School Daze capitolo 6

3.2KReport
School Daze capitolo 6

School Daze capitolo 6

Linda e Richard si sono ripuliti e si sono vestiti. Erano quasi le due. Dopo aver ottenuto informazioni sulla posizione di Sea World, Richard guidò con Linda lungo l'autostrada principale e scese alla rampa di Sea World.

Dopo aver acquistato i biglietti sono entrati e hanno iniziato a guardare alcuni dei diversi spettacoli e mostre. Richard fu sorpreso quando Linda esitò a camminare nella vasca degli squali sotterranea. Sembra come se avesse visto "Lo squalo" quando era una bambina e si fosse formata una chiara fobia su di loro. Mentre attraversavano la mostra sotterranea, lei era molto nervosa e lo teneva stretto. Non appena furono fuori disse:

"Grazie a Dio è finita. Odio quelle cose."

"Immagino che questo ci impedisca di nuotare nell'oceano, allora," disse Richard.

"No. Puoi andare quanto vuoi. Sarò felice di guardarti dalla spiaggia. Devo comunque lavorare sulla mia abbronzatura."

Poi sono andati alla mostra dei pinguini, e Linda ha riso delle buffonate degli uccellini acquatici, poi ha sussurrato:

"Richard, stavo ridendo così tanto, che ho quasi fatto pipì nei miei pantaloni, e penso che farei meglio ad andare in bagno."

Quando è uscita dal bagno delle donne, ha detto che aveva fame e si chiedeva se potevano mangiare qualcosa. Lui accettò e andarono a cercare un ristorante. Dopo aver controllato la mappa interna di Sea World, hanno trovato un chiosco di hot dog dove servivano hot dog giganti, Kosher.

Ne ordinarono due, uno al peperoncino per lei e uno con i crauti per lui. Con le loro due bibite, si sedettero su una panchina sotto un albero e mangiarono. Linda guardò l'Hot Dog, che era enorme e disse:

"Mi chiedo dove potrei prendere alcuni di questi?"

"Ti piacciono?"

"È fantastico e quando non siamo insieme, potrei davvero usarne uno. Sono quasi grandi come te. Penso che mi piacerebbe prenderne una dozzina."

"Con una dozzina di quelle cose, non avrai più bisogno di me."

"Non sono tutti per me. In un fine settimana lento nella confraternita, posso venderli alle mie sorelle per dieci dollari l'una. Sono molto meglio dei vibratori o dei dildo. Sono quasi come quelli veri. Richard, tira fuori "l'hulk" così posso confrontare le dimensioni."

Poi rise come una schizofrenica che si fosse appena raccontata una barzelletta.

"L'unico problema con questo è che quando lo succhio, tutto ciò che ottengo è peperoncino."

Quando hanno finito di mangiare si sono diretti verso la "giro della Skytower". Mentre aspettava in una fila molto lunga, un giovane giocatore di football dello stato di San Diego parlava a voce molto alta e usava ogni parola oscena a cui riusciva a pensare, apparentemente per impressionare i suoi amici.

"Allora cosa è successo Brad?" Uno dei suoi amici ha chiesto,

"L'ho appena scopata di nuovo", ha detto l'atleta sovrappeso. "Quando sua madre è entrata nella sua stanza e ci ha beccati, le ho chiesto se voleva partecipare. È corsa fuori dalla stanza piangendo. È stata la cosa più divertente che tu abbia mai visto."

"Ho mai visto," disse Richard correggendo Brad.

"Chi cazzo sei vecchio?"

"Devo essere qualcuno per correggere il tuo povero discorso?"

"Farai meglio a essere più di quello che sembri", ha detto Brad.

"Bradly ci sono un sacco di donne e bambini intorno a te. Forse dovresti calmarti un po' e usare meno oscenità."

"Ehi puttana", disse Brad guardando Linda, "Questo è il tuo papà. Ha finalmente portato la sua bambina a Sea World dopo tutti questi anni? Perché non vieni con me e ti faccio vedere un buon tempo."

"Chiedile scusa immediatamente," disse Richard piano con voce severa.

"O cosa farai vecchio?" chiese Brad guardando i suoi amici per adulazione.

"Beh, prima dirò ai tuoi cosiddetti amici di portarti in bagno e cambiarti i pannolini. Non ho mai visto nessuno così grande agire così tanto come un bambino. Qual è il problema Bradley, mamma e papà non ti lasciano uscire molto spesso?"

"Vaffanculo vecchio." ha detto Bradley alzando il braccio indietro come se stesse per lanciare un passaggio.

Linda ha detto: "No, Richard no". Come si aspettava pienamente che i trecento pensassero di abbattere Richard. Brad ha quindi lasciato andare con un jab destro, tuttavia, quando il suo pugno è arrivato a un piede da Richard, l'ex sigillo NAVY ha mosso la sua mano così velocemente che nessuno lo ha visto. Richard prese la mano di Brad a metà del volo. Sembrava una mazza da baseball che collegava una palla veloce con un colpo solido. Poiché Richard impediva alla mano di Brad di muoversi in qualsiasi direzione, disse,

"Ora Bradley voglio che ti scusi con la signorina... in effetti voglio che ti scusi con tutti coloro che si sono offesi, per il tuo semplice essere qui. Ti ho dato quest'ultimo avvertimento Bradley... fallo ora."

"Sai vecchia mia..."

Improvvisamente Brad era in ginocchio urlando come un bambino di tre anni che era stato mandato a letto senza dessert. Richard stava piegando le dita all'indietro, e l'unico suono che chiunque poteva sentire oltre al pianto di Brad era lo scricchiolio delle nocche di Brad mentre molte delle ossa si rompevano.

"Non vuoi che te lo chieda di nuovo, vero Bradley?" chiese Richard con calma.

"Nooo!"

"No... cosa Bradley?"

"No signore?"

"Molto bene. Adesso che cosa avresti fatto?"

Le lacrime scorrevano dagli occhi del giovane enorme mentre diceva,

"Mi dispiace?"

"Per cosa Bradley?"

"Mi dispiace... per... per il modo in cui mi sono comportato e per quello che ho detto."

"E non sarai mai ………"

"e non lo farò mai più?"

"Molto bene Bradley," disse Richard. "Ora chiedi scusa alla signorina."

"Mi dispiace così tanto mamma. Sinceramente non volevo offendere nessuno. Per favore perdonami."

Quando Linda annuì e guardò accigliata il giocatore di football, Richard lo lasciò alzare lentamente. Poi si avvicinò al giovane e gli sussurrò seriamente:

"Sei molto fortunato a non avermi fatto arrabbiare, perché avrei potuto ucciderti."

Brad guardò Richard con la paura negli occhi tenendogli la mano destra rotta con la sinistra.

"Ragazzi", disse Richard ai due amici di Brad, "penso che si sia fatto male. Forse dovresti portarlo nello studio del dottore. Qualcuno dovrebbe davvero guardargli la mano".

I suoi amici non dissero nulla, ma annuirono con la testa e dissero a Brad che era meglio che andassero. Velocemente si diressero verso il cancello principale a un ritmo molto veloce. Richard guardò il giro della Skytower e disse:

"Credo che sia il nostro turno ora Linda."

Alcuni della folla intorno a loro cominciarono ad applaudire. Richard prese la mano di Linda e disse:

"Mi dispiace tesoro. A volte è semplicemente troppo da sopportare. Ai ragazzi che si comportano in questo modo dovrebbe essere mostrato a volte che essere un idiota potrebbe essere dannoso per la loro salute."

"Richard sei stato meraviglioso. Non scusarti mai per essere venuto in mio soccorso."

Salirono sulla Skytower e si sedettero. La gigantesca macchina cominciò lentamente a sollevarsi ea girare intorno al pozzo, permettendo a tutti di vedere per cento miglia in tutte le direzioni.

A parte i quindici minuti, Richard era al telefono con Mister Yackamura, fissando un orario per l'incontro per il giorno successivo, passavano il resto a controllare il parco. Hanno visto le "balene assassine" che includevano "Shamoo" e molti altri messi alla prova.

Hanno cavalcato sullo skyride sopra la baia e hanno visto lo spettacolo della lontra marina. Quando Richard vide Linda sbadigliare, suggerì di andarsene e tornare in albergo. Mentre se ne andavano, Linda si chiese se la mano di Bradley avrebbe mai funzionato di nuovo correttamente. Scommise che avrebbe guardato la sua bocca in futuro, poiché non avrebbe mai saputo se qualcuno potesse rivelarsi un altro Richard.

Tornando in albergo alle sei e un quarto, Richard disse:

"Voglio che indossi quel vestito nero nuovo che abbiamo comprato a Laguna, con quelle scarpe nere con il tacco alto. Ho prenotato al ristorante, per otto."

A Linda è stato detto di fare la doccia prima perché non avevano tempo per i giochi nudi. Con riluttanza andò in bagno e si fece la doccia. Dopo che lei è uscita, Richard ha fatto una doccia e ha cominciato a vestirsi velocemente. Erano le sette e quarantacinque mentre aspettavano l'ascensore per portarli al ristorante. Richard guardò Linda e disse:

"Sei così bella... io."

"Grazie Richard, anche tu sei molto carino. Mi piace il tuo vestito. Il nero sta benissimo con la tua camicia verde lime e la cravatta abbinata."

L'ascensore li portò all'ultimo piano, dove li fece accomodare il maitre. Richard guardò il menu e chiese se a Linda piaceva Chateaubriand? Quando lei lo guardò con aria interrogativa, disse: È un doppio taglio centrale di filetto di manzo, simile al Filet mignon, solo secondo me molto migliore. Lo preparano per due; con patate al forno e asparagi arrostiti, e una piccola insalata se piace; crème Brule per dessert."

"Sembra meraviglioso Richard."

"Allora ordinerò per noi due... va bene?" Linda annuì e prese un panino francese che il cameriere aveva messo sul tavolo. In pochi minuti il ​​cameriere ha preso l'ordinazione e ha chiesto se volevano del vino. Richard ha detto che vorrebbero una bottiglia di "Dom Perignon" vintage 1998.

Quando il vino arrivò, il sommelier ne versò un po' a ciascuno in un calice alto. Non c'era alcuna menzione dell'identificazione di Linda, poiché era vestita fino in fondo e sembrava avere almeno venticinque anni. Richard alzò il bicchiere e disse: "Alla ragazza dei miei sogni".

Linda borbottò "Grazie" e toccò gli occhiali con Richard. I due bicchieri che si unirono emisero un bellissimo suono di campanellino, che rimase sospeso nell'aria mentre sorseggiavano il buon Champagne. Avrebbe ricordato il suono del cristallo, il resto della sua vita.

In pochi minuti le insalate erano lì e cominciarono a mangiare. Il cibo era tra i migliori che avesse mai mangiato, e ora aveva nuova ammirazione per quell'uomo. Terminata la cena, tornarono giù per le scale. Erano le nove e trentacinque.

Richard andò dall'addetto alla reception e prese le sue prenotazioni per una crociera delle dieci. La "Bahia Belle", una barca a poppa in stile Mississippi di inizio secolo, presentava balli, musica dal vivo tra cui swinging blues e ottima musica da ballo per il divertimento di tutti. La barca solca le acque di Mission Bay, facendo soste negli hotel Bahia e Catamaran Resort durante la sera.

La serata era mite mentre Richard e Linda erano in piedi sul molo, in attesa che la barca attraccasse. Quando salirono a bordo la fece accomodare al bar e ordinò due Pina Colada, una bevanda per la quale la barca è famosa. Quando la barca si è allontanata dal molo, la band dal vivo ha iniziato a suonare e una splendida ragazza afroamericana ha iniziato a cantare.

"Di solito non mi piacciono le voci, tuttavia lei è molto brava", ha detto Richard sorseggiando il suo drink. "Vuoi ballare?"

"Mi piacerebbe ballare con te Rickey."

Si alzò e tese la mano. La baia era molto calma e senza guardare le luci che passavano sulla riva, era difficile dire che la barca si stesse muovendo. La cantante ha fatto un'ottima impressione di Ella Fitzgerald e ha cantato al ritmo lento e sensuale.

Richard tenne stretta Linda, la sua mano appena due pollici sopra il suo bel sedere arrotondato. Dato che non voleva mostrare una linea di mutandine, non aveva indossato mutandine, e lui lo sapeva. Tirandola più vicino a sé, sentì il corpo che si sfregava contro la sua pancia. Anche lei si stava surriscaldando e la sua figa stava diventando molto umida.

La musica finì e tornarono al loro tavolo. Lo Champagne stava andando alla testa di Linda e si sentiva molto bene. Sapeva che si sarebbe sentita meglio più tardi, quando il cazzo di Richard sarebbe stato dentro di lei, scopandola forte. Doveva stare attenta, perché senza mutandine, non c'era niente che impedisse al suo succo di gocciolarle lungo la gamba. Era contenta di indossare un vestito nero.

"Ti ho detto quanto sei adorabile?"

"Grazie Rickey. Dovevo avere un bell'aspetto, perché sei molto bello. Lo sai che mi stai facendo molto eccitare", sussurrò avvicinandosi a lui.

Richard si chinò verso Linda e la baciò. Non solo un bacetto veloce, ma un bacio alla francese che le fece fremere il collo e le fece venire la pelle d'oca. Il bacio sarebbe entrato nel suo registro come uno dei migliori che avesse mai avuto. La sua lingua fu accolta nella sua bocca e lei la succhiò, come avrebbe fatto con il suo grosso pene.

"Rickey", ha chiesto, "Quanto tempo staremo su questa barca?"

"Perché non ti stai godendo la crociera?"

"Oh sì, ma avevo in mente un altro "giro" che mi piacerebbe fare con te." Disse con un debole sorriso, le fossette profonde che le rivelavano i motivi.

"La barca va al Bahia Resort Hotel, poi torna al Catamarano, dove sbarcheremo."

"Si avvicinò al suo orecchio e sussurrò: "Sbarca... è un'altra parola per cazzo?"

Sorrise solo e scosse la testa quasi impercettibilmente da una parte all'altra. Lo guardò con uno sguardo innocente e interrogativo e gli chiese:

"Cosa, ho detto qualcosa di sbagliato?"

La band si stava davvero appassionando e suonava un pezzo jazz Dixieland, che la band "Firehouse Five plus Two" aveva reso famoso anni fa. C'era solo una giovane coppia sulla pista da ballo, che faceva il "jitterbug" alla musica, tuttavia la maggior parte delle coppie è rimasta al proprio posto.

Linda stava attraversando un momento difficile lottando con i suoi pensieri ricordando il meraviglioso tocco della bocca di Richard sulla sua figa nuda, succhiandole il clitoride e leccandole le labbra della figa. Ricordando la sua lingua che guizzava nella sua fica.

All'improvviso Richard si allungò e le afferrò il braccio. Non aveva sentito nulla, ma stava per cadere dalla sedia.

"Stai bene, bella? Niente più drink per te. Riesci a camminare?"

"La penso così perchè?"

"Andiamo," disse Richard alzandosi e tendendo la mano. "Hai bisogno di aria."

La accompagnò all'uscita più vicina e uscirono sul ponte. La fresca brezza salata della baia di Missione, le sfiorò il viso in modo affettuoso, mentre respirava l'aria muschiata in profondità nei suoi polmoni, le sue tette che si gonfiavano di un'altra misura di tazza.

"Mi dispiace Rickey, credo che fosse tutto troppo. Il drink, lo Champagne. Credo di non essere abituato a così tanto alcol."

"Va tutto bene tesoro. Come ti senti adesso?"

"Sto bene ora. L'aria qui fuori è meravigliosa. È quello il Bahia Resort?"

La barca stava entrando nel molo dove stava aspettando un folto gruppo di persone, vestite in smoking e abiti da sera. Poi Linda si rese conto che c'era una ragazza con un abito da sposa molto bianco e fluente. Aveva una stretta stretta su un giovane, che indossava uno smoking a noleggio.

Sapeva che era in affitto, perché era troppo grande per la sua fragile struttura. La ragazza sorrideva da un orecchio all'altro, tuttavia il giovane aveva l'aspetto di un detenuto, dal braccio della morte che cammina lentamente verso la porta verde.

Richard suggerì di spostarsi a prua della barca e di allontanarsi dalla folla. A parte lo sposo, Linda non aveva mai visto un gruppo più felice. Entrarono e Linda si sentì male per il giovane mentre lui guardava verso di lei con la paura negli occhi, implorando inconsciamente che qualcuno intervenisse in suo favore. Credeva davvero che l'ultima volta che avrebbe preso una decisione sarebbe stato questo pomeriggio, quando ha detto: "Lo voglio".

Poi alzò lo sguardo su Richard e in cuor suo sapeva che non si sarebbe mai sposato. Non ce n'era davvero bisogno, e c'erano troppe altre cose da prendere in considerazione. Sapeva che gli piaceva la loro vita insieme e se avesse affrontato l'argomento del matrimonio, probabilmente avrebbe detto,

"Beh, grazie, ma no grazie."

Chissà che pensava, forse da qualche parte lungo la strada? Sapeva che era troppo presto, adesso. Mentre la barca si allontanava dal molo di Bahia, si sentiva come una ragazzina a cui era stato promesso un viaggio a Disneyland, ma che si stava dirigendo verso il divertimento a tre miglia all'ora.

La figa di Linda faceva male per Richard. Non potrebbero farlo lì nella parte anteriore della barca, o giù nella sala macchine. Sarebbe stato facile pensare che dopo tutto non indossava mutandine per mettersi in mezzo, non che le mutandine le avessero mai fermate prima.

"Richard possiamo andare in bagno o da qualche parte? Ho davvero bisogno di te."

"Torneremo in albergo tra circa quarantacinque minuti. Andrà tutto bene. Rilassati e cerca di non pensarci."

Facile per lui, non era una ragazza che aveva bisogno di un cazzo. Non aveva una figa gocciolante. Sentiva che era colpa della donna nel corso dei secoli se non avevano detto agli uomini quanto volevano e avevano bisogno del sesso.

Certamente alcune donne sposate facevano le puttane nelle loro camere da letto con i loro mariti, ma la maggior parte degli uomini pensava sempre che le donne stessero davvero facendo loro un favore, o lo stessero facendo per avere figli, e non volevano o non avevano bisogno del piacere di farlo. Non c'era da stupirsi che ci fossero così tante persone che erano incasinate nel mondo. Linda si aggrappò al forte braccio di Richard mentre la barca scivolava attraverso la baia.

"Linda, guarda le luci dei palazzi che si riflettono nell'acqua. Bellissime no?"

'Yah... giusto lei pensava... luci. Questo le avrebbe distolto la mente dal suo bel cazzo grosso e duro e dal sesso strabiliante. Accidenti, questa barca è lenta, pensò mentre scivolava agonizzante verso il loro hotel e la sua eventuale soddisfazione. Dio, pensava, amava il cazzo di Richard e tutto ciò che era connesso».

Quando la barca si avvicinò al molo, Linda sentì di poter saltare gli ultimi quindici piedi con Richard sulle spalle. Era così calda e arrapata; pensava che tutti potessero vederlo, tuttavia era esteriormente fredda e raccolta. La barca attraccò e scesero. Stava camminando velocemente verso l'ascensore quando Richard disse:

"Rallenta piccola, ci arriveremo."

"Farai meglio a sbrigarti," disse sorridendo, "o comincerò senza di te."

Entrarono nell'ascensore e Linda lo afferrò, le braccia intorno alla sua vita, tirandolo a sé.

"Tesoro," disse, "lasciami andare un secondo. Non riesco a raggiungere il pulsante del pavimento."

"Oh, va bene... Sbrigati."

La porta dell'ascensore si chiuse molto per rallentare per Linda, poi ronzò e lei lo sentì tirare lentamente verso l'alto. Non sarebbe passato molto tempo, pensò, tranne che si fermò al terzo piano. Salirono due passeggeri e Linda li guardò con i pugnali che le uscivano dagli occhi. Non sapevano quanto avesse bisogno di raggiungere la stanza?

Le porte si richiusero lentamente e Linda gemette ad alta voce. Non se ne era accorta finché la coppia più anziana non l'aveva guardata in modo strano. L'ascensore finalmente arrivò al loro piano e lei gli afferrò la manica del cappotto, cercando di trascinarlo attraverso le porte dell'ascensore che si aprivano.

Richard guardò la coppia, sorrise e pronunciò la parola con la bocca,

"Bagno."

La coppia più anziana sorrise e annuì con la testa comprendendo la difficile situazione delle povere ragazze, credevano. Rimase in piedi sulla porta della loro stanza, respirando affannosamente, fissando Richard con il dolore negli occhi socchiusi e iniettati di sangue.

Aveva l'aspetto di qualcuno che aveva bisogno di un esorcista, ma lui sapeva che voleva solo del buon sesso. Richard tirò fuori il portafoglio dalla tasca della giacca e tirò fuori la chiave magnetica.

"Dai Rickey, sbrigati." Disse con un gemito frustrato.

Quando la porta si aprì, lei lo tirò per la manica, quasi non permettendogli di chiudersi e chiudere a chiave la porta. Lo trascinò con sé sul divano non volendo perdere tempo entrando in camera da letto. Si sedette sul divano e mentre lui si trovava di fronte a lei, lei gli aprì i pantaloni e glieli tirò alle caviglie. Ha poi tirato su i suoi pantaloncini da fantino fino a quando non sono caduti anche loro. Si sentiva un po' sciocco a stare lì; indossava la giacca, la camicia e la cravatta, mentre la parte inferiore del vestito era intorno alle caviglie.

Linda ha afferrato il suo pene, che non era eretto a causa di tutte le sue attività selvagge. Quando si accorse che era flaccido, gemette forte come se fosse morto un amico. Velocemente lo afferrò e iniziò a masturbarlo, poi quando iniziò a salire un po', anche se non abbastanza velocemente per lei, lo prese in bocca e lo succhiò più forte che poteva.

Quando cominciò a salire in modo significativo, lo lasciò andare e afferrò l'orlo del vestito, tirandolo fino alla vita. Quando ha visto la sua splendida figa spalancata e bagnata, si è abbassato e ha posizionato la testa del suo cazzo all'ingresso della sua vagina.

Quando toccò l'apertura lei gemette, con un grido frustrato e venne, afferrando il divano e chiudendo gli occhi.

"Oh Dio Richard," disse quasi in lacrime, "spingilo dentro di me e scopami... per favore... scopami forte."

Richard fece come gli era stato ordinato e iniziò ad entrare in profondità dentro di lei. Allungò una mano e gli allentò la cravatta, poi gliela tirò sopra la testa, prendendola sotto il suo naso. Mentre continuava a muoversi dentro e fuori da lei, si sforzò di togliersi la giacca e la camicia. La sua figa si stava stringendo intorno a lui quando è tornata.

Tuttavia, poiché non era ancora completamente soddisfatta, si allungò e affondò le unghie nei muscoli delle natiche di lui, e allo stesso tempo avvolse le gambe intorno alle sue. Nel suo modo entusiasta il suo culo si sollevò dal divano mentre lo scopava più forte che poteva. Continuarono per un'altra mezz'ora, e dopo altri tre orgasmi, Richard le squittì dentro.

Era sollevata e se avesse fumato, avrebbe avuto una sigaretta in quel momento, tuttavia lo tirò giù sopra di sé e lo baciò a lungo e bagnato in segno di apprezzamento per ciò che aveva fatto per lei.

"Grazie... ne avevo davvero bisogno," disse, baciandolo di nuovo.

"Potrei dire", ha detto sorridendo. "Non credo che berrai più bevande alcoliche. Mi basti senza essere stimolato artificialmente."

Continua ...

Storie simili

Il negozio d'angolo seconda parte

La prima parte è qui: sexstories.com/story/82788/ Controllò l'orologio, sarebbe arrivata presto. Era circa una settimana dopo, ero nel suo negozio, la mamma mi aveva mandato a prendere il cibo di cui avevamo bisogno per il fine settimana. Dopo aver chiamato tutto nella cassa e aver messo tutti gli oggetti in tre grandi sacchetti di plastica. Lui mi disse: Mi devi ancora un sacco di soldi, dovrai andare nella stanza sul retro oggi Scioccato, balbettai. No. Per favore, signor Hassan, non voglio farlo Mi afferra il braccio, dicendomi; Non hai altra scelta ragazza, pensi che tutto il cibo e i soldi siano...

2.6K I più visti

Likes 0

Tim, l'adolescente parte XV

Nota: ——NON sono l'autore! Ci sono diversi autori in realtà, non sono così sicuro che qualcuno di loro sia il creatore, ma so che non sono io. Sto semplicemente condividendo questa bella storia con tutti voi perché non l'ho vista qui. Ora in origine dovevano essere tutte 9 parti, ma... Qualcuno ha detto che la prima era troppo lunga, quindi ho deciso di dividerle tutte in post più piccoli. Ho pensato di provare un aspetto e una struttura della frase diversi per questo capitolo, per favore fatemi sapere come vi piace. BUON APPETITO--- Tim, l'adolescente parte quindici di: Rass Senip +++...

2.8K I più visti

Likes 2

Una ragazza impara la lezione

Tornando faticosamente verso le stalle, Katy si chiese se questo lavoro valesse davvero tutti gli sforzi. Aveva fatto una lunga passeggiata e ora stava iniziando a piovere. Si sarebbe bagnata nell'ultimo miglio. Ha tirato il guinzaglio del cane e ha iniziato a correre verso la fattoria e il rifugio. Da sei settimane lavorava al maneggio e le vacanze estive erano quasi finite. Questo è stato l'inizio della sua ultima settimana. Il lavoro non era molto ben pagato, ma poi la signora Johnson, la proprietaria della scuola di equitazione, permise a Katy di stallare il proprio cavallo lì gratuitamente e fu in...

2.7K I più visti

Likes 0

Un altro ospite di benvenuto 11

Dei greci -------------- Zeus - Re degli dei greci Era - Regina degli dei greci, sorella e moglie di Zeus Ade - dio degli inferi, fratello di Zeus Poseidone - dio del mare, fratello di Zeu Demetra - dea del raccolto e della fertilità della terra, sorella di Zeus Afrodite - Figlia di Zeus e Dione, Dea dell'amore, della bellezza e della sessualità Artemide - Figlia di Zeus e Leto, dea della caccia, della luna e della castità Atena - Figlia di Zeus e Metis, dea della saggezza, coraggio, ispirazione, civiltà, legge e giustizia, guerra strategica, matematica, forza, strategia, arti, mestieri...

3K I più visti

Likes 0

L'uomo della manutenzione 2

L'uomo della manutenzione 2 --------------------------------------------------- --------------------------------------------------- ---------------- Mark si svegliò il giorno dopo con una strana sensazione, il suo cazzo era immerso in una sensazione calda, umida, di suzione, era meravigliosamente diversa da qualsiasi cosa avesse mai sentito. Poi all'improvviso ha avuto una sensazione non dissimile dal dover pisciare. Poi si è sentito così com'era che stava pompando la pipì fuori, ma non del tutto, ha avuto una sensazione più meravigliosa di quella, poi all'improvviso come è iniziato è sparito. Senza pensarci troppo perché pensava che fosse un sogno, ripiombò più profondamente nel sonno. Risvegliandosi un paio d'ore dopo, Mark guardò...

2.7K I più visti

Likes 0

Imbevuto

Questa è la mia prima storia; è una storia vera di qualche anno fa. Sentiti libero di darmi i tuoi commenti e ti diverti tanto quanto me!! Sapevo che non sarebbe stata contenta che non fossi andata a prenderla perché pioveva così forte ma ero davvero impegnata in casa che avevo perso la cognizione del tempo, comunque aveva compiuto 16 anni il giorno prima quindi voleva la sua 'Indipendenza'. Mi chiamo Chris e ho 24 anni e sono il tutore ufficiale di Debbie, la cui mamma stava viaggiando per il mondo apparentemente trovandosi e papà stava abbastanza felicemente crescendo la sua...

2.7K I più visti

Likes 0

The Demons Harem Part One: Il raduno

Ti insegneremo ogni sorta di cose nuove Il brutto bruto ridacchiò mentre afferrava una delle braccia della ragazza e la spingeva nella cella. Lei inciampò sul pavimento sporco mentre lui chiudeva il cancello di metallo arrugginito, sbattendolo contro le sbarre, facendo tintinnare la gabbia come una prigione. Sapevano che questo giorno stava arrivando. Tutte le ragazze dei villaggi vicini sono cresciute nella paura sommessa che un giorno verranno portate via dalle loro famiglie e costrette alla schiavitù. Un'altra guardia sputò nella gabbia, cadendo ai piedi di una delle ragazze. Le sue labbra si arricciarono e distolse lo sguardo. Creature disgustose. Pelle...

1.3K I più visti

Likes 0

Le avventure del Villaggio della Foglia di Naruto!

Era una primavera tranquilla nel villaggio della foglia, Orochimaru era insolitamente tranquillo, gli altri villaggi inviavano messaggi occasionali che tutto andava bene e non era necessario alcun aiuto. A questo punto però, proprio come direbbero Rock Lee e Might Guy, questi ragazzi sono nella primavera della loro giovinezza! L'amore! E la passione sono le strade per l'età adulta! Questa era una delle citazioni più veritiere pronunciate da Might Guy, e descriveva esattamente cosa stava succedendo nel villaggio della foglia in quel momento... Subito dopo una missione, alla periferia del villaggio della foglia, in un'accogliente locanda, Naruto, Sakura e Sasuke si stavano...

1.1K I più visti

Likes 0

Nuovi orizzonti

Davvero difficile essere un ragazzo a quindici anni. Non ancora un uomo, ma anni luce dall'infanzia. Non ho soldi per parlare: il turno occasionale del fine settimana al McDonald's mi tiene a malapena in forma. Niente macchina, troppi compiti e, peggio ancora, nessuna ragazza normale ed è di questo che voglio parlarti. Certo, alcune ragazze della mia classe sono simpatiche. Sandra ha una bella testa sulle spalle ma questo è il problema, ho sentito che anche lei fa una bella testa. Jackie è tutta innocenza, almeno questa è l'immagine che le piace trasmettere. Adesso però è una specie di problema, dopo...

557 I più visti

Likes 0

Affare di famiglia - capitolo 3

Quindi eccomi lì, seduto nudo al tavolo della colazione, come aveva richiesto la mamma, a mangiare i miei cereali. Con la sua tazza di caffè, la mamma venne e si sedette al tavolo. Quando si avvicinò al tavolo, il suo vestito di cotone non faceva nulla per nascondere il fatto che non indossava un reggiseno, le sue tette ondeggiavano mentre faceva i pochi passi verso il tavolo. Quando si sedette di fronte a me, la parte superiore, con i primi tre bottoni slacciati, rimase a bocca aperta per rivelare uno scorcio delle sue tette mentre pendevano lì, invitanti. Solo vedere quella...

441 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.