Lo schiavo_(1)

176Report
Lo schiavo_(1)

Capitolo primo
Il ritrovamento dello schiavo
Erano passati diversi mesi dall'ultima volta che qualcuno si era avventurato fuori dal regno in cerca di nuovi schiavi. Ma poiché la guerra era finalmente finita, la principessa Devania decise di uscire e trovarsene una. Cercò città dopo città esaminando centinaia di giovani ma nessuno di loro suscitò il suo interesse. Poi, dopo settimane di ricerche, proprio mentre stava per arrendersi, sentì un piccolo trambusto provenire da una prigione vicina e dovette solo controllare. E lì nel cortile, ad affrontare cinque uomini, c'era l'uomo più bello che avesse mai visto, era quello giusto. Saltò giù dalla carrozza e corse nella prigione e chiese che il ragazzo le fosse portato immediatamente. Le guardie non hanno esitato mentre si precipitavano fuori, hanno posto fine al battibecco e hanno trascinato dentro di lei il ragazzo. Lo guardò da cima a fondo. "Spoglialo." Ha detto a una delle guardie. "Come desideri, mia signora." Le guardie le hanno risposto mentre gli tagliavano i vestiti del ragazzo che combatteva. Poi lo esaminò nuovamente da cima a fondo facendo scorrere le sue mani gentili su e giù per il suo corpo.
"Chi diavolo sei?" Le disse.
"Mostra un po' di rispetto, ragazzo." Una delle guardie scattò mentre lui gli dava uno schiaffo sulla nuca.
"Va bene, sono la tua nuova amante, e la futura regina di questo regno, ecco chi sono." Lei gli rispose con un piccolo sorriso.
"Mia signora, mi scuso, ma cosa stai facendo in un posto orribile come questo?" - le chiese incuriosito il ragazzo.
“Beh, ho viaggiato a lungo alla ricerca di qualcosa e penso di averlo finalmente trovato. Lascialo nudo e legalo al tetto della mia carrozza per metterlo in mostra. Desidero che tutti i miei regni sappiano che ho quello." Disse loro uscendo dal carcere e risalì sulla sua carrozza. Il ragazzo ha lottato parecchio prima di mettersi KO. Quando si svegliò si ritrovò legato nudo sul tetto della carrozza affinché tutto il mondo lo vedesse. Prima che se ne andassero, aprì la porta e lo guardò.
“Ora sei il mio schiavo e io ora sono la tua amante, fai quello che dico quando lo dico. Hai capito?" Lei gli chiese che lui scosse semplicemente la testa in segno di assenso e rimase in silenzio.

Era martedì e le strade della vecchia Londra erano piene come non lo erano mai state perché oggi era il ritorno della principessa Devania con la sua nuova schiava. L'intera città era in un ruggito e correvano voci sul suo nuovo animale domestico e su come se ne fosse andata. Ma niente sarebbe meglio che vederlo con i propri occhi. Allora cominciarono a suonare le trombe e gli abitanti del villaggio chinarono il capo alla vista della sua carrozza. E in cima, visibile a tutta la città, c'era il suo nuovo animaletto. Era molto ben fatto con un'abbronzatura da contadino che copriva tutto il suo corpo nudo. I suoi lunghi capelli ramati ondulati brillavano alla luce del sole e non apriva gli occhi. Aveva troppa paura. Tutt'intorno a lui poteva sentire la gente parlare e fischiare, allungandosi e toccando la sua pelle nuda. Non sapeva cosa pensare, avrebbe voluto allontanarsi da loro ma non ci riusciva.

"Apri gli occhi e fatti vedere, ragazzo." Sentì la carrozza della carrozza chiamarlo. All'inizio esitò finché non sentì il colpo di una frusta sulla pelle, poi aprì rapidamente gli occhi affinché tutti potessero vedere che erano di un colore viola unico, che nessuno da queste parti aveva mai visto prima.
"Bravo ragazzo, sarà contenta di te." Sentì l'uomo dire con una risatina.
"Perché sono qui?" chiese piano il ragazzo.
"Perché la dama ha scelto te e ciò che la dama vuole lo ottiene. Considera una benedizione essere scelto da qualcuno della famiglia reale. Non essere così ingrato se non fosse per lei saresti ancora in prigione. " Il giovane si limitò a guardare il terreno che passava velocemente sotto il suo corpo nudo.
"Immagino che tu abbia ragione, dovrei essere grato che abbia deciso di scegliere me rispetto al resto di quei serial killer e stupratori bastardi." Mormorò. Ciò è continuato in ogni città in cui hanno viaggiato, tra persone che fissavano, parlavano, si toccavano. Dopo diversi giorni di viaggio raggiunsero finalmente il Castello della Principessa. La carrozza della carrozza scese dal suo posto, aprì la portiera della carrozza e le tese la mano. Lei gli afferrò la mano e scese dalla carrozza indossando un lungo abito di seta rossa, i suoi capelli nero-bluastri mossi dalla brezza fresca, i suoi occhi azzurri cristallini che brillavano alla luce del sole.
"Portalo giù e portalo nelle mie stanze." L'uomo fece come gli era stato detto, lo slegò dalla carrozza e lo tirò con una corda usata per legargli le mani. Lo trascinò nel castello oltre la sala da pranzo dove la gente sedeva banchettando guardandolo e poi salirono due serie di meravigliose scale di marmo e lungo un lungo corridoio dove il giovane sentì urla provenire dalla stanza adiacente.
"Vuoi dare un'occhiata?" Gli disse l'uomo mentre apriva lentamente la porta per rivelare un altro giovane maschio chinato su uno sgabello Pedi. Lì dietro di lui, con una frusta in una mano e un oggetto di plastica morbida e arrotondata nell'altra, c'era un altro uomo, forse un principe. Poi abbassò la frusta colpendo forte il ragazzo sulla schiena. Poi, prendendo l'oggetto con l'altra mano, se lo inserì lentamente nell'ano.
"Vedi cosa succede quando i ragazzini cattivi si comportano male qui? Stasera non proverà alcun piacere, tutto dipenderà dal suo padrone. Tu non sei diverso da loro, sarai punito come loro."

"Perché non lasciamo decidere a me le punizioni?" Poi si voltò e sorrise al suo nuovo schiavo. Finalmente raggiunsero le sue stanze e l'uomo le aprì la porta.
"Mia signora." Ha detto poi ha chiuso la porta ed è tornato giù per le scale.
"È stata una settimana lunga per entrambi, perché non ti riposi un po' e inizieremo le lezioni domattina presto?" Lei gli sorrise e disse con una voce bassa e gentile. Poi si tolse il corsetto e le mutandine e poi si infilò nel letto. "Vieni con me o preferisci restare lì tutta la notte?" Gli tirò giù le coperte.
"Non so se dovrei, mia signora." Si ritrovò incapace di guardare altro che il suo bellissimo corpo nudo sdraiato sul letto. Prima che potesse controllarsi era duro come una roccia. "Beh, sembra che qualcuno non sia d'accordo con te stasera. Vieni con me, ne varrà la pena, te lo prometto." Poi imbotti' il letto con la mano facendogli cenno di avvicinarsi. Esitò ancora un po' poi si mise a letto con lei. All'inizio lei si rannicchiò con lui per un po', poi lui sentì la sua mano muoversi lentamente lungo la sua gamba. Accarezzando leggermente la sua morbida pelle abbronzata facendosi strada sempre più in alto finché il suo pene palpitante rimase avvolto nella sua presa. Lo sentì gemere piano e questo le fece piacere, così iniziò a muovere la mano su e giù lungo la sua asta lunga e dura. Lui cominciò a gemere di nuovo, solo che questa volta un po' più forte.
"Ti piace, vero?" E prima che potesse rispondere lei era andata sotto la coperta e si era messa in bocca il suo cazzo palpitante. I suoi gemiti erano ancora più forti ora e i suoi fianchi iniziarono lentamente a muoversi su e giù.
"Non possiamo farlo, non ti conosco nemmeno." Rimase senza fiato.
"Allora mi fermo." Lei si alzò dalle coperte, appoggiò la testa sul suo petto e si addormentò.
Non ha dormito quella notte in cui è rimasto sveglio perso nei suoi pensieri su come è arrivato qui? E cosa ne sarebbe stato di lui ora che era qui in un inferno e lo aveva messo in un altro? Passarono diversi giorni e imparò rapidamente come doveva stare in piedi ed essere sempre in ginocchio quando la sua amante era nei paraggi, guardare sempre in basso verso il pavimento e mai in alto verso la padrona. E alcune volte mentre si faceva il bagno gli parve di aver visto la sua padrona con altri schiavi attorno al castello. Notò quanto fosse dura con loro e non poté fare a meno di pensare che un giorno quello avrebbe potuto essere lui. Eppure le cose rimasero piuttosto tranquille tra loro fino a una mattina.

"Bene, ora da dove dovrei iniziare con te stamattina? Sono passati alcuni giorni, penso che il tuo allenamento dovrebbe iniziare adesso, non è vero?" Gli disse con un sorriso sornione sul volto.
"Dovunque tu voglia, mia signora." Lui le rispose con voce bassa e tremante.
"Dove vuoi."
"Era quello che pensavo avresti detto. Adesso vieni a vestirmi, ho un sacco di cose di cui occuparmi oggi." Lui obbedì subito, corse al suo fianco e cominciò a vestirla in modo goffo, gli ci vollero alcuni tentativi ma lei rimase comunque paziente con lui. Poi cominciò lentamente a indossare le sue mutandine, e poi il corsetto, questa senza dubbio fu la sua più grande sfida. Le sue mani tremavano così tanto che lo lasciò cadere alcune volte prima di riuscire a rimetterlo a posto. Eppure rimase paziente con lui senza mai arrabbiarsi, gli sorrise e basta.
"Cosa vorrebbe indossare la mia signora oggi?" chiese con la voce ancora tremante.
"Perché tremi, mio ​​animale domestico? Hai paura di me?" Lei gli passò le dita tra i capelli.
"No, mia signora." Lui rispose ma lei sapeva che le stava mentendo. "Sai che non mi piace chiederti queste cose due volte, adesso rispondimi sinceramente questa volta. E vedremo di ridurre la tua punizione." Gli mise la mano sotto il mento e la sollevò in modo da poterlo guardare nei suoi occhi viola.
"Sì, mia signora, ho paura di te." Cercando di staccare la testa da lei.
"Ma perché? Perché mi temi? Non ti ho dato alcun motivo per temermi, non ho fatto altro che amarti e prendermi cura di te?" Lei lasciò andare la sua testa e si voltò verso la porta della camera da letto.
"Per favore, perdonami, mia signora, non intendevo mancare di rispetto. È solo che..."

"Che cosa?" Scattò.
"Che ti ho visto con alcuni degli altri schiavi e non posso fare a meno di pensare che presto farai lo stesso con me. Sei molto più duro con loro di quanto lo sei con me. E immagino di avere la sensazione male per loro." Le disse e poi cominciò ad allontanarsi da lei per paura che lei si voltasse e lo colpisse. "Vieni da me! La persona che hai visto non ero io ma mia sorella." Lo disse in un modo che lui non riconobbe. Ma nonostante ciò fece come lei aveva detto e si precipitò al suo fianco con la testa abbassata in modo da fissare il pavimento.
"Si Mia signora." Disse piano. Si voltò in modo da trovarsi di fronte a lui e gli mise di nuovo la mano gentile sotto il mento.
"Non hai mai paura di me, mio ​​animale domestico? Ciò mi ucciderebbe di più sapendo che mi temi. Tu sei diverso dagli altri, appartieni a me e solo a me. A differenza di loro che appartengono a chiunque e a ogni corpo qui. Adesso finisci di vestirmi e andiamo via, sono già in ritardo e per questo dovrai essere punito. Adesso vai a prendermi il mio vestito preferito e finisci di vestirmi." Fece come aveva detto e corse velocemente al suo armadio, prese il suo vestito preferito e finì di vestirla.
"Adesso torna nell'armadio e prendimi il collare e il guinzaglio che pendono dalla porta." Questa volta esitò un po' prima di andare a prendere ciò che lei gli aveva chiesto. Glielo riportò e glieli mise in mano.
"Bene, adesso ti auguro di stare a quattro zampe come un cane." Disse sorridendo mentre gli metteva il collare intorno al collo.

Era un metallo di qualche tipo pesante, forse ferro. E da esso uscivano parecchi piccoli spuntoni uncinati, così che se avesse tentato di rimuoverlo si sarebbe tagliato gravemente. Poi gli ha attaccato il guinzaglio al collare e con uno strattone violento lo ha strattonato a terra. Poi aprì la porta e uscì dalle sue camere da letto. "VENIRE!" chiese con un tono un po' più duro di quello che era abituato a sentire da lei. Ciononostante fece come gli era stato detto e la seguì con grazia a quattro zampe lungo la grande sala.
"Ora ansima per me come fanno i bravi cagnolini." Esitò di nuovo finché non sentì di nuovo il suo forte strattone al guinzaglio e cominciò ad ansimare. Poteva vedere un leggero sorriso apparire sul suo viso e questo gli fece un po' piacere. Dopo diversi minuti di cammino raggiunsero finalmente le stanze della Regina.
"Aprimi queste porte, inutile stronza." chiese lei e con un altro violento strattone lo tirò di nuovo in piedi. Le sue ginocchia erano rosse e gonfie per aver camminato su una dura camminata lapidata. Ma con un sorriso le obbedì e aprì le porte. "Madre." Le sentì dire.
"Sono tornato e con un nuovo animale domestico."
'Animale domestico?' Pensò.
"Vedo il mio caro portarmelo." Disse la regina a sua figlia in tono aspro e feroce.
"Vieni adesso e qualunque cosa tu faccia, non alzare lo sguardo." Gli sussurrò. Ma perché avrebbe dovuto preoccuparsene? Pensava che lo avrebbe comunque punito di nuovo. Era perché voleva essere l'unica a punirlo?
"Ah sì, è un bell'uomo, vero Devania?" Quindi era quello il suo nome? Non glielo aveva mai detto.
"Certo che è mamma. Mi hai insegnato a non accontentarmi mai di altro." Fu allora che notò che ora era la sua voce a tremare. Per quale motivo doveva aver paura di sua madre? Lui si chiedeva. Ma lui non la guardò una volta che tenne la testa e gli occhi bassi sul pavimento.
"Avvicinatelo così che possa esaminarlo più a fondo." Sentì dire la regina.
"Ora mamma, è davvero così...?" Prima che potesse finire, la regina si alzò da terra, si avvicinò a Devania e le diede uno schiaffo in faccia.
"Hai il coraggio di interrogarmi?" Disse con rabbia.
"No, certo che no, speravo solo che ti fidassi del mio giudizio." La sua voce tremava e gli occhi si riempivano di lacrime. La regina poi si avvicinò al ragazzo al guinzaglio e gli sollevò la testa con la mano. Affinché lui potesse vederla adesso, sembrava che non fosse molto più vecchia della stessa Devania. Ma ciò non è stato possibile. "Beh, sembra che tu abbia fatto molto bene questa volta. È davvero molto bello e sembra anche molto forte. Com'è il suo sesso?"
Il ragazzo non poté fare a meno di arrossire a questa domanda e nemmeno Devania.
"Vuoi dire che non lo sai ancora? Beh, in tal caso dovrò provarlo a meno che..."

"È molto bravo." Sentì dire la principessa.
"Forse anche il migliore. Per questo lo voglio tenere per me." Lei schioccò le dita e lui cadde immediatamente a quattro zampe. Perché ha fatto questo? Perché ha mentito per lui? "E come puoi vedere è anche molto obbediente. Ha ancora bisogno di un po' di lavoro, ovviamente lo fanno tutti, ma ha imparato molto velocemente." Lei lo guardò e sorrise leggermente.
"Bene, allora puoi tenerlo, non provo alcun piacere nel toccare la carne andata a male." Non capiva cosa intendesse la regina con questo e non aveva intenzione di chiederlo.

"Grazie mamma." Disse rivolgendo alle donne un piccolo sorriso.
"Fuori dalla mia vista prima che cambi idea." La regina si voltò e tornò al suo trono.
"Vieni, mio ​​caro animaletto, e questa volta cammina davanti a me così che io possa guardarti." Fece come lei desiderava e camminò davanti a lei a testa bassa, ma si ritrovò a sorridere e pensare per tutto il percorso fino alle sue stanze.
"Vieni da me, mio ​​animale domestico." La sentì dire a bassa voce e fece come lei gli aveva chiesto e si avvicinò a lei.
"In piedi." Lei disse.
E senza esitazione si alzò accanto a lei, continuando a guardare il pavimento.
"Portami dove devo andare." Mettendogli una mano sulla testa.
"Mia signora." Disse posandole dolcemente una mano sul fianco.
"Sto bene, animale domestico. Fai solo quello che ti è stato detto." Lei posò la mano sulla sua e la tenne stretta. Lui le strinse indietro la mano e la sollevò rapidamente.
"Dov'è la destinazione delle mie signore?" Le chiese. Ora si trovava incapace di guardare da nessuna parte se non verso di lei. Le sue labbra rosso rosato, i suoi luminosi occhi blu cristallo che scintillavano verso di lui, i suoi morbidi seni rosa che imploravano di essere liberati dal suo corsetto stretto.
"Riportami nelle mie camere, desidero riposarmi un momento." La riportò rapidamente nelle sue stanze e la adagiò delicatamente sul letto e poi si lasciò cadere di nuovo a quattro zampe.
"Per favore, non ho dato alcun comando." Disse dolcemente. "Adesso vai a chiudere a chiave la porta. Desidero che nessuno mi disturbi per le prossime ore." Annuì con la testa e fece come gli era stato detto di fare.
"Ora vieni e stenditi con me." Lui strisciò nel letto con lei e lei appoggiò la testa sul suo petto e si addormentò profondamente. Rimase sveglio giocando con i suoi capelli e guardandola dormire.
"Quanto sei bella quando dormi." Sussurrò piano.

Erano passate diverse ore e lei era ancora profondamente addormentata e lui era un po' preoccupato per lei chiedendosi se dovesse svegliarla o meno o continuare a lasciarla dormire. Quando all'improvviso ci fu una grande confusione fuori dalle porte della sua camera da letto che la fece saltare giù dal letto e volare verso le porte e aprirle. A un servitore che insegue una giovane donna con lunghi capelli rossi, pelle pallida e occhi verde smeraldo. Gli occhi più belli che avesse mai visto.
"Che cosa posso chiedere sta succedendo qui fuori che mi ha appena svegliato dal mio sonno?" Ha chiesto.
"Perdonami, mia signora, mi stavo prendendo cura di uno schiavo fuggito che è andato fuori controllo." Afferrò la giovane ragazza per i capelli e la trascinò lungo il lungo corridoio.
"Aspetta! A chi appartiene?" La sentì chiedere con una punta di preoccupazione nella voce.
"Appartiene a Sua Altezza vostro fratello, mia signora. La signora vorrebbe incontrare il nuovo giocattolo del principe?" Disse il servitore con un sorriso.
"Portatela a sentire, fatemi dare un'occhiata." Egli obbedì immediatamente e trascinò di nuovo la donna verso Lady Devania e la costrinse a inginocchiarsi ai suoi piedi.
"Come ti chiami schiavo di mio fratello?" La giovane non rispose.
"Ti ho fatto una domanda, non farti fare di nuovo, schiavo. Altrimenti farò sembrare piacevoli le punizioni dei miei fratelli." La giovane donna la guardò con le lacrime agli occhi.
"Non c'è niente di peggio che tu possa farmi che il mio padrone non abbia già fatto." Le sue lacrime cominciarono a scenderle sul viso.
"Cosa intendi con quel bambino? Cosa ha fatto mio fratello? Conosce le leggi, nessuno di loro deve essere danneggiato."

"Sì, cara sorella, non sono mai stato il tipo che segue molto bene le leggi. E quello che faccio con i miei giocattoli non ti riguarda, appartengono a me, non a te. Tu ti preoccupi solo del tuo piccolo giocattolo lì." Questa è la prima volta che vede il fratello. Era un uomo molto bello, alto, con capelli bianchi come la luna e occhi azzurri come l'oceano. Mai in tutti questi anni aveva visto qualcosa di simile prima.
"Cosa hai fatto a questa povera bambina? Lo sai bene." Gli disse con rabbia.
"Sì, beh, sono affari miei, non tuoi, ora vieni subito da me." E con sorpresa delle donne, lei obbedì piuttosto rapidamente.
"Sei stata una schiava molto cattiva." Le disse e poi, afferrando qualcosa dal fianco, la colpì quasi facendola cadere.
"Che cosa ha fatto per giustificare una tale punizione, fratello?" Glielo chiese con fermezza.
"Questi non sono affari tuoi. Beh, è ​​un bel ragazzo, sorella, dovrai lasciarmi provare con lui uno di questi giorni." Lui rise, poi afferrò le donne per i capelli e le trascinò via lungo il corridoio in una stanza a sinistra.
"Cosa le succederà, mia signora?" Chiese timidamente. "Beh, a dire il vero, il mio animale domestico, proprio non lo so. Vieni, abbiamo molto da fare, c'è molto da vedere." Lei si allontanò da lui e cominciò a camminare lungo il corridoio.
"Posso avere almeno dei vestiti?" Mormorò senza pensare che lei potesse sentirlo.
"Beh, sei coraggioso, vero? Mi piace e no, forse no, devi essere sempre nudo, capito?" Si fermò e attese che lui le rispondesse.
"Sì, mia signora. Cosa facciamo adesso?"

"Sai che fai un sacco di domande, stiamo andando nella grande sala dove sarai presentato al resto dei reali in questo castello. E non guardare in nessun caso un'altra femmina, altrimenti la mia punizione per te non verrà sii gentile. Sono molto geloso e tu sei mio." Lui annuì e la seguì in silenzio per il resto del percorso fino al corridoio. Là seduto accanto alla regina c'era il principe, il suo fratello malvagio, quanto odiava quest'uomo per aver trattato quella povera donna in quel modo. Eppure non riusciva a capacitarsi di quanto velocemente lei continuasse a obbedirgli. Che diavolo stava succedendo qui? E quel ragazzo che aveva visto qualche sera prima cosa aveva fatto per meritarsi un simile abuso? Gli sarebbero realmente successe le stesse cose? Perché le ha impedito di accontentarlo ieri sera? La sua testa era piena di queste domande e lei doveva saperlo perché sentiva la sua mano sulla schiena.
"Rilassati, tutte le tue domande riceveranno risposta in tempo, mio ​​animale domestico." Entrarono nella stanza e oltrepassarono tutti i tavoli dove c'erano persone che cenavano e ridevano, la musica suonava e la gente ballava sul pavimento. Ma non poteva fare a meno di sentirsi come se non appena passava davanti a sé il mondo intero si fermava come se tutti lo guardassero.
"Perché mi guardano tutti, mia signora?" Ansimò leggermente. "Rilassati, stanno solo ammirando quello che ho, lo faranno spesso. E quando verranno ad esaminarti, stai lì e sorridi, capisci?"

"Si Mia signora." Rimase vicino a lei mentre continuavano a camminare per la stanza.
"Bene, cara sorella, è bello vederti stasera. Come ti senti dopo il pisolino, spero meglio?" Ha detto un’altra voce, ma non era la stessa voce di stasera, era la voce di un’altra donna.
"Leandra, come stai, sorellina?" Una donna alta circa un metro e settanta si precipitò attraverso la stanza e tenne stretta sua sorella. Somigliava quasi esattamente a sua sorella solo un po' più giovane e con i capelli rossi invece che neri poteva essere questa la donna di cui stava parlando? Ma altrettanto bello.
"E chi è questo?" chiese dolcemente guardandolo dappertutto.
"È la mia cara sorella." Devania rispose rapidamente.
"Beh, ho pensato che quella sorella come si chiama?" Gli passò delicatamente la mano sullo stomaco. "Sono Dryden, mia signora." Disse con un sorriso.
"Beh, non si è comportato molto bene adesso, vero? Non stai facendo un lavoro abbastanza buono addestrandolo, cara sorella, o dovrei prendere il tuo posto?" Quella voce sapeva che era suo fratello.

"No caro fratello, penso di poter gestire questa cosa da solo, grazie." Poi lo guardò con uno sguardo tale che lui cadde immediatamente a terra ai suoi piedi.
"Vedi, sta bene. È ancora nuovo, ci vorrà del tempo per abituarsi e starà proprio bene." Poi cominciò a far scorrere le sue figure tra i suoi capelli.
"Sì, lo farà." - sussurrò la signora Leandra.
"Davvero, sorellina, allora dimmi perché il tuo animale domestico non è duro come dovrebbe essere? L'hai già domato, mia cara dolce sorella?" Poi cominciò a camminare verso di lei. La stanza divenne silenziosa perché potessero sentire tutto quello che stava succedendo.
"Oggi mi ha detto che l'ha già fatto. Mi stavi mentendo, piccola?" Disse la regina in tono aggressivo.
"No, mamma, ovviamente, non l'ho già rotto, è solo che è ancora così nuovo e non ho avuto molto tempo per addestrarlo dopo averlo preso. Dovevamo partire in fretta, lo sai." Ha spiegato con calma.
"Sì, è vero, mio ​​figlio lasciala stare, avrà due settimane per addestrare questo ragazzo. E alla fine di quelle due settimane, se non sarà completamente addestrato, apparterrà a te, figlio mio. Sono chiaro a Devania?"

"Si Mamma." Chinò la testa davanti a sua madre e guardò il ragazzo nudo ai suoi piedi.
"C'è qualcuno qui che desidera dare un'occhiata al mio nuovo animale domestico?" L'intera stanza cominciò a ruggire mentre la gente si accalcava attorno al ragazzo, colpendolo e tirandolo per i capelli. Pizzicargli i capezzoli e palpeggiargli il pene rendendolo difficile da vedere a tutti. Ed era uno spettacolo vederne tutti i nove pollici e mezzo. E si è seduto lì come gli era stato detto di fare e ha lasciato che ciò accadesse. Non poteva fare a meno di pensare che in un certo senso avrebbe preferito essere di nuovo in prigione in questo momento. Almeno lì gli era permesso indossare abiti e poteva difendersi da attacchi come questo. Dopo circa mezz'ora iniziarono di nuovo a sedersi lì e a continuare le conversazioni come se non fossero mai state interrotte, e lei si limitò a guardarlo sorridendo di quanto fosse bella quando sorrideva.
"Che ne dici di iniziare davvero questa lezione di formazione, vero?" disse l'orribile principe alzando in aria il suo calice d'argento. E tutta la folla applaudiva e aspettava la risposta della principessa.

"Va bene, iniziamo l'allenamento." Poi si allontanò da lui e si sedette dall'altra parte di sua madre. Poi sentì un forte suono di campana mentre un folto gruppo di giovani donne e uomini nudi entrava nella stanza con brocche di vino e piatti con altro cibo sopra. Togliere i piatti svuotati e rifornire tavola e bicchieri.
"Ti mostrerò le corde, non preoccuparti amore." Sentì dirgli una donna mentre lo afferrava per un braccio e lo trascinava fino ai banconi dove sedevano le brocche.
"Ecco, prendi questo e vai a riempire quei calici su quel tavolo laggiù, sbrigati prima che lo prenda prima una delle altre ragazze." E con una grazia sorprendente che nessuno aveva mai visto prima si precipitò al tavolo e riempì i calici facendo attenzione a non versare nemmeno una goccia anche se giocavano con il suo pene e gli pizzicavano di nuovo i capezzoli.
"È una bellissima creatura." Ha sentito dire da un uomo.
"Sì, davvero, non riesco a capire dove lo abbia mai trovato, non sarà difficile addestrarlo, per niente." Ha detto un'altra donna.
"Ah sì, ma se il principe avrà il suo sopravvento entro la fine di queste due settimane, guarda." Sentì dire un'altra donna più anziana. Le sue mani iniziarono a tremare di rabbia al pensiero che il principe lo possedesse per aver lasciato cadere la brocca di vino. Ma per fortuna è riuscito a prenderlo prima che toccasse terra. "Dove hai imparato a muoverti così?" Gli chiese un uomo.

"Va bene, ragazzo, puoi rispondere alla mia domanda." Prima di farlo guardò Lady Devania che annuì in segno di approvazione.
"Ero un ladro, mio ​​signore, e devi avere le mani veloci quando sei un ladro." Dryden allora abbassò gli occhi e riempì la tazza del gentiluomo.
"Bene, allora immagino di sì. E dove ti ha portato la signora dal ragazzo?" La guardò di nuovo e lei annuì di nuovo in segno di approvazione.
"Mi ha salvato dalla forca, mio ​​signore. Se non fosse per questa donna alla quale ora devo la vita, sarei morto." Nella stanza tornò nuovamente il silenzio.
"E quale è stato il tuo crimine, mio ​​caro ragazzo?" Chiese.
"Ebbene signore, stavo rubando cibo per la mia famiglia perché quest'anno il raccolto non è andato così bene come forse saprà, e sono stato catturato. I soldati che mi hanno arrestato hanno ucciso mia moglie e due bambini davanti a me e poi mi hanno lanciato in una gabbia per essere impiccata lo stesso giorno in cui Lady Devania venne in mio aiuto." L'uomo era senza parole e si limitò a fissare Dryden.
"Mi dispiace, mio ​​caro ragazzo." Sentì dire la regina. Poi di nuovo Dryden sentì il tocco gentile della sua amante sulla parte bassa della schiena.
"Suvvia, credo che basti per una notte." Lo condusse nelle sue stanze dove avrebbe trascorso la notte.
"Spogliami, tesoro, e sbrigati, sono stanco e desidero riposare."

"Si Mia signora." Lui poi obbedì e la spogliò, slacciandole il vestito e lasciandolo cadere a terra, poi il corsetto e poi le mutandine finché lei si trovò di nuovo davanti a lui nuda quanto lui.
"Devi essere stanco per gli eventi della giornata, abbassami la coperta e poi vieni e unisciti a me." Fece come gli era stato detto, abbassò la coperta per lei e la guardò salire sul letto con i seni che ondeggiavano liberi da una parte all'altra e non poté fare a meno di guardarli.
"Beh, sembra che a qualcuno piaccia il fatto che io sia nudo." Aveva ragione, era ancora una volta duro come la pietra. Qualcosa in tutto ciò non andava, non era passato nemmeno un anno dalla morte della sua famiglia, non avrebbe dovuto desiderare così tanto questo sconosciuto. Non avrebbe dovuto provare questi sentimenti per lei, desiderare che ogni centimetro di lei la sentisse contro di lui per essere dentro di lei, con tutto lui nel profondo di lei.

"Vieni a letto, animaletto mio. Domani sarà ancora peggio perché sarà allora che inizierà il vero addestramento." La raggiunse nel letto ma non andò a dormire rimase sveglio a lungo pensando e guardandola dormire sul suo petto passando le dita tra i suoi bellissimi capelli. Finché alla fine si addormentò sognando la sua famiglia, sua moglie e le sue due figlie, come gli dicevano che andava tutto bene. Che stavano bene, non avevano paura di permettersi di essere di nuovo felici. Poi si svegliò di soprassalto e trovò Lady Devania ancora profondamente addormentata tra le sue braccia, poi decise che doveva essere coraggioso. La fece rotolare via da sé svegliandola aggressivamente, si arrampicò su di lei e si spinse brutalmente in profondità dentro di lei.
"Questo è fuori luogo, lo sai, vero?" Lei sussultò.
"Quindi puniscimi per questo."

Le disse di rimando mentre si spingeva più in profondità dentro di lei, i suoi fianchi si sollevavano e premevano contro di lui.
"Pensavo avessi detto che non potevamo farlo, tesoro mio?"
"Ho cambiato idea." Lui sorrise.
"Sì, beh, non ho detto che potevi, vero?" Poi lo spinse via da sé e afferrò la pagaia borchiata che era accanto al letto. "E a cosa serve?" I suoi occhi si spalancarono.
"Questa è la tua punizione, tesoro mio." E senza aggiungere altro gli diede un forte colpo sul sedere. Lui fece un piccolo salto indietro e la guardò.
"Chiediti sul letto e non muoverti finché non te lo dico io." Lei abbaiò e lui fece come aveva detto, si chinò sul letto mentre un colpo dopo l'altro si abbatteva su di lui sempre più forte, gli schiaffi diventarono lui poteva sentire la carne sul suo sedere che cominciava a gonfiarsi e gli bruciava la carne, cercò di non urlare. Invece si ritrovò a tenersi saldamente alle coperte sul letto con i pugni stretti. Una volta finito, rimise la pagaia sul pavimento e si appoggiò al suo corpo arcuato sul letto, strofinando delicatamente la sua figa contro le sue natiche doloranti.
"Ci saranno punizioni peggiori in arrivo se mai oltrepasserai i limiti in quel modo, sono chiaro?" Gli disse freddamente e poi frugò in una piccola borsa sotto il letto, tirò fuori una piccola cinghia di cuoio e la mise attorno al suo pene duro, poi la strinse in modo che sembrasse che la circolazione fosse interrotta.
"Dormirai con questo addosso per ricordarti della notte, sono a posto?"

"Si Mia signora." Lui rispose.
"Bene, adesso dormi un po', l'allenamento inizierà tra poche ore." Poi si girò verso l'estremità più lontana del letto e tornò a dormire. Non dormì per il resto della notte, tutto ciò a cui riusciva a pensare era questo anello attorno al suo cazzo che gli impediva di andare via e l'erezione e quello che aveva cercato di farle. Doveva farsi perdonare in qualche modo, ma non sapeva ancora come.


Finalmente arrivò il mattino e Devania si girò, sbadigliò e si stirò, il pene di Dryden ancora duro e desideroso di nuovo del suo calore.
"Non hai dormito? Non starai molto bene oggi se non hai dormito." Poi afferrò la cinghia di cuoio attorno al suo pene e lo rimosse.
"Ecco, finché riesci a continuare così tutto il giorno oggi staremo benissimo." Poi si alzò dal letto e andò al suo armadio. "Vieni, devi imparare come farmi il bagno come si deve oggi. Questa sarà la tua prima lezione della giornata. E se farai un buon lavoro ti ricompenserò. Ora vai a prendere una ciotola di acqua tiepida e un vestito umido e sii veloce." Si affrettò a fare ciò che lei gli aveva chiesto, cercando ancora di pensare a un modo per rimediare alle sue azioni della notte precedente. Tornò rapidamente con gli oggetti che lei aveva chiesto.
"Eccoci, mia signora." Le disse piano. Quindi posiziona la ciotola accanto a lei sul supporto. "Ora prendi quel vestito e lavami."

"Si Mia signora." Rispose velocemente poi, raccogliendo il vestito dall'acqua calda, iniziò lentamente a lavarla, prendendosi il suo tempo per memorizzare ogni sua curva, il suo meraviglioso profumo. Tutto in lei era perfetto per lui.
"Mi volevi davvero ieri sera, vero?" Lei arrossì mentre diceva questo. "Non posso spiegarlo, mia signora, ho questo doloroso desiderio per te che non se ne va." La sfiorò dolcemente con il suo pene duro.
"Adesso vuole solo te, mia signora." Le sussurrò all'orecchio e poi lo baciò dolcemente. "Sì, beh, questo non cambia il fatto che ieri sera eri molto fuori posto e non avevi alcun comando." Poi la costrinse contro il muro e la baciò profondamente.
"L'inferno con i comandi e puoi punirmi tutto quello che vuoi per dirlo, ma voglio che tu mi lasci avere te." La baciò di nuovo per trovarla baciare indietro questa volta le sue braccia intorno alla vita avvicinandolo a lei che poteva sentire il suo calore contro di lui. Come la voleva così. Poi prima che lo sapesse quell'anello in pelle di nuovo in pelle.

"Hai coraggio il mio piccolo animale domestico lo dirò per te. E forse uno di questi giorni ti cederò e ti lascerò dominarmi, ma per ora lo capisci quando dico. Ora finisci di lavarmi molto da imparare Oggi se desideri rimanere mio. Oppure potrei darti a mio fratello ora e salvarci entrambi i guai. " La tenne forte tra le braccia, poi ancora una volta le baciò dolcemente l'orecchio.
"Mi scuso la mia signora. È proprio questo." Gli mise un dito in bocca.
"So che va bene, puoi farcela diventando il miglior animale domestico in questo posto." Annuì la testa e finì di bagnarla, poi posando il vestito nella ciotola che camminò verso l'armadio.
"E qual è il tuo vestito per la giornata oggi mia signora?"
"Ti lascerò scegliere quello mio animale domestico e scegliere bene."









Capitolo due
La formazione dello schiavo

E scegli bene che lo fece e la principessa era molto contenta della sua scelta e lo ricompensò con diversi piccoli baci su tutto il viso e il collo.
"Vieni è tempo che inizi il tuo vero allenamento." Gli disse freddamente. Quindi lo mise in catene di cuoio su entrambi le mani e le caviglie che gli permettevano di muoversi solo sulle sue mani e le ginocchia.
"Cosa mi succederà?" La guardò e chiese.
"Beh, questa non è una domanda che uno schiavo dovrebbe chiedere ora? Non vedrai l'ora che le tue punizioni non ti chiedi cosa succederà dopo. Sono chiaro?" Quindi lo ha colpito sul viso abbastanza forte da attirare la sua attenzione.
"Si Mia signora." Le rispose.
"Bene ora striscia davanti a me in modo che io possa ammirarti lungo la strada." Quindi gli mise un po 'di cuoio nella sua bocca e attaccò una serie di redini, afferrò un raccolto di equitazione e lo colpì nei glutei con esso. Ha esitato a muoversi all'inizio fino a quando non lo ha colpito di nuovo, poi era così ansioso di andare davanti a lei. "Dovrai dirmi perché eri davvero in prigione uno di questi giorni il mio animale domestico." Non osò provare a guardarla indietro, tenne la testa bassa e strisciava in avanti.
"Fai sapere a tutti che sei orgoglioso di essere il mio schiavo." Mentre masturbava le redini inarcando la testa in alto. Hanno camminato per molto tempo intorno al castello sia dentro che fuori mentre tutti quelli intorno si sono fermati per fissare e ammirare il suo nuovo giocattolo. Poteva sentire le persone che sussurravano e fischiavano contro di lui proprio come in città e nella sala da pranzo di fronte alla regina. Era quasi come se lo stesse facendo di proposito cercando di metterlo in mostra. Fino a quando non vide il bellissimo uomo che era suo fratello in piedi davanti a loro.

"Beh, ora non è delizioso? Non vedo davvero l'ora di assaggiarlo." Disse e la sua voce fece un'otturatore di secco.
"Sì, purtroppo, caro fratello non avrai la possibilità che sia mio e solo mio. Quindi lascialo essere." Ha iniziato a accarezzare la cima della sua testa.
"Beh, ora non siamo fiduciosi sorellina, perderai questa sfida e sarà mia e quando lo sarà ti farò guardare ogni piccola cosa che gli faccio." Quindi si sporse un po 'di più sollevò la testa e baciò la bocca dove era delicatamente la parte.

"Fino a quando non ci incontreremo di nuovo, il mio delizioso." Quindi si alzò di nuovo deriso contro sua sorella e si allontanò.
"Non temere il mio animale domestico, non ti avrà mai finché lo farai come ti viene detto che sarai mio Cap? Quel bastardo chi pensa che stia toccando ciò che è mio?" Quindi si inginocchiò di fronte a lui e gli baciò la fronte.
"Vieni, abbiamo ancora molto da fare oggi ora questo sarà un po 'spaventoso per te all'inizio sarò lì con te per la maggior parte ma non tutti. Ci sono qualcosa che devi imparare a fare con me ." Poi lo ha colpito di nuovo con il raccolto in sella, ma questa volta non lo ha disturbato era felice di essere colpito da lei. "Meglio lei di suo fratello." Si ritrovò a pensare. Non poteva fare a meno di chiedersi perché sembrasse competere sempre con lei. Finalmente dopo un po 'raggiunsero un grande coliseo pieno di molti più schiavi proprio come se stesso. Sia l'uomo che le donne allo stesso modo racchiudono il modo in cui era sulle sue mani e le ginocchia incapaci di alzarsi. Le gradinate erano piene di altri signori e signore che guardavano gli eventi che ridono, parlavano, tifano e bevevano.

Si fermò rapidamente nelle sue stesse tracce e la principessa non se ne accorgeva inciampò, ma fu in grado di catturarsi. "Cosa pensi che tu stia facendo non ti ho dato alcun ordine di smettere!" Poi ha sollevato il raccolto e ha iniziato a colpirlo violentemente. Non gli aveva ancora fatto prima e non riusciva nemmeno a pensare. Ha cercato di scappare da lei ma è stato tirato indietro dalle redini ancora attaccate alla sua parte. Lo tirò indietro con una forza così grande che cadde a terra atterrando sullo stomaco. Quindi si avvicinò a lui gli mise un piede sulla schiena e convocò per essere portata da una pagaia. Poteva sentire la folla incoraggiare e ridere di lui. Un altro schiavo le ha quindi consegnato una grande pagaia in pelle con piccoli stalloni di furto. Quindi tirò indietro la mano e lo colpì attraverso i glutei e le cosce con essa molto duramente. Non riusciva a impedirsi di piangere per il dolore che i suoi occhi si riempivano rapidamente di lacrime. Mai nella sua vita aveva mai sentito così tanto dolore prima. Anche la morte della sua famiglia non era nulla in confronto a questo. Poi lo sentì colpire di nuovo più forte questa volta colpindo un po 'più in basso su di lui di prima.

Questo lo fece provare a fuggire da lei di nuovo, ma lei lo tirò indietro e lo colpì ancora più forte di prima. Questa volta scorrendo la pagaia attraverso le sue testate. Si lasciò cadere e non si muoveva dopo questo mentre continuava a batterlo crescendo sempre più con ogni swat.
"Minterlo e insegna cosa significa essere un vero schiavo. Sarò nelle mie camere quando avrai finito con lui." Quindi gettò la pagaia a terra accanto a lui e se ne andò. Pochi istanti dopo si sentì sollevato da terra e veniva gettato sopra la spalla di qualcuno e portò via un'altra parte di questa enorme arena. Fu quindi gettato violentemente contro la grande lastra di marmo e incatenato. Le sue mani sopra la sua testa le gambe più distanti quanto andavano, il po 'rimosso e un bavaglio di pelle fu messo al suo posto. Quindi seguì una piega cieca in pelle.
"Beh, ora ragazzi sembra che abbiamo noi stessi un altro giocattolo da allenarci." Questa voce che non ha riconosciuto. Quanto si sentiva stupido per essersi fermato davanti a lei così cosa stava pensando? Stava pensando? Tutto quello che sapeva era che voleva essere tra le sue braccia scusandosi comunque con lei che poteva. Non qui incatenato e impotente a questo muro.
"Beh, ora sembra che tu l'abbia fatto davvero questa volta ora, vero?" Questa voce sapeva che era la stessa voce che lo aveva fatto chiudere così prima.
"Sarai il mio abbastanza presto. Sapevo che non potevi essere allenato, va bene anche se ho abbastanza schiavi che sarai il mio giocattolo sessuale. Non ho avuto il piacere di averne uno da molto tempo. Don mi sbagli, ho visto molti uomini belli ma nessuno di loro attira la mia attenzione nessuno di loro ha quel fuoco che stavo cercando. Ma tu, sei selvaggio e mi piace che tu abbia quel fuoco che Ho cercato. " Il principe quindi si tolse la piega cieca e il bavaglio dalla sua bocca. "Ma mio signore tua sorella ha detto per noi di addestrarlo." Un giovane vestito da un contadino gli disse.
"Sì, beh, mia sorella non è qui ora, è lei? Lei non sa nulla di quello che sta succedendo sono capito o sarai tu qui al suo posto." Il ragazzo scosse la testa in accordo con il principe inchinò e si allontanò.
"Vedi il potere che ho la paura che colpisco le persone? Lascia che ti chieda una cosa e per favore non abbiate paura di rispondermi, mi temi?"
Dryden si ritrovò a guardare in profondità negli occhi blu profondi dei principi.
"No mio signore. Non lo sono." Lui ha risposto.
"Beh, allora dovremo cambiarlo ora, non lo facciamo? Lascia che ti faccia un'altra domanda. Temi mia sorella?" Piegando le mani dietro la schiena e camminando avanti e indietro davanti a Dryden. "Sì, ho molta paura della mia signora. Ma la ammiro così e mi manca. Mi sento orribile per averla sconvolta tanto quanto ho fatto per mettermi in questa posizione."

"Credetemi che non è quella di cui hai bisogno di aver paura di me. Potrei farti molto peggio in questo momento di quanto possa mai fare. Ti credo ora che a questo punto." Si avvicinò a lui e mise una mano sul suo pene.
"Fa male non è vero?" Corringendo la mano su e giù delicatamente. "Sì, ma sono disposto ad aspettare la mia signora." Il principe smise quindi di accarezzarlo e lo guardò.
"Vuoi dire che non ti sei ancora impegnato in rapporti sessuali con mia sorella? Beh, questa è una bella giornata."
"Davvero e perché è così?" Dryden ha chiesto.
"Perché ciò significa che ha mentito a mia madre quando ha detto che ti ha rotto in cui mi porta un passo più vicino al possesso di te." Quindi afferra di nuovo il pene di Dryden e inizia ad accarezzarlo forte e veloce. Nonostante i suoi sforzi Dryden non poteva impedirsi di gemere ad alta voce e diventare duro.
"Molto bello ora devi essere così in ogni momento, non importa quello che serve. E potresti pensare che questo sia impossibile ma non lo è. Ti abituerai dopo un po '. Il mio suggerimento è imparare a goderti il ​​tuo Le punizioni non vedono l'ora. " Poco prima che Dryden stesse per climax il principe si fermò e si tolse la mano.
"Non devi mai essere contento se non dirsi . Anche nel suo letto mentre guarda o decide di unirsi. Vedi mentre sei qui non sei altro che un giocattolo per noi. E non è tutto più e non è più proibito che non devi mai innamorarti della tua signora o Signore e non devono mai innamorarsi di lì schiavo. Complica solo le cose ". Piegando i capelli dietro l'orecchio.
"Parli per esperienza allora?" Chiese Dryden con calma.
"Sì, ma non è niente per te. Ora stai zitto e ascoltami e non parlare più se non detto di farlo." Il principe quindi colpì il suo pene duro. Mentre Dryden gridava sia nel dolore che nel piacere.
"Ora capisco che sei qui, fai la signora che ti ha avuto pietà di te. Perché pensi che sia Dryden?"

"Sì, mio ​​Signore. E non so di non aver chiesto tutto quello che so è che sono molto pieno che lei ha fatto o altrimenti sarei morto proprio in questo momento. Devo a mia signora la mia vita." Quindi abbassò gli occhi mentre la signora gli aveva insegnato a fare.
"Beh, allora lascia che ti dica perché l'ha fatto."
"Sì fratello perché non glielo dici e mentre ci sei perché non corri e prendi anche la madre." Era Lady Leandra quanto fosse bella per lui. Mentre la guardava, si ritrovò a voler essere tra le braccia delle donne ancora di più.
"Beh, ora sorella cosa ci fai qui?" Si avvicinò a lei e le piegò di nuovo le braccia.
"Ragazzi, lo slelli e lo metti nelle mie camere subito e se la signora Devania mi chiede di mandarmi. Mi prenderò la colpa per questo." Disse Leandra.
"Sto salvando da te questo povero ragazzo, è quello che sto facendo." Il ragazzo si precipitò su Dryden, non lo fece, poi lo mise a terra.
"Vieni ora ragazzo subito e fai fretta." Lo fece mentre lei disse e si precipitò da parte sua la sua testa ancora guardando il terreno.
"Non è tua cara sorella. Conosci la punizione per questo."

"Come fai fratello come tu. Toccando ciò che non appartiene a te e sessualmente per questo cosa direbbe la madre a questo?" Quindi abbassò lo sguardo su Dryden e gli schiaffeggiò delicatamente il culo per andare avanti e iniziò a andarsene.
"Stai bene, animale domestico?" Chiese delicatamente. Non le ha risposto tutto ciò a cui poteva pensare era ciò che il giovane principe gli aveva detto.
"Ti ho fatto una domanda." Disse di nuovo questa volta ammanettandolo in testa.
"Mi dispiace mia signora, non riesco a impedirmi di pensare al giovane principe. E sì, sto bene." La sua testa è ancora in basso.
"Va bene e non presta attenzione a mio fratello che farà e dirà qualsiasi cosa per trasformarti contro mia sorella ti vuole da solo. E più ti guardo, più vedo perché. Ma non devi preoccuparti Abbastanza animali domestici da solo per tenermi occupato non ho alcuna utilità per una delle mie sorelle. " Disse ridacchiando un po '. "Una delle mia signora?" Chiese piano.
"Perché sì, ovviamente, ha dozzine di schiavi a sua disposizione non lo sapevi? Beh, allora ha tenuto davvero molto da te. Ma penso che tu sia diverso per lei. Penso che potrebbe essersi innamorata di te."

"Ma ho pensato che fosse proibito la mia signora?" Quindi la guardò.
"Beh, ora sembra che tu sia un po 'più istruito di quanto pensassi. modo per evitare di essere visto dagli altri ". Quindi lo conduceva verso l'esterno del castello e giù per una lunga passeggiata nel roseto dove si fermò e si sedette sulla fontana d'acqua.
"Vieni inginocchiato ai miei piedi ti insegnerò ad essere uno schiavo adeguato senza tutto quell'abuso." Lo fece mentre gli fu detto che andava a inginocchiarsi per i suoi piedi sentendosi come un cucciolo ferito che chiedeva perdono. "Non hai bisogno di temarmi ragazzo." Quindi iniziò a correre delicatamente le dita tra i capelli.
"Ami mia sorella Dryden?"
"Beh, non sono davvero sicuro che la mia signora non ho avuto il tempo di conoscerla davvero."
"Lascia che ti chieda questo allora ti manca in questo momento schiavo?"

"Sì più di quanto tu sappia." Lui sospiro.
"Allora sei innamorato di lei. Stai cominciando a rompersi, il che devi fare se sopravviverai qui. Devi guardare con impazienza le tue punizioni. Perché se obbedisci o meno verrai ancora punito. dalla pagaia o dalla cinturino del gallo o anche semplicemente piacendo la tua signora e lasciati inviare te stesso per giorni alla volta. Devi imparare a controllare tutto questo. In questo momento stai dolorante e non ti piacerebbe altro che essere contento di te stesso . E scommetto che se dovessi giocare con te in questo momento che scoppieresti. Ho ragione? " Non ha risposto verbalmente, annuì solo la testa.
"Bene, allora sarai contento e poi insegnato a riprendersi quasi all'istante o essere punito per questo." Leandra lo tirò in ginocchio e iniziò a accarezzare lentamente il suo pene duro. Le sue mani morbide erano così incredibili per lui.

"Vai avanti sai che vuoi lasciarlo andare." Lei sussurrò all'orecchio. E su ciò si lasciò liberarsi in mano. "Il bravo ragazzo ora diventa di nuovo duro ora, ora." Ha continuato a giocare con il suo cazzo bagnato che lo accarezzava forte e veloce fino a quando non è stato di nuovo duro e ancora dolorante per di più.
"Bravo ragazzo che impari rapidamente. Ora devi rimanere così. Ora non sentirai più sollievo fino a quando la tua signora non sarà pronta a dartelo che potrebbe richiedere giorni arrabbiati con te come lei. Ora vieni dobbiamo prenderti Torna al tuo muro. " Quindi si alzò in piedi sciacquando la mano nella fontana e iniziò a camminare davanti a lui. La raggiunse rapidamente le ginocchia e iniziò a camminare davanti a lei la testa.
"Molto bravo sono già contento di te, c'è ancora speranza per te." Quando tornarono all'arena Lady Devania li stava aspettando lì.
"Sorella che piacere." Leandra ridacchiò piano.
"Perché non è dove l'ho messo sorella?" Disse rabbiosamente e non osò alzarla invece si precipitò al suo fianco e si inginocchiò prima di mettendosi il fondo gonfio in aria.
"Beh, ora non è una sorpresa molto buona. Ma questo non cambia nulla per te."

"Vieni ora sorella, sii facile con lui che sta provando dopo tutto, sta solo cercando di scusarsi per le sue azioni prima di oggi." Disse Leandra. "Sì bene non ti ho chiesto di essere coinvolto." Snappò indietro. "La mia signora posso parlare?" Dryden chiese spaventato.
"Che cos'è?" Abbaiò.
"Se non fosse per la signora Leandra, sa cosa potrebbe avermi fatto tuo fratello." Quindi le baciò i piedi,
"Che cosa?" Lo guardò confuso.
"Dice la sorella di verità, ho visto tutto da solo. Stava cercando di girarlo contro di te e persino toccarlo sessualmente." Dichiarò Lady Leandra. "Davvero ora mi occuperò di mio fratello, lo ha rimesso dove l'ho avuto fino a quando non ho evocato per lui." Prima che potessero venire a recuperarlo Devania ricominciò a tossire e svenuta ancora una volta cadendo nelle braccia in attesa di Dryden.
"Portala nelle sue camere invierò per un medico subito." Disse Lady Leandra, correndo via al castello.

Dryden riportò Lady Devania nelle sue camere con altri due schiavi che lo guidavano. Aprirono la porta delle sue camere e lui la mise a letto notando delicatamente sangue sul labbro, lo asciugò rapidamente, poi si sedette accanto a lei e le passò le dita tra i capelli. Accarezzandole delicatamente il viso fino al seno che spuntava dal vestito che aveva scelto per oggi. "Perché sei così malata mia signora?" Quindi iniziò a sudare pesantemente.
"Dove diavolo è quel dannato dottore? Resta lì dentro il mio amore Aiuto sarà presto qui."
"Sì bene, allora ci va di nuovo." Sentì suo fratello dire da dietro di lui e non pensò nemmeno alle sue prossime azioni o alle conseguenze dietro di loro si alzò dal suo letto che si voltò e prese a pugni il giovane principe in bocca buttandolo fuori. Fu rapidamente sequestrato dalle guardie dei principi messe in arresto e portò nella prigione dove fu incatenato al muro della cella della prigione.

"Beh, allora come si è sentito Darien?" Disse Lady Leandra ridendo.
"È qui dottore." Il dottore quindi entrò nella sua stanza e chiuse la porta dietro di lui. Diversi istanti dopo Darien iniziò a venire.
"Quel piccolo bastardo aspetta di mettermi le mani su di lui."
"Non lo toccherai. Probabilmente te lo meriti comunque." Lei gli sorrise.
"Sì bene, non è questo il punto che ha colpito un reale e se lo facesse. Questo non può essere impunito." Disse con rabbia.
"Né lo farà Devania se ne occuperà mentre lo ritenga opportuno quando si sente meglio in questo momento, ha bisogno che sia lì per lei quando si sveglia," guarda una delle guardie e le movimenti per lui per andare a ottenere Dryden. Lo fece come gli fu detto e tornò al sotterraneo per trovare una delle altre guardie che giocavano con lui.
"Beh, ora non hai il coraggio di colpire un reale." La guardia gli disse.
"Sì bene, se lo meritava." Dryden ha risposto.
"Sì, bene se lo facevi o no e fossi ancora fuori linea e sono sicuro che sarai punito gravemente per questo. Ma per sapere che sei necessario dalla sua donna." Quindi lo ha invaso dal muro e lo ha trascinato per il suo pene alle camere di Lady Devonian. Pochi istanti dopo il dottore uscì guardò Dryden e scosse la testa. Dryden si precipitò quindi nella stanza per essere al suo fianco.
"Cosa c'è di sbagliato nel suo dottore?" Chiese Leandra.
"Beh, in tutta onestà, mia signora non so di non aver mai visto niente del genere prima in tutti i miei lunghi anni di essere un dottore ..." le disse.
"Beh, allora cosa dovremmo fare per lei?" Chiese Darien.
"Come se ti importasse quello che succede al suo Darien." Leandra scattò. "È anche mia sorella, ovviamente, mi interessa."

"Beh, è ​​molto debole e deve rimanere a letto per i prossimi giorni, se possibile? Più riposo si allontana, meglio sarà."
"Sì, beh, non sai nostra sorella non c'è modo che sia disposta a rimanere a letto per così tanto tempo."
"Ne sei sicuro?" Chiese il dottor.
"A meno che Dryden non possa convincerla. Ciò significa che dovrà essere al suo fianco in ogni momento per i prossimi giorni. Il che significa che il suo allenamento deve aspettare." Sussurrò Leandra.
"Beh, questo è di male mi stavo divertendo nell'arena indifesa."
"Sei fortunato che non sia qui per ascoltarti o probabilmente ti darebbe un pugno di nuovo." Lei ridacchiò.
"Sì bene, è fortunato a non ucciderlo per questo."
"Sì bene, allora sembra che non sia più necessario qui, buona giornata per te, tornerò a controllarla tra pochi giorni." Il Dr. disse e poi si voltò e se ne andò. Lady Leandra aprì lentamente la porta alle camere del Devonian per vedere Dryden in ginocchio accanto al suo letto che pregava che lei fosse risparmiata. Quindi chiuse la porta si avvicinò a lui e gli mise una mano sulla spalla.
"Starà bene, è forte, ti farà passare." Ha detto cercando di non piangere.
"L'ho già visto prima nel mio villaggio e non finisce mai bene. Tutti quelli che sono morti sono morti mi chiedo se potrebbe averlo preso nel mio villaggio quando mi ha rilasciato. Mia signora non posso perderla lei è tutto ciò che ho adesso. " Quindi mise la testa sul suo letto e iniziò a piangere.

"Non preoccuparti il ​​mio animale domestico non vado ancora dove." La sentì dire. "Mia signora." Disse mentre si sedeva sul letto e la teneva strettamente. Singhiozzando nei suoi lunghi capelli.
"Dove sei preoccupato per me il mio animale domestico?" Glielo chiese.
"Certo che ero tutti noi."
"Sì, eravamo tutti anche Darien che si sono comportati un po 'preoccupati. Ma c'è un problema che devo portare alla tua attenzione cara sorella. Il tuo piccolo animale domestico qui ha colpito tuo fratello per quale motivo non lo so, ma lui lo ha bussato a metterlo bene a metterlo fuori." Guardò Dryden.
"Questo è vero dryden?" Ha lottato per dirlo.
"Non preoccuparti di questo ora spiegherò tutto quando stai bene. Ci sono anche alcune altre cose nella mia mente di cui desidero parlarti." Quindi le baciò la fronte e si sdraiò sul pavimento accanto al suo letto.
"Discuteremo questo successivo Leandra ora mi lasceremo a riposare." Le disse piano.
"Sì, certo cara sorella, guarderemo più tardi." Lei rispose indietro e poi la lasciò a riposare.
"Beh, cosa si deve fare con il piccolo bastardo?"
"Ne discuteranno quando si sente meglio e più forte per affrontarlo a modo suo. Vieni ora fratello dormono entrambi." Poi se ne andò lasciando Darien davanti alla sua porta. Rimase lì per diversi minuti a fissarlo prima che finalmente allontanasse il sangue che gocciolava dal naso e dal labbro.

"Dryden viene da me." La sentì sussurrare.
"Sì, mia signora che cos'è?" Chiese mentre si precipitava al suo fianco. "Vieni a dormire con me tienimi fammi sapere che sono al sicuro e che non mi lasceresti mai che mi accada nulla." Quindi mise una mano nella sua e la tenne stretta.
"Mai mia signora non lascerò mai che ti accada niente." Si strinse indietro la mano e poi strisciava nel letto accanto a lei. "Non dovresti dormire in questi vestiti, la mia signora vorrebbe per me per spogliarla?" Le chiese sorridendole. Quindi lo guardò sorridendo e annuì. Da lì ha continuato a spogliarla rimuovendo il suo vestito, poi il suo corsetto, le sue mutandine e le calze. Così che quando ebbe finito era nuda come lui. "Come ti senti?"
"Meglio in realtà grazie ancora per essere stato lì per me. Non solo con questo, ma anche mio fratello. Sì, lo so che ero sveglio per un breve momento prima. Ma dovrai ancora essere punito per questo e non solo da Io. Ma anche da lui adesso. Quando gli hai messo le mani su di lui, gli hai dato il pieno diritto di farti mentre gli piace e non posso fare nulla per aiutarti. Lo capisci? "

"Sì, mia signora ma valeva tutta la punizione che riceverò. Come sei." La bacia delicatamente.
"Beh, allora lasciaci tornare al tuo allenamento allora. Le guardie vengono e portalo via, ora sono i miei fratelli fino a quando non vorrei riaverlo." Immediatamente entrarono nella stanza e lo affrettarono via da lei prima che potesse dirle che la amava.
"Beh, ora appartieni al principe." Dryden quindi sputata nella faccia delle guardie.
"Appartengo solo alla mia signora." La guardia lo gettò quindi contro il muro e lo bloccò lì per la gola. Ma non lo ha colpito. "Sei fortunato che tu sia i principi o altrimenti ti consegnerei nella sala degli schiavi." Quindi bussò alla porta del principe. Il principe aprì la porta e sorrise alla vista di Dryden.

"Beh, allora sembra che mia sorella abbia ceduto."
"Non esattamente il mio Signore, ha detto che verrà per me quando sarà pronta e che devi essere quella che mi punirà. Anche se lo farei volentieri di nuovo." Dryden disse fissando il principe. "Sì, beh, questo è stato il tuo primo errore." Il Principe afferra quindi Dryden per le palle e lo trascina nelle sue camere e calcia la porta chiusa nella faccia delle guardie. Quindi lo accompagna a un gancio appeso al muro.
"Sai cosa viene usato per Slave?"
"È per tutti i tuoi tentativi falliti di ucciderti?" Ha detto sarcasticamente di nuovo.
"Hmmm ... un culo saggio mi piace." Ridacchiò un po 'e poi prese un pugno a Dryden nello stomaco che gli faceva cadere il vento. "Ma purtroppo ti sbagli questo in cui appenderemo i miei schiavi per l'allenamento. È qui che sarai contento quando ti è stato detto di essere contento e così via. Sei mio ora e non ti piacerà che non sono tu preziosa principessa."
Ha quindi afferrato un altro paio di catene di cuoio le mise sulle mani di Dryden e chiuse le mani sopra la testa sul gancio dal soffitto. Ha quindi afferrato la catena che il gancio è stato attaccato per sollevare il gancio fino a quando Dryden non è stato in piedi sulle dita dei piedi.
"Siamo ancora comodi per il cane?" Chiese Darien.
"Certo perché no, non mi è successo la prima volta." Dryden ha detto.
"Beh, allora che ne dici di questo?" Tutto il Dryden Heard era qualcosa di aperto, quindi una spinta acuta, dura e dolorosa mentre qualcosa veniva colpito nel suo ano. Ha urlato di dolore.

"Sì, mi prendito divertiti, c'è di più per venire da questo." Il principe continuò a spostare l'oggetto dentro e fuori dall'ano di Dryden lentamente all'inizio, quindi iniziò a spingerlo sempre più in profondità in lui. Mentre Dryden continuava a urlare di dolore. Ma per qualche motivo, nonostante tutto il dolore in cui si è trovato, è stato duro come una roccia forse era fatta per il cinghia su di lui o si stava davvero divertendo.
"Esatto, mettiti duro, divertiti, sai che lo fai. Vuoi di più? Rispondi o vado per qualcosa di più grande." Dryden non gli ha risposto. Così Darien tirò fuori l'oggetto e lo abbassò in modo che fosse a livello con la vita di Darien mentre si spingeva dentro di lui. Dryden di nuovo gridò in una miscela di piacere e dolore. Dopo alcune buone spinte in lui, Darien si rilasciò. Ma questo non lo fermò, continuava a fare fino a quando non era di nuovo duro e ancora una volta fu in grado di liberarsi. I gemiti di Dryden erano passati dal dolore al puro piacere. Il suo pene è così duro e pulsante come voleva essere toccato per sentire un po 'di rilascio come aveva fatto con Lady Leandra nel roseto. Darien si è poi tirato fuori di essersi sparato e si è fatto tornare i pantaloni. "Guardie ✔!" Ha chiamato come uno di loro è entrato nella stanza.
"Sì, mio ​​Signore."

"Chiedi a qualcuno di venire e ripulirlo subito, ho intenzione di cena, lo voglio pulito e pronto per me per quando torno. E se qualcuno di voi lo tocchi lo farò in modo che non tocchi mai più nulla, sono chiaro?"
"Sì, mio ​​Signore." Quindi si affrettò a trovare uno dei toelettatori e farli venire subito nelle camere del principe per prepararlo per sua maestà. Dopo alcuni momenti di essere solo e di essersi ripreso da quello che gli era appena successo una bella ragazza vestita molto bene con una gonna di seta verde smeraldo e una camicia zingaro.
"Beh, ora sei molto meglio di alcuni degli altri che ho dovuto pulire." La guardò e si perse subito nella sua bellezza.
"Sì, beh, non mi sento così bello in questo momento." Sussurrò di nuovo e poi aprì di nuovo la testa.
"Sì, beh, ora lo sei. Non più parlare, devo prepararti per questi eventi di sera." Gli disse mentre tornava nella sala e si spostava in un carrello con una ciotola e un secchio d'acqua insieme a uno strano dispositivo che non aveva mai visto prima. "A cosa serve?" Le chiese.
"Questa cosa qui è per pulirti. Non posso farti gocciolare il principe ovunque ora possiamo?" Rise e iniziò a lavarlo.
"Mi chiamo Ren e sono il tuo toelettatore." Gli disse.
"Mi chiamo Dryden Cosa intendi per il mio toelettatore?"

"Appartengo a te mentre appartieni al principe solo io mi lavo e mi prendo cura. E non abbiate paura di parlarmi ciò che viene detto tra noi due rimane con noi. Normalmente ti farei questo Slave Hall ma non ce l'hai ancora fatta. Considerati fortunato su quello con così male come lo sei stato. " Spostandosi dalla parte anteriore di lui alla schiena esaminandolo prima di lavarlo delicatamente per non ferire le sue natiche già gonfie.
"Beh, allora sembra che tu abbia già fatto un numero su di te. Non è niente se mantieni questo atteggiamento. Perché combatterlo così tanto, darci, sai che vuoi sapere che vuoi vederlo in te già. Lasciati spezzare. " Cominciò a lavarsi il culo mentre sussultò di dolore. "Non per lui non mi romperò. Mia signora sì, mi romperò con piacere ma mai per lui." Ha detto un po 'irritato.

"Ma non lo capisci finché sei qui devi imparare a rompersi per tutti. Non solo una padrona. Appartenisci a tutti in questo castello non lo capisci? E se non lo farai Ho molti altri giorni come questo. Ora gli eventi di stasera saranno molto difficili con te. " Quindi tornò di nuovo sul suo fronte lavando delicatamente il suo pene ancora eretto. Gemette un po 'quando lo toccò.
"Così già preso in giro, scommetto che non ci vorrebbe molto per te andare in questo momento, vero?" Poi sorrise e poi iniziò a succhiare il suo pene in bocca. E ancora prima di poter essere rilasciato, si fermò e continuò a lavarlo.
"Perché cosa mi succederà stasera?" Le chiese

Storie simili

La storia di Laura (per le donne)

La storia di Laura Il mio nome è Laura. Lavoro in questo studio legale da 6 mesi ormai. Sono un impiegato di base, rispondo al telefono e lavoro d'ufficio leggero. È un lavoro facile, dato che vado al college 2 sere a settimana. La mia migliore amica di lavoro è Lissette, è una donna portoricana sposata più anziana di circa 40 anni. È così divertente parlare con lei. È così selvaggia e adora parlare di sesso! Penso che lei pensi che io sia troppo innocente dato che vengo da una famiglia molto religiosa. A volte mi chiedo se abbia deciso di...

855 I più visti

Likes 0

Il mondo nascosto del mondo magico, libro:1 ch:2 torna al bagno

La storia è scritta dal mio amico ed io, attualmente stiamo cercando di fare un lavoro migliore di correzione di bozze, ma stiamo ancora cercando qualcuno che ci aiuti. I prossimi 2 capitoli dopo questo avranno più personaggi della serie, sentiti libero di suggerire eventuali relazioni o feticci che vorresti vedere. Torna al bagno Hermione si è seduta a lezione di pozioni a cui mancano ancora le mutandine, qualcuno le ha prese dalla biblioteca. La lezione è iniziata e Harry le ha chiesto se stava bene. “Sì, sto bene solo un po' scosso. “ È successo qualcosa? No, solo che ho...

3.7K I più visti

Likes 0

Far sborrare nostra figlia

Far sborrare nostra figlia Storia #100 …..sono Lynn, ho gli stessi impulsi di mia madre. La mamma (Dee Dee), il fratello Ken e io abbiamo tutti questa cosa e ci piace sentirci bene. L'abbiamo chiamato scherzosamente Feel-itis. Questo ci ha portato tutti a fare sesso l'uno con l'altro. …..Ora ho avuto una figlia Vicky. Ho deciso di non sentire Vicky crescere in modo che potesse svilupparsi a modo suo. Il suo compleanno oggi significava che adesso era maggiorenne. È stato difficile combattere l'impulso che avevo di sentire il suo corpo. Aveva già un corpo caldo. Belle tette, fianchi, gambe e un...

3.1K I più visti

Likes 0

Cambiare la realtà (parte 3)

Ciao ragazzi e ragazze! È Chase. Sai, la persona di cui parla questa storia. So cosa stai pensando – Questo non può essere vero. Bene, ti assicuro che lo è assolutamente. Non posso provartelo, a meno che non ci incontriamo un giorno e anche allora, dovrei raccontarti tutto da capo. È qualcosa che non è molto probabile che farò poiché qualsiasi esposizione di chi e cosa sono potrebbe portare alla mia cattura da parte di qualcuno che desidera trasformarmi in una specie di cavia. Non so voi, ma non sono molto entusiasta di essere rinchiuso per il resto dell'eternità e di...

1.8K I più visti

Likes 0

Andando avanti - Capitolo 3

Andare avanti capitolo 3 Il tempo sembrava congelato. L'espressione di shock e orrore sul viso di Evelyn era giustapposta ai resti bagnati del mio sperma sulle sue guance e sul suo mento. Il mio cazzo è caduto dalla mia mano e la mia testa sembrava muoversi attraverso la melassa mentre si girava lentamente verso l'ingresso del bagno. Sembra che voi due abbiate combinato un sacco di cose, disse il signor Clark con nonchalance con un leggero sorriso, guardandosi intorno al bagno come se cercasse altri membri del nostro piccolo gruppo. Mi chiedevo dove fossi scomparso per così tanto tempo. Seguì un...

1.2K I più visti

Likes 0

Il mio amore giapponese parte 9

My Japanese Love Part 9: I guai di Alicia Nei giorni che seguirono cominciai a immaginare come sarebbe stato mio figlio. È bello sapere che in tutto il caos che è successo nella mia vita ne è venuto fuori qualcosa di buono. Akira ed io siamo follemente innamorati e stiamo per avere un bambino. Abbiamo detto ai suoi genitori che erano estremamente felici per noi, tuttavia mentre le nostre vite sono cambiate in bene, Alicia è cambiata in male. Mentre sto facendo dei lavori in giardino, noto Alicia che mette un cartello di vendita di garage. Normalmente mi dice quando ne...

1K I più visti

Likes 0

Guardare e fare

GUARDARE E FARE John sentiva di aver fatto un ottimo affare. Quando si è trasferito in questo condominio, ha incontrato e parlato con il proprietario e ha convinto quell'uomo a lasciarlo svolgere il ruolo di custode/custode/amministratore residente, facendo tutto ciò di cui l'edificio aveva bisogno per $ 200 al mese di sconto sull'affitto più le spese. Normalmente ciò richiedeva solo poche ore al mese dal suo tempo libero, e se avesse dovuto lavorare durante quel giorno in un giorno feriale, il suo programma come tecnico di laboratorio presso un'azienda farmaceutica avrebbe potuto essere modificato - la maggior parte delle cose potrebbero...

404 I più visti

Likes 0

Tim, l'adolescente parte XV

Nota: ——NON sono l'autore! Ci sono diversi autori in realtà, non sono così sicuro che qualcuno di loro sia il creatore, ma so che non sono io. Sto semplicemente condividendo questa bella storia con tutti voi perché non l'ho vista qui. Ora in origine dovevano essere tutte 9 parti, ma... Qualcuno ha detto che la prima era troppo lunga, quindi ho deciso di dividerle tutte in post più piccoli. Ho pensato di provare un aspetto e una struttura della frase diversi per questo capitolo, per favore fatemi sapere come vi piace. BUON APPETITO--- Tim, l'adolescente parte quindici di: Rass Senip +++...

2.6K I più visti

Likes 2

Il negozio d'angolo seconda parte

La prima parte è qui: sexstories.com/story/82788/ Controllò l'orologio, sarebbe arrivata presto. Era circa una settimana dopo, ero nel suo negozio, la mamma mi aveva mandato a prendere il cibo di cui avevamo bisogno per il fine settimana. Dopo aver chiamato tutto nella cassa e aver messo tutti gli oggetti in tre grandi sacchetti di plastica. Lui mi disse: Mi devi ancora un sacco di soldi, dovrai andare nella stanza sul retro oggi Scioccato, balbettai. No. Per favore, signor Hassan, non voglio farlo Mi afferra il braccio, dicendomi; Non hai altra scelta ragazza, pensi che tutto il cibo e i soldi siano...

2.4K I più visti

Likes 0

Confessione a papà_(2)

Ho qualcosa da dirti papà, ma non posso semplicemente dirlo, devo dirti altre cose con esso, ok? Ma ci arriverò, lo prometto. La casa era tranquilla. Eri al lavoro da diverse ore e io avevo già finito le mie faccende. La nostra camera era pulita, i piatti riposti, il bucato piegato... e mi annoiavo. Ero sdraiato sul divano pensando a te ed ero così eccitato che, anche se so che non mi è permesso, ho iniziato a toccarmi. Volevo il cazzo di papà ma non saresti a casa per ore! Ho iniziato lentamente, strofinandomi il clitoride con una mano e prendendomi...

3K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.