La Marina Medievale Parte Nove(1)

764Report
La Marina Medievale Parte Nove(1)

CAPITOLO XXXIX

La sera prima era stata dura per Marion perché era ansiosa di finire la battaglia. Potevano sentire le grida delle donne provenire dal campo nemico mentre venivano violentate ed era tutto ciò che Luke poteva fare per tenere sotto controllo Marion e Gabriel. Lo ha fatto incoraggiando Marion a rivolgere la sua rabbia e ansia per assicurarsi che l'esercito fosse pronto a partire. I tre sono andati in ogni unità e hanno visitato le truppe per un po'. Marion si assicurò che nessuno di loro avesse domande sul perché fossero lì per combattere. Ovviamente nessuno di loro l'ha fatto e, se l'ha fatto, le urla provenienti dal campo nemico gli hanno risposto. Si è anche assicurata che a nessuno mancasse l'attrezzatura.

Dopo quasi due ore di visita alle truppe, era ora che Marion provasse a dormire un po'. Quando Marion è tornata alla sua tenda, Luke l'ha spogliata. La sensazione delle mani potenti, ruvide ma gentili di Luke sulla sua pelle fece bagnare così tanto Marion che pensò di essersi fatta la pipì anche se l'odore che proveniva dalle sue gambe raccontava una storia diversa. Mentre Luke le accarezzava delicatamente la pelle, a Marion veniva la pelle d'oca e i suoi capezzoli erano completamente attenti. All'improvviso Marion non era così stanca come lo era stata solo pochi minuti prima e prima che potesse fermarli, le sue mani stavano strappando l'uniforme di Luke cercando di togliersela. Alla fine, Marion è riuscita a mettere le mani nell'uniforme di Luke dove è andata dritta al suo cazzo. Le sue azioni avevano chiarito che il suo corpo voleva essere fottuto duramente ed era disperato.

Luke sollevò Marion con il braccio sano facendola strillare come una scolaretta. Era passato tanto tempo dall'ultima volta che l'avevano fatto. Luke fece sdraiare Marion sulla sua branda mentre si toglieva l'uniforme e Marion fu felicissima di vedere che il cazzo di Luke era già completamente sull'attenti e pronto all'azione. Luke ha iniziato cercando di essere gentile con sua moglie, ma lei aveva altre idee perché ha capovolto Luke e si è messa a cavalcioni su di lui, impalandosi nel processo. Non appena fu sicura di essere davvero impalata, Marion iniziò a cavalcare Luke per tutto ciò che valeva. Gli unici suoni che le uscivano dalla bocca erano gli ohh e gli aww. Quando Luke l'ha raggiunta, ha iniziato a emettere nuovi suoni perché ha iniziato a guaire come un cane e ululare come un lupo. Le truppe all'esterno sorridevano da un orecchio all'altro mentre ascoltavano Marion e Luke. Quando Marion iniziò a ululare, la maggior parte delle truppe stava cercando di trattenere le risate sfrenate per non disturbare Marion; ma è stato molto difficile. La maggior parte di loro dovette allontanarsi dalla tenda di Marion per scoppiare a ridere.

Ancora e ancora Marion cavalcava Little Luke. Ogni volta che Luke la appoggiava un po' indietro, il suo cazzo le strofinava il punto G e lei veniva forte. Marion avrebbe quindi lottato per rimettersi in piedi prima che Luke la appoggiasse di nuovo. Questo è andato avanti ancora e ancora. Alla fine, Marion poté sentire Luke gonfiarsi dentro di lei.

"Oh tesoro, dammelo, RIEMPIMI CON IL TUO CUM CALDO!" Marion stava urlando mentre Luke si gonfiava ancora di più. Poi Luke è esploso. Sono usciti quasi cinque mesi di sperma e frustrazione. Luke pensava che non avrebbe mai smesso di venire e in realtà ha perso il conto di quante volte il suo cazzo ha spinto più sperma in profondità dentro sua moglie. Mentre Luke veniva, Marion fu sopraffatta da un enorme orgasmo tutto suo. L'unica cosa che l'aveva tenuta su Luke era la sua mano bloccata sul suo fianco. Stava urlando a squarciagola mentre si avvicinava e il suo corpo tremava così forte che pensava che potesse andare in pezzi. Mentre stava finendo, è svenuta. Luke poi la spostò delicatamente per sdraiarsi accanto a lui mentre si rannicchiava con lei.

Mentre si stava addormentando, un pensiero gli attraversò la mente e girò la testa in modo da poter vedere Gabriel. Era seduta su una sedia, vicino al lembo della tenda.

“Ti unirai a noi? Anche tu hai bisogno di dormire, lo sai.

«Con tutto il rispetto Luke, rimarrò qui stanotte perché dopotutto siamo sul campo e il nemico non è troppo lontano. Dormirò quando sarò morto e poiché non sono ancora morto; Io proteggo. Con ciò distolse lo sguardo segnalando che la conversazione era finita. Luke sorrise calorosamente a Gabriel perché le voleva molto bene. Poi si rannicchiò contro il corpo morbido di Marion e si addormentò velocemente.

Gabriel ha svegliato Luke e Marion due ore prima dell'alba. Non avevano bisogno di alcun incoraggiamento per alzarsi ed erano vestiti in meno di cinque minuti. Si sono presi un secondo per assicurarsi che le loro uniformi fossero in ordine prima di uscire dalla tenda. Fuori, la guardia al lembo della tenda si mise sull'attenti e mostrò le armi quando Luke e Marion uscirono. Marion salutò e ringraziò la guardia prima di fare il giro per svegliare le truppe. Nel giro di mezz'ora il campo era un alveare. Marion aveva proibito qualsiasi fuoco o altra fonte di luce che potesse tradirli. La colazione veniva consumata fredda e consisteva principalmente di verdure e carne essiccata. Luke aveva vietato il consumo di alcol fino a dopo la battaglia, quindi tutti bevevano latte o acqua a colazione. Nessuno era contento di questo, ma hanno seguito l'ordine alla lettera perché disobbedire avrebbe rischiato l'ira di Luke e dopo l'incidente alla polveriera, nessuno, nemmeno i maniaci suicidi, era disposto a rischiare. Ci è voluta quasi un'ora e mezza per mettere in formazione e posizionare l'esercito. Questa volta Marion sapeva che non c'era motivo per lei di fare discorsi. Solo ordini e quelli non erano niente di grave perché tutti i comandanti conoscevano i piani.

Lentamente il cielo iniziò a schiarirsi. Marion era seduta sul suo cavallo dove riusciva a malapena a vedere l'accampamento nemico ma non potevano vedere il suo esercito perché erano dietro una piccola collina. Sarebbe stata una buona giornata per una battaglia. Si preannunciava una giornata serena con un leggero vento da est. Ciò manterrebbe il fumo fuori dalle facce delle sue truppe e aiuterebbe a respingere le frecce contro il loro tiratore. Mentre stava guardando, vide il segnale della sua cavalleria che erano in posizione e pronti. Si guardò alle spalle e vide che il sole stava appena iniziando a spuntare sopra l'orizzonte orientale. Era giunto il momento di iniziare.

CAPITOLO XL

Nell'accampamento degli Uomini del Lago si preannunciava un'altra buona giornata. Il sole stava appena uscendo quando il nobile che stava pagando per questa spedizione uscì dalla sua tenda, aveva appena terminato un'altra piacevole notte con il suo harem. Erano giovani donne, ragazze proprio perché gli piacevano le sue femmine con pochi capelli sotto e tette non cadenti, che erano state prese dai villaggi che avevano attraversato. Non vedeva l'ora di fottere il cervello di Cecilia perché aveva sentito parlare della sua bellezza e della sua ricchezza per tutto il tragitto nel distretto del lago e la ricchezza di cui aveva un disperato bisogno perché era profondamente indebitato a causa delle cattive abitudini di spesa di suo padre. Mentre il nobile si guardava intorno, nel campo venivano appena accesi fuochi per cucinare e alcuni degli uomini stavano iniziando a muoversi. Finora non avevano visto forze nemiche durante la loro marcia e nessuno di loro se l'aspettava.

Proprio mentre il nobile stava ordinando la colazione, apparvero un solo batterista e un suonatore di piffero, sopra la cima di una collina vicina. Stavano suonando una melodia che il nobile non aveva mai sentito prima, ma che era piuttosto orecchiabile. La melodia era quella che Marion aveva ricevuto da Luke e si chiamava The British Grenadiers, ma quasi nessun altro lo sapeva. Prima che avesse il tempo di pensarci, apparve anche un portabandiera. La bandiera sventolava dolcemente nella brezza mattutina, ma il nobile poteva vedere i colori. Era una bandiera bianca con una croce rossa brillante nel mezzo. Il nobile aveva sentito dire che questa era la bandiera di Marion di York perché aveva sentito anche delle favole su di lei, ma le aveva scontate solo come favole. Ora le fiabe si stavano rapidamente trasformando in un incubo. Li aveva colti di sorpresa perché il nobile poteva sentire l'esercito che si muoveva su per la parte posteriore della collina con un ritmico rumore di barbabietole. Ha iniziato a gridare l'allarme ai suoi uomini, ma molti di loro erano molto assonnati e la maggior parte aveva i postumi di una sbornia. Lentamente le truppe nemiche apparvero sopra la cima della collina e sebbene fossero ancora lontane; il nobile non vedeva né picche né cavalieri. 'Sarà facile' pensò tra sé. Mentre preparava la sua armatura, osservò la comparsa di strani carri e gli uomini davanti a loro si spostarono di lato per lasciarli passare. I carri si spostarono in una posizione da cui potevano guardare dall'alto l'intero accampamento. Mentre si chiedeva cosa diavolo stesse succedendo, i carri furono sganciati dai loro cavalli e gli uomini iniziarono a fare qualcosa con le loro estremità che erano puntate proprio verso l'accampamento. I carri avevano solo due ruote che poteva vedere e sembrava che stessero trasportando un tronco d'albero.

A questo punto circa la metà degli uomini del nobile si era formata e ordinò un'immediata carica verso quei carri. Mentre gli uomini del nobile caricavano su per la leggera collina, gli uomini vicino ai carri si chinarono su un lato e si coprirono le orecchie. Quello che è successo dopo avrebbe posto fine ai sogni di ricchezza e figa calda del nobile.

Luke avrebbe potuto essere il massimo comandante dell'esercito sotto Marion, ma era anche il comandante dell'artiglieria, quindi è qui che si trovava. Le sue truppe avevano posizionato i fucili proprio dove li aveva voluti, aveva il fuoco diretto sull'accampamento nemico. Per questa battaglia, aveva posizionato i suoi cannoni quasi ruota contro ruota e poi aveva aspettato che il nemico chiudesse la distanza. Per questa battaglia, Luke fece caricare le pistole con colpi di bombola trasformando i cannoni in fucili giganti. Ognuna delle palline nella bomboletta aveva all'incirca le dimensioni di una grossa biglia. Quando le linee del fronte nemico furono a trecento metri di distanza, l'attesa era finita.

"FUOCO!" urlò Luke con una voce che sapeva avrebbe attraversato il campo di battaglia. Lungo la sua linea, i cannoni spararono all'unisono e dodici carichi di bombole si scagliarono contro il nemico.

"RICARICARE!" Luke urlò ma queste truppe stavano già ricaricando, dopotutto cos'altro avrebbero fatto su un campo di battaglia; schiacciando un pisolino? La carneficina inflitta alle truppe nemiche fu quasi istantanea e orrenda. Il nobile osservò mentre alcuni dei suoi uomini si disintegravano, mentre ad altri venivano strappate braccia, gambe o teste. Questo era qualcosa che il nobile non era abituato a vedere e aveva partecipato a molte battaglie. Tuttavia, erano così vicini, quindi ha chiesto una carica completa. Si sperava che riuscisse a superare quelle cose prima che lo facessero di nuovo e poi sarebbe stato il suo turno di macellare. Quando furono a soli cento metri, il nobile vide gli uomini sporgersi di nuovo di lato e apparire altro fumo. Questa volta era pronto e si è tuffato nella terra. Molti dei suoi uomini lo seguirono e quelli che erano stati lenti furono fatti a pezzi. Quando il nobile si rimise in piedi, fu scoraggiato nel vedere che la fanteria nemica era ora davanti a quei carri. Poi ha sentito le parole del comandante nemico.

Luke era stato in grado di sparare due raffiche dai suoi cannoni, prima che il nemico si fosse avvicinato troppo. Dopo la sua seconda raffica, ordinò che la fanteria, che era stata proprio dietro l'artiglieria in avanti e l'artiglieria fosse agganciata e tirata fuori strada. Luke poteva vedere che il nemico era stato gravemente dissanguato, ma chiunque fosse il comandante laggiù era intelligente perché era andato a finire nel fango appena prima che l'artiglieria sparasse la seconda volta, ma non preoccuparti. Questa fanteria si presentava in due file con le baionette già fisse. Quando furono in posizione, Luke urlò:

“FRONTE RANGO, INginocchiarsi! SCOPO! FUOCO!" La prima fila ha mandato il loro vantaggio al di sotto della gamma. "RICARICARE!"

Accanto a lui il comandante in capo della fanteria urlò:

“RETRO CLASSIFICA! SCOPO! FUOCO!" Il rango posteriore ha inviato la loro raffica verso il basso. "RICARICARE!"

Ancora una volta, hanno ripetuto questo. A questo punto il nemico stava iniziando a spezzarsi. Luca allora urlò:

"PER MARION E YORK... CARICA!" La fanteria lanciò un grido di guerra mentre avanzava rapidamente. Hanno colpito il nemico rimasto come una sega e li hanno attraversati come un coltello rovente attraverso il burro. Tutti quelli che correvano venivano abbattuti o colpiti alla schiena. Tutti quelli che hanno cercato di mantenere la loro posizione sono stati abbattuti o colpiti al fronte. In pochi minuti la fanteria raggiunse l'accampamento nemico. Là massacrarono qualsiasi nemico trovassero perché non avevano alcun interesse a fare prigionieri. Alcuni dei nemici si sono messi in rotta e hanno iniziato a correre lungo le strade, cercando solo di scappare. Lì trovarono la cavalleria ad aspettarli e furono fatti a pezzi. La cavalleria non aveva più interesse a fare prigionieri rispetto alla fanteria perché avevano sentito gli stupri che erano avvenuti la notte prima. In effetti, chiunque abbia anche solo tentato di arrendersi è stato comunque abbattuto. Tutti pensavano che a Luke non importasse molto delle truppe nemiche e avevano ragione; Luke non l'ha fatto e in effetti parte dell'uccisione di prigionieri è stata fatta da lui. La sua scusa era che pensava che stessero cercando armi nascoste.

Sono rimasti sbalorditi quando hanno iniziato a cercare attraverso l'accampamento nemico, erano stati estremamente duri con la donna che avevano preso. Luke ordinò che tutte le donne del campo fossero portate immediatamente dalla dottoressa Alice e che avessero la priorità sui nemici feriti. Luke ha quindi istituito delle guardie sul resto del campo. Una volta che tutto l'equipaggiamento catturato fosse stato inventariato, ognuno avrebbe avuto la sua parte. Luke ordinò quindi che i pochi prigionieri che erano stati effettivamente presi iniziassero a scavare fosse comuni per i morti. Questo era uno dei motivi per cui Luke era un comandante popolare. Ha cercato di ridurre al minimo i carichi di lavoro del suo soldato quando era possibile. I morti dovevano essere spogliati prima che venissero gettati nella tomba e tutto quell'equipaggiamento doveva essere aggiunto a quello che era stato preso con il campo. Ha quindi inviato gruppi di ricognizione per assicurarsi che non ci fossero altre truppe nemiche nell'area. Se ne trovavano, gli ordini erano semplici:

"Usa il buon senso". La cavalleria si allontanò in diverse direzioni alla ricerca di altre truppe nemiche. A guardare tutto questo c'erano Marion e la sua unità di guardie del corpo. Marion sentì che qualcuno si era avvicinato a lei e non fu sorpresa di vedere che era Gabriel che si era avvicinato a lei.

«È davvero un ottimo comandante, vero?» Per qualche ragione questa semplice domanda ha risolto una questione per Marion su cui aveva riflettuto per mesi. Sapeva di non essere un comandante per il campo di battaglia e si era sempre affidata a Luke. Ora era il momento di agire.

“Andiamo” disse allegramente Marion mentre spronava il suo cavallo a muoversi. Cavalcarono nel campo nemico dove Luke aveva a che fare con i prigionieri nemici e le donne del campo catturate. Mentre Marion si avvicinava, Luke richiamò l'attenzione e salutò Marion.

“Bene, generale MacDougall; quanto tempo ci vuole qui? Voglio che la maggior parte dell'esercito se ne vada e si diriga verso il Lake District. Questo raid deve essere punito. Inoltre, voglio il distretto dei laghi per conto mio.»

Era segretamente contenta di vedere l'espressione sbalordita sul volto di Luke, anche se non era mai stato ufficialmente a capo dell'esercito; ufficiosamente era così che funzionava. Luke si riprese rapidamente.

“Dovremmo aver bisogno del resto della giornata per finire qui. Domani mattina dovremmo essere in grado di metterci in cammino.

"Bene. Continua Generale. Marion ha detto mentre girava il suo cavallo per, voleva andare a controllare con Alice sulle condizioni delle donne del campo catturate. Mentre se ne andavano sia Marion che Gabriel sorrisero ampiamente.

"È bello vedere che hai ancora delle sorprese in te tesoro." Gabriele preso in giro

"Sì, ho trovato molto divertente poter sorprendere anche Luke."

"Allora, passerai questa notte con il generale?"

"Lo spero proprio come l'inferno." Marion ridacchiò e Gabriel sorrise.

«Domani, quando il generale partirà per il Lake District, riporteremo a York il resto degli uomini, ad eccezione degli uomini dei villaggi. Abbiamo ancora molto lavoro da fare lì”. Gabriel annuì in segno di assenso.

Il resto della giornata è stato impegnativo per tutti. I morti dovevano essere seppelliti, i feriti portati all'ospedale e Luke doveva preparare le sue truppe a marciare di nuovo. Il bottino doveva essere inventariato e diviso. Aveva sperato di tornare a York, ma doveva ammettere che gli ordini di Marion avevano un senso, ma ciò non significava che gli piacessero. Sebbene non gli piacessero gli ordini, li avrebbe eseguiti al meglio delle sue capacità perché credeva fermamente che i militari dovessero obbedire ai loro comandanti civili e Marion di York era sua. Era questa convinzione che ha lavorato instancabilmente per infondere nel nuovo esercito. Insieme al discepolo, al dovere, all'onore, al coraggio.

Mentre la giornata volgeva al termine, Luke disse alle sue truppe di ritirarsi presto. Stava dando loro qualche ora per rilassarsi un po' prima che dovessero ripartire. Sebbene le sue truppe stessero riposando, non lo era perché aveva ancora ore di lavoro davanti a sé. Infatti, a meno che non ricevesse un aiuto, non sarebbe nemmeno in grado di prendersi cura di sua moglie. Luke stava lavorando furiosamente perché voleva disperatamente tornare da sua moglie perché non sapeva quanto tempo sarebbe rimasto via per questa missione. Per prima cosa ha esaminato e inventariato tutti i rifornimenti dell'esercito. Ci è voluta circa un'ora. Quindi ha dovuto compilare le richieste in modo da poter acquistare rifornimenti a livello locale o farseli portare da York. Fatto ciò andò a controllare le armi del soldato per assicurarsi che nessuno avesse bisogno di riparazioni. C'era sempre almeno qualcuno che rompeva qualcosa durante il combattimento. Fatto ciò si assicurò che tutti avessero un posto dove dormire per la sera e che fossero poste delle sentinelle per la notte. Luke usava sempre più anelli di sentinelle che avevano campi visivi sovrapposti. Alla fine, Luke riuscì a rilassarsi un po' e, a dire il vero, era esausto sia mentalmente che fisicamente. Alla fine riuscì a trascinare il suo triste culo nella tenda di Marion dove scoprì che si era già addormentata con Gabriel tra le braccia. Luke sorrise alle donne e si spogliò parzialmente e scoprì che la sua sedia preferita crollò e cadde nel suo sonno di guardia, il che significava che si sarebbe svegliato ogni quindici minuti circa e avrebbe controllato l'ambiente circostante prima di tornare a dormire. Questo è stato un residuo dei suoi giorni nel corpo.

CAPITOLO XLI

Luke si alzò presto, si vestì e uscì dalla tenda prima ancora che le signore si svegliassero. La sua prima fermata è stata controllare con le sentinelle e ha saputo che tutto era tranquillo. La sua tappa successiva fu l'ospedale. Se avesse intenzione di partecipare a questa campagna, avrebbe avuto bisogno di supporto medico. Fu sorpreso di scoprire che Alice era ancora in servizio. Dopo aver discusso le cose con lei, ha accettato di inviare due dei suoi medici e le necessarie infermiere e personale di supporto con Luke. Fatto ciò tornò alla tenda di Marion dove riaccese il fuoco e iniziò la colazione. Ieri era riuscito a procurarsi delle uova da uno dei locali, quindi è quello che ha preparato per colazione insieme a della salsiccia. Ha ammesso che gli mancavano il pepe nero e l'aglio che metteva sulle uova. Almeno aveva un po' di sale. Mentre stava finendo di cucinare; le signore uscirono barcollando dalla tenda appena vestite. Luke mise la colazione della signora nei loro piatti e diede a entrambi un bicchiere di latte fresco mentre lui prendeva dell'acqua per sé.

Dopo colazione Marion e Gabriel tornarono nella tenda per finire di vestirsi mentre Luke si occupava che le sue truppe si preparassero a partire. Luke impiegò solo un'ora per preparare tutto. Una delle cose che ha fatto è stato assicurarsi di salutare sua moglie in privato. Sono stati in grado di abbracciarsi e baciarsi solo un po' sotto il limite di tempo, ma è stato sufficiente. La prossima volta che si sarebbero visti non sarebbe stato come marito e moglie, ma come comandante e subordinato.

Luke ha riunito l'esercito e prima che se ne andassero Marion ha ispezionato le sue truppe. Le truppe si muovevano tutte all'unisono, quasi fossero una sola persona. In agguato nella sua mente c'era il pensiero che solo un anno fa questo tipo di precisione era inaudito in una moderna unità militare e nessuno aveva mai sognato armi come queste. Ora era al comando dell'esercito più letale del mondo. Dopo che Luke se ne andò con le sue truppe, Marion non si concesse il tempo di dispiacersi per se stessa perché doveva tornare a York. Tutte le pattuglie di cavalleria erano tornate e non avevano segnalato altre truppe nemiche nella zona. Marion partì verso mezzogiorno con i restanti quattrocento uomini del suo esercito. La cosa principale che stavano facendo era scortare l'unità medica di Alice e Marion a York. Si è assicurata di distaccare le unità nei villaggi lungo il percorso per proteggere le linee di rifornimento di Luke.

Marion ha impiegato quattro giorni per tornare a York perché i feriti li hanno davvero rallentati. In un certo senso questa è stata una benedizione perché Marion poteva occuparsi di alcuni affari che aveva bisogno di fare comunque. Ha chiesto a Pollyanna di finire il suo lavoro di rilevamento e di iniziare a lavorare per tracciare una nuova strada. Questa strada sarebbe stata una delle migliori costruite in Gran Bretagna dai tempi dei romani. La strada partiva da York e alla fine raggiungeva il Lake District. Marion era impegnata anche con altre cose. La sua autorità era ancora traballante in questa zona ei nobili locali non erano molto contenti di una donna al comando. Uno dei castelli locali, Marion ha dovuto prendere sotto assedio. Con l'artiglieria altamente avanzata a sua disposizione, ci vollero solo un paio d'ore ma era comunque fastidioso ei nobili che le resistettero furono privati ​​di tutte le loro terre e possedimenti. La terra fu poi venduta ai contadini che l'avevano formalmente lavorata. I soldi della vendita dei terreni sono andati direttamente nelle casse di Marion. Il problema era che molti dei contadini non avevano i soldi, quindi Marion avrebbe concesso loro prestiti pagabili in un determinato numero di anni. I possedimenti del nobile sarebbero stati divisi tra l'esercito e tutti avrebbero ricevuto una quota. Inutile dire che dopo che la prima coppia di nobili resistette e fu trattata così rapidamente che la resistenza si spense.

Tornando a York, Marion fece sfilare le truppe attraverso la città affinché tutti potessero vederle. Le bandiere di Marion furono scoperte e l'esercito marciò al suono della Rule Britannia. La gente impazziva al passaggio dei soldati. All'inizio erano nervosi perché la maggior parte dell'esercito non era lì, ma Marion fece sapere che la maggior parte dell'esercito stava andando a punire i nobili del Lake District per il loro attacco non provocato contro di loro. Dopo la sfilata e poi la festa, è arrivato il momento di rimettersi al lavoro. Marion voleva che il sistema igienico-sanitario della città migliorasse drasticamente perché ora aveva abbastanza soldi per pagarlo. Quello era il primo compito di Pollyanna; redigere progetti per il sistema fognario. Pollyanna doveva stare attenta perché la sua gravidanza era molto più dura per lei di quella di Marion. Stava male quasi tutte le mattine e alcuni giorni aveva difficoltà ad alzarsi dal letto. Marion si assicurava sempre di fermarsi a controllarla ogni giorno. Matt, tuttavia, stava facendo un ottimo lavoro nel prendersi cura di lei, quindi Marion non era troppo preoccupata. Alice ha avvertito che Pollyanna avrebbe potuto avere un taglio cesareo quando sarebbe arrivato il momento in cui Pollyanna aveva i fianchi stretti. Marion ha messo Pollyanna in servizio limitato. Lavorava solo quando si sentiva all'altezza. Fortunatamente, il sistema fognario non era troppo complicato, quindi Pollyanna è riuscita a redigere i piani abbastanza bene da consentire agli operai di iniziare a lavorare.

Tornando a York, Marion aveva altri problemi per le mani perché erano circolate voci secondo cui lei e Gabriel erano amanti. I predicatori che Marion aveva fatto incazzare scuotendo la barca e proteggendo apertamente gli ebrei si sono infuriati e hanno rapidamente iniziato a fomentare le cose. Ci sono volute un paio di settimane, ma presto ogni battitore della Bibbia era alla porta di Marion, chiedendo che lei e Gabriel fossero processati per omosessualità ed eresia. Gabriel era molto più spaventato di quanto non fosse mai stata prima perché non voleva vedere Marion ferita.

«Marion, penso che possiamo portarti fuori di nascosto questa sera. Una volta fuori città puoi salire e unirti a Luke!

"Partire! Sei arrabbiato? Se me ne vado allora le forze che abbiamo combattuto avranno vinto e Stella e Tom e Robin sarebbero morti invano. NO! Non me ne andrò! Combatteremo contro questo e vinceremo! Ora vieni con me tesoro.

Marion prese Gabriel per mano e la condusse su un balcone che si affacciava sulla folla. Marion si è assicurata che i suoi gioielli fossero in bella mostra, specialmente l'anello che Luke le aveva fatto. Quando uscirono sul balcone; non ci volle molto perché le persone li notassero. Marion fu lieta di vedere che i suoi soldati le rimanevano fedeli. Sapevano tutti quanto fosse devota a Luke e nessuno di loro si sarebbe mai sognato di fare qualcosa per farlo incazzare. Hanno pensato che questo fosse tra Luke, Marion, Gabriel e Dio e non ci sarebbero entrati. La folla però era stata incitata dai predicatori fondamentalisti e andavano a caccia di sangue.

Marion si aggrappò alla ringhiera e guardò la folla. Poteva sentire che Gabriel stava cercando di non farsi vedere, ma Marion tirò anche lei fino alla ringhiera. Una volta lì, Marion mise una mano su quella di Gabriel e gliela strinse leggermente. Quello che Gabriel non sapeva era che Marion aveva segretamente inviato un messaggio a Luke, ordinandogli di tornare a tutta velocità perché circolavano voci su di lei e Gabriel e Marion sapevano che le cose sarebbero andate male. Sapeva anche che Cecilia l'avrebbe usato contro di lei perché Cecilia era diventata ancora più amareggiata col passare del tempo.

L'umore della folla era ostile mentre Gabriel e Marion erano lì. Presto Gabriel estrasse una delle sue pistole e sparò in aria per mettere a tacere la folla. Dopo che la folla si è calmata un po', Marion ha cominciato a parlare:

“Amici, cittadini” ha urlato “Perché ti preoccupi di quello che faccio nella mia camera da letto? Perché ti preoccupi di chi scelgo l'amore? Non hai abbastanza di cui preoccuparti senza preoccuparti di chi condivido il MIO letto?"

“Peccatore, puttana omosessuale! Amante ebreo!» esclamò uno dei pastori “Farai scendere l'ira di Dio sulle nostre teste a causa delle tue vie malvagie! Chiediamo che Gabriel sia bruciato sul rogo perché deve essere una specie di strega. Dopo tutto, chi altro creerebbe armi così diaboliche.

La folla ruggì la loro approvazione e Gabriel impallidì e iniziò a piangere sommessamente. Marion però rimase calma. Uno che non le importava di questo ipocrita. Due era che aveva un altro segreto. Marion sorrise a un pensiero. Si voltò verso Gabriel e mise una mano sull'assegno di Gabriel e girò il viso in modo che fossero faccia a faccia. Il pianto di Gabriel è stato quasi sufficiente per uccidere Marion perché l'amava così tanto. Marion si è assicurata che la sua mano sinistra fosse verso la folla in modo che potessero vedere la sua fede nuziale brillare nella luce pomeridiana mentre avvicinava le labbra di Gabriel alle sue e la baciava appassionatamente. Questo ha davvero fatto arrabbiare la folla e hanno iniziato a battere le porte del castello perché volevano che queste lesbiche se ne andassero.

La folla irruppe attraverso le porte e nel giro di mezz'ora aveva trascinato Marion e Gabriel fuori dal castello e aveva liberato Cecilia e i suoi uomini ancora fedeli, anche se non ce n'erano molti. Le truppe di Marion che aveva nel castello erano state sopraffatte perché erano drasticamente in inferiorità numerica. L'unità medica di Alice è stata messa in catene e Pollyanna e Matt sono stati arrestati. La maggior parte delle truppe di Marion erano in campagna a mantenere l'ordine. I pastori fecero erigere due pali nella piazza del paese e ammucchiare cespugli intorno a loro. Stavano per bruciare questi omosessuali sul rogo e speravano che Dio non li punisse per i peccati di queste donne sciocche. Cecilia li sosteneva pienamente e li incoraggiava. Mentre la stessa Cecilia si preparava ad accendere il fuoco della pila di Marion; Gabriel gridò a Marion con le lacrime che le rigavano il viso:

"Ti amo, Marion e lo farò sempre!!"

"ABBASTANZA!" Una nuova voce tuonò. Sembrava che le case tremassero e le campane della città suonassero con la parola.

CAPITOLO XLII

L'esercito di Luke si stava muovendo rapidamente attraverso la campagna. Chiunque abbia resistito è stato rapidamente affrontato perché Luke non era dell'umore giusto per scherzare con ogni piccolo nobile sul suo cammino. I villaggi furono messi in sicurezza e i ponti costruiti in modo che i rifornimenti di Luke potessero continuare ad arrivare. Mentre l'esercito si muoveva, Luke aveva gettato le basi per la strada che Marion aveva voluto costruire. Mentre Luke distaccava truppe per proteggere i villaggi, stava anche reclutando attivamente e stava reclutando più di quanto distaccasse. Tutte le reclute sono state sottoposte al suo programma di addestramento perché l'unica cosa che non aveva intenzione di fare era rischiare di espandere il suo esercito a scapito della qualità. All'inizio molte di queste nuove reclute si ribellarono contro il discepolo di Luke, ma i sergenti di Luke misero rapidamente fine a tutto ciò. Se necessario, avrebbero battuto il discepolo nelle nuove reclute poiché questi sergenti erano veri sostenitori del processo di addestramento di Luke. Dopo tutto quello che avevano visto in prima persona, i risultati.

Continuava a marciare l'esercito. Si muovevano come il vento. Quando sarebbero entrati in un'area per la prima volta, tutti, dai nobili ai servi, sarebbero stati nervosi perché gli eserciti erano feroci ed erano poco più che folle indisciplinate. L'esercito di Luke era diverso sotto ogni aspetto. Hanno pagato per il cibo e le bevande. Le città che si arrendevano non venivano saccheggiate e invece di solito vedevano un massiccio aumento degli affari per tutti, dai tavernieri alle prostitute ai formalmente disoccupati che venivano assunti in massa per lavorare a vari progetti. I nobili erano sempre incazzati, anche se una delle cose che succedeva sempre era che tutti i servi venivano liberati. L'esercito di Luca non avrebbe tollerato la servitù della gleba e in effetti molti di loro erano stati in precedenza servi della gleba. Sembrava che ogni settimana un altro nobile si ribellasse e sarebbero stati affrontati rapidamente e brutalmente. Sarebbero stati uccisi e la loro ex terra sarebbe stata sequestrata e venduta agli ex servi che volevano avere la possibilità di possedere la propria terra.

Dopo una settimana e mezza Luke ricevette un messaggio urgente da Marion. Sembrava che in qualche modo si fosse sparsa la voce di lei e di Gabriel e che i pastori stessero aizzando la gente contro di lei. Ordinò a Luke di tornare a York immediatamente e in tutta fretta. Ora Luke aveva un problema serio perché era a quasi una settimana di marcia da York se avesse preso l'intero esercito. Pertanto, decise di portare con sé solo la sua unità di cavalleria più fidata. Ha lasciato l'ordine al suo secondo in comando di continuare il suo viaggio verso il Lake District. Luke non era preoccupato per lei perché era brava e stava arrivando al punto in cui avere il pieno comando le avrebbe fatto bene. Le aveva spiegato la situazione e lei aveva capito perché sapeva anche di Marion e Gabriel. In effetti, la maggior parte dell'esercito li conosceva o almeno sospettava.

Luke stava tornando a York entro un'ora dal ricevimento del messaggio. Cavalcava rapidamente e non si fermava finché non c'era più luce con cui vedere. Se qualcuno avesse avuto delle lamentele, non le avrebbe pronunciate per una che Luke non avrebbe comunque ascoltato e per le due che condivideva le loro difficoltà. Tre era che tutti potessero vedere quanto fosse preoccupato.

I duecento soldati di cavalleria che Luke aveva con sé erano i migliori dell'esercito e percorrevano quasi ottanta chilometri al giorno e con le notizie che arrivavano da York, Luke in qualche modo sapeva che sarebbero ancora in ritardo. Silently he swore to himself that if Marion was murdered that he would level York and kill all the inhabitants.

When Luke got the gates of York, he knew that it was going to be close for most of the gates were unguarded and locked. Finally, he found one that was still manned and they quickly let him in and explained to them all what was going on. Looking at the faces of his troops, Luke could see the anger for Marion had been extremely kind toward them and their families. Plus, they all knew just how much their commander loved her and they were going to punish those who threatened Marion. Luke ordered the gates locked for he didn’t want any of these bastards to escape. Then he ordered the guards to join him. The guards got on some of the horses with the smaller cavalry personal and they were off. They raced down the city streets and soon enough were at the square where Marion and Gabriel were tied to stakes. They were about to be burned. They all heard Gabriel cry out to Marion and any thoughts of mercy for the people in the square vanished.

Luke brought his horse to front and center before his troops and bellowed out:

“ENOUGH!” The sound of his voice stopped everyone in their tracks and everyone turned toward him. His voice seemed to go on forever and the bells in the churches of the town seemed to ring with the word. Cecilia had hardened even further in the last year since Luke had rescued them from the ambush that was supposed to kill Marion.

“There’s the bastard that led so many into sin! KILL HIM for HE is the devil himself and the Lord will protect you!”

With this the crowd started toward Luke. He had other ideas in mind though. He took his rifle, drew up and shot the torch right out of Cecilia’s hand. He then drew his saber and his troops drew theirs.

“FOR MARION AND GABRIEL…CHARGE!!!”

With that Luke’s cavalry charges into the oncoming mob. What followed was carnage. Luke’s troopers hacked and slashed in every direction. To people who were watching from the buildings it was almost like watching a piece of art in motion. The gold and silver of the sabers reflecting in the evening sunlight; the drops of blood looked like rubies flying in every direction. Luke was the most ferocious of the lot. He charged forward with no care but to get to and save Marion. He slashed left and right; he even used his horse to trample men and woman alike. Afterwards, his troops would swear that the Norse god of war, Oden, was riding on Luke’s shoulders and helped clear the way. As soon as Luke reached Marion, Cecilia took off with her loyal men. Luke stopped just long enough to cut Marion loose before he took off after Cecilia. He quickly cut down her men. He then jumped off his horse and landing on Cecilia, drove her into the ground for he had better ideas on what to do with her. As soon as Luke had cut Marion loose, she ran over and untied Gabriel. They then collapsed and started crying for they had come within a whisker of being burned at the stake and Luke had rescued them in the most dramatic fashion imaginable. By the time they had stopped crying, it was all over. Around the square, hundreds lay dead or dying. Luke had captured Cecilia alive and some of his other troopers had captured the priest who had been stirring the people up. Marion ordered that they all be put in irons and thrown into the dungeon; she would deal with them tomorrow. She ordered the release of anyone who had been arrested by Cecilia. When she seen the way in which they had handled Alice and Pollyanna, Marion almost went and strangled Cecilia herself for both women had been beaten badly. Then Marion learned that some of her men and woman that had been in the hospital had been killed in their beds and that some of the nurses had been raped and the strangled. This was too much for even Marion and she broke down in tears for she felt that this had been all her fault. As bad as Marion felt, Gabriel felt worse. After all, if she had just refused Marion’s love then none of this would have happened. Gabriel then made her mind up that she was going to commit suicide that night. As she was leaving, she felt a large hand on her arm. She stopped and found herself looking into Luke’s bright blue eyes. Whatever else she felt, she owed this man everything.

“Take care of her Luke; she has earned it and she is going places.” Luke seemed to know what was going through her mind just by the look in his eyes.

“Yes, she is. She will go far in life with you at her side.” Gabriel started crying again.

“I can’t protect her through! You see what happened today? If it wasn’t for me none of this would have happened”

“Now Gabriel, do tell me just how you know that? You have a crystal ball of something that will allow you to see into an alternate dimension or something?” When she didn’t answer Luke continued: “That’s right honey, you don’t know. With everything that Marion has been doing, she is bound to stir up the thickheaded idiots who don’t want to lose their power and they will do anything to keep it. Additionally, if the blame for this could be put at anyone’s feet it would be mine. Afterall I saved Marion from William’s ambush, I introduced you to Marion, I encouraged you to be yourself, and I built the weapons that allowed Marion to take power so fast.”

When he finished, Gabriel was silent. Everything Luke had said was true and she knew it. She also knew that her lot would have been far worse under Richard then with Marion. Gabriel lowered her head and she felt Luke’s hand on her chin lifting it back up.

“Never bow your head again Gabriel!” growled Luke “Keep your head up. Be proud of who you are. You are your own person and the choices that you make are your own. Always remember that if there are people in this world that hate you because of who you are; they are also people who love you and will gladly kill or be killed to protect you.”

Gabriel lifted her head slowly. Fresh tears were streaming down her face; only now they were tears of joy. Never again would she question herself; never again would she question her own loyalty to Marion or Luke; never again she swore that she would ever be tempted to take her own life again. She jumped up into Luke’s arms and kissed him fiercely. By now Marion had walked over seeing Gabriel crying and she was concerned. Then Marion watched as Gabriel jumped up into Luke’s arms and she smiled; all was good. She went to stand next to Luke. When Gabriel seen her, she let go of Luke and squealed Marion’s name as she jumped up and wrapped her legs around Marion’s waist and knocked her to the floor but neither of them cared. They were kissing even more fiercely than Gabriel had kissed Luke while Luke looked down on them and smiled warmly. He truly loved both Marion and Gabriel. He also decided that if Gabriel wanted to have a child that Luke would be happy to act as her sperm donor.

After ensuring that her troops were indeed back in control, Marion headed off for bed with Luke and Gabriel in tow. She was mentally and physically exhausted and knew that Gabriel and Luke were as well. When they got back to Marion’s rooms, the ladies started to disrobe but the look on Luke’s face stopped them.

“You can finish stripping for bed in a minute, ladies, but first I have something that I want to say to Gabriel. Gabriel, thank you so much for protecting Marion when I’m not around for you have no idea just how much your actions mean to me. I know that Marion told you that I am a one-woman man but for you I will gladly make an exception. This is something that I should have done a long time ago but I was blinded by my past life and habits. I know that I have no right to ask but can you please accept my apologies for ignoring you for so long.”

Gabriel smiled as she again jumped up into Luke’s arms. This time through she wrapped her legs around Luke’s body and her tongue was wrestling for room in his mouth. This time it was Marion who warmly smiled for she had been wanting Luke to accept Gabriel as a lover for a long time but she knew better than to push Luke. She also knew that nothing would happen tonight for everyone was exhausted. She and Gabriel had just escaped being executed and Luke had been riding hard since well before sunrise. Sure, enough Gabriel started showing signs of exhaustion and Luke had been showing his for a while so as soon as all three were naked; they climbing into bed with Gabriel this time occupying the middle spot with Luke’s arms around her. No sooner they get the blanket over them, then they fall asleep.

CHAPTER XLIII

The next morning came way too early of any of the trio. They were still snoring away when one of the guards knocked on the door.

“This had better be fucking important!” yelled out Marion who immediately regrated yelling for her head was killing her. The guard was an old hand and was used to Marion’s temper and knew that if something important came up then her temper would go away.

“It is ma’am.” Called out the guard.

“Come in.” said Marion. She knew that the only way the guards would disturb her was if something was important. Marion sat up as the guard came through the door, giving him an excellent view of her breast. The guard was straining not to show any emotion but when Gabriel sat up and stretched, the guard’s disciple nearly broke down.

“Oh hi. Che cosa succede?" was Gabriel’s response to the guard as she got up. The guard was almost whimpering as Gabriel’s powerful and tone ass came into view. When she turned around and revealed her silken smooth pussy, the guard cam in his pants. By this time, Luke was stirring to. He seen Gabriel starting to dress for the day and then he seen the guard’s face and had to bite his tongue to keep from laughing for the guard looked like a young man seeing his first real naked woman. When the guard looked at Luke, Luke thought that the poor guy was going to have a heart attack so Luke just smiled warmly at the man. The guard began to calm down a bit, but it obvious that all he wanted to do was to get out of there and find somewhere private.

“Tell them that we will be right down.” Said Marion as she was climbing out of bed, giving the poor guard another eye full. Luke was beginning to wonder if the guy was going to even make it out of the room. Of course, he knew exactly what the guard was going through for he had felt much the same way the first time he had seen Marion naked, of course though she was much more tone now then she was before. As soon as the man was out the door, Luke couldn’t hold it anymore and fell out of bed; he was laughing so hard. The woman thought that he had gone nuts, Luke was laughing so hard. Eventually he was able to calm down.

“What’s so funny?” asked Gabriel with genuine curiosity.

“You didn’t notice the look on the guards face?” asked Luke

“No why?”

“Because that poor man just cam in his pants when you stood up and when he remembered that I was in the room, he almost dropped dead on the floor.”

“Oh. Sei sicuro?" asked Gabriel. Luke just gave the duh look.

“Right. I guess I have a way to go toward reading men, don’t I?”

“Not as much as you might think sweetheart but then again being a man myself and having gone through all the emotions that guy just went through, I do have a bit of an advantage. At least I didn’t have to go through them all at once through like he just did.”

“Ya. Hey Marion, what was the message anyway?”

“Seems like one of the priests that was stirring up trouble yesterday wants to confess something to me. Not sure what he’s thinking because he is going to be executed.”

“Guess there’s only one way to find out.” Was Gabriel’s response.

“Yep”

With that the three of them got dressed and went down to the dungeons. The prison guard snapped to attention when Marion came to the bottom of the steps and opened the door for the trio. Luke stayed at the door with the guard while stepping inside Marion called out:

“We’ll call you when we are done.”

“Yes ma’am” replied the guard.

Marion walked over to the priest’s cell and asked:

“Well, who wanted to talk to me?”

“I did” answered the main priest in yesterday’s riot. “You two actually think that your sinful ways will go unpunished well think again. God will smite you and you will rot in eternal hell!”

“Marion, I didn’t leave a wake-up call from the nuthouse!” whined Gabriel

“Don’t worry for I know that I didn’t and I doubt that Luke did either.”

“Why didn’t the bastard come down here? He too scared to face me?” asked someone from the corner cell.

“Don’t worry about my husband Cecilia for he had more important things to do then listen to the rantings of a bunch of lunatics. Oh, and don’t worry about your execution either for I have something very special in mind for you.”

“You wouldn’t dare execute a man of God!” hissed one of the priests.

“Man of God?” questioned Gabriel “The only thing that I’m seeing is men of Satan for a true man of God would show God’s love to all people and not just the ones who kiss their fat lazy asses.”

With that Gabriel planted a kiss on Marion’s lips.

“Ready to go honey?”

“Yep” with that Marion and Gabriel walked up to the door and told the guard that they were ready. Nobody opened the door for them.

“Guard?” called out Marion.

“See told you bitch. You will be the one rotting in Hell” called out the priest as they opened their cell door and showed the ladies the knife in his hands. The rest of the prisoners came out of their cells with an assortment of knives and swords. Gabriel stepped in front of Marion and pulled her revolvers and started shooting. She dropped ten of the bastards but more were coming at them. Together, Marion and Gabriel drew their swords and were immediately glad they had done so for within seconds Marion had killed two and received a flesh wound while Gabriel had killed three more and had lost a finger.

The women were hemmed in for there was just too many bastards. Suddenly a new sound filled the small room. It was a sharp report that Marion and Gabriel recognized as Luke’s Sig. Twelve times he shot and twelve bastards fell. When he had shot his pistol dry, Luke kicked the door open and flew into the room with all the berserker lust of his Scottish forefathers. He had his sword drawn before he was through the door and he waded into the prisoners slashing left and right. To Marion and Gabriel watching, it seemed like an ancient war demon had been awoken and had stepped into the room. Luke’s sword was larger and he was more powerful than anyone else in the room and he was proving that. Several times an opponent would get their sword up to block one of Luke’s strikes only to find their sword shattered by one of Luke’s mightily swings. Eventually Luke had killed the last of the escaped prisoners. Marion was horrified for Luke was covered with blood but she was relieved when she learned that none of it was his. She jumped into his arms and held on for dear life. Once again Luke had stepped in and saved her life. Marion looked over and seen Cecilia scowling in her cell. Marion then turned to Luke and get him a deep kiss as she reached down and grabbed his cock. Before Luke could even react, Marion had his pants down and was on her knees sucking his cock to full attention. Luke might have been full of adrenaline from the fight but very quickly all the blood was rushing from his big head to his smaller one. The skill in which Marion was able to suck him was unparalleled and he had more than a few lovers over his years. Within thirty seconds his cock was as hard as his sword. In a flash Marion was on her feet and she dropped her pants and leaned over to put her hands on one of the cell doors. The cell belonged to Cecilia. Marion shook her ass at Luke as she looked over her shoulder:

“Well big guy?” Luke came up behind her.

“One thing love.” As Marion stood up, Luke whipped her shirt off of her. Now Cecilia was not only going to have to listen to Luke and Marion but now she was going to have to watch Marion’s breast swing back and forth as Luke pounded her from behind. Marion bent back over and Luke entered her in one thrust. This was easy for him to do because Marion’s pussy was running like a flooded river. As soon as Luke bottomed out, Marion was singing and with each thrust she got louder. As Luke pounded her, Marion made sure that Cecilia was watching her. An added bonus was that the few priest that had got back in their cell before Luke had got to them could see Marion as well. Again, and again, Luke shoved his cock into Marion as far as it would go. Neither of them was aware that a crowd had formed at the door watching and placing bets on who was going to cum first. The crowd was there because they heard Luke shooting while the betting was Gabriel’s idea. She had bet the Marion would not only cum before Luke but that she would cum twice. Others bet that Luke would cum first. If the two cam together then no money would change hands.

“Oh, ya Luke right there! Fucking give it to me!” yelled Marion “That’s right Cecilia, you like watching your slutty little sister get her brains fucked out don’t you. I bet you wish that Luke had his giant cock in your cunt don’t you! Well too bad for this is as close as you’re going to get to it. OH, FUCK ME HARDER DARLINGGG!!” Marion looked over at the priest “Ya you like watching a hot girl get screwed, don’t you? Don’t lie either for I can see your tiny little hard-ons! God no wonder you became priest; no woman or even teen for that matter could feel those tiny things in them!”

Marion then stood up straight but her feet couldn’t touch the ground for Luke was too tall. Luke then leaned her back into his own body and grabbed her breast with his hands and began to bounce her up and down. Marion began shouting at the top of her lungs for Luke to fuck her cunt even harder so Luke began to pull her down onto his cock. This pretty much sent his cock into Marion’s cervix so hard that he pushed his way through and now both of them were screaming. Soon they erupted together. The swelling of Luke’s cock had set Marion off and her convulsing muscles had set Luke off. Luke felt like all his life force was exiting the end of his cock and flooding into Marion; while she felt like she had a torch inside her cunt so hot and powerful was Luke’s cum. She also felt like she had a river flowing out of her which wasn’t far off actually for both her and Luke’s cum was flowing out of her. Suddenly Marion became aware of cheering behind her. She twisted around and seen Gabriel and a number of her troops cheering and Marion began to blush fiercely. As she was already twisted that way anyway, she gave Luke a deep passionate kiss.

Marion got off of Luke’s cock, making sure to make a production out of it for Cecilia. After Marion was back on the floor, she opened her legs to show off her red swollen pussy lips that still had Luke’s cum flowing out of her. Marion also made sure that the priest got an eye full as well. After Marion was done teasing everyone, she picked her clothes up off the floor and made another production of it by shaking her ass at everyone. Finally, Marion put her clothes on and walked over to the crowd;

“So how did we do?”

The crowd looked at each other and all cheered. Marion then took the money that Gabriel had bet on her and Luke’s sex show; smiling while she did so.

“Hey Luke question for you. What happened to the guard at the door?”

“Oh him? Ya… he tried to jump me when those bastards came out of their cells so I had to dispose of him. You’ll find him around the corner with a broken neck. Apparently, your bitchy sister promised him anything he wanted as long as he unlocked the cells, provided them with arms, and lured you down here.”

“Ah, well after later today that won’t be a problem.” Marion left with Luke, Gabriel, and most of the troops. She left a couple of loyal troops behind to guard the prisoners for the rest of their miserable lives. They went to the main hall where court was held. Marion spent the next couple of hours taking care of different bits of business. Finally, it was time to take care of the business that made her sick to think about it.

She called for the prisoners to be brought up. Everyone in the room watched as the prisoners were brought in. After all the shit that had went on down in the dungeon, there was only five prisoners left, four priest and Cecilia. Marion didn’t waste any time betting around the bush.

“You five are guilty of disturbing the peace, rioting against the authorities, murder, attempted murder, and attempting to rebel. For this I am left with no choice but to order your execution”

In the room a little gasp went up. It was unheard of to execute a priest, never mind four of them. What Marion said next really shocked them.

“The four of you priest will be hung by the neck until dead. Cecilia” Marion said turning to her sister “I might have been able to overlook you trying to murder me several time. I might have even been able to overlook you trying to murder my husband Luke or my lover Gabriel, but what is inexcusable is you forces woman and girls into the sex trade because the families couldn’t pay your sky-high taxes or the beatings of Pollyanna and Alice. You setting up the ambush that murdered father and attempted to have me raped and murdered, because you are a greedy two-faced bitch who can only think of herself. Because of that hanging is too good for you. I think the best way to execute you is to kill you with my bare hands.”

Marion did give everyone a chance for last words. None of them had anything to say so she ordered the priest to be taken out to the same square that they were going to burn her and Gabriel in. There they were to be hung in front of the whole town. Marion and her court followed the condemned out to the square. At the square, a city Harold made the judgement against the priest and Cecilia known to the whole city. Marion then had the gallows built and the rope for the hanging obtained. All four of the priests were forced onto the platform where the rope was put around their neck and the platform was pulled out from under them. Marion had forced Cecilia to watch the whole thing.

“You know sis? Before you tried to have me killed during the riot, I was just going to give you a decent amount of money and banish you to somewhere else in Europe. Now you have left me no choice but to kill you.”

“You don’t have the nerve to kill me, you fucking slut!”

“We’ll see about that.”

After the priest were dead as declared by Dr. Alice, they were taken down and their bodies were stripped and fed to the hogs. After the priest were taken away, Marion forced Cecilia onto the platform. The Harold made the announcement about Cecilia’s method of execution. When Marion said her bare hands, she meant her bare hands. The rules were simple. If Cecilia won the she would be given some money and could go anywhere she wanted, and if she lost then she wouldn’t need to worry about it.

Storie simili

IN PALESTRA_(1)

Uno dei vantaggi dell'azienda per cui lavoro è l'appartenenza alla loro palestra. Mi alleno 3-4 volte a settimana dalla nascita della nostra bambina. Mi ero preso un giorno libero per portare la nostra bambina dal dottore per un controllo. Andava tutto bene mentre ci dirigevamo verso la casa di mia madre. Sentivo che avevo bisogno di un po' di tempo da sola, così ho chiesto a mia madre di tenere Heather tutta la notte. Bruce era fuori città per lavoro, quindi ho programmato un film tranquillo a casa. Anche la mia collaboratrice Susie si è allenata nella stessa palestra. A mia...

3.8K I più visti

Likes 0

La Congrega Parte 1 - Reed_(1)

Canna AIUTAMI QUALCUNO AIUTI PER FAVORE!!! urlò una giovane donna mentre veniva trascinata dentro dalla porta principale da un sorridente Jackson. La teneva per il collo mentre tutti nell'area del bar ridevano e sorridevano alla pietosa donna. Era attraente, con i capelli biondi tinti tagliati in un caschetto disordinato e enormi occhi castani. Indossava una specie di uniforme, ma era talmente strappata che nessuno poteva distinguere con certezza cosa ci fosse scritto. Andò nel panico, guardando tutti nella stanza, sperando che qualcuno la salvasse. Ma a nessuno fregava un cazzo. Alcuni dei ragazzi più grandi stavano giocando a freccette vicino al...

982 I più visti

Likes 0

Giorni nel dormitorio-Parte 1

Beh, vivo in un dormitorio universitario, quindi puoi immaginare che vedo, sento parlare e faccio MOLTO sesso. Non sono mai stata una puttana ma apprezzo il corpo maschile. Una delle mie scopate preferite è avvenuta durante il primo mese di college con il mio migliore amico, Mike. Sono amico di lui fin dal primo anno del liceo e la nostra amicizia è una cosa che apprezzo molto. Sono venuto al nord (nella California settentrionale dalla California meridionale) per andare a scuola nell'agosto dello scorso anno. Ero piuttosto sola nel mio dormitorio dato che non avevo un compagno di stanza, così ho...

558 I più visti

Likes 0

Il nuovo inizio di Sarah, parte 3

Mi misi l'impermeabile e andai allo specchio da toeletta. Un'ondata di energia mi attraversò il corpo mentre mi guardavo allo specchio in piedi nudo con indosso il cappotto e le mie calze nere e nient'altro. I miei capezzoli erano eretti e teneri e mi sentivo come una donna sensuale e sexy, l'intera immagine era così erotica. Andai in ufficio e presi solo le chiavi dell'ufficio e tornai a sedermi ad aspettare la limousine con Lance e Michigan. Dopo qualche minuto il telefono di Lance squillò e ci alzammo e uscimmo dall'ufficio, questa volta ho controllato la porta per assicurarmi che fosse...

2.7K I più visti

Likes 0

QUANDO TI DIVERTI

Mi sono sempre piaciute le donne ispaniche. C'è qualcosa in loro che è molto esotico ed eccitante. Forse è una specie di fuoco latino; Forse è il dolce colore della loro pelle scura; i loro occhi scuri... qualcosa ... qualunque cosa ... Mi eccitano! Quindi non sorprende che i miei occhi siano attratti dal dolce scuro giovane e snella senorita seduta davanti a me. sono stato guardandola, di tanto in tanto, da quando siamo partiti. Volo notturno, New York City a Los Angeles, su un aereo pieno solo a metà. Tanti vuoti i sedili ei passeggeri si sono sparpagliati, lasciandone tanti...

914 I più visti

Likes 0

ECONOMIA DOMESTICA_(0)

Andrea Patterson ha controllato la sua agenda giornaliera e ha tirato fuori la cartella di Millie Evans. Lo aprì e lo esaminò rapidamente, prendendo alcuni appunti su un blocco note giallo che aveva sulla sua grande scrivania. Millie era una brava studentessa con una personalità piacevole e sembrava che stesse andando bene in questo suo ultimo anno. Qualcuno bussò alla porta e Millie entrò nell'ufficio di Andrea e si sedette di fronte alla scrivania. Ho appena esaminato i tuoi record e sembra che tu stia andando molto bene al liceo, intonò la signora Patterson, posso attestare il fatto che nella mia...

821 I più visti

Likes 0

Fiaba degli sport sanguinari cap. 3

Innanzitutto lasciatemi scusare profondamente per l'incredibilmente lunga attesa tra il capitolo precedente e questo. Tutto quello che posso offrire come scusa è che la vita può essere davvero un’amante crudele. Non molto tempo dopo aver iniziato a lavorare su questo capitolo, il mio computer si è bloccato e ha portato via tutto il mio lavoro, perché sono un analfabeta informatico al limite e concetti semplici come antivirus e backup dei dati mi sfuggono continuamente. E visto che sono ancora piuttosto lontano dal mio obiettivo finale di autore/playboy sporco e belligerante, solo di recente sono riuscito a racimolare abbastanza soldi per rimpiazzarlo...

540 I più visti

Likes 0

Spingere i confini.

Sono stato sposato con Tina per 3 anni. Fin dall'inizio mi ha sorpreso con i giochi che ha giocato. All'inizio stavo semplicemente entrando nel salone nuda sapendo che non importa a che ora del giorno o della notte mi sarei subito arrapato e l'avrei scopata. Lo fa a volte quando la TV era accesa e io stavo guardando il mio programma televisivo preferito. Ha detto che voleva vedere se per me significava più di uno stupido programma televisivo. Solo per assicurarsi che fossi distratto, insisteva che mi sdraiassi sul pavimento e si sedeva sulla mia faccia così non potevo vedere nient'altro...

3K I più visti

Likes 0

Brani della mia vita

Estratti della mia vita -- Adolescente travestito Mi chiamo Melvin o Mel in breve tranne quando mi vesto da ragazza e poi sono Melani. Ho 14 anni dal vivo con la mia mamma single e mi godo le mie estati perché non ho altro da fare se non perseguire la mia passione, il sesso. Ci sono tre cose che mi piace fare e non posso dire di preferire l'una o l'altra. Amo la sensazione di un cazzo duro nelle mie mani e nella mia bocca; Adoro sentire una figa calda e bagnata che mi afferra la lingua e adoro vestirmi come...

3K I più visti

Likes 0

Escursionismo

Mia sorella ed io amavamo la vita all'aria aperta e passavamo sempre del tempo fuori. Abbiamo trascorso molto tempo a programmare un viaggio per fare escursioni nella foresta e accamparci per qualche notte. Ci siamo preparati per molti giorni e abbiamo preparato tutte le nostre cose. Siamo partiti la mattina presto e abbiamo camminato per gran parte della giornata, quindi ci siamo fermati e abbiamo pranzato. Dopo aver acceso un fuoco e aver pranzato, siamo ripartiti. Verso le 5 ci siamo fermati per la notte. Sono andato a caccia mentre mia sorella ha allestito il campo. Ho sparato ad alcuni scoiattoli...

2.3K I più visti

Likes 2

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.