Il negozio d'angolo seconda parte

171Report
Il negozio d'angolo seconda parte

La prima parte è qui:

sexstories.com/story/82788/

Controllò l'orologio, sarebbe arrivata presto.

Era circa una settimana dopo, ero nel suo negozio, la mamma mi aveva mandato a prendere il cibo di cui avevamo bisogno per il fine settimana.

Dopo aver chiamato tutto nella cassa e aver messo tutti gli oggetti in tre grandi sacchetti di plastica.

Lui mi disse:

"Mi devi ancora un sacco di soldi, dovrai andare nella stanza sul retro oggi"

Scioccato, balbettai.

"No. Per favore, signor Hassan, non voglio farlo"

Mi afferra il braccio, dicendomi;

"Non hai altra scelta ragazza, pensi che tutto il cibo e i soldi siano inutili, vuoi che vada dalla polizia, ti faccia sfrattare e guarda questo, guarda questo video che ho di te"

Hassan posò un DVD sul bancone davanti a me, dicendo:

“Vuoi che tutti i tuoi compagni di scuola e molte altre persone lo guardino!. Fai?"

Oh dio, è stato terribile, ho fissato le mie foto nude sulla copertina.

Era disgustoso; le foto mostravano tutto, tranne che il suo viso era nascosto in modo che non potevi riconoscerlo, ma potevi vedere tutto di me e cosa mi stava facendo.

Lo girò mostrandomi una foto di me che tendevo la mano, mentre prendevo i soldi che mi aveva dato.

Scioccato, ho scosso la testa.

"Per favore, non mostrarlo a nessuno"

ho supplicato;

"Per favore, signor Hassan"

Ma dovevo andare nella stanza sul retro.

Mi ha spinto verso la parte posteriore, dicendomi;

“Ora entra lì”

Oh Dio no. Non voglio farlo.

Lo sapevo, non avevo scelta. La mamma stava migliorando lentamente ora, e sarebbe terribile se ci facesse sfrattare e anche peggio, semplicemente non so cosa farei se qualcuno vedesse quel video.

È un uomo orribile.

Entrai con molta riluttanza nella sua stanza sul retro. Mi sentivo malissimo, avevo tanta paura di quello che mi avrebbe fatto.

Immediatamente ho visto che la videocamera era ora su un treppiede e la stanza era più ordinata.

È entrato nella stanza dicendomi;

"Se sei una brava ragazza, non ci vorrà molto"

Mi ha fatto stare davanti al tavolo di fronte alla telecamera, l'ho guardato accendere e regolare la telecamera.

Si è messo vicino alla telecamera a dirmelo.

“Togliti il ​​blazer”

Sono rimasto lì, sapevo che dovevo fare quello che ha detto.

Mi sono venute le lacrime agli occhi, mi sono tolto il blazer e l'ho messo sulla sedia vicino al tavolo.

Indicò l'obiettivo della fotocamera, dicendomi che dovevo continuare a guardare la fotocamera.

“Continua a guardare la telecamera. Ora slacciati lentamente la camicetta e toglila”

Non era giusto, era un uomo orribile.

Piangendo adesso, mi sbottonai la camicetta e me la tolsi, mettendola con la mia giacca. Sotto indossavo un piccolo reggiseno elastico.

“Brava ragazza” continuò. “Togliti la gonna”

Guardò la giovane studentessa piagnucolona togliersi la camicetta, sapeva che la ragazza avrebbe dovuto fare quello che aveva detto, il video l'aveva davvero imbarazzata.

La ragazza era così spaventata che qualcuno potesse vederlo e credeva ancora che lui potesse far sfrattare lei e la sua famiglia.

Rimase lì davanti alla telecamera a piangere, con le lacrime che le scorrevano lungo le guance che si asciugava continuamente con il braccio. Era molto bianca, un po' magra, una figura da ragazzo, ma con i suoi lunghi capelli biondi era davvero molto carina, e sembrava così giovane, fresca e innocente.

Era certo che i suoi amici musulmani avrebbero pagato bene per usare e abusare di questa giovane studentessa cattolica innocente bianca.

Dopo aver finito di filmarla, avrebbe tagliato e modificato il video, per poi inviarlo ad alcuni dei suoi amici. Non appena avesse finito di farla entrare come si deve, la puttanella avrebbe saputo perché il suo dio le aveva dato una fica e cosa avrebbe usato per fargli un sacco di soldi.

Ripuliva una delle stanze al piano di sopra, nell'entroterra nel cortile aveva un vecchio letto di metallo che poteva usare,

La ragazza avrebbe dovuto dire a sua madre che doveva lavorare nel suo negozio tutti i giorni dopo la scuola, per un paio d'ore per saldare il debito. Si rese conto che avrebbe dovuto far funzionare di nuovo la doccia al piano di sopra. Due ore al giorno, che sarebbero bastate per almeno cinque uomini o anche di più per usare la ragazza, si chiese quanto poteva far pagare a ciascuno di loro.

Guardò la ragazza, il suo investimento. La puttanella gli avrebbe fatto guadagnare un sacco di soldi.

Le disse di nuovo:

“Togliti la gonna”

Mi sbottonai la gonna lasciandola scivolare lungo le mie gambe fino a terra intorno alle caviglie, raccogliendola e mettendola con la mia giacca.

Ero in piedi ora solo con i calzini al ginocchio, reggiseno e mutandine.

Se avesse voluto solo filmarmi, almeno sarebbe stato meglio che lui mi facesse qualcos'altro.

"Non devi essere timido" ha detto

"Nessuno vedrà il tuo video, a patto che tu sia una brava ragazza e fai come ti è stato detto"

Lui continuò.

“Ora fammi vedere che bella ragazza sei. Togliti il ​​reggiseno e abbassa le mutandine fino alle caviglie”

Rimase lì, in attesa, guardandomi

Sapevo che avrebbe voluto che mi togliessi tutti i vestiti, non che mi fosse rimasto davvero un po' di modestia ora dopo quello che mi aveva fatto.

Slacciai il reggiseno e me lo tolsi, poi spinsi le mutandine fino alle caviglie.

Sono dovuto rimanere lì nudo con le mutandine abbassate intorno alle caviglie davanti alla sua telecamera mentre mi riprendeva, le lacrime mi sgorgavano dagli occhi, mi sono sentito così terribilmente imbarazzato.

La osservò spogliarsi, dopo che si era abbassata le mutandine fino alle caviglie, era rimasta lì in piedi pateticamente cercando di coprire la sua nudità con le mani e le braccia.

"Stai dritto con la mano lungo i fianchi", le disse.

Ha fatto quello che ha detto e si è messo dietro la telecamera.

Ha scattato foto e l'ha filmata, zoomando su di lei, ha lentamente spostato la telecamera lungo il suo giovane corpo. A partire dal suo viso in lacrime. Poi giù per i suoi piccoli seni in erba. Il suo ventre piatto. Poi lentamente giù fino ai suoi peli pubici, non molto più di una piccola lanugine, tra la parte superiore delle sue gambe, infine facendo scorrere le sue giovani gambe magre e sode fino alle piccole mutandine di cotone bianco che ora le pendevano intorno alle caviglie.

Dicendole di girarsi, poi la filmò da dietro, ammirando il bel sedere stretto, Hasssan lo sapeva per certo ora, questa ragazza gli avrebbe sicuramente fatto guadagnare un sacco di soldi.

Sentiva che il suo cazzo stava diventando duro.

Lasciando la telecamera su Hassan si avvicinò alla ragazza afferrandole i capelli e le disse di inginocchiarsi davanti a lui.

Sempre tenendole i capelli aprì i pantaloni e tirò fuori il suo pene ormai rigido, si posizionò di fronte a lei.

"Mettilo in bocca"

La ragazza cercò di tirare e girare la testa dall'altra parte, ma lui le tenne stretti i lunghi capelli e le tirò indietro la testa finché il suo viso non fu proprio davanti al suo cazzo.

Tenendogli il cazzo con l'altra mano, lo avvicinò alla sua bocca.

"Apri la bocca"

La ragazza ha protestato “No. Per favore no"

Ma lui le ha attorcigliato i capelli facendole male

Con riluttanza lei aprì le labbra e lui spinse il suo pene nella sua dolce bocca giovane.

Vide lo sguardo di disgusto sul suo viso mentre lo spingeva ulteriormente nella sua bocca.

"Succhialo"

Sentì le sue labbra intorno al suo pene, iniziò a tirarle lentamente la testa avanti e indietro, costringendo la giovane ragazza a succhiargli il cazzo.

"Brava ragazza" le disse "Succhialo come i lecca-lecca che compri nel mio negozio"

Gemette mentre la guardava succhiarlo, godendosi la meravigliosa sensazione.

Il suo pene divenne rapidamente completamente eretto. ora era pronto a godersi appieno il suo divertimento.

Tenendo la sua testa ferma, tirò fuori il suo pene rigido dalla sua bocca.

"In piedi"

La tirò intorno al tavolo facendola voltare verso il tavolo.

Spingendola sulla nuca le disse,

“Piegati sul tavolo, tieni le gambe dritte, abbassa la testa, sul tavolo.”

Sembrava non rendersi conto di cosa stava per fare, con la mano nel mezzo della sua schiena la tenne piegata sul tavolo mentre si posizionava dietro di lei.

Le mise il pene tra le gambe, lei lo sentì esclamare;

"No. Per favore, fa male. per favore non ferirmi di nuovo”

“Stai ferma” le disse “Non sei più vergine, non ti farà male questa volta”

La tenne fermamente e iniziò a spingere il suo pene nella ragazza.

Ha urlato “Nooooooo. smettila” mentre entrava in lei.

Era stretta, ma non come la prima volta quando le aveva brutalmente distrutto e rotto l'imene, quando aveva preso la sua preziosa verginità, si era molto divertito a essere il primo e a privare la ragazza della sua innocenza.

Spinse forte ora, spingendo il suo pene dentro la sua vagina stretta.

Con le mani che le tenevano saldamente la vita sottile, la tenne piegata sul tavolo, ora iniziò a spingere avanti e indietro dentro di lei.

La ragazza piangente aveva le nocche bianche mentre si teneva disperatamente ai lati del tavolo, mentre lui si muoveva dentro di lei e si godeva.

La ragazza iniziò a supplicare:

" Per favore fermati. Per favore basta"

Ma di certo non aveva intenzione di fermarsi, non finché non avesse soddisfatto la sua lussuria e si fosse svuotato dentro di lei.

La tenne stretta, la sua spinta diventava sempre più veloce e più forte.

Alla fine ha raggiunto l'orgasmo, ha eiaculato e ha svuotato il suo sperma nel profondo della pancia della ragazza.

La ragazza non aveva ancora iniziato ad avere il ciclo, quindi c'erano poche possibilità che rimanesse incinta.

La sua lussuria ora finalmente soddisfatta, si ritirò, tirando fuori il suo pene ormai floscio dalla giovane ragazza.

L'uomo si guardò il pene, poi tra le gambe della ragazza, fu deluso che questa volta non c'era sangue vergine da vedere. ma almeno ha confermato che aveva fatto un buon lavoro a romperla la prima volta.

Si rimise i pantaloni e prese un rotolo di carta igienica dallo scaffale.

La ragazza si alzò e si voltò, Hassan vide il suo sperma gocciolarle all'interno delle gambe.

Ha dato alla ragazza piagnucolona un rotolo di carta igienica, dicendole,

“Puliti e rimettiti i vestiti”

Dopo che la ragazza si fu vestita di nuovo, le mostrò il foglio spiegando quanto gli doveva ancora, compreso l'interesse che aggiungeva settimanalmente spiegando che era normale un tasso normale per il prestito di denaro.

Le disse che era stato molto generoso e aveva detratto 150 sterline, ma solo perché era vergine la prima volta, ma ora solo per il sesso, avrebbe detratto 25 sterline ogni volta, ma solo se era soddisfatto di lei.

La ragazza rimase tranquilla ad ascoltarlo mentre lui continuava a dirle che sarebbe dovuta venire nel suo negozio almeno 4 volte a settimana, ma anche questo non sarebbe bastato a pagare il suo debito.

Le disse che avrebbe dovuto trovare un'altra ragazza carina nella sua scuola, più o meno della sua stessa età e portarla nel suo negozio.

Insisteva, voleva solo una bella ragazza bianca e carina, e lei doveva essere vergine, altrimenti non avrebbe detratto nulla dal suo conto.

Le disse che voleva vederla lunedì per sapere se aveva trovato un'altra ragazza per lui.

Mi allontanai dal suo negozio portando la spesa. Era finita, non penserò a quello che mi aveva appena fatto. È stato orribile e disgustoso, ma almeno questa volta non è stato così doloroso e non mi ha fatto sanguinare.

Mi sono reso conto che mi aveva intrappolato e l'unica via d'uscita era trovargli un'altra ragazza rapidamente, quindi non sarebbe stato più così interessato a me.

C'è una ragazza a scuola ed è molto carina, un po' più bassa di me, magra con lunghi capelli castano chiaro, non ne sono sicuro, ma deve avere più o meno la mia stessa età perché siamo nella stessa classe. Teresa è il suo nome, e siamo anche abbastanza amiche.

Sapevo che i suoi genitori erano estremamente severi, e lei deve andare in chiesa, a volte due volte a settimana, in realtà è davvero una ragazza molto carina e timida. Ed ero certa che fosse vergine, sapevo che non aveva mai avuto un fidanzato. Era proprio il tipo di ragazza che vorrebbe Hassan, quindi se fossi riuscita a convincerla a venire con me nel suo negozio, dopodiché mi avrebbe lasciato in pace. Avevo un'idea su come portare Teresa nel suo negozio e penso che funzionerà.

Parte terza Rotto e curato.

Storie simili

Spirito libero (03).. Quindici (1997)

Questa storia continua dall'ANZAC Day 1997 quando avevo appena compiuto 15 anni. Ero sdraiato fuori e mi sentivo molto dolorante e tenero; finché non decisi di entrare e unirmi agli altri. Inciampai mentre cercavo di camminare. Era come se mi fossi cagato addosso i pantaloni anche se non indossavo vestiti. Il soggiorno era buio e vuoto così ho preso una coperta; si riposava sul divano e si addormentava. Dovevano essere le 6 o le 7 del mattino quando mi sono svegliato; alcuni dei ragazzi erano già in piedi e fumavano bong. Mi sentivo dolorante e rigido; poi mi resi conto che...

274 I più visti

Likes 0

Estate a Pond Cove - Capitolo 01

Walter ha appena finito il college e sta trascorrendo l'ultima estate prendendosi cura della strana capanna di suo zio situata a Pond Cove, un'area appartata circondata da una riserva naturale del governo. Tutti gli altri proprietari, tranne uno, sono stati acquistati dal governo che vuole trasformare Pond Cove in un santuario delle rane. Walter incontra i suoi vicini per l'estate, sei sorelle della sorellanza che stanno trascorrendo l'ultima estate insieme. Le cose si fanno un po' calde... e un po' strane... mentre Walter scopre il suo lato sottomesso dalle mani di alcuni insegnanti esperti. Questa storia è indipendente, ma la trama...

235 I più visti

Likes 0

La visita alla famiglia continua

Quando Todd è entrato per colazione oggi, volevo strisciare sotto il tavolo e prenderlo in bocca. Ma con nostra madre seduta lì, ho dovuto respingere l'impulso. Gli lanciavo occhiate furtive e, quando mamma leggeva il giornale, mi strizzava l'occhio. Per tutta la colazione ho sentito i miei pantaloncini bagnarsi. Alle 9 la mamma si è alzata ed è andata al lavoro. Mi sono alzato e ho sparecchiato. Ho deciso di strofinare il mio culo contro il suo braccio mentre passavo. Dato che papà era partito presto questa mattina, sapevo che ora eravamo soli. Todd si alzò quando raggiunsi il lavandino e...

203 I più visti

Likes 0

Tim, l'adolescente parte XV

Nota: ——NON sono l'autore! Ci sono diversi autori in realtà, non sono così sicuro che qualcuno di loro sia il creatore, ma so che non sono io. Sto semplicemente condividendo questa bella storia con tutti voi perché non l'ho vista qui. Ora in origine dovevano essere tutte 9 parti, ma... Qualcuno ha detto che la prima era troppo lunga, quindi ho deciso di dividerle tutte in post più piccoli. Ho pensato di provare un aspetto e una struttura della frase diversi per questo capitolo, per favore fatemi sapere come vi piace. BUON APPETITO--- Tim, l'adolescente parte quindici di: Rass Senip +++...

383 I più visti

Likes 2

Un po' di magia nera Capitolo 1

Capitolo 1 Questa è la mia storia... No. Questa è la mia confessione. Non sono sicuro che quello che ho fatto sia stato un crimine, ma è stato sicuramente contro natura. Il mio ultimo anno al college e in effetti le ultime settimane fino a quando non sarei stato cerimoniosamente inserito nel mondo del lavoro. Mi trovavo nel bagno che accompagnava la mia camera da letto esplorando il mio corpo allo specchio. Le lenti spesse dei miei occhiali mi facevano sgranare gli occhi sotto il disordine ondulato dei capelli neri. La mia pelle era pallida per aver passato giorni nelle biblioteche...

240 I più visti

Likes 0

L'estrazione

L'ESTRAZIONE - O_o storie Era un sabato mattina ed ero a casa mia da una festa di compleanno di amici. Ero uscito all'una, perché la gente aveva iniziato a buttare cibo e bottiglie vuote in giro. Mi sentivo assonnato. Avevo avuto troppo anch'io e volevo solo andare a casa. Passando il supermercato locale ho attraversato la via principale. C'era un furgone bianco parcheggiato a pochi passi davanti a me. Il lampione sopra di esso tremolava e mi faceva lacrimare gli occhi nella semioscurità. Mentre passavo davanti al furgone, il motore si è avviato e la portiera laterale si è aperta. Due...

256 I più visti

Likes 0

Jaded Parte 1- Riva dell'acqua

Tutto quello a cui riuscivo a pensare era quanto faceva caldo oggi e quanto faceva freddo ieri; i forti venti che avevano soffiato la mia borsa Walmart attraverso il parcheggio mentre i miei amici avevano ridacchiato al mio inseguimento si erano trasformati in intensi raggi che picchiavano sul mio corpo di sedicenne. Sarò onesto, era un corpo che la maggior parte dei miei amici, anche i più grandi, invidiavano ed era in parte a causa del mio corpo che le ragazze più grandi uscivano comunque con me. Il mio viso innocente e i lunghi capelli biondi si sono complimentati con il...

266 I più visti

Likes 0

Lascia che una Playa giochi

Lascia che A Playa Play Storia di Charles che usa il suo bell'aspetto e il suo fascino per scopare tutte le donne che vuole. Oooohh cazzo, mmmmm. geme con una gamba sulla mia spalla, mutandine nere con rifiniture rosa che pendono dal suo piede mentre attacco vigorosamente la sua figa con la mia lingua. Essendo questo il suo ultimo giorno di lavoro, ho pensato di mandarla via con un regalo d'addio. Più simile a questo è ciò che ti mancherà presente. Mentre si morde il labbro, mi afferra la nuca e mi preme il viso nella sua figa bagnata. Non sai...

277 I più visti

Likes 0

Figlia dei vicini: Sporco segreto

È successo quando avevo 16 anni un giorno d'estate. La scuola era finita e cominciavano le vacanze. Vivo alla fine della casa in stile cottage dove i nostri vicini sono dall'altra parte del muro. Nella porta accanto vive la mia amica Eve, ha la mia età, capelli biondi e corpo da urlo. Quanto a me, sono proprio come lei, solo che ho i capelli scuri. Pochi giorni fa ho notato una cosa interessante ... il telefono ha squillato a casa di Eves e dopo pochi minuti lei è spento da qualche parte. l'ultimo giorno lo stesso. Quindi ho deciso di rintracciarla...

357 I più visti

Likes 0

Janes umiliazione 2.

Dopo essere stata mangiata e risucchiata da Helen, Steph e Claire, Dawn si alza e li supplica di permetterle di vestirsi in modo che possa andarsene. La sua richiesta è stata rifiutata poiché la sua amica era ancora in cucina, legata, bendata e imbavagliata. Helen le disse che doveva affrontare un'altra cosa prima di poter partire. Le tre ragazze la aiutarono a salire su un grande tavolo da pranzo. Le è stato detto di stare a quattro zampe con le ginocchia a circa 3 piedi di distanza. Questo le ha aperto bene il buco del culo. Si sentiva molto esibita. Tutte...

222 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.