Campo pervertito giorno 2

1.4KReport
Campo pervertito giorno 2

Si prega di leggere la prima parte. Sono passati anni da quando ho scritto la prima parte...

Il giorno dopo, le sue mani erano guarite e non avevano bisogno del mio aiuto. Avevo dormito fino a tardi dopo essermi masturbato. Non mi aspettavo che fosse una tale pervertita. Sapevo di esserlo ma non sapevo di lei. Non si è comportata diversamente o sorpresa da quello che era successo il giorno prima. Non sapevo nemmeno cosa avrebbe dovuto essere da qui in poi. Ho provato a testare le acque.

"come stanno le tue mani ora mamma?" Ho chiesto.

"Adesso sto bene." rispose freddamente e lasciò la tenda.

Non c'erano segni della sua richiesta di ulteriore aiuto o menzione di ciò che era accaduto. Mi sono reso conto che non voleva più discuterne e che doveva essere un incidente una tantum. Sì, ci siamo conosciuti, ma forse era tutto. Eravamo in campo e quindi un po' di lavoro per far funzionare le cose. Sono andato in giro a prendere dei legni dalla foresta mentre lei cominciava ad apparecchiare la tavola per la colazione.

Mentre raccoglievo i boschi, tutto quello che riuscivo a immaginare era toccarla con le dita. La sua bella figa calda traboccante dei succhi che avevo toccato e sentito ieri per tutto il tempo che volevo. Non sono riuscito a raccogliere abbastanza legna. Ovviamente la mia mente era altrove e non riuscivo a smettere di pensare. Siccome avevo fame, tornai alla tenda con quello che avevo.

"Potrei trovarne solo pochi. Ne prenderò altri nel pomeriggio" le dissi mentre sistemavo il bosco.

"Va bene" rispose lei. Di nuovo, letteralmente nessun interesse da parte sua. Era come se non fosse successo niente.

Aveva preparato la colazione. Era un panino al prosciutto. Ha deciso di legare l'amaca e leggere un libro e io, ben deciso di tornare di nuovo alla tenda. Eravamo tutti soli lì e non avevo molto da fare. Si stava godendo la natura mentre io mi sedevo e immaginavo di nuovo quello che avevo visto. Era quasi pomeriggio. Il mio compito era preparare il barbecue. La sento arrivare alla tenda.

"Perché non hai preparato il barbecue?" chiese freddamente.

"Su di esso" ho risposto e mi sono alzato.

"Non sei altro che pigro" disse mentre raccoglieva le patate dal sacco.

Avremmo mangiato un barbecue vegetariano per pranzo. Ho preso il barbecue e l'ho posizionato su una superficie stabile vicino alla tenda. Ho disposto i ramoscelli sul fondo e ci ho versato dell'olio. Non c'era modo che potessi accendere quei ramoscelli freschi. Per fortuna l'accendino che avevo stava facendo il lavoro. Se fossero stati dei fiammiferi, ci sarebbero voluti secoli per accenderli.

"Tornerò!" improvvisamente mi parlò e partì per il bosco verso il lago.

Era? Stava per fare pipì? Cosa dovrei fare? Stavo ancora accendendo quei ramoscelli. Dovrei seguirla? Mentre la mia mente correva attraverso questi pensieri quando è tornata e ha detto "Ho dimenticato i fazzoletti" e se n'è andata di nuovo.

SÌ. Sapevo che ci stava provando. Non sapevo se lo volesse di nuovo. Diavolo, era mia madre, non dovrei farlo. Per un attimo decisi di non seguirla. Ma non ho resistito a vederla. Mi sono messo le pantofole e ho preso il sentiero che lei ha preso. Non poteva essere lontana. Non c'erano molti sentieri e quello verso il lago era l'unico.

Il vento soffiava tra gli alberi e c'era il solito suono della giungla con uno o due uccelli che ogni tanto cinguettavano. Dovevo camminare veloce ma senza fare rumore. Ho dovuto guardare verso terra per calpestare il luogo senza bastoncini per evitare di fare rumore. Ho dovuto guardare nella giungla per vedere dov'era. È stato tutto molto difficile. Ho guardato a destra ea sinistra nel profondo del bosco e poi ho fatto dei passi. Ma non riuscivo a smettere di immaginarmela nuda mentre faceva pipì.

All'improvviso sento un suono silenzioso verso il lago. C'era un leggero pendio in discesa con molte piccole piante e cespugli seguiti da un piccolo terreno sgombro e poi il lago. Questo non era sul sentiero. Sapevo che dovevo cercarla in fretta. Mi sono chinato e sono strisciato tra i cespugli. Adesso ero sotto i cespugli e non ero visibile fino a quando qualcuno non è entrato. Ho avuto l'occasione perfetta. Era come un videogioco in cui dovevi fare una missione. Era facile nascondersi tra quei cespugli ma mi graffiavo qua e là. Mi muovevo costantemente per non fare rumori improvvisi.

C'era lei!. Finalmente l'ho trovata. Non era di fronte a me, ma al lago. Lo stava facendo. Potevo vedere il suo flusso, potevo letteralmente annusarlo anche se ero a distanza. Era nuda fino alla vita e il suo culo era visibile in tutta la sua gloria. Oggi mi sono preso il mio tempo per vederle il culo. Anche il suo buco del culo era visibile ma non era molto chiaro dato che ero a distanza. Ha fatto pipì per altri 10 secondi e ha finito. Ero in ritardo. Potevo vedere solo il suo culo e il suo buco mentre si puliva. Si alzò, indossò i pantaloni e se ne andò mentre io ero ancora nascosto tra i cespugli a guardarla. Per fortuna ha preso il sentiero e non si è avventurata tra i cespugli.

Una volta che se n'è andata, sono uscito dai cespugli e ho sentito l'odore della sua pipì da terra. L'ho quasi leccato due volte mentre cercavo di annusare troppo. Questa avventura è stata troppo per me. Ho fappato sulla sua pipì e poi l'ho seppellita. Non riuscivo a smettere di immaginare il suo culo. Wow, è stata bravissima.

Non potevo trattenermi a lungo perché lei si aspettava che fossi di nuovo lì alla tenda, a preparare il barbecue. Ho preso una strada diversa e sono tornato indietro. Ho anche raccolto alcuni ramoscelli lungo la strada.

"Wow, sembri ammaccato" ha detto quando mi ha visto tutto graffiato.

"Sì, ho dovuto prendere della legna secca." Ho parlato e sono tornata ad allestire il barbecue. Saltò di nuovo sull'amaca e ricominciò a leggere il suo libro mentre aspettava che il barbecue si riscaldasse.

Storie simili

Debbie fa Alabama Parte Uno

Il flusso di sperma, traslucido e brillante, brillava al sole mentre pendeva dalla punta del mio cazzo molto eretto. Di tanto in tanto il mio pene sovrastimolato sussultava e un filo di pre-sborra si staccava cadendo a terra. Ero nudo fuori, sotto il sole del primo mattino, nel nostro giardino appartato. Ho toccato di nuovo delicatamente il mio cazzo per paura di eiaculare e rovinare il momento. Un'altra goccia di sperma è sgorgata dalla punta del mio cazzo, aggiungendosi al filo di perle già penzolante. Prendendo il dito l'ho avvolto attorno al precum come si usa una forchetta per raccogliere gli...

521 I più visti

Likes 0

Lo schiavo_(1)

Capitolo primo Il ritrovamento dello schiavo Erano passati diversi mesi dall'ultima volta che qualcuno si era avventurato fuori dal regno in cerca di nuovi schiavi. Ma poiché la guerra era finalmente finita, la principessa Devania decise di uscire e trovarsene una. Cercò città dopo città esaminando centinaia di giovani ma nessuno di loro suscitò il suo interesse. Poi, dopo settimane di ricerche, proprio mentre stava per arrendersi, sentì un piccolo trambusto provenire da una prigione vicina e dovette solo controllare. E lì nel cortile, ad affrontare cinque uomini, c'era l'uomo più bello che avesse mai visto, era quello giusto. Saltò giù...

470 I più visti

Likes 0

La Congrega Parte 1 - Reed_(1)

Canna AIUTAMI QUALCUNO AIUTI PER FAVORE!!! urlò una giovane donna mentre veniva trascinata dentro dalla porta principale da un sorridente Jackson. La teneva per il collo mentre tutti nell'area del bar ridevano e sorridevano alla pietosa donna. Era attraente, con i capelli biondi tinti tagliati in un caschetto disordinato e enormi occhi castani. Indossava una specie di uniforme, ma era talmente strappata che nessuno poteva distinguere con certezza cosa ci fosse scritto. Andò nel panico, guardando tutti nella stanza, sperando che qualcuno la salvasse. Ma a nessuno fregava un cazzo. Alcuni dei ragazzi più grandi stavano giocando a freccette vicino al...

1.1K I più visti

Likes 0

Teenage Mutant Ninja Turtles Fanfic Capitolo 2 - scusate è tardi

Di Hana M. Brimeck Chiudo la finestra, chiudo gli occhi, mi giro, ricado all'indietro e scivolo sul pavimento. Mi prendo un momento per riprendere fiato finché i miei pensieri non vengono interrotti da un brivido freddo. 'Ho bisogno di una doccia calda.' mi dico mentre finalmente mi rialzo dal pavimento con un gemito. Mi tolgo il maglione e il reggiseno bagnati, non come se stessero facendo molto per coprirmi comunque. Mi prendo un momento per toccarmi i seni tenendoli a coppa tra le mani in un futile tentativo di scaldarli. La mia gonna cade sul pavimento in un ciuffo bagnato, seguita...

731 I più visti

Likes 0

The House A Slave Addestramento e asta Capitolo 11 e 12

Capitolo 11 Padrona Liz Michael e Molly e Milton Mistress Liz-D mi dice che vuole parlarmi prima che cominci. D- Che cazzo ti prende? So che sei stato un po 'giù, quindi cosa succede? Liz- Penso di stare solo facendo i movimenti. Ciò di cui hai bisogno è una sessione difficile. So che ho solo bisogno di trovare il tempo e qualcuno, magari un passivo, che posso frustare e scopare forte. Non posso farlo con Michael forse uno dei nuovi una volta. Mi dice di prendere Milton ma di non ucciderlo. Michael e Molly entrano qui, inizieremo non appena arriva il...

879 I più visti

Likes 0

Bambina ripubblicata

Non possiedo questa storia, l'ho trovata online e volevo condividerla Mise la bambina nel box con fermezza ma dolcezza. Lei ha messo il broncio. Daaaaaddy, piagnucolò. «Ho delle cose da fare, Holly. Torno tra un po'. Prima finisci il tuo latte. Disse con fermezza e le sfiorò la fronte. Sapeva che la sua bambina odiava bere il latte da sola senza di lui, ma aveva un disperato bisogno di finire quella canzone in modo da poter passare del tempo con la sua bambina senza interruzioni nella sua mente. Ignorò il suo volto come una nuvola temporalesca e lasciò silenziosamente la stanza...

688 I più visti

Likes 0

Morgan L.

Morgan L Morgan era seduta nella sua cucina adesso per la prima volta e cominciò ad avere dei dubbi, mio ​​Dio, pensava che avessi appena passato la notte a scopare due amici di mio figlio. Mi sono divertito da morire, ma i ragazzi parlano che non vorrei che Terry lo scoprisse. Vorrei rivederli, ma potrebbe diventare difficile quando Terry è a casa. Il suo telefono squillò e un pezzo grosso si avvicinò e lei rispose immediatamente, quello che Morgan non sapeva era che i suoi due nuovi amici del sesso stavano organizzando una gangbang con lei per sabato sera. Sabato mattina...

547 I più visti

Likes 0

Corpo di un uomo, mente di macchina - Capitolo sei

Capitolo sei: Sono oltre trenta le persone morte, tutte uccise da un solo uomo senza l'uso di armi da fuoco. È stato definito uno dei peggiori omicidi di massa della storia americana. La vastità della morte, del sangue e degli omicidi senza cuore avvenuti in quell'edificio stava sconcertando la polizia, e ora veniva chiamata l'FBI. Erano trascorse otto ore dal massacro, e Jenny e Adrian si stavano spostando a nord dello stato. una località sconosciuta. Il sole era appena sorto e l'autostrada era quasi deserta. Con grande sollievo di Adrian, Jenny dormiva profondamente sul sedile reclinato del passeggero, con il cappotto...

487 I più visti

Likes 0

La triade e il villaggio delle bellezze incinte Capitolo 1: Il piacere della gravidanza tra madre e figlia

La Triade e il Villaggio delle Bellezze Incinte Capitolo uno: Piacere della gravidanza tra madre e figlia Di mypenname3000 Diritto d'autore 2017 Nota: grazie a B0b per la lettura della beta. Fiona – Shesh, Monti Lesh-Ke, Regno di Haz Ho fatto un respiro profondo, cercando di ignorare le terribili buffonate di mia sorella gemella al bar. Dieci ragazzi prima che scada un quarto di clessidra, si vantava. Vi farò esplodere tutti. Las viene, ma tu sei un selvaggio, rise un uomo dal viso ruvido con la pelle scura di un Haziano, in contrasto con la carne pallida di mia sorella. Eravamo...

567 I più visti

Likes 0

GIORNO STRESSANTE

PARTE 1 immagina di tornare a casa da una lunga giornata di lavoro, sei stanco e stressato, tutto ciò che potrebbe andare storto include essere in ritardo al lavoro, il tuo collega che ruba il tuo parcheggio, il tuo computer si è bloccato, il che ti ha fatto inviare gli ordini in ritardo, e poi qualcuno ti ha fatto a pezzi mentre tornavi a casa dal lavoro. arrivi a casa dove ti sto aspettando, apro la porta indossando solo la mia corta camicia da notte di seta azzurra con bordo in pizzo bianco, una vestaglia abbinata, un sorriso sfacciato. mi guardi...

2.8K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.