Guardare e fare

405Report
Guardare e fare

GUARDARE E FARE

John sentiva di aver fatto un ottimo affare. Quando si è trasferito in questo condominio, ha incontrato e parlato con il proprietario e ha convinto quell'uomo a lasciarlo svolgere il ruolo di custode/custode/amministratore residente, facendo tutto ciò di cui l'edificio aveva bisogno per $ 200 al mese di sconto sull'affitto più le spese.

Normalmente ciò richiedeva solo poche ore al mese dal suo tempo libero, e se avesse dovuto lavorare durante quel giorno in un giorno feriale, il suo programma come tecnico di laboratorio presso un'azienda farmaceutica avrebbe potuto essere modificato - la maggior parte delle cose potrebbero essere fatte all'inizio sera o anche sabato. Poteva lavorare lì a qualsiasi ora dalle cinque del mattino a mezzanotte, sei giorni alla settimana purché facesse le sue 40 ore. Quasi tutto il suo lavoro era di routine, con un tempo di consegna normale di tre giorni.

Se ci fossero stati dei lavori di riparazione importanti nell'edificio, avrebbe potuto dire al proprietario che avrebbe potuto trovare un appaltatore, ma ciò non è mai successo. Questo posto ha subito un solo sfratto negli ultimi tre anni e qualche lavoro di pulizia quando gli inquilini se ne sono andati, quindi è stata solo questione di spazzare, pulire e fare copie delle chiavi quando venivano cambiate le serrature.

E poi c'erano vantaggi di cui il proprietario non era a conoscenza. Poco prima che ogni nuovo inquilino si trasferisse, John entrava nel loro appartamento e cambiava le lampadine con delle nuove per evitare che una si bruciasse subito. Il proprietario non ha mai chiesto cosa avesse fatto con quelli vecchi, quindi deve presumere che John abbia fatto quello che ha effettivamente fatto, ovvero usarli nel suo appartamento, dal momento che doveva registrare tutti quelli nuovi che usava lui stesso. Cosa che non ha mai avuto; non finiva mai quelli usati.

L'orario di lavoro flessibile presso l'azienda farmaceutica ha reso possibile un altro vantaggio, e la riduzione dell'affitto gli ha lasciato denaro extra in modo da poter utilizzare più facilmente alcune attrezzature non autorizzate. Ciascuno dei trentadue appartamenti dell'edificio (tranne quello di John) aveva due piccole e costose telecamere di sicurezza installate da John, nei condotti dell'aria. Uno era sempre focalizzato sulla porta dal bagno alla camera da letto e l'altro posizionato per mostrare il letto. La batteria durava circa un anno e potevano essere prelevati solo su apposito ricevitore e all'interno del condominio. Ciascuna telecamera, oltre a trasmettere all'appartamento di John, poteva registrare fino a sei ore di video.

La registrazione poteva essere rivista ad alta velocità tramite un segnale e la telecamera poteva essere spenta allo stesso modo.

La durata della batteria quasi non aveva importanza poiché John di solito riprendeva la fotocamera dopo un mese se in un appartamento non mostrava nulla che valesse la pena guardare con il nuovo inquilino.

Con l'uomo in 3-B John aveva consumato due batterie e stava lavorando sulla terza. Quell'uomo aveva portato nel suo appartamento e portato nel suo letto sei donne diverse in trenta mesi, e si divertiva a tenere le luci accese. John aveva ore di videocassetta da quell'appartamento.

Ma in quel momento il suo interesse era rivolto alla telecamera del 4-C, dove si era appena trasferita una giovane donna di nome Janice Gray. L'aveva incontrata, le aveva dato il suo numero di telefono in caso di problemi e le aveva detto che poteva anche lasciare un messaggio. nota sotto la sua porta. E, dopo tutto ciò, si sforzava di farle capire che essere un custode era una cosa part-time e che il suo vero lavoro era più sostanziale.

Dai documenti che gli passarono tra le mani, sapeva che Janice aveva vent'anni, era una studentessa universitaria di notte e un'impiegata di inserimento dati di giorno, single e appena trasferitasi da casa. Guardandola, d'altra parte, sapeva che era una bionda alta e slanciata con grandi occhi azzurri.

Dalla minuscola telecamera, sapeva che era la donna più bella che avesse mai visto. L'aveva vista uscire dal bagno, nuda tranne che per un asciugamano, e quell'asciugamano ovviamente si spostava da un punto all'altro del suo corpo, così che lui vedeva tutto.

Dall'altra telecamera, sapeva che le piaceva sedersi sul letto con addosso camicie da notte corte e trasparenti per guardare la televisione di notte. L'unico maschio che fosse mai entrato nel suo appartamento era di qualche anno più giovane di lei, chiaramente suo fratello, e solo quando si era trasferita lì per la prima volta. L'unica femmina era sua madre.

Tra il lavoro e le lezioni, aveva tempo per uscire con uomini, ma nessuno sembrava mai bussare alla sua porta. Ma la telecamera puntata sul suo letto mostrava chiaramente e frequentemente che si masturbava e gridava quando lo faceva.

John la osservò per due mesi e in quel periodo colse l'occasione per parlarle. All'inizio era a disagio con lui e accettò di essere invitata a cena solo alla terza volta che lui lo chiese. Lì apprese che in realtà non usciva molto, mettendolo in pausa almeno fino a quando non avesse ottenuto una laurea in due anni.

Ha anche appreso che lei era uscita molto poco anche quando era al liceo, e aveva accettato di uscire con John solo perché sembrava non predatorio. A questo sorrise.

Alla fine dei due mesi, tenendo conto dell'orario delle sue lezioni fissandolo un martedì sera, usò la sua passepartout per entrare nel suo appartamento. Andò nel bagno, tolse il coperchio del serbatoio del WC e con le dita piegò una leva all'interno.

Come era adesso, l'acqua in quella toilette avrebbe continuato a scorrere continuamente finché quella parte non fosse stata sostituita o rimessa in forma. Ed era sicuro che Janice non ne sapesse abbastanza di queste cose per piegare lei stessa quella leva.

Solo pochi giorni dopo, sulla sua segreteria telefonica arrivò un messaggio di Janice e qui entrò in gioco il suo lavoro quotidiano.

C'erano pochissimi farmaci prodotti presso l'azienda farmaceutica per cui lavorava che lo avrebbero fatto licenziare e poi arrestare se li avesse rubati e venduti. C'era un numero maggiore di farmaci che lo avrebbero fatto licenziare se si fosse scoperto che li aveva rubati e usati lui stesso.

Ma ce n'erano alcuni che, anche se forse non da banco, non erano un grosso problema da lasciare dove un dipendente potesse procurarsi le materie prime. I campanelli d'allarme si alzerebbero ancora se mancassero un centinaio di dosi, forse, ma se il principio attivo viene misurato in milligrammi - una dozzina di pillole potrebbe pesare un'oncia ma contenere mezzo grammo di qualsiasi cosa tranne il riempitivo, e un grammo è uno... trentesimo di oncia.

Questa è la spolverata su due dita.

Un narcotico è una cosa, un "superiore" un'altra, ma - un sedativo e un ipnotico? Nessun criminale lo vuole. O non il tipo che viene cercato.

John aveva parlato con Janice una settimana o due prima e le aveva promesso di prestarle un vecchio saggio fatto sotto forma di libricino - vecchio, ma di nessun valore reale in termini monetari - che le avrebbe interessato.

Fissò un appuntamento per andare a trovare Janice e sistemarle il bagno venerdì sera, quando non aveva lezioni. Disse che avrebbe portato il libricino.

Non si sedette che avrebbe portato anche un vassoietto con due tazze, contenente quella che le disse essere una miscela di tisane (altro suo interesse). La sua descrizione era accurata per quanto riguardava la sua tazza; il suo aveva un ingrediente segreto.

Quando la vide prendere la tazza e cominciare a sorseggiare, entrò nel suo bagno. La riparazione durò venti secondi, ma lui ci mise due minuti. Quando la raggiunse, la sua tazza era mezza finita.

Janice guardò il libretto mentre parlavano, ma subito lo posò e sbadigliò.

"Bene, è stata una settimana lunga per te," disse. "Dovrei andare presto e lasciarti riposare."

Lei annuì.

"Dopo che me ne sarò andato, vorrai metterti una camicia da notte. Magari quella giallo pallido; ti sta molto bene con quella."

Sorrise al pensiero.

"Se ti tocchi prima di addormentarti, penserai a me e desidererai che fossi ancora lì, nel tuo letto, a fare l'amore con te, sopra di te e dentro di te fino in fondo. Forse sognerai che io faccia Quello."

La sua bocca si aprì leggermente al suggerimento.

"Adesso ti lascio. Sarai tentato di darmi il bacio della buonanotte, ma deciderai di no. Ma la tentazione rimarrà. Buonanotte."

Lei lo guardò e lui vide la sua indecisione mentre se ne andava con il vassoio e chiudeva la porta.

Quindici o venti minuti dopo, rientrò con la sua passepartout e la trovò distesa sul letto, vestita con la sua leggera vestaglia gialla, la testa ancora nelle mutandine, le dita ancora bagnate, tra la veglia e il sogno ma sicuro che fosse il più recente.

"Oh... John..." disse quando lo vide, e quando lo vide togliersi i vestiti.

Le sue braccia si alzarono verso di lui mentre giaceva accanto a lei. La baciò e fece scivolare una mano sotto la parte superiore della camicia da notte per tenerle un seno.

Tutto ciò che faceva esplorando il suo corpo le sembrava un sogno perfetto, perché era così che le veniva filtrato. La baciò profondamente, facendole vorticare la lingua nella bocca, finché i suoi seni non desideravano essere toccati di nuovo; usò le mani e le labbra sui suoi seni finché la sua entrata non fece male per il suo tocco; le sue dita si mossero sulle sue labbra finché lei non gridò.

E quando lui le tolse le mutandine, e si mosse sopra di lei, toccandola nel punto in cui stava per penetrarla con lunghi centimetri di carne rigida, lei disse, ancora sicura di stare sognando: "Per favore, sii gentile, sono ancora vergine, ma Ti voglio così!"

E lui era gentile e si muoveva lentamente e presto sentì lo stiramento e lo schiocco quasi udibile che proclamava che aveva detto la verità. Era tesa, dolce e assolutamente disinibita, perché che senso ha trattenersi in un sogno? Poiché questo era un sogno, i suoi orgasmi arrivarono facilmente e durarono a lungo.

L'unica cosa che le mancava era qualcosa che non aveva mai conosciuto, ovvero sentire il seme caldo di un uomo riversarsi dentro di lei - John decise che era più sicuro non farlo, almeno non questa volta.

"Quando ti sveglierai domani mattina," disse prima di partire, "vorrai fare questo con me nella realtà. Deciderai che è ora di andare a letto con un uomo. Vedrai un medico per prendere la pillola anticoncezionale. E quando avranno avuto pieno effetto e sarai pronto ad offrirti a me, mi chiamerai, mi dirai e ti aprirai a me in qualsiasi modo io voglia, tutte le volte che vorrò."

Si chiese se valesse la pena tenere le telecamere in quell'appartamento adesso. Forse. Aveva acceso il registratore per stasera, ma c'erano delle cose che voleva che lei facesse entro un mese o giù di lì.

Aveva una videocassetta di se stesso a letto con Janice Grey, ed era sicuro di poter individuare il momento e il movimento in cui aveva preso la sua verginità. Ma non gli sarebbe dispiaciuto avere un'altra volta in cui lei +pensava+ di essere deflorata e il suo viso in quel momento.

Voleva registrare il momento in cui Janice ha preso per la prima volta in bocca la sua erezione e quello in cui ha preso il suo sperma in gola. Voleva preservare la notte in cui il suo corpo sarebbe esploso sotto la sua lingua mentre le dava un orgasmo orale. Voleva il momento in cui per la prima volta aveva sentito lo sperma caldo spararle nel grembo. Voleva guardarsi piegare le gambe di lei fino alle spalle, con i piedi attorno al collo, e ararla più in profondità che poteva mentre lei era tenuta più stretta che poteva.

Ancora un altro vantaggio di essere il manager residente.

Storie simili

Il mondo nascosto del mondo magico, libro:1 ch:2 torna al bagno

La storia è scritta dal mio amico ed io, attualmente stiamo cercando di fare un lavoro migliore di correzione di bozze, ma stiamo ancora cercando qualcuno che ci aiuti. I prossimi 2 capitoli dopo questo avranno più personaggi della serie, sentiti libero di suggerire eventuali relazioni o feticci che vorresti vedere. Torna al bagno Hermione si è seduta a lezione di pozioni a cui mancano ancora le mutandine, qualcuno le ha prese dalla biblioteca. La lezione è iniziata e Harry le ha chiesto se stava bene. “Sì, sto bene solo un po' scosso. “ È successo qualcosa? No, solo che ho...

3.7K I più visti

Likes 0

Far sborrare nostra figlia

Far sborrare nostra figlia Storia #100 …..sono Lynn, ho gli stessi impulsi di mia madre. La mamma (Dee Dee), il fratello Ken e io abbiamo tutti questa cosa e ci piace sentirci bene. L'abbiamo chiamato scherzosamente Feel-itis. Questo ci ha portato tutti a fare sesso l'uno con l'altro. …..Ora ho avuto una figlia Vicky. Ho deciso di non sentire Vicky crescere in modo che potesse svilupparsi a modo suo. Il suo compleanno oggi significava che adesso era maggiorenne. È stato difficile combattere l'impulso che avevo di sentire il suo corpo. Aveva già un corpo caldo. Belle tette, fianchi, gambe e un...

3.1K I più visti

Likes 0

Cambiare la realtà (parte 3)

Ciao ragazzi e ragazze! È Chase. Sai, la persona di cui parla questa storia. So cosa stai pensando – Questo non può essere vero. Bene, ti assicuro che lo è assolutamente. Non posso provartelo, a meno che non ci incontriamo un giorno e anche allora, dovrei raccontarti tutto da capo. È qualcosa che non è molto probabile che farò poiché qualsiasi esposizione di chi e cosa sono potrebbe portare alla mia cattura da parte di qualcuno che desidera trasformarmi in una specie di cavia. Non so voi, ma non sono molto entusiasta di essere rinchiuso per il resto dell'eternità e di...

1.8K I più visti

Likes 0

Andando avanti - Capitolo 3

Andare avanti capitolo 3 Il tempo sembrava congelato. L'espressione di shock e orrore sul viso di Evelyn era giustapposta ai resti bagnati del mio sperma sulle sue guance e sul suo mento. Il mio cazzo è caduto dalla mia mano e la mia testa sembrava muoversi attraverso la melassa mentre si girava lentamente verso l'ingresso del bagno. Sembra che voi due abbiate combinato un sacco di cose, disse il signor Clark con nonchalance con un leggero sorriso, guardandosi intorno al bagno come se cercasse altri membri del nostro piccolo gruppo. Mi chiedevo dove fossi scomparso per così tanto tempo. Seguì un...

1.2K I più visti

Likes 0

Il mio amore giapponese parte 9

My Japanese Love Part 9: I guai di Alicia Nei giorni che seguirono cominciai a immaginare come sarebbe stato mio figlio. È bello sapere che in tutto il caos che è successo nella mia vita ne è venuto fuori qualcosa di buono. Akira ed io siamo follemente innamorati e stiamo per avere un bambino. Abbiamo detto ai suoi genitori che erano estremamente felici per noi, tuttavia mentre le nostre vite sono cambiate in bene, Alicia è cambiata in male. Mentre sto facendo dei lavori in giardino, noto Alicia che mette un cartello di vendita di garage. Normalmente mi dice quando ne...

1K I più visti

Likes 0

La storia di Laura (per le donne)

La storia di Laura Il mio nome è Laura. Lavoro in questo studio legale da 6 mesi ormai. Sono un impiegato di base, rispondo al telefono e lavoro d'ufficio leggero. È un lavoro facile, dato che vado al college 2 sere a settimana. La mia migliore amica di lavoro è Lissette, è una donna portoricana sposata più anziana di circa 40 anni. È così divertente parlare con lei. È così selvaggia e adora parlare di sesso! Penso che lei pensi che io sia troppo innocente dato che vengo da una famiglia molto religiosa. A volte mi chiedo se abbia deciso di...

856 I più visti

Likes 0

Tim, l'adolescente parte XV

Nota: ——NON sono l'autore! Ci sono diversi autori in realtà, non sono così sicuro che qualcuno di loro sia il creatore, ma so che non sono io. Sto semplicemente condividendo questa bella storia con tutti voi perché non l'ho vista qui. Ora in origine dovevano essere tutte 9 parti, ma... Qualcuno ha detto che la prima era troppo lunga, quindi ho deciso di dividerle tutte in post più piccoli. Ho pensato di provare un aspetto e una struttura della frase diversi per questo capitolo, per favore fatemi sapere come vi piace. BUON APPETITO--- Tim, l'adolescente parte quindici di: Rass Senip +++...

2.6K I più visti

Likes 2

Il negozio d'angolo seconda parte

La prima parte è qui: sexstories.com/story/82788/ Controllò l'orologio, sarebbe arrivata presto. Era circa una settimana dopo, ero nel suo negozio, la mamma mi aveva mandato a prendere il cibo di cui avevamo bisogno per il fine settimana. Dopo aver chiamato tutto nella cassa e aver messo tutti gli oggetti in tre grandi sacchetti di plastica. Lui mi disse: Mi devi ancora un sacco di soldi, dovrai andare nella stanza sul retro oggi Scioccato, balbettai. No. Per favore, signor Hassan, non voglio farlo Mi afferra il braccio, dicendomi; Non hai altra scelta ragazza, pensi che tutto il cibo e i soldi siano...

2.4K I più visti

Likes 0

Confessione a papà_(2)

Ho qualcosa da dirti papà, ma non posso semplicemente dirlo, devo dirti altre cose con esso, ok? Ma ci arriverò, lo prometto. La casa era tranquilla. Eri al lavoro da diverse ore e io avevo già finito le mie faccende. La nostra camera era pulita, i piatti riposti, il bucato piegato... e mi annoiavo. Ero sdraiato sul divano pensando a te ed ero così eccitato che, anche se so che non mi è permesso, ho iniziato a toccarmi. Volevo il cazzo di papà ma non saresti a casa per ore! Ho iniziato lentamente, strofinandomi il clitoride con una mano e prendendomi...

3K I più visti

Likes 0

Jimmy, i suoi fratelli e sua madre

Storia di Fbailey numero 713 Jimmy, i suoi fratelli e sua madre Jimmy, Billy e Joey stavano parlando ad alta voce di Mandy e di sua sorella gemella Candy. Stavano parlando di come le due belle ragazze avessero permesso a Jimmy e ai suoi due fratelli di sentirsi a proprio agio. La cosa su cui erano più irremovibili era che erano troppo spaventati per fare di più alle due ragazze. Erano abbastanza sicure che le ragazze avrebbero permesso loro di andare oltre e che avevano perso l'occasione di scoparle con le dita. Fu allora che la loro madre entrò nella stanza...

1.7K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.