Asmodeus - Demon of Lust: Parte 8

597Report
Asmodeus - Demon of Lust: Parte 8

A/N – Miei cari lettori! Grazie a tutti coloro che sono rimasti accanto a me e a questa storia per così tanto tempo. Mi scuso sinceramente per l'attesa tra questo capitolo e il precedente; Ho davvero scritto ogni volta che ho potuto. Dubito che ogni singolo capitolo varrebbe un anno intero di attesa, ma come per tutto ciò che scrivo ho riversato la mia anima nella parte 8 e spero sinceramente che ti piaccia leggerla. Come sempre, PER FAVORE, vota, commenta e inviami un'e-mail! Mi piace sentirvi ragazzi e risponderò a ogni e-mail. Buon Anno!

Saluti,

Steelkat

Parte 8

Passeggiamo per i giardini, crogiolandoci alla luce del sole al tramonto e tenendoci stretti l'un l'altro con totale riverenza. Sono contento oltre le parole, mi sento adorato e sogno ad occhi aperti il ​​mio matrimonio. Il mio amore mi ha assicurato che si sarebbe occupato di tutto lui e io non ho protestato, curioso di vedere cosa ha programmato per noi. Il mio nuovo anello ha una sensazione deliziosamente estranea, abbracciando comodamente il dito solitamente sterile. Attraversiamo la strada verso una piccola locanda pittoresca mentre il cielo si oscura sempre di più.

I fiori decorano l'accogliente sala ricevimenti, cercando di prendere in prestito parte del fascino emanato dai giardini. Anche se fallisce, non lo fa in modo troppo significativo. La camera possiede certamente una qualità amata e promette lo stesso dalle sue suite.

L'addetto alla reception è vecchio e logoro. I suoi vestiti sono di buon gusto ma sembrano un po' trasandati. Si sveglia quando gli andiamo incontro, appiccicando un sorriso teso sul suo viso rugoso.

"Benvenuti al Cattleya Inn", cinguetta con falsa allegria. È ovvio che è tutt'altro che allegro, anche se sento qualcos'altro nella sua voce; orgoglio. "Come posso aiutarti oggi?"

È il proprietario, deve esserlo. Spiega il suo comportamento triste; chiavi vecchio stile coprono il muro dietro di lui, ogni titolare occupato. L'orgoglio da solo non è sufficiente per mantenere a galla un'azienda e gli affari non sono esattamente in piena espansione.

"Abbiamo bisogno di una stanza", risponde Asmodeus.

"Certo", dice, guardandoci stancamente quando vede le nostre apparenze. Anche se Ash è enorme e io sono visibilmente incinta, so come sembra. Pensa che siamo entrambi troppo giovani per essere clienti paganti. Francamente, sono con lui quando si tratta della parte di pagamento. Di certo non ho soldi e dubito che Asmodeus tenga con sé una carta di credito. L'impiegato e io lo guardiamo in attesa mentre fruga nella tasca della giacca.

Il proprietario fissa con assoluta incredulità quando Ash paga la nostra camera con una manciata di piccole gemme trasparenti. Riesco a malapena a mascherare il mio sguardo di sorpresa mentre registro le pietre come diamanti non tagliati.

"Uh, non siamo di qui", dico, rafforzando il mio accento già straniero, "Le nostre carte di credito non sono state ancora consegnate e il mio fidanzato proviene da una ricca famiglia di minatori di diamanti sudafricani. Sono sicuro che questo coprirà qualsiasi spesa?”

Cerco di mantenere la voce forte, ma diventa cadenza e tendo a balbettare quando mento. Il proprietario è combattuto tra guardarci con sospetto e fissare avidamente i diamanti. Anche al mio occhio inesperto, io, come lui, so solo che sono reali.

"Non sembra sudafricano", dice l'uomo, "e nessuno di voi lo sembra".

Distoglie lo sguardo dai diamanti per fissarci con aria accusatoria.

“E tu sei l'esperto, vero? Sei mai stato lì?" chiedo caldamente.

Non mi piacciono le persone arroganti o sapientone, soprattutto quando pensano di sapere tutto del mio paese natale.

"Non pensavo", dico quando non risponde.

"Come faccio a sapere che non sono stati rubati?"

A quel punto Asmodeus ringhia piano accanto a me e io stringo la sua mano nella mia.

"Non lo fai", rispondo, "hai solo la nostra parola che non lo sono e se questo non ti basta allora porteremo i nostri affari altrove".

Quando mi muovo per recuperare i diamanti, il proprietario li afferra con una mano e li fa scivolare più vicino a sé.

"Attesa! Sono sicuro che non mi mentiresti. Voi due non sembrate criminali. Be', comunque non lo fai,” mi guarda, e poi guarda Asmodeus dubbioso.

“Puoi chiamarmi Mr. Carrington,” dice, prendendo una chiave dal muro con le dita tremanti, prima di voltarsi a fissarci con occhi velati, “Beh, cosa stai aspettando? Seguimi." Lo porto indietro; Penso che dopotutto mi piaccia quest'uomo.

Mi piace ancora di più quando ci conduce nella sua stanza migliore. Non è il migliore a causa delle sue dimensioni o del suo lusso; come l'edificio della reception, ha un'aria che lo fa sentire venerato. Ogni mobile sembra accuratamente selezionato, scelto per la longevità e il comfort piuttosto che per l'esuberanza o lo stile. No, sicuramente non sono stati scelti per lo stile. Divani spaiati siedono davanti a un antico televisore con un cofanetto con un tappeto vecchio stile gettato sul pavimento tra di loro per buona misura. La testata del letto è spinta contro la parete di fronte, il piumone ei cuscini sono color ocra e stampati con fiori di campo viola. Il signor Carrington apre una porta sul muro di sinistra e io intravedo il bagno. Lascia un cesto di prodotti da bagno in miniatura sul mobiletto, dopo averlo afferrato da un ripostiglio mentre ci conduceva nella stanza. Riesco a vedere l'angolo di un lavabo in marmo, completo di rubinetto in ottone e amo ancora di più questa stanza.

Asmodeus chiude fuori il signor Carrington mentre osservo la meravigliosa semplicità della stanza. Manca completamente della complessità e della bellezza oscura delle creazioni di Asmodeus; è vecchio, non corrispondente e forse un po' di cattivo gusto, ma il solo fatto di stare qui mi fa sentire assolutamente umano. Com'è ironico che sogniamo costantemente cose belle finché non le riceviamo e cominciamo poi a sognare tempi più semplici. In questo momento ho deciso di sfruttare al meglio la mia visita nel regno umano.

Salto sul letto e mi godo lo scricchiolio delle antiche molle all'interno del materasso. Dio, devo smetterla di usare quella metafora. Non si applica ora che ho acquisito un fidanzato vecchio quanto la razza umana. Il pensiero mi fa ridere ad alta voce e rimbalza di nuovo nel sentire queste molle vecchie di dieci anni. Asmodeus dà un significato completamente nuovo alla parola antico.

Mi allungo come un gatto che prende il sole, poi mi rannicchio su me stesso, rannicchiandomi contro il cotone deliziosamente ruvido del piumone. Il cuscino sulla mia testa è amidaceo ma ha un odore meraviglioso. È un profumo chimicamente pulito, intriso di lavanda artificiale, niente come il muschio terroso che permea tutto nel mondo di Asmodeus.

Ma quel profumo di terra sta prendendo di nuovo il sopravvento, perché ho portato la fonte con me. Ash si sdraia sul letto accanto a me e respiro per l'ultima volta il meravigliosamente normale odore di sapone alla lavanda prima di voltarmi a guardarlo. Non so come comportarmi con lui adesso, in questo ambiente ordinario senza riserve. Qui, la mia brama per lui sembra una cosa unta e sudicia; senza l'inevitabilità associata al sesso. È come se fossimo usciti dalla sicurezza dell'oscurità e mi sentissi vulnerabile, aperto al controllo anche a porte chiuse. Qui, il sesso è a buon mercato e brutto, qualcosa da nascondere. È vergognoso volerlo e goderselo; è inaudito come buono e bello.

È strano guardarlo mentre indossa il suo glamour. È ancora squisito, anche se indossa i suoi lineamenti in modo innocentemente fanciullesco. I suoi capelli sono ancora pallidi, sparpagliati sul cuscino, ma sono passati dal platino lucido all'oro stinto e stinto. I suoi occhi però, anche sotto il suo travestimento, vedo il mio re nei suoi occhi. Anche così drasticamente cambiati, bruciano ancora con la passione dei suoi occhi illuminati dal fuoco. È un calore gelido, tagliente ma stranamente rilassante. Queste due paia di occhi dicono tutto ciò che vale la pena dire sul mio amante. Mostrano ogni lato di lui, questo demone focoso ma appassionato con la sua natura acuta ma gentile. Sono tutto ciò che amo di lui.

È difficile credere che un essere così straordinario possa essere nascosto sotto uno strato di fango. Sicuramente tale splendore dovrebbe trasparire, il suo calore cuoce l'argilla finché non si sfalda e viene portata via dal vento. Ma resiste ostinatamente, nascondendo la terribile bellezza del mio re dietro una bella facciata. Mi chiedo a chi assomiglierà il nostro bambino?

Riuscirà lui o lei a possedere i miei lineamenti semplici con il suo fascino innaturale? O il suo aspetto sinistro con il mio temperamento furioso e la mia testa di toro? La sua pelle sarà marrone come la mia o un vortice di colori scuri come quella di suo padre? Avrà i miei ricchi occhi di cioccolato o la coppia di lava fusa di Asmodeus? Non vedo l'ora di tenere questo enigma tra le mie braccia, ma il solo pensiero mi ha assolutamente terrorizzato. Quindi, per un po' di rassicurazione, accarezzo il viso del mio amante e rompo il nostro facile silenzio.

"Hai già fatto tutto questo con Elysia", dico. È una dichiarazione, non una domanda, quindi aspetta in silenzio che io continui: "Perché? Cosa farai di lui quando nascerà?"

“Il bambino sarà posto qui, nel regno dell'uomo quando sarà maturo e camminerà tra gli umani come una tentazione vivente. Diventerà il mio collegamento con questo mondo, invogliando gli esseri umani a praticare il mio peccato. Sarà, come il parente degli angeli e dei demoni prima di lui, niente più o meno che una scelta, una fantasia che il decisore può scegliere volentieri. Questa decisione influenzerà la bilancia e influenzerà il destino finale dell'anima. Perché cos'è la vita se non un assortimento di scelte che definiscono l'anima che le fa?

“Quindi sarà un incubo? O una succube se abbiamo una ragazza?" chiedo, senza fiato mentre tiro indietro le mani. Li avvicino a me, desiderando improvvisamente di non averlo chiesto.

"Sì amore mio, questo sarà il suo scopo."

"Scopo? Parli di lui come se fosse un elettrodomestico, non un bambino. Chi sei tu per decidere il suo scopo?

“Io sono il suo capostipite e il suo re. Farà come gli ordino». Le sue parole non sono dure o fredde, semplicemente lo sono; come se non ci fosse alcun dubbio sulla loro autorità e questo li rende ancora peggiori.

Mi siedo, la rabbia cresce con me e affronto il suo sguardo senza batter ciglio.

"Non farai di mio figlio un donnaiolo, né una puttana di mia figlia".

Ride, sedendosi e allungandosi verso di me. Appoggia le mani sui miei fianchi e si avvicina a me.

“Mia regina guerriera, non desidero combattere con te oggi. Cedo amore, risparmia al tuo re la sua miserabile pelle. La sua voce è scherzosa e giocosa, i suoi occhi falsi brillano.

“Non giocare con me Asmodeus, dico sul serio. Non mi interessa il tuo desiderio di un legame con il mondo umano. Le persone sono abbastanza lussuriose così com'è, non hanno bisogno dei miei figli per sedurle. Hanno fatto abbastanza bene senza incubi e succubi per tutto questo tempo; non hanno bisogno di alcun aiuto ora.

Il suo sguardo è incrollabile e colgo una dura verità nei suoi occhi.

Certo, come potevo essere così stupido, così ingenuo? Pensare che dopo tre milioni di anni, il bambino che cresce dentro di me è solo il suo secondo figlio.

"Quanti?" chiedo, a bocca chiusa. Il mio sguardo è caduto; Trovo che riesco a malapena a sopportare di guardarlo ora.

"Importa?"

"Sì."

"Sei sicuro di volerlo sapere?" Mi pizzica delicatamente il mento e solleva il mio viso verso il suo.

“Sì,” dico, poi, “No. Ma me lo dirai comunque.»

"Ho generato quindicimila figli e tredicimila figlie, nessuna vivente che sia erede autentica al mio trono".

Il mio cuore tuona così dolorosamente che il battito incessante mi fa ammalare. Questo ribollire e ribollire nelle mie viscere mi fa stringere la parte posteriore della gola. Ci vuole tutto quello che ho per mantenere la nausea contenuta in modo che non possa trasformare la bestia maleodorante che brama di essere. Il bambino mi prende a calci in segno di protesta, senza dubbio disturbato nel suo sonno dal martellamento nel mio petto. Quindi non è così unico come pensavo. Non l'unico della sua specie, ma uno di ventottomila; solo un altro soldato dell'esercito discendente di Asmodeus.

"Cazzo, Asmodeus!" Grido e salto giù dal letto. "Ma che cazzo?!"

Corro quasi in bagno e sbatto la porta dietro di me. Non cerca di fermarmi o di aprire la porta e nemmeno di parlare attraverso di essa; mi lascia solo a digerire ciò che ho imparato.

Oh beh, penso, volevo sapere.

Affondo sul pavimento con la schiena contro la porta, tirando su le ginocchia per quanto il mio bambino lo consente. Le lacrime scorrono liberamente quando la mia rabbia svanisce. Le piastrelle sono fredde sotto il mio sedere e la porta dura contro la mia schiena. Freddo e duro, come questa vita, non importa dove mi trovi.

Come a smentire questa osservazione, i dolori della crescita del mio bambino si attivano mentre mi appoggio alla porta. Gemo piano, maledicendo qualunque divinità sia responsabile della mia miseria. Il dolore sembra meno grave di quello che ho sperimentato in precedenza, e almeno per questo, gli sono grato. Riesco a trattenermi dal vomitare o gridare e anche quando Asmodeus bussa piano alla porta, sono abbastanza forte da allontanarlo senza urlare. Si ritira quando finalmente si rende conto che voglio soffrire da solo.

* * * * *
Quando esco dal bagno, rigata dalle lacrime e fradicia di sudore, non vedo l'ora di correre di nuovo dentro. Se il terrore che provo al pensiero di vedere il padre del mio bambino non è un motivo sufficiente per rinchiudermi di nuovo; allora certamente lo è il mio corpo trascurato. Sedersi sul pavimento duro e piangere per ore non fa miracoli nel reparto di igiene personale. Metto da parte per il momento la mia repulsione e faccio un respiro profondo, stringendomi le palpebre. Quando rilascio lentamente l'aria e apro gli occhi, Asmodeus è in piedi a un piede da me.

Quando lo guardo, sento di nuovo il viso accartocciarsi. Queste maledette lacrime che credevo di aver represso si riversano libere ancora una volta e la mia gola si chiude. Non riesco a trovare le parole; Dimentico tutto ciò che volevo dire, ogni parola che avevo provato nella mia mente dopo che le mie lacrime spezzate si erano asciugate. Dio, come mi ha cambiato. Selena chiacchierona, sempre così pronta a rispondere, è finalmente lasciata senza parole.

Mi avvolge in uno stretto abbraccio ed è così incredibilmente confortante che piango più forte, stringendomi più forte che posso. Adoro il modo in cui mi fa sentire con me stesso e per quanto mi abbia ferito, non posso rimanere arrabbiato con lui. Non posso più allontanarlo da me. Non posso scegliere una rissa anche dove esiste perché ferirlo mi fa male più di qualsiasi cosa possa rivelare. E se avesse una fottuta tonnellata di bambini? È vecchio quanto l'umanità stessa, quindi non posso biasimarlo, non proprio. Potrei trascinarlo fuori fino a quando le mucche tornano a casa e piagnucolano fino a quando la mia gola non diventa cruda, ma non cambierebbe nulla. Avrebbe ancora un esercito di figli e io lo amerei ancora. Perché questa è l'unica realtà a cui tengo e se sono onesto con me stesso – veramente onesto – posso dirlo con assoluta certezza. Lo ammetto a me stesso, finalmente, finalmente. Il mio stomaco si raggrinzisce al pensiero di perderlo e il mio cuore batte forte; questo deve essere amore. Non credo di aver capito quanto significhi per me – anche quando ho deciso di restare – fino ad ora.

Solo ora, dopo che le parole di tradimento e di addio mi sono rimaste in gola, ammetto di amarlo. Ovviamente non posso dire addio; come sono mai stato così sciocco da pensare che potevo andarmene intenzionalmente? Per tutto questo tempo avevo dato per scontata la sua compagnia perché mi rifiutavo di assumermi la responsabilità della mia situazione. Era sempre colpa sua se stavo con lui, della sua volontà che rimanessi e del suo magnetismo che mi tratteneva. Anche quando ho deciso di restare, è stato per me, per essere libero – o almeno così mi sono detto. Nel mio egoismo, non riuscivo a vedere quanto ci tenessi a lui. Sono stato in grado di mentire così completamente a me stesso che ero davvero convinto di non amarlo; che ero rimasto solo per il bambino e per la mia libertà.

"Ti amo", sussurro non appena la mia gola si schiarisce un po'. La mia voce è senza fiato; le parole, in fuga dai fantasmi.

Mi tiro indietro, trascinandomi un avambraccio sul viso, l'altra mano che afferro disperatamente la sua maglietta. I suoi occhi sono vitrei e lo sguardo che mi lancia mentre allunga la mano per accarezzarmi i capelli mi fa cantare il cuore.

“Ti amo, mio ​​re,” ripeto, la mia voce più forte, “mi arrendo; Non voglio più combatterti. Io sono tua."

"Dato che io sono tua Selena", risponde, abbassando la testa e avvicinandomi per un bacio.

Le mie labbra assaporano le sue affamate e io sono animale, assetato di lui. Una mano si arriccia intorno alla nuca e l'altra gli artigli dietro la schiena. Il bacio è profondo e disperato; Voglio mostrargli il mio amore per lui. Premo le mie labbra così saldamente contro le sue che mi fanno male i denti, ma voglio ancora di più. Di cosa si tratta di baci così incantevoli? Com'è che il semplice atto di bocche che si scontrano e si muovono insieme può trasmettere così tanto? I miei occhi sono premuti così strettamente che ogni altro senso viene amplificato. li assaporo tutti; il sapore di lui, l'odore e la sensazione di lui. Anche il suono del nostro respiro frenetico e lo schiocco umido delle nostre labbra evocano da me un gemito. Asmodeus mi prende in braccio e quando finalmente interrompiamo il contatto mi porta nel nostro letto profumato di lavanda.

“No,” mi dimeno tra le sue braccia e lui si ferma.

Mi avvicino a lui, come per dirgli un segreto profondo e oscuro. Piantando una scia di baci lungo il suo collo, gli sussurro all'orecchio.

"Ho bisogno di una doccia."

L'ultima parola si trasforma in uno sbuffo e all'improvviso stiamo entrambi ridendo. Il rapporto tra risate e umorismo è notevolmente sbilanciato, eppure ridiamo come se avessimo appena sentito la barzelletta più divertente del mondo. Quando sei con qualcuno che ami, mi rendo conto; puoi davvero ridere di qualsiasi cosa. L'unica altra persona con cui l'ho sperimentato è stata mia sorella. Il pensiero di lei fa riflettere e guardo implorante al mio amante.

"Come convinceremo la mia famiglia a venire domani?" Chiedo: "Ho bisogno di loro lì Asmodeus".

“Pazienza amore, li convinceremo stasera; come ho promesso. Per prima cosa, il tuo bagno,” risponde, rivolgendomi un bel mezzo sorriso e portandomi in bagno.

Mi prudono gli occhi per le lacrime di prima e me le sfrego incessantemente quando Asmodeus mi posa a terra. Quando allontana delicatamente le mie mani, colgo il mio riflesso nell'enorme specchio a parete e sussulto per l'orrore. La mia faccia è un pasticcio chiazzato, dai colori innaturali. La maschera color crema del mio nuovo viso è stata parzialmente imbrattata, rivelando la mia vera carnagione sottostante. Striature di pelle lentigginosa e marrone sono visibili nelle macchie lacrimali e nelle aree intorno ai miei occhi. Un'iride è ancora verde mentre l'altra è tornata al mio marrone scuro naturale. Ad accentuare il tutto ci sono guance fiammeggianti e macchioline di capelli neri punteggiati dalla mia criniera fulva presa in prestito. Inutile dire che il mio travestimento è fallito.

"Cosa è successo?!" chiedo, mortificato.

Non riesco a staccare gli occhi dallo spettacolo nello specchio. Sembro un dipinto incompiuto di un panda pazzo.

"L'argilla si dissolve con il sale", spiega, come se ciò rispondesse a tutto.

Sale? Toccandomi il viso, traccio una striscia di pelle scura che va dalla coda dell'occhio fino al labbro.

Destra. Lacrime.

"Cosa faremo? Hai portato più argilla? Non posso sposarmi così!”

“Stai calmo, Selena. Ovviamente acquisirò altra argilla prima di domani. Per ora, un bagno di sale rimuoverà l'argilla rimanente".

“E dove prendiamo il sale per questo bagno? Non possiamo esattamente fare una passeggiata fino al negozio all'angolo e pagare un container pieno di diamanti adesso, vero?"

«Non sarà necessario, Selena. Il buon Mr. Carrington ci ha già provveduto", dice, raccogliendo una piccola borsa a rete di sali da bagno rosa dal nostro cesto di articoli da toeletta gratuiti.

Non è passato molto tempo prima che ho riempito la vasca di porcellana con acqua fumante e ho scaricato i cristalli senza tante cerimonie. Li ingurgito un po', guardandoli rimpicciolirsi mentre l'acqua li divora. Puzzano di rose, il profumo infittisce il peso dell'atmosfera umida del bagno. L'umidità si aggrappa a me e sono sollevato a spogliarmi dei miei vestiti soffocanti. Scivolo nella vasca e gemo di totale beatitudine mentre il calore avvolge il mio corpo. Il sale dissolvente è setoso contro la mia pelle e faccio scivolare le mani sulle gambe, amandone la sensazione lussuosa. Asmodeus mi osserva con approvazione, lanciandomi una piccola spugna. Lo prendo con gratitudine e lo uso per lavare via le pesche e la pelle color crema del mio travestimento. Scivolo ulteriormente nella vasca e immergo la testa, strofinandomi il viso con la spugna e passandomi le dita tra i capelli. Quando emergo, scopro che Asmodeus si è spogliato e si sta dirigendo verso la vasca. Certamente la cosa è abbastanza grande – appena appena – per stare bene a entrambi, e voglio averlo qui dentro con la stessa certezza che lui vuole saltare dentro, ma lo fermo comunque, appoggiandogli saldamente una mano sul petto.

“Aspetta,” dico, “Uno di noi deve mantenere il travestimento. E se avessimo bisogno di interagire di nuovo con il signor Carrington? Non posso dirgli esattamente che mi sono tinto i capelli e mi sono abbronzato dall'ultima volta che ci ha visto.

La mia mano lascia un'impronta scura sulla sua pelle dove il sale rimuove l'argilla del suo travestimento. Mi piace l'idea di lasciare un segno sul mio Re, simbolo della mia pretesa su di lui. Il segno è solo temporaneo, ovviamente, e scomparirà quando alla fine laverà via il suo travestimento, ma la mia impronta della mano è resa fedelmente dalla sua vera pelle, quasi come se fosse una prova fisica della nostra connessione.

Per una volta mi ascolta e con un profondo sospiro si allontana dalla vasca. Tuttavia non sostituisce i suoi vestiti; si appoggia alla vanità in tutta la sua gloria maschile e mi guarda fare il bagno. Voglio rilassarmi e sdraiarmi nella vasca ancora per un po', ma scopro che non posso mentre lui sta lì. Le mie guance si scaldano sotto il suo sguardo e raddoppio i miei sforzi per uscire velocemente. Non sono a disagio di per sé, solo così consapevole della sua presenza onnicomprensiva nella piccola stanza riscaldata. Mi chiedo, vagamente, se la conversazione renderebbe le cose migliori o peggiori. Asmodeus non lancia parole a casaccio; intende tutto quello che dice. Sembra comprendere il potere delle parole – la loro natura indelebile – e le sceglie con saggezza. Come persona che ha sempre detto la sua opinione, spesso indipendentemente dalle conseguenze, trovo il cambiamento inquietantemente bello come un animale esotico. E, per una donna che di solito parla molto, trovo che i silenzi tra noi tendono ad essere sorprendentemente adorabili.

Il bagno di acqua salata era proprio quello di cui avevo bisogno; la mia pelle è così pulita che formicola e ho un piacevole sonno. È bello essere di nuovo me stesso, anche se strano, con lo sconosciuto dalla pelle d'alabastro a letto accanto a me. Non sono mai stato con questo Asmodeus travestito nella mia stessa pelle prima d'ora. È quasi come se stesse ancora giocando a travestirsi mentre io mi sono tolto il costume. Il suo calore si irradia attraverso di me dal punto in cui il suo braccio si appoggia al mio, ricordandomi dove la sua maschera nasconde che è ancora il mio Re Demone. Mi giro su un fianco per affrontarlo e sorrido di quanto sia rilassato. In un certo senso è anche come se fosse diventato il suo travestimento e possederà la personalità da abbinare per tutto il tempo che lo indosserà.

"Sai, la maggior parte delle coppie non lo farebbe", gli dico.

"Fare cosa, Selena?"

Amo l'attenzione assoluta che mi dà; appeso a ogni parola, non importa quanto banale.

"State insieme la notte prima del loro matrimonio", rispondo, facendo scorrere una mano sul suo corpo meravigliosamente scolpito, "È sfortuna, lo sai."

“Non siamo la maggior parte delle coppie,” ridacchia, afferrandomi possessivamente la coscia.

"No, non lo siamo", sono d'accordo, il cuore che mi batte ancora una volta. Dio, è così fottutamente sexy.

"Cosa dovrebbe fare una sposa la notte prima del suo matrimonio?" chiede, la sua voce leggera e canzonatoria.

"Preoccupati per il suo grande giorno e dormi da solo", dico e me ne pento all'istante. "Ma sono stanco di dormire da solo."

“Come lo sono io, amore mio. Non sarei mai così sciocco da lasciare la tua parte per amore della superstizione umana.

"Bene", rispondo mentre mi accoccolo più vicino a lui e chiudo gli occhi, "perché voglio che mi tenga al caldo stasera... Dopo che mi avrai mostrato esattamente come intendi convincere la mia famiglia e i miei amici a presentarsi domani."

"Devi dormire, è tardi."

Sorride, baciandomi la fronte come se fossi un bambino a cui sta dicendo la buonanotte e io voglio prenderlo a pugni. Non appena mi dice di dormire, scopro che non posso. È tardi però; la luna piena risplende fuori, la sua luce filtra attraverso uno spazio tra le tende di una grande finestra adiacente al letto. non ho più sonno; Voglio tirare giù le tende e fare il bagno in quella luce. Voglio ballare nuda sotto l'occhio argenteo della bellissima dea da cui ho preso il nome. Sono troppo cablato per dormire semplicemente, eppure Asmodeus lo suggerisce come se fosse la cosa più semplice del mondo.

“Non hai mai risposto alla mia domanda,” dico, sedendomi. Non dormirò solo perché me lo dice e non riesco a dormire prima che mi spieghi come convincerà la mia famiglia a partecipare al matrimonio. Presumo che implichi una sorta di compulsione demoniaca, ma senza una risposta definitiva, so che le mie riflessioni mi faranno impazzire.

"Credo di averlo appena fatto", risponde effettivamente.

"Aspetta cosa? No, non l'hai fatto!" dico, dandogli un leggero pugno sul braccio.

Ride di questo ma non dice nulla. So che sta aspettando che lo capisca da solo.

"Tutto quello che hai detto è che ho bisogno di dormire -" comincio, poi gemo, "Merda, devo dormire perché questo tuo piano generale funzioni?"

"Sì."

"Fanculo! Volevo farne parte”.

Voglio essere io a convincerli; Voglio che vogliano venire per me e non perché Asmodeus li abbia costretti. Non so come l'avrei fatto, ma è quello che voglio.

“Oh, lo farai Selena. Il tuo coinvolgimento è essenziale”.

Il mio cuore sussulta per l'eccitazione.

"Come?" chiedo, rimbalzando un po' sulle ginocchia. Le molle del letto gemono in segno di protesta e Asmodeus mi guarda divertito schiarire i suoi lineamenti. Si siede e si avvicina a me, incontrando il mio sguardo.

“Attraverso i loro sogni, amore mio. Parleremo con loro mentre dormono”.

Sono senza parole per un momento; fissando la vista mozzafiato che riempie il mio intero campo visivo. Sembra così normale ma il regalo che offre è a dir poco straordinario ei suoi begli occhi sono così sinceri, così altruisti che mi sento indegno della loro intensità. In questo momento, credo davvero che sia incapace di essere malvagio. Crudele? Forse. Appassionato? Decisamente. Ma mai il male. La sua espressione è così assolutamente unica che so che non la vedrò mai in un altro essere umano; siamo tutti troppo egoisti. Distolgo lo sguardo e faccio una risata tremante.

"Beh, perché non l'hai detto?" La mia voce vacilla un po', ma mantengo la calma: "Facciamolo".

Mi sdraiai di nuovo, chiudendo gli occhi.

Prendo un respiro profondo e mi immergo nell'oscurità dietro le mie palpebre, desiderando che le immagini che trovo lì si trasformino in sogni. Ma restano ombre e i miei occhi tremolano irrequieto mentre un peso scomodo preme contro di loro. Chiaramente non ho sonno; questo è il problema. Trovo che lo stesso sforzo necessario per tentare di dormire sia ciò che inconsciamente mi fa aggrottare le sopracciglia. Questo non funziona. Apro gli occhi e mi giro verso Asmodeus, non sorpresa di trovarlo guardandomi.

“Dormi, Selena,” dice, accarezzandomi i capelli.

"Non posso", ringhio, appoggiandomi al suo tocco con un profondo sospiro.

Muove la mano dai miei capelli sul mio viso e mi sfiora le palpebre. Con la mia vista oscurata, i miei altri sensi diventano di nuovo iperconsapevoli di lui. Il mio cuore batte forte mentre sento il calore della sua pelle contro la mia e sento il suo respiro dolce. Questo non è sicuramente favorevole a un sonno veloce.

"Respira profondamente, amore mio", mi dice, mettendo una mano sul mio cuore come se volesse che smettesse di correre.

Il suo tocco è elettrizzante ma la sua voce è meravigliosamente rilassante. Potrei tranquillamente affogare sotto quella voce. Lo usa per raccontarmi una storia.

“Ho avuto innumerevoli nomi nell'arco della mia vita e ho preso innumerevoli forme. Sono stato sia maschio che femmina; schiavo delle convinzioni umane”.

Più che un po' scioccata, apro gli occhi e la bocca per fargli la prima domanda che mi viene alle labbra.

"Chiudi gli occhi."

Lo faccio, senza dire nulla e liberandomi dalla tensione dalle spalle con il rilascio di un respiro a lungo trattenuto.

“Le credenze dei molti spesso oscurano le credenze dei pochi. Il potere della collettività umana è davvero una cosa straordinaria. Gli immortali si spostano e cambiano secondo i capricci degli umani. Diventiamo tutto ciò che hanno bisogno che noi siamo, riflettendo le loro virtù e desideri attraverso forme di loro scelta. I primi umani non mi hanno dato un nome, ma mi hanno adorato in forme che sono cambiate nel tempo. Sono stato uomini, donne, animali e una moltitudine di forme che combinavano i tre. L'induismo mi ha dato il mio nome, Kamadeva, all'alba di quello che è conosciuto come il Kali Yuga. Dopo l'ascesa della cultura egizia, sono diventato noto come Bes. I cinesi mi chiamavano Baimei Shen, gli aztechi mi chiamavano Xochiphilli e i nord mi chiamavano Freyr. Quando il cristianesimo è sorto dopo la caduta dell'Impero Romano, sono diventato quello che sono ora. Quasi tutte le mie forme sono state le divinità sessuali più ampiamente riconosciute del tempo.

I miei occhi sono pesanti e il mio cervello è annebbiato, ma ciò non significa che non ho notato la sua deliberata esclusione di una cultura molto rilevante. So che Elysia è greca e che la cultura era troppo importante per non avere alcuna influenza sulla forma data di Asmodeus.

"Quale dio greco eri?" sussurro, i miei occhi ancora chiusi sotto il peso del mio sonno eminente. Quanto velocemente la sua voce mi ha rilassato.

"Shh," borbotta, "ci stavo arrivando".

“Hmm...” gemo d'accordo, troppo assonnato per esprimere la mia approvazione. Combatto per rimanere sveglio e ascoltare la sua storia, ma gli dei mi aiutano, riesco a sentirmi scivolare. Mi concentro abbastanza a lungo da rendermi conto che ha già iniziato a parlare.

“- Dioniso o Bacco, con culto di seguaci femminili. Ero promessa sposa di una mortale di nome Arianna, figlia di un re sadico. Voleva sacrificarla a un mostro concepito da sua moglie. Arianna ha aiutato un eroe nella sua ricerca per uccidere la bestia, ma è stata abbandonata da lui una volta che l'ha usata per vincere la sua corona. Tradita dall'uomo che amava, l'ho trovata a piangere per la sua perdita e le ho concesso l'immortalità. Se avessi saputo allora che avrei creato la mia nemesi, forse avrei percorso un'altra strada. Davvero, non posso biasimarla, perché è ciò in cui l'ho trasformata. Una donna disprezzata due volte è una forza da non sottovalutare. Quando l'ho lasciata per Elysia, il suo disprezzo per me è peggiorato. Divenne una creatura dell'odio, la prima demone. Ti ha ucciso e nei secoli che ho sofferto, la religione romana mi ha dato un altro attributo, nominandomi Penthos il lugubre e la sua Poena il punitore. Le ci vollero secoli per trovare nostro figlio Pan, come era conosciuto, e in quel momento la religione stava cambiando di nuovo. Gli ebrei la chiamavano Lilith, la strega notturna, e lei distrusse non solo Pan, ma anche tutta la sua adorazione. Le credenze cristiane mi hanno fornito questa potente struttura e la mia ira era troppo grande per essere vista”.

Sentendo il dolore e la rabbia che si scontrano nella sua voce, apro di nuovo gli occhi – il sonno sia dannato – e cerco di confortare il mio amante. Gli sfrego un palmo sul petto ansante, ma la sua inquietudine sembra solo intensificarsi. Le stanze si dissolvono finché lui è tutto ciò che vedo e tuttavia, non è il mio re demone che rimane nel mio abbraccio. Al suo posto giace una donna dolorosamente bella, pallida e luminescente come una luna piena. I suoi capelli sono color bronzo, che brillano sotto una fonte di luce sconosciuta. Delicati tatuaggi in filigrana le colorano la pelle, l'inchiostro dorato. La sua pelle cambia proprio come quella di Asmodeus, anche se solo tra il bianco e il grigio. I suoi occhi sono chiusi in un sonno tranquillo e non posso fare a meno di pensare che deve essere un angelo. Cioè, finché non apre gli occhi.

They are the colour of deepest space, a purple black so cold that their stare cuts right through me. The power of her empty eyes is so horrific that it seems to steal the very air from my lungs. I gasp for a breath, only to realise that this terrible angel has wrapped her elegant fingers around my neck. I claw at her face desperately, ripping my fingernails against her unyielding skin and all the while she laughs a sound which reminds me ravens screaming. To no avail, I will my power to save me. I am prey to her, nothing more than carrion and she will devour my body once my spirit flees.

"No!" I hear the roar, “You will not take her again!”

All at once, the creature choking me disappears in a curl of silver smoke. Suddenly able to breathe again, my body launches off the bed. I inhale a huge lungful of my attacker’s strange essence and almost choke on it. Asmodeus is at my side a second later and holds me as I wheeze in breath after agonising breath. He wears his own skin here, portrayed in this dream as he truly is.

“I am sorry, my Selena,” Asmodeus croaks, remorse dragging his voice down, “This is my doing. I should have cleared my mind before you succumbed to sleep.”

“I’m asleep?” I rasp, when my lungs allow voice.

“You have entered my dreams, a dangerous place while she lurks here. I was foolish to bring you.”

“Lilith?” I whisper, afraid that saying her name out loud will summon her once more, “She’s alive?”

“Only here,” he growls, face darkening as he taps his temple, “She is two millennia dead and yet still she plagues my existence.”

“She’s so... strong,” I say, shuddering as the remnant of her hold closes my throat once more, “She couldn’t really kill me here, could she?”

“In a dream she has the power to crush your spirit so completely that you would sleep until your body dies. She has strengthened with my fears. Now that I have you, my darkest fear is that you will be taken from me,” he says, and his face sets with grim determination, “She will not have you this time.”

Wordlessly, I embrace my love, both needing to comfort him and be comforted. I hold him so tight it hurts as he encompasses me within his strong arms. I feel so safe here, as if I am protected from everything, even the dream witch who just tried to kill me. Even she cannot harm me here.

When we break apart, I reach for his hand as I take in our dreamscape. As if to reflect his mood, Asmodeus’ dream is dark and hostile. It’s not hard to imagine Lilith lurking in the shadows, just waiting for her chance to pull me into oblivion. A smoky mist swirls at our feet as Asmodeus leads me to an unseen destination. When he looks back at me, his red eyes seem to spark in the darkness and his silver hair looks like a crown of glory atop his head. He looks like he belongs here and now that I think about it, I suppose he does. He is a mythical creature walking through the land of dreams.

Following directions only he can see, my lover stops walking and pulls me to his side. We stand at the edge of a precipice; the seemingly endless expanse stretched before us is made even more treacherous by the sheer drop which precedes it. The mist which fills it isn’t dark like the vapour surrounding us but silver with thousands of throbbing, weaving threads of gold floating within. It is mesmerising to watch and I am captivated so thoroughly that it seems as if the gold threads are swimming behind my eyes.

A sudden heart-stopping jerk brings me back to reality – well, this dream reality anyway. Asmodeus pulls hard on my shoulders and crushes me against his chest protectively. Before I can protest, some earth gives way beneath my feet and I realise how close I came to falling. So hypnotised was I by the golden threads that I almost walked off a cliff.

“That is twice now I have endangered you. We must leave.”

His voice his firm and his expression resolved but I’m not leaving without a fight.

"No! You promised me that I could help convince my family. I’m staying until I do that.”

“Selena...” he groans, disapprovingly.

“I’m staying. We can hurry this up and get out of here or we can spend even more time arguing,” I smile a little and turn to face him, “Who knows what kind of trouble I’ll get into if we waste any more time?”

He snorts a laugh and takes my hand in his, kissing the palm and lacing our fingers together.

“You can be very persuasive,” he grumbles.

“It’s a gift,” I reply, as we walk together to the edge of the cliff.

“Alright,” I say, “What are we looking at?”

“Human dreams,” he answers, reaching into the abyss with a clawed hand and summoning a golden thread to us.

As it grows closer, it expands until it resembles thick rope. Each weave of the rope hums with energy and I watch with utter fascination as images dart through them, like little surges of electricity through copper wire. Asmodeus catches the rope as it comes closer still and inspects it.

“A female, who goes by the name Layla dreams of her life before the one she now leads.” He explains, his eyes still scrutinising the threads. He draws the rope even closer still and with his power he separates the threads into individual strands and expands the images coursing through them.

“This,” he observes, expanding the silently laughing image of a handsome dark skinned man from the woman’s dream, “Is Mark, Layla’s former lover and mentor. It has been decades since Mark has laughed with her like this; I feel her longing for this ease between them to return.”

Underneath this golden thread, a bronze thread writhes violently and wraps itself around Layla’s sweet dream, infecting it with fear. In this nightmare, Mark turns into a monster who hunts a woman with an innocence about her which says that she is only just old enough to be considered a woman. With ebony hair and chocolate eyes, she looks a lot like me. The creature Mark catches her, holding her tight in his arms and for a moment it seems that she forgets what he is. Then he presses his lips to her throat as if to kiss her and I hear a lush tearing, followed by Layla’s gurgled scream. Her blood flows thick and fast, spilling past the corners of Mark’s dark lips. Layla meanwhile, loses the vibrancy in her warm brown skin until it turns ashen and her eyelids flutter shut. I watch in horror, wanting to comfort this stranger so like me, seduced by an otherworldly creature. Lucky for her though, this nightmare is just that and will be banished the moment she wakes up.

The nightmare changes as another bronze thread consumes the previous one and plays out a new heartbreaking scene. Layla, now hard and pale with none of her innocence still intact, looks over a graveyard under the shade of an old marble catacomb entrance. Below her, a large family buries their loved one.

“The coffin is empty,” Asmodeus says, “Layla is witnessing her own funeral.”

“What a strange dream,” I whisper, too fascinated to look away.

"Chi è quello?" I ask, pointing at a devastated young woman, whose grief is so great that she sinks to her knees before Layla’s empty coffin and dissolves into a flood of tears.

“Her twin sister,” he replies, “Her name is Sandra.”

“Layla and Sandra?” I ask, confused. The names strike a chord with me, but I can’t find the elusive revelation they will surely bring. I’m pretty sure I don’t know any Laylas and the only Sandra I know is my grandmoth-

“Holy shit!” I exclaim, as realisation dawns on me.

“You may know the surviving sister as Sandra Ma, who lost her twin Layla when they were eighteen. Layla and Sandra were their simple names, they were born Laghima and-”

“Singaramal,” I gasp, astounded by the possibility that I am visiting the strange dreams of my long dead great aunt.

“Wait,” I whisper, heart pounding, “How are we even seeing her dreams? She’s dead.”

“She is very much alive Selena.”

"Che cosa?! Non c'è modo! This is incredible!” I shout, eyes darting through the threads of my supposedly long lost relative, “What happened to her?! How’d she disappear and why hasn’t she returned if she’s still alive? She’s what, seventy-two now?”

“Indeed she is, Selena. But she cannot return to her family.”

"Perché no?"

“She is an immortal, my love. The body you see in her dream is the one she still possesses.”

"Aspetta cosa?" I ask, struggling to process revelation after stunning revelation.

"Arkamun, born three millennia before your grandmother, began using the name Markus after the rise of Christianity. He posed as a farm hand when your grandmother was a teenager and fell in love with her sister. Layla joined him and was never again seen by her family. He turned her into what she is now."

"A vampire?" I can't believe that I'm actually expecting confirmation for such a ridiculous question.

"Sì."

"And how is it that he is what he is?"

"Pan inadvertently created him, gifting his lineage to a mortal woman who would birth the first vampire."

"Wait, wait, wait," I gasp, "So you're telling me that your grandchild with Elysia, through Pan was the very first vampire?"

"Yes. The child was named Lamia and she was the first of her kind. All modern vampires are descended from her blood."

"And yours," I say.

"And mine,” he agrees, “In a sense, they are also my children."

As he says this, he caresses the threads which haunt my great aunt's sleep. As his fingers trail along the bronze coloured vibrations, the dream shifts to a moment between Layla and my grandmother when one was still mortal and both still young. The thread turns gold again as Layla revels in this dream memory.

"You helped her," I whisper, "Thank you."

"As I have told you love, I feel as if all vampires are my kin. She has suffered far too much in the waking world to be troubled by her dreams."

"Is this what you do when you're sleeping?" I ask, my heart warming to him ever further.

"I influence dreams, yes. Mostly for the benefit of my sin but occasionally," he smirks, "For the good of others."

"Of course," I drawl, rolling my eyes, at least he didn't lie.

"Where is she?" I ask, now burning with the desire to see my long lost relative.

"She wanders the world, seeking spiritual salvation for what she has become. She observes her sister's descendants however; undoubtedly she has looked in on your father and all his kin. Surely she knows you are gone."

"Yeah," I whisper, heartbroken by the finality of the word 'gone'.

But that's exactly how my family would see it. I'm gone. Never to be seen again. Something Layla's family would have realised when she disappeared. My poor grandmother; losing a sister and granddaughter the same way twice in one lifetime. We've broken her heart, Layla and I, for the love of monsters.

"Let's find my dad's dream then," I say, trying to clear the thickness growing in my throat.

Thankfully, Asmodeus sees the shift in my mood and immediately obliges. He gently flicks Layla's dream back into the abyss and with the same hand, summons another golden rope of sub consciousness. This one is corrupt though, infected with bronze strands so dark they look black.

My father's nightmares.

I sigh, apprehension flooding through me. The last thing I want to do is watch the horror which disturbs my dad's sleep. But seeing the choking hold of the bronze-black strands smothering what should be peaceful dreams is more than enough to strengthen my resolve. I lace my fingers with Asmodeus' and say, "Let's do this."

Wordlessly, he draws a darkened thread closer and expands it. I see an image of my father searching frantically for something, angry tears rolling down his cheeks. Asmodeus expands the strand until it becomes a doorway of sorts, made of light, with the now full sized image of my dad pacing restlessly within its depths. Asmodeus directs his hand, palm up at the portal in an 'after you' gesture. Taking a deep breath, I walk into a foreign nightmare.

Continua...

Storie simili

Sesso con mia sorella (Libro 1 Capitolo 2) Riscrivi

Nota dell'autore: Fiction - Sostantivo - 1. La classe della letteratura la classe della letteratura che comprende opere di narrazione immaginativa, specialmente in forma di prosa. 2. opere di questa classe, come romanzi o racconti: narrativa poliziesca. 3. qualcosa di finto, inventato o immaginato; una storia inventata: abbiamo tutti sentito la finzione della sua salute delicata. 4. l'atto di fingere, inventare o immaginare. 5. una cosa o un evento immaginario, postulato ai fini dell'argomentazione o della spiegazione. 6. Legge. un'affermazione secondo cui esiste un fatto di cui si sa che non esiste, fatta dall'autorità di legge per portare un caso nell'ambito...

13 I più visti

Likes 0

Camper travestito Parte 2

Quindi stavo ancora tremando e stavo in piedi tra le gambe di John con le mie mani sulle sue ginocchia e lui seduto lì senza pantaloni che ancora riprendeva fiato quando sentiamo qualcuno urlare John e una torcia arriva verso di noi. Sono sicuro che sembravamo dei cervi nei fari quando la torcia ci ha colpito e non si è mossa. John! Che diavolo? Chi è questo? mentre il suo ritmo aumentava e si avvicinava a noi. Uhh, Steven umm uh John ha risposto  Ti mandiamo a prendere la legna da ardere e tu fai un po' di azione. Lucky Bastard. Sono Steven...

506 I più visti

Likes 1

Lascia che una Playa giochi

Lascia che A Playa Play Storia di Charles che usa il suo bell'aspetto e il suo fascino per scopare tutte le donne che vuole. Oooohh cazzo, mmmmm. geme con una gamba sulla mia spalla, mutandine nere con rifiniture rosa che pendono dal suo piede mentre attacco vigorosamente la sua figa con la mia lingua. Essendo questo il suo ultimo giorno di lavoro, ho pensato di mandarla via con un regalo d'addio. Più simile a questo è ciò che ti mancherà presente. Mentre si morde il labbro, mi afferra la nuca e mi preme il viso nella sua figa bagnata. Non sai...

1.3K I più visti

Likes 0

Imbevuto

Questa è la mia prima storia; è una storia vera di qualche anno fa. Sentiti libero di darmi i tuoi commenti e ti diverti tanto quanto me!! Sapevo che non sarebbe stata contenta che non fossi andata a prenderla perché pioveva così forte ma ero davvero impegnata in casa che avevo perso la cognizione del tempo, comunque aveva compiuto 16 anni il giorno prima quindi voleva la sua 'Indipendenza'. Mi chiamo Chris e ho 24 anni e sono il tutore ufficiale di Debbie, la cui mamma stava viaggiando per il mondo apparentemente trovandosi e papà stava abbastanza felicemente crescendo la sua...

1.4K I più visti

Likes 0

Fratelli gemelli... insieme

Quando i gemelli Kale e Jeremy sono cresciuti facendo tutto insieme; dal baseball, dalla scuola e dal sesso. I ragazzi avevano trascorso tutta la vita in una piccola città senza niente da fare, quindi hanno trascorso il loro tempo insieme. E come tutti i gemelli erano inseparabili. Entrambi i ragazzi, essendo gemelli identici, erano 14, 5'4 e magri, capelli biondi semi lunghi, splendidi occhi grigio bluastro, ed erano bellissimi. Erano i must di ogni ragazza della scuola. Ma con l'arrivo dell'estate passavano il tempo a scherzare nella fattoria del vicino e a nuotare nel torrente dietro casa. Oggi non ha fatto...

1.1K I più visti

Likes 0

Perché ho incontrato tua madre - Capitolo 9_(1)

La storia finora: Phil si è disinnamorato della sua ragazza chiamata Sadie, e invece violenta regolarmente sua figlia adolescente, Kiara. Phil lavora in un cantiere edile e recentemente il suo capo, Terry, ha scoperto i filmati delle telecamere di sicurezza di lui che scopa la ragazza nel suo furgone, e oggi ha convocato Phil al lavoro. Capitolo nove La mattina era umida e il cielo una portentosa sfumatura di un grigio cupo. La temperatura era sorprendentemente bassa per metà primavera e Phil sapeva già che oggi avrebbero fatto progressi molto lenti sul sito, il che significava ancora più ritardi e stress...

528 I più visti

Likes 0

Figlia dei vicini: Sporco segreto

È successo quando avevo 16 anni un giorno d'estate. La scuola era finita e cominciavano le vacanze. Vivo alla fine della casa in stile cottage dove i nostri vicini sono dall'altra parte del muro. Nella porta accanto vive la mia amica Eve, ha la mia età, capelli biondi e corpo da urlo. Quanto a me, sono proprio come lei, solo che ho i capelli scuri. Pochi giorni fa ho notato una cosa interessante ... il telefono ha squillato a casa di Eves e dopo pochi minuti lei è spento da qualche parte. l'ultimo giorno lo stesso. Quindi ho deciso di rintracciarla...

1.5K I più visti

Likes 0

Spirito libero (03).. Quindici (1997)

Questa storia continua dall'ANZAC Day 1997 quando avevo appena compiuto 15 anni. Ero sdraiato fuori e mi sentivo molto dolorante e tenero; finché non decisi di entrare e unirmi agli altri. Inciampai mentre cercavo di camminare. Era come se mi fossi cagato addosso i pantaloni anche se non indossavo vestiti. Il soggiorno era buio e vuoto così ho preso una coperta; si riposava sul divano e si addormentava. Dovevano essere le 6 o le 7 del mattino quando mi sono svegliato; alcuni dei ragazzi erano già in piedi e fumavano bong. Mi sentivo dolorante e rigido; poi mi resi conto che...

1.5K I più visti

Likes 0

Un po' di magia nera Capitolo 1

Capitolo 1 Questa è la mia storia... No. Questa è la mia confessione. Non sono sicuro che quello che ho fatto sia stato un crimine, ma è stato sicuramente contro natura. Il mio ultimo anno al college e in effetti le ultime settimane fino a quando non sarei stato cerimoniosamente inserito nel mondo del lavoro. Mi trovavo nel bagno che accompagnava la mia camera da letto esplorando il mio corpo allo specchio. Le lenti spesse dei miei occhiali mi facevano sgranare gli occhi sotto il disordine ondulato dei capelli neri. La mia pelle era pallida per aver passato giorni nelle biblioteche...

1.5K I più visti

Likes 0

Tim, l'adolescente parte XV

Nota: ——NON sono l'autore! Ci sono diversi autori in realtà, non sono così sicuro che qualcuno di loro sia il creatore, ma so che non sono io. Sto semplicemente condividendo questa bella storia con tutti voi perché non l'ho vista qui. Ora in origine dovevano essere tutte 9 parti, ma... Qualcuno ha detto che la prima era troppo lunga, quindi ho deciso di dividerle tutte in post più piccoli. Ho pensato di provare un aspetto e una struttura della frase diversi per questo capitolo, per favore fatemi sapere come vi piace. BUON APPETITO--- Tim, l'adolescente parte quindici di: Rass Senip +++...

1.4K I più visti

Likes 2

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.