore sborrare signore?" Chiede tra i gemiti.

"Puoi resistere un momento?" Le chiedo prima di aggiungere rapidamente: "Voglio che veniamo insieme".

Sorride e tutto il suo viso si illumina accentuando la sua bellezza e facendola sembrare quasi angelica.

"Penso di poterlo fare, signore." Sussurra sognante.

"Se non riesci a resistere, puoi venire." Le dico ma lei scuote la testa.

"Posso tenerlo, signore." Dice determinata.

Accelero le mie spinte cercando di portarmi a un orgasmo più velocemente in modo da poter venire insieme. La bacio di nuovo, lasciando che le nostre lingue ballino insieme mentre la scopo sempre più velocemente. Meno di un minuto dopo sento bene il mio orgasmo e so che sto per venire.

"Vieni con me." Dico a Taylor.

Quasi non appena dico le parole Taylor praticamente urla e la sua figa si contrae attorno al mio cazzo mentre raggiunge l'orgasmo facendomi raggiungere anche l'orgasmo spruzzando corda dopo corda di sperma in profondità nella sua figa. La guardo mentre trema e si contrae per l'orgasmo, ha un grande sorriso a bocca aperta sul viso e i suoi occhi sono chiusi facendola sembrare come se stesse vivendo la vera estasi.

Quando il suo orgasmo si è placato, lancio un braccio su Taylor e la tiro vicino e lei affonda la testa contro il mio collo, le bacio la sommità della testa e respiro il suo profumo. Puzza di sudore ma non è il solito odore acre e sgradevole del sudore, ma è invece dolce e piuttosto erotico. Restiamo sdraiati lì per un po', tenendoci l'un l'altro e ansimando mentre ci riprendiamo dai nostri orgasmi.

"Probabilmente è stato il modo migliore in cui sia mai stato svegliato." Taylor me lo dice sognante.

"Se solo potessimo svegliarci così ogni giorno." dico baciandole di nuovo la testa.

"Potremmo." Sussurra quasi troppo piano per farmi sentire.

Non so come rispondere a quello che ha detto, non so se voleva che la sentissi, quindi la bacio di nuovo e mi rilasso, godendomi la sensazione del suo corpo contro il mio. Giacciamo così per un po' prima che mi sposti e prenda il telefono, voglio fare un po' di shopping oggi ma non so dove si trova il negozio che voglio visitare o i suoi orari di apertura, dopo cinque minuti so dove bisogno di andare e quando il negozio chiude.

"Cosa guardi?" chiede Taylor sbirciando lo schermo del mio telefono.

“Solo gli orari di apertura di un negozio in cui andiamo oggi.” Le dico grata per il fatto che è l'inizio del fine settimana.

"Noi?" Mi interroga quasi esitante.

"Sì, ho bisogno che tu sia lì per aiutarmi a scegliere le cose." le dico facendola sorridere.

Rimaniamo a letto insieme ancora per un po' prima di alzarci finalmente dal letto. Prima faccio la doccia e mentre Taylor fa il suo turno sotto la doccia decido di fare colazione, frittelle di mirtilli. Taylor entra in cucina con solo un asciugamano avvolto intorno a lei e dà un'occhiata ai pancake prima di strillare e praticamente si lancia verso di me. Inizia a baciarmi freneticamente come se le avessi appena fatto il miglior regalo che qualcuno potesse mai chiedere.

"Che ti succede?" Chiedo quando smette di baciarmi, posso sentire la leggerezza nella mia voce e sentire le mie guance tendersi dal grande sorriso sulle mie labbra.

"Hai preparato la mia colazione preferita." Mi dice praticamente illuminando la stanza con il suo sorriso.

"Meglio mangiarli quando sono ancora caldi, allora." le dico.

Taylor salta al tavolo e infila direttamente nel suo piatto di frittelle, mi siedo di fronte a lei e provo a mangiare ma non riesco a distogliere lo sguardo da Taylor che mangia. So che suona strano, ma c'è qualcosa di così elegante ed erotico nel modo in cui sta mangiando che attira la mia attenzione così tanto che quando ha finito il suo piatto sono solo a metà del mio.

Taylor si alza e mi dice che si vestirà mentre io finisco di mangiare. Finisco di mangiare, poi guardo il mio petto senza maglietta e le tute grigie e decido che devo cambiarmi prima di uscire da qualche parte. Entro nella mia camera da letto e vedo Taylor ancora nuda e guardando i suoi vestiti, mi sente entrare nella stanza e mi guarda imbarazzata.

"Ho dimenticato che non ho biancheria intima." Mi dice arrossendo.

“Hai detto che ti interessava l'esibizionismo. Potrebbe essere utile anche dove stiamo andando". Le dico con una risata sommessa.

"Se è quello che vuole, signore." Dice con un sorriso sfacciato e il suo rossore si fa più intenso.

"Voglio." Le dico mentre mi avvicino e la bacio.

Ci vestiamo tranquillamente e quando abbiamo finito guardo Taylor e vedo perché esitava a indossare questo vestito senza biancheria intima. La gonna nera scende al centro delle sue cosce e combinata con i calzini bianchi al ginocchio attirerebbe sguardi lussuriosi di qualsiasi uomo etero, anche la sua camicia bianca attirerebbe sguardi perché la sua mancanza di reggiseno rende evidente il contorno del suo seno ma non così evidente come i suoi capezzoli. Decide di lasciare i suoi capelli biondo platino sciolti invece di metterli in trecce come fa di solito.

"Sei così bella." Sussulto guardando Taylor vestita con abiti che urlano innocenza ma senza biancheria intima.

Si passa una mano sul viso quasi come se stesse cercando di nascondermi il viso e arrossire.

"Andiamo." dico dandole un bacio veloce e trascinandola verso la porta.

Camminiamo verso il centro città e all'inizio Taylor sembra imbarazzata come se non si ricordasse come si cammina bene ma una volta che le prendo la mano tra le mie sembra rilassarsi e la sua consueta grazia ritorna. A metà di un parco familiare Taylor vuole sedersi e prendersi una pausa, quando ci sediamo la guardo perché non riesce a stare ferma, dimenarsi sulla panchina e incrociare e disincrociare le gambe.

"Stai bene?" le chiedo.

"Sembra che tutti mi stiano guardando, come se tutti sapessero che non ho biancheria intima." Taylor mi dice sussurrando l'ultima parte in modo che nessuno la senta, si avvicina in modo che le sue labbra siano proprio vicino alla mia testa e mi sussurra direttamente nell'orecchio, "mi sta bagnando così tanto".

"Possiamo occuparcene". Le dico lasciando che un sorriso sornione mi attraversi le labbra.

"Ma c'è gente in giro." Sussurra guardando le persone che oziano o passeggiano nel parco.

"Seguimi." Praticamente la ordino.

Conosco molto bene questo parco e in realtà conosco un bel posto tranquillo dove le persone non si separano dalle persone della mia età a tarda sera per ubriacarsi e scherzare. Lo spiego a Taylor quando arriviamo sul posto, una piccola radura circondata da alberi con un quadrato di cemento rialzato nel mezzo. Si guarda nervosamente intorno alla radura per un momento prima di sedersi sulla piazza di cemento.

"Vuoi fottermi signore o dovrei giocare con me stesso?" Chiede sfacciata mentre si tira la gonna fino ai fianchi esponendo le cosce luccicanti e la figa bagnata fradicia.

"Penso che dovresti prima giocare un po' con te stesso." Gliel'ho detto.

"Si signore." Dice portando una mano sulla figa mentre l'altra alza la gonna.

La guardo mentre si fa scorrere lentamente e sensualmente le dita su tutta la figa per un momento prima di concentrarsi sul suo clitoride e girare le dita intorno alcune volte prima di accarezzarlo furiosamente e poi ripetere il processo più volte. Per tutto il tempo non interrompe il contatto visivo con me lasciando che dolci lamenti le sfuggano dalle labbra.

Dopo averla osservata per un po', mi alzo i pantaloni e faccio un passo avanti. Allontano la sua mano dalla figa e porto le sue dita alle labbra che lei apre avidamente e mi permette di spingere le sue dita nella sua stessa bocca.

"Ti piace il gusto dei tuoi succhi?" Le chiedo di allontanare la mia mano dalla sua e di strofinare il mio cazzo su e giù per la figa rivestendolo della sua umidità.

"Si signore." Dice leccandosi le dita: "Vorresti fottermi per favore adesso, signore."

Non le rispondo, mi limito a spingere in avanti e seppellire tutta la mia lunghezza dentro di lei con un colpo. Emette un forte gemito che attutisco all'istante con le mie labbra, continuo a baciarla finché non sento il suo gemito completamente interrotto.

"Ricorda che devi tenerlo basso a meno che tu non voglia che abbiamo un pubblico." Gliel'ho detto. Quel sorriso sfacciato che sto iniziando ad amare vedere incrocia la faccia di Taylor e per un momento penso che mi dirà che non le importa ma non lo dice.

"Si signore." Dice piano.

La scopo forte e veloce assaporando il suono della nostra pelle che si schiaffeggia e Taylors soffoca i gemiti mentre cerca di trattenere i suoi veri gemiti. Faccio scorrere le mani tra i suoi capelli morbidi e setosi mentre la colpisco più e più volte. Sentendo il mio orgasmo avvicinarsi rapidamente, levo una mano dai suoi capelli, mi allungo e inizio a strofinarle rapidamente il clitoride facendola gemere forte.

"Per favore, posso venire, signore?" Chiede suonando disperata per il rilascio.

"Sì, sborra per me." Le dico sapendo che il suo orgasmo scatenerà il mio.

Taylor emette un forte gemito e inizia a tremare mentre la sua figa si blocca sul mio cazzo facendomi raggiungere anche l'orgasmo. Quando smetto di sparare il mio carico dentro di lei, mi sporgo in avanti e la bacio mentre si contrae ancora dalla coda del suo orgasmo.

Quando ha finito di contorcersi, Taylor si tira indietro la gonna e si sdraia sul quadrato di cemento. Mi muovo e mi sdraio accanto a Taylor, quando sento la sua mano sfiorare la mia, la prendo nella mia e le tengo la mano mentre entrambi siamo sdraiati lì respirando profondamente.

"Possiamo farlo di nuovo, ma da qualche parte con meno possibilità di essere scoperti?" chiede Taylor a bassa voce mentre io traccio dei cerchi sulla sua mano con il pollice.

"Allora non ti piaceva l'idea di essere beccato?" chiedo curioso.

"Mi è piaciuto, ma mi piacerebbe che facessimo alcune delle nostre altre cose mentre siamo fuori." Lei mi dice.

Le sue parole mi fanno scorrere alcuni scenari per la testa, Taylor nuda legata a un albero e io che la frusta e la picchio, Taylor a quattro zampe in un campo mentre la scopo selvaggiamente da dietro, in un campo che corre su di lei ortiche pungenti e la frusta con rovi. I pensieri che riempiono la mia mente mostrano quanto sono sadico, non avevo mai pensato di essere un sadico, ma tutto con Taylor aveva dimostrato che lo sono e mi diverto, e così anche Taylor.

"Dai, dovremmo andare". Dico a Taylor che si alza con la mano ancora stretta nella mia.

Continuiamo il nostro viaggio, camminando mano nella mano e ridendo e scherzando l'uno con l'altro così facilmente che sembra di essere una vera coppia e lo siamo da molto tempo. Penso a quanto tempo fa avevo odiato Taylor, a come ogni volta che l'avevo vista avevo appena visto una cagna che mi aveva reso la vita miserabile ma ora, ora vedo una bella ragazza, una che diceva di essere innamorata di me e di cui penso di essermi innamorato.

Alla fine ci fermiamo fuori dalla mia destinazione e Taylor guarda nervosamente la parte anteriore del negozio.

"Ecco dove volevi andare?" Mi chiede guardandomi dall'ingresso del negozio di giocattoli sessuali.

"Sì. Voglio prendere dei giocattoli adeguati. Gliel'ho detto.

"O-ok." Taylor balbetta nervosamente e un po' imbarazzato.

"Voglio che tu faccia qualcosa per me." Le dico mentre entriamo nel negozio: "Voglio che tu compri tre dildo, uno che sia abbastanza piccolo da stare e darti piacere, uno che ti riempia comodamente e uno che ti allunghi e possa essere usato come punizione." Le spiego guardando le sue reazioni facciali alle mie richieste.

Sembra nervosa e un po' spaventata ma annuisce con la testa e inizia ad allontanarsi per cercare gli oggetti che le avevo chiesto di cercare ma la fermo prima che abbia fatto più di un passo da me.

"Prendi un paio di altre cose, la tua scelta su cosa e incontrami vicino alla cassa quando hai finito." Le dico prima di aggiungere: "oh, il prezzo non è un problema".

La guardo allontanarsi nel negozio sorprendentemente grande per prendere le cose che le avevo chiesto prima di voltarmi per prendere gli articoli sulla mia lista. So esattamente cosa voglio ottenere, quindi mi dirigo direttamente alla sezione fetish/kink del negozio dove scelgo due bastoni, una frusta a coda singola e un fustigatore. Le prossime cose che scelgo sono due spine di testa, una piccola e una più grande, un'altra spina più piccola che afferma di rilasciare piccole scosse elettriche che possono essere preprogrammate o controllate con un telecomando, quindi mi interessa anche quella. Quindi afferro un vibratore a forma di bacchetta che un utile dipendente mi ha detto essere uno dei più forti che hanno venduto, prendo anche un piccolo vibratore a uovo che è controllato a distanza o può essere controllato da un'app sul mio telefono.

Mi dirigo verso la cassa e vedo Taylor in piedi lì vicino che si guarda intorno nervosamente e sembra imbarazzata, mi avvicino a lei e mentre lo faccio ammiro le morbide curve del suo corpo. Mi vede camminare verso di lei e il suo viso si illumina di un sorriso e prima che me ne renda conto mi ritrovo già a sorridere.

Mi avvicino a lei e guardo la sua bocca spalancarsi sugli oggetti che ho ***********ed, poi mi guarda di nuovo e si morde il labbro con un aspetto estremamente seducente. Guardo gli oggetti che ha scelto e sbatto le palpebre per la sorpresa, aveva portato i dildo che le avevo detto a quello piccolo è piccolo circa un pollice o due più corto del mio cazzo, quello medio è un pollice più lungo e più spesso di mio cazzo, nessuna di queste scelte mi sorprende ma la terza lo fa. Il terzo è un Bad Dragon Chance, è lungo dodici pollici e spesso sette pollici e mezzo ed è a forma di gallo di cavallo. Alzo le sopracciglia con aria interrogativa e guardo Taylor arrossire profondamente.

"Hai detto che volevi che ne prendessi uno da usare per le punizioni." Dice imbarazzata.

"La forma è la mia più grande sorpresa, ma funzionerà perfettamente." Le dico sorridendole dolcemente.

"Ho preso anche questi". Mi dice alzando gli altri oggetti che aveva scelto.

Ho guardato gli oggetti e sono stato contento delle sue scelte, aveva una pagaia in pelle, un set di candele e un piccolo plug anale con una coda di volpe in finta pelliccia color zenzero attaccata.

"Dovremo portarti delle orecchie per andare con quella coda." Le dico facendola sorridere e sembrare eccitata.

"C'è qualcos'altro che volevo ottenere, ma non ero sicuro di quante cose avrei potuto ottenere." Mi dice guardando il pavimento imbarazzata.

"Vai e prendilo." Le dico di prendere gli oggetti che ha in mano e di metterli nel cestino con gli oggetti che avevo scelto.

Taylor sorride, mi dà un bacio veloce sulla guancia e praticamente rimbalza per recuperare l'altro oggetto che aveva desiderato. Torna verso di me con un'aria un po' ansiosa e arrossendo profondamente, da dietro la schiena tira fuori un piccolo colletto di pelle nera dall'aspetto elegante.

"Quindi tutti sanno che sono tuo." Mi dice che sembra imbarazzata e come se si vergognasse quasi un po'.

Non riesco a trattenermi e mi sporgo in avanti velocemente catturando le sue labbra con le mie, lei si appoggia a me e mi avvolge con le braccia tirandomi nel bacio, io avvolgo il mio braccio libero intorno a lei e la tengo contro di me.

"Penso che potrei dover comprare un guinzaglio e portarti a fare una passeggiata nel parco." Le sussurro all'orecchio quando ci interrompiamo dal lungo bacio.

"Penso che potresti." Sussurra in risposta la sua voce roca.

"Dio ti amo." Lo dico senza pensare, ma mi sembra naturale come se avessi già detto le parole un centinaio di volte e so che è vero, sono passato dall'odiare questa ragazza all'essere innamorato di lei.

Taylor mi guarda con gli occhi sbarrati e brillano di sorpresa e gioia.

"Tu mi ami?" Chiede esitante come se non potesse credere a quello che le ho appena detto ed è spaventata dal fatto che non avessi avuto intenzione di dirlo.

"So che tutto è iniziato come un ricatto e che ti odiavo". Dico rielaborando i miei pensieri ad alta voce, "ma qualcosa è cambiato e sì, ora ti amo".

Taylor strilla di gioia e poi si guarda rapidamente intorno con imbarazzo nel negozio per lo più vuoto.

"Anch'io ti amo." Dice che sembra così felice che il mio cuore batte più velocemente e so che voglio stare con questa ragazza per molto tempo.

La tiro forte contro di me facendola sussultare dolcemente prima di baciarla febbrilmente quasi come se il mondo stesse per finire e questi fossero i nostri ultimi momenti insieme. Smettiamo di baciarci molto tempo dopo e finiamo per sorridere e fissarci gli occhi persi nel potente sentimento d'amore che entrambi stiamo vivendo in questo momento.

"Dovremmo pagare e andarcene da qui". Sussurro di non voler rompere la trance in cui sembra che ci troviamo, ma di voler uscire da questo posto e tornare al mio appartamento.

"E vai in un posto un po' più intimo." Taylor aggiunge sfiorando la sua mano contro la mia mentre ci dirigiamo alla cassa.

Mentre prendo un paio di bottiglie di lubrificante e pago tutti i nostri articoli, Taylor è al telefono e ordina un taxi che ci venga a prendere in fondo alla strada così possiamo tornare rapidamente a casa mia. Usciamo dal negozio e per strada ci intrecciamo le dita, non ci lasciamo andare finché il taxi non si ferma. Durante il viaggio uso il telefono per ordinare un'etichetta personalizzata per il colletto di Taylor, è un cuore placcato in oro con il suo nome inciso su un lato e il mio nome sull'altro.

"È perfetto." Dice eccitata e mi dà un lungo bacio prima di sussurrarmi all'orecchio: "Lo indosserò sempre così tutti sanno che sono tuo".

Il modo in cui Taylor continua a dire che è mia come se appartenesse a me suona così misogino, ma mi sta anche eccitando e mi piace il suono. Non avevo mai pensato di essere possessivo, ma poi non avevo mai pensato di essere sadico fino alla prima volta con Taylor.

"Ti piace davvero l'idea di essere di proprietà?" Chiedo tranquillamente incuriosito di sentire la sua risposta.

"Sì." Sussurra con voce affannosa: "So di essere un po' pazza, ma tutto questo mi eccita davvero, il dolore, l'esibizionismo, l'essere umiliati, il sentirsi posseduti e posseduti. Mi eccita davvero tutto". La sua voce è affannosa ed estremamente erotica, così come la sensazione della sua mano che si posa improvvisamente sulla mia coscia. Metto la mia mano sopra la sua mano che è appoggiata sulla mia gamba e rimaniamo così per il resto del viaggio di ritorno al mio appartamento.

Quando il taxi si ferma fuori dal mio condominio, pago il biglietto e ci affrettiamo su per le scale con Taylor che mi dice a bassa voce tutte le cose che vuole che le faccia una volta entrati nel mio appartamento. Quasi corro in cucina per recuperare una scatola di fiammiferi e un paio di forbici prima di seguire Taylor nella mia camera da letto. Praticamente ci strappiamo i vestiti a vicenda prima di ricordarci che dovevamo aprire la confezione per i giocattoli che avevamo appena portato, Taylor si mette al lavoro tagliando la confezione di plastica mentre io collego l'uovo vibrante telecomandato e la spina elettrica alla parete per caricare .

Avevamo aperto tutti i giocattoli quando Taylor improvvisamente si inginocchiò davanti a me e mi tese il bavero.

"Vorresti per favore parlarmi di questo, signore, così posso essere solo tuo e tuo per tutto il tempo che mi vuoi." La sua voce si spezza leggermente mentre pronuncia le parole e il modo in cui parla è come se stesse pronunciando i voti nuziali e mi rendo conto di quanto questo significhi per lei. Sono pieno di nervi e spero davvero di non rovinare tutto mentre mi inginocchio davanti a lei

"Possano esserci molti anni pieni di felicità, amore, dolore e piacere." Dico prima di allacciare il colletto intorno al collo assicurandomi che non sia troppo largo o stretto.

Vedo che ha iniziato a piangere piano ma l'enorme sorriso sul suo viso mi dice che sono lacrime di felicità non di tristezza. Asciugo le lacrime dai suoi occhi con i pollici, poi avvolgo le braccia intorno a lei e la tiro in grembo facendola ridere, la sua risatina si trasforma in un gemito mentre inizio a mordicchiarle il lobo dell'orecchio.

"Ti voglio bene." Taylor sussulta tra i gemiti.

"Anch'io ti amo." Le sussurro all'orecchio e la faccio rabbrividire.

Rimaniamo così per un po' con Taylor in grembo e tenendomi stretta l'una all'altra, respiro profondamente inalando il suo profumo, assaporandone l'aroma e sentendomi felice di aver perso la pazienza e di averla schiaffeggiata nella biblioteca della scuola.

"Allora cosa vuoi provare prima?" Chiedo a Taylor mentre ci alziamo entrambi.

Guardo il suo sguardo viaggiare sui giocattoli che sono disposti in fila sul letto, i suoi occhi si fermano per un momento sul grosso dildo a forma di cazzo di cavallo con un tubo che spunta dal fondo, una rapida occhiata al volantino aveva spiegato che era un sistema di sperma falso, riempi la siringa con il lubrificante che forniscono con essa e quando volevi abbassavi lo stantuffo delle siringhe e il lubrificante simile allo sperma viaggerebbe attraverso il tubo che conduce attraverso il dildo e fuori dalla testa del dildo proprio come se stesse venendo.

“Mi piacerebbe se usassi la pagaia sulla mia figa, signore. Se per te va bene.» Taylor dice un po' nervosamente.

"Tieni questo." Le ordino di porgerle la pagaia di cuoio.

"Quanto sei flessibile?" chiedo mentre sposto i giocattoli dal letto al pavimento.

"Sono molto flessibile, posso mettere le gambe dietro la testa, signore." Mi risponde con orgoglio.

"Ok, fallo allora." Le ordino dopo averle tolto la pagaia.

Osservo con stupore Taylor contorcersi e mettere le gambe dietro le braccia e i piedi dietro la testa, avanzo su di lei e uso un pezzo di corda per legare la sua gamba destra al suo braccio destro e poi la sua gamba sinistra al braccio sinistro . La posizione lascia la figa e il buco del culo scoperti e spalancati, ammiro la sua perfetta figa rosa e mi chino per dargli una leccata veloce prima di iniziare ad abusare del suo splendido corpo.

"La parola d'ordine è la stessa dell'ultima volta, ricordi?" Le chiedo di voler assicurarsi che sappia come uscirne se ne ha bisogno.

"Sì, è lo shampoo." Lei mi dice.

"Ok bene, allora possiamo iniziare ora." Le dico guardando la sua faccia scoppiare in un sorriso.

Sollevo la paletta e la tiro giù forte sulla sua figa, Taylor ulula dal dolore quando la spessa paletta di pelle colpisce la sua fessura. Il suono delle sue urla è come musica per le mie orecchie, amo tutti i suoi rumori, i suoi gemiti, sospiri e risate, ma per qualche motivo amo di più le sue urla. Porto la pagaia sulla sua figa ancora e ancora guardando con piacere mentre urla, lotta contro le sue restrizioni e la sua figa arrossata. Le do venti colpi alla figa e alla fine mi sta implorando di smetterla con le lacrime che le scendono lungo le guance ma non mi fermerò, non finché non avrò finito o lei dice la parola sicura e lei lo sa proprio come me sappi che le sue suppliche fanno tutte parte dell'esperienza per lei.

"Com'è quella posizione, sta iniziando a far male?" Chiedo non cercando di schernirla ma volendo sapere per quanto tempo ancora posso lasciarla in quella posizione.

"Mi fanno male le gambe, signore, ma posso rimanere così più a lungo se vuole." Mi dice guardandomi con i grandi occhi bagnati.

"Ok, c'è un'ultima cosa che voglio fare con te in quella posizione." Gliel'ho detto.

Mi avvicino al punto in cui ho posizionato i giocattoli prima e cambio la pagaia con un bastone. Torno verso Taylor ancora legata con le gambe dietro la testa e picchio delicatamente il bastone lungo la figa facendola gemere piano. Con l'ultimo tocco morbido del bastone contro la sua figa mi dondo all'indietro e lo porto scrocchiando contro le sue chiappe, lei urla e decido di darle un secondo di riposo prima di continuare a picchiarle il culo.

"Per favore, signore, dammi di più." Taylor dice, sono obbligato.

Faccio durare la fustigazione, mi assicuro di colpirle entrambe le chiappe ad ogni colpo e poi aspetto che smetta di urlare prima di colpire di nuovo. Mi piace questo modo di abusare di lei più dei miei soliti colpi rapidi e selvaggi, sembra più intimo. La colpisco finché le sue chiappe non sono un mosaico di strisce rosse e quando finalmente smetto di colpirla le passo le mani sul culo sentendo il calore dei lividi e godendomi il suono dei suoi piagnucolii.

Mi muovo e ricolloco il bastone con il resto dei giocattoli prima di tornare da Taylor e slacciare la corda che le tiene unite le gambe e le braccia. Taylor si apre goffamente e la guardo provare a riportare la vita alle sue gambe, ma posso dire che fanno male, quindi mi siedo sul letto, la tiro in grembo e inizio a massaggiarle le gambe.

"Va meglio?" le chiedo dopo un paio di minuti di massaggio alle gambe.

"Sì, grazie signore." Dice dolcemente, sognante.

"Wow, sei davvero bagnato." dico infilandole una mano tra le gambe e facendo scorrere le dita sulla parte esterna della sua figa bagnata.

Taylor geme, piacere e dolore si mescolano insieme in un bellissimo suono, io continuo a strofinarle la figa prestando particolare attenzione al suo clitoride. Le prendo il mento con la mano libera e la uso per inclinarle la testa per affrontarmi e quando i suoi occhi con le palpebre incontrano i miei mi sporgo in avanti e la bacio forte cercando di trasmettere tutta la passione e l'amore che provo per lei.

"Per favore, posso venire, signore?" Geme con il viso premuto contro il mio.

"Pensi di averlo guadagnato?" le chiedo.

"Lo spero signore." Lei geme più forte ovviamente proprio sull'orlo del suo orgasmo e fa del suo meglio per trattenerlo aspettando il mio permesso.

"Ok, sborra per me troia." Le dico dopo averci pensato un momento.

"Oh cazzo, grazie signore." Ringhia mentre l'orgasmo la reclama e si accascia contro di me tremante.

Il suo orgasmo si placa quasi un minuto dopo e sento le sue braccia che mi circondano lentamente, le avvolgo le braccia intorno e tiro il suo corpo contro di me, le bacio la fronte poi quando lei mi guarda le bacio le labbra e praticamente si scioglie contro di me .

"Sai che non abbiamo ancora finito." Le dico, la sento rabbrividire in attesa e annuire con la testa, "quando avremo finito, il tuo corpo sarà un arazzo di lividi e lividi". La sento rabbrividire di nuovo alla mia violenta promessa.

"Sono tuo signore, fa' quello che vuoi di me." Mi dice l'immagine perfetta della sottomissione.

"Ok alzati, voglio fare un gioco". Dico a Taylor che si arrampica su di me di stare ai piedi del letto con le braccia dietro la schiena, le gambe leggermente divaricate e il petto spinto in fuori accentuando i seni più piccoli.

Recupero il mio telefono e cerco velocemente un generatore di numeri casuali, apro il primo link, imposto alcuni parametri e poggio il telefono sul letto. Cambio scheda nell'app memo e inizio a elaborare il piano per il mio gioco.

Conto i giocattoli che posso usare per maltrattarla da uno a quattro, uno è il bastone, due è il fustigatore, tre è la frusta a coda singola e quattro è la pagaia di cuoio. Poi annoto le parti del suo corpo e conto anche quelle, una è il seno, due è la schiena, tre è il culo, quattro è la parte posteriore delle sue cosce, cinque è la parte anteriore delle sue cosce e sei è la sua figa.

"Ok, prima scegli un numero compreso tra uno e quattro." Gliel'ho detto.

"Tre, signore." Mi dice con sicurezza.

"Tre è la frusta." Le dico raccogliendo la frusta a coda singola e godendomi lo sguardo spaventato sul suo viso.

"Ora scegli un numero compreso tra uno e sei." Gliel'ho detto.

"Tre signore." Taylor dice timoroso.

"Tre è la tua schiena." Le dico: "Dopo hai due opzioni. Decidiamo quante frustate ottenere. Possiamo usare il generatore di numeri casuali da uno a trenta oppure puoi scegliere quante frustate ottenere, ma il minimo che puoi raggiungere se scegli è quindici. Le do le opzioni e mi chiedo come sceglierà.

La guardo considerare seriamente le opzioni per un po' fino al punto in cui prenderò la sua decisione per lei, ma poi parla.

"Il generatore di numeri casuali, per favore, signore." Dice velocemente come se dovesse dirlo prima di svanire.

"Ok, premi il pulsante allora." Le ordino di porgerle il telefono.

Taylor preme il pulsante ed entrambi guardiamo mentre il sito Web fa il suo lavoro e genera un numero da uno a trenta. Un numero appare sullo schermo e Taylor sussulta per la paura, venticinque è il numero sullo schermo.

«Quindi venticinque frustate con la frusta sulla schiena. Inizierò piano in modo che tu possa abituarti. Gliel'ho detto.

"Grazie Signore." Dice a bassa voce.

"Stai di fronte al muro con le mani sul muro sopra la tua testa e inizieremo." Le ordino.

Si avvicina al muro e si mette nella posizione che le avevo detto, io mi avvicino dietro di lei raccolgo i suoi lunghi capelli biondi e glieli metto sopra la spalla in modo che pendano sul seno e non sulla schiena.

"Ti voglio bene." Le dico dandole un bacio veloce sul collo sopra il colletto prima di fare un passo indietro pronto a frustarla tremante.

"Prima di iniziare, signore, vuole che conti le frustate?" Mi chiede di fermarmi a metà swing.

“Se puoi, ma se non puoi, lo farò.” Gliel'ho detto.

"Grazie signore, ora sono pronto." Lei mi dice.

Aspetto un paio di secondi prima di iniziare a montare. Come le ho detto che avrei iniziato delicatamente con ogni colpo che diventa un po' più duro ma ancora facendola solo sussultare e poi conta il colpo. Il sesto colpo è considerevolmente più forte dei primi cinque, l'urlo di Taylor è forte e lungo e cade in ginocchio con le mani che le girano intorno alla schiena.

"In piedi." Le ordino e la guardo mentre si alza tremante in piedi, "ricorda che puoi farmi fermare in qualsiasi momento, dì solo la parola sicura". Le dico di volerle ricordare che ha una via d'uscita e che non deve andare avanti.

"Posso farlo, signore." Dice determinata.

"Ok, ma le ultime diciannove frustate saranno forti come l'ultima." Gliel'ho detto.

"Si signore." Dice tornando nella stessa posizione per il resto della sua frustata.

"Ho intenzione di ricominciare." Le dico spazzando di nuovo i capelli sopra la spalla.

L'ho lasciata riprendersi dopo ogni colpo, lasciandole il tempo di urlare e stabilizzare il suo respiro prima di colpirla di nuovo, ha smesso di contare le ciglia ma non mi dispiace perché penso a quanto deve essere forte il dolore. The sound of the whip striking her skin, the sound of her screams and the sight of the red welts appearing on her back are turning me on so much that by the time I have administered all twenty five of the lashes my cock is fully erect and throbbing.

“That’s all, you took them all.” Gliel'ho detto.

Taylor turns around and I see that there is tears streaming down her face, I move toward her and wipe the tears from her eyes before wrapping her in a hug making sure to keep my hands and arms away from the welts on her back.

“You did really well.” I tell her pulling back from the hug and kissing her forehead.

“Thank you Sir.” She says with a shaky smile.

“I take it that’s not something you want to repeat.” I say sensing how much it had hurt her.

“No, I want to, just with less hits next time.” She tells me with a nervous laugh.

“You are fucking amazing.” I tell her giving her a big kiss.

“Can we have a second round?” Lei chiede.

I hadn’t expected her to say those words and had been planning on giving her a minute or two to recover and maybe have her suck my cock before we carried on but her request spurs me on.

“Ok let’s choose body part first this time. Give me a number between one and six.” I order her.

“Six Sir.” Lei mi dice.

“Six is your pussy.” I tell her and watch her wince, “now pick a number between one and four.”

“Definitely not three Sir.” She says with a soft laugh and making me laugh too.

“Can I have one please Sir.” Lei dice.

“One is the cane.” I tell her and watch as a look of fear crosses her face.

“Number generator again?” I ask and she nods her head.

Taylor presses the go button on the number generator and we both watch as the website does its job and spits out a number, the number ten.

“So ten strikes on your pussy with the cane. You up for this?” Chiedo.

“Yes Sir.” She replies.

“Ok, lie on the bed and make sure your pussy is very exposed and I have easy access.” I tell her as I move over to the candle set, take one from within and light it.

“Can I ask a question please Sir?” Taylor asks.

“Go for it.” I tell her giving her permission to ask her question.

“Why did you light the candle Sir?” Lei chiede.

“Because after this round we are going to have a break from the beatings and I want some melted wax for then.” Gliel'ho detto.

"Siete pronti?" I ask looking down on her lying on her back with her knees pulled up to her chest and her legs spread wide.

“Yes Sir.” Lei risponde.

“I want you to count every strike.” I tell her before adding, “if you don’t I will repeat the strike until you do.”

“Yes Sir.” She says sounding worried now.

I run the cane along her pussy that is already red and swollen from the beating it took with the paddle earlier but I’m not going to take it easy on her. I bring the cane up and then back down horizontally across her pussy.

“One Sir.” Taylor stammers after a short scream from the first strike.

I alternate the strikes between horizontal across her pussy and vertically up the length of her pussy. Taylor counts out each strike after screaming, her screams are different with the different strikes with the vertical strikes eliciting louder screams as the cane connects with her clit.

“Ten Sir.” Taylor gasps after a loud scream from a vertical strike that hits her directly across her clit.

“We are done with the beatings. Per adesso." I tell Taylor, her face had slightly fallen like she was upset when I said we were done but when I added ‘for now’ her face lit up.

“This isn’t a rest for you though this break is for me, my cock has been rock hard since we started so I’m going to use your throat for release.” I tell her feeling a little cruel but really enjoying myself.

“Yes Sir.” She says her eyes wide and a smile on her lips, “can I ask you a question please Sir?” She asks, I nod my head and Taylor asks her question, “what was the wax for Sir?”

“Well while I’m fucking your throat I’m going to cover you in hot wax.” I tell her watching her smile widen.

“Lie on your back with your head off of the end of the bed.” I order her as I retrieve the burning candle that has now melted enough to have a large puddle of melted wax.

“If at any point you need me to stop tap my leg three times.” I tell her knowing that she won’t be able to speak with my cock in her throat but also knowing the importance of her having a way of telling me she needs everything to stop.

I walk back over to Taylor and let my cock flop down onto her upside down chin, like I’ve pressed a button her mouth opens wide. I slip my cock into her mouth and feel her tongue instantly start swirl around the head of my cock, I let my cock rest in her mouth for a moment enjoying the feeling of her tongue all over my cock. I start to push my cock further back but when I reach the back of her mouth I feel her throat constrict and block me.

“Open your fucking throat.” I growl dripping a little bit of wax onto her stomach.

Taylor gasps as the wax hits her stomach and then starts to gag and choke. I pull my cock back worried about her breathing but when she coughs softly and her breathing returns to normal I know she is ok. I start to push my cock back towards her throat and this time when I reach the back of her mouth I’m pleased to find no resistance. I let my cock rest in her throat for a moment for her to get used to the feeling of it being there before I start properly fucking her throat and pouring the wax onto her.

I start to move pushing my cock in and out of her throat fucking her slowly, I can hear and feel her gagging around my cock which sends vibrations through my cock making me moan with pleasure. I fuck her throat gently for a while and think about going harder but I want to pour the wax onto her so I continue my slower throat fucking and bring the candle above her body. I pour the wax onto one of her breasts and feel her moan around my cock, the feeling pushes me closer to an orgasm so I pour some wax onto her other breast.

I continue pouring wax onto Taylors breasts and stomach but I start to pick up the speed of my fucking as I feel myself rapidly approaching an orgasm.

“Fuck, I’m gonna cum.” ringhio.

A second after speaking I push my cock deep into Taylors throat and cum, while I shoot ropes of cum straight down her throat I pour more of the wax over her breasts trying to get the wax on her nipples. When I finish shooting cum down her throat I pull my cock back and out of her mouth, I watch her gulp to swallow any cum remaining in her throat and take deep breaths. I step back and look down on Taylor I can see the wax splattered across her stomach and breasts the red colour standing out against her pale skin, I can also see that while I had been fucking her throat drool had been spilling out of her mouth and has run over the rest of her face covering her nose, eyes and forehead in a sheen of spit.

“I’ll be back in a second.” I tell Taylor.

I rush out of the bedroom into the bathroom where I wet a towel and wring it out so it is just moist before rushing back into the bedroom. Taylor hasn’t moved since I left the bedroom and is still lying on her back with her head hanging off the end of the bed.

“Come sit here, lets get your face cleaned up.” I tell her sitting on the bed.

Taylor gets up and moves around to sit next to me but I pull her onto my lap making her squeal and then giggle. I take the moist towel and use it to start cleaning all of the drying spit off of her cheeks before moving on to the rest of her face using small soft movements to clean her face.

“There we go, beautiful as always.” I say giving her a quick kiss on the cheek.

Taylor turns her face towards me and looks into my eyes, I’m struck by all the emotions I see in her eyes but the main emotion that I see in her eyes is love and I know right now that I want to be with this girl for a long time, maybe even the rest of my life. La amo.

"Ti voglio bene." I whisper feeling choked up by the intensity of the emotions I’m feeling.

"Anch'io ti amo." She whispers back her voice sounds much like my own, overwhelmed by emotions.

We stay like that for a couple minutes with Taylor on my lap and our arms wrapped around each other and sharing kisses ranging from long and passionate to quick and teasing. I try to keep my hands away from the welts on her back but I keep accidentally brushing against them making her wince in pain.

“Could we carry on please Sir.” Taylor asks.

“You sure about that? We don’t have to.” Chiedo.

“If you’re ok with it Sir.” Dice piano.

“I just want to make sure you’re not enduring this just to please me.” I tell her my voice soft.

“No Sir, I want you to hurt me more and tease me until I beg to cum, I want you to make scream in pain and moan in pleasure Sir.” She tells me, her words make my cock twitch, her words have inspired me and I know what I’m going to do to her now.

“Ok well I think now is the best time to test out two toys we haven’t tried yet.” Gliel'ho detto.

I give her a quick kiss before moving her off of my lap so I can get the things I need for what I want to do.

“Lie on your back and stretch your arms and legs.” Gliel'ho detto.

She stretches her arms up towards the headboard and her legs towards the foot of the bed. I use a length of rope to tie her right hand to the right side of the headboard and then use another length of rope to tie her left hand to the left side of the headboard. I then move to the foot of the bed and use longer lengths of rope to tie her feet to their respective legs of the bed.

I run my hands up her legs across her hips, over her stomach and onto her breasts, I massage her breasts roughly and pinch her nipples making her groan. I stop manhandling her breasts after a minute and move to the toys I want to use on her, I plug the wand vibrator into the wall socket then carry it and the flogger over to the bed.

“Time for some fun.” I say as I sit next to Taylor’s torso.

The vibrator buzzes to life as I switch it onto its lowest setting, I’m surprised and pleased by its strength. I reach over and spread Taylor’s pussy with my fingers before pressing the vibrator against her pussy making sure it presses against her clit.

"Santa merda." Taylor squeals as I press the vibrator against her pussy.

“Remember you have to ask permission to cum.” Gliel'ho detto.

“Yes Sir.” She stammers.

I watch Taylors eyes close and her mouth open as pleasure courses through her body, I wait a moment letting her enjoy the pleasure before I start with the flogger. While still holding the vibrator against her pussy I use my free hand to pick up the flogger and then bring it down hard across her left breast.

"Fanculo." Taylor screams, her eyes darting open as the flogger connects with her breast.

I hold the vibrator against her pussy as I use the flogger on her breasts alternating between her right and left breasts. As I had expected it doesn’t take long for Taylor to ask for permission to cum.

“Please Sir can I cum?” Lei chiede.

"No." I tell her pulling the vibrator away from her pussy.

Taylor groans from the sudden loss of stimulation to her pussy and when she looks up at me I see realisation dawn in her eyes, I had done the same kind of thing to her yesterday as punishment when she had cum without permission, she had said it wasn’t much of a punishment because she had had the best orgasm of her life but I want to see what she thinks of it now.

“How many times do you think I should deny you your orgasm?” I ask her lightly trailing the flogger over her breasts and then stomach.

“Only once Sir.” She says with a nervous laugh.

I lift the flogger and bring it slapping down hard against her pussy making her scream loudly.

“Same question but this time give me a serious answer or I will beat you and not let you cum for the rest of the day.” Gliel'ho detto.

“Sorry Sir.” She says and then quickly adds, “as many times as you want to Sir.”

“Good answer.” I tell her with a smile but then I grow serious.

“Just so you know if you cum without permission your punishment will be five lashes from the whip on your pussy.” I watch a look of absolute terror cross her face at my words.

“Yes Sir.” Dice piano.

I turn the vibrator on and put it onto setting two of four and press it back against her pussy, she lets out a loud moan and I pull the vibrator away for a second before pressing it back for a second and pulling it away for another second, I repeat this a couple of times before leaving the vibrator pressed against her pussy. I start hitting her breasts with the flogger again while I let the vibrator do its job.

When Taylor ask for permission to cum I again remove the vibrator and wait for her to settle down a little bit before pressing it against her pussy and hitting her breasts with the flogger again. After the second time I bring her to the edge with the second setting of the vibrator I turn it up to the third setting and bring her to the edge twice more beating her breasts with the flogger the whole time making her moan and scream. After bringing her to the edge twice with the vibrator on the third setting I turn the vibrator up to the fourth and final setting.

I bring her to the edge once on the fourth setting hitting her breasts with the flogger the whole time and then considering I had already denied her her orgasm six times I decide to let her cum the next time she asks permission.

“Please Sir, please let me cum Sir, please, please.” She begs me with tears running out of her eyes.

I wait a moment making her think I’m going to deny her an orgasm yet again but then I speak the words she so desperately wants to hear.

“You can cum.” Gliel'ho detto.

“Oh fuck, thank you Sir.” Taylor screams.

I hold the vibrator against her pussy as she orgasms, her orgasm is violent and she jerks around against the ropes restraining her arms and legs. She starts off the orgasm with a loud scream after a moment her scream tapers off but her violent jerking movements don’t and I start to worry about the rope around her arms and legs hurting her.

"Per favore. Signore. No. More.” Taylor says jerkily taking big gulps of air between each word.

At first I don’t know what she is talking about but then I feel like a fool because I realise I’m still holding the vibrator against her pussy and it’s still on the highest setting. I pull the vibrator away from her pussy and she groans with relief from the loss of the overwhelming sensations against her pussy. Taylor had practically risen off of the bed when she had arched her back during her orgasm but now that the vibrator has been removed her orgasm has calmed down and she slumps on the bed twitching now instead of shaking violently.

I sit watching her as she recovers from her aggressive orgasm, her eyes are closed, her mouth is open slightly, her skin glistens with a film of sweat making her look like her skin is made up of diamonds and her platinum blonde hair spills onto the bed beneath her. I trail my eyes down her body over her small breasts and hard pink nipples that rise and fall with her deep breaths, over her flat toned stomach and slender hips then her exposed, red and swollen pussy slick with her juices and then finally down her long pale legs.

Looking over Taylor’s naked body I blasphemously think that not even all the angels in heaven could compare to her beauty.

“Do you like what you see Sir?” Taylor asks with a cheeky tone to her voice and looking up at me with her bright blue eyes.

“I love what I’m seeing.” I tell her with a smile and a quick kiss on her lips.

“Can I make a request please Sir?” Taylor asks a little nervously.

“Yeah sure.” I answer her curious about what her request is.

“Will you please fuck my ass Sir?” She asks confidently.

I smile remembering when I fucked her ass last night, how tightly it gripped my cock and how amazing it felt. I move around the bed untying the ropes holding her to the bed and act like I’m considering her request even though I’ve already made my decision. Taylor sits up on the bed and I sit down next to her.

“You know you are every mans dream girl.” I tell her, “gorgeous. Perverso. Buffo. Inteligente. And just all round amazing.” I punctuate each compliment with a quick kiss on her lips and by the time I’m finished we are both smiling widely at each other.

"Ti voglio bene." We both say at the same time and then look into each others eyes and break into laughter.

When we stop laughing I pull her towards me, wrap my arms around her and kiss her deeply.

“If you want me to fuck your ass I will.” I tell her, “but I want to know why you want me to, you didn’t seem to like it last time.”

“It’s not that I didn’t like it Sir, it hurt yes but I’m yours and I want to be able to use all of my holes to please you Sir.” She tells me with a determined look on her face, “and what better way to train me than with your wonderful cock Sir.”

“You are like a dream come true.” I tell her, “I would be honoured to train you.”

“Thank you Sir.” Dice con un sorriso.

“Remember how you put your legs behind your head earlier? Do you think you could do that again?” le chiedo.

“Yeah I can do that Sir.” She tells me looking excited but also anxious.

“Ok do that, I’ll grab the lube.” Gliel'ho detto.

I stand up and retrieve the water based lube, I move back to the bed and look at Taylor with her red, swollen pussy and tight puckered asshole exposed and ready for my pleasure. I pop the lid on the lube and squeeze some onto my fingers, I run my fingers over her asshole making her gasp and moan softly. I continue spreading the lube around her tight hole until I think there is enough there and then I slip a lube coated finger inside her tight hole, she moans louder as my finger slides easily into her hole and I add a second finger a second later.

I finger Taylors tight asshole to accustom her to the feeling of something inside her hole and when I think she is ready I pull my fingers from her hole. I grab her by her hips and pull her to the edge of the bed making her squeal but she holds her folded position. I think about covering my cock in lube but when I see her pussy dripping wet in her juices I decide to use natural lubrication instead, I slap my cock down on her pussy making her grunt with a little bit of pain from all the abuse her pussy has taken today. Taylor makes a half moan and half humming sound as I rub my cock all over her pussy trying to cover it in as much of her juices as possible.

“I need you to talk to me with this, to tell me if we need more lube, if I can speed up or need to slow down. Just anything, I don’t want this to be pleasurable only for me.” Gliel'ho detto.

“Yes Sir I can do that.” She tells me confidently.

“Ok good.” I say rubbing my cock over her pussy one last time to make sure my cock is lubed up enough for this.

I press the head of my cock against her tight hole and push gently, I feel my cock pop into Taylors ass and we both moan simultaneous moans of pleasure. I leave just the head of my cock in her tight hole for a moment to let her get used to the sensations she is feeling right now. I push the rest of my cock inside her, burying myself all the way to the hilt, her tight ass smothers my cock and is so tight that even with the lube I’m not sure if I’m going to be able to fuck her.

“Please fuck me Sir.” Taylor practically begs me.

I’m worried about hurting her but her pleas combined with my already existing desire to fuck her make me pull my cock out until just the head is left inside her before pushing back inside her.

“Oh yes, please fuck my tight hole hard Sir.” Taylor growls as I slide my cock slowly in and out of her ass.

I lean over her and kiss her deeply before standing back up and thrusting hard inside her. I fuck her hard, pulling all but the head of my cock out before slamming my full length back inside her making her groan and grunt with the force of my fucking. Like I had told Taylor before we started I want this to be pleasurable for us both but she doesn’t seem to be getting much pleasure from it. I stretch and reach across the bed and retrieve the wand vibrator and turn it on to the lowest setting before pressing it against Taylors pussy.

She moans loudly as the vibrator comes into contact with her pussy and even though I’m holding the vibrator against her pussy I don’t lighten up with my hard fucking of her ass.

“Please can I cum Sir?” Taylor shouts.

“Can you wait, I’m so close.” I tell her wanting us to cum together.

“Yes Sir, I can wait.” Lei mi dice.

I pick up my pace and fuck her fast making her groans increase in frequency and volume. I can see her shaking as she tries her hardest to hold back her orgasm to wait for my permission.

“Cum with me my little slut.” I growl feeling my orgasm about to hit.

“Thank you Sir.” Taylor screams as her orgasm takes her right at the same time my orgasm hits me.

I bury my full length in her ass and spray rope after rope of cum deep inside her as the folded up Taylor shakes and moans loudly. I remove the vibrator from her pussy when I finish shooting my cum inside her ass and a moment later Taylor comes down from her orgasm. I pull out of her ass but before she can unfold herself I have one last thing I want to do.

“Stay like that I want to get some pictures.” I tell her and when I see her face drop I realise that she thinks I want the pictures for the same reason I took the video of her in the library, to blackmail her.

“They will be for our use only. I’d never send then to anyone, I wouldn’t do that to the person I love.” I tell her as I retrieve my phone to take the pictures.

I move back over to the bed and see that Taylor is still in the same position but her eyes are filled with tears.

“You really do love me.” She says quietly and a little disbelievingly.

"Vieni qui." I tell her as I sit cross legged on the bed.

Taylor unfolds herself and crawls across the bed to sit in front of me but the whole time she keeps her eyes down and doesn’t look at me.

"Ehi." I say cupping her chin and forcing her to look up and into my eyes.

“I fucking hated you, you were a bitch and terrorised me and made my life miserable.” I tell her and when she tries to look away from me I use my hand to hold her face still so she is still looking into my eyes.

“I was so happy to have something to blackmail you with to make your life miserable as well but.” I pause and sigh trying to figure out how I can say this and convey my emotions to her.

“But since then I’ve seen a completely different side of you, a confident, beautiful, charming girl who is kind and nothing like the person you act like at school.” I tell her, “I really have fallen in love with you and I don’t want you thinking any different because it wouldn’t be true.”

By the end of my rant Taylors tears have spilled over and now run down her cheeks but she has a soft, hesitant smile on her face.

“Why did you think I was lying?” le chiedo.

“I’m sorry Sir.” She starts but I cut her off.

“None of that Sir stuff now, that’s only for when we’re fucking.” I tell her bluntly.

“Ok.” She takes a deep breath and looks nervous to the point where I don’t think she will actually tell me but then she speaks quietly and hesitantly.

“Lots of people have told me that they love me but they don’t. They say it as a way to control me to make me feel something and then use it against me, or they say it just because they think it’s what I want to hear.”

I can feel tears welling up in my eyes as she speaks, I understand now why she didn’t believe that I love her.

“I don’t think anyone has every actually loved me.” She says with a sob.

I feel my own tears run down my cheeks, I lunge at her and wrap my arms around her holding her tight.

“I really love you. When I tell I love you it’s because I actually do love you Taylor.” Gliel'ho detto.

I hold her gently feeling her chest heave as she sobs with her face buried against my neck. I run my hand through her hair trying to comfort her, I would be stroking her back as well but I don’t want to touch the welts on her back for fear of hurting her.

“There is something left that I want to do.” I tell Taylor gently moving her off of my lap when she has stopped crying and has recovered. I forget about taking the pictures I had want because I feel like it would just humiliate her and make her feel worse again when all I want to do now is comfort her and make her feel better.

“Don’t worry I’m not going to use any of the toys.” I tell her when I see the worried and fearful look on her face.

I look over the toys, find what I wanted and walk back towards the bed.

“What body part hurts the most and which hurts the least?” I ask Taylor.

“My back, tits and pussy all hurt really badly but everything else just kind of aches.” Lei mi dice.

“Ok, I’ve got this.” I tell her holding up a plastic container, “it’s an aftercare cream that’s supposed to soothe and heal. Where do you want me to use it first?” Chiedo.

“My back please, then my pussy, my tits last, if that’s ok?” She says questioningly like she isn’t sure I’ll listen to her.

I sit on the bed with my legs spread and tap the space between my legs, “come sit here facing away from me.” I tell her taking the lid off of the container.

She moves hesitantly towards me and sits in the space between my legs but not close enough for what I want to do.

“A bit closer.” I tell her using her hips to pull her closer to me.

“This might be a little bit cold.” I tell her as I scoop some of the soothing cream into my hands.

I gently run my hands down her back making her flinch and gasp when my hands touch her back.

"Mi dispiace." I tell her feeling bad that I’m hurting her outside of our ‘playtime’.

“It’s ok. If it will help then I can handle it.” Lei mi dice.

I kiss her shoulders lightly before moving my hands back onto her back. I softly massage her back spreading the lotion all over the welts, Taylor let’s out a soft moan of pleasure as I gently massage her back hoping that the aftercare lotion will do its job and ease the pain of her welts.

“Please don’t stop.” Taylor says softly looking at me over her should with big puppy dog eyes when I stop massaging her back thinking that what I’ve done would be enough.

“Ok.” I say with a soft chuckle and a quick kiss on her cheek.

I start massaging her back again and she sighs softly with pleasure and relaxes back towards me. I massage her back for a few minutes loving Taylors soft moans and sighs of pleasure and the way she is really relaxing against my hands.

“I’m gonna hate myself for saying this because I’m loving this massage but can we move on now please.” Taylor says softly.

“Yeah if you want me to.” I tell her, “you want me to do your pussy next right?” Chiedo.

“Yes please, it’s taken a lot of abuse.” She says with a soft laugh.

“Ok, I’ll need you to face me.” Gliel'ho detto.

Taylor turns around to face me and shuffles closer spreading her legs over my legs and positions herself so her feet are behind my back. I scoop some of the lotion into my hand and I’m about to start massaging into Taylor’s pussy when she presses a hand to my cheek and stops me.

"Grazie." She says her voice barely a whisper, “you didn’t have to do this.”

“Of course I did.” I tell her a little sharply, I soften my voice and speak again, “I love you and I don’t want you to feel any pain you don’t want to.”

Taylor use her hand that is on my cheek to pull my face closer to hers and kisses me with so much passion and love.

“I'm so lucky to be yours.” Taylor says with a big smile on her face.

“I’m lucky that you want to be with someone like me.” Gliel'ho detto.

We sit just smiling at each other with Taylor between my outstretched legs and her own legs wrapped around me. The silence is comfortable and we are content to just sit there touching each other. Eventually though I want to get back to massaging the soothing aftercare lotion onto her skin to try and relieve some of her pain.

“Shall I get back to the massages?” I ask Taylor who quickly nods her head.

Taylor shuffles back a little bit giving me easy access to her pussy that looks beaten and bruised, I feel bad that I have inflicted these injuries on her most intimate area.

“Maybe next time I should take it a little easier on you down here.” I tell her as I lightly touch her sore and injured pussy making her flinch and hiss in pain.

"Per favore, non farlo." Taylor says softly, “I like the pain when you’re inflicting it and even though I’d rather not have the pain afterwards I still want the marks because it’s just another reminder that I’m yours, just like this.” She tells me touching the collar fastened around her throat.

Her words show just how much of a masochist Taylor really is and as a newly discovered sadist I find her words very arousing and my cock twitches with my arousal.

“You really liked hearing that huh?” Taylor asks teasingly while looking down at my semi hard cock.

“Yeah it was very arousing.” I tell her as I continue to massage the lotion on her pussy.

“I can tell.” She giggles as she lightly runs a hand along my cock making me gasp and shiver.

I lean forward and kiss her at the same time that she wraps her hand around my cock and starts to stroke it.

“You don’t have to do that playtime is over.” I tell her using my voice to put invisible air quotes around the word ‘playtime’.

“You’re my man, it’s my job to please you and take care of your needs.” She tells me with a smile.

We both moan at the same time, then meet each others eyes and burst out laughing all the while Taylor continues stroking my cock and I carry on massaging her pussy with the lotion.

“Tell me when you’re going to cum Sir.” She says the last word cheekily with a little wink.

“I’m gonna cum.” I say a coup

Storie simili

Lascia che una Playa giochi

Lascia che A Playa Play Storia di Charles che usa il suo bell'aspetto e il suo fascino per scopare tutte le donne che vuole. Oooohh cazzo, mmmmm. geme con una gamba sulla mia spalla, mutandine nere con rifiniture rosa che pendono dal suo piede mentre attacco vigorosamente la sua figa con la mia lingua. Essendo questo il suo ultimo giorno di lavoro, ho pensato di mandarla via con un regalo d'addio. Più simile a questo è ciò che ti mancherà presente. Mentre si morde il labbro, mi afferra la nuca e mi preme il viso nella sua figa bagnata. Non sai...

1.1K I più visti

Likes 0

Per favore, lasciami andare

Gliel'ho lasciato fare. Gli ho lasciato toccare il mio cazzo. Suppongo di aver ceduto alle mie voglie di voler venire a qualunque costo, anche se non avevo alcun desiderio per lui, nessuna persona del mio sesso. Mi sono sdraiato sulla schiena e l'ho lasciato fare a modo suo con me. Non è che fosse un estraneo. Cominciò ad accarezzarmi dolcemente. Colpi lunghi e morbidi con la punta del dito su e giù per la mia asta. Sembrava molto surreale che il mio migliore amico mi stesse accarezzando il cazzo. Ha notato che c'era un allentamento pre-sborra dalla sua punta. Chinò la...

139 I più visti

Likes 0

Imbevuto

Questa è la mia prima storia; è una storia vera di qualche anno fa. Sentiti libero di darmi i tuoi commenti e ti diverti tanto quanto me!! Sapevo che non sarebbe stata contenta che non fossi andata a prenderla perché pioveva così forte ma ero davvero impegnata in casa che avevo perso la cognizione del tempo, comunque aveva compiuto 16 anni il giorno prima quindi voleva la sua 'Indipendenza'. Mi chiamo Chris e ho 24 anni e sono il tutore ufficiale di Debbie, la cui mamma stava viaggiando per il mondo apparentemente trovandosi e papà stava abbastanza felicemente crescendo la sua...

1.1K I più visti

Likes 0

Ama l'onore e obbedisci

Il giorno in cui ho incontrato questa bellezza perfetta dovevo averla. Tinya e io ci siamo frequentati per diverse settimane prima ancora di provare a fare sesso con lei. Non volevo rischiare di farla arrabbiare. Ho avuto la notte in cui ho deciso di fare tutto il possibile per la mia mossa. Il ristorante era molto costoso. Ottimo cibo e vino. Atmosfera meravigliosa. Era in ritardo nell'incontrarmi, ma quando è arrivata mi sono completamente dimenticato del suo ritardo. Le sue lunghe gambe da ballerina erano evidenziate da tacchi da 5 pollici. Questo la rendeva alta quasi quanto me. La sua gonna...

157 I più visti

Likes 0

Il nuovo inizio di Sarah, parte 3

Mi misi l'impermeabile e andai allo specchio da toeletta. Un'ondata di energia mi attraversò il corpo mentre mi guardavo allo specchio in piedi nudo con indosso il cappotto e le mie calze nere e nient'altro. I miei capezzoli erano eretti e teneri e mi sentivo come una donna sensuale e sexy, l'intera immagine era così erotica. Andai in ufficio e presi solo le chiavi dell'ufficio e tornai a sedermi ad aspettare la limousine con Lance e Michigan. Dopo qualche minuto il telefono di Lance squillò e ci alzammo e uscimmo dall'ufficio, questa volta ho controllato la porta per assicurarmi che fosse...

1.1K I più visti

Likes 0

La mia vita: Parte 01: Recupero dal dolore

Erano passati diversi mesi da quando mia moglie di 13 anni era morta per un improvviso insufficienza cardiaca. Aveva una storia medica con il suo cuore e ha subito un intervento chirurgico all'inizio del nostro matrimonio. Tuttavia, la sua improvvisa scomparsa è stata una vita enormemente sconvolta per me e nostra figlia. C'era il vuoto nella casa che amavamo. Un doloroso desiderio ci seguiva di stanza in stanza. Con la consapevolezza che la vita era troppo breve - e una generosa assicurazione sulla vita per finanziarla - abbiamo deciso di trasferirci in una delle nostre città preferite nella contea di San...

1.1K I più visti

Likes 0

Il mio villaggio delle MILF

Storia di Fbailey numero 776 Il mio villaggio delle MILF Lo zio Charles mi ha lasciato la sua enorme fattoria alla periferia della città. Era seicentoquaranta acri o quello che chiamano una sezione. Ha una dimensione di un miglio per un miglio. Mio padre mi aveva lasciato la sua sezione e si unirono naturalmente. Sul retro della mia terra c'era una ripida scogliera in un ampio letto di fiume. Ciò ha reso il retro centrale quasi invisibile a chiunque fosse al di fuori della mia proprietà. Avevo una piccola impresa che produceva e vendeva case prefabbricate. Rimorchi essenzialmente a doppia larghezza...

108 I più visti

Likes 0

TEMPO DOCCIA_(1)

Sam, svegliati! Sono state le prime parole che Sam ha sentito al mattino, quando sua madre lo ha svegliato prima del solito per la crociera di famiglia. Va bene, va bene... sono sveglio. disse Sam con voce bassa, mattutina. Sono già le 8:45! gridò suo padre dall'altra parte del corridoio. Dai, hai sentito tuo padre. disse la mamma a voce molto più bassa. La mamma è uscita dalla stanza ed è andata a svegliare Katie, la sorella maggiore di Sam di 1 anno. Sam e Katie erano molto legati durante l'infanzia; la pubertà li separava un po' ma continuavano a parlare...

87 I più visti

Likes 0

Tim, l'adolescente parte XV

Nota: ——NON sono l'autore! Ci sono diversi autori in realtà, non sono così sicuro che qualcuno di loro sia il creatore, ma so che non sono io. Sto semplicemente condividendo questa bella storia con tutti voi perché non l'ho vista qui. Ora in origine dovevano essere tutte 9 parti, ma... Qualcuno ha detto che la prima era troppo lunga, quindi ho deciso di dividerle tutte in post più piccoli. Ho pensato di provare un aspetto e una struttura della frase diversi per questo capitolo, per favore fatemi sapere come vi piace. BUON APPETITO--- Tim, l'adolescente parte quindici di: Rass Senip +++...

1.2K I più visti

Likes 2

Estate a Pond Cove - Capitolo 01

Walter ha appena finito il college e sta trascorrendo l'ultima estate prendendosi cura della strana capanna di suo zio situata a Pond Cove, un'area appartata circondata da una riserva naturale del governo. Tutti gli altri proprietari, tranne uno, sono stati acquistati dal governo che vuole trasformare Pond Cove in un santuario delle rane. Walter incontra i suoi vicini per l'estate, sei sorelle della sorellanza che stanno trascorrendo l'ultima estate insieme. Le cose si fanno un po' calde... e un po' strane... mentre Walter scopre il suo lato sottomesso dalle mani di alcuni insegnanti esperti. Questa storia è indipendente, ma la trama...

1.3K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.