Stanza segreta 6

507Report
Stanza segreta 6

Misty guardò fuori dalla finestra mentre Mike camminava lungo la strada. Sembrava che stessero tenendo un raduno di poliziotti fuori casa sua. C'erano sette o otto auto della polizia parcheggiate sul prato e almeno una dozzina di agenti che gironzolavano nel suo cortile. Quattro di loro hanno individuato Mike e si sono mossi per intercettarlo mentre iniziava il suo vialetto.
Lo vide scuotere la testa e indicare la casa, e poi altri due si affrettarono ad avvicinarsi. Mike stava discutendo con loro e tutti e sei salirono i gradini di casa sua. Avrebbe voluto poter sentire cosa stavano dicendo.

Mike si è diretto verso casa sua ed è stato intercettato mentre camminava.
"Mi scusi, signore, non può entrare. Questa è una scena del crimine." gli venne detto da un abito blu.
"Può darsi, ma entro. Questa è casa mia." Glielo disse Mike, superando il poliziotto.
Si precipitarono altri due di loro, in borghese. "Sei Michael Ménage?" gli è stato chiesto.
"Certo che lo sono." Mike rispose. "Lo sapevi già."
"Sai cosa è successo qui?" chiese l'altro detective. Mike lo guardò e basta.
"Beh, so che c'erano molti cadaveri lì dentro, e c'erano fori di proiettili ovunque. Scusami, sei sulla mia strada. Devo andare a prendere le medicine."
“Signore, non può entrare lì adesso. Abbiamo una squadra forense che sta esaminando il posto con attenzione e potresti contaminare le prove." disse il primo, piazzandosi davanti a Mike e bloccandolo.
"Se non prendo le medicine, potrei morire." Mike glielo disse. "Penso che ciò superi qualsiasi problema di "contaminazione"."
«Prima dobbiamo farti alcune domande.» disse il secondo detective, mettendo la mano sul braccio di Mike per impedirgli di aggirare quello che si trovava sulla sua strada.
"Mi scusi agente, ma sono in arresto?" Mike ha chiesto di saperlo. Il poliziotto tolse immediatamente la mano e arrossì.
"Beh, no, ma..." iniziò a dire, ma Mike lo interruppe.
"Poi vado a casa mia e prendo le medicine che mi sono state prescritte dal mio medico e che potrei morire se non le ricevo." disse animatamente. "Ora togliti di mezzo o farò causa a tutta la città."
“Sarò felice di accompagnarvi all’interno affinché possiate recuperare tutto il necessario per la vostra sopravvivenza” disse il secondo detective in borghese. Fece un cenno e un'occhiata accigliata al suo compagno, che fece un passo indietro e li lasciò passare.
"Bene, grazie per questo." disse Mike, risalendo la passerella.
"Quindi sai cosa è successo qui?" chiese l'investigatore, seguendolo da vicino.
"No." disse Mike. "Però sembra che ci sia una guerra tra bande."
«È strano che tu lo dica.» disse il detective. "Conosci l'identità di qualcuno degli uomini lì dentro?"
"NO." rispose Mike, salendo le scale. La porta d'ingresso era spalancata e lui fece finta di indietreggiare un po' alla vista di tutto il sangue sul pavimento di legno.
"Ero qui ieri, ma adesso ci sono più uomini morti." disse, portandosi la mano alla bocca. “Non so se… se posso…”
«Va tutto bene, signor Ménage. Capisco. Posso entrare e prenderti le medicine?"
"Quello... potrebbe essere la cosa migliore." disse debolmente. "Credo che resterò qui fuori in veranda." Si avvicinò e si sedette sul dondolo del portico. "Le mie medicine sono nell'armadietto dei medicinali al secondo piano." Egli ha detto. Avrò bisogno anche dei miei Valium. Sono sul comodino nella camera da letto principale."
"Va bene, resta lì e torno subito." promise il detective.
Mentre entrava, il suo compagno tornò indietro e si fermò sulla veranda accanto a lui.
"Allora, perché pensi che abbiano scelto la tua casa per scatenare una guerra tra bande?" chiese.
"Non ne ho idea." Mike rispose. "Perché non glielo chiedi?"
"Questo è ciò che sta facendo la scientifica in questo momento." disse ironicamente. "Sarebbe molto più veloce ed economico se me lo dicessi, però."
"Se lo sapessi, lo farei." Egli ha detto. “Quelli sono i soldi delle mie tasse al lavoro lì dentro. Quali teorie ha la polizia al momento?"
«Bene, forse ti interesserà sapere che abbiamo trovato la tua stanza segreta nel seminterrato e, anche se è contro il regolamento, ti dirò che tua moglie è stata torturata lì dentro. Abbiamo trovato uno dei suoi capezzoli sul pavimento. Ne sai qualcosa?"
"Oh, Dio, Cindy..." disse, coprendosi il viso con le mani. Barcollò fino al dondolo del portico e si sedette pesantemente. "Oh, Dio, Cindy." L'ufficiale lo sentì soffocare un singhiozzo.
Era stato calcolato per mettere a disagio il poliziotto di fronte a un uomo sul punto di piangere, ma non fu così. Il poliziotto non era un novellino e si schiarì semplicemente la gola, indicando chiaramente che non se ne sarebbe andato.
"Signore? Se potessi ricomporti, avrei altre domande per te. disse, suonando meno che comprensivo.
"Oh, non potrei rispondere ad altre domande senza il mio avvocato qui." disse, abbassando le mani mentre le lacrime si asciugavano. Le sue guance erano davvero bagnate, tuttavia, il poliziotto non poteva negare l'emozione a cui aveva appena assistito. Mike era ovviamente sconvolto, ma si era anche ripreso abbastanza da pronunciare le parole magiche.
"Oh, beh, non hai bisogno del tuo avvocato per le domande che ti farò." disse tranquillamente il poliziotto. "Perché non inizi dall'ora in cui sei arrivato qui ieri mattina?"
"Non ricordo." Mike glielo disse. «Vado dentro e la chiamo subito.»
"Ah, non posso lasciarti entrare lì." gli disse l'ufficiale. "Quella è una scena del crimine ed è chiusa."
"Non credo che potrei sopportare di essere lì in questo momento comunque." Mike acconsentì, alzandosi. "Sto andando a casa del mio amico per fare la chiamata."
Il poliziotto lo seguì fuori dal portico e sul marciapiede. Mike si voltò a guardarlo.
"Sono in arresto?" chiese.
"No signore." rispose il poliziotto. Erano entrambi sul marciapiede fuori casa.
"Mi seguirai tutto il giorno?" chiese sgradevolmente. "Ho diritto a un po' di privacy mentre consulto il mio avvocato, e sono sicurissimo che tu non sei invitato a casa dei miei amici, quindi perché non vai a ottenere un mandato per arrestarmi a casa sua, perché questo è dove sto andando."
Il poliziotto lo guardò senza capire, poi si guardò intorno alla ricerca del suo partner, ancora dentro. I suoi ordini dicevano che Mike Ménage doveva essere arrestato solo se si fosse rifiutato palesemente di collaborare, e così non era stato. Mike stava camminando a grandi passi lungo la strada e il poliziotto lo guardò allontanarsi. Tre case più in là, sullo stesso lato della strada, Mike si voltò, risalì il vialetto ed entrò nella casa di un vicino senza bussare. Il poliziotto parlò alla radio e 5 minuti dopo si fermò il primo furgone della stampa. Ha iniziato a sollevare l’antenna prima ancora di fermarsi dall’altra parte della strada rispetto all’abitazione del vicino in cui era entrato.

“Ciao spettatori, sono Amanda Foakmey e verremo da voi a vivere fuori da questa casa in un quartiere normalmente tranquillo e pacifico qui nella periferia di Lakeside. In fondo alla strada, puoi vedere ogni sorta di attività della polizia fuori dall'ultima casa di questa strada, dove ci è stato detto che decine di uomini sono stati uccisi, insieme a due agenti di polizia in uniforme. Inoltre, ci sono voci secondo cui una donna è stata torturata e uccisa qui, ma nessuno sembra disposto a confermarlo.
“Siamo fuori da questa casa, dove si dice che si trovi il proprietario della prima casa, luogo di tutti i macabri omicidi. Non è chiaro al momento se sia implicato o meno in questi omicidi, ma è sicuramente una "persona di interesse" secondo un ufficiale che desidera restare anonimo.
“Oh, aspetta! Vedo movimento! Rob, hai capito? Sì... sembra che qualcuno... un uomo... stia uscendo di casa! Sta venendo da questa parte!
"Signore!! Signore! Se potessi avere un momento del tuo tempo? Signore?"

Mike si rivolse alla giornalista e sorrise debolmente.
"Posso aiutarla? Quella lassù è casa mia e devo andare..." disse, alzando una mano.
«Il tuo nome, signore? Per i nostri telespettatori?"
“Sono Mike. Mike Ménage.” Egli ha detto. "Per favore? Devo andare a vedere per mia moglie. Beh, la mia ex moglie, per essere precisi, ma comunque..."
"È lei la donna che è stata uccisa lì dentro?" gli chiese Amanda tendendogli il microfono.
"Io... ecco, la polizia mi ha detto che è morta, ma non so dove..."
«Che ne dici delle dozzine di uomini morti lì dentro? Hai idea di chi fossero?» lei chiese.
“Non conosco nessuno di loro di faccia…” ha detto, “Ma la polizia mi ha detto che erano… credo… Sal Mineo e i suoi uomini? Penso che sia... fosse... una specie di figura della criminalità organizzata, ma non so queste cose. Ho sentito delle cose, però.
“Te l'hanno detto? Sal Mineo è morto in casa tua?» chiese, con gli occhi lucidi per l'eccitazione.
“Senti, davvero non dovrei essere qui fuori a parlarti in questo modo. Devo davvero andare. Devo scoprire di mia moglie... dove si trova. Devo vederla. Mike sembrava davvero sconvolto mentre diceva quest'ultima cosa, con la voce soffocata.
"Sì, naturalmente." disse, lasciandolo voltare. “Eccolo qui, gente, direttamente da uno dei testimoni in persona, e dal proprietario della casa dove dozzine di cadaveri, cadaveri, sono stati portati via oggi. Presumibilmente, la polizia gli ha detto che uno degli uomini morti era Sal Mineo, e che altri erano i suoi scagnozzi, ma fino ad ora la polizia non ha identificato con certezza NESSUN cadavere trovato all'interno.
«Sono Amanda Foakmey e la riferisco in diretta da Lakewood. Torniamo alla nostra programmazione regolarmente programmata e vi forniremo ulteriori notizie da qui man mano che accadono.
Le luci della telecamera si spensero e lei corse dietro a Mike per raggiungerlo.
"Signore?" gridò. "Sig. Menage?"
"SÌ?" disse voltandosi. Sembrava molto meno sconvolto di quanto non fosse un momento prima davanti alla telecamera. "Cosa vuoi? Ti ho concesso la tua intervista. Per favore, lasciatemi in pace."
«Lo so, signore, ma mi chiedevo se potevo convincerla a concedermi l'esclusiva. Sono sicuro che la mia stazione sarebbe disposta a far sì che ne valga la pena.
"Hmm." disse pensieroso. “Un'esclusiva, eh? Cosa saresti disposto a fare personalmente per garantire che non chiamerò il canale 5 una volta entrato?"
"Cosa intendi?" chiese, stringendo gli occhi. "La mia stazione sarà disposta a pagarti una grossa somma di denaro se quello che mi hai appena detto su Sal Mineo si rivela vero."
"Oh, è vero." Egli ha detto. “E i soldi sono una cosa. Questo è ciò che deve fare la stazione per garantirmi l’esclusiva. Cosa sei disposto a fare per assicurarmi di essere l'unico giornalista con cui lavorerò? Questa è una grande storia; potrebbe essere un Pulitzer se giochi bene.
"Cosa vorresti?" chiese subito.
"Prova a indovinare." lui sorrise. “La tua stazione mi darà dei soldi. Cosa potrei volere da una giornalista bella e famosa come te?»
"Sig. Menage!! Non sono una prostituta!” esclamò, sembrando ferita e offesa. "Non sono mai andato a letto con nessuno per una storia, mai!"
«Non ho mai detto che lo fossi.» lui ha acconsetito. "Ma ora non sarai mai nemmeno un vincitore del Pulitzer." Iniziò a tornare verso casa. "Per favore scusami. Devo andare a chiamare Alexis Morgan da Canale 5."
"Aspettare!! Signor Ménage! Non farlo! Verrò con te. Voglio questa storia. disse, affrettandosi a prenderlo mentre raggiungeva i gradini.
"Non qui." Egli ha detto. “Vieni a prendermi tra un'ora con la tua macchina e portami a casa tua. Questa è la casa del mio vicino; Di tanto in tanto faccio in modo che sua figlia faccia da babysitter a mio figlio. Non possiamo fare nulla qui. Avremo bisogno di privacy e presumo che ne avremo di più a casa tua. Sfortunatamente, il mio è pieno di poliziotti di ogni genere."
"Uhm, va bene." disse, incerta. Si voltò verso il furgone della TV e si avvicinò lentamente ad esso, con la testa bassa e lo sguardo fisso a terra.
"Amanda?" la chiamò. Lei si voltò a guardarlo. "Un'ora. Tra sessantuno minuti chiamerò il canale cinque." Lei annuì debolmente e salì sul furgone. Un attimo dopo, dopo essersi avviata, ha iniziato ad abbassare l'antenna, poi è uscita dal marciapiede ed è scesa in strada.
Tornò dentro, dove Misty lo stava aspettando.

"Wow, cosa le hai detto?" gli chiese Misty mentre attraversava la porta. "Non ho mai incontrato nessuno che fosse in TV prima."
"Le ho appena dato l'essenziale di quello che è successo ultimamente." Egli ha detto. "Tra un'ora verrà a prendermi e le concederò un'intervista esclusiva."
"Si, come no." Misty sbuffò. "La spoglierai nuda e la disosserai per un'ora."
“Che succede, Misty? Geloso?" Mike sorrise alla ragazza.
"Non proprio." disse Misty con leggerezza. "A patto che tu prometta che domani sarai qui per scopare ancora un po' con me e mia mamma."
"Oh, diavolo sì, lo sai!" sorrise. “Vi ho appena trovati; pensi che lascerò che la cosa migliore che mi sia mai capitata se ne vada così facilmente? Non nella tua vita!!"
Entrò in bagno - da solo - e si passò le dita tra i capelli, si spruzzò un po' d'acqua sul viso, poi uscì e si sedette sul divano ad aspettare l'arrivo di Amanda.

Storie simili

GIORNO STRESSANTE

PARTE 1 immagina di tornare a casa da una lunga giornata di lavoro, sei stanco e stressato, tutto ciò che potrebbe andare storto include essere in ritardo al lavoro, il tuo collega che ruba il tuo parcheggio, il tuo computer si è bloccato, il che ti ha fatto inviare gli ordini in ritardo, e poi qualcuno ti ha fatto a pezzi mentre tornavi a casa dal lavoro. arrivi a casa dove ti sto aspettando, apro la porta indossando solo la mia corta camicia da notte di seta azzurra con bordo in pizzo bianco, una vestaglia abbinata, un sorriso sfacciato. mi guardi...

2.8K I più visti

Likes 0

Morgan L.

Morgan L Morgan era seduta nella sua cucina adesso per la prima volta e cominciò ad avere dei dubbi, mio ​​Dio, pensava che avessi appena passato la notte a scopare due amici di mio figlio. Mi sono divertito da morire, ma i ragazzi parlano che non vorrei che Terry lo scoprisse. Vorrei rivederli, ma potrebbe diventare difficile quando Terry è a casa. Il suo telefono squillò e un pezzo grosso si avvicinò e lei rispose immediatamente, quello che Morgan non sapeva era che i suoi due nuovi amici del sesso stavano organizzando una gangbang con lei per sabato sera. Sabato mattina...

562 I più visti

Likes 0

The House A Slave Addestramento e asta Capitolo 11 e 12

Capitolo 11 Padrona Liz Michael e Molly e Milton Mistress Liz-D mi dice che vuole parlarmi prima che cominci. D- Che cazzo ti prende? So che sei stato un po 'giù, quindi cosa succede? Liz- Penso di stare solo facendo i movimenti. Ciò di cui hai bisogno è una sessione difficile. So che ho solo bisogno di trovare il tempo e qualcuno, magari un passivo, che posso frustare e scopare forte. Non posso farlo con Michael forse uno dei nuovi una volta. Mi dice di prendere Milton ma di non ucciderlo. Michael e Molly entrano qui, inizieremo non appena arriva il...

895 I più visti

Likes 0

Un sogno per i campeggiatori

Un sogno per i campeggiatori L’inverno nel Michigan era stato lungo e rigido, così io e mia moglie decidemmo di allontanarci da casa per qualche settimana. Mi sono preso due settimane di pausa dal lavoro, ho caricato il camper, ho agganciato il camion e siamo partiti. Era primavera inoltrata quindi abbiamo deciso di andare a sud per goderci un bel tempo caldo. Mia moglie Miko viene dal Giappone, ha 40 anni, è alta 1,70 e pesa circa 120 libbre. Il suo seno non è grande, ma ha un bel corpo sodo e snello. Penso che abbia un corpo fantastico e sia...

423 I più visti

Likes 0

Una giornata nel bosco Capitolo 14

Bene, tutto - ecco l'atteso capitolo 14. Questa volta non ho elencato tutti i temi - spero che questa storia abbia un po' più di seguito ormai e quelli non sono necessari? Comunque... Capitolo 14 Paul tornò a casa più tardi quel pomeriggio. Ray se la stava cavando abbastanza bene. Gli ci sarebbe voluta una settimana per riprendersi completamente, se non fosse stato per le sue abilità da lycan ci sarebbero volute tre settimane. Paul sperava che Jess stesse andando bene quanto Ray. Entrò in casa e sentì Jess al piano di sopra. Salì le scale, guardò nella loro camera da...

417 I più visti

Likes 0

Le mie prime volte...

Ho parlato con Gary per più di due anni. La nostra relazione era iniziata online. Ha visto una risposta che avevo dato in una chat room e mi ha inviato un messaggio. All'inizio non sembrava interessante, ma più chiacchieravamo e più mi piaceva. Sono cauto per natura, quindi non ha avuto il mio vero nome per più di sei mesi, e anche allora solo il mio nome. A nove mesi gli ho dato il mio numero di cellulare e abbiamo iniziato a parlare al telefono. Dieci mesi ci hanno trovato a fare sesso telefonico regolarmente, cosa che avveniva principalmente nei fine...

2.1K I più visti

Likes 0

Cornuto e moglie

Aveva un aspetto piuttosto semplice. O almeno l'ho pensato da lontano finché non ho visto i suoi profondi occhi verdi a mandorla. Mentre si avvicinava, potevo vedere le sue labbra a forma di arco leggermente rivolte verso l'alto. I suoi capelli erano neri come le piume di un corvo. È passata proprio davanti a me ed è entrata nel bar. I miei occhi seguirono il suo incredibile sedere mentre si dirigeva verso il bar e si sedeva proprio accanto a un uomo di colore molto bello e ben vestito. FANCULO! Mi sono seduto a pochi sgabelli da lei e dal suo...

1.2K I più visti

Likes 0

SCOPANDO LA SORELLA DI 17 ANNI DEI MIEI MIGLIORI AMICI DURANTE IL SONNO

Mi chiamo Alex e ho 15 anni. Questa è una storia che mi è successa lo scorso fine settimana. Era una normale serata del fine settimana, alcuni amici e io stavamo bevendo a casa del mio migliore amico Jared. I suoi genitori avevano portato la sua sorellina a Disneyland per il fine settimana. Sua sorella maggiore di 17 anni era ancora a casa ed era una bomba bionda 12 su dieci. Ha tette perfettamente rotonde con coppa C con piccoli capezzoli rosa. Lei è naturalmente abbronzata e si depila la figa. So tutto questo perché una settimana fa stavamo nuotando nella...

1.1K I più visti

Likes 0

La casa adottiva

La casa adottiva Disclaimer: quanto segue è un'opera di fantasia. Pertanto, ho scelto di ambientarlo in un mondo in cui il controllo delle nascite è sicuro, efficace e disponibile al 100% e tutte le malattie sessualmente trasmissibili sono state sradicate. Nel mondo reale, alcune delle scelte che questi personaggi fanno sarebbero estremamente rischiose. Non comportarti come loro. La mascella di Michael cadde mentre fissava la donna nuda sul letto. Aveva visto donne nude sulle riviste, ma questa era la sua prima volta nella vita reale, e lei era altrettanto sexy delle professioniste delle riviste. Il suo corpo di quasi 30 anni...

1.1K I più visti

Likes 0

Teenage Mutant Ninja Turtles Fanfic Capitolo 2 - scusate è tardi

Di Hana M. Brimeck Chiudo la finestra, chiudo gli occhi, mi giro, ricado all'indietro e scivolo sul pavimento. Mi prendo un momento per riprendere fiato finché i miei pensieri non vengono interrotti da un brivido freddo. 'Ho bisogno di una doccia calda.' mi dico mentre finalmente mi rialzo dal pavimento con un gemito. Mi tolgo il maglione e il reggiseno bagnati, non come se stessero facendo molto per coprirmi comunque. Mi prendo un momento per toccarmi i seni tenendoli a coppa tra le mani in un futile tentativo di scaldarli. La mia gonna cade sul pavimento in un ciuffo bagnato, seguita...

748 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.