Pericoloso 2

1.3KReport
Pericoloso 2

Pericoloso 2

Lì giacevano per quella che sembrava un'eternità in pochi minuti. Lei in uno stato di trance per il suo calvario, lui solo felice di essere lì, con il suo giocattolo; questa donna. La sua faccia tra i suoi capelli mentre lei giaceva su di lui quasi scivolando nel sonno mentre si rilassava di più con quest'uomo, che l'aveva così portata quasi al limite poco prima. Si stava godendo questo momento; poteva sentire il suo calore, sentire il suo profumo, inebriarlo
Poteva giacere qui con questa donna per sempre, respirando il suo profumo, sentendola
calore. Ma non è per questo che erano entrambi qui. La spostò gentilmente da un lato mentre scivolava giù dal letto, lei protestava assonnata, gli occhi ancora chiusi. Le sorrise anche se lei non poteva vederlo. Era davvero bella e lui si riteneva fortunato ad essere lì... ma lo era anche lei. Tirò le corde bianche da sotto il letto e le legò delicatamente attorno ai suoi polsi. Ancora sonnecchiava, ignara dei preparativi in ​​corso intorno a lei. Solo all'ultimo secondo possibile tirò la corda in modo che le sue braccia fossero distese contro il letto. La benda ora rimossa, i suoi occhi si aprirono di scatto e strillò come una ragazzina, tirando le cinture. Inutilmente fu legata al letto con le braccia quasi piatte sulle lenzuola. Sembrava arrabbiata e un ringhio le sfuggì dalle labbra mentre gli chiedeva di lasciarla libera... ma non c'era modo che lo facesse; e lei lo sapeva. Ma ancora protestò quando la corda in fondo al letto fu rivelata. Lui le prese la caviglia ma lei gliela allontanò. Di nuovo lui si allungò e di nuovo lei si tirò indietro. Con un sogghigno si voltò e raccolse lo strumento di cuoio che aveva in precedenza. Non appena lo vide, lottò ancora di più contro le cinture e allontanò le gambe da lui. Si limitò a ridere e si arrampicò sul letto, spingendole giù le gambe e sedendosi su di esse, era troppo forte per lei e le corde le tenevano saldamente le braccia, non importa quanto lei lottasse. “Siamo bambine nude e inermi; faresti meglio a comportarti bene o questo dovrà essere usato per... persuaderti a stare fermo.
Non era completamente nuda poiché le sue calze e scarpe erano rimaste, ma non c'era più bisogno di toglierle per quello che sarebbe successo dopo. Ci pensò un attimo prima di smettere di lottare e di sottomettersi a quest'uomo, il suo maestro di piacere; il suo aguzzino. “Bene, vedo che non ne avremo più bisogno”. E lo posò sul tavolo, ancora a portata di mano. Scese dal letto e le afferrò una caviglia, lei non protestò mentre ci legava la corda intorno e la tirava sul bordo del letto, si limitò a guardarla con gli occhi arrossati, il viso striato di trucco dalle lacrime precedenti. Proprio mentre stava per afferrarle l'altra gamba, lei la tirò via per incontrare la prima gamba. “Capisco, ostinati e disobbedienti siamo oggi… la pagherai per quella signora”. Prese l'attrezzo di pelle e lo sollevò, un piagnucolio le sfuggì dalle labbra prima che venisse abbattuto sulla gamba incriminata, swish..smack!! La pelle che striava sulla sua delicata gamba rivestita di nylon. Un grido emesso; ancor prima che avesse finito di guaire come un cucciolo smarrito, un secondo fruscio e schiocco mentre il cuoio ancora una volta le sferzava la pelle bruciando, bruciando, arrossando. Un altro grido prima che lui le afferrasse saldamente le gambe e le separasse bruscamente. Ancora resistendo ma non tanto quanto prima. Con un'altra forte spinta le sue gambe erano abbastanza larghe da permettergli di inginocchiarsi in mezzo e terminare l'ultima costrizione. “Ecco qua ragazzina, piccola Clair. Non era così male vero? Faremmo meglio a essere una brava ragazza, niente comportamenti scorretti o la punizione non farà che peggiorare”.
Quindi giaceva lì, legata da polso e caviglia, distesa, pronta per essere usata, per essere maltrattata, per essere... presa.
Lui fece un passo indietro e la ammirò. Una visione di bellezza sottomessa, legata per il suo (e lei) piacere. Camminava avanti e indietro e intorno ai lati del letto, la mano che si strofinava pensieroso il mento mentre pensava a cosa fare dopo. Era completamente alla sua mercé, ei suoi occhi lo seguivano. Respirando lentamente, in attesa, anche con paura. Cosa stava progettando? Cosa stava per fare?

Non avrebbe dovuto temere perché era tutto per spettacolo. Sapeva esattamente cosa avrebbe fatto. Lo sapeva da molto tempo. Questo momento era stato pianificato nei minimi dettagli per giorni prima e lui sorrise tra sé mentre i suoi occhi lo seguivano su e giù per la stanza. Si chinò sul suo viso, a pochi centimetri da lei, guardandola profondamente negli occhi meravigliosi. Il trucco sbavato e non più così perfetto. Sentì le sue pulsazioni accelerare, la sua eccitazione aumentare, il suo respiro accelerare. Anche lui era eccitato da questo, la voleva e l'avrebbe avuta, oh dio se l'avrebbe presa; ma non ancora. C'era molto da fare, molto da darle, da costringerla, e lei lo voleva. La fissò, la bocca fissa in un ghigno di sfida “OH HO!! C'è ancora qualche litigio in te, signora? Voglio ancora disobbedirmi, ribellarmi ancora. Stil...» Alzò la testa e gli sputò in faccia; un ultimo atto di sfida; e all'istante si pentì dell'azione mentre lui indietreggiava e il suo viso si faceva cupo. I suoi occhi divennero penetranti mentre si asciugava l'umidità dal viso. Annuì tra sé mentre si rimboccava le maniche della camicia, i suoi occhi bruciavano su di lei mentre l'umore cambiava. Ancora una volta il suo viso si librò sopra il suo e le afferrò forte il mento e le girò il viso verso il suo. "Te ne pentirai, cazzo, Claire, quindi aiutami lo farai" e l'oscurità scese su di lei ancora una volta mentre la benda veniva sostituita. Piagnucolava come quest'uomo, le toglieva uno dei sensi e la lasciava priva di luce.
Si voltò e andò al comò; sorrise tra sé, a quell'ultimo atto di sfida; sputandogli in faccia. Questo aveva preso la sua decisione per lui... fino a che punto si sarebbe spinto stanotte? Quante delle sue azioni pre-programmate avrebbe eseguito stasera? Quanto degrado sperimenterebbe questa donna? Dopo quell'ultimo comportamento provocatorio; aveva preso la sua decisione; non si sarebbe fermato finché tutto non fosse accaduto. Fino a quando tutto ciò che aveva pianificato per così tanto tempo non fosse stato eseguito. "Sì", sorrise tra sé "Tutto".

Sotto la sua benda poteva vedere attraverso la parte inferiore solo un minuscolo frammento di luce, e mentre lui era voltato di spalle lei fece un sorriso furtivo. Entrambi sapevano che l'atto di sfida era un segnale. Un'azione prestabilita per fargli sapere che voleva che lui continuasse, per spingerla più lontano di quanto non fosse mai andata prima. La seduta precedente l'aveva portata al limite e aveva quasi dovuto usare l'altro segnale, la parola di sicurezza. Ma aveva sopportato, sofferto e provato le sensazioni più intense che avesse mai provato. Ora voleva di più, il desiderio oscuro e ardente dentro di lei stava crescendo sempre di più. Quanto voleva di più? Quanto ancora poteva sopportare? Questo era un territorio pericoloso per entrambi. Ma era il pericolo e la paura che le davano; ha dato a entrambi gli oscuri piaceri sadomasochisti strazianti conosciuti solo da pochi illuminati. Ha tirato contro i suoi legami, non c'era scampo. Era nuda, portava già i segni di essere stata scorticata; lo sentiva ancora. Bruciava, era cruda e il pulsare della sua pelle serviva solo ad aumentare ulteriormente i suoi desideri, a soddisfare la sua lussuria e i suoi bisogni.
Non lo sapeva, ma le prossime ore l'avrebbero messa alla prova, l'avrebbero spinta e portata così vicino al baratro, che c'era il pericolo che cadesse nell'abisso.

Tirò fuori gli oggetti dalla sua borsa e li mise tutti sul tavolo. Sorridendo a se stesso mentre anche lui diventava più eccitato ed eccitato mentre le sue dita toccavano ogni oggetto e pensava a come li avrebbe usati. Una volta sistemati tutti gli oggetti, era arrivato il momento di cominciare, di farle pagare le sue azioni. Si voltò a guardarla e il suo battito accelerava, oscure intenzioni crescevano dentro di lui. Aveva sognato questi momenti, aveva pensato a tali situazioni ogni giorno della sua vita. Non avrebbe mai pensato che qualcuno gli avrebbe permesso di mettere in atto le sue fantasie, figuriamoci una donna come questa, bella, sexy, desiderosa; eppure provocatorio. Oh sì, e quella sfida avrebbe assicurato che avrebbe pagato. Doveva stare attento; non le aveva detto esattamente cosa sognava, fino a che punto sarebbero arrivate le sue fantasie. Deve mantenere il controllo in ogni momento perché se lei sapesse davvero quanto fossero oscuri i suoi sogni, allora non sarebbe qui... alla sua mercé. Rise tra sé "Oh Claire, spero che tu sia pronta per me".

Sentì il primo fruscio e sussultò aspettandosi la puntura del cuoio, ma lui la stava prendendo in giro. Fece oscillare la nuova frusta, il lungo manico con la punta di 5 fili di cuoio e il fruscio nell'aria la fece gemere. Swish, swish, swish mentre camminava intorno al letto. Si ritrasse involontariamente dal suono. Aspettandosi che ogni colpo finisse con una frustata pungente, ma lui la stuzzicava ancora, facendole aumentare il battito cardiaco, aumentandola... paura. Le toccò la pelle con l'arma e lei sentì la deliziosa sensazione mentre la accarezzava delicatamente. Dalle dita dei piedi, su per le gambe, sopra il suo tumulo, la pancia, i seni e poi il viso; poteva sentire l'odore della pelle e questo la fece gemere forte. Lui sorrise a questo suono perché serviva solo a incoraggiarlo, e sollevò la frusta e gliela abbassò sulla pelle con uno schiocco, la sua testa tornò indietro e lei gridò mentre il cuoio rilasciava ancora una volta il suo potere, il bruciore su di lei i seni aumentarono mentre ripeteva la sferzata.
Ancora e ancora la frusta scendeva e ancora e ancora la sua pelle morbida bruciava e pungeva per le deliziose sensazioni della punizione. Si fermò, lasciando che il dolore si trasformasse in piacere guardando la sua pelle arrossarsi e le piaghe crescere, si chinò e ci soffiò sopra, facendole uscire un gemito dalle labbra.
La frusta era il suo controllo, la usava su di lei per controllarla e ogni volta che sentiva il colpo di cuoio, ogni volta che la sua pelle veniva sferzata, ogni volta che sapeva che il dolore che stava provando era il risultato dei suoi oscuri desideri, lui provato piacere. Oh, non era un dolore straziante, era fottutamente delizioso e sapeva che lei amava ogni singola frustata. Ma bastò a farla gridare, prima per il dolore poi per il piacere istantaneo che le dava. La pelle le rigava i seni, poi la pancia, poi il tumulo e le gambe.

Accarezzò il suo corpo scorticato, ogni volta che toccava un'area arrossata guardava il suo viso contorcersi mentre la pelle era più sensibile. Le raggiunse i seni ricoperti di guardolo rosso e lasciò che il cuoio le accarezzasse i capezzoli. Li guardò mentre si indurivano ed erano così allettanti che voleva assaggiarli in quel momento, quindi voleva succhiarli e circondarli con la lingua. Si indurì al pensiero, ma resistette. Invece è andato al comò ed è tornato con nuovi oggetti. Li strinse tra le dita e ne mise uno su ciascun capezzolo e rilasciò la molla. Fece un respiro profondo e gridò mentre le pinze le stringevano forte i capezzoli sensibili. Rise di lei mentre la pelle veniva pizzicata e fece scattare i morsetti, aumentando ulteriormente il dolore e facendola gridare di nuovo. Ma sapeva che era piacevole, sapeva che la sensazione si sarebbe presto trasformata in piacere. Si contorceva sul letto mentre i morsetti la mordevano ancora di più, non poteva fare altro che sopportare i dispositivi crudeli.

Tirò contro le cinghie, inarcando la schiena mentre i morsetti si stringevano sempre più mentre i suoi capezzoli si arrendevano, voleva tirarli via, voleva che il pizzicotto smettesse, ma non poteva raggiungerli. Doveva sentire il dolore, provare il piacere. Ancora una volta sorrise tra sé. Perché era così bello, perché lo voleva? Come mai? Non le importava, era così viva in quel momento, e ogni nervo del suo corpo era elettrizzato e voleva di più. Lo vide tornare a letto, solo uno sguardo attraverso il minuscolo varco. Cosa aveva in mano? Cos'era?

Tremava mentre aspettava l'azione successiva... niente, solo silenzio... poi un crepitio, che cos'era? Il suo respiro veloce ma tranquillo mentre aspettava. Poi... qualcosa di caldo si è versato sulla sua pelle nuda sulla pancia, ha urlato aspettandosi che il dolore fosse troppo, ma non è stato istantaneo, una sensazione di bruciore poi deliziosa quando la cera si è raffreddata. Sentì l'odore della candela mentre lui le faceva gocciolare addosso la cera. La sensazione quando la cera colpiva la sua pelle la faceva sussultare ogni volta che il liquido caldo le schizzava sulla pelle e si raffreddava all'istante. Oh, la spaventava, ma sapeva che la cera non sarebbe bruciata; faceva abbastanza caldo da ferire quel tanto che bastava per provocare la reazione. Lo fece gocciolare sul suo corpo, ogni spruzzo rilasciava il suo calore nella sua pelle. Si contorse quando il liquido la colpì, corse e poi si indurì all'istante. La sua pancia, le sue gambe, i suoi seni ricevevano tutti la spruzzata bruciante di cera calda. Poi glielo tenne sul viso, lei poté sentire il calore della fiamma, annusare la candela, sentire il crepitio mentre la fiamma scioglieva la cera. Adesso era spaventata, non la sua faccia, non la sua faccia! Si voltò velocemente, il viso contro il cuscino. Lui rise di lei e cominciò a gocciolare altra cera calda sulle sue braccia, poi sulle sue gambe, sulla sua pancia, lungo il fianco che la fece strillare. Bruciava; faceva male, ma abbastanza. Non troppo. Spense la fiamma e tornò da lei. Le tolse la cera dalla pancia, la sensazione di questa azione era strana ma si sentiva bene. Glielo staccava dai seni, dalle gambe, a volte tirando piccoli peli nascosti, facendola sussultare, la pelle leggermente dolente per il liquido caldo. Le tolse tutta la cera e tornò al comò. Sentì qualcosa di fresco sulla sua pelle; le asciugò delicatamente la cera rimanente con la salvietta detergente. Pulirsi le gambe, la pancia, i seni e il viso. Le asciugò le braccia e tutto il corpo finché non fu purificata. Si sentiva fresca mentre l'umidità si asciugava sulla sua pelle. Da caldo e bruciante a freddo.

La guardò di nuovo, ancora non credendo di avere quella donna tutta per sé. Si leccò le labbra mentre pensava alla sua prossima azione, ma non poté fare a meno di guardarla da vicino. Si spostò sul lato del letto e la fissò. Vidi le sue labbra rosse arrossate e tremanti, vidi il suo petto alzarsi e abbassarsi. I suoi capezzoli ancora schiacciati dai morsetti. Ne rilasciò uno provocandole dolore attraverso il capezzolo e lei gridò... lo lasciò stringere di nuovo, facendola gridare ancora una volta. Ancora e ancora lui rilasciava e chiudeva ogni morsetto sui suoi capezzoli così rosa e gonfi, ogni volta grida emesse da lei... e gemiti, gemiti di piacere mentre le deliziose sensazioni di questa tortura erotica la percorrevano.
Si contorceva mentre lui la torturava, godendosi ogni singolo secondo di quello che stava facendo. Ancora tirava contro la corda, ancora non riusciva a reagire a niente di quello che stava facendo, lei era sua e solo lui poteva permetterle di andarsene.

La lasciò e recuperò un altro oggetto dal suo nascondiglio; cercò di vedere ma riuscì solo a distinguere lui e qualcos'altro, che cos'era? La accarezzò con qualcosa, glielo fece scorrere sulle gambe e sulla pelle, toccando il suo tumulo, la sua pancia fino ai suoi seni torturati e poi le sue labbra. Spinse contro di loro e lei aprì la bocca mentre il lungo e grosso sex toy le veniva spinto in bocca. Lo succhiò avidamente quando seppe cosa fosse. Sferzando la lingua su di esso e facendo suoni di risucchio mentre eseguiva azioni che di solito eseguiva sulla cosa reale. Lo tolse e accese il giocattolo, le sue potenti vibrazioni ruppero il silenzio nella stanza. Glielo toccò sulle spalle e con esso le accarezzò delicatamente la pelle. Lei gemette mentre lui lo spostava sui suoi seni e ronzava contro i morsetti. Girando ogni seno, girando e rigirando; lo spostò sulla sua pancia dappertutto e lungo i lati, poi oltre il suo tumulo e sopra le sue gambe. Lo accarezzò su e giù per le sue fantastiche gambe ricoperte di nylon, dalle dita dei piedi fino in cima e giù di nuovo. Mentre lo faceva, la guardò mentre lei godeva delle sue azioni, sorridendo tra sé; anche lui si stava divertendo.

Ha spostato il giocattolo vibrante vicino al suo sesso e lei l'ha sollevata dal letto mentre lui iniziava a circondarle la figa. Girò e rigirò accarezzò l'oggetto sulla parte superiore delle sue gambe sopra il suo tumulo, i cerchi si rimpicciolirono. Girava e rigirava la stuzzicava, si avvicinava, ma senza toccare nessuna parte del suo rossore che ora si gonfiava. La sua pelle era arrossata e lei tirò contro le corde mentre lui si avvicinava con il giocattolo. Lo toccò sulle sue labbra esterne e lei gemette quando le vibrazioni finalmente toccarono una parte del suo sesso. Leggermente lo mosse in cerchio accarezzando solo debolmente le labbra esterne. Lei gemette mentre lui la prendeva in giro e piagnucolò "Per favore". Supplicandolo sollevò la testa dal cuscino. Sorrise tra sé, facendola solo aspettare ancora un po'. Girava intorno al suo sesso ancora e ancora le vibrazioni aumentavano il suo polso e la lussuria a un livello di intorpidimento della mente. All'esterno, sopra il suo moncone e poi giù in fondo solleticando la sua apertura proibita che ora era bagnata mentre i suoi succhi scorrevano giù dal suo sesso. Spinse un po' facendola gemere e respingere...no non ancora, pensava che lo terremo per dopo.

Spostò il dispositivo, potenti vibrazioni provenivano da tutto il suo inguine, scivolando facilmente ora mentre il suo corpo rispondeva alle cure sessuali. Lottando contro le restrizioni, cercando di spingersi più in alto sul giocattolo. Il suo respiro affannoso e diventa disperato. "Avanti! DAI!!" lei pianse. Quasi rise della sua disperazione, delle sue urla frustrate e dei suoi frenetici contorcimenti mentre continuava a stuzzicarle la figa rosa e infiammata. Girava e rigirava il giocattolo che ronzava contro la sua pelle, toccando ora le pieghe interne dei petali bagnati, solo delicatamente, stuzzicando, abilmente. Claire stava quasi urlando ora, spingendosi contro le cinture, inarcando la schiena dalle lenzuola, tirando la corda così forte che le mordeva la pelle, ma non le importava, voleva, desiderava ardentemente il tocco finale. Adesso le girava intorno, ancora solo leggermente, non dandole la soddisfazione che desiderava così tanto. Gira e rigira la sua apertura stuzzicandola con le vibrazioni. Poteva vedere la sua umidità aumentare, vedere il fiore infuriato aprirsi e pronto, il suo profumo che lo raggiungeva mentre il suo corpo rilasciava le sue potenti sostanze chimiche progettate per attrarre il maschio. Stava funzionando, era così duro ora che voleva scoparla, scoparla così forte e così in fretta, seppellire il suo cazzo nel profondo di questa donna; e quasi si strappò di dosso i vestiti e lo fece. Ma non ancora, non ancora. Deve mantenere il controllo.
Ancora usava il giocattolo su di lei, circondando il suo ingresso spalancato, ancora lei si contorceva in agonia ed estasi. Il suo respiro così veloce, la sua bocca aperta, le sue labbra tremanti. Quindi immerse due dita in profondità dentro di lei, inarcandole all'indietro per trovare l'area dietro il suo clitoride, spingendo le dita con forza nel punto giusto e allo stesso tempo spingendo il dispositivo vibrante nell'area incappucciata in cima al suo sesso, spingendo contro la sua zona del clitoride. Si inarcò dal letto con la testa gettata all'indietro, la bocca spalancata in un urlo silenzioso mentre all'istante il suo picco si schiantava su di lei, le ondate di piacere che le scorrevano attraverso tutto il corpo facendola tremare e convuldere, il suo corpo che si stringeva forte sulle sue dita inserite mentre lei l'orgasmo esplose su di lei, su entrambi. Era scioccato dalla forza del suo picco e poteva solo guardare mentre il suo corpo si contorceva e si tendeva ripetutamente. Ogni muscolo del suo corpo si tese, il suo corpo fece forza contro le corde che erano tese, le restrizioni aumentarono sostanzialmente il suo orgasmo, finché il suo picco cominciò a diminuire. Lentamente i suoi muscoli si rilassarono e cominciò a smettere di tremare. Rimosse il vibratore ma lasciò le dita ancora dentro mentre lei si rilassava e si sistemava di nuovo sul letto. Il suo respiro era affannoso, le sue pulsazioni cominciavano a rallentare. I suoi seni si alzavano e si abbassavano rapidamente, i morsetti erano stati strappati dal suo potente contorcersi convulso. Non aveva mai visto una donna avvicinarsi in quel modo e la guardò con un ritrovato stupore. Si tolse le dita grondanti dei suoi succhi e se le prese in bocca... oh, il sapore di questa donna era incredibile. Vi affondò di nuovo le dita, poi le tirò fuori e le toccò le labbra. Immediatamente lei aprì la bocca e gli prese le dita in bocca succhiandole e leccandole avidamente. La sensazione della sua lingua contro le sue dita lo fece indurire.
Tolse le dita e abbassò il viso verso il suo... e le baciò le labbra. Lei ricambiò il bacio, gentilmente in totale opposto a ciò di cui si trattava. Si baciarono per diversi minuti, le loro labbra portarono piacere a entrambi e le loro lingue tradirono la lussuria che entrambi provavano. Perché soprattutto si trattava di piacere, piacere sessuale che entrambi desideravano ardentemente l'uno per l'altro.
La voleva adesso e ancora una volta doveva combattere il suo desiderio. Così invece si è sdraiato tra le sue gambe e ha inalato il suo profumo, poi ha assaggiato il suo….

Storie simili

Le mie prime volte...

Ho parlato con Gary per più di due anni. La nostra relazione era iniziata online. Ha visto una risposta che avevo dato in una chat room e mi ha inviato un messaggio. All'inizio non sembrava interessante, ma più chiacchieravamo e più mi piaceva. Sono cauto per natura, quindi non ha avuto il mio vero nome per più di sei mesi, e anche allora solo il mio nome. A nove mesi gli ho dato il mio numero di cellulare e abbiamo iniziato a parlare al telefono. Dieci mesi ci hanno trovato a fare sesso telefonico regolarmente, cosa che avveniva principalmente nei fine...

2.1K I più visti

Likes 0

La casa adottiva

La casa adottiva Disclaimer: quanto segue è un'opera di fantasia. Pertanto, ho scelto di ambientarlo in un mondo in cui il controllo delle nascite è sicuro, efficace e disponibile al 100% e tutte le malattie sessualmente trasmissibili sono state sradicate. Nel mondo reale, alcune delle scelte che questi personaggi fanno sarebbero estremamente rischiose. Non comportarti come loro. La mascella di Michael cadde mentre fissava la donna nuda sul letto. Aveva visto donne nude sulle riviste, ma questa era la sua prima volta nella vita reale, e lei era altrettanto sexy delle professioniste delle riviste. Il suo corpo di quasi 30 anni...

1.1K I più visti

Likes 0

Una giornata nel bosco Capitolo 14

Bene, tutto - ecco l'atteso capitolo 14. Questa volta non ho elencato tutti i temi - spero che questa storia abbia un po' più di seguito ormai e quelli non sono necessari? Comunque... Capitolo 14 Paul tornò a casa più tardi quel pomeriggio. Ray se la stava cavando abbastanza bene. Gli ci sarebbe voluta una settimana per riprendersi completamente, se non fosse stato per le sue abilità da lycan ci sarebbero volute tre settimane. Paul sperava che Jess stesse andando bene quanto Ray. Entrò in casa e sentì Jess al piano di sopra. Salì le scale, guardò nella loro camera da...

414 I più visti

Likes 0

GIORNO STRESSANTE

PARTE 1 immagina di tornare a casa da una lunga giornata di lavoro, sei stanco e stressato, tutto ciò che potrebbe andare storto include essere in ritardo al lavoro, il tuo collega che ruba il tuo parcheggio, il tuo computer si è bloccato, il che ti ha fatto inviare gli ordini in ritardo, e poi qualcuno ti ha fatto a pezzi mentre tornavi a casa dal lavoro. arrivi a casa dove ti sto aspettando, apro la porta indossando solo la mia corta camicia da notte di seta azzurra con bordo in pizzo bianco, una vestaglia abbinata, un sorriso sfacciato. mi guardi...

2.8K I più visti

Likes 0

Cornuto e moglie

Aveva un aspetto piuttosto semplice. O almeno l'ho pensato da lontano finché non ho visto i suoi profondi occhi verdi a mandorla. Mentre si avvicinava, potevo vedere le sue labbra a forma di arco leggermente rivolte verso l'alto. I suoi capelli erano neri come le piume di un corvo. È passata proprio davanti a me ed è entrata nel bar. I miei occhi seguirono il suo incredibile sedere mentre si dirigeva verso il bar e si sedeva proprio accanto a un uomo di colore molto bello e ben vestito. FANCULO! Mi sono seduto a pochi sgabelli da lei e dal suo...

1.2K I più visti

Likes 0

La Congrega Parte 1 - Reed_(1)

Canna AIUTAMI QUALCUNO AIUTI PER FAVORE!!! urlò una giovane donna mentre veniva trascinata dentro dalla porta principale da un sorridente Jackson. La teneva per il collo mentre tutti nell'area del bar ridevano e sorridevano alla pietosa donna. Era attraente, con i capelli biondi tinti tagliati in un caschetto disordinato e enormi occhi castani. Indossava una specie di uniforme, ma era talmente strappata che nessuno poteva distinguere con certezza cosa ci fosse scritto. Andò nel panico, guardando tutti nella stanza, sperando che qualcuno la salvasse. Ma a nessuno fregava un cazzo. Alcuni dei ragazzi più grandi stavano giocando a freccette vicino al...

1.1K I più visti

Likes 0

The House A Slave Addestramento e asta Capitolo 11 e 12

Capitolo 11 Padrona Liz Michael e Molly e Milton Mistress Liz-D mi dice che vuole parlarmi prima che cominci. D- Che cazzo ti prende? So che sei stato un po 'giù, quindi cosa succede? Liz- Penso di stare solo facendo i movimenti. Ciò di cui hai bisogno è una sessione difficile. So che ho solo bisogno di trovare il tempo e qualcuno, magari un passivo, che posso frustare e scopare forte. Non posso farlo con Michael forse uno dei nuovi una volta. Mi dice di prendere Milton ma di non ucciderlo. Michael e Molly entrano qui, inizieremo non appena arriva il...

893 I più visti

Likes 0

Morgan L.

Morgan L Morgan era seduta nella sua cucina adesso per la prima volta e cominciò ad avere dei dubbi, mio ​​Dio, pensava che avessi appena passato la notte a scopare due amici di mio figlio. Mi sono divertito da morire, ma i ragazzi parlano che non vorrei che Terry lo scoprisse. Vorrei rivederli, ma potrebbe diventare difficile quando Terry è a casa. Il suo telefono squillò e un pezzo grosso si avvicinò e lei rispose immediatamente, quello che Morgan non sapeva era che i suoi due nuovi amici del sesso stavano organizzando una gangbang con lei per sabato sera. Sabato mattina...

561 I più visti

Likes 0

SCOPANDO LA SORELLA DI 17 ANNI DEI MIEI MIGLIORI AMICI DURANTE IL SONNO

Mi chiamo Alex e ho 15 anni. Questa è una storia che mi è successa lo scorso fine settimana. Era una normale serata del fine settimana, alcuni amici e io stavamo bevendo a casa del mio migliore amico Jared. I suoi genitori avevano portato la sua sorellina a Disneyland per il fine settimana. Sua sorella maggiore di 17 anni era ancora a casa ed era una bomba bionda 12 su dieci. Ha tette perfettamente rotonde con coppa C con piccoli capezzoli rosa. Lei è naturalmente abbronzata e si depila la figa. So tutto questo perché una settimana fa stavamo nuotando nella...

1.1K I più visti

Likes 0

La Marina Medievale Parte Nove(1)

CAPITOLO XXXIX La sera prima era stata dura per Marion perché era ansiosa di finire la battaglia. Potevano sentire le grida delle donne provenire dal campo nemico mentre venivano violentate ed era tutto ciò che Luke poteva fare per tenere sotto controllo Marion e Gabriel. Lo ha fatto incoraggiando Marion a rivolgere la sua rabbia e ansia per assicurarsi che l'esercito fosse pronto a partire. I tre sono andati in ogni unità e hanno visitato le truppe per un po'. Marion si assicurò che nessuno di loro avesse domande sul perché fossero lì per combattere. Ovviamente nessuno di loro l'ha fatto...

859 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.