Papavero Capitolo 2

137Report
Papavero Capitolo 2

La mattina dopo si svegliò con il canto degli uccelli e il sole che entrava dalla finestra. Mentre si stiracchiava sotto il pesante piumone, si ricordò che aveva dormito nuda. Normalmente non sarebbe stato un grosso problema, ma almeno avrebbe insistito per le mutandine. Ora sorrideva tra sé e sé al pensiero di dormire completamente nuda, consolandosi nel sapere che a Lui piaceva così. Si sarebbe divertita a compiacerlo.

Si alzò dal letto, si stirò ancora un po', poi attraversò il tappeto riscaldato dal sole fino al bagno. Cominciò a prepararsi per Lui con una doccia, avendo cura di strofinare bene ovunque. Trovò tutto ciò di cui aveva bisogno per radersi le gambe e le ascelle e se ne prese cura con cura, facendo attenzione a non tagliarsi o mancare nulla.

Trovò anche tutti i migliori shampoo e si lavò i capelli due volte. Quando notò il balsamo sullo scaffale, pensò ai suoi peli pubici e alle Sue istruzioni per raderli. Si insaponò diligentemente i capelli e, lasciando che facessero il suo lavoro, insaponò la zona pubica, massaggiandola. Si ritrovò più che semplicemente eccitata sessualmente, si sentiva quasi stordita, e tuttavia nervosa. Non era sicura di cosa aspettarsi oggi, essendo quello il primo giorno del suo allenamento, ma non vedeva l'ora. Rimase lì sotto la doccia, appena fuori dagli spruzzi, pensando alla sua vita prima di questo.

Aveva sempre attirato l'attenzione degli uomini, ma non sembrava mai mantenere il tipo giusto. O erano sposati o si aspettavano che lei se ne andasse subito o la volevano solo per fare sesso. Ricordava di essersi innamorata di quasi tutti loro, e di essersi innamorata duramente. Voleva credere che l'amassero per lei e non per il suo corpo, voleva credere che volessero restare solo per stare con lei. Nessuno l'aveva fatto.

Ne ricordava uno in particolare, lo ricordava sempre. Peter era stato diverso. Lo ha conosciuto tramite un'amica. La fece impazzire, non che non fosse difficile, perché lei desiderava l'attenzione. La trattava come una regina, quando poteva allontanarsi dal lavoro. Era amorevole, romantico, appassionato e sensibile. Poi, dopo che avevano cominciato a fare sesso, le sue visite si erano allontanate sempre di più. Pensava che fosse lei, che non gli piaceva. Ha cercato di fare meglio, non sembrava avere importanza. Ha deciso di fargli una sorpresa, portandogli il pranzo al lavoro. Si immobilizzò quando la vide attraverso la porta aperta del suo ufficio. Quando entrò nel suo ufficio, il suo sorriso svanì. Si comportava come se non la conoscesse. Poi, mentre lui riapriva la porta per scortarla fuori, lei lo vide. Una fede nuziale al dito. Non riusciva a trattenersi e le lacrime iniziarono a scendere. Si fermò nel mezzo della porta aperta e lo guardò mentre il suo mondo e il suo cuore cominciavano ad andare in pezzi. Poteva leggergli sul volto rabbia, imbarazzo. La foto sul muro dietro di lui lo confermava. Lui e ovviamente sua moglie, seduti tra le foglie autunnali con un grosso setter irlandese. Se n'è andata. Non sono mai tornato indietro.

Tornata a casa, prese la bottiglia di vino dal cestino da picnic e si ubriacò. Tra il piangere e il bere sul pavimento della cucina, si costrinse a promettere di non sottoporsi più a una cosa del genere. E non l'aveva fatto. Decise che non c'era nessuno per lei e trascorse 10 mesi senza vedere nessuno.

La doccia stava diventando fredda. L'ha riportata indietro dal suo sogno ad occhi aperti. Regolò la temperatura in modo che l'acqua si scaldasse di nuovo e si sciacquò i capelli, facendo attenzione a non lasciare che l'acqua lavasse via il balsamo sottostante.

Appoggiando il piede sul bordo della vasca, usò il rasoio per radersi gli ultimi capelli. Di solito si teneva comunque ben tagliata laggiù, quindi non ci voleva molto. Voleva assicurarsi di essere completamente depilata e si passò il rasoio freddo su tutto il sesso.

Chiudendo la doccia, si chiese cosa avesse in serbo per lei oggi. Si asciugò con l'asciugamano e si asciugò i capelli con le mani, pettinandoli di nuovo a posto com'erano quando Lui commentò che gli piacevano.

Uscendo dal bagno, ancora nuda, notò che le era stato lasciato un vassoio con il cibo. Le sue gambe erano più corte del normale vassoio TV ed era seduto sul pavimento. Sapeva che questo significava che anche lei avrebbe dovuto sedersi sul pavimento. Le andava bene, poteva sedersi al sole del mattino mentre mangiava e guardare il Suo grande cortile.

Diversi salici piangenti ondeggiavano dolcemente nella brezza mattutina e lei poteva vedere diverse aiuole di tutti i colori che fiancheggiavano un sentiero di pietra che conduceva a un gazebo. Si sentiva molto in pace mentre finiva la sua colazione leggera a base di frutta e croissant. Il sole la riscaldava e le aiutava ad asciugarle i capelli. Proprio mentre stava finendo, sentì dei passi avvicinarsi.

Smise immediatamente di mangiare e abbassò la testa.

La prima cosa che vide entrando nella camera da letto fu la sua figura nuda, in ginocchio sul pavimento, con i piedi sotto. Poteva vedere le piante rosa dei suoi piedi sotto il sedere e la sua schiena completamente nuda. Poteva vedere che i suoi capelli si stavano asciugando e avevano un profumo meraviglioso.

"Ahh, Poppy, è bello vederti alzata. Hai fatto la doccia?" chiese con la sua voce lenta e calma.

Lei annuì una volta.

"Ricordi le istruzioni di ieri?" chiese mentre si sedeva sul letto.

In risposta, lei si alzò, Lo guardò esitante e abbassò le mani lungo i fianchi. I suoi occhi rimasero fissi sul pavimento.

Si alzò dal letto e si inginocchiò davanti a lei. "Guardiamo bene, adesso." Lui si trovò all'altezza del suo sesso e la guardò attentamente.

"Diffondi", ordinò con calma.

Fece un timido mezzo passo di lato rivelando qualcosa in più di se stessa.

Le lanciò uno sguardo che le disse che sapeva che avrebbe potuto fare di meglio. Fece un altro mezzo passo verso l'altro lato, rivelando totalmente la sua zona pubica rasata alla Sua ispezione.

"Molto bene. Mi piace." Ancora una volta non poté fare a meno di sorridere.

Si alzò e si sedette sul suo letto. "Oggi inizierai ad allenarti. Non sarai spinto molto oggi, ma sappi che aumenterà con il passare del tempo e ci si aspetta che tu risponda bene. Devi seguire esattamente le mie indicazioni. Hai capito?"

Tenendo la testa abbassata, non poté fare a meno di guardare velocemente nei Suoi occhi nocciola. Lei annuì rispettosamente.

"Inizieremo dalle tue esperienze. Voglio sapere cosa hai fatto, se sei stato costretto o no." Continuò a stare in piedi con le mani dietro la schiena, incerta se le fosse stata data l'opportunità di parlare oppure no.

"Puoi sederti." Comandò con il suo tono tranquillo. Si sedette subito sul pavimento. Di nuovo si sentì attratta da Lui e si appoggiò alla Sua gamba.

"Sei mai stato con un'altra donna?"

Scosse la testa.

"Hai fatto sesso orale?" Abbassò lo sguardo sui suoi grandi occhi scuri.

Lei annuì.

"Hai ingoiato il suo eiaculato?"

Lei fece una pausa, ma poi annuì.

"Volentieri?"

Fece un'altra pausa, poi scosse la testa.

Sospirò e le accarezzò i capelli. "Ti insegnerò a godertelo. Che ne dici di essere penetrato analmente?"

Abbassò ulteriormente la testa, imbarazzata ad ammetterlo, ma continuando a guardarlo negli occhi. Lei annuì lentamente.

Poteva vedere le deboli tracce di tristezza nei suoi occhi.

"Giocattoli, dita o pene?" Mi chiese nel suo modo basso e calmo.

Alzò maggiormente la testa, guardandolo, chiedendosi se stesse aspettando che lei rispondesse davvero.

"Puoi rispondere." Lui rispose, leggendole la mente.

"Pene." disse tranquillamente. Per qualche ragione, era imbarazzante per lei pronunciare quella parola. Eccola qui, ben nota per essere eccitata dalle chiacchiere sporche durante il sesso e con Lui difficilmente riusciva a convincersi a parlare anche di una parola così clinica come 'pene'.

"Lo prendo non volentieri?" Chiese con calma.

La sua testa si chinò automaticamente. Non aveva bisogno di rispondere, lo sapeva. Si rimproverò per le lacrime che cominciavano a riempirle gli occhi. Lei tirò su col naso sperando che lui non se ne fosse accorto.

Invece sentì la Sua mano calda sollevarsi dalla sua spalla. Dita forti le avvolsero il mento e girarono il viso verso di Lui.

"Ti farò implorare di essere penetrato lì, e non perché pensi che io lo voglia. Ti divertirai. Ti insegnerò."

Lei gli credeva. Traeva conforto non solo dall'amore che Lui le mostrava adesso, ma anche dai modi affettuosi e teneri che sapeva le avrebbe mostrato il Suo affetto in seguito. Questo era esattamente ciò che desiderava.

"A tal fine devi essere preparata, Poppy. Tutto ciò inizia adesso. Sei pronta?" Le teneva ancora il mento.

"Sì", sussurrò, la paura e l'eccitazione colorarono il suo discorso.

Per cominciare, le spiegò che doveva essere pronta a ricevere qualsiasi cosa nel suo corpo. Naturalmente ciò significava fare spazio. La mostrò in un altro bagno con un grande cuneo ricoperto di vinile steso al centro del pavimento. Appesa a un gancio sul muro sopra il water, c'era una grande borsa dell'acqua calda con un tubo che toccava il pavimento. Sapeva cosa intendeva, ma rimase diligentemente vicino al cuneo, senza muoversi finché Lui non glielo disse.

Una volta che Egli entrò e le passò accanto, lo sentì andare al bancone dietro di lei e udì lo schiocco dei guanti di gomma.

"Posizionati sul cuneo così posso accedere al tuo sedere." La guardò mettersi in posizione, sdraiandosi con la testa sulla parte più sottile del cuneo vicino al pavimento e i fianchi appena fuori dal bordo. Con le ginocchia a terra, era in una perfetta posizione alla pecorina, pronta per Lui.

"Ti farò un clistere per assicurarmi che tu sia pronto ad accettare le cose. Devi trattenerlo il più a lungo possibile." Ha dato istruzioni. Raccolse l'estremità del tubo e inserì un beccuccio lungo e stretto. Si rese conto che sulla parete direttamente di fronte a lei c'era un grande specchio lungo fino al pavimento. Lei voltò la testa e Lo osservò. Prese una piccola bottiglia che si trovava su una base sul bancone. Rendendosi conto che era lubrificante per l'ugello, si chiese della base sul bancone finché lui non le spiegò.

"Adesso inserirò l'ugello. So che è difficile, ma devi rilassarti. La tensione farà solo resistere di più i muscoli. Il lubrificante è riscaldato, quindi lo shock iniziale non dovrebbe essere così forte."

Non poté farci niente e sussultò leggermente quando sentì la punta toccare la sua entrata posteriore, ma Lui la tenne lì, sfiorandola appena affinché lei si abituasse. Era estremamente gentile e lei riusciva a malapena a percepirlo quando iniziò a penetrarla. L'ugello scivolò dentro lentamente, prendendosi il suo tempo. Usò la Sua calma per calmarsi e sapendo che non le avrebbe fatto del male, riuscì a rilassarsi e a permettere che ciò accadesse.

A poco a poco si rese conto che le stava venendo sonnolenza e si era quasi rilassata addormentata. Non sentiva alcuna paura da parte Sua.

Erano trascorsi diversi minuti, secondo l'orologio del bagno, e finalmente Lui si sporse in avanti verso di lei.

"È completamente dentro. Essendo così piccolo, dubito che tu possa sentirlo entrare, ma voglio che tu capisca che farlo lentamente e usare molto lubrificante rende la penetrazione più facile. Ora aprirò il morsetto. Sentirai il entra acqua calda. Una volta svuotato il sacchetto, toglierò il beccuccio. Devi tenerlo come meglio puoi."

Fece un breve cenno per indicare che aveva capito ed era pronta. Lentamente sentì un calore nel sedere e sentì la pancia dilatarsi leggermente. Non aveva usato molta acqua, quanto bastava per portare a termine il lavoro. In realtà lo trovò piacevole.

Quasi non se ne accorse quando rimosse l'ugello. Continuò a restare in quella posizione ancora per qualche istante.

"Adesso può annullare." Lui le ha dato istruzioni. Odiava muoversi, ma obbedì, sedendosi sul water. Se ne andò mentre lei finiva. Dopo aver finito, si lavò nuovamente il sedere assicurandosi di essere pronta per qualunque cosa fosse successiva.

Quando ebbe finito, rimase ad aspettare in mezzo al bagno. Sapeva che non era compito suo andare a cercarlo. Quando Lui l'avesse voluta, lei sarebbe stata pronta, anche se il suo cuore batteva forte, chiedendosi cosa avrebbe potuto avere in serbo per lei.

Alla fine, venne e la scortò in un'altra stanza. Questa stanza era ovviamente la Sua stanza dei giochi. Aveva ogni sorta di strumenti appesi alle pareti. Restrizioni, catene, catene, tutto era esposto sui muri. Non poteva fare a meno di rabbrividire mentre si guardava attorno.

Lui vide. "La maggior parte di questo è solo visualizzazione." Le assicurò.

Al centro della stanza c'era un grande tavolo, a un metro da terra e lungo un metro e mezzo, rivestito di vinile nero con un cinturino in velcro nero ad ogni angolo. Sopra c'era una grande scatola ricoperta di vinile.

"Posizionati sulla scatola, come prima." Indicò il tavolo. Si avvicinò e, trovato un piccolo gradino, salì in cima. Era molto imbottito e lei si avvicinò alla scatola in ginocchio, piegandosi in avanti all'altezza della vita per sdraiarsi su di essa. Sapeva che avrebbe potuto essere trattenuta su questo tavolo in quella posizione, e questo la fece vibrare.

Facendo un passo dietro di lei, poteva vedere la sua stella stretta e marrone che lo aspettava. Riusciva a malapena a controllarsi. Voleva mostrarle il piacere di una buona alesatura anale, ma sapeva che prima doveva essere adeguatamente preparata.

Sentì il cigolio di qualcosa che veniva portato sul tavolo dietro di lei. Voleva guardarsi alle spalle, ma sapeva che non era così.

Era sorpresa di riuscire a tenere sotto controllo la sua curiosità nervosa e a mantenere lo sguardo fisso in avanti. Lo sentì spostare dietro di lei quello che sembrava un carro alto. Lo sentì urtare il tavolo mentre si riposava sulla grande scatola alla pecorina. Poi sentì le Sue mani calde sulla sua caviglia.

"Ti lego, Poppy." Unì le Sue parole alle azioni mentre faceva scivolare la sua gamba nuda più vicino al bordo del tavolo. Sentì il cinturino in Velcro all'angolo del tavolo avvolgerle la caviglia. Lo legò saldamente mantenendolo in posizione. Poi trattenne l'altra caviglia. Muovendosi davanti a lei, le sorrise, sapendo cosa sarebbe successo dopo, mentre le legò i polsi. Sapeva che non era un buon comportamento, ma Lo guardò, studiandolo mentre lavorava. Stava attento con lei, a non stringere troppo le spalline. Era pronta a tutto, non lo avrebbe deluso.

Tornando dietro di lei, lo sentì schizzargli qualcosa sulle mani.

"Questo ti aiuterà a rilassarti." Disse mentre lei sentiva il calore delle Sue mani sul sedere. Le strofinò delicatamente le mani sulla parte bassa della schiena, trascinandole lentamente lungo la groppa. Quando le Sue mani finirono su ciascuna delle sue guance, cominciò a premerle leggermente con le ginocchia, stringendole e massaggiandole. Non poteva credere quanto fosse bello!

Le sue mani lavoravano lentamente e ogni movimento era calcolato per farle sentire la profonda pressione sui suoi muscoli. Rilassandola quasi in trance, si svegliò improvvisamente quando sentì i suoi pollici unirsi su entrambi i lati della sua fessura. Viaggiavano fino alla schiena, dandole un formicolio mentre sfioravano il bordo esterno delle labbra pubiche e l'ingresso posteriore. In realtà stava diventando molto eccitata. Era passato un po' di tempo dall'ultima volta che qualcuno l'aveva toccata lì. Sentì che il suo tocco era quasi elettrico. Facendo scivolare le sue mani oliate lungo il sedere, con i pollici di nuovo nella fessura, cercò di respingerlo.

Notò che lei si rilassava di più e cominciava a divertirsi. L'accarezzò di proposito vicino al sesso e all'ano, ma li toccò appena. Stava iniziando a sforzarsi contro le cinghie, assaporando il suo tocco sul suo sesso. Lui sorrise da dietro di lei e all'improvviso alzò le mani da lei.

Lei si bloccò, rendendosi immediatamente conto che Lui si era fermato. Aveva fatto qualcosa di sbagliato? Si mantenne nell'ultima posizione, bloccata all'indietro, lavorando contro le cinghie. Forse non avrebbe dovuto muoversi. Non osava andare avanti e tornare a sedersi sulla scatola. Sarebbe stato il riconoscimento di essersi mossa al Suo ritmo, godendo del Suo tocco.

Lui rimase indietro guardandola con un sorriso e scosse la testa. Sapeva che l'aveva, lei avrebbe fatto tutto ciò che voleva. Era contento.

"Torna sulla tua scatola, Poppy." Disse con una risatina mentre le dava un colpetto sul sedere, facendo più rumore del normale a causa dell'olio scivoloso sulla sua guancia e sulla Sua mano.

Si sistemò con un sorriso imbarazzato che i suoi lunghi capelli per fortuna nascondevano, dopo un sussulto, e si mise a suo agio. Non le era mai passato per la mente il fatto di essere totalmente indifesa, distesa lì, legata al Suo tavolo. Si fidava implicitamente di lui.

Adesso dietro di lei si sentiva di più il cigolio delle ruote. È diventata seria, pronta a servirlo.

"Questo vibratore è il più piccolo che ho trovato. È stato realizzato appositamente per le vergini anali. Lo metterai e ti lascerai penetrare. Comincerà lentamente a riscaldarsi e scivolerà dentro un po' alla volta. Il meccanismo è fatto Ci vorrà quasi mezz'ora perché ti entri fino in fondo. Così ti abituerai. Inoltre è forato e ti lubrificerà mentre entra. Capisci?" Chiese.

Si è tesa davanti alla "vergine anale", non sa come fosse, ma non ha fermato la paura sempre crescente di essere penetrata dolorosamente. Cercò di rallentare il respiro e rispose con un cenno del capo. Lei capì e si costrinse a decidersi a renderlo orgoglioso.

Tenne la testa alta, fissando una maschera di cuoio appesa al muro di fronte, che la fissava. Cercò di calmare il respiro quando sentì il ronzio dell'atmosfera anale iniziare dietro di lei. Cercò di non tendere i muscoli e si costrinse a rilassarsi, dicendosi di lasciare che accadesse. Sentì il suo dito provocante scivolare lungo la fessura fino al buco e rimanere lì. Pensò che volesse penetrarla lui stesso con il dito, il calore del dito era ancora tra le sue guance, poi si rese conto quando lo sentì avanzare e affrontarla che aveva lasciato una goccia di lubrificante riscaldato sul suo ano.

"Una volta che tutti gli otto pollici del vibratore saranno completamente all'interno del tuo ano, inizierà a scivolare dentro e fuori. La velocità aumenterà e così anche il piacere. I tuoi muscoli sono totalmente in grado di prendere un oggetto così piccolo, quindi devi rilassarti e divertiti. Molte persone mi hanno detto che è stata l'esperienza più erotica e soddisfacente che abbiano mai avuto. " Lui le sorrise mentre si allontanava, e lei cercò di capire se era un sorriso sfumato solo da un accenno di malvagia delizia.

Pensò a quello che le aveva detto, aspettando di sentire qualcosa. Sapeva che non le avrebbe mentito, quindi si disse di godersi questa esperienza. Un orologio sul muro lì vicino le permetteva di seguire l'avanzamento dei vibratori.

Dopo un minuto intero, poteva ancora sentire solo la calda presenza del lubrificante. Solo muovendo i fianchi avanti e indietro poteva dire che l'atmosfera era ancora dentro di lei.

Al traguardo dei cinque minuti, poteva sentire che aveva funzionato a un punto nel suo ano che le faceva sentire il bisogno di andare in bagno. Ma la pressione leggera e costante presto svanì. Dopo dieci minuti sembrava che dentro di lei ci fossero almeno 7 centimetri, ma era così piccolo che poteva sentire solo una presenza lieve e ovattata. Se non si fosse concentrata su di esso, avrebbe potuto dimenticare che c'era un giocattolo che si stava lentamente facendo strada dentro di lei.

Dopo quindici minuti aveva appoggiato la testa sulla scatola imbottita, godendosi piacevolmente la leggera pressione che riusciva a malapena a sentire dal suo ano. Era caldo e comodamente nel profondo di lei. Se non si fosse mossa non avrebbe sentito tutto. Ogni tanto si costringeva a dimenarsi per sentirlo spingere contro i lati del passaggio anale.

Dopodiché, ha smesso di prestare attenzione all'orologio. Era felice mentre riposava sul ceppo, quasi pronta ad addormentarsi. L'atmosfera era sepolta nel suo sedere e non aveva sentito alcun dolore. Era entusiasta di come si sentiva, felice di averla presa così bene e orgogliosa di poterLo accontentare quando l'avesse controllata.

All'improvviso la macchina che le trasmetteva lentamente l'atmosfera si fermò. La sua testa si sollevò dal cuscino e cercò di voltarsi per guardare. Poteva sentire che la pressione era cambiata, cominciava a diminuire. Poi si ricordò che una volta entrato fino in fondo, avrebbe cominciato a pompare, penetrandole nell'ano.

Lei sussultò brevemente quando cominciò a rientrare lentamente. Ansimò di nuovo mentre si ritirava lentamente. Il suo passaggio anale sembrava cercare di trattenerlo dentro, risucchiando l'atmosfera dentro di lei.

Questa volta, quando è stato spinto dentro, è andato più veloce.

Un'ora intera dopo, venne a trovarla. Non poté fare a meno di sorridere maliziosamente mentre si avvicinava alla stanza dei giochi. Poteva sentire la macchina che ancora pompava ritmicamente dentro di lei.

Non fu sorpreso, mentre si avvicinava a lei, di vedere che apparentemente era svenuta. Fermò la macchina e ritirò lentamente l'atmosfera dal suo ano. Scostando il tavolo, si voltò per esaminarla.

Storie simili

La Congrega Parte 1 - Reed_(1)

Canna AIUTAMI QUALCUNO AIUTI PER FAVORE!!! urlò una giovane donna mentre veniva trascinata dentro dalla porta principale da un sorridente Jackson. La teneva per il collo mentre tutti nell'area del bar ridevano e sorridevano alla pietosa donna. Era attraente, con i capelli biondi tinti tagliati in un caschetto disordinato e enormi occhi castani. Indossava una specie di uniforme, ma era talmente strappata che nessuno poteva distinguere con certezza cosa ci fosse scritto. Andò nel panico, guardando tutti nella stanza, sperando che qualcuno la salvasse. Ma a nessuno fregava un cazzo. Alcuni dei ragazzi più grandi stavano giocando a freccette vicino al...

796 I più visti

Likes 0

La storia di Laura (per le donne)

La storia di Laura Il mio nome è Laura. Lavoro in questo studio legale da 6 mesi ormai. Sono un impiegato di base, rispondo al telefono e lavoro d'ufficio leggero. È un lavoro facile, dato che vado al college 2 sere a settimana. La mia migliore amica di lavoro è Lissette, è una donna portoricana sposata più anziana di circa 40 anni. È così divertente parlare con lei. È così selvaggia e adora parlare di sesso! Penso che lei pensi che io sia troppo innocente dato che vengo da una famiglia molto religiosa. A volte mi chiedo se abbia deciso di...

855 I più visti

Likes 0

Il mondo nascosto del mondo magico, libro:1 ch:2 torna al bagno

La storia è scritta dal mio amico ed io, attualmente stiamo cercando di fare un lavoro migliore di correzione di bozze, ma stiamo ancora cercando qualcuno che ci aiuti. I prossimi 2 capitoli dopo questo avranno più personaggi della serie, sentiti libero di suggerire eventuali relazioni o feticci che vorresti vedere. Torna al bagno Hermione si è seduta a lezione di pozioni a cui mancano ancora le mutandine, qualcuno le ha prese dalla biblioteca. La lezione è iniziata e Harry le ha chiesto se stava bene. “Sì, sto bene solo un po' scosso. “ È successo qualcosa? No, solo che ho...

3.7K I più visti

Likes 0

Far sborrare nostra figlia

Far sborrare nostra figlia Storia #100 …..sono Lynn, ho gli stessi impulsi di mia madre. La mamma (Dee Dee), il fratello Ken e io abbiamo tutti questa cosa e ci piace sentirci bene. L'abbiamo chiamato scherzosamente Feel-itis. Questo ci ha portato tutti a fare sesso l'uno con l'altro. …..Ora ho avuto una figlia Vicky. Ho deciso di non sentire Vicky crescere in modo che potesse svilupparsi a modo suo. Il suo compleanno oggi significava che adesso era maggiorenne. È stato difficile combattere l'impulso che avevo di sentire il suo corpo. Aveva già un corpo caldo. Belle tette, fianchi, gambe e un...

3.1K I più visti

Likes 0

Cambiare la realtà (parte 3)

Ciao ragazzi e ragazze! È Chase. Sai, la persona di cui parla questa storia. So cosa stai pensando – Questo non può essere vero. Bene, ti assicuro che lo è assolutamente. Non posso provartelo, a meno che non ci incontriamo un giorno e anche allora, dovrei raccontarti tutto da capo. È qualcosa che non è molto probabile che farò poiché qualsiasi esposizione di chi e cosa sono potrebbe portare alla mia cattura da parte di qualcuno che desidera trasformarmi in una specie di cavia. Non so voi, ma non sono molto entusiasta di essere rinchiuso per il resto dell'eternità e di...

1.8K I più visti

Likes 0

Andando avanti - Capitolo 3

Andare avanti capitolo 3 Il tempo sembrava congelato. L'espressione di shock e orrore sul viso di Evelyn era giustapposta ai resti bagnati del mio sperma sulle sue guance e sul suo mento. Il mio cazzo è caduto dalla mia mano e la mia testa sembrava muoversi attraverso la melassa mentre si girava lentamente verso l'ingresso del bagno. Sembra che voi due abbiate combinato un sacco di cose, disse il signor Clark con nonchalance con un leggero sorriso, guardandosi intorno al bagno come se cercasse altri membri del nostro piccolo gruppo. Mi chiedevo dove fossi scomparso per così tanto tempo. Seguì un...

1.2K I più visti

Likes 0

Il mio amore giapponese parte 9

My Japanese Love Part 9: I guai di Alicia Nei giorni che seguirono cominciai a immaginare come sarebbe stato mio figlio. È bello sapere che in tutto il caos che è successo nella mia vita ne è venuto fuori qualcosa di buono. Akira ed io siamo follemente innamorati e stiamo per avere un bambino. Abbiamo detto ai suoi genitori che erano estremamente felici per noi, tuttavia mentre le nostre vite sono cambiate in bene, Alicia è cambiata in male. Mentre sto facendo dei lavori in giardino, noto Alicia che mette un cartello di vendita di garage. Normalmente mi dice quando ne...

1K I più visti

Likes 0

SCOPANDO LA SORELLA DI 17 ANNI DEI MIEI MIGLIORI AMICI DURANTE IL SONNO

Mi chiamo Alex e ho 15 anni. Questa è una storia che mi è successa lo scorso fine settimana. Era una normale serata del fine settimana, alcuni amici e io stavamo bevendo a casa del mio migliore amico Jared. I suoi genitori avevano portato la sua sorellina a Disneyland per il fine settimana. Sua sorella maggiore di 17 anni era ancora a casa ed era una bomba bionda 12 su dieci. Ha tette perfettamente rotonde con coppa C con piccoli capezzoli rosa. Lei è naturalmente abbronzata e si depila la figa. So tutto questo perché una settimana fa stavamo nuotando nella...

777 I più visti

Likes 0

Trovare la strada per tornare a casa, parti 5 e 6 di 6

Parte V Dalle parti I - IV: sono tornato dall'Afghanistan, dopo essere stato colpito alla spalla e aver subito due interventi chirurgici per ripararlo. Sono uscito dall'esercito per aiutare mia madre che aveva un cancro alla vescica e ho incontrato la liceale per la quale avevo una cotta. Ho scoperto che era una madre single di una giovane figlia e ho cercato di chiederle di uscire, solo per farmi accusare di trattarla come qualcuno che pensavo non potesse prendersi cura di se stessa e avesse bisogno di essere salvata. Si è resa conto del suo errore e siamo usciti insieme una...

551 I più visti

Likes 0

Guardare e fare

GUARDARE E FARE John sentiva di aver fatto un ottimo affare. Quando si è trasferito in questo condominio, ha incontrato e parlato con il proprietario e ha convinto quell'uomo a lasciarlo svolgere il ruolo di custode/custode/amministratore residente, facendo tutto ciò di cui l'edificio aveva bisogno per $ 200 al mese di sconto sull'affitto più le spese. Normalmente ciò richiedeva solo poche ore al mese dal suo tempo libero, e se avesse dovuto lavorare durante quel giorno in un giorno feriale, il suo programma come tecnico di laboratorio presso un'azienda farmaceutica avrebbe potuto essere modificato - la maggior parte delle cose potrebbero...

404 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.