Agente di Lilith: Capitolo 13

856Report
Agente di Lilith: Capitolo 13

James giaceva da solo in casa sua, disteso sul divano del soggiorno. Aspettando pazientemente l'arrivo del suo ospite, fissò il soffitto, cercando di distogliere la mente dall'inevitabile faccia a faccia con Ishtar. "Una cosa alla volta", si disse.

Dopo aver lasciato l'ufficio di Tina qualche ora prima, James era tornato a casa e si era trovato in una casa vuota. Era stato accolto da un biglietto sul frigorifero di David, che a quanto pareva aveva preso Brianna ed era andato al matrimonio di un parente fuori città e non sarebbe tornato per qualche giorno. L'altro compagno di stanza di James, Mark, aveva lezioni e un lavoro tutto suo, quindi probabilmente non sarebbe tornato a casa fino a tardi nel pomeriggio. James era grato per la solitudine; gli dava tempo per pensare – tempo per calmarsi e combattere l'ansia mentre aspettava.

Una rapida serie di colpi alla porta fece capire a James che la sua attesa era però finita. Balzando in piedi, attraversò la stanza e aprì la porta d'ingresso. Katherine rimase lì, con la mano alzata e pronta a bussare di nuovo. Immediatamente, la bella donna oltrepassò la soglia e avvolse le braccia attorno al busto di James.

"Maestro!" esclamò sollevata, "Sono così felice che tu stia bene! Ieri non eri a lezione, ed ero così preoccupata, e non volevo disturbarti... M-ma sembravi davvero turbato sabato, quindi io... non sapevo cosa fare." Chiuse gli occhi e appoggiò la testa contro il petto di James mentre lo abbracciava. James le posò una mano confortante sulla schiena. "Sono così felice che tu stia bene", ripeté.

James si staccò dolcemente dall'abbraccio di Katherine e sorrise con gratitudine alla donna. "Sto bene, Kat," disse. "Grazie per esserti preoccupato per me." Mentre James parlava, non poteva fare a meno di lasciare che i suoi occhi vagassero sul suo straordinario professore.

Katherine indossava un maglione attillato e scollato che mostrava con orgoglio la sua scollatura impressionante e le lasciava le spalle scoperte. I capelli ramati, pettinati e arricciati, scendevano su quelle spalle e incorniciavano un viso angelico. I jeans attillati abbracciavano i fianchi e il culo rotondo di Kat. Gli stivali di pelle col tacco alto che arrivavano fino alle ginocchia facevano sembrare le sue gambe e il suo culo ancora più voluttuosi, e la bocca di James ebbe l'acquolina in bocca mentre osservava la donna formosa.

"Cos'è successo sabato?" chiese Katherine, riportando James alla realtà. "Sembravi malato; ti senti meglio adesso?"

"Molto meglio," rispose James. "Avevo a che fare con molte cose allora. Lo sono ancora, ma non ci sto più affrontando da solo." Kat sorrise. "Non dobbiamo parlarne adesso però," continuò James. "Non sei venuto qui solo per parlare, vero?"

Le guance di Kat, già tinte di rosa, iniziarono ad arrossarsi ulteriormente. "No," disse. "Sono venuto perché hai detto che avevi bisogno di me, e... perché io ho bisogno di te." Sottolineò la sua affermazione posando dolcemente una mano sull'addome di James e trascinandola lentamente verso il basso finché non gli afferrò la vita dei pantaloni. James sorrise.

"Andiamo," disse, indicando dietro di lui con la testa e prendendo la mano della donna nella sua.

James condusse Kat lungo il corridoio fino alla sua camera da letto. Quando la porta si aprì, James si pentì immediatamente di non aver pulito più spesso. Percorse un percorso attraverso i vestiti – sia puliti che impuri – che ingombravano il pavimento, prima di sedersi sul letto. "Mi dispiace per il disordine," disse James mentre Kat si lasciava cadere sul materasso accanto a lui.

"Non esserlo", disse con un sorriso. "Mi piace la tua stanza, padrone. Oh! Scusa," James alzò un sopracciglio, non sicuro di cosa si stesse scusando. "So che non ti piace quando ti chiamo 'maestro'."

James sorrise e scosse leggermente la testa prima di parlare. "Puoi chiamarmi come preferisci, Kat."

Katherine sorrise raggiante a James e si appoggiò a lui, chiudendo gli occhi e appoggiando la testa sulla sua spalla. "Sì, padrone," mormorò. James posò una mano calda sulla gamba di Kat, appena sopra il ginocchio e iniziò a massaggiarle delicatamente su e giù la coscia. Sentì un leggero tremore di eccitazione attraversare la donna

"Mm... è bello," disse piano. Kat abbassò una mano sul grembo di James e strofinò il rigonfiamento in costante crescita che trovò lì. Posò l'altra mano sul petto di James, sentendo i suoi forti muscoli pettorali e il battito cardiaco che martellava sotto di loro. Era emozionato, e questo eccitava anche lei.

James poteva sentire l'energia sessuale riempire l'aria attorno a loro – l'energia di Kat e la sua. La crescente lussuria del professore sensuale era palpabile per il giovane incubo, e lui respirava la sua eccitazione nel profondo della sua anima. Il suo desiderio divampò con forza e fluì verso l'esterno in un'ondata di lussuria che si impadronì di Katherine.

La splendida donna spalancò gli occhi mentre la magia di James suscitava in lei un bisogno primordiale. Si alzò leggermente da dove era seduta e fece oscillare la gamba destra sul grembo di James così da mettersi a cavalcioni su di lui. Incrociando le braccia, afferrò il maglione e se lo infilò sopra la testa. Kat scosse i suoi succulenti capelli ramati una volta liberati dall'indumento, che lasciò cadere a terra senza tante cerimonie.

Nuda dalla vita in su, sorrise lascivamente a James. Ma gli occhi di James erano fissi sul bellissimo paio di seni davanti a lui. Piene, morbide e assolutamente sfidanti alla gravità, le grandi tette di Katherine praticamente chiedevano di essere giocate. James ha obbedito con entusiasmo.

Alzò le mani e afferrò i seni di Kat. Impastava, massaggiava e strizzava i suoi meravigliosi seni, di tanto in tanto massaggiando piccoli cerchi sulle sue grandi areole o facendo rotolare un capezzolo eretto tra le dita. Katherine canticchiò con apprezzamento e guardò eccitato mentre James la accarezzava. Prese una tetta in bocca e cominciò a leccare e succhiare giocosamente, inviando un'improvvisa scossa di piacere elettrico attraverso il corpo di Kat.

"Mm, padrone..." gemette, lasciando ricadere la testa all'indietro. Le sue mani tenevano delicatamente la testa e il collo di James, incoraggiandolo a continuare. Mentre James succhiava con entusiasmo il suo seno, Kat cominciò a strusciarsi contro di lui. Ruotò i fianchi e si strofinò contro l'erezione del suo studente, facendogli sentire il suo calore e la sua umidità anche attraverso i vestiti.

James lasciò cadere le mani sul sedere di Kat. Le afferrò il culo grosso e rotondo con entrambe le mani e attirò a sé la donna vivace. Con un ultimo bacio separò le sue labbra avide dal seno di Katherine e incontrò i suoi occhi, velati di desiderio incontrollabile. I due si guardarono profondamente negli occhi per qualche istante, lasciando che la lussuria e la tensione tra loro crescessero. Con la bocca aperta e distanti solo pochi centimetri, lasciarono che il loro respiro caldo si mescolasse mentre si avvicinavano.

Con uno schianto, le loro labbra si incontrarono. Non c'erano baci morbidi e amorevoli. Nessuna carezza gentile. Nessun lungo periodo di accumulo del paziente. La loro passione era accelerata da tempo, e ora si baciavano con fervore disperato e animalesco. James strinse più forte il sedere di Katherine mentre le sue labbra dominavano quelle di lei. Kat lottò per sottomettere la lingua di James alla sua, gemendo piano per tutto il tempo.

James, tenendo ancora il suo osceno insegnante tra le sue forti braccia, si alzò in piedi. Kat si tenne alle spalle larghe del suo amante mentre veniva sollevata. James si voltò e guardò il letto. Lasciò cadere la donna tra le sue braccia sul materasso sotto di lui e scese di nuovo su di lei. In ginocchio sopra di lei, abbassò le labbra sulle sue e i due ripresero il loro bacio appassionato.

James si sostenne su un braccio mentre la sua mano libera vagava sul corpo di Kat – trascinando le dita sulle sue curve aggraziate, sentendo la sua pelle morbida e stringendo i suoi grandi seni. Katherine apprezzava il suo tocco amorevole, ma era troppo arrapata e troppo impaziente per restare lì a guardare. Le sue mani corsero alla vita di James, dove tirarono l'orlo della sua camicia e si aggrapparono alla sua cintura.

Comprendendo la sua urgenza, James si alzò e fece marcia indietro rispetto alla donna. Si fermò ai piedi del letto e si tolse la maglietta prima di abbassare anche i pantaloni e i boxer. Kat lo guardò con uno sguardo seducente negli occhi. Le braccia sopra la testa, i seni sollevati mentre inspirava ancora l'aura lussuriosa dell'incubo. Tutto il suo corpo formicolava di desiderosa anticipazione. James si abbassò e tolse gli alti stivali di Kat prima di passare ai suoi pantaloni. La bellezza formosa sollevò il sedere dal letto per un momento in modo che James potesse sfilarle più facilmente i jeans e le mutandine.

Katherine giaceva finalmente completamente nuda davanti a James – ed era davvero mozzafiato. Fissò apertamente il suo corpo sexy, gli occhi vagavano sul suo seno naturale, sulla pancia piatta, sulla vita stretta e sui fianchi larghi. Le sue gambe aggraziate erano aperte, dando a James una visione perfetta delle labbra rosa della sua figa, che brillavano di desiderio.

Anche la vista non era male per Kat. Leccandosi le labbra con desiderio e dimenando i fianchi mentre James la guardava, anche lei la guardò. La vista delle spalle larghe e delle braccia muscolose del suo giovane amante eccitò la professoressa sexy, e sentì il suo calore interiore diventare più caldo mentre i suoi occhi vagavano più in basso. "Cazzo, adoro il tuo corpo..." disse piano mentre controllava James. Il suo sguardo si spostò sui suoi addominali scolpiti e sulla vita sottile, fino al suo cazzo eretto, che puntava dritto verso di lei. Kat guardò il grosso membro con sfrenata lussuria. Aveva bisogno di essere scopata.

James però era molto più avanti di lei questa volta. Abbassandosi, afferrò la sua insegnante per le caviglie e la attirò più vicino a sé. Risalendo sul letto, James si inginocchiò tra le gambe di Kat e guidò il suo cazzo verso la sua entrata liscia. Con un movimento fluido, spinse il suo cazzo in profondità nella sua figa, seppellendosi completamente nel suo calore vellutato.

Kat si aggrappò alla schiena muscolosa di James mentre la scopava, trascinando le unghie sulla sua pelle. A James non importava; tremava al suo tocco quasi quanto lei tremava al suo. L'atmosfera di pura energia sessuale che i due generavano diventava più densa mentre scopavano. James dovette trattenersi consapevolmente dal concentrare tutto sulla splendida donna sotto di lui, ricordando lo stato in cui aveva messo Lindsay solo un giorno prima. Non voleva che ciò si ripetesse per il momento.

Inoltre, Katherine non aveva quasi più bisogno dell'aiuto della magia di James, già fortemente influenzata dalla sua aura e posseduta dal suo stesso desiderio. Mentre James le martellava la figa, Kat gemette impotente, stringendo forte le lenzuola e respirando affannosamente. I suoi lunghi capelli si aprivano a ventaglio attorno al suo splendido viso, scossi da ogni spinta da scuotere il letto di James.

"Oh Dio, James," gemette Kat. "Oh Dio, non fermarti."

James non si è fermato. Gemette accanto a Katherine mentre la scopava più forte e più velocemente, spingendola verso l'orgasmo euforico.

"Cazzo, James! Sto venendo! Sono- ah!!" Il respiro di Kat si bloccò. Chiuse gli occhi mentre il piacere aumentava e il suo corpo si preparava all'inevitabile.

James, in sintonia con l'energia sessuale della donna, sentì la sua crescente estasi indirettamente attraverso la loro unione. Percependo il suo orgasmo imminente, sorrise diabolicamente e scandagliò la mente di Kat con la sua magia. Prendendo una pagina dal libro di Lilith, localizzò i centri del piacere nel cervello di Katherine e li bloccò, impedendole di venire finché James non lo permetteva. Kat improvvisamente gridò non appena la magia ebbe effetto.

"Cosa... cosa sta succedendo?" Kat gemette, tremando ancora sotto James. "Non posso... ahh... non posso venire!" Kat affondò le unghie nell'ampia schiena di James e si tenne stretto mentre il suo piacere aumentava indefinitamente.

James si alzò dalla donna, tirando fuori il suo cazzo mentre lo faceva. Kat si aggrappò disperatamente per un momento prima di essere costretta a liberare l'uomo dalla sua presa. In ginocchio, James afferrò Kat per i fianchi e la fece girare facilmente. La tirò verso di sé finché Kat non si inginocchiò a quattro zampe davanti a lui.

Con il culo all'aria, il sesso dolorante esposto e in attesa, Katherine guardò James implorante da sopra la spalla. James non perse tempo e spinse indietro la sua enorme lunghezza nella sua formosa professoressa, rientrando nel calore stretto della sua figa. Afferrò Kat per la sua vita stretta e accelerò il passo, spingendosi nella bella donna a una velocità vertiginosa.

Ancora negato l'orgasmo, l'euforia di Katherine crebbe e crebbe mentre il suo corpo tremava sotto ondate di glorioso piacere senza fine in vista. "Ohhh," gridò, estasiata dalla lussuria ma frustrata dalla sua incapacità di venire. "Cosa... cosa mi sta succedendo?" Le braccia di Kat tremarono e cedettero, e lei crollò sul petto. Lei giace lì con il culo ancora sollevato, la sua figa martellata senza sosta dal cazzo duro di James.

Era appena più una partecipante; ora esisteva solo per farsi scopare dal suo padrone – un'esistenza che sembrava non dispiacerle affatto. Con gli occhi rivolti all'indietro, Kat respirò pesantemente e gemette sporadicamente, incapace di comunicare il suo piacere e incapace di liberarlo. Il suo corpo e la sua mente non potevano sopportare altro; era sul punto di svenire.

Per fortuna, anche l'orgasmo di James si stava avvicinando velocemente. Le sue palle si agitarono e il suo corpo si tese mentre la pressione cresceva nel suo cazzo, quelle sensazioni inconfondibili che preannunciavano un potente climax. Continuò a scopare Katherine finché l'orgasmo non lo costrinse a fermarsi a metà della spinta. Pompando furiosamente le palle, dipinse le pareti interne di Kat bianche con sperma caldo. Mentre James si bloccava e si arrendeva alla beatitudine euforica, ebbe la lungimiranza di consentire a Kat la stessa liberazione. Lui le liberò la mente dalla magia e la lasciò venire con lui.

Con un grido alimentato dal piacere, Kat accolse finalmente il suo orgasmo. Il suo corpo ebbe spasmi selvaggi e la sua figa si contrasse avidamente attorno al suo amante. La sua mente esplose in una luce accecante che sembrò diffondersi attraverso ogni cellula e ogni sinapsi, sopraffacendo i suoi sensi con un'estasi indescrivibile. Un piacere come mai prima d'ora distrusse il corpo di Kat e dominò la sua mente. L'incredibile sensazione di James che veniva dentro di lei, combinata con il potente rilascio del suo orgasmo a lungo negato, era quasi troppo da gestire. Al limite della coscienza, rabbrividì in preda a un'estasi sconvolgente. Era a malapena consapevole che James era uscito dalla sua figa ed era crollato sopra di lei, il suo cazzo le colava sperma sul culo.

James si sostenne sui gomiti mentre riprendeva fiato, esausto per la loro scopata bestiale e il finale culminante. Il fervore che lo aveva posseduto prima ora svanì e lui rotolò giù da Kat per sdraiarsi al suo fianco mentre lei scendeva dal suo livello sessuale. Il suo respiro pesante cominciò lentamente a calmarsi e si voltò a guardare James con uno sguardo soddisfatto negli occhi.

James sorrise dolcemente alla bellezza dai capelli ramati e la avvolse con un braccio attorno. Kat si rannicchiò contro di lui, appoggiando la testa sul suo bicipite e appoggiando una mano sul suo petto nudo. Distrattamente, lasciò che le sue dita danzassero leggermente sulla pelle di James mentre riposava gli occhi e si godeva il calore e la sicurezza che sentiva tra le braccia del suo padrone.

Grato per la presenza di Kat e per la sua natura amorevole, James rimase lì per un po', apprezzando semplicemente il momento di pace. Ma non poteva riposare per sempre; aveva chiesto a Kat qualcosa di più del semplice sesso. I suoi pensieri tornarono all'imminente attacco al museo e al suo pressante bisogno di alleati.

"Ehi, Kat?" disse James tranquillamente.

"Mhm?" rispose senza aprire gli occhi.

"Se io... se ti chiedessi di rischiare la tua vita per la mia, lo faresti?" James lasciò la domanda sospesa nel silenzio mentre aspettava nervosamente una risposta.

Kat aprì gli occhi e guardò James, che fissava il soffitto, incapace di incrociare il suo sguardo. "Naturalmente", disse semplicemente.

James si voltò e guardò il suo professore, con una leggera sorpresa mostrata sui suoi bei lineamenti. "Anche se non ti coinvolgeva affatto?" chiese. "Anche se potessi semplicemente andartene?"

Kat scosse lentamente la testa. "Se riguarda te, James, allora riguarda me. E non potrei mai allontanarmi da te." Amore e adorazione brillavano negli occhi di Kat.

James la guardò stupito. La sua devozione per lui era commovente, ma lui aveva ancora una domanda.

"E se ti dicessi..." James fece una pausa prima di forzare le parole, "che ti ho mentito? Che non sono chi pensi che io sia? Rischieresti comunque la tua vita per la mia?"

Kat si sollevò sul gomito per guardare meglio James, un'espressione seria sul viso. "So già chi sei, James," disse. "Sei il mio padrone, e questo è tutto ciò che conta per me. Farei qualsiasi cosa per te." Kat gli sorrise.

James era sorpreso, anche se forse non avrebbe dovuto esserlo. Kat è stata una delle prime persone da cui James ha raccolto energia sessuale dopo essere diventato l'agente di Lilith. Sotto l'influenza della sua magia, Kat aveva sempre mostrato dedizione e amore per il suo padrone. Ma era questo che preoccupava James. Non era più in grado di distinguere tra la Katherine che conosceva prima e la Katherine che lo chiamava "maestro". La sua energia sessuale avrebbe potuto cambiare la sua personalità e influenzare la sua risposta alla sua domanda. A James sarebbe piaciuto credere che Kat tenesse davvero così profondamente a lui e avesse lasciato le cose come stanno. Ma doveva sapere.

Chiudendo gli occhi e escludendo il mondo, James si concentrò sulla sua magia interiore, sul fiume di potere che scorreva attraverso di lui. Separandolo attentamente dalla sua energia sessuale, attinse a quel potere e lo imbrigliò alla sua volontà. Espandendo i suoi sensi, sentì accanto a sé la luce brillante della coscienza di Katherine; puntò la sua magia sulla sua mente.

Proprio come aveva fatto con i mutanti, James scavò in profondità nella mente di Kat. Quando il suo potere penetrò nella sua psiche, la donna fece un respiro profondo e si immobilizzò, inconsciamente consapevole della presenza subliminale di James e incapace di resisterle.

Quando James trovò quello che stava cercando, quasi perse la concentrazione per lo shock. L'anima di Kat, normalmente un faro luminoso di individualità, era avvolta in uno strato oscuro di energia sessuale: l'energia sessuale di James. Come un grande serpente, l'energia si avvolse e si avvolse attorno alla sua preda, torcendosi e contorcendosi mentre intrappolava il corpo e la mente di Katherine. James sapeva che il suo potere probabilmente aveva influenzato pesantemente Kat, ma non avrebbe mai immaginato che fosse progredito così lontano. Non era cattiva come i mutanti – aveva ancora un certo senso di identità e di pensiero – ma la sua anima era quasi completamente soggiogata da un desiderio eterno per James e da un'innaturale fedeltà al suo padrone.

Prendendosi a calci mentalmente, James maledisse la sua stupidità. Aveva spinto troppo. Prendendo così tanta energia sessuale dal suo professore l'aveva lasciata quasi completamente affascinata. Non c'era da meravigliarsi che fosse così disposta a combattere e morire per lui. Ma non voleva la sua falsa fedeltà; se aveva intenzione di chiedere l'aiuto di Kat, allora voleva che la sua risposta fosse la sua. James prese la sua decisione in quel momento: avrebbe invertito il danno che aveva fatto.

Iniziò a strappare via la fredda massa di energia sessuale che strangolava l'anima di Katherine. Con facilità, James incanalò il suo potere e sottrasse la magia parassitaria che si nutriva dell'identità di Kat. Ben presto, James l'aveva liberata completamente dal suo controllo. Si ritirò dalla sua mente, calmò il suo potere e ritornò in sé.

Immediatamente, Kat si mise a sedere e si spostò lentamente verso il bordo del letto, dove si sedette di fronte a James, con le braccia conserte. James osservava la sua professoressa con preoccupazione e apprensione, non sapendo come avrebbe reagito ora che la sua mente era di nuovo sua al cento per cento. Lei tirò su col naso e parlò piano.

"Quello che avevamo..." disse Kat, "Non era reale, vero?"

James rimase in silenzio per qualche istante. Poi rispose tristemente: "No. Non proprio." Si spostò per sedersi accanto a lei, ma Kat fece scivolare un altro piede lungo il bordo del letto, mantenendo la distanza tra loro due.

"Non so dove finiscono i miei ricordi e dove inizia il tuo... qualunque cosa tu mi abbia fatto. Cosa mi hai fatto?" chiese Kat, voltandosi a guardare James per la prima volta, con le lacrime agli occhi verdi.

James sospirò e abbassò lo sguardo, sentendosi in colpa per il dolore che aveva causato alla donna. "Kat, io-"

"Caterina."

"Katherine," ricominciò James, una fitta di tristezza che gli colpiva il cuore, "Mi dispiace così tanto. Ho usato la magia – sì, la vera magia – per... incoraggiarti a dormire con me."

Annuendo lentamente, Katherine distolse di nuovo lo sguardo. "Già allora potevo dire che non era del tutto una mia idea. Ma qualcosa mi diceva di farlo comunque. E dopo un po', ho dimenticato che non avevo mai voluto farlo fin dall'inizio." Katherine soffocò altre lacrime e si asciugò gli occhi. "Mi stavo davvero innamorando di te, sai?"

James sentiva l'umidità nei suoi occhi adesso. Non sapeva cosa dire, quindi non ha detto nulla.

Katherine parlò di nuovo. "Prima hai detto che stavi affrontando alcune cose difficili, ma non lo stavi più facendo da solo. Ero felice quando l'ho sentito perché pensavo che ti riferissi a me... Non è vero, vero?" James scosse la testa, incapace di incontrare gli occhi della donna quando lo guardarono. "Spero che ti renda felice," concluse tristemente Katherine.

Si alzò e raccolse i suoi vestiti, vestendosi velocemente e senza nemmeno preoccuparsi di mettersi gli stivali prima di uscire dalla porta senza aggiungere altro. James si sedette sul letto, fissando il pavimento. Sentì la porta d'ingresso chiudersi e un'auto svoltare fuori. Non resistette alle lacrime che si accumulavano nei suoi occhi.

James aveva ferito Katherine in modo orribile. Aveva giocato con le sue emozioni e la sua mente, solo per poterla avere fisicamente. Non era mai stato più disgustato di se stesso. Un profondo rimorso lo colmò; non sapeva quanto fossero dolorosi gli effetti della sua magia su coloro di cui aveva cominciato a preoccuparsi. Sconvolto e depresso, James si rivolse alla sua amante, l'unica altra persona che poteva capire come si sentiva.

"Lilith?" chiese James ad alta voce e nella sua testa.

"James? Cosa c'è che non va?" rispose la demone, intuendo dal tono di James che fosse turbato.

Ha aperto la sua anima a Lilith, raccontandole tutto della sua conversazione con Tina e della sua separazione da Katherine. "Amore mio," disse Lilith dopo che James ebbe finito, "Mi dispiace tanto. So che deve essere stato difficile, ma hai fatto la cosa giusta. Ti conosco, James; non hai mai voluto ferire o mentire a nessuno. Lasciartelo andare." Katherine Go è stata la cosa migliore."

James si asciugò le lacrime dal viso. "Non posso più farlo, Lilith," disse. "Non è solo Kat; sono tutti quelli che tocco. Li prosciugo, li uso e li lascio vuoti dentro, e mi odio per questo."

"Non incolpare te stesso per il dolore degli altri, James, incolpa me. Ti ho trascinato in tutto questo."

Scuotendo la testa anche se Lilith non poteva vederlo, James disse: "Non è colpa tua, Lilith. È di Ishtar. Lei e questo terribile potere con cui ci ha maledetto. Questa magia sembra abbastanza innocua, ma ogni volta che facciamo sesso energia da qualcun altro, ne portiamo via un pezzo." James imprecò, frustrato. "Non posso sopportarlo, Lilith! Abbiamo bisogno di raccogliere energia per sopravvivere, ma quando lo facciamo feriamo le persone a noi vicine!"

"Lo so", rispose Lilith. "È un gioco crudele. Ma non avremo bisogno di giocarci ancora a lungo, James; i giorni di Ishtar sono contati."

James strinse i pugni e sentì il potere traboccare sotto la sua pelle. "È proprio così", disse con rinnovata determinazione. "Finirò io stesso quella stronza."

"Ecco l'uomo che amo," disse Lilith con orgoglio, la sua determinazione incoraggiata dalla dichiarazione di James. "Non perdere la fiducia in te stesso, James."

James annuì. "Torno in albergo a trovare Ashley," disse l'incubo. "A quest'ora dovrebbe essere senza lavoro, e con un po' di fortuna ci avrà trovato un modo per superare la sicurezza del museo." James balzò in piedi, mettendo da parte i suoi sentimenti di dubbio e senso di colpa. Non ne aveva bisogno in quel momento. I suoi occhi erano concentrati sul traguardo: sulla morte di Ishtar e sulla libertà di Lilith.

James trovò i suoi pantaloni sul pavimento e tirò fuori il telefono dalla tasca, controllando l'ora. 5:30, mezz'ora prima dell'incontro con Ashley in hotel. Sudato e puzzolente di sesso, James decise che aveva abbastanza tempo per una doccia veloce prima di andarsene. Cinque minuti dopo stava uscendo dalla porta, riposato e rinvigorito.

Prese a cuore le parole di Lilith, ripetendole nella sua testa mentre guidava verso l'hotel. "Non perdere la fiducia in te stesso, James." Non poteva permettersi di vacillare; troppo dipendeva da lui. Ci sarebbe stato tempo per il senso di colpa e l'autocondanna dopo che lui e Lilith fossero stati liberi.

Arrivato in albergo poco dopo le sei, James lasciò l'auto al parcheggiatore ed entrò nella splendida hall del lussuoso albergo. Prese l'ascensore fino all'ultimo piano e percorse il corridoio fino alla suite executive di Ashley. Bussò alla porta e attese pazientemente.

Un attimo dopo, James udì il rumore di passi nudi sul pavimento, poi il ticchettio della porta che veniva aperta. La porta si aprì e James era a metà del saluto alla sorella quando si rese conto che non era stata Ashley ad aprire la porta. Jessica, la sua migliore amica e compagna di classe, era sulla soglia. Era completamente nuda.

Jess sorrise alla sua amica. "Ehi, James. Era ora che arrivassi qui," disse prima di girarsi e far entrare James.

James seguì la piccola bionda nella suite, fissando l'ondeggiamento dei suoi fianchi e il rimbalzo del suo sedere mentre camminava. "Jess? Ho sbagliato stanza?" chiese ad alta voce, più a se stesso che a Jessica. Lasciando che la porta si chiudesse alle sue spalle ed entrando nell'area soggiorno della grande suite, divenne evidente che si trovava decisamente nella camera d'albergo di Ashley.

Lì sul divano, di fronte all'ingresso della suite, c'era la sorella dai capelli rossi di James, inginocchiata sui cuscini e piegata sullo schienale del divano. Dietro di lei, un uomo magro e dai capelli arruffati teneva Ash per i suoi fianchi larghi e si insinuava in lei. I grugniti e i gemiti della coppia furono interrotti quando sentirono la porta chiudersi. Guardandosi alle spalle, smisero di scopare e salutarono il nuovo arrivato.

"Giacomo!" Ash chiamò felicemente dalla sua posizione compromettente, un ampio sorriso sul viso arrossato.

Dietro di lei, il compagno di stanza di James, Mark, riprese fiato e si scostò i capelli dalla fronte. "Ehi, amico," disse, sorridendo anche lui.

James fu colto di sorpresa. Si aspettava di incontrare sua sorella; invece, stava partecipando a un rapporto a tre tra sua sorella e i suoi due amici più cari. "Uh, ehi ragazzi..." disse lentamente James, stando in piedi sull'ingresso. Jess camminò dietro di lui e cominciò a togliergli la giacca dalle spalle. "Cosa, uh... cosa sta succedendo qui?"

La sua domanda, però, passò inosservata ai due sul divano. Mark era tornato a scopare Ashley alla pecorina. La rossa gemette mentre il cazzo dell'uomo pompava dentro di lei e raschiava le sensibili pareti interne della sua figa. Afferrò più forte lo schienale del divano e si morse il labbro mentre un piccolo orgasmo cominciava a diffondersi nel suo corpo. James osservava con gli occhi spalancati e le orecchie rosse. Un altro uomo stava scopando la sua splendida sorella davanti ai suoi occhi – ed era davvero eccitato. Era ancora confuso però, quindi si rivolse al suo migliore amico e ripeté la domanda.

"Ashley ci ha invitato. Alza le braccia," disse Jess mentre tirava su la maglietta di James sul suo torso muscoloso. Dovette alzarsi in punta di piedi per infilargli la maglietta dalla testa. "Ash ha detto che era importante, così sono venuto subito. Mmm..." Jess ora stava baciando il petto nudo di James, abbassandosi fino a inginocchiarsi davanti a lui. "Abbiamo provato ad aspettarti prima di iniziare, ma... uh, non è durato molto a lungo; tua sorella è arrapata quasi quanto te, lo sai?" Con mani veloci, Jess slacciò la cintura di James e abbassò i suoi jeans e boxer fino alle caviglie.

"Okay ma, perché- ahh..." James si interruppe mentre Jess inghiottiva il suo cazzo mezzo eretto nella sua bocca. Accarezzò il suo membro in rapida crescita con la lingua e avvolse le labbra attorno alla punta sempre più sensibile. Lavorando con la bocca sulla sua formidabile lunghezza e costringendosi a ingoiarlo profondamente, Jess strofinò il viso contro il bacino di James e canticchiò soddisfatta. James gemette alla sensazione e si abbassò per scostare i capelli color platino di Jess per dargli una visione migliore. Le sue domande sul perché i suoi amici fossero lì divennero secondarie rispetto allo squisito piacere che Jessica procurava con la sua bocca calda.

Con gli occhi lacrimanti e la saliva che colava dalle labbra, Jess si ritrasse dal cazzo di James ormai completamente eretto. Lei rimase senza fiato, sorrise a James e tornò al suo pompino sciatto. Prendendo il suo cazzo in mano, cominciò a strofinare e ad accarezzare la lunghezza impressionante dell'uomo. Pompando ritmicamente il pugno attorno all'asta, Jess abbassò nuovamente la bocca sulla testa gonfia. Trascinò le labbra sulla pelle sensibile della bella di James e fece scorrere provocatoriamente la lingua attorno alla punta. Tirandosi indietro di nuovo, spalancò la bocca e cominciò a leccare su e giù il suo cazzo come se fosse un dolce regalo che trovò assolutamente delizioso.

James emise un gemito mentre la sua migliore amica lavorava ogni centimetro del suo cazzo con le sue mani esperte e la sua bocca. Chiuse gli occhi e si godette semplicemente le intense sensazioni del magistrale pompino di Jess. Si accorse a malapena che il rumore dello schiaffo della carne contro la carne che proveniva dal divano era cessato. Almeno finché non sentì una mano leggera e sottile sul suo petto e aprì gli occhi per vedere sua sorella in piedi accanto a lui. Lei sorrise con desiderio e si alzò in punta di piedi per poter baciare il suo bel fratello. Dopo un paio di sfioramenti morbidi delle labbra, la fame appassionata emerse e si impadronì dei fratelli. Si incontrarono di nuovo con un forte bisogno, le loro lingue uscirono dalle loro bocche ed entrarono in quella dell'altro mentre le loro labbra duellavano ferocemente. Mentre pomiciava con la sorella arrapata, James si rese conto che Jess aveva tolto la bocca dal suo cazzo e ora lo stava semplicemente accarezzando in modo uniforme.

Guardò la bionda e capì perché. Mark aveva seguito Ashley dal divano, e ora era in piedi accanto a James, il suo cazzo duro – inumidito con i succhi di Ash – puntato dritto verso Jess. Le labbra affamate dell'adolescente non hanno potuto resistere, quindi è scesa avidamente sul cazzo del secondo uomo, che ora ha leccato e baciato mentre accarezzava James allo stesso tempo.

"Ehi, non dimenticarti di me," disse scherzando James mentre sua sorella gli riempiva il viso e il collo di baci bagnati. Jess lasciò cadere il cazzo di Mark dalle sue labbra e guardò il suo padrone.

"Non potrei mai." Lei fece l'occhiolino, poi riunì le sue labbra con il grosso cazzo di James, soffocandolo con la bocca. L'altra mano si alzò per afferrare la virilità di Mark e cominciò ad accarezzarlo mentre concentrava il resto della sua attenzione su James. Avanti e indietro, Jess si metteva in mezzo ai due uomini, dando uno strattone all'altro mentre succhiava l'altro. I suoi grandi occhi guizzavano tra i cazzi davanti a lei, incapaci di decidere su cosa volesse di più. Alla fine si accontentò di entrambi. Aprendo bene la bocca, Jess mise le teste dei cazzi di James e Mark contro la sua lingua e cominciò a leccare rapidamente. I due uomini gemettero all'unisono e si voltarono a sorridersi.

Mark allungò una mano dietro la testa di James e lo attirò alle sue labbra con forza sorprendente. Il bacio fu inaspettato, ma non sgradito, e James accettò felicemente la lingua del suo compagno di stanza, chiudendo gli occhi e sciogliendosi nelle morbide labbra dell'altro uomo. Con le lingue che danzavano e si contorcevano insieme, esploravano la bocca dell'altro.

"Cazzo, che caldo," sussurrò Ashley, guardando suo fratello e il suo compagno di stanza pomiciare. La rossa, ancora aggrappata a James, gli baciò dolcemente il collo e la clavicola prima di scendere lentamente lungo il suo corpo. Fece roteare la lingua attorno a un capezzolo e lo morse scherzosamente, poi leccò gli addominali scolpiti e si posò in ginocchio accanto a Jessica. "Ehi, bellezza," disse Ash alla bella bionda. "Ti dispiace se prendo il comando?"

Jess, con la bocca piena del cazzo di Mark, sorrise e annuì prima di lasciare che il grosso membro di James scivolasse dalla sua presa. Ashley era lì per prenderlo immediatamente. She started stroking his hard shaft with one delicate hand while she held the tip between her lips. James moaned into Mark's mouth as Ash sucked hard on the head of his cock, sending euphoric chills up his spine. He broke off the kiss so that he could focus on his gorgeous sister, who was now bobbing up and down his length. Mark didn't mind though; he had a beautiful woman sucking his dick too, and he was all too happy to enjoy the show. Jess stroked him vigorously with hard, fast pumps that drove him higher and higher with pleasure.

Mark didn't last much longer. Ecstasy filled his body and soul, and soon he was shooting a thick load onto Jess' small tits and groaning through his orgasm. The bubbly blonde scooped up some of Mark's cum with her finger and brought it to her lips to taste. "Mmm," she hummed, clearly a fan of the thin man's flavor. She cleaned herself of the mess as best as possible before standing and pulling Mark into a sloppy kiss, allowing him to taste his own cum. "C'mon," Jess said in a sultry voice after pulling away from his lips, "you're going to return the favor." She grabbed Mark by the hand and dragged him back toward the couch.

Still working her brother's cock lovingly, Ashley watched out of the corner of her eye as Jess sat on the edge of the sofa and spread her legs. Mark kneeled between them and lowered his face to the blonde's wet pussy and dove in tongue-first. Ash allowed James' cock to slip from her mouth. "Shall we join them?" she asked, looking up at her sexy brother, who grinned and nodded. James helped his sister to her feet before sharing a quick kiss with her. As the two walked over to the couch, James leaned down and spoke quietly to his sister.

"Not that I'm complaining, but why did you invite them over?" chiese

Ash stopped and whispered back, "It was Lilith's idea. She said you were gathering allies and magical energy – or something like that. She suggested I help you out by getting some of your friends together and surprising you."

"Woah, hold on. You talked to Lilith? How?" James was thoroughly surprised at this new development.

"I heard her voice in my head while I was at work, and when I directed my thoughts at her, she heard me. I didn't ask questions; this magic stuff is still way over my head, you know. Anyway, it was her idea to call up some of your 'sexual conquests' – her words, not mine – and help you collect some energy. Not a bad idea, if I do say so myself."

"No arguments here," said James.

"Didn't think so," said Ashley, winking. "Jess came over right away when I called, Mark too. I tried your other roommate, but he didn't pick up. Oh, and someone named Lindsay should be here soon; Jess called her after I explained the situation.

James raised an eyebrow. "Now, when you say, 'explained the situation,' what do you mean?"

Ash looked away and pursed her lips. "Well… I may have sorta, kinda… told them everything."

"Ashley!" James hissed at his sister, "Jess was in the loop, but Mark didn't know anything about me or Lilith! I was trying to keep it that way!"

"Well, sorry! He showed up because I told him it was a matter of life and death; he wanted to know more. I had to tell him something, and it all just sort of came out. I'm not good at keeping secrets, okay? And for the record, Mark seems to have taken it pretty well. He said it 'explained a lot' – whatever that means."

James looked over at his roommate, currently pinned between Jessica's legs, his mouth pressed against her vagina. He did seem rather content with the situation; maybe Ashley was right, and there was no harm in him knowing the full truth. James was going to have to tell him eventually anyway. "All right… I guess everything's fine," James admitted to his sister.

"Good," said Ash, "now c'mon." With that, she took her brother's hand and the two walked to the couch. Ashley pushed James down beside Jess and then climbed into his lap. Straddling the man, she reached beneath her and gave James' cock a few good pumps before pressing the head into her soft folds and slowly sinking down onto it.

She tossed her head back and moaned slowly as she lowered herself onto her brother's rigid manhood. "Goddd," she said "you feel so fucking good inside me." James would have to agree; his sister's pussy felt amazing wrapped around his hard cock, and his hips were already beginning to buck involuntarily, craving more of that marvelous pleasure. Their taboo fucking added another layer of forbidden desire to their already powerful lust, strengthening James' sexual aura and heightening their pleasure.

James grabbed his sister's toned ass in his hands and squeezed her tightly as he began to thrust his hips up into her. Beside him, Jess had begun convulsing and writhing in ecstasy. It seemed Mark was as adept at licking pussy as he was at sucking cock because, at that moment, the unmistakable energy of Jess' orgasm swept over James' senses and added to his reserves of magical power. His heart beat faster and his muscles swelled as his body welcomed the sexual energy. His own pleasure growing quickly, James felt his skin tingle and his balls tense, signaling the approach of his own climactic release.

But something was wrong. James' body felt heavy. His thrusts slowed and grew weaker, until he was barely moving at all beneath Ashley. His sister didn't seem to notice; her eyes were closed and her entire being was focused on fucking. She made up for the absence of James' power by rising and falling harder and faster on his cock.

But something was very wrong. James' body felt leaden and feeble – he couldn't lift a finger. Heartbeat slowing to a lethargic but even pace, his eyelids began to grow heavy. The world grew darker as his vision faded and his consciousness waned. James' head fell back against the couch, and the last thing he heard before a cold and unnatural sleep took him was his sister's shocked voice calling out his name.

Infinite darkness pressed down upon James from all directions. Losing track of time and space, his senses smothered by oblivion, he hurdled through pitch black nothingness. Moments ago he had been in the midst of passion and euphoria, and now there was only crushing hopelessness and icy despair.

The feeling of being lost in darkness was not unfamiliar to James; but this seemed somehow different to what he had experienced the time Lilith showed him a vision of her past. Back then, he had fallen asleep and been guided by his mistress' magic into her illusion. He'd never been forced into a state of unconsciousness like this. Was this also Lilith's doing? What was she planning?

James continued to fall through the void, waiting for a light at the end of the tunnel. Just when he began to wonder if there would be a light, it appeared. And just as quickly as oblivion had taken him, it returned James to his senses.

Something cold and hard pressed against James' body. No, he realized – he was pressing against it, and it was a marble floor. Relatively confident he knew where he was, James climbed shakily to his feet. A sweet and smoky smell greeted his nose. James opened his eyes, and light flooded his blurry vision. After taking a few moments to adjust, he was able to make out his surroundings.

A vast sea of white clouds hung over James' head, seemingly going on forever in every direction. Bright light pierced through the clouds, bathing the infinite dimension in a radiant glow. A hazy fog of sweet-smelling incense filled the space between earth and sky, wrapping around great gilded pillars that rose into the cumulus canopy above, supporting the sky like golden tree trunks. James' blind suspicions were confirmed: he was definitely in the Temple of Venus.

Turning where he stood, James scanned the area for any sign of his mistress. He didn't have to look far.

Perhaps one-hundred meters away, standing still and looking up into the clouds above, was Lilith. Long black hair flowed down her back as she craned her neck upward to watch the sky. Her large breasts rose and fell with her even breath. The long tail that protruded from the base of her spine just about the curve of her shapely ass flicked through the air behind her.

James called his mistress' name, but she didn't respond, so he began to jog over to her. While the distance was relatively short, it took James a surprising amount of effort to cross it. The air felt thin and his body still felt heavy, but he fought through it and ran to Lilith's side.

"Lilith!" James called as he approached. "What's going on? Why did you bring me here?"

The demoness didn't answer, and when James at last came to a halt beside her, panting heavily, she didn’t acknowledge him.

"Are- ha… are you all right?" he asked, trying to catch his breath. Why the hell did he feel so weak? James placed a hand on Lilith's shoulder, attempting to get her attention. Finally, the raven-haired woman turned and faced James, who nearly gasped at the look she gave him. Unfathomable pain and sadness were all James could see in the demoness' crystalline blue eyes. She stared her answer right into James' soul: no, she was not all right.

Lilith turned back to the sky, and James followed her gaze with his own eyes. He understood then what Lilith had been staring at. Directly above the pair, the sky was slowly parting. A crack formed in the infinite cloud layer that blanketed the realm, and a narrow rift opened up through which James saw, for the first time, the celestial ceiling of the Temple of Venus.

James had always imagined that beyond the clouds there would be a normal, blue sky. In that blue sky there must hang a warm sun, shedding its light and heat for those below to enjoy. But the sky James peered into now was anything but normal, and the source of the Temple's light was anything but warm.

Through the widening crack in the clouds, James saw into the heavens – and the heavens were black. Like the sky on Earth on a moonless night, the ceiling of the temple was perfect darkness. James could see forever into that endless void, but there was nothing to see. Because, unlike the sky on Earth on a moonless night, the sky in the Temple of Venus held no stars.

No stars, but one.

The singular point of radiance illuminated the vast halls of the Temple, but not the dark, distant sky. The star's cold, lonely light pierced through infinity to reach Lilith and James, and all it brought was a deep sense of foreboding.

"L-Lilith…" James stammered, unable to take his eyes off the ebony expanse of sky and the bright jewel that hung alone in it. "Lilith, talk to me. What's happening?"

A beautiful and sonorous voice, like a choir of angels, rang out softly and echoed through the Temple. The voice came from above – from the star. And though it sounded harmonious and lovely, the words it sang were laced with poisonous malice and cold anger.

"Go on, Lilith. Tell him what's happening," it said.

At that moment, an eerie wind began to blow. It swept away the perfume-scented haze and chilled James to his core. Lilith turned slowly back to James, tears streaming down her face. Agonizing fear and sorrow shone in her eyes, and she choked out two quiet words that chilled James more than any frigid wind ever could.

"She's back."

Storie simili

Una giornata nel bosco Capitolo 14

Bene, tutto - ecco l'atteso capitolo 14. Questa volta non ho elencato tutti i temi - spero che questa storia abbia un po' più di seguito ormai e quelli non sono necessari? Comunque... Capitolo 14 Paul tornò a casa più tardi quel pomeriggio. Ray se la stava cavando abbastanza bene. Gli ci sarebbe voluta una settimana per riprendersi completamente, se non fosse stato per le sue abilità da lycan ci sarebbero volute tre settimane. Paul sperava che Jess stesse andando bene quanto Ray. Entrò in casa e sentì Jess al piano di sopra. Salì le scale, guardò nella loro camera da...

414 I più visti

Likes 0

GIORNO STRESSANTE

PARTE 1 immagina di tornare a casa da una lunga giornata di lavoro, sei stanco e stressato, tutto ciò che potrebbe andare storto include essere in ritardo al lavoro, il tuo collega che ruba il tuo parcheggio, il tuo computer si è bloccato, il che ti ha fatto inviare gli ordini in ritardo, e poi qualcuno ti ha fatto a pezzi mentre tornavi a casa dal lavoro. arrivi a casa dove ti sto aspettando, apro la porta indossando solo la mia corta camicia da notte di seta azzurra con bordo in pizzo bianco, una vestaglia abbinata, un sorriso sfacciato. mi guardi...

2.8K I più visti

Likes 0

Le mie prime volte...

Ho parlato con Gary per più di due anni. La nostra relazione era iniziata online. Ha visto una risposta che avevo dato in una chat room e mi ha inviato un messaggio. All'inizio non sembrava interessante, ma più chiacchieravamo e più mi piaceva. Sono cauto per natura, quindi non ha avuto il mio vero nome per più di sei mesi, e anche allora solo il mio nome. A nove mesi gli ho dato il mio numero di cellulare e abbiamo iniziato a parlare al telefono. Dieci mesi ci hanno trovato a fare sesso telefonico regolarmente, cosa che avveniva principalmente nei fine...

2.1K I più visti

Likes 0

Morgan L.

Morgan L Morgan era seduta nella sua cucina adesso per la prima volta e cominciò ad avere dei dubbi, mio ​​Dio, pensava che avessi appena passato la notte a scopare due amici di mio figlio. Mi sono divertito da morire, ma i ragazzi parlano che non vorrei che Terry lo scoprisse. Vorrei rivederli, ma potrebbe diventare difficile quando Terry è a casa. Il suo telefono squillò e un pezzo grosso si avvicinò e lei rispose immediatamente, quello che Morgan non sapeva era che i suoi due nuovi amici del sesso stavano organizzando una gangbang con lei per sabato sera. Sabato mattina...

561 I più visti

Likes 0

Cornuto e moglie

Aveva un aspetto piuttosto semplice. O almeno l'ho pensato da lontano finché non ho visto i suoi profondi occhi verdi a mandorla. Mentre si avvicinava, potevo vedere le sue labbra a forma di arco leggermente rivolte verso l'alto. I suoi capelli erano neri come le piume di un corvo. È passata proprio davanti a me ed è entrata nel bar. I miei occhi seguirono il suo incredibile sedere mentre si dirigeva verso il bar e si sedeva proprio accanto a un uomo di colore molto bello e ben vestito. FANCULO! Mi sono seduto a pochi sgabelli da lei e dal suo...

1.2K I più visti

Likes 0

La casa adottiva

La casa adottiva Disclaimer: quanto segue è un'opera di fantasia. Pertanto, ho scelto di ambientarlo in un mondo in cui il controllo delle nascite è sicuro, efficace e disponibile al 100% e tutte le malattie sessualmente trasmissibili sono state sradicate. Nel mondo reale, alcune delle scelte che questi personaggi fanno sarebbero estremamente rischiose. Non comportarti come loro. La mascella di Michael cadde mentre fissava la donna nuda sul letto. Aveva visto donne nude sulle riviste, ma questa era la sua prima volta nella vita reale, e lei era altrettanto sexy delle professioniste delle riviste. Il suo corpo di quasi 30 anni...

1.1K I più visti

Likes 0

The House A Slave Addestramento e asta Capitolo 11 e 12

Capitolo 11 Padrona Liz Michael e Molly e Milton Mistress Liz-D mi dice che vuole parlarmi prima che cominci. D- Che cazzo ti prende? So che sei stato un po 'giù, quindi cosa succede? Liz- Penso di stare solo facendo i movimenti. Ciò di cui hai bisogno è una sessione difficile. So che ho solo bisogno di trovare il tempo e qualcuno, magari un passivo, che posso frustare e scopare forte. Non posso farlo con Michael forse uno dei nuovi una volta. Mi dice di prendere Milton ma di non ucciderlo. Michael e Molly entrano qui, inizieremo non appena arriva il...

894 I più visti

Likes 0

Ti costerà

Ti costerà Per anni io e mia moglie abbiamo scherzato su Ti costerà. È il nostro modo di prenderci in giro. Lo facciamo anche davanti ai bambini. Se mia moglie vuole che falci il prato o porti fuori la spazzatura, le dirò: Ti costerà e lei: Va bene. Poi mi allungo e le prendo la tetta dandole una piccola stretta o alzo la mia mano sulla sua gonna per sentire la sua figa ricoperta di mutandine. Di tanto in tanto mi dimentico di dirlo così mia moglie dirà: Quanto mi costerà? Ebbene, l'altro giorno ho offerto a mia figlia di quattordici...

3.9K I più visti

Likes 0

Teenage Mutant Ninja Turtles Fanfic Capitolo 2 - scusate è tardi

Di Hana M. Brimeck Chiudo la finestra, chiudo gli occhi, mi giro, ricado all'indietro e scivolo sul pavimento. Mi prendo un momento per riprendere fiato finché i miei pensieri non vengono interrotti da un brivido freddo. 'Ho bisogno di una doccia calda.' mi dico mentre finalmente mi rialzo dal pavimento con un gemito. Mi tolgo il maglione e il reggiseno bagnati, non come se stessero facendo molto per coprirmi comunque. Mi prendo un momento per toccarmi i seni tenendoli a coppa tra le mani in un futile tentativo di scaldarli. La mia gonna cade sul pavimento in un ciuffo bagnato, seguita...

747 I più visti

Likes 0

Un sogno per i campeggiatori

Un sogno per i campeggiatori L’inverno nel Michigan era stato lungo e rigido, così io e mia moglie decidemmo di allontanarci da casa per qualche settimana. Mi sono preso due settimane di pausa dal lavoro, ho caricato il camper, ho agganciato il camion e siamo partiti. Era primavera inoltrata quindi abbiamo deciso di andare a sud per goderci un bel tempo caldo. Mia moglie Miko viene dal Giappone, ha 40 anni, è alta 1,70 e pesa circa 120 libbre. Il suo seno non è grande, ma ha un bel corpo sodo e snello. Penso che abbia un corpo fantastico e sia...

423 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.