La mia vita: Parte 01: Recupero dal dolore

2.7KReport
La mia vita: Parte 01: Recupero dal dolore

Erano passati diversi mesi da quando mia moglie di 13 anni era morta per un improvviso insufficienza cardiaca. Aveva una storia medica con il suo cuore e ha subito un intervento chirurgico all'inizio del nostro matrimonio. Tuttavia, la sua improvvisa scomparsa è stata una vita enormemente sconvolta per me e nostra figlia.

C'era il vuoto nella casa che amavamo. Un doloroso desiderio ci seguiva di stanza in stanza.

Con la consapevolezza che la vita era troppo breve - e una generosa assicurazione sulla vita per finanziarla - abbiamo deciso di trasferirci in una delle nostre città preferite nella contea di San Diego. Ho perlustrato i siti web degli agenti immobiliari e ho trovato una casa in costruzione in vista dell'oceano, ma non così vicino da essere proibitivo.

Avremmo mantenuto la nostra casa attuale perché era già stata pagata e conservava molti ricordi, gioiosi e dolorosi sia per me che per mia figlia. Era la casa in cui era stata da quando era nata e non eravamo pronti a lasciarla andare. Questo mi ha anche evitato di dover occuparmi della quotazione e della vendita della casa.

I mesi successivi sono trascorsi con la chiusura dell'acquisto, alcune modifiche al design e la scelta di vernici, pavimenti e mobili. L'attività mi ha tenuto occupato e ha impedito alla mia mente di scivolare in pensieri deprimenti.

Mia figlia era un po' nervosa all'idea di lasciare la scuola e i compagni di scuola, ma ho rassicurato che sarebbero stati liberi di farci visita ogni volta che voleva. Era molto entusiasta del trasloco perché sapeva che sarebbe stata vicino alla spiaggia, cosa che adorava.

Poco dopo Natale, abbiamo fatto le valigie e abbiamo fatto il viaggio di sei ore verso ovest. Abbiamo fatto questo viaggio molte volte ed è passato senza incidenti, anche se un po' più tranquillo.

Il tempo era un po' freddo quando siamo arrivati. Ma non ce ne siamo quasi accorti mentre ci sentivamo a nostro agio nella nostra nuova casa. L'odore della vernice fresca e del pavimento in legno e della pulizia si mescolava alla brezza salata dell'oceano.

Nelle settimane successive abbiamo continuato ad accettare consegne di mobili e decorazioni. Mia figlia ha iniziato la sua nuova scuola e dopo alcuni giorni di timidezza ha fatto nuove amicizie. Quando ha videochattato con i suoi vecchi amici per raccontare loro i suoi primi giorni, ho potuto qui una felicità che mancava un po' alla sua personalità frizzante per diversi mesi. Anch'io ero più felice, ma c'era ancora un vuoto spalancato dove una volta c'era la compagnia.

Una sera a cena mia figlia mi chiese "Papà, ti sposerai mai più?" Non sapevo cosa dire... non volevo che fosse arrabbiata con qualunque fosse la mia risposta. Ha continuato: "Va bene, mi piacerebbe se fosse carina".

Non uscivo per niente dalla morte di mia moglie. Negli ultimi mesi ho avuto alcune conversazioni e-mail estremamente accese con Reagan, una ragazza con cui ero uscita anni prima di sposarmi. Ma ora era sposata con figli. Era riluttante a rompere la sua famiglia e quindi la relazione non era andata oltre quelle e-mail. Alcune altre colleghe erano state un po' civettuole, ma io ero così preoccupata di affrontare il dolore e poi il trasloco -- non avevo prestato loro attenzione.

Mia figlia ed io ne abbiamo discusso un po' di più e ho capito che voleva davvero solo che fossi felice.

Ho continuato a pensarci mentre mi preparavo per andare a letto quella notte. "Che diavolo, perché no?" Ho scaricato un'app per siti di incontri e ho creato un profilo. Ero ossessionato dal cercare di scattare alcune buone foto di me - dove non sembravo troppo stupido. Sono sempre stata più attratta dalle donne più giovani, quindi ho scelto dai 18 ai 28 anni per la mia età. Mi sono reso conto che molti in quella fascia di età non sarebbero stati interessati a me, dato che avevo 45 anni. Tuttavia, se stavo cercando la donna perfetta, sapevo che non volevo vendermi allo scoperto. L'ho salvato e ho aspettato. Il mio profilo è stato approvato ma era ancora silenzioso. Alcuni mi hanno contattato, ma alcuni sono rimasti incantati quando hanno scoperto che avevo un figlio.

Una settimana e mezzo dopo, mi sono svegliato e ho trovato un messaggio nella mia casella di posta. Era di una donna asiatica di 35 anni molto attraente. Questo ha attirato la mia attenzione poiché anche mia moglie era di origini asiatiche. Ha notato che sapeva di essere al di fuori della fascia di età che avevo scelto, ma pensava che fossi carina e che avremmo potuto avere molto in comune. Ha notato che anche lei era un genitore single. Abbiamo chiacchierato un po' attraverso l'app di messaggistica del sito prima che mi trovassi il coraggio di incontrarla.

Ha risposto semplicemente con un "Sì!!!" seguito da un'emoji di faccina sorridente. Le ho fatto sapere che avrei bisogno di trovare una baby sitter per mia figlia e che forse potremmo incontrarci a cena venerdì.

Ho prenotato in un posto in centro che non era troppo pretenzioso ma abbastanza elegante per un primo appuntamento. Abbiamo deciso di guidare separatamente per mantenere le cose a bassa pressione.

Venerdì è arrivato. Verso le 16, una delle nuove amiche di mia figlia è venuta per un pigiama party con sua sorella maggiore che avrebbe fatto da babysitter a entrambe. Ero un po' nervoso all'idea di lasciare mia figlia con un parente sconosciuto, ma mia figlia mi ha assicurato che sarebbe andato tutto bene. "Vai e basta, papà!" mi ha rimproverato mentre fornivo informazioni e istruzioni di contatto di emergenza alla sitter. Ho dato a mia figlia un bacio della buona notte.

Scesi le scale in garage e salii su una delle mie Jeep. Mi sono diretto a sud verso il centro. Grazie a Dio per tutte le funzioni di assistenza al mantenimento della corsia e controllo automatico della velocità di crociera, dato che il mio cervello era onestamente da qualche altra parte per la maggior parte del percorso. Ho avuto farfalle al primo appuntamento che non sentivo da oltre un decennio. Momenti di insicurezza sono entrati qua e là mentre mi chiedevo se il mio appuntamento sarebbe stato un no-show. Mi stavo preparando alla delusione? Trovai un parcheggio in garage vicino al ristorante e mi avviai nervosamente su per la strada.

Quando ho raggiunto la parte anteriore del ristorante il mio appuntamento non era ancora arrivato. Poi ho guardato il mio telefono e mi sono reso conto che ero in anticipo di 15 minuti. All'improvviso il mio telefono ha suonato e ho capito che era un messaggio di Rachel -- il mio appuntamento. L'ho aperto e felicemente ho visto che anche lei era in anticipo e aveva appena parcheggiato. Pochi istanti dopo, la vidi arrivare nella stessa direzione in cui avevo parcheggiato.

Dire che le sue foto non le rendevano giustizia sarebbe stato un eufemismo. Era alta circa 5'6", i suoi capelli neri ondulati appena sotto le spalle. Era vestita in modo molto elegante e la gonna e la camicetta accentuavano perfettamente le sue curve. Avvicinandosi ho ammirato i suoi delicati lineamenti coreani mentre i suoi occhi brillavano e si ruppe in un sorriso. Quando si è avvicinata, le ho teso la mano per salutarla e lei ha semplicemente preso la mia mano nella sua, intrecciando le sue dita con le mie. Mi ha condotto alla stazione hostess dove abbiamo fatto il check-in. La hostess ci ha portato a un tavolo.

Ho tirato fuori la sedia per lei come un gentiluomo, e ci siamo seduti. Mi afferrò di nuovo la mano e mi guardò sorridendo. Ho rotto il silenzio con chiacchiere e questo si è trasformato in una conversazione. Il nervosismo svanì.

Mi ha detto che era americana di prima generazione con i suoi genitori che si sono trasferiti negli Stati Uniti circa cinque anni prima della sua nascita. Era sposata ma suo marito era rimasto ucciso in un incidente d'auto quando era incinta di soli tre mesi di sua figlia Katie. Da allora non si frequentava più, concentrandosi sulla maternità e sulla sua carriera. Si era fatta strada fino a diventare vicepresidente senior del marketing mentre si destreggiava come una mamma single. Ha fatto alcune domande premurose sulla mia perdita e se fossi uscita con qualcuno. Sono stato onesto e le ho parlato a bassa voce del mio affare di posta elettronica. Sorrise e scosse giocosamente la testa. Mi ha chiesto se volevo più figli. Le ho detto che avevo una vasectomia, quindi i bambini erano probabilmente fuori questione.

Ha condiviso storie divertenti della sua infanzia e storie di sua figlia che cresce. Il tempo scorreva mentre parlavamo liberamente.

Mentre chiacchierava via, non potevo fare a meno di ammirare la sua bellezza. Era formosa, ma non in sovrappeso. Evidentemente ha notato che la ammiravo e che non potevo evitare che i miei occhi fossero attratti dalla scollatura che puntava sul colletto della sua camicetta perfettamente su misura. La sua voce si spense e arrossì leggermente. Questo a sua volta mi ha messo in imbarazzo di essere stato sorpreso a fissarlo. Mi strinse il braccio e sussurrò "Va tutto bene". Questo mi ha riportato a mio agio quando la conversazione è ricominciata. I nostri antipasti principali sono arrivati ​​ma la conversazione è continuata eccitata tra un boccone e l'altro. Siamo passati al dessert mentre mi raccontava di più sui suoi hobby e parlavamo dei nostri figli.

Abbiamo continuato a parlare fino a quando le hostess hanno iniziato a darci lo "sguardo" che stavamo occupando il tavolo troppo a lungo durante la corsa alla cena. Ho pagato e poi siamo usciti. Abbiamo scoperto che avevamo entrambi parcheggiato nello stesso garage. Allungò una mano e mi afferrò la mano e poi si appoggiò a me mentre ci dirigevamo verso le nostre macchine.

Quando abbiamo raggiunto il garage ci siamo accorti che avevamo parcheggiato uno di fronte all'altro. L'ho accompagnata alla sua macchina: una Lucid Air bianco perla, che trasudava la stessa classe che sembrava portare con sé ovunque. Ha aperto la porta e poi si è girata verso di me. Mi avvolse le braccia intorno al collo e mi attirò a sé. Senza una parola, le sue morbide labbra incontrarono le mie mentre mi baciava completamente. Fu come una scossa elettrica che mi attraversò mentre la sua lingua sbatteva contro la mia. Si staccò e mi baciò con un bacio veloce e poi sussurrò senza fiato "oh Dio, dovrei andare". Ci siamo salutati con riluttanza e l'ho guardata nel mio specchietto retrovisore mentre si allontanava.

Ho fatto un viaggio panoramico più lungo verso casa -- attraverso La Jolla -- lungo la costa. Le vedute del crepuscolo sul Pacifico mi calmano la mente. Ero quasi a casa quando il mio telefono ha suonato. Era Rachel, a dirmi che era a casa sana e salva. Ancora qualche istante e un altro messaggio. "Non riesco a smettere di pensare a te." Ho appena sorriso e ho continuato a casa.

Mi sono fermato in garage e sono entrato. Ho sentito urla di risate da ragazzina dalla stanza di mia figlia e ho sbirciato dentro. Mia figlia, la sua amica e sua sorella maggiore stavano litigando con i cuscini e ridendo. Li ho interrotti per dare il bacio della buonanotte a mia figlia e poi ho detto loro di continuare. Quando me ne andai, la lotta con i cuscini continuò in pieno vigore.

Andai in camera mia, mi feci la doccia e poi mi misi a letto. Ho guardato il mio telefono -- un altro messaggio di Rachel -- "Ho bisogno di vederti di nuovo. Mercoledì, dopo che le ragazze andranno a scuola?". Questa volta sono stato io a rispondere semplicemente con un "Sì!!!" e un'emoji sorridente.

I giorni successivi trascorsero così lentamente. Salutavo Rachel con un messaggio del buongiorno ogni giorno e una telefonata della buona notte ogni sera. Ma le sue conversazioni erano chiacchiere e mi preoccupavo se non fosse stata al massimo dopo l'appuntamento che stavo ancora facendo. Martedì, non c'è stata nessuna chiamata della buona notte. Invece un messaggio di testo con semplicemente il suo indirizzo e un'emoji con la faccia baciata. L'ho lasciato così, non l'ho chiamata quella notte.

La mattina dopo, ho scaricato i cereali mentre cercavo di preparare la colazione a mia figlia e mi sono dimenticato di mettere il caffè nella caffettiera. Mia figlia ha detto consapevolmente "Papà, stai pensando a Rachel?" Ero.

L'ho lasciata a scuola, mi sono fermata al piccolo panificio francese per prendere qualche dolcetto e poi mi sono diretta all'indirizzo che Rachel mi aveva mandato. Era una casa a un piano degli anni '50 che si trovava sotto alcuni alberi adulti. Era assolutamente carino. Sono arrivato alla porta ma non ho mai avuto la possibilità di suonare il campanello. Rachel mi aveva sentito arrivare e aveva aperto la porta mentre mi avvicinavo. Apparentemente si è vestita perfettamente per l'abbandono scolastico come per i primi appuntamenti. Mi ha trascinato dentro e mentre cercavo di appoggiare i pasticcini sul tavolo d'ingresso, mi ha baciato appassionatamente come il nostro ultimo bacio. Mi sono tolto le scarpe mentre mi guidava dall'ingresso, attraverso il soggiorno, e lungo il breve corridoio fino alla sua stanza.

Non disse nulla mentre mi guidava verso il letto e mi spingeva giù. Si fermò di fronte a me, il suo bel sorriso brillava. In modo seducente iniziò a sbottonarsi la camicetta. Presto è stato sbottonato e si è rivelato un reggiseno rosso di pizzo. Fu allora che mi resi conto di quanto fossero grandi i suoi seni. I suoi abiti su misura si abbinavano alle sue curve ma non le facevano mai risaltare. Ora vedendola in reggiseno, so che la mia mascella è caduta. Ridacchiò appena mentre si tirava giù la gonna per rivelare un paio di mutandine rosse abbinate. Si girò per mostrarmi il suo sedere altrettanto formoso.

Rise mentre lo scuoteva giocosamente. Poi si voltò e si mise in ginocchio accanto al letto. Non c'era nessun nascondiglio, ero completamente eccitato. Ha afferrato il rigonfiamento nei miei pantaloncini e si è morsa il labbro mentre lo stringeva. Gemetti un gemito basso. Si alzò e si mise a cavalcioni su di me. Il mio membro palpitante premette contro il suo inguine mentre mi toglieva la maglietta. Mi baciò mentre mi passava le dita tra i peli del petto. Poi mi baciò sul petto, arrampicandosi su di me. Era di nuovo a terra -- slacciandomi velocemente i pantaloncini. Con qualche rapido strattone, ero nudo davanti a questa bellissima donna.

Sono lontano dall'uomo perfetto. Sono relativamente magro, ma ho la pancia "dad bod". I miei capelli si stanno diradando in testa, ma sono molto pelosa altrove. Ma un'area su cui non ho dubbi era la mia virilità. Sono di lunghezza media ma più spessa della media.

"Dio mio!" Rachel sussultò quando vide cosa c'era davanti a lei. Ha afferrato il mio cazzo con le sue mani morbide. Pulsava e si contraeva al suo tocco. Lo tirò delicatamente e poi abbassò la bocca attorno ad esso. Conati di vomito leggermente, iniziò a succhiare l'intero albero. Si fermò per accarezzarlo ancora un paio di volte. Poi bevendone ancora un po'. Le mie dita dei piedi si piegarono in estasi.

Si fermò di nuovo, questa volta per slacciarsi il reggiseno. Ha lasciato che il reggiseno colpisse il pavimento e le sue bellissime 36DD naturali sono nate. Erano ancora molto ben fatti con pochissimi cedimenti. Era il mio turno di guardare con soggezione. Altrettanto rapidamente infilò i pollici nella vita delle sue mutandine e le tirò giù. Un momento di timidezza si è insinuato mentre la sua figa rasata e pulita era in piena vista dei miei occhi affamati.

Lei si è messa a cavalcioni di me ancora una volta. Ma questa volta ho afferrato il suo sedere morbido e l'ho guidata. Si chinò e prese il mio cazzo. Lo ha strofinato avanti e indietro contro il suo clitoride prima di allinearlo e farmi scivolare dentro di lei. "So di essere più grande di quanto vorresti" ansimò, "ma spero che questo ti piaccia". Sicuramente non mi stavo lamentando mentre la sua figa estremamente stretta scivolava su di me. La sua tensione pulsava quando sentiva che era la prima penetrazione sessuale in oltre 17 anni. Mi baciò sulle labbra. Guardandomi negli occhi, è stato elettrizzante e appassionato. Ho sentito il precum trasudarle dentro e l'ho sollevata e l'ho messa sulla schiena. Ho iniziato a spingere sul serio. Gemeva "Ti amo! Sei l'uomo perfetto!" dato che ho dato tutto ciò che avevo per spingerla dentro. L'ho sentita tremare. È passata dal tenermi a strappare le lenzuola mentre raggiungeva l'orgasmo. L'ho sentita schizzare su di me mentre mi spingevo più e più volte. Incapace di controllarmi più a lungo, mi sono scaricato nel profondo. L'ho fatta rotolare sopra di me con il mio cazzo ancora dentro di lei. I suoi bei seni si sollevarono mentre cercava di riprendere fiato. Lentamente mi addolcii e lei si alzò per guardarmi scivolare fuori. La sua fessura gocciolava con il mio sperma.

Chiuse rapidamente le gambe e si sdraiò accanto a me. Mi rannicchiai vicino, giocando dolcemente con il suo capezzolo ancora rigido. Ha raggiunto dietro di lei e ha spremuto la sborra dal mio cazzo ora flaccido. Si portò la mano alla bocca e la assaggiò.

"Sei l'uomo perfetto, perché ti sei accontentato di me?" disse piano. La sua domanda autoironica mi ha sorpreso da qualcuno che si comportava con tale sicurezza. Le ho baciato il collo, facendola rabbrividire. "Ti voglio bene!" Le ho detto. Non era solo lo sballo post-coitale. Era la verità. Ero pazzo di lei.

Lei sorrise e sospirò. "Spero che mia figlia trovi un uomo come te." Ho risposto scherzosamente "Beh, non c'è nessuno come me". Sorrise mentre si girava per baciarmi, "È così?"

Rimaniamo lì per un bel po' più a lungo. Baciarsi e chiacchierare: la stanza era intrisa dell'odore del sesso. Presto fu tempo per noi di prepararci per andare a prendere le nostre figlie a scuola. Siamo partiti separatamente perché mia figlia frequentava solo le classi superiori delle elementari mentre la sua era una senior al liceo.

Riprendono i messaggi del buongiorno e le telefonate della buona sera. Ma adesso erano romantici, finivano sempre con le nostre professioni del nostro amore. Ha continuato a esprimere incredulità sul fatto che in qualche modo mi fossi accontentato di lei ... cosa che davvero non ho capito.

Venerdì mattina, mi ha chiamato per farmi sapere un grande incontro che era stata posticipata. Mi ha chiesto se potevo venire a "parlare". Questo mi ha reso un po' nervoso. Raramente le "chiacchiere" finiscono bene. Nel breve tragitto in auto, le cose giocavano nella mia mente. Mi ero mosso troppo velocemente? Avevo detto qualcosa di sbagliato?

Quando sono arrivata, si riferiva a me alla porta. Oggi indossava una maglietta molto più casual e pantaloncini da ragazzo. Aveva uno sguardo sul viso come se volesse dirmi qualcosa ma non sapesse come. Non volendo essere troppo avanti nel caso stesse per andare di traverso, l'ho baciata sulla guancia. L'ho sentita sospirare e mi ha abbracciato stretto. Mi guardò negli occhi e le nostre labbra si incontrarono. Di nuovo volarono scintille. Inciampammo come adolescenti goffi sul divano del soggiorno. Ci siamo graffiati i vestiti l'uno dell'altro -- questa volta non c'era il reggiseno sotto la maglietta. Ho tirato il suo capezzolo nella mia bocca mentre la sua testa si rigirava per il piacere. Ho prestato attenzione a entrambi i capezzoli mentre mi mettevo a coppa i suoi DD nelle mie mani. Le baciai la pancia, stuzzicandole l'ombelico e lei ridacchiò e si contorceva. Ho tirato giù i suoi pantaloncini per essere accolta dalla sua fessura liscia. Ho notato che i suoi pantaloncini erano già umidi. Le presi il sedere tondo tra le mani e la tirai a me. La mia lingua scorreva dolcemente sul suo clitoride mentre inspiravo il suo fresco profumo di donna. Con le sue mani sulla mia testa, ho cominciato a baciare e stuzzicare dolcemente mentre si contorceva e gemeva. Ho seppellito la mia lingua dentro e lei ha strillato di piacere. Si è immediatamente inondata di succhi mentre continuavo a farle scivolare la lingua dentro. Ha lasciato andare la mia testa e ha cominciato a stringere i seni tra le mani. Mi sono fermato abbastanza a lungo per alzare lo sguardo e vederla nelle grinfie del piacere. Il suo corpo tremava e tremava nelle mie mani. Le strinsi il sedere e seppellii la lingua in profondità nella sua vagina. Il cuscino del divano era ora imbevuto dei suoi succhi.

Si è tirata indietro e mi ha tirato e mi ha fatto cenno di salire sul letto. Stavo palpitante mentre la sua figa pulsante scivolava su di me. Cominciò a cavalcare e mentre lo faceva le lacrime le rigavano le guance. E poi lo ha fatto uscire. Mi ha detto che si sentiva "non abbastanza bene" perché sapeva che mi piaceva la donna più giovane. Sentiva che mi avrebbe perso. Ha detto che l'ha resa triste perché ero solo il secondo uomo con cui fosse mai stata ed era innamorata di me. Ho provato a parlare, ma mi ha appena messo un dito sulle labbra. Cavalcava sempre più forte, i suoi grossi seni rimbalzavano come lei. Mi ha detto che pensava che fossi l'uomo perfetto, qualcosa che continuava a dirmi. Amava quanto fosse virile il mio corpo, amava quanto fossi un gentiluomo, ma temeva che l'avrei lasciata per qualcuno molto più giovane.

Poi sbottò parole che mi fecero girare in un mondo di confusione. "Penso che dovresti uscire con mia figlia!"

Storie simili

Corpo di un uomo, mente di macchina - Capitolo sei

Capitolo sei: Sono oltre trenta le persone morte, tutte uccise da un solo uomo senza l'uso di armi da fuoco. È stato definito uno dei peggiori omicidi di massa della storia americana. La vastità della morte, del sangue e degli omicidi senza cuore avvenuti in quell'edificio stava sconcertando la polizia, e ora veniva chiamata l'FBI. Erano trascorse otto ore dal massacro, e Jenny e Adrian si stavano spostando a nord dello stato. una località sconosciuta. Il sole era appena sorto e l'autostrada era quasi deserta. Con grande sollievo di Adrian, Jenny dormiva profondamente sul sedile reclinato del passeggero, con il cappotto...

290 I più visti

Likes 0

Camion con Becky Capitolo 1

CAPITOLO 1 È iniziato come un giorno normale quando la mia sveglia è suonata e sapevo che dovevo alzarmi e andare se volevo fissare l'appuntamento per la consegna in tempo. Sfregandomi il sonno dagli occhi, ancora sdraiato a letto cercando di svegliarmi, ho afferrato il telefono per controllare le notizie del mattino. Quando ho premuto il pulsante Internet, è apparso il sito porno che stavo guardando la sera prima e un video di una tettona rossa ha attirato la mia attenzione. Perché no, ho pensato tra me e me mentre allungavo la mano nei miei boxer e avvolgevo la mano intorno...

1.1K I più visti

Likes 0

Cioccola mamma

Cioccola mamma. Chook ed io eravamo migliori amici da quando ricordo e le nostre mamme ci trattavano come parte della famiglia, quindi ci sentivamo come a casa l'uno nelle case dell'altro. Avevamo giocato a molti giochi sessuali con le ragazze del posto, ma Chook era ancora vergine e avevo provato a fare sesso due volte ma non ci riuscivo fino in fondo, non sono riuscito a venire perché la mia ragazza era vergine e io l'avevo ferita cercando di romperle l'imene, quindi non abbiamo mai completato l'atto... Immagino che tecnicamente non fossi vergine ma in realtà mi sentivo sicuramente tale. Io...

548 I più visti

Likes 0

Agente di Lilith: Capitolo 13

James giaceva da solo in casa sua, disteso sul divano del soggiorno. Aspettando pazientemente l'arrivo del suo ospite, fissò il soffitto, cercando di distogliere la mente dall'inevitabile faccia a faccia con Ishtar. Una cosa alla volta, si disse. Dopo aver lasciato l'ufficio di Tina qualche ora prima, James era tornato a casa e si era trovato in una casa vuota. Era stato accolto da un biglietto sul frigorifero di David, che a quanto pareva aveva preso Brianna ed era andato al matrimonio di un parente fuori città e non sarebbe tornato per qualche giorno. L'altro compagno di stanza di James, Mark...

638 I più visti

Likes 0

Giorni nel dormitorio-Parte 1

Beh, vivo in un dormitorio universitario, quindi puoi immaginare che vedo, sento parlare e faccio MOLTO sesso. Non sono mai stata una puttana ma apprezzo il corpo maschile. Una delle mie scopate preferite è avvenuta durante il primo mese di college con il mio migliore amico, Mike. Sono amico di lui fin dal primo anno del liceo e la nostra amicizia è una cosa che apprezzo molto. Sono venuto al nord (nella California settentrionale dalla California meridionale) per andare a scuola nell'agosto dello scorso anno. Ero piuttosto sola nel mio dormitorio dato che non avevo un compagno di stanza, così ho...

448 I più visti

Likes 0

Morgan L.

Morgan L Morgan era seduta nella sua cucina adesso per la prima volta e cominciò ad avere dei dubbi, mio ​​Dio, pensava che avessi appena passato la notte a scopare due amici di mio figlio. Mi sono divertito da morire, ma i ragazzi parlano che non vorrei che Terry lo scoprisse. Vorrei rivederli, ma potrebbe diventare difficile quando Terry è a casa. Il suo telefono squillò e un pezzo grosso si avvicinò e lei rispose immediatamente, quello che Morgan non sapeva era che i suoi due nuovi amici del sesso stavano organizzando una gangbang con lei per sabato sera. Sabato mattina...

320 I più visti

Likes 0

Benvenuto in Famiglia_(0)

Benvenuto in famiglia Mia moglie, Sarah ed io ci eravamo appena sposati, siamo andati in Tailandia per la nostra luna di miele, quella è stata un'avventura in sé, ma questa è un'altra storia per un'altra volta. Comunque, eravamo appena tornati in campagna qualche giorno prima e siamo andati a trovare i suoi genitori. Mia moglie è sempre stata molto vicina alla sua famiglia, tipo, ridicolmente vicina, ho sempre attribuito il fatto al fatto che io non ero così vicino alla mia famiglia. Mi sorprendeva quando stavamo dai suoi genitori e Sarah usciva con la famiglia in pigiama che generalmente consisteva in...

372 I più visti

Likes 1

L'inizio di una storia d'amore

È la mia prima storia, tutti i feedback sono molto apprezzati Contesto: è ambientato in una scuola privata e parla di un ragazzo di 14 anni che è gay ma non ne ha parlato a nessuno. Finora Era una mattina come tutte le altre, gli uccelli cinguettavano, il sole faceva capolino oltre gli alberi splendendo nella mia stanza. Mi sono alzato velocemente dopo che la mia sveglia ha suonato, spogliandomi velocemente per indossare la mia uniforme. Una camicia blu notte con sotto una maglietta bianca, non è proprio necessario indossare la cravatta ma decido di allacciarla perché no. Cambio i boxer...

291 I più visti

Likes 0

Papavero Capitolo 2

La mattina dopo si svegliò con il canto degli uccelli e il sole che entrava dalla finestra. Mentre si stiracchiava sotto il pesante piumone, si ricordò che aveva dormito nuda. Normalmente non sarebbe stato un grosso problema, ma almeno avrebbe insistito per le mutandine. Ora sorrideva tra sé e sé al pensiero di dormire completamente nuda, consolandosi nel sapere che a Lui piaceva così. Si sarebbe divertita a compiacerlo. Si alzò dal letto, si stirò ancora un po', poi attraversò il tappeto riscaldato dal sole fino al bagno. Cominciò a prepararsi per Lui con una doccia, avendo cura di strofinare bene...

246 I più visti

Likes 0

Confessione a papà_(2)

Ho qualcosa da dirti papà, ma non posso semplicemente dirlo, devo dirti altre cose con esso, ok? Ma ci arriverò, lo prometto. La casa era tranquilla. Eri al lavoro da diverse ore e io avevo già finito le mie faccende. La nostra camera era pulita, i piatti riposti, il bucato piegato... e mi annoiavo. Ero sdraiato sul divano pensando a te ed ero così eccitato che, anche se so che non mi è permesso, ho iniziato a toccarmi. Volevo il cazzo di papà ma non saresti a casa per ore! Ho iniziato lentamente, strofinandomi il clitoride con una mano e prendendomi...

3.1K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.