La Congrega Parte 1 - Reed_(1)

983Report
La Congrega Parte 1 - Reed_(1)

Canna

"AIUTAMI QUALCUNO AIUTI PER FAVORE!!!" urlò una giovane donna mentre veniva trascinata dentro dalla porta principale da un sorridente Jackson. La teneva per il collo mentre tutti nell'area del bar ridevano e sorridevano alla pietosa donna.

Era attraente, con i capelli biondi tinti tagliati in un caschetto disordinato e enormi occhi castani. Indossava una specie di uniforme, ma era talmente strappata che nessuno poteva distinguere con certezza cosa ci fosse scritto.

Andò nel panico, guardando tutti nella stanza, sperando che qualcuno la salvasse. Ma a nessuno fregava un cazzo.

Alcuni dei ragazzi più grandi stavano giocando a freccette vicino al bar. Gabriel essendo il più grande, stava ovviamente vincendo. Gli altri avevano paura di lui. Il suo amico Grant sorrideva e gli dava una pacca sulla spalla mentre riceveva un altro bersaglio; 15 di fila. Ma questo non era fuori dall'ordinario; poiché la nostra mira è molto più precisa di quella di un mortale.

"P-PER FAVORE!" urlò la donna mentre Jackson la lanciava in mezzo alla stanza. Era illuminato da una fioca striscia di luci rosse, che gli dava un'atmosfera fumosa, scura e lussuriosa. Giusto, immagino.
"Zitta puttana." le disse Jackson, afferrando le sue scarpe da ginnastica economiche e sfilandole.

Li gettò nel fuoco che era acceso nell'angolo, la sua precisione immacolata. Hanno iniziato a fumare, bruciando lentamente e poi sciogliendosi nella cenere.

Adesso vedo il suo distintivo, Brook. Si chiamava Ruscello. Era il distintivo di un'infermiera, e quando ho dato un'occhiata più da vicino, mi sono reso conto che la sua uniforme era un paio di camici strappati. Jackson l'aveva fatta a pezzi, c'erano grossi graffi su gambe e braccia, sangue che filtrava. Ma non sono stato il primo a notare il sangue, per niente.

"Cosa abbiamo qui?" Grant sorrise, scompigliandosi i ricci capelli castani. Si avvicinò dal bar al centro del pavimento, dove Brook giaceva terrorizzato.
"Un regalo." Jackson rispose, togliendosi i calzini della donna e accarezzandole la gamba sanguinante. Si allontanò, i suoi occhi castani enormi e spaventati. "Per la mia cara amica Minerva."

Ci fu un grido dal bar quando Minnie si alzò. Era bellissima stasera, come sempre. Aveva poco più di vent'anni quando si trasformò, immagino, il suo corpo era maturo ma il suo viso era ancora giovane.

La sua pelle era bianca come la neve e risaltava perfettamente contro i jeans neri attillati e il corsetto. Le sue scarpe alte facevano sembrare le sue gambe ancora più lunghe del solito, se possibile. I suoi lunghi capelli castani le scendevano fino alla vita in onde come seta mentre si alzava, era veramente bella.

"Per me?!" i suoi occhi azzurri si illuminarono. Jackson annuì. "Oh tesoro, non avresti dovuto!"
"Nessun problema torte per bambini." rispose, baciandola sulla testa mentre lei lo abbracciava. Anche con le sue gambe lunghe e i tacchi alti, non era ancora alta quanto Jackson.

Jackson si considerava il... capo della congrega, ma in realtà era come un bullo del liceo. Aveva amici e persone che non amava. Gli piaceva bere, giocare d'azzardo, uccidere e scopare. E questo era praticamente tutto.

La cosa peggiore era che poteva fare tutto questo. Donne e uomini cadevano nelle sue trappole così facilmente che era disgustoso. Ma stando a 6” 2 non era uno con cui scherzare. Aveva la pelle olivastra, capelli scuri un po' corti e una leggera barba incolta. I suoi occhi erano di un verde vibrante, enormi e intensi. Questo è stato in parte il motivo per cui ha ottenuto le donne così facilmente. Ma la cosa più importante era il suo corpo. Era perfettamente scolpito, addominali scolpiti e braccia e gambe muscolose. Di certo, non avrei scherzato con lui tanto presto.

Non ero inadatto o poco attraente, semplicemente non ero abbastanza stupido da sfidare Jackson. Voglio dire, ero Reed, lo studente universitario di 23 anni. In piedi a 5 "11 non ero un ragazzo enorme, ma non ero nemmeno piccolo. Ho i capelli castano rossastri, lunghi, ma sporgenti, pelle pallida e occhi grigio scuro. Ho i muscoli, certo, ma non li ho mostrati tanto quanto Jackson.

La mia attenzione è tornata su Brook mentre urlava. Jackson era chinato accanto a lei, tenendola a terra in modo che non potesse muoversi.
“P-PER FAVORE! Che cosa mi stai facendo! Ciao! Chiunque! Aiutami! Non vedi cosa stanno facendo! AIUTO!"

Minnie sorrise, le sue labbra rosso rubino si aprirono mentre si accovacciava accanto alla donna, dandomi una splendida vista del suo culo perfetto. Potevo vedere un accenno del suo perizoma di pizzo nero che spuntava dalla parte superiore dei suoi jeans, e mi mordicchiai il labbro mentre si appoggiava a un'ulteriore prefazione.

Ha iniziato a strappare i resti della parte superiore di Brooks e poi i suoi pantaloni, lasciandola solo nel suo generico reggiseno bianco e mutandine. Era magra, non magra, solo magra. Secondo me era una coppa B, niente di speciale.

Il sangue rosso era più visibile e ora più persone prestavano attenzione. I ragazzi del bar stavano tutti guardando attentamente, chiedendosi quale sarebbe stata la prossima mossa di Minnie. Alcune persone dalle altre stanze della casa erano entrate, chiedendosi cosa fosse tutto quel trambusto. Uno di loro è Casey.

Casey era la sorella minore di Jackson, e per 15 anni, dannazione, era attraente. Era piccola, circa 5 pollici e aveva lunghi capelli biondi spessi come lana, ma ovviamente molto più belli. Aveva la stessa pelle olivastra e gli occhi verde brillante, ancora una volta un'enorme attrazione. Era formosa, con una perfetta forma a clessidra. Aveva una vita piccola e sottile, ma enormi tette DD e un culo rotondo e sexy. Il fatto che indossasse un minuscolo tubino rosso senza spalline non aiutò gli uomini nella stanza a contenersi. Ma tutti sapevano che, se le avessero toccato un solo capello, avrebbero dovuto affrontare Jackson.

Minnie si mise a cavalcioni su Brook, sollevando un braccio e leccando via tutto il sangue.
"Va bene tesoro." sorrise. "Voglio solo giocare."
Brook la fissò, le lacrime le rigavano il viso.
"E quando ti ucciderò, mi assicurerò di farlo in fretta... ok?" La voce di Minnie si sciolse nell'aria come cioccolato.
“AWW! Dai piccola, facciamola soffrire! Jackson ridacchiò.
"PER FAVORE NO! Ho, ho un f-figlio!” singhiozzò. “Ho un bambino di quattro anni. C-suo padre se n'è andato. Ha n-bisogno di me! gemette. Mi è dispiaciuto per questa povera donna. Era disperata per la sua vita.

Minnie ha bloccato entrambe le braccia di Brooks mentre Jackson si alzava e si avvicinava al bar, versandosi da bere.
«Be'...» intervenne Minnie. "Potremmo arrivare a una sorta di accordo..."
"NULLA! Farò qualsiasi cosa! PER FAVORE!"
Minnie sorrise di nuovo, alzandosi e asciugandosi il sangue dai jeans.

Jackson si sedette al bar, ovviamente ora annoiato dalla sua piccola sciarada, lasciando che Minnie facesse ciò che desiderava. Ha iniziato a conversare con il barman Max, ma ero troppo interessato alla prossima mossa di Minnie per prestare attenzione ai suoi pettegolezzi.

"Togliti le mutande per questi adorabili uomini e donne qui." ridacchiò.
Brook ansimò, inorridito. “P-perché! TU DONNA PERVERTITA! NON MI SPOGLIERÒ DAVANTI A QUESTE PERSONE! COSA C'È CHE NON VA IN TUTTI VOI, PERCHÉ NON MI AIUTATE!!!”
Minni sospirò. “Va bene allora, pensavo che volessi vivere, ma ovviamente non lo fai. Immagino che dovrò solo tagliarti a pezzetti…”
"CHE COSA! NO!"
"È quello che pensavo."

Cambiai posizione sul divano, posando il libro sul tavolino. Ero direttamente di fronte allo spazio del pavimento dove si stava svolgendo l'azione e fingere di leggere era inutile ora.
"Posso sedermi?" chiese una vocina.

Alzai lo sguardo e vidi Casey che mi sorrideva.
"Ehm, sì, certo." Sorrisi, staccando le gambe e mettendole sul tavolino da caffè, facendole spazio per scivolare dall'altra parte del divano. La guardai mentre incrociava le gambe nude e mi sorrideva.
"Serata interessante?" chiese, indicando il mio libro.
"Sta diventando... intrigante." Lanciai un'occhiata a Brook, singhiozzando mentre si slacciava lentamente il reggiseno e lo lasciava cadere a terra.

"E' GIUSTO PICCOLA PUTTANA!" gridò Minni. "Aspetta... lascia che ti aiuti."
Si mosse lentamente, mettendosi di nuovo a cavalcioni su di lei, muovendo la bocca verso Brooks. Si infilò con forza la lingua in bocca, afferrando i suoi piccoli seni e muovendosi su e giù sulla donna.

Brook cercò di urlare, ma la sua voce era attutita dalla bocca di Minnie. C'erano grida e fischi di lupo da parte degli uomini in tutta la stanza, godendosi la vista, ma ad essere sincero mi disgustava. Non il fatto che fossero due donne, il fatto che Minnie stesse abusando e umiliando una povera donna innocente. Non che non l'avessi fatto prima, se lo dicessi sarei un ipocrita.

Minnie si allontanò, schiaffeggiando Brook in faccia.
"SÌ PICCOLA CAGNA!" urlò, scivolando giù per le gambe e strappandosi le mutandine in un colpo solo. Un piccolo ciuffo di capelli è stato rivelato, mantenuto, ma non rasato, e una piccola fessura tra le sue gambe.
“UGH! SPORCA ragazzina! Questo deve venire fuori!

Minnie tirò fuori un coltellino tascabile dalla tasca dei jeans e Brook urlò.
"PER FAVORE NO! NOOO!”
Minnie la teneva ferma con una mano vicino alla gola, assicurandosi che fosse seduta sulle sue gambe in modo che non potesse muoverle. Ha messo la lama del coltello sulla sua figa e ha tagliato verso l'alto, rimuovendo i capelli come una lama di rasoio. Ha mancato un paio di volte, tagliando la pelle e facendo urlare Brook dal dolore. Se pensava che fosse brutto, non sapeva in cosa si stava cacciando.

Improvvisamente inspirai una boccata d'aria quando sentii una mano scivolare sulla mia coscia coperta di jeans. Casey mi stava sorridendo, i suoi enormi occhi color smeraldo invitanti e giocosi. Posò l'altra mano sulla mia felpa nera, tirandola leggermente.
"Canna?" borbottò, le sue perfette labbra rosa invitanti e deliziose.
Annuii, spalancando gli occhi.
"Sono stufa di questo..." sbadigliò, facendo scivolare la mano su e giù per la mia coscia.

Abbassai lo sguardo, il suo vestito minuscolo le abbracciava forte i seni, coprendole a malapena il sedere. Si infilò di nuovo la mia felpa con cappuccio, inclinando la testa verso la mia.
“Vuoi... venire nella mia stanza? Voglio dire, parli francese, vero?
Ho annuito di nuovo. “Vedi, Samuel mi sta insegnando il francese al momento ed è COSÌ difficile. Faccio DAVVERO schifo. ridacchiò del suo gioco di parole fatto da sé. "Ho bisogno dell'aiuto di qualcuno con cui posso relazionarmi che sia... esperto."

Mi ha stretto la gamba e io mi sono morso il labbro. I miei occhi saettarono su Jackson, che era immerso in una conversazione. Praticamente tutti gli altri erano paralizzati da ciò che accadeva nel mezzo della stanza. Minnie sembrava tagliare a caso parti delle braccia e delle gambe di Brook, leccandole e facendole pizzicare per l'acido dell'alcool sulla sua lingua.

“C-certo. Voglio dire, sì. C-ecco di nuovo la tua stanza? Voglio dire, questa è una casa DAVVERO grande. riuscii a borbottare.
"Ti ci porto io... all'ultimo piano." sorrise innocentemente, prendendomi la mano tra le sue.

Ma prima che me ne rendessi conto, se lo mise sulla coscia nuda, guidandolo su e giù. Era così morbido, come la seta. Rabbrividì per l'eccitazione, guidando lentamente la mia mano sempre più in alto sulla sua gamba, poi all'interno fino all'interno della coscia.
"Cas-" ho provato a lamentarmi. Voglio dire, chiunque potrebbe guardare. Fortunatamente, non lo erano.
"NO. Farai quello che dico. lei sorrise. Guidando le punte delle mie dita sempre più vicine in modo da poter sentire a malapena qualcosa tra le sue gambe... inzuppate, bagnate, di pizzo.

"F-per me?"
Lei annuì, spostando la mano sul mio inguine. Ero così eccitato che avrei potuto succhiare un carico lì e poi. Era una tale fottuta presa in giro! Ma poi mi sono ricordato, non solo era la sorellina di JACKSON, era anche una ragazza di quindici anni. QUINDICI!

“No, Casey, non possiamo farlo. È sbagliato. Hai quindici anni, io ho 23 anni! E Jackson mi ucciderebbe, letteralmente.
Fece il broncio e si allontanò leggermente da me, mettendosi le mani in grembo mentre le mie si ritiravano per afferrare il fondo del divano.

"Canna. Sei stato un vampiro... quanti anni? E io e mio fratello... beh, siamo qui da più tempo di te, quasi 300 anni. Quindi quindi... sono più vecchio di te. Sono una donna anziana! Non un bambino!
"Ma lo so, è il fatto che sei nel corpo..." Abbassai lo sguardo, diventando per un attimo erezione. "Di un'adolescente, e questo è semplicemente sbagliato nella società di questi tempi."
"Non sono vergine." ha dichiarato.

Alzai lo sguardo nei suoi begli occhi mentre sorrideva.
«Nemmeno io, quando sono stato trasformato. In effetti, ho perso la verginità con l'uomo meraviglioso che mi ha trasformata... beh... È STATO uno stupro, ma chi se ne frega. Avevo 15 anni e da allora ho scopato MOLTE persone. Sono più vecchio di te di duecento anni, e quindi ho il sopravvento in questa situazione.
"Hai mai trovato il ragazzo?"
"Che cosa?" Sembrava confusa.
«Il tizio che... ti ha violentata e poi ti ha trasformata. L'hai mai trovato? le chiesi, sapendo cosa gli avrei fatto se fossi stato nella sua posizione.
"Sì..." si trascinò per un minuto, prendendo un bicchiere di vino dal tavolino. Non mi ero nemmeno accorto che lo stesse bevendo prima. "E io l'ho ringraziato."

Questo mi ha scioccato. È stata ferita, violentata, uccisa, a soli 15 anni. E poi dato un'orribile vita immortale di massacro. Come poteva ringraziarlo per il male di una vita da vampiro?
"Perché?"
“Perché ora posso avere qualunque cosa, chi voglio. E posso avere queste cose e queste persone, per tutto il tempo che voglio. Perché posso averli per sempre. E so che sembra monello e infantile, ma ho sempre voluto essere una principessa. E ora lo sono, e amo la mia vita.
"E cosa ha fatto Jackson?" chiesi impaurito.
«Oh, ha ucciso il bastardo. Mi ama moltissimo ad essere onesto.

Questo non mi ha scioccato minimamente. Tipico Jackson per uccidere un ragazzo che ha violentato e ucciso la sua bellissima sorellina Cassandra. Ma ora, 300 anni dopo, era vestita come una donna adulta sexy, fottutamente dio sa chi, e cosa stava facendo... trasformando gli umani in marionette in modo che i suoi amici potessero ridere.

Lei sospirò, voltandosi verso di me. “Questo mi ricorda che è meglio sbrigarsi prima dell'alba. Perché non vorrà vederci andare a letto insieme quando tutti andranno nelle loro stanze. mi ha dato una pacca sul braccio.
«Ti aiuterò con il tuo francese e poi andrò nella mia camera da letto. Questa è una villa alla periferia della città Casey, penso che tutti dovrebbero approfittare del fatto che hanno la propria stanza. E ho cose che devo recuperare.
Lei annuì, sapendo che avrebbe trovato un modo per tentarmi quando saremmo saliti di sopra.

Ho guardato il pavimento al centro della stanza. Adesso Minnie stava guardando Grant che si scopava la povera donna sanguinante. E siccome i vampiri hanno la capacità di muoversi più velocemente di qualsiasi mortale, questo stava seriamente danneggiando le sue viscere.
“UGH! UGH! UGH!" Grant grugniva mentre scopava la donna a velocità super. I suoi vestiti ora non si vedevano da nessuna parte...

Jackson stava ancora chiacchierando con Max di cose casuali; spaccio di droga e altre stronzate. Questo aveva attirato l'attenzione di Gabriel, poiché era nel mestiere, ed era seduto con gli uomini, bevendo una bevanda estremamente forte. Potevo sentirne l'odore dal mio posto sul divano, ma non riuscivo a capire cosa fosse.

Ho preso la mano di Casey, mentre si alzava, camminando verso la porta aperta. Superammo uomini e donne che applaudivano, odorando di sangue, alcol e sesso. Ma tutto andò meglio quando entrammo nel fresco corridoio.

Ho seguito Casey su per la grande scala a chiocciola, girando e girando e girando. Quando siamo arrivati ​​al terzo piano mi sono quasi fermato per andare nella mia stanza, poi mi sono reso conto che stavamo andando nella sua. Non ero mai stato oltre il terzo piano, quindi mentre salivamo mi emozionavo sempre di più.

Quando siamo arrivati ​​in cima, non ero stanco, più curioso.
"Eccoci qui." sorrise, indicando un piccolo corridoio. Dovevano esserci sei porte. Tutto conduce alla fine, una GRANDE doppia porta, realizzata in spessa quercia. La settima porta. La porta dei re.

Oltrepassammo una porta sulla sinistra, scoprendo che la sua era la seconda.
"Dopo di te." disse, premendo sulla porta mentre si apriva lentamente.

Sono rimasto sorpreso quando siamo entrati. La sua stanza era molto, molto più grande della mia, quasi quattro volte in effetti. Ma non era quello che mi aveva scioccato. Era il fatto che la sua era molto simile a una tipica camera da letto per ragazze adolescenti.

Aveva un grande letto matrimoniale sulla parete di fondo, una toletta, con tanti profumi e spazzole e prodotti per capelli. Aveva ENORMI armadi pieni di vestiti e disegni pieni di scarpe. Aveva poster di band e artisti che le piacevano. Scaffali di libri, una scacchiera, tappeti, orsacchiotti, specchi. Aveva persino una scrivania del computer, con un laptop, e la sua pagina Facebook in alto. Un vampiro... con facebook? L'intera stanza era dipinta di un viola intenso, ovviamente... senza finestre.

Sorrisi mentre accendeva una fila di luccicanti luci fatate sopra il suo letto di quercia. Si sedette e si tolse le scarpe, prendendo un libro francese.
"Buongiorno signore. Ca va?
Mi sono seduto accanto a lei, prendendole la mano tra le mie e baciandola. Ridacchiò, proprio come un'adolescente. E qualcosa in questo suo lato giovane mi ha fottutamente eccitato.

Sempre con un accento francese sussurrò in modo molto sensuale: "È per me?" indicando la mia palpitante erezione. Mise lentamente la mano sul rigonfiamento dei miei jeans e io rabbrividii.
"Oh cazzo, saltiamo la merda francese!" Ringhiai, sentendo la bestia del mio vero io accendersi dentro di me.
"Ooh piccola, speravo che lo dicessi!"

Corse alla porta, chiudendola a chiave, prima di tornare a sedersi accanto a me sul letto. Ho dato un calcio alle mie converse e l'ho spinta giù, facendola scivolare in modo che fosse nella direzione giusta sul letto, i suoi piedi toccassero la pedana.

Mi sono messo a cavalcioni sul suo splendido corpo, prendendole la testa tra le mani e tirando il suo viso verso il mio. Lentamente, premetti le mie labbra sulle sue e l'elettricità mi attraversò. All'improvviso, le mie zanne sono spuntate, ero troppo eccitato, non potevo farci niente. Ha rilasciato anche il suo e sembrava ancora più sexy.

Ho sentito le sue mani graffiare i miei vestiti, togliermi la felpa e strapparmi la maglietta bianca da sotto. Fece scorrere le dita sui miei addominali e sulla mia pelle pallida, sorridendo. Poi mi ha tirato giù i jeans, sollevandomi leggermente il sedere per sfilarmeli del tutto, poi i calzini. Quindi ero seduto sopra di lei nei miei boxer neri attillati.

"Oh sì piccola, sembri così fottutamente sexy!" strillò.
L'ho strappata da sotto di me, mettendola con la schiena contro la testata del letto e strappandole il vestito, era a pezzi sul pavimento.

La mia bocca è caduta. Le sue belle, enormi, sode tette DD rimbalzavano liberamente davanti ai miei occhi. Solo nel suo perizoma nero di pizzo, ho dovuto mordermi la mano per impedirmi di venire lì e poi. Trasalii davanti ai due buchi che avevo fatto nella mia mano, sapendo che sarebbero stati guariti e spariti in pochi minuti.

Ho premuto la mia bocca sul suo capezzolo destro, la mia mano si è allungata per afferrare e stringere l'altro seno mentre succhiavo forte questo. Gemette al tocco della mia bocca bagnata contro i suoi capezzoli ora duri.

Potevo sentire la sua mano scivolare giù per afferrare il mio cazzo dolorante attraverso le mutande, CAZZO ero così eccitato. Con l'altra mano premette il mio viso più forte e più forte sul suo seno, rendendomi ancora più desideroso di darle piacere. Gemetti contro il suo capezzolo mentre lei accarezzava sempre più forte, mordendolo e picchiettando la punta con la mia lingua danzante.
"SÌ PICCOLA! SÌ! Cazzo sì! urlò, usando entrambe le mani per tirarmi giù i boxer.

Mi scostai dal suo seno, sedendomi sulle ginocchia sul letto in modo che potesse togliermi più facilmente le mutande. Quando mi ha liberato con successo, è rimasta a bocca aperta mentre la mia erezione di 8 pollici si stagliava di fronte a lei.
“Oh baby…” sorrise, accarezzando lentamente la testa con le sue mani morbide e belle. "Lo voglio. Posso averlo? Pwetty per favore. fece il broncio, le minuscole zanne che spuntavano come piccoli triangoli bianchi sul labbro inferiore.

Non le ho risposto, semplicemente abbassando la sua testa verso il mio cazzo. Lei non ha lottato. Lentamente fece rotolare la lingua lungo la testa rosa pulsante, mandandomi brividi in tutto il corpo. La volevo male.
"SUCCATELO PUTTANA DEL CAZZO!" urlai, afferrandole i capelli biondi e avvicinandole la testa.

Lei non rispose, più strillò per l'eccitazione, mentre prendeva la testa nella sua bocca calda e umida. Lentamente la sua testa ondeggiava su e giù sul mio grosso cazzo duro mentre faceva scivolare la lingua lungo l'asta, giocando con le mie palle nella mano libera. Gemetti mentre lei spostava sempre di più la mia erezione nella sua piccola bocca, riempiendola completamente finché non fu costretta a prendermi in gola.

"SÌ!" Ho urlato, gemendo e grugnendo ad alta voce mentre mi dava piacere in modi che non avevo mai provato prima.
Adesso si muoveva più velocemente, andando su e giù, prendendo tutto il mio cazzo. Anche i suoi seni si muovevano su e giù, facendomi desiderare ancora di più di toccare il suo corpo liscio e seducente.

Ma non avevo tempo, lo sentivo arrivare. Il fluido si stava accumulando dentro di me, lo sperma acido di un vampiro. Lo sperma del vampiro non è lo stesso di quello di un maschio umano. È più intenso, caldo da morire e arriva in quantità molto maggiori. Brucerebbe le viscere di una donna mortale e le pungerebbe la bocca con un sapore bruciante.

Casey mi stava dando piacere a velocità vampiriche adesso, più veloce che poteva, apparendo come una sfocatura. Mi sentivo stringere le palle mentre urlavo in estasi.
"DIO! O SI! OH DIAVOLO DEL CAZZO! SÌ! SÌ! SISSSSSSSSSSS!” Gemetti mentre enormi quantità di liquido schiumoso schizzavano dal mio cazzo nella bocca avida di Casey.

Quando mi sono fermato, dopo diversi minuti di uno degli orgasmi più intensi della mia vita, sono caduto all'indietro sul letto, colpendo la pedana con la testa. Ero troppo stanco anche solo per muovermi, quindi sono rimasto sdraiato lì, coperto di calore, sudore e sperma.

Potevo sentire Casey ingoiare l'ultimo del mio sperma, leccandolo tutto dalle sue lenzuola. Ridacchiò, scivolando giù dal letto accanto a me, appoggiando la testa sul mio petto nudo mentre la cingevo con un braccio.
"Hai un sapore così buono." sussurrò, aprendo la bocca per farmi vedere le ultime gocce di sperma. Ma non ho guardato. Tenevo gli occhi chiusi, pensando alle cose che avrei fatto in quel momento.

Molto probabilmente sarei andato di sopra, perché non avrei voluto guardare la sequenza finale dello spettacolo erotico nella stanza principale. Quella donna sarebbe già morta, a meno che non la mungessero per il suo sangue, in tal caso durerebbe un altro paio di giorni al massimo. Allora leggevo il mio libro, andavo al computer, suonavo il pianoforte, stancandomi lentamente fino all'arrivo del mattino. E poi entravo nel mio caldo letto matrimoniale, baciavo la foto della mia sorellina della buonanotte e dormivo tutto il giorno.

"Sei ancora duro lo sai." disse Casey con la sua voce dolce, toccando l'estremità del mio cazzo che perdeva. "E non abbiamo ancora fatto l'amore, non è giusto se ottieni tutti gli orgasmi."
"Lo so, lo so." risposi, accarezzandole la testa con il pollice.
"Sarò gentile con te piccola." Mi ha baciato il petto, usando la lingua per leccare su e giù il mio stomaco, sopra la mia confezione da sei e di nuovo verso l'alto. Rabbrividii mentre la sua lingua rotolava sul mio capezzolo, bagnata, calda e appiccicosa.

Mi sono seduto ed è stata LEI a cavalcioni su di me questa volta, mettendo le sue tette all'altezza del viso. Questa volta le ho succhiato il capezzolo sinistro, mettendo una mano sulla sua schiena nuda, spingendola più vicina e una mano sul suo seno sinistro, stringendolo per tutto ciò che valeva.
"Sì sì sì. Esatto piccola, proprio lì. Mmm. O si." borbottò, chiaramente divertendosi mentre muoveva i fianchi in avanti e indietro sul mio inguine.

"ASPETTARE." dissi allontanandomi. Sembrava confusa, ma l'ho rassicurata con gli occhi, togliendole le mutandine di pizzo nero per rivelare una bella figa senza peli. C'era una fessura rosa tra le sue bellissime cosce, e l'ho allargata per rivelare le sue grandi labbra gonfie.

Ecco cosa mi piaceva, una vera donna, con una vera figa. Non perfettamente simmetriche o tutte infilate dentro. Una donna con una bella fica e che clitoride enorme aveva. Sorrisi, accarezzandolo con l'indice. Rabbrividì, mordendosi il labbro inferiore.
"Il tuo bel." Ho sussurrato.
"Grazie Redo."
"Vuoi fare l'amore?"
"Sì grazie." ridacchiò.

E con ciò ho messo le mie mani sul suo bel culo rotondo, una su ciascuna guancia, tirandola verso l'alto. Poi ho allineato la testa del mio cazzo con la sua apertura, lasciandola scivolare su di me.

Entrambi gememmo nello stesso momento in cui lei scivolò giù, riempiendo tutta la sua figa con il mio cazzo. Era così stretta, calda e bagnata. Ci siamo baciati per qualche minuto, dondolandoci dolcemente avanti e indietro mentre si abituava alle dimensioni del mio cazzo dentro di lei.
"Mmm" gemette nella mia bocca, spingendo le sue belle, grandi tette contro il mio petto.
"Si Bella. Vuoi andare più veloce?" mormorai tra le sue labbra.

Lei si limitò ad annuire, muovendosi su e giù sul mio cazzo duro come una roccia. Andava sempre più veloce, facendomi scivolare forte contro le pareti della sua figa bagnata. Entrambi gememmo per un po' di tempo, mentre dondolavamo a velocità vampiriche. Sesso che solo due vampiri potrebbero mai avere.
La sentivo raggiungere l'orgasmo e non ero lontano. Anche se dieci minuti fa avevo spruzzato un enorme carico, ora ero pronto per un altro. La sua figa iniziò a irrigidirsi, il respiro affannoso mentre il suo climax si avvicinava.
“Mmm! Tesoro, sto per venire. Verrò su tutto il tuo grosso cazzo grasso! SÌ! SÌ!" gemette di piacere.
"UGH!" Mi sono lamentato, questo è stato davvero intenso.

Mi martellava su e giù, il suono del suo culo che schiaffeggiava contro le mie cosce forte e bagnato. Tutto il suo corpo tremò per un minuto, prima che lei urlasse per l'orgasmo, lasciando che i suoi succhi di figa scorressero lungo il mio cazzo stretto.

Questo è stato sufficiente per farmi partire. Di nuovo potevo sentire la fretta, il calore dentro di me. Sono diventato leggero mentre il sudore mi colava sulla fronte. Tutto il mio corpo era lucido per l'umidità, e anche quello di Casey. I ringhi mi squarciarono le zanne mentre ringhiavo, afferrandole il sedere così forte che le mie unghie vi affondarono dentro, facendolo sanguinare.

Urlava di dolore, i suoi occhi enormi e verdi, ma non mi importava.
“C-cosa sta succedendo... Reed? CANNA! I tuoi occhi, sono bianchi! Dove sono i tuoi allievi! CANNA!" urlò, cercando di staccarsi da me, ma io la tirai più forte, più vicina. L'ho scopata così dannatamente forte che ha urlato così forte che tutti nel fottuto edificio l'hanno sentito.

Affondai i canini nel suo capezzolo sinistro, sentendo il sangue rosso fresco che mi scorreva in bocca. Ha urlato di nuovo, spingendosi nel mio corpo, desiderando che la prendessi tutta. Ho succhiato ferocemente la sua tetta, senza mai smettere di scopare, e alla fine è stato tutto troppo da gestire.

Carico dopo carico di sperma caldo e schiumoso le riempì il corpo, correndo giù per il mio cazzo e fuoriuscendo dalla sua figa stretta. I miei occhi erano ancora strabuzzati e non riuscivo a vedere nulla, sentivo solo l'intensa passione e lussuria del mio corpo dentro il suo. Ringhiai di nuovo, questa volta artigliandole la schiena, squarciando la sua morbida pelle.

Lentamente mentre tornavo, mi resi conto che Casey era svenuto sopra di me, il mio cazzo semiduro ancora dentro di lei. Ma questo non mi dispiaceva minimamente. Ho tirato su entrambi le lenzuola inzuppate cremisi, io sdraiato contro la pedana, con lei accasciata su di me. I nostri corpi nudi avvinghiati, caldi, bagnati, sudati, macchiati di sangue, macchiati di sperma e di puro piacere.

Sdraiato lì, mi sentivo più a casa di quanto non mi sentissi da anni. Mi sentivo così tranquillo. Dopo la furia di una tempesta, stavamo salpando verso spiagge calme e sabbiose. E poi, ho chiuso gli occhi e mi sono lasciato andare, in un sonno sereno e tranquillo.

Storie simili

IN PALESTRA_(1)

Uno dei vantaggi dell'azienda per cui lavoro è l'appartenenza alla loro palestra. Mi alleno 3-4 volte a settimana dalla nascita della nostra bambina. Mi ero preso un giorno libero per portare la nostra bambina dal dottore per un controllo. Andava tutto bene mentre ci dirigevamo verso la casa di mia madre. Sentivo che avevo bisogno di un po' di tempo da sola, così ho chiesto a mia madre di tenere Heather tutta la notte. Bruce era fuori città per lavoro, quindi ho programmato un film tranquillo a casa. Anche la mia collaboratrice Susie si è allenata nella stessa palestra. A mia...

3.8K I più visti

Likes 0

Giorni nel dormitorio-Parte 1

Beh, vivo in un dormitorio universitario, quindi puoi immaginare che vedo, sento parlare e faccio MOLTO sesso. Non sono mai stata una puttana ma apprezzo il corpo maschile. Una delle mie scopate preferite è avvenuta durante il primo mese di college con il mio migliore amico, Mike. Sono amico di lui fin dal primo anno del liceo e la nostra amicizia è una cosa che apprezzo molto. Sono venuto al nord (nella California settentrionale dalla California meridionale) per andare a scuola nell'agosto dello scorso anno. Ero piuttosto sola nel mio dormitorio dato che non avevo un compagno di stanza, così ho...

558 I più visti

Likes 0

Il nuovo inizio di Sarah, parte 3

Mi misi l'impermeabile e andai allo specchio da toeletta. Un'ondata di energia mi attraversò il corpo mentre mi guardavo allo specchio in piedi nudo con indosso il cappotto e le mie calze nere e nient'altro. I miei capezzoli erano eretti e teneri e mi sentivo come una donna sensuale e sexy, l'intera immagine era così erotica. Andai in ufficio e presi solo le chiavi dell'ufficio e tornai a sedermi ad aspettare la limousine con Lance e Michigan. Dopo qualche minuto il telefono di Lance squillò e ci alzammo e uscimmo dall'ufficio, questa volta ho controllato la porta per assicurarmi che fosse...

2.7K I più visti

Likes 0

QUANDO TI DIVERTI

Mi sono sempre piaciute le donne ispaniche. C'è qualcosa in loro che è molto esotico ed eccitante. Forse è una specie di fuoco latino; Forse è il dolce colore della loro pelle scura; i loro occhi scuri... qualcosa ... qualunque cosa ... Mi eccitano! Quindi non sorprende che i miei occhi siano attratti dal dolce scuro giovane e snella senorita seduta davanti a me. sono stato guardandola, di tanto in tanto, da quando siamo partiti. Volo notturno, New York City a Los Angeles, su un aereo pieno solo a metà. Tanti vuoti i sedili ei passeggeri si sono sparpagliati, lasciandone tanti...

914 I più visti

Likes 0

ECONOMIA DOMESTICA_(0)

Andrea Patterson ha controllato la sua agenda giornaliera e ha tirato fuori la cartella di Millie Evans. Lo aprì e lo esaminò rapidamente, prendendo alcuni appunti su un blocco note giallo che aveva sulla sua grande scrivania. Millie era una brava studentessa con una personalità piacevole e sembrava che stesse andando bene in questo suo ultimo anno. Qualcuno bussò alla porta e Millie entrò nell'ufficio di Andrea e si sedette di fronte alla scrivania. Ho appena esaminato i tuoi record e sembra che tu stia andando molto bene al liceo, intonò la signora Patterson, posso attestare il fatto che nella mia...

821 I più visti

Likes 0

Fiaba degli sport sanguinari cap. 3

Innanzitutto lasciatemi scusare profondamente per l'incredibilmente lunga attesa tra il capitolo precedente e questo. Tutto quello che posso offrire come scusa è che la vita può essere davvero un’amante crudele. Non molto tempo dopo aver iniziato a lavorare su questo capitolo, il mio computer si è bloccato e ha portato via tutto il mio lavoro, perché sono un analfabeta informatico al limite e concetti semplici come antivirus e backup dei dati mi sfuggono continuamente. E visto che sono ancora piuttosto lontano dal mio obiettivo finale di autore/playboy sporco e belligerante, solo di recente sono riuscito a racimolare abbastanza soldi per rimpiazzarlo...

540 I più visti

Likes 0

Spingere i confini.

Sono stato sposato con Tina per 3 anni. Fin dall'inizio mi ha sorpreso con i giochi che ha giocato. All'inizio stavo semplicemente entrando nel salone nuda sapendo che non importa a che ora del giorno o della notte mi sarei subito arrapato e l'avrei scopata. Lo fa a volte quando la TV era accesa e io stavo guardando il mio programma televisivo preferito. Ha detto che voleva vedere se per me significava più di uno stupido programma televisivo. Solo per assicurarsi che fossi distratto, insisteva che mi sdraiassi sul pavimento e si sedeva sulla mia faccia così non potevo vedere nient'altro...

3K I più visti

Likes 0

Brani della mia vita

Estratti della mia vita -- Adolescente travestito Mi chiamo Melvin o Mel in breve tranne quando mi vesto da ragazza e poi sono Melani. Ho 14 anni dal vivo con la mia mamma single e mi godo le mie estati perché non ho altro da fare se non perseguire la mia passione, il sesso. Ci sono tre cose che mi piace fare e non posso dire di preferire l'una o l'altra. Amo la sensazione di un cazzo duro nelle mie mani e nella mia bocca; Adoro sentire una figa calda e bagnata che mi afferra la lingua e adoro vestirmi come...

3K I più visti

Likes 0

Escursionismo

Mia sorella ed io amavamo la vita all'aria aperta e passavamo sempre del tempo fuori. Abbiamo trascorso molto tempo a programmare un viaggio per fare escursioni nella foresta e accamparci per qualche notte. Ci siamo preparati per molti giorni e abbiamo preparato tutte le nostre cose. Siamo partiti la mattina presto e abbiamo camminato per gran parte della giornata, quindi ci siamo fermati e abbiamo pranzato. Dopo aver acceso un fuoco e aver pranzato, siamo ripartiti. Verso le 5 ci siamo fermati per la notte. Sono andato a caccia mentre mia sorella ha allestito il campo. Ho sparato ad alcuni scoiattoli...

2.3K I più visti

Likes 2

Andando avanti - Capitolo 3

Andare avanti capitolo 3 Il tempo sembrava congelato. L'espressione di shock e orrore sul viso di Evelyn era giustapposta ai resti bagnati del mio sperma sulle sue guance e sul suo mento. Il mio cazzo è caduto dalla mia mano e la mia testa sembrava muoversi attraverso la melassa mentre si girava lentamente verso l'ingresso del bagno. Sembra che voi due abbiate combinato un sacco di cose, disse il signor Clark con nonchalance con un leggero sorriso, guardandosi intorno al bagno come se cercasse altri membri del nostro piccolo gruppo. Mi chiedevo dove fossi scomparso per così tanto tempo. Seguì un...

1.4K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.