Esame medico

815Report
Esame medico

L'annuncio sul City Paper era intrigante. Un ricercatore scientifico stava cercando donne che partecipassero a un esperimento per determinare l'intensità e la durata degli orgasmi femminili.

Heather, che era più che un po' insoddisfatta del suo attuale amante convivente - era più interessato alla propria gratificazione che alla sua - decise di indagare. Certamente aveva l'orgasmo, ma ultimamente sembrava passare più tempo ad andare che a venire. Si chiedeva se le sue reazioni fisiche al fare l'amore fossero simili a quelle che provavano le altre donne. Forse il ricercatore potrebbe aiutare.

L'indirizzo nell'annuncio indicava che il ricercatore (maschio...femmina... switch hitter?) stava conducendo gli esperimenti in una casa di città vicino a McLean. "Sembra un indirizzo abbastanza sicuro", pensò Heather tra sé.

Heather è andata a McLean dal suo appartamento a Capitol Hill. Mentre percorreva la Parkway, si chiese cosa avrebbe incontrato. Inconsciamente, la sua mano destra era sul seno, le sue dita le pizzicavano delicatamente il capezzolo. Un tizio che le passava accanto sulla destra si voltò, vide cosa stava facendo Heather e iniziò a suonare il clacson.

Heather lanciò un'occhiata, diede un'occhiata al tipo Yuppie nella Porsche che indossava un completo a tre pezzi, decise che era un avvocato - la forma di vita più bassa - e tirò fuori la lingua. Ha guidato.

Attraversando la corsia di destra, Heather imboccò l'uscita e, seguendo le indicazioni in fondo all'annuncio, entrò nel complesso residenziale, trovò l'appartamento giusto, parcheggiò l'auto e scese.

Mentre Heather risaliva il marciapiede di mattoni, la porta d'ingresso della casa si aprì e ne uscì una giovane donna. Sembrava arrossata. Il suo trucco era storto, c'erano gocce di sudore sulla sua fronte e la sua camicetta era abbottonata male. La giovane donna aveva anche difficoltà a superare i tre gradini che scendevano dalla porta al marciapiede.

"Stai bene?", chiese Heather alla donna. "Non hai un bell'aspetto." "Oh, sto bene adesso," rispose la giovane donna. "Sono appena stata dal dottore e mi ha fatto un esame molto approfondito..." "Esame?" chiese Heather. "Che tipo di esame, che tipo di dottore?" Heather stava iniziando a ripensarci sull'esperimento.

"Beh," disse la giovane donna, "Sono stata lì dentro per quasi cinque ore e non ho mai vissuto niente del genere. È stato incredibile! Voglio dire, pensavo che stavo per..."

In quel momento, la porta della casa si aprì di nuovo e un uomo di mezza età uscì a metà strada. Guardò Heather per un momento o due, sospirò e iniziò a parlare.

"Sei qui per partecipare all'esperimento", disse l'uomo a Heather. Non ha formulato la sua osservazione sotto forma di domanda. La guardò dritto negli occhi.

"Perché... sì, lo sono," rispose Heather, "ma mi piacerebbe davvero sapere cosa sta succedendo là dentro." Heather stava cercando di sbirciare dietro la mente e vedere dentro la porta semiaperta della casa.


Attraverso la porta
Quasi inconsapevolmente, Heather si ritrovò a salire i tre scalini dietro l'uomo, che si era voltato ed era rientrato proprio mentre aveva iniziato a interrogarlo. In un passo o due, era all'interno della casa di città, in piedi in un atrio.

L'uomo era scomparso. Si guardò intorno. Non troppo squallido, pensò. Era in piedi su un pavimento di marmo rosato, sotto un lampadario di acciaio inossidabile. C'erano quelli che sembravano dipinti a olio originali sulle pareti dell'atrio. Non erano i grandi maestri, ovviamente, ma erano bravi. L'atrio aveva diversi corridoi che conducevano all'interno della casa a schiera. Heather decise di seguirne uno. Il marmo continuava, ma era coperto da un tappeto cinese di seta grigia. Lungo le pareti del corridoio, in stile galleria pensile, c'erano altri quadri, alcuni olii, alcuni acquerelli, ma tutti evidentemente opera della stessa persona. Le scene erano marine.

Heather seguì il corridoio fino alla fine, dove trovò una porta con un piccolo cartello inciso: "Office". Sentendosi un po' come Alice che segue il Cappellaio Matto, Heather prese la maniglia della porta, la girò, spinse la porta ed entrò nell'ufficio.

Ha subito calpestato un tappeto di lana bianca pensante, fino alle caviglie. Bianco puro, bianco come la neve. Heather si guardò intorno, vide l'uomo che aveva visto prima seduto dietro una scrivania di vetro, su una spessa sedia girevole di pelle rossa. I piedi dell'uomo erano sulla scrivania. Sembrava scarmigliato, anche se ben vestito.

Sulla quarantina, pensò Heather. Capelli castani, un po' grigi, baffi e ovviamente miope. Camicia costosa e maglione bianco a trecce. Sembra intelligente. «Siediti, signorina», disse l'uomo con voce autoritaria ma gentile. "Sono il dottor Miller. Come posso aiutarti?"

"Ho letto il suo annuncio, dottor Miller," disse Heather. "Sono Heather Longfellow. Mi piacerebbe sapere del suo esperimento."

"Per prima cosa," disse il dottore, "chiamami Alan. L'esperimento è esattamente come descritto nell'annuncio. Sto misurando la risposta orgasmica femminile e sto cercando dei soggetti. Ti interessa?"

"Come conduci il tuo esperimento?", Ha chiesto Heather. "Voglio dire, come fai a eccitare sessualmente una donna abbastanza da raggiungere un orgasmo? Usi attrezzature speciali?" Il dottor Miller ridacchiò un po'. "Sì, lo voglio," disse. È la mia attrezzatura ed è molto speciale, almeno per me. Prima di rispondere ad altre tue domande, però, ho bisogno che tu firmi una liberatoria e faccia un esame fisico. È un problema per te?"

Gli occhi di Heather saettavano per la stanza, guardando i certificati di laurea in medicina del dottore, le licenze per esercitare, i libri ei ricordi. Non aveva ancora la più pallida idea di cosa si stesse cacciando.

"Immagino che vada bene", disse Heather. "Fammi firmare la liberatoria."

"Bene," disse il dottore. "C'è uno spogliatoio accanto. Per favore, togliti i vestiti, indossa la vestaglia ed entra nella stanza contrassegnata con 'Esame'. "Sarò da te tra poco."

Heather si alzò e andò nello spogliatoio. Sembrava più il camerino di una donna, con una sedia Impero, uno specchio rotondo con luci per il trucco, una doccia e una grande vetrina. All'interno dell'armadietto c'erano confezioni sigillate di diverse marche di cosmetici costosi e applicatori sigillati. C'era anche un armadio con appendiabiti imbottiti.

Prima classe finora, pensò Heather, mentre appendeva il cappotto e cominciava a togliersi i vestiti. Trovò un accappatoio di seta bianca appeso nell'armadio. Anch'esso sembrava nuovo. Indossò il camice e andò nella stanza accanto. Il dottore era già lì.


L'esame
La sala d'esame era come nessuna che Heather avesse mai visto. In effetti, sembrava più un'elegante camera da letto del XIX secolo. La stanza era di circa 20 piedi quadrati. Di fronte alla porta - l'unica porta - c'era un bovindo con tendine di pizzo bianco traslucido. La moquette sul pavimento era soffice come nello studio del dottore, ma era rosa, come lo erano le pareti. Su ognuna delle pareti c'era una serie di acquarelli ben eseguiti che raffiguravano scene pastorali.

Al centro della stanza c'era un letto matrimoniale. Era un letto a baldacchino, con parapolvere e volant. C'era una spessa trapunta, rivolta verso il basso, e cuscini di piume. Le federe e le lenzuola erano di lino. Accanto al letto c'era un carrello con una varietà di quelli che sembravano dispositivi elettronici.

Il dottor Alan Miller stava sorridendo. "Sei pronta per il tuo esame, Heather?", chiese con voce gentile. "Sì, lo sono, Alan", ha risposto. "Cosa faccio prima?"

"Bene, la prima volta che vedo qualcuno di nuovo, cerco di farli sentire a proprio agio", ha detto il dottore. "Metterò su un po' di musica soft. Nel frattempo, togliti il ​​camice e, per favore, mettiti questa maschera imbottita sugli occhi. Abbasserò un po' le luci ma, nonostante ciò, trovo che i miei soggetti sperimentali siano messi molto più a loro agio se non possono effettivamente vedere cosa sta succedendo.

"Per favore, non preoccuparti. Non accadrà nulla di doloroso o dannoso." Heather stava cominciando a credere di aver commesso un grosso errore, ma la voce del dottore era gentile e mentre la giovane donna che aveva visto prima era un po' confusa, di certo non sembrava che le fosse stata fatta del male.

Heather lasciò cadere il camice sul pavimento mentre il dottore regolava lo stereo. Si avvicinò al letto e indossò la maschera imbottita. Era di seta nera, con rifiniture di pizzo bianco. Heather si sedette sul bordo del letto, incapace di vedere. La musica dallo stereo sembrava Mozart. "Sei a tuo agio, Heather?" chiese il dottore. "Sì, lo sono," rispose lei. "Allora perché non ti alzi e ti rilassi... Sarò da te tra pochi minuti."

Heather si sdraiò sul letto. Era solido e confortevole. Heather era molto attraente, così attraente che riceveva sempre più della sua parte di attenzione dagli uomini, sin da quando aveva 15 anni. Adesso aveva 29 anni e gli anni si erano solo aggiunti al suo splendore fisico.

Heather era alta 5'7 "e aveva un viso sorprendente con lunghi capelli castano scuro e una figura che rasentava il voluttuoso. Il suo viso era sia spigoloso che rotondo, e aveva un collo lungo e ben fatto. Un po' largo nelle spalle, il suo l'ossatura la aiutava a portare due seni grandi e quasi perfettamente rotondi che, a differenza di molti seni della sua taglia, sembravano puntare verso il cielo, sormontati da capezzoli insolitamente grandi, normalmente morbidi, ma che diventavano spesse matite quando era eccitata.

Il suo petto si assottigliava in una vita sottile ma non ossuta e poi il suo corpo si allargava generosamente verso i fianchi. La sua pancia sporgeva solo un po'. Sotto il suo ventre si alzava il suo tumulo, generosamente ricoperto di capelli castani morbidi, lunghi e ricci. Le sue labbra vaginali sporgevano notevolmente.

Heather aveva gambe lunghe e ben fatte. Quando aveva le gambe unite, si formavano diamanti su cosce, ginocchia e caviglie. I suoi piedi erano un 7A e, come molte donne, Heather aveva un feticismo per le scarpe. Preferirebbe comprare delle scarpe, si disse molte volte, piuttosto che scopare. Aveva lasciato il suo Ferragamo nel camerino.

Visto da dietro, Heather era un'opera d'arte. Il suo fondoschiena era magnifico... alto, arrotondato e sodo. Insomma, Heather era abbastanza per far sbavare addosso qualsiasi maschio eterosessuale. Heather era completamente rilassata sul letto, respirando regolarmente, quando il dottor Miller rientrò nella stanza.

"Ti senti bene adesso, Heather?" chiese. "Sì, sto bene, Alan", ha risposto. "Fantastico... sono pronto per iniziare. Inizierò toccandoti delicatamente in un certo numero di punti per determinare come sono i tuoi riflessi... sto iniziando adesso." Il dottor Miller mise le mani sulla testa di Heather e iniziò ad accarezzarla molto dolcemente... o almeno sembrava una carezza, pensò Heather.

Le sollevò i capelli e cominciò a toccarle le orecchie e il collo. Heather sospirò; le piaceva essere toccata lungo il collo. Il dottore cominciò allora a passarle le dita sulle labbra e sul naso. Poi si spostò sulle sue spalle e su sul suo petto. Mise le mani lungo i bordi dei suoi seni e li sollevò leggermente. Heather sospirò di nuovo e si contorse un po'. Ma lei non ha detto niente.

Il dottor Alan rimosse le sue mani per un momento e quando le riportò indietro, Heather pensò di sentire l'odore delle rose. Le posò i palmi delle mani sui seni... erano umidi, di una sostanza calda e profumata di rosa. Cominciò a passarle i palmi delle mani sui seni, spalmandoci sopra la crema.

Heather aveva qualche difficoltà a controllarsi. Non sapeva dove avrebbe dovuto eccitarsi o no, ma il dottor Alan stava facendo un lavoro su di lei. I suoi capezzoli divennero eretti, duri come chiodi. "Aha," disse il dottor Alan. All'improvviso rimosse la mano dal suo seno destro e un paio di secondi dopo, lei sentì la sua lingua leccarle il capezzolo. Le circondò il capezzolo con la lingua, tirandolo ancora di più.

Heather iniziò a gemere debolmente. Voleva allungare la mano ma non ci riusciva... aveva i polsi legati e non riusciva a sollevare le braccia più di qualche centimetro. Quando è successo, si chiedeva Heather. Il dottor Alan era impegnato con il suo capezzolo e stava alternando leccare e succhiare. Il suo palmo copriva l'altro capezzolo. Improvvisamente, ha tolto la mano ed è stata sostituita da una lingua... Aspetta un attimo, pensò Heather, mi sta succhiando il seno destro e anche quello sinistro viene succhiato?

"Dottor Alan, dottor Alan," disse Heather, un po' troppo piano. Ha riprovato. "Cosa sta succedendo qui... pensavo fossimo soli."

"Non hai alcun dolore, vero Heather?" chiese il dottor Alan. "No, no, non lo sono, ma ovviamente c'è qualcun altro qui con noi."

"Solo il mio assistente di ricerca", ha risposto il dottor Alan. "Nulla di cui preoccuparsi."

A quel punto, il dottor Alan (almeno Heather pensava che fosse il dottor Alan -- avrebbe potuto essere un altro assistente ricercatore!) tornò al suo seno destro e iniziò a leccarle e succhiarle il capezzolo. Entrambi i suoi seni venivano amati contemporaneamente, da due bocche diverse.

Forse sono morta e sono andata in paradiso, pensò Heather. Cominciò a percepire una tecnica diversa utilizzata su ciascun capezzolo. A destra, il suo seno veniva leccato e succhiato ea sinistra, il suo capezzolo veniva succhiato e fatto rotolare all'interno di una bocca. All'improvviso sentì un'altra lingua che le leccava dolcemente l'orecchio e ci respirava dentro. Morirò proprio qui, pensò Heather tra sé. Tre contro uno!

Poi raccolse di nuovo l'aroma di rosa e sentì una mano morbida che le accarezzava le labbra esterne della vagina. Piano, molto piano. Quasi come se non venisse toccato affatto. Girando e rigirando, le dita circondarono la sua apertura, senza mai indugiare su un punto per più di un secondo o due. Un rapido tuffo dentro ogni tanto e una spazzolata occasionale con il suo clitoride.

Heather iniziò a contorcersi sul letto. Aveva, al momento, una bocca su ciascun capezzolo, che la risucchiava in una frenesia, una lingua che le lambiva l'orecchio e ora un paio di dita gentili che le sondavano dentro. Cosa potrebbe succedere dopo, si chiese Heather.


Zona faretra
In quel momento, un fremito iniziò a crescere dentro di lei, ma il dottor Alan, percependo questo, sapeva che il momento di Heather non era ancora arrivato. Le ha subito iniettato un blando rilassante sessuale che aveva perfezionato di recente. Non ha attenuato nessuna delle sensazioni, ma ha rallentato quella parte del cervello che gridava per il rilascio sessuale.

Il respiro di Heather rallentò un po', ma si stava ancora dimenando sul letto. Non mi è mai successo niente del genere a Poughkeepsie, pensò. Improvvisamente, le dita che le sondavano la figa calda, profumata e ormai gocciolante si ritirarono. Quasi immediatamente, sentì una lingua, un'altra lingua, prendere il loro posto. Ciò significava che almeno quattro persone - Heather non sapeva se fossero maschi o femmine - le stavano lavorando.

Le mie cellule cerebrali stanno iniziando a dissolversi, pensò Heather. L'ultima lingua parlava molte lingue. Girava dolcemente sulle sue deliziose labbra della figa, con la parte superiore della lingua che leccava durante la corsa verso l'alto e la parte inferiore della lingua che la prendeva durante la discesa. Ogni tanto, la punta della lingua, per un secondo o due, colpiva il suo clitoride. Quindi la lingua si tuffava nella sua figa, per leccare le secrezioni che stava iniziando a depositare lì, apparentemente a litri.

Heather non riusciva ancora a muovere i polsi, perché le sue mani erano legate ai lati del letto. Niente di doloroso, e poteva muovere le mani su e giù un po', ma non troppo lontano.

Improvvisamente, un oggetto è stato messo in ciascuna delle sue mani. All'inizio non riusciva a capire cosa fossero, ma poi capì. C'era un cazzo di buone dimensioni appoggiato sul palmo di ciascuna delle sue mani, e dal tocco, ognuna era stata generosamente ricoperta con quella stessa crema profumata di rose che Heather aveva incontrato per la prima volta.

Heather avvolse la mano attorno a ciascun cazzo e iniziò a pomparli su e giù delicatamente. Sorrise all'improvviso...un cazzo era circonciso e l'altro no.

Poiché le sue mani erano legate e il suo corpo era altrimenti occupato, Heather non poteva dire se i cazzi che si stava masturbando appartenessero alle bocche che le lavoravano i capezzoli. Non era sicura che le importasse.

Allungò la mano per afferrare il sacco scrotale di ciascuno dei cazzi che stava manipolando. Heather amava le palle; erano divertenti con cui giocare e molto reattivi, pensò.

La bocca che le lavorava la figa si sollevò per prendere aria, perché il movimento si fermò. Poi le sue gambe sono state sollevate e messe ad anello, perché sono rimaste lì, in aria.

La lingua indagatrice tornò alla sua figa e un'altra trovò il segno tra le sue guance. Heather veniva leccata prima e dopo, ogni suo capezzolo veniva succhiato, c'era una bocca che le lavorava il collo e le orecchie e lei teneva un cazzo in ogni mano.

Heather iniziò a lavorare i cazzi che teneva un po' più velocemente. Erano entrambi lucidi e fece scivolare la punta del dito fino al foro all'estremità di ciascuno. Appiccicoso. Pre-cum. Heather lo adorava. Cominciò a strofinare la punta del dito intorno alla punta di ogni cazzo.

Mi sto davvero addentrando ora, pensò Heather. All'improvviso, sentì la voce del dottor Alan che diceva: "Adesso è quasi pronta... passiamo alla Fase II". Fase II, pensò Heather, vuoi dire, c'è Di più?


Heather si dissolve in una pozza di calda viscosità
Tutto si fermò, ma solo per un momento o due. Poi diverse paia di mani, piccole, notò Heather, iniziarono ad accarezzarle tutto il corpo e, allo stesso tempo, a strofinare altra crema al profumo di rosa.

Le mani erano sui suoi seni, tra le sue gambe, sul suo ventre, tra i globi perfetti sul suo fondoschiena, sulle sue gambe... ovunque. Heather perse il conto delle mani che la accarezzavano.

Ogni tanto, apparentemente solo per tenerla vicina al picco, un dito delicato scivolava in una delle sue aperture e vi applicava delicatamente la crema. Le terminazioni nervose di Heather stavano cominciando a urlare.

Solo concentrandosi Heather riuscì a ricordare che aveva lavorato su un paio di cazzi con le mani. Erano ancora lì, erette e appiccicose. Heather continuò ad accarezzarli, su e giù e su e giù e su e giù. Di tanto in tanto si fermava per toccare la viscosità che trasudava da loro. Lo raccoglieva sulla punta delle dita e poi lo strofinava sulla testa di ogni cazzo. Quindi raccoglieva il resto e lo faceva scorrere sull'asta di ogni cazzo. Poteva sentire la vena spessa sul fondo di ogni cazzo.

Le piccole mani smisero di accarezzare il suo corpo, lei fu sollevata in qualche modo in una posizione quasi seduta e poi sentì un corpo scivolare sotto di lei. Quando la persona è scivolata dai suoi piedi verso la sua testa, ha sentito una lingua sferzare la fessura tra i suoi bei panini. Poi un dito ricoperto di gelatina lubrificante ha sondato la sua apertura anale e ha iniziato a strofinarla dolcemente. Heather si rilassò... il sondaggio si sentiva bene e con ogni spinta gentile, i suoi muscoli si rilassavano. Il dito si ritirò. È stato sostituito con qualcosa di più grande... un cazzo.

Il cazzo gentile iniziò il suo attacco alla sua apertura anale e, guadagnando posizione, si fece strada all'interno. Poiché Heather era così rilassata e lubrificata e il "cazzista" era gentile, non c'era alcun dolore. In effetti, Heather iniziò a trovare piacevoli i movimenti.

In qualche modo, il letto iniziò a piegarsi e Heather (e il tizio sotto di lei) si ritrovò con la testa un po' più bassa dei suoi piedi. Un paio di mani iniziarono a stuzzicarle i capezzoli e un'altra mano iniziò a circondare lentamente le sue labbra vaginali gonfie, spargendo il suo stesso lubrificante mentre giocavano su e giù e attorno alle pieghe della carne succulenta.

Le mani si fermarono e lei sentì un uomo montarla. Ha un odore fantastico, pensò Heather, mentre il suo cazzo cominciava a stuzzicarla. Lo sentì sfregare attorno alle sue labbra inferiori e poi iniziò a sfrecciare avanti e indietro sulla testa del suo clitoride.

Il cuore di Heather iniziò a battere forte e inconsciamente iniziò ad aumentare i colpi su e giù che stava ancora applicando ai due cazzi che teneva. Li sentiva entrambi rabbrividire.

Tutto in una volta, il cazzo si immerse nella sua vagina, fino in fondo. Poteva sentire i capelli pubblici del tizio contro il suo basso ventre. "È ora", sentì dire dal dottor Alan. "Cerchiamo di coordinarci. Sul mio conto..."

"Uno." Il cazzo nella sua apertura anale è entrato nello stesso momento in cui il cazzo nella sua figa è stato tirato fuori. "Due." Il cazzo nella sua figa è entrato e quello nell'ano è stato tirato fuori. "Uno. Due. Uno. Due..."

I due cazzi stavano alternando spinte dentro e fuori la figa e l'ano di Heather. Heather ha abbinato il ritmo con le sue mani; si stava masturbando due cazzi durante i colpi di "uno, due".

Heather iniziò ad ansimare. Il suo petto si stava sollevando e stava cominciando a sudare. Aprì la bocca e fece un respiro profondo. Prima che potesse chiuderla, vi entrò un cazzo dall'odore di rosa.

"Sono io," disse il dottor Alan. "Se ti stai divertendo adesso, Heather, sono certa che saprai cosa fare. Ora sei al centro dell'attenzione di cinque uomini. Hai un cazzo nella figa, un altro nell'ano , mi hai in bocca e stai masturbando i miei due assistenti di laboratorio più giovani. Quello alla tua sinistra, tra l'altro, con il vero cazzo lungo, ha solo 18 anni. all'orecchio.

"Oh sì, abbiamo un altro paio di mani... Mary. Lavorerà sui tuoi seni. Heather non riusciva a capire come mantenere tutto coordinato. I suoi movimenti stavano diventando a scatti. Ha iniziato a sferzare il cazzo dentro di lei bocca e poi lo risucchiò per tutta la sua lunghezza, bevve un lungo sorso e lo sentì toccarle la parte posteriore della gola.

Heather era in un mare di cazzi. Stava ottenendo il cazzo della sua vita. Non c'era un punto del suo corpo che non fosse stato sondato con strumenti d'amore. Mary iniziò a lavorare sui capezzoli di Heather e poi mosse la mano verso il ventre di Heather. Ha iniziato a massaggiare il clitoride di Heather mentre il cazzo si tuffava dentro e fuori di lei.

Il dottor Alan ha continuato a pronunciare la cadenza. Improvvisamente, il corpo di Heather decise che non ce la faceva più. Sentì un tremito iniziare nella sua vagina e sentì che il suo clitoride stava per scoppiare. I suoi capezzoli sembravano sul punto di aprirsi e il cazzo nella sua bocca stava cominciando a trasudare. Lo bevve e lasciò che la sua mente si dissolvesse.

Sto venendo, pensò Heather, sto venendo, sto venendo. Il corpo di Heather iniziò a tremare e tremare e le sue labbra inferiori afferrarono il cazzo che la stava penetrando. Aumentò il movimento della mano, il cazzo che le si spingeva in bocca iniziò a muoversi più velocemente, il cazzo nel suo ano si immerse più in profondità e le mani di Mary sul suo clitoride furono sostituite dalla sua bocca.

Improvvisamente, sentì la sua pancia tremare da sola. La sua vagina si apriva e si chiudeva, si muoveva e afferrava. Mentre Heather urlava, i tre cazzi dentro di lei eiacularono, lavandola di sperma e anche i due cazzi che si stava masturbando persero il loro carico, schizzando sperma caldo sui suoi seni.

Heather sentì le cavità interne del suo corpo inondarsi di sperma, gocciolare lungo ogni fessura, con cazzi che si espandevano e si contraevano dentro di lei. Heather andava alla deriva, alla deriva, vedeva uno spettro di colori, sopraffatta dall'aroma dei maschi, che pulsava da ogni terminazione nervosa, palpitante, con il battito cardiaco che aumentava, il suo petto arrossato e gli occhi incapaci di mettere a fuoco.

Heather è svenuta.

Qualche tempo dopo, aprì gli occhi. C'era il dottor Alan, che le faceva il bagno con la lingua. Alzò lo sguardo, incrociò i suoi occhi e disse: "Ah, sei sveglia, mia cara. Hai fatto molto bene per la prima volta. Hai registrato un orgasmo di 11 minuti. Altri due minuti e avresti stabilito il record."

"Ancora due minuti e sarei morta, Alan", disse Heather. "Non credo di poter camminare."

"Questo è quello che ha detto la giovane donna che era qui poco prima di te", disse il dottor Alan con un sorriso. "Lei torna domani... e tu?"

"Posso trasferirmi?" chiese Heather con un sorrisetto malizioso sul viso.

Storie simili

Prendersi cura di Liz

Mi ero appena trasferito in una nuova zona per vivere con la mia ragazza. Ci frequentiamo ormai da diversi anni, quindi sono diventato parte dell'intera famiglia. Tutti i nipoti e i nipoti della mia ragazza avevano persino iniziato a chiamarmi “zio”. Un fine settimana il mio futuro fratello e mia cognata partivano per il fine settimana per visitare alcuni amici fuori città. Stavano portando con sé i loro due figli, ma la figlia è dovuta rimanere a casa per dare una mano con una raccolta fondi per la scuola. Non volevano lasciarla a casa da sola per il fine settimana e...

420 I più visti

Likes 0

Le cronache della discesa di Suzie - parte 2

Parte 2 Un giorno ero al lavoro e facevo il solito... lavoravo per un altro giorno pieno di cazzi di gomma. Da quando i miei figli avevano buttato via TUTTA la mia biancheria intima. Matt si era preso la briga di farmi un paio di piccole cinghie attaccate a un tassello di pelle. Questo teneva fermo il mio dildo e teneva nascosto il mio cazzo. È stato facilissimo da montare e slacciare molto velocemente... quanto è stato premuroso da parte sua! Uscii dal gabinetto e trovai Sue, una delle altre commesse, appoggiata al bancone. L'ho guardata negli occhi e non potevo...

297 I più visti

Likes 0

Teenage Mutant Ninja Turtles Fanfic Capitolo 2 - scusate è tardi

Di Hana M. Brimeck Chiudo la finestra, chiudo gli occhi, mi giro, ricado all'indietro e scivolo sul pavimento. Mi prendo un momento per riprendere fiato finché i miei pensieri non vengono interrotti da un brivido freddo. 'Ho bisogno di una doccia calda.' mi dico mentre finalmente mi rialzo dal pavimento con un gemito. Mi tolgo il maglione e il reggiseno bagnati, non come se stessero facendo molto per coprirmi comunque. Mi prendo un momento per toccarmi i seni tenendoli a coppa tra le mani in un futile tentativo di scaldarli. La mia gonna cade sul pavimento in un ciuffo bagnato, seguita...

570 I più visti

Likes 0

Cronache di Succubus High, cap. 1

Cronache di Succubus High di Quiver Capitolo 1: Vetrinistica 1:25. 4° periodo. Tom sedeva dietro la scrivania nell'angolo mentre aspettava che il suo prossimo gruppo di studenti iniziasse a presentarsi per la prima lezione dopo pranzo. Non erano mai molto concentrati a quell'ora del giorno, e in più di un'occasione aveva sorpreso uno studente ad appisolarsi durante la lezione. Almeno questo gruppo era la sua classe senior. Le matricole a cui insegnava negli altri quattro periodi erano molto più turbolente. Un miscuglio così strano di scherzi infantili e drammi adolescenziali con cui confrontarsi, sempre qualche nuovo problema di cui non gli...

493 I più visti

Likes 0

Era una stronzata, pensavo

Il sabato pomeriggio andavo al cinema con alcuni amici. C'era una ragazza che mi piaceva e ho provato a sedermi accanto a lei se potevo. Un pomeriggio ho provato a tenerle la mano e lei me l'ha lasciato per un po' che l'hanno tirata via. Dopo il cinema siamo andati tutti al bar del latte e ancora una volta ho provato ad avvicinarmi a lei. Le ho parlato e sembrava che le piacessi e le ho chiesto perché ha allontanato la mano. Ha detto che stava iniziando a piacerle, ma non voleva essere coinvolta in quel modo perché eravamo tutti buoni...

976 I più visti

Likes 0

Guardare e fare

GUARDARE E FARE John sentiva di aver fatto un ottimo affare. Quando si è trasferito in questo condominio, ha incontrato e parlato con il proprietario e ha convinto quell'uomo a lasciarlo svolgere il ruolo di custode/custode/amministratore residente, facendo tutto ciò di cui l'edificio aveva bisogno per $ 200 al mese di sconto sull'affitto più le spese. Normalmente ciò richiedeva solo poche ore al mese dal suo tempo libero, e se avesse dovuto lavorare durante quel giorno in un giorno feriale, il suo programma come tecnico di laboratorio presso un'azienda farmaceutica avrebbe potuto essere modificato - la maggior parte delle cose potrebbero...

507 I più visti

Likes 0

Fottuta Mia Matsumiya

Mia è una bellissima ragazza giapponese con grandi occhi espressivi, piccoli seni impertinenti, gambe lisce ed eleganti da morire e lunghi capelli neri come il corvino che di solito lega in una coda di cavallo sexy. Suona il violino per diversi gruppi d'avanguardia e, a soli 24 anni, ha un grande talento per essere così giovane e di solito riceve standing ovation alla fine dei suoi assoli. La gente spesso la paragona alla vecchia Yo-Yo Ma, in relazione al suo puro talento, e la maggior parte dei ragazzi che vengono alle sue esibizioni nutrono tantissime fantasie sull'essere quello che la porterà...

467 I più visti

Likes 0

Lo schiavo_(1)

Capitolo primo Il ritrovamento dello schiavo Erano passati diversi mesi dall'ultima volta che qualcuno si era avventurato fuori dal regno in cerca di nuovi schiavi. Ma poiché la guerra era finalmente finita, la principessa Devania decise di uscire e trovarsene una. Cercò città dopo città esaminando centinaia di giovani ma nessuno di loro suscitò il suo interesse. Poi, dopo settimane di ricerche, proprio mentre stava per arrendersi, sentì un piccolo trambusto provenire da una prigione vicina e dovette solo controllare. E lì nel cortile, ad affrontare cinque uomini, c'era l'uomo più bello che avesse mai visto, era quello giusto. Saltò giù...

296 I più visti

Likes 0

Il tempo di Sangeeta a Praga (parte 6): tutte le cose belle devono finire

1. Sangeeta: le cose belle devono finire Le loro attività sessuali continuarono nei restanti giorni della loro permanenza a Praga. Suo figlio serviva regolarmente lei e sua zia, e Sammy era sempre disposto a essere coinvolto in qualsiasi altra scappatella sessuale capitasse. Sangeeta non avrebbe mai dimenticato quella volta in cui andarono di nuovo a casa di Richard e Susie. Vide suo figlio con il cazzo sepolto nel profondo della vagina di Heidi, Suzie che leccava i succhi di sua figlia dall'asta ogni volta che si tirava indietro prima di spingerlo di nuovo dentro Heidi, Richard con il suo cazzo nel...

532 I più visti

Likes 0

Brani della mia vita

Estratti della mia vita -- Adolescente travestito Mi chiamo Melvin o Mel in breve tranne quando mi vesto da ragazza e poi sono Melani. Ho 14 anni dal vivo con la mia mamma single e mi godo le mie estati perché non ho altro da fare se non perseguire la mia passione, il sesso. Ci sono tre cose che mi piace fare e non posso dire di preferire l'una o l'altra. Amo la sensazione di un cazzo duro nelle mie mani e nella mia bocca; Adoro sentire una figa calda e bagnata che mi afferra la lingua e adoro vestirmi come...

2.9K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.