Come un buon vicino - 2

122Report
Come un buon vicino - 2

Nelle due settimane successive Linda venne a trovarmi un paio di volte per parlare e di solito per aiutarsi con il mio grosso cazzo da 7 pollici. Ho preso dei lettini più robusti per il mio mazzo perché si stavano allenando più di me che leggevo e mi rilassavo. Vedere Il corpo sexy di Linda che passeggiava dal suo cortile ora mi faceva sempre tremare il cazzo in attesa, poiché sapevo che probabilmente sarebbe stato presto seppellito nella sua figa stretta.Questo poteva accadere indipendentemente dal fatto che suo marito Jeff fosse a casa o meno, anche se di solito quando era da solo per alcuni giorni. Avevano escogitato un accordo tra loro in cui avrebbe potuto ottenere la liberazione sessuale di cui aveva bisogno con me, ma sarebbe stata disponibile a partecipare a eventi pubblici con lui come sua moglie. Mi sembrava strano, ma lo ero almeno scopare regolarmente.

Il giorno dopo che Jeff era partito per il suo ultimo viaggio di lavoro, alzai lo sguardo dal mio libro per vedere Linda che camminava per la mia strada. Quando ha raggiunto il mio ponte si è tirata la maglietta sopra la testa esponendo il suo corpo ora nudo.

"Ted, abbiamo tutto il pomeriggio. Non ho mai preso il sole nudo, ho pensato che sarebbe stato divertente. Posso sbarazzarmi di questi segni dell'abbronzatura".

"Mi piacciono i segni dell'abbronzatura, ma certo, lasciami accostare l'altro lettino e possiamo goderci il sole insieme, ma fai attenzione a non bruciarti sulle parti più chiare".

"Oh, speravo che mi avresti aiutato in questo", mentre agitavo una bottiglia di lozione.

"Piacere mio."

Mi alzai e mi tolsi la maglietta e i pantaloncini, guardando Linda che prendeva il mio corpo per lo più abbronzato.

"Sembra che potrei aver bisogno di aiutarti anche a prevenire un'ustione su alcune parti, Ted. E sarebbe un piacere."

"E sicuramente anche il mio."

Il mio cazzo era sospeso in quel momento, ma molto di più di queste chiacchiere lo avrebbe fatto alzare e ispessire, il che probabilmente avrebbe ritardato l'abbronzatura per un po'. Linda ha sistemato il lettino in modo che fosse quasi piatta e poi si è sdraiata sulla schiena. Ho preso la crema solare e me ne ho spruzzato un po' sulla mano. Mi sono fatto strada dalle sue spalle. Massaggiare e strofinare sulla lozione. Ho passato del tempo extra sulle porzioni non abbronzate che fortunatamente includevano i suoi seni a coppa D che si appoggiavano sul suo petto appiattendosi un po'. Ho steso la lozione e l'ho lavorata intorno e intorno coprendo ogni pezzetto delle sue seducenti tette mentre emetteva dei lamenti bassi dalle mie attenzioni. Inspirando appena un po' mentre le strofinavo i capezzoli, girandomi intorno, poi continuavo giù attraverso il suo stomaco, solo un leggero rigonfiamento al suo ventre, fuori attraverso i suoi fianchi, più in basso fino al suo tumulo, facendo scivolare un dito tra le sue labbra...

"Oh, molto di più e dimenticherò di abbronzarmi."

Ho applicato la lozione sulle sue cosce e l'ho impastata dentro e giù per le sue belle gambe, arrivando fino alle dita dei piedi. Soddisfatto che Linda fosse completamente coperta, mi sdraiai a pancia in giù sull'altro lettino reclinato, girando la testa per ammirare la sua forma nuda.

"È stato così bello, Ted. Vuoi che ti prenda le spalle?"

"No, per ora va bene. Rilassati e prendi un po' di sole."

"MMm, sembra così libero. Adoro il modo in cui apprezzi il mio corpo. Presta attenzione a ogni singolo aspetto."

"È un bel corpo. Sarebbe un peccato se non gli si prestasse attenzione".

Abbiamo chiacchierato così per un po'. Anche se eravamo amanti da alcune settimane, l'insolita circostanza in cui non stavamo davvero molto insieme rendeva ogni volta quasi come se fosse nuovo di zecca.

"È ora di trasformare Linda."

"Ok, ma mi assicurerò che una parte di te non si bruci." Quando mi sono girata, il mio cazzo era appoggiato sulla mia gamba. Linda si è presa un po' di crema solare sulla mano e ha proceduto ad applicarla generosamente sul mio cazzo. Le piaceva guardare come le sue mani che scivolavano su e giù mi facevano alzare sull'attenzione.

"Non mi abituerò mai a quanto è grande e spessa nelle mie mani."

"È fantastico, ma lascia che ti prenda le spalle." Linda si è sdraiata a pancia in giù e io mi sono messa dietro di lei sul lettino, con il mio cazzo luccicante che spuntava davanti a me. Mentre mi chinavo in avanti per massaggiare la lozione sulla schiena di Linda, lei mosse il culo mentre il mio cazzo si appoggiava contro di esso.

"Qualcuno è ancora sull'attenti."

"Massaggiare le donne nude lo farà." Quando sono arrivata al sedere di Linda, le ho spalmato la lozione sulle guance in modo che fosse luccicante come il mio cazzo. Poi con la lozione sulle dita ho fatto scivolare la mano tra le sue chiappe.

"Mmm carino."

Prendendolo come incoraggiamento ho continuato fino a quando non ho raggiunto la sua figa. Ho fatto il solletico intorno alla sua apertura e poi sono tornato indietro. Cogliendo l'occasione ho colpito il suo ano increspato con un dito liscio riuscendo a raggiungere una nocca prima che si chiudesse sul mio dito.

"L'hai mai fatto Linda?"

"No mai nel mio culo. Ma ci proverò se mi vuoi lì. Ma sei troppo grande?"

"Dovrebbe funzionare se andiamo piano. Dimmi di fermarmi in qualsiasi momento."

In risposta Linda si alzò in ginocchio presentandomi il suo bel culo. Ho applicato più lozione e ho continuato a infilarle un dito nel culo facendola abituare alla sensazione, afferrando il mio dito e poi rilassandomi un po', poi un po' di più del mio dito, poi finalmente rilassandomi abbastanza da poter far scorrere un dito dentro e fuori.

"Oh, è una sensazione diversa. Non come nella mia figa. Non ho mai messo niente nel mio culo. Ooh, è carino. Mi sta facendo eccitare, strofinami la figa con l'altra mano."

Quindi ho continuato a inculare Linda con le dita, mentre mi allungavo e le giravo intorno al clitoride con l'altra mano. La doppia stimolazione la fece ansimare e gemere in un attimo. Mi sono spostato per scoparle il culo e la figa con le dita, lavorandola più velocemente mentre lei afferrava il lettino e ringraziava me e Dio e chissà cos'altro mentre si irrigidiva, si liberava e si dondolava attraverso orgasmi multipli.

"Oh cazzo Ted, prova a mettermi il tuo cazzo nel culo. Fanculo il mio culo."

Ho applicato più lozione al mio cazzo, l'ho preso bene, duro e liscio, quindi ho premuto la testa contro il suo ano. Con il mio lavoro precedente sono stato in grado di spingere solo un po' prima che l'ovvia differenza di dimensioni la facesse irrigidire. Le ho massaggiato il culo, i fianchi, la schiena, per rilassarla mentre spingevo lentamente un po' di più dentro. Una volta che la mia testa era spuntata dentro, mi sono fermato per farla abituare alla sensazione, poi ho spinto, facilmente...

"Oh cazzo, è così grande. Vai piano, mi sta allungando il culo, non mi fa male, solo, oh, ok, un po' di più."

Le ho dato un po' di più. Guardare il mio cazzo riempire lentamente il suo culo vergine mi faceva sentire più duro del solito. Che eccitazione. Questa bella donna di 30 anni che era solo una vicina di casa a cui avrei salutato qualche settimana fa ora mi dà il culo, scopandomi regolarmente. Dannazione. Ho spinto, ora di un paio di centimetri, c'era ancora molto da fare se lei poteva sopportarlo. Il mio cazzo la allunga di più, un altro pollice scompare, Linda ora solo una serie di gemiti e oooh mentre le infilavo più cazzo dentro. Sembrava che sarebbe stata in grado di sopportare tutto. Era completamente tesa. Le tenni i fianchi e spinsi i centimetri rimanenti dentro di lei. Ora ero premuto contro il suo culo, il mio cazzo duro e pieno sepolto dentro.

"Ecco fatto Linda, hai tutto. Pronto per il prossimo?"

"Oh diavolo sì. Scopami, ma all'inizio lentamente."

Quindi ho tirato circa a metà, poi ho spinto di nuovo fino in fondo. Poi quasi tutta la strada verso l'uscita e tutta la strada verso l'interno. Sembrava fosse pronta, quindi l'ho tenuta e ho iniziato a dondolare avanti e indietro. Alternando brevi spinte e tuffi profondi. Tirandole il culo verso di me o dondolandomi avanti e indietro. La stretta presa sul mio cazzo che massaggia la sua lunghezza ogni volta.

"Oh cazzo Ted, è fantastico. Continua, continua a fottermi. Prendimi il culo. È tuo, fottimi."

"Il tuo culo fantastico è così stretto. Ti riempirò. Presto."

Ho aumentato le mie spinte, dondolandomi dentro, fuori, dentro, poi tenendola stretta a me mentre sentivo le mie palle stringersi, il mio cazzo ingrossarsi, il mio corpo tendersi, poi il mio sperma scorreva per tutta la lunghezza del mio cazzo ed esplodeva nelle sue viscere, zampilli di sperma che la riempie. I miei occhi si chiusero, la testa indietro, cercando di spingerla ancora di più mentre le davo ogni goccia che avevo. Disposto a provare a darle di più. Poi alla fine, esausta, mi chinai in avanti, la baciai di rimando, tenendola stretta a me. Si accasciò in avanti sul lettino, il mio cazzo le cadde dal culo, il mio sperma fuoriusciva dal suo buco del culo non più increspato. Le ho baciato il collo, il lato del viso.

"Grazie Linda, per esserti donato a me in quel modo."

"Oh grazie per avermi mostrato possibilità che non conoscevo. Diciamo solo che l'anale non deve essere una cosa una tantum."

"Suona bene per me", mentre mi sdraio sul lettino. "Fammi prendere degli strofinacci per pulirci."

Una volta che ci siamo puliti a fondo, Linda si è unita a me sul mio lettino, godendoci la nostra nudità, rilassandoci all'aperto come facevamo di solito. Linda era sdraiata accanto a me strofinandomi la mano su e giù per il corpo.

"Mi piace come sei in forma. Non ci ho pensato fino a quando non ho indossato la lozione, ma tutto quel giro in bicicletta, le tue gambe sono così forti e sode. Mi scaldo solo tenendoti".

La sua mano ora aveva trovato il mio cazzo. Lo sollevò e lo posò sul mio stomaco, fece scorrere un'unghia lungo la parte inferiore, quindi fece un giro della testa.

"E questo cazzo. Non ne ho mai abbastanza."

Poi si sdraiò tra le mie gambe, la testa rivolta verso il mio inguine. Ha leccato le mie palle e la parte inferiore del mio cazzo, poi di nuovo le mie palle, prendendo prima una, poi l'altra a turno nella sua bocca, facendole rotolare delicatamente, solleticandole con la lingua. Tenendoli su mi leccò sotto le mie palle quasi fino alla mia fessura, poi di nuovo su. Ormai il mio cazzo si era indurito e si stava sollevando dallo stomaco. Linda lo afferrò e lo sollevò mentre leccava la sua lunghezza. Inginocchiata si prese la testa in bocca e ne succhiò la punta per tutto il tempo accarezzandomi le palle con la mano libera. Dribbling sputando il mio cazzo, abbassò la testa e ne prese di più in bocca fino a raggiungere la parte posteriore della gola, succhiandolo alzò la testa finché non si liberò.

"Scusa, Ted, ma non sono una ragazza dalla gola profonda. In nessun modo posso mettermi tutto questo in bocca."

"Non ho lamentele per quello che stai facendo", dissi con un sorriso.

Linda è tornata a muovere la testa su e giù per il mio albero adattandosi a ciò che poteva poi tenere il mio cazzo mentre leccava su e giù per la lunghezza. Ha afferrato il mio cazzo con due mani e ha fatto scivolare le mani su e giù diverse volte prima di tornare a baciarmi, leccarmi e prendermi in giro con movimenti della lingua sotto la punta. Afferrandomi le palle e stringendomi un po', mi guardò.

"Voglio questo carico tutto nella mia bocca. Voglio sentire il tuo sperma colpire la mia gola. Voglio assaporarti e assaporare il tuo sperma. Non avvisarmi, spara quel carico quando è pronto."

Poi Linda ha iniziato a succhiare e dondolare sul mio cazzo mentre accarezzava ciò che non entrava nella sua bocca. Più veloce e più forte ha succhiato, leccato, giù, su, succhiando, poi... le mie palle si sono tese e sono arrivata. Grandi zampilli le inondano la bocca. Ha deglutito, ma alcuni sono scappati, ha deglutito di nuovo cercando di tenere il passo con l'ondata mentre grugnivo e schizzavo una terza volta. Ha succhiato il resto da me, spremendo il mio cazzo come se potesse strizzarmi di più, poi leccando quello che è scappato, assicurandosi di averne ogni goccia. Poi si è seduta e mi ha guardato.

"Tanto e dopo che avevi sborrato prima." Lei sorrise.

Non potevo fare a meno di sorridere in cambio. È stato un bel pompino e questo dopo che prima mi aveva fatto scopare il culo. Troppo bello per essere vero. Ci siamo rilassati un po' più a lungo, poi abbiamo deciso che avevamo abbastanza sole e ci siamo coperti. Ho portato fuori un paio di drink. Finora tutta la nostra attività era stata sul mio mazzo e mi chiedevo se questi fossero limiti non detti. Ho rimesso il lettino in posizione eretta e mi sono seduto sullo schienale, i piedi per terra su entrambi i lati. Linda si sedette contro di me e allungò le gambe. Abbiamo sorseggiato i nostri drink. Appoggiò la testa contro la mia spalla e mi guardò.

"Così a mio agio. So che è una situazione strana, ma vado laggiù e vivo la mia normale vita di tutti i giorni, poi posso venire qui ed essere trattata come la donna più sexy del mondo. Tu mi fai rivivere e mi soddisfi. Spero di fare lo stesso per te."

"Oh sicuramente. La mia vita ha avuto grandi lacune. Ho lavorato, fatto delle corse, mi sono allenato, ma non era completo. Ora vieni e illumini le mie giornate, condividendo te stesso con me. Sicuramente mi hai impedito di chiedermi se avrei cominciava a invecchiare".

"Invecchiare? Dannazione, hai la resistenza di un uomo molto più giovane."

Ho premiato quel commento prendendole a coppa il seno sinistro, sentendolo attraverso la maglietta, convincendo il suo capezzolo a indurirsi.

"Mmm, la parte semplice di tutto questo è che è facile. Mi piace parlare con te, ma se sono qui e se mi dai il benvenuto, allora il sesso è libero e facile. Nessun gioco. Nessuna domanda. Il mio corpo è tuo. Il tuo è mio.

"Sì, è buono a sapersi, perché in questo momento ho voglia di giocare con questi bei seni."

Le ho sollevato la maglietta per accedervi e ho iniziato a circondarle il capezzolo con il dito. Poi pizzicandole i capezzoli, stringendoli un po' per vedere quanto potrebbero essere sensibili.

"Oh, puoi spremerli un po'. Non mi dispiace solo il più piccolo pizzico."

Le baciai il collo, accarezzai le sue tette, lasciai che la mia mano vagasse sul suo stomaco. Le mordicchiai l'orecchio, le tirai entrambi i capezzoli, le sollevai il seno tra le mani. Si appoggiò allo schienale dandomi accesso alla sua bocca, l'ho incontrata, la lingua che guidava, sondando, baciando profondamente, appassionatamente, la mia mano che si faceva strada verso il basso, trovando i capelli sottili sul suo monticello, più in basso, il mio dito medio che le divideva le labbra mentre la baciò, le bocche chiuse insieme mentre il mio dito si tuffava nella sua figa bagnata poi si ritirava sul suo clitoride, girando, stuzzicando, strofinando. Lei gemette nella mia bocca, ci siamo separati per un momento. Le mordicchiai la bocca, tirandole il labbro inferiore, mordendola dolcemente, assaporandola, condividendo il suo respiro. Adesso due dita, ai lati del suo clitoride, la stringono, si strofinano, le fanno il solletico. Premette il suo monticello nella mia mano. Ritorno la mia lingua alla sua bocca, baciandola più forte mentre le mie dita lavorano più freneticamente sul suo clitoride, lungo la sua fessura, di nuovo al suo clitoride, poi mentre si irrigidisce, vado completamente verso il suo clitoride, lei geme e piange nella mia bocca mentre lei l'orgasmo la culla, i suoi fianchi si contraggono, prendo il suo monticello e premo la mia mano sul suo clitoride mentre cavalca un'onda, rompendosi dalla mia bocca in modo che possa implorarmi di fermarmi, ma no non fermarti, di più, oh per favore di più. Si strofina la figa contro di me, le mie dita trovano la sua apertura e la scopano mentre preme sul mio palmo. "Oh cazzo, oh cazzo. ooh, oooooooh." Poi crolla, esausta su di me. Respiro a fiotti, occhi chiusi. Testa contro il mio collo. Torno ad accarezzarle leggermente i seni.

"Oh accidenti, Ted. Se rimango qui continuerai a darmi piacere per sempre?"

"Potrei essere tentato. Soprattutto quando ricevo una reazione del genere."

Siamo rimasti così per un po'. Poi, mentre il sole tramontava dietro gli alberi, mi sono alzato e ho messo degli hamburger sulla griglia. Quando erano pronti, abbiamo fatto qualcosa sul ponte che non era sessuale, tanto per cambiare.

"Mmm, e puoi anche grigliare un hamburger cattivo."

Risi. "Sono un uomo dai molti talenti".

"Dirò." Poi si leccò una cucchiaiata di ketchup dal seno sinistro.

Storie simili

La visita alla famiglia continua

Quando Todd è entrato per colazione oggi, volevo strisciare sotto il tavolo e prenderlo in bocca. Ma con nostra madre seduta lì, ho dovuto respingere l'impulso. Gli lanciavo occhiate furtive e, quando mamma leggeva il giornale, mi strizzava l'occhio. Per tutta la colazione ho sentito i miei pantaloncini bagnarsi. Alle 9 la mamma si è alzata ed è andata al lavoro. Mi sono alzato e ho sparecchiato. Ho deciso di strofinare il mio culo contro il suo braccio mentre passavo. Dato che papà era partito presto questa mattina, sapevo che ora eravamo soli. Todd si alzò quando raggiunsi il lavandino e...

665 I più visti

Likes 0

Jaded Parte 1- Riva dell'acqua

Tutto quello a cui riuscivo a pensare era quanto faceva caldo oggi e quanto faceva freddo ieri; i forti venti che avevano soffiato la mia borsa Walmart attraverso il parcheggio mentre i miei amici avevano ridacchiato al mio inseguimento si erano trasformati in intensi raggi che picchiavano sul mio corpo di sedicenne. Sarò onesto, era un corpo che la maggior parte dei miei amici, anche i più grandi, invidiavano ed era in parte a causa del mio corpo che le ragazze più grandi uscivano comunque con me. Il mio viso innocente e i lunghi capelli biondi si sono complimentati con il...

639 I più visti

Likes 0

Un po' di magia nera Capitolo 1

Capitolo 1 Questa è la mia storia... No. Questa è la mia confessione. Non sono sicuro che quello che ho fatto sia stato un crimine, ma è stato sicuramente contro natura. Il mio ultimo anno al college e in effetti le ultime settimane fino a quando non sarei stato cerimoniosamente inserito nel mondo del lavoro. Mi trovavo nel bagno che accompagnava la mia camera da letto esplorando il mio corpo allo specchio. Le lenti spesse dei miei occhiali mi facevano sgranare gli occhi sotto il disordine ondulato dei capelli neri. La mia pelle era pallida per aver passato giorni nelle biblioteche...

764 I più visti

Likes 0

Spingere i confini.

Sono stato sposato con Tina per 3 anni. Fin dall'inizio mi ha sorpreso con i giochi che ha giocato. All'inizio stavo semplicemente entrando nel salone nuda sapendo che non importa a che ora del giorno o della notte mi sarei subito arrapato e l'avrei scopata. Lo fa a volte quando la TV era accesa e io stavo guardando il mio programma televisivo preferito. Ha detto che voleva vedere se per me significava più di uno stupido programma televisivo. Solo per assicurarsi che fossi distratto, insisteva che mi sdraiassi sul pavimento e si sedeva sulla mia faccia così non potevo vedere nient'altro...

834 I più visti

Likes 0

L'estrazione

L'ESTRAZIONE - O_o storie Era un sabato mattina ed ero a casa mia da una festa di compleanno di amici. Ero uscito all'una, perché la gente aveva iniziato a buttare cibo e bottiglie vuote in giro. Mi sentivo assonnato. Avevo avuto troppo anch'io e volevo solo andare a casa. Passando il supermercato locale ho attraversato la via principale. C'era un furgone bianco parcheggiato a pochi passi davanti a me. Il lampione sopra di esso tremolava e mi faceva lacrimare gli occhi nella semioscurità. Mentre passavo davanti al furgone, il motore si è avviato e la portiera laterale si è aperta. Due...

696 I più visti

Likes 0

Figlia dei vicini: Sporco segreto

È successo quando avevo 16 anni un giorno d'estate. La scuola era finita e cominciavano le vacanze. Vivo alla fine della casa in stile cottage dove i nostri vicini sono dall'altra parte del muro. Nella porta accanto vive la mia amica Eve, ha la mia età, capelli biondi e corpo da urlo. Quanto a me, sono proprio come lei, solo che ho i capelli scuri. Pochi giorni fa ho notato una cosa interessante ... il telefono ha squillato a casa di Eves e dopo pochi minuti lei è spento da qualche parte. l'ultimo giorno lo stesso. Quindi ho deciso di rintracciarla...

815 I più visti

Likes 0

Una ragazza impara la lezione

Tornando faticosamente verso le stalle, Katy si chiese se questo lavoro valesse davvero tutti gli sforzi. Aveva fatto una lunga passeggiata e ora stava iniziando a piovere. Si sarebbe bagnata nell'ultimo miglio. Ha tirato il guinzaglio del cane e ha iniziato a correre verso la fattoria e il rifugio. Da sei settimane lavorava al maneggio e le vacanze estive erano quasi finite. Questo è stato l'inizio della sua ultima settimana. Il lavoro non era molto ben pagato, ma poi la signora Johnson, la proprietaria della scuola di equitazione, permise a Katy di stallare il proprio cavallo lì gratuitamente e fu in...

621 I più visti

Likes 0

Bobby e Jonnie erano innamorati

Aveva diciassette anni e ancora non era mai stata baciata, tranne quando ha incontrato Bobby. Aveva anche lui diciassette anni e, sebbene fosse stato baciato più volte dalle signore, non era mai arrivato in seconda base, tanto meno in terza oa casa. Ma erano innamorati, amore da cucciolo comunque, e per loro sarebbe durato per sempre. Bobby e Jonnie erano ragazzi in una scuola superiore del Midwest nel bel mezzo della campagna, quindi sapevano cosa fosse il sesso. Ma quando si è trattato di viverlo davvero, nessuno dei due aveva la più pallida idea da dove cominciare. Erano stati insieme dalla...

478 I più visti

Likes 0

Ufficiale superiore

Ensign, è meglio che ci sia un'ottima ragione per essere qui Il guardiamarina Philips non aveva una buona ragione per essere nella sala degli ufficiali, sentiva il cuore crollare sui suoi stivali da combattimento Girati quando ti parlo Guardiamarina Il guardiamarina Philips si voltò lentamente, con le spalle leggermente cascanti per la sconfitta, quando vide chi lo affrontava, dimenticò completamente le vere ragioni per essere qui, infatti praticamente si dimenticò di tutto Allora Guardiamarina, che diavolo ci fai qui nella Sala Ufficiali? Il capitano Jean Harigan, l'unica donna ufficiale sulla nave e non solo è l'unica donna ufficiale sulla nave, è...

190 I più visti

Likes 0

Ho reso la ragazza popolare la mia schiava del dolore 3

Mi sveglio lentamente con una strana sensazione, qualcuno nel mio letto con me. Ricordo la scorsa notte con Taylor tutte le cose che avevamo fatto, i piaceri che ci eravamo fatti provare ma soprattutto ricordo quello sguardo nei suoi occhi e il modo in cui mi aveva detto che pensava di innamorarsi di me solo prima che si addormentasse avvolta tra le mie braccia. Sento che il mio cazzo è duro e preme contro il suo culo, si muove e allarga le gambe dandomi un facile accesso alla sua figa. Rimango lì per un momento cercando di capire se sta dormendo...

113 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.