Bambina ripubblicata

495Report
Bambina ripubblicata

Non possiedo questa storia, l'ho trovata online e volevo condividerla



Mise la bambina nel box con fermezza ma dolcezza. Lei ha messo il broncio. "Daaaaaddy", piagnucolò.

«Ho delle cose da fare, Holly. Torno tra un po'. Prima finisci il tuo latte. Disse con fermezza e le sfiorò la fronte.

Sapeva che la sua bambina odiava bere il latte da sola senza di lui, ma aveva un disperato bisogno di finire quella canzone in modo da poter passare del tempo con la sua bambina senza interruzioni nella sua mente. Ignorò il suo volto come una nuvola temporalesca e lasciò silenziosamente la stanza.

Holly batté il piede per la frustrazione. Odiava non bere il latte con lui! Amava l'ora della pappa quotidiana, sdraiata sulle sue ginocchia, rannicchiata tra le sue braccia grandi e forti, con la mano che le accarezzava la fronte e i capelli, strofinando il suo petto. Sapeva che c'era sempre un altro momento, ma papà sapeva quanto lo odiava, e mentre lei sapeva che doveva affrettare la canzone... Lei borbottò e mordicchiò il capezzolo, sorseggiandolo di tanto in tanto. Giocava con le macchinine, i dinosauri e le bambole che suo padre le aveva comprato distrattamente, a gambe incrociate sul pavimento in moquette. Sospirò e continuò a bere senza troppa convinzione. Un pensiero sporco le attraversò la mente, pensò a papà che toccava il suo gattino e cominciò a strofinare il pannolino contro il tappeto. Holly si annoiò e si fermò, lasciandosi cadere sul pavimento, ora ancora più agitata e scontrosa.

Mentre aiutava Luke Skywalker a sconfiggere l'Imperatore Zurg, papà ritornò nella stanza e si inginocchiò sul pavimento, chinandosi sul suo box. Holly alzò lo sguardo e tornò a guardare i suoi giocattoli.

"Mi stai ignorando adesso?"

Lei non ha detto nulla.

"Non hai nemmeno finito il latte." Alzò un sopracciglio verso la bottiglia mezza vuota.

Holly alzò le spalle.

"Andiamo, piccola", disse, e la prese per la vita, baciandole la fronte. Lei si addolcì e gli mise le braccia attorno al collo, brividi che le correvano lungo la schiena. Prese la bottiglia vuota e si sedette al centro del letto, mettendosela in grembo. Lei istintivamente strofinò con fervore la base del suo collo mentre lui le grattava la schiena. "Sei così, così, così appiccicoso", osservò papà mentre lei si rannicchiava più stretta nel suo grembo. Prese il biberon e cominciò ad allattarla mentre lei prendeva il capezzolo tra le labbra.

Papà sentì tutti i muscoli del suo corpo rilassarsi e il suo respiro rallentò fino a raggiungere un ritmo lento e costante contro le sue braccia, la sua forma raggomitolata su un lato contro il suo corpo per mostrare un unico occhio che lo guardava con adorazione, silenzio, fiducia. Papà sapeva che era un'ammissione della sua stessa sottomissione, che era impotente, senza barriere, e Holly si consegnò a lui, per lui. Lei era sua e, in un certo senso, lui era suo: oltre ad essere il suo migliore amico, fidanzato e amante, era il suo protettore, guida e soprattutto suo padre.

Lei finì il latte e si interruppe, asciugandosi la bocca contro la sua camicia. Lui fece una smorfia e si tolse la maglietta mentre lei sorrideva sfacciatamente. Holly strofinò nuovamente il naso contro il suo corpo e si alzò per avvolgergli le braccia intorno alla vita il più strettamente possibile. Papà ricambiò l'abbraccio e le baciò leggermente un lato della testa.

"Ti amo papà." disse Holly imbacuccata nella camicia.

"Ti amo anch'io, Holly." Lui ha sussurrato.

Rimasero così per un po' finché lei finalmente si lasciò andare e scese dal letto verso la sua libreria. Tirò fuori alcuni libri e papà la riportò sul letto per leggerli con lei. Aprirono un libro di rime e lui le lesse lentamente insieme a lei, mettendo il dito su ogni parola e guidandola lungo i passaggi per assicurarsi che capisse il concetto di rima. "Il topo rimbalzava per scappare dal gatto che si avventava sul prato", lesse lentamente per la bambina che aveva in grembo. Le tolse il pollice dalla bocca e lo sostituì con un ciuccio. Mentre lei succhiava e leggeva, lui le mise la mano dietro il pannolino. Era bagnata, ma non fradicia. È comunque ora di cambiare il pannolino.

Le accarezzò dolcemente il sedere. Si alzò, sollevandola di nuovo per metterla sul fasciatoio. “La mia bambina ha bisogno di cambiare il pannolino? Oh sì, penso di sì. Papà le disse piano. Holly si appoggiò con calma allo schienale e lasciò che papà le slacciasse il pannolino; sapeva fin troppo bene che la conseguenza di essere pignolo durante il cambio del pannolino era una dura sculacciata sul ginocchio. “Mio Dio, questo è un pannolino molto bagnato. Sono felice di aver messo un pannolino alla mia bambina, di certo non può ancora bagnare le sue mutandine da grande. Ma sono abbastanza sicuro che non voglia indossarli, vuole essere la mia bambina, eh? SÌ? Vuole essere la bambina di papà che indossa i suoi pannolini?" Papà sapeva che Holly amava essere trattato con disprezzo, e aveva ragione mentre stava asciugando il suo gattino con una salvietta bagnata quando notò un'altra forma di umidità che si stava formando attorno al suo gattino. Ridacchiò.

Posò la salvietta sporca e si asciugò le mani con un'altra. Facendo scivolare un dito dentro di lei e un altro vicino al clitoride, papà l'ha accarezzata, colpendo tutti i punti dove le piaceva. Il cazzo di papà si indurì quando la vide tremare e tremare silenziosamente. Mentre le sue dita si muovevano dentro di lei, l'altra mano gli aprì la cerniera dei pantaloni e fece per accarezzargli il cazzo. "Ragazza in gamba. Sì, lo sai che ti piace che papà ti tocchi quaggiù. Sai che ami papà che ti parla in questo modo. Lui ha sussurrato. I suoi occhi non la lasciavano mai mentre sollevava la maglietta e giocava con i suoi piccoli capezzoli tra le dita. I suoi occhi castani, la sua corporatura minuta, i suoi fianchi larghi. Lei lo guardò e rabbrividì, amava lo sguardo intenso sul suo viso, le sue labbra, il pizzetto sul suo mento, il modo in cui gli occhiali poggiavano sul suo naso alto. Sempre più velocemente il polso di papà si muoveva lungo l'asta e risaliva fino alla testa del cazzo. Mentre tremava più violentemente e sussurrava il suo nome attraverso il capezzolo di plastica tra le sue labbra, Holly si irrigidì e squittì un'ultima volta. Come se fosse stato giusto al momento giusto, è venuto e ha sparato sul pavimento. Lei squittì e ansimò, lui rimase accanto al tavolo leggermente stordito. Si accasciò contro il tavolo, prima di riuscire a sedersi e baciarlo sulle labbra. Holly si appoggiò di nuovo allo schienale mentre papà si puliva accuratamente le mani e di nuovo il suo gattino, ancora più stordito. Le diede una pacca sul sedere nudo e lei lo sollevò istintivamente per permettergli di infilarle sotto un pannolino pulito. L'ha incipriata e fissata con nastro adesivo prima di asciugarsi di nuovo le mani con una salvietta pulita.

Facendola sedere, papà le baciò la fronte mentre lei guardava il pavimento. "Papà ha fatto un disastro sul pavimento", ridacchiò Holly attraverso il ciuccio. Papà le diede una pacca dolcemente e la fece tacere. “Solo papà può farlo, perché io sono papà. Non ti sarebbe permesso schizzare sul pavimento o addirittura giocare con il tuo gattino. Almeno non senza che papà ti guardi. Lui sorrise e la prese in braccio. "Pensi che sia ora di andare a letto, eh?"

Holly sembrava che il suo animale domestico preferito fosse morto. "Se fai storie, per te è una sculacciata e non un rimbocco", l'ha avvertita papà. Non sembrava affatto più felice, ma annuì a malincuore. "Ragazza in gamba." La portò alla culla, aprì la serratura e abbassò la barriera, e la fece stare dentro mentre le sceglieva una camicia da notte. "Mani in alto", disse, e l'aiutò a togliersi la camicia per indossarle la camicia da notte rosa. Holly si sdraiò, strinse il suo cuscino preferito e il suo cucciolo di peluche e si rannicchiò sotto la coperta. Papà gliel'ha tirato su appena sotto il mento. Lei lo guardò tristemente e lui sospirò e scosse la testa. "Sai benissimo che non aiuterà, piccola." Colpì il naso di Holly con il dito.

Non sembrava molto convinta. "Papà, per favore, non voglio che tu vada", piagnucolò di nuovo. "Ehi, ehi, zitto." La baciò sulla fronte e le accarezzò la guancia, prima di sollevare la barriera di legno tra loro. Lei lo guardò in silenzio. "Sarò qui se hai bisogno di me, lo sai, amore mio", disse papà, accarezzandole i capelli. “Se fai brutti sogni, chiama papà e io sarò qui con la mia spada laser per combattere i mostri. Prometto." La guardò dritto in faccia, dall'alto in basso. “Ti amo, Holly. Ti amo tanto. Non hai nulla da temere finché sarò qui con te, e so che tu sai - finché vivrò e la Forza sarà con me e poiché Optimus Prime è il leader degli Autobot - che ti amerò per finché posso, se non per sempre – se per sempre non è un concetto cliché che non esiste.” Le sorrise. "Va bene?"

Holly lo guardò e annuì. Papà le mandò un bacio e Holly lo prese per incollarglielo sulla guancia, lei ricambiò il gesto e lui fece lo stesso con la sua guancia. "Buonanotte, mia piccola Holly", le sussurrò mentre lei chiudeva gli occhi per fare sogni d'oro. "Dormi bene, ragazzina."

Storie simili

LA SORELLA DELLA MOGLIE VIENE A STARE DOPO IL DIVORZIO - PT 1

Sandy aveva circa trentacinque anni quando lei e suo marito decisero di farla finita. Erano stati in un matrimonio abbastanza tranquillo e poco interessante per circa sei anni, ed era chiaramente ora di cambiare. Sorprendentemente, non era davvero distrutta per aver lasciato la relazione, solo un po' delusa e contenta di andare avanti. Una volta presa la decisione, Sandy ha chiamato sua sorella, Paula, per vedere se poteva stare con lei e suo marito per un po'... almeno fino a quando Sandy non avesse riavuto le sue gambe da single. Paula aveva un anno in più di Sandy e si assomigliavano...

764 I più visti

Likes 0

La nostra esperienza sessuale

Questo segue la prima parte della scena di sesso sulla nave da crociera in cui io e mia moglie ci abbandonavamo sul ponte della nave. Tornando nella nostra cabina, ci eravamo un po' rinfrescati dal fantastico divertimento orale, pisciato, anale e dall'ingoio di sperma. Eravamo un po' stanchi, ma non abbastanza stanchi per farci una doccia, metterci la biancheria da notte e rilassarci un po' prima di andare a letto. Mia moglie (Sandy) si è scusata perché voleva usare il bagno. Ho acceso la TV e mi sono rilassato per un po' per guardare qualche soap sul canale. Quando sono trascorsi...

359 I più visti

Likes 0

Confessione a papà_(2)

Ho qualcosa da dirti papà, ma non posso semplicemente dirlo, devo dirti altre cose con esso, ok? Ma ci arriverò, lo prometto. La casa era tranquilla. Eri al lavoro da diverse ore e io avevo già finito le mie faccende. La nostra camera era pulita, i piatti riposti, il bucato piegato... e mi annoiavo. Ero sdraiato sul divano pensando a te ed ero così eccitato che, anche se so che non mi è permesso, ho iniziato a toccarmi. Volevo il cazzo di papà ma non saresti a casa per ore! Ho iniziato lentamente, strofinandomi il clitoride con una mano e prendendomi...

3.1K I più visti

Likes 0

Cambiare la realtà (parte 3)

Ciao ragazzi e ragazze! È Chase. Sai, la persona di cui parla questa storia. So cosa stai pensando – Questo non può essere vero. Bene, ti assicuro che lo è assolutamente. Non posso provartelo, a meno che non ci incontriamo un giorno e anche allora, dovrei raccontarti tutto da capo. È qualcosa che non è molto probabile che farò poiché qualsiasi esposizione di chi e cosa sono potrebbe portare alla mia cattura da parte di qualcuno che desidera trasformarmi in una specie di cavia. Non so voi, ma non sono molto entusiasta di essere rinchiuso per il resto dell'eternità e di...

1.9K I più visti

Likes 0

Asmodeus - Demon of Lust: Parte 8

A/N – Miei cari lettori! Grazie a tutti coloro che sono rimasti accanto a me e a questa storia per così tanto tempo. Mi scuso sinceramente per l'attesa tra questo capitolo e il precedente; Ho davvero scritto ogni volta che ho potuto. Dubito che ogni singolo capitolo varrebbe un anno intero di attesa, ma come per tutto ciò che scrivo ho riversato la mia anima nella parte 8 e spero sinceramente che ti piaccia leggerla. Come sempre, PER FAVORE, vota, commenta e inviami un'e-mail! Mi piace sentirvi ragazzi e risponderò a ogni e-mail. Buon Anno! Saluti, Steelkat Parte 8 Passeggiamo per...

1.8K I più visti

Likes 0

Per favore, lasciami andare

Gliel'ho lasciato fare. Gli ho lasciato toccare il mio cazzo. Suppongo di aver ceduto alle mie voglie di voler venire a qualunque costo, anche se non avevo alcun desiderio per lui, nessuna persona del mio sesso. Mi sono sdraiato sulla schiena e l'ho lasciato fare a modo suo con me. Non è che fosse un estraneo. Cominciò ad accarezzarmi dolcemente. Colpi lunghi e morbidi con la punta del dito su e giù per la mia asta. Sembrava molto surreale che il mio migliore amico mi stesse accarezzando il cazzo. Ha notato che c'era un allentamento pre-sborra dalla sua punta. Chinò la...

1.5K I più visti

Likes 0

Il mio villaggio delle MILF

Storia di Fbailey numero 776 Il mio villaggio delle MILF Lo zio Charles mi ha lasciato la sua enorme fattoria alla periferia della città. Era seicentoquaranta acri o quello che chiamano una sezione. Ha una dimensione di un miglio per un miglio. Mio padre mi aveva lasciato la sua sezione e si unirono naturalmente. Sul retro della mia terra c'era una ripida scogliera in un ampio letto di fiume. Ciò ha reso il retro centrale quasi invisibile a chiunque fosse al di fuori della mia proprietà. Avevo una piccola impresa che produceva e vendeva case prefabbricate. Rimorchi essenzialmente a doppia larghezza...

1.5K I più visti

Likes 0

Letto a baldacchino

Era stata una piccola riunione nel monolocale di Jinx. Eravamo seduti sul grande letto a baldacchino di Jinx. Quando gli altri se ne sono andati, sono rimasto a salutare Jinx, perché questa era la prima volta che la incontravo. Il letto a baldacchino mi aveva incuriosito. Stavo guardando l'intaglio ai piedi ed ero incuriosito. Ehm... corde? Ho chiesto.. Come lo hai saputo? I segni sulle colonne del letto. Bel letto a baldacchino, tra l'altro. Grazie. Sei abbastanza attento. Ti piace il bondage? Ho coperto un po '. Non esattamente dentro. Ne ho letti alcuni, e ho sempre pensato di provarci. Lei...

1.1K I più visti

Likes 0

I miei giorni in Thailandia parte 4

Mentre la cameriera portava un secchiello pieno di ghiaccio e bottiglie di birra e champagne, mi rivolsi a Mia e Pannai: Voi, due, capite l'inglese? Si guardarono e annuirono. Fu Pannai a parlare: Capire... parlare di no. Ho riso una risata malvagia: “Bene…..io amo le puttane che non parlano troppo…. Sdraiati, tutti e due! E allarga le gambe, così posso vedere le tue fiche! Mentre si sdraiavano, ho preso due manciate di ghiaccio e ho iniziato a premerlo sulle loro tette, collant, su tutto il loro giovane ventre piatto. La pelle d'oca è salita su di loro e i loro capezzoli...

1.1K I più visti

Likes 0

Camion con Becky Capitolo 1

CAPITOLO 1 È iniziato come un giorno normale quando la mia sveglia è suonata e sapevo che dovevo alzarmi e andare se volevo fissare l'appuntamento per la consegna in tempo. Sfregandomi il sonno dagli occhi, ancora sdraiato a letto cercando di svegliarmi, ho afferrato il telefono per controllare le notizie del mattino. Quando ho premuto il pulsante Internet, è apparso il sito porno che stavo guardando la sera prima e un video di una tettona rossa ha attirato la mia attenzione. Perché no, ho pensato tra me e me mentre allungavo la mano nei miei boxer e avvolgevo la mano intorno...

1.2K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.