Problemi con l'imbarco Parte 1

793Report
Problemi con l'imbarco Parte 1

(Più background che altro. Fammi sapere cosa ne pensi. Se positivo ne pubblicherò altri. La mia prima storia quindi per favore commenta!)


Dovrebbero essere gli anni migliori della tua vita, ma il mio primo anno di università è iniziato male. Sono stato ripudiato dalla mia famiglia. Non capivano il mio desiderio di andare a scuola d'arte. Mio padre diceva che laurearsi in letteratura inglese non significava niente. Potevo già leggere, quindi perché pagare migliaia di dollari per avere un pezzo di carta che diceva che potevo. Volevano che mi sistemassi, trovassi un uomo che potesse aiutare mio padre con i suoi affari idraulici, ma ero determinato ad andare. Dissero che non volevano avere niente a che fare con me se quella era la strada che avevo scelto di prendere e quindi mi sarei trasferito in città da solo.

Il primo problema era ovviamente il denaro, ma tanti problemi ne derivarono. Prima di tutto non avevo un posto dove vivere. Ho fatto amicizia con una guardia di sicurezza quando ho visitato la scuola per la prima volta e lei mi ha lasciato stare nel residence, che è stato utilizzato come hotel fino all'inizio dell'anno scolastico. Mi sono trovato un lavoro in uno dei Mcdonald locali e ho iniziato a risparmiare. Anche saltando i pasti per risparmiare più soldi, sapevo che non avrei potuto permettermi di vivere con la risorsa. È stato allora che ho iniziato a cercare un appartamento.
Un posto tutto mio sarebbe stato l'ideale. Desideravo ardentemente l'indipendenza che mi dava la lontananza da casa, ma gli appartamenti con una camera da letto costavano più di 650. Era decisamente fuori dal mio budget, quindi ho cercato di affittare una stanza da una famiglia. Passavo ogni notte sui computer della scuola a cercare stanze in affitto pregando per qualcosa di abbastanza economico.

Erano le prime ore del mattino, circa 2 settimane dall'inizio del semestre, quando ho trovato un annuncio piuttosto ambiguo. Era vago, ma rivelato abbastanza da suscitare il mio interesse

“STANZA ECONOMICA PER GIOVANE STUDENTE FEMMINILE. INCLUDIAMO TUTTO”

Era appena stato pubblicato, quindi ho composto il numero sul sito. Questa era stata la routine dell'ultimo mese. Spesso arrivavo troppo tardi, quindi non correvo rischi.

Un uomo rispose al secondo squillo. La sua voce era profonda, roca e leggermente inquietante.

"Ciao?"

"Buonasera signore, mi chiamo Rebecca Fitch, mi dispiace chiamare così tardi, ma speravo di poter parlare con qualcuno della stanza che ha a disposizione?" Le mie parole sono cadute mentre i nervi hanno avuto la meglio su di me. La scadenza si stava avvicinando. Avevo bisogno di un posto il prima possibile.

“Uhhhh sì. Dave qui. Mia moglie mi costringerà a sostenere i colloqui domani mattina. Puoi farlo?" Accettai con entusiasmo e annotai l'indirizzo. Mi sono reso conto dopo aver riattaccato che non sapevo quanto fosse "economico". Vabbè qualcosa da scoprire al mattino.

Il giorno dopo mi trovavo davanti a una casa fatiscente alla periferia della città. La fermata dell'autobus non era troppo lontana e ho avuto un biglietto gratuito da quando ero uno studente, quindi la posizione, sebbene scomoda, non mi ha infastidito. Ho bussato alla porta e mi ha aperto un ragazzo. Aveva folti capelli castani ricci e occhi color cioccolato. Sembrava avere più o meno la mia età. Non ci è voluto molto per capire che non ero l'unico a controllare la nuova persona. I suoi occhi correvano su e giù per il mio corpo, senza mai incontrare i miei occhi. Improvvisamente mi resi conto di come i miei vestiti drappeggiassero intorno alla mia figura. La t-shirt dal taglio basso e inadatto continuava a scendere un po' troppo in basso mostrando un lampo del mio reggiseno nero sostenuto da tette a coppa. Avevo perso molto peso da quando mi sono trasferito qui 2 mesi fa, quindi niente si adattava correttamente. I miei pantaloni erano di qualche taglia più grandi ed ero preoccupato che notasse la loro tendenza a scivolare giù mentre camminavo. I miei capelli castani mi ricadevano sulle spalle, incorniciati da grandi occhi verdi, ma i suoi occhi non arrivavano mai così in alto.

"Sono qui per l'appartamento?"

Annuì e fece un gesto all'interno. Alla fine distolgo gli occhi da me per girarmi ed entrare in casa. L'ho preso come spunto per seguirlo.

Ho seguito il giovane nel soggiorno dove un altro uomo era disteso sul divano. Anche lui non è riuscito a stabilire un contatto visivo, fissando invece il mio petto.

“Mia moglie doveva andare a lavorare ma puoi andare a vedere la stanza. È in fondo al corridoio.»

Rimasi sorpreso dalla sua informalità, ma camminai volentieri lungo il corridoio, sfuggendo agli occhi indiscreti degli uomini. La camera era perfetta. Aveva una grande finestra a bovindo che occupava la maggior parte del muro, una piccola scrivania, una cassettiera e un letto erano tutto ciò che c'era nella stanza.

“L'affitto è di 150 tutto compreso. Cibo, internet, tutto” fui a dir poco sorpreso dalla voce dietro di me. Saltai e mi ricomposi rapidamente. Non mi piaceva la famiglia, ma a questo punto avevo bisogno di un posto e 150 era il più economico che avessi trovato da nessuna parte.

"Veramente? Penso che mi interessi"

L'uomo sorrise e disse: “Bene, allora vieni a firmare i documenti. E sbrigati, ho dei posti dove andare.

Non potevo credere che volesse già che firmassi. Non sapeva niente di me né io sapevo molto dell'appartamento. “Oh beh, è ​​un contratto di locazione per un anno intero? Non ho un posto dove andare durante le vacanze quindi...” annuì con un sorriso e io mi spostai a disagio. Qualcosa mi ha solo fatto venire la nausea qui e se non fossi stato così disperato avrei potuto prenderlo più lentamente, ma la mia mano ha afferrato la penna e ha firmato il foglio. "Quando posso trasferirmi?" chiesi timidamente

“Ora” disse burbero. Joel può accompagnarti a ritirare le tue cose.

Non avevo molta roba, quindi non ci è voluto molto tempo per fare le valigie e mettere la mia valigia in macchina dove il giovane mi stava aspettando. L'ho fatto fermare in banca per avere 300 dollari. Non era stato detto nulla sul primo e sull'ultimo, ma ho pensato che fosse quello che ci si aspettava. Non si parlava molto tra me e il ragazzo. Trascorreva più tempo al telefono a mandare messaggi che a guardare la strada.

Ho lasciato la mia roba e sono corso fuori dalla porta. Ero in ritardo per il lavoro e dovevo prendere l'autobus successivo. Avevo aspettato solo il tempo necessario per consegnare a Dave i soldi dell'affitto e assicurarmi che la porta fosse aperta quando sarei tornata a casa quella sera. Dopo avermi assicurato che sarei partito per lavoro, gettando presto la strana situazione di vita in cui mi ero cacciato.

Sono tornato "a casa" ben dopo mezzanotte. Era stato un turno lungo ed ero così stanco. La porta era aperta e ho chiuso con impazienza la porta della mia stanza, spogliato in mutande, troppo stanco per trovare il mio pigiama nella mia borsa e rannicchiato nel letto, addormentandomi quasi immediatamente.

Un pesante peso sul mio corpo mi ha svegliato. Una mano che mi ha stretto la bocca e un'altra che mi ha tirato su il reggiseno è stata la prima cosa che ho notato. Dave si mise a cavalcioni sulla mia vita, la sua forma pesante mi inchiodò al letto. Era buio ma potevo sentire il suo respiro caldo sul mio collo e le dita che mi pizzicavano i capezzoli. Ho provato a muovere i fianchi, a buttarlo via, ma era troppo pesante e ho finito per schiacciare i fianchi contro il suo inguine. Di riflesso le mie mani scesero per allontanare i suoi fianchi. Ho afferrato qualcosa di lungo, spesso e caldo. Ci volle un momento per capire che era il suo cazzo attorno al quale avevo avvolto le dita. Ho sentito la sua risatina e ho lasciato un gemito soffocato di disgusto prima di allontanare di scatto le mani. "Sapevo che volevi questa puttana" lo prese in giro. I miei capezzoli erano duri per la paura e il mauling li rendeva incredibilmente sensibili. La sua lingua calda mi risalì il collo e mi circondò l'orecchio. Ho provato a scuotere la testa per svegliarmi da questo incubo, ma la lingua ha continuato a esplorare il mio corpo. Non c'era scampo. L'unico suono nella stanza era il nostro respiro pesante e l'occasionale gemito di dolore da parte mia quando Dave stringeva troppo forte. Questo non potrebbe accadere.

Storie simili

Il negozio d'angolo seconda parte

La prima parte è qui: sexstories.com/story/82788/ Controllò l'orologio, sarebbe arrivata presto. Era circa una settimana dopo, ero nel suo negozio, la mamma mi aveva mandato a prendere il cibo di cui avevamo bisogno per il fine settimana. Dopo aver chiamato tutto nella cassa e aver messo tutti gli oggetti in tre grandi sacchetti di plastica. Lui mi disse: Mi devi ancora un sacco di soldi, dovrai andare nella stanza sul retro oggi Scioccato, balbettai. No. Per favore, signor Hassan, non voglio farlo Mi afferra il braccio, dicendomi; Non hai altra scelta ragazza, pensi che tutto il cibo e i soldi siano...

2.6K I più visti

Likes 0

Tim, l'adolescente parte XV

Nota: ——NON sono l'autore! Ci sono diversi autori in realtà, non sono così sicuro che qualcuno di loro sia il creatore, ma so che non sono io. Sto semplicemente condividendo questa bella storia con tutti voi perché non l'ho vista qui. Ora in origine dovevano essere tutte 9 parti, ma... Qualcuno ha detto che la prima era troppo lunga, quindi ho deciso di dividerle tutte in post più piccoli. Ho pensato di provare un aspetto e una struttura della frase diversi per questo capitolo, per favore fatemi sapere come vi piace. BUON APPETITO--- Tim, l'adolescente parte quindici di: Rass Senip +++...

2.8K I più visti

Likes 2

Una ragazza impara la lezione

Tornando faticosamente verso le stalle, Katy si chiese se questo lavoro valesse davvero tutti gli sforzi. Aveva fatto una lunga passeggiata e ora stava iniziando a piovere. Si sarebbe bagnata nell'ultimo miglio. Ha tirato il guinzaglio del cane e ha iniziato a correre verso la fattoria e il rifugio. Da sei settimane lavorava al maneggio e le vacanze estive erano quasi finite. Questo è stato l'inizio della sua ultima settimana. Il lavoro non era molto ben pagato, ma poi la signora Johnson, la proprietaria della scuola di equitazione, permise a Katy di stallare il proprio cavallo lì gratuitamente e fu in...

2.7K I più visti

Likes 0

L'uomo della manutenzione 2

L'uomo della manutenzione 2 --------------------------------------------------- --------------------------------------------------- ---------------- Mark si svegliò il giorno dopo con una strana sensazione, il suo cazzo era immerso in una sensazione calda, umida, di suzione, era meravigliosamente diversa da qualsiasi cosa avesse mai sentito. Poi all'improvviso ha avuto una sensazione non dissimile dal dover pisciare. Poi si è sentito così com'era che stava pompando la pipì fuori, ma non del tutto, ha avuto una sensazione più meravigliosa di quella, poi all'improvviso come è iniziato è sparito. Senza pensarci troppo perché pensava che fosse un sogno, ripiombò più profondamente nel sonno. Risvegliandosi un paio d'ore dopo, Mark guardò...

2.7K I più visti

Likes 0

Imbevuto

Questa è la mia prima storia; è una storia vera di qualche anno fa. Sentiti libero di darmi i tuoi commenti e ti diverti tanto quanto me!! Sapevo che non sarebbe stata contenta che non fossi andata a prenderla perché pioveva così forte ma ero davvero impegnata in casa che avevo perso la cognizione del tempo, comunque aveva compiuto 16 anni il giorno prima quindi voleva la sua 'Indipendenza'. Mi chiamo Chris e ho 24 anni e sono il tutore ufficiale di Debbie, la cui mamma stava viaggiando per il mondo apparentemente trovandosi e papà stava abbastanza felicemente crescendo la sua...

2.7K I più visti

Likes 0

The Demons Harem Part One: Il raduno

Ti insegneremo ogni sorta di cose nuove Il brutto bruto ridacchiò mentre afferrava una delle braccia della ragazza e la spingeva nella cella. Lei inciampò sul pavimento sporco mentre lui chiudeva il cancello di metallo arrugginito, sbattendolo contro le sbarre, facendo tintinnare la gabbia come una prigione. Sapevano che questo giorno stava arrivando. Tutte le ragazze dei villaggi vicini sono cresciute nella paura sommessa che un giorno verranno portate via dalle loro famiglie e costrette alla schiavitù. Un'altra guardia sputò nella gabbia, cadendo ai piedi di una delle ragazze. Le sue labbra si arricciarono e distolse lo sguardo. Creature disgustose. Pelle...

1.3K I più visti

Likes 0

Le avventure del Villaggio della Foglia di Naruto!

Era una primavera tranquilla nel villaggio della foglia, Orochimaru era insolitamente tranquillo, gli altri villaggi inviavano messaggi occasionali che tutto andava bene e non era necessario alcun aiuto. A questo punto però, proprio come direbbero Rock Lee e Might Guy, questi ragazzi sono nella primavera della loro giovinezza! L'amore! E la passione sono le strade per l'età adulta! Questa era una delle citazioni più veritiere pronunciate da Might Guy, e descriveva esattamente cosa stava succedendo nel villaggio della foglia in quel momento... Subito dopo una missione, alla periferia del villaggio della foglia, in un'accogliente locanda, Naruto, Sakura e Sasuke si stavano...

1.1K I più visti

Likes 0

Nuovi orizzonti

Davvero difficile essere un ragazzo a quindici anni. Non ancora un uomo, ma anni luce dall'infanzia. Non ho soldi per parlare: il turno occasionale del fine settimana al McDonald's mi tiene a malapena in forma. Niente macchina, troppi compiti e, peggio ancora, nessuna ragazza normale ed è di questo che voglio parlarti. Certo, alcune ragazze della mia classe sono simpatiche. Sandra ha una bella testa sulle spalle ma questo è il problema, ho sentito che anche lei fa una bella testa. Jackie è tutta innocenza, almeno questa è l'immagine che le piace trasmettere. Adesso però è una specie di problema, dopo...

557 I più visti

Likes 0

Affare di famiglia - capitolo 3

Quindi eccomi lì, seduto nudo al tavolo della colazione, come aveva richiesto la mamma, a mangiare i miei cereali. Con la sua tazza di caffè, la mamma venne e si sedette al tavolo. Quando si avvicinò al tavolo, il suo vestito di cotone non faceva nulla per nascondere il fatto che non indossava un reggiseno, le sue tette ondeggiavano mentre faceva i pochi passi verso il tavolo. Quando si sedette di fronte a me, la parte superiore, con i primi tre bottoni slacciati, rimase a bocca aperta per rivelare uno scorcio delle sue tette mentre pendevano lì, invitanti. Solo vedere quella...

441 I più visti

Likes 0

Mio cugino. Il mio amante

MIO CUGINO. IL MIO AMANTE. Questa è la prima volta in assoluto una storia vera scritta da mio cugino. Questo è anche il suo primo messaggio. Sii gentile. Per quanto posso ricordare, ho avuto una cotta enorme per mio cugino di secondo grado. Devo dire che ha 13 anni più di me. Quando avevo 14 anni, mia madre, mia sorella ed io eravamo tutti fuori a casa della sua famiglia per l'annuale barbecue del 4 luglio. Ero sceso da solo per usare il bagno e l'ho visto indossare il costume da bagno attraverso una fessura nella porta della camera da letto...

3K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.