Il ragazzo incontra storie che cambiano l'uomo |Atchy|

1.3KReport
Il ragazzo incontra storie che cambiano l'uomo |Atchy|

I suoi occhi si spalancarono mentre la presa della sua mano sul suo membro pulsante era finalmente diventata troppo forte. Pantaloni bassi ma frenetici gli uscirono dal petto mentre guardava l'organo molto eretto tra le sue mani. Un piccolo sorriso accalorato gli apparve sulle labbra mentre la sua mano destra era avvolta così bene attorno ad esso, la mano sinistra gli stringeva forte le palle. Si morse un po' il labbro, la pelle leggermente ammaccata nel punto in cui i suoi denti entrarono in contatto, la pelle lungo tutta la parte inferiore degli addominali e il bacino formicolante di pelle d'oca. La sua testa piena di capelli rossi leggermente ricci che premevano contro il cuscino mentre iniziava a sparare felicemente il suo carico lungo il petto. Il suo corpo finalmente si aprì e si appoggiò contro il cuscino. Questa cosa della masturbazione di cui gli aveva parlato suo fratello maggiore Ricky era incredibile, Atchy avendo solo 13 anni non l'aveva fatto più di due volte.

Un giorno Atchy stava camminando felice lungo il corridoio della casa della sua famiglia. Erano circa le nove quando sua madre spegneva sempre la televisione e lo mandava a letto. Lasciò leggermente che la punta delle dita strisciasse lungo il muro mentre viaggiava, uno strano grugnito si levò dalla piccola apertura nella porta di suo fratello. Atchy si fermò e girò lentamente i piedi per indicare la porta appena alla sua sinistra, una mano appoggiata sullo stipite della porta e l'altra sul retro della porta. Ricky era seduto contro lo schienale della sedia, una delle sue mani gli stringeva forte il capezzolo e l'altra si muoveva più velocemente di quanto Atchy potesse credere. I suoi occhi si spalancarono quando improvvisamente si rese conto che c'era uno strano profumo nell'aria che gli faceva arricciare il naso, ma una strana pressione si accumulava nei suoi pantaloncini scozzesi. Abbassò lo sguardo e vide che il suo giovane membro aveva iniziato a indurirsi, emise un piccolo respiro tremante mentre guardava di nuovo suo fratello. A questo punto Ricky era rivolto di lato ora, accarezzando il suo cazzo duro di diciannove anni verso il suo letto. "Oh.. Cazzo sì.." Respirò quando una mano si abbassò per sembrare scomparire tra le sue gambe che tremavano forte, gemette aspramente mentre il suo sperma schizzava come un razzo sul suo petto. Atchy schizzò verso l'alto e andò a sbattere contro la porta, mentre suo fratello girava la testa per vedere cosa c'era; il che fece correre Atchy nella sua stanza e sbattere la porta. Quella notte suo fratello è entrato nella sua stanza e gli ha detto di non dare di matto lo fanno tutti e gli ha spiegato tutto.

Emise un leggero sospiro mentre si faceva la doccia e si rivestiva, disegnando leggermente al tavolo della cucina. Lo zio Pat sarebbe venuto per la notte e avrebbe guardato Atchy per un paio d'ore mentre suo fratello ei suoi genitori uscivano per fare cose separate. Atchy odiava essere sempre escluso per una ragione o per l'altra, e protestò gravemente dicendo che ormai era abbastanza grande per badare a se stesso. Ma i suoi genitori erano yuppies paranoici che non avrebbero voluto niente di tutto ciò, non avrebbero mai lasciato Ricky da solo fino all'età di sedici anni e Atchy non sarebbe stato diverso. Rimase seduto lì a disegnare mentre suo fratello se n'era già andato, i suoi genitori uscivano dalla porta. "Pat sarà proprio qui, non sarai solo nemmeno un minuto." Loro annuirono ed entrarono nel garage, poteva sentire la porta aprirsi cigolando. Con un lieve arricciamento del naso in segno di disapprovazione posò la matita e corse in soggiorno, saltando oltre lo schienale del divano per atterrare con un tonfo. Sorrise e accese la televisione che impiegava sempre un momento per accendersi, si stava guardando i pantaloni mentre si riscaldavano. La sua mano destra scivolò per massaggiarsi leggermente l'inguine, premendo pesantemente ma muovendosi molto lentamente. Alla fine la tv si è accesa ed era un film d'azione che suo fratello aveva lasciato prima di andarsene, Atchy si strinse nelle spalle e lo guardò. La porta si aprì, non si preoccupò di voltarsi, sapeva chi era. "Ehi piccolo uomo..." disse lo zio mentre si sedeva sul divano accanto a lui. "Ehi zio.." Sospirò mentre la sua mano stava ancora lavorando rudemente sui suoi pantaloni, gli occhi di Pat si aprirono un po' quando se ne accorse.

Un sorriso compiaciuto si riempie sul suo viso mentre era già duro solo sapendo che sarebbe rimasto solo con suo fratello per così tanto tempo. La sua lingua gli scivolò fuori dalle labbra per sfiorarle mentre guardava avidamente il ragazzino. "Tu.. Ti stai divertendo nipotino?" Deglutì mentre la sua mano si muoveva per sfiorare leggermente il petto del ragazzo fino a dov'era la mano, afferrando il suo pacchetto leggermente duro. "Io.. uh.. zio..?" Gli occhi di Atchy si spalancarono mentre le sue mani si muovevano per spingerlo via. "Oh no ragazzo.. Non preoccuparti.. Lo zio Pat si prenderà cura di te.." ridacchiò leggermente mentre le sue braccia si muovevano per tirare il ragazzo sulla schiena. Il corpo di Atchy si dimenò forte e le sue mani si mossero per aggrapparsi al divano per tutta la vita. "Questo.. è sbagliato.. non lo so.." Pat si strinse nelle spalle e abbassò i pantaloni del ragazzo, le sue mani immediatamente afferrarono il suo piccolo uccello e lo accarezzarono forte. "Stai seduto lì e stai zitto ragazzo, stavi facendo qualcosa di maleducato e sgradevole adesso.. devo farlo a te." Sorrise mentre guardava la paura riempire gli occhi di suo nipote, abbassando la testa per risucchiare profondamente i ragazzi di cinque pollici nella sua bocca. Le mani di Atchy afferrarono i capelli dell'uomo, tenendolo stretto mentre il suo corpo tremava e si muoveva da solo. "Oh.. Oh no.." Atchy piagnucolò leggermente come non l'aveva mai sentito prima, i suoi fianchi che sbattevano contro la bocca calda dello zio. Pat fece scivolare la testa all'indietro per sbavare sul suo dito, poi lo premette contro il culetto del ragazzo e lo spinse dentro di lui. Atchy si è bloccato forte e ha tremato, urla lasciandolo di no e ahi.

Pat gemette forte e succhiò la testa del cazzo del ragazzo, la piccola quantità di sperma che aveva gli schizzava in bocca. "Puttana.. Come tua madre.. Ti piace." Sorrise compiaciuto e fottò il culo del ragazzo senza sosta con il dito ancora un paio di volte. Ha tremato e ha detto "No, non più per favore". Più e più volte mentre suo zio si alzava e si apriva i pantaloni, il suo membro spesso cinque pollici ma sei pollici che gli cadeva davanti alla faccia. "Apri la bocca ragazzo.." Disse e afferrò la parte posteriore della testa del ragazzo, forzando il suo cazzo troppo grosso nella sua bocca. Gemette e soffocò quando Pat lo costrinse a prenderne metà in bocca per qualche istante. Lui annuì e gemette felice mentre tirava fuori il ragazzino dal suo cazzo duro. "Rotolati adesso.." chiese e girò il ragazzo sulla schiena, il suo grande corpo si riempì dietro di lui e strinse il suo cazzo fradicio di saliva contro la piccola grinza. Atchy si aggrappò forte al divano e supplicò di no più e più volte. Pat gli ha sputato sul buco del culo e gli ha afferrato quasi tutte le cosce con ogni mano e lo ha tirato giù sulla testa. Ha gridato forte mentre suo zio lo violentava senza rimorso. Pat gemette felice mentre spingeva la testa contro il pucker fino a quando finalmente si spalancò, la testa schiacciata nel profondo. Atchy soffriva così tanto che non si muoveva nemmeno adesso, era solo sdraiato a faccia in giù con un cazzo duro come una roccia. Pat ha usato il corpo di Atchy come una manica umana per scopare il suo cazzo. Alla fine sparando il suo sperma in profondità dentro di lui, tirò via il ragazzo da lui con attenzione e lo portò a letto. Sorrise e fece sdraiare il ragazzo, strofinandogli il cazzo sulla bocca e fottendolo mentre si apriva. Spingendosi ancora e ancora, facendo entrare il suo cazzo nella gola del ragazzo, cosa facile ora che dormiva. Gemette aspramente e tenne stretti i capelli del ragazzo mentre sparava un altro giro di sperma in gola. Soddisfatto si tirò fuori e si schiaffeggiò il cazzo sulla guancia un paio di volte prima di coprirsi con la coperta e uscire dalla stanza dei ragazzi.

Storie simili

Le mie prime volte...

Ho parlato con Gary per più di due anni. La nostra relazione era iniziata online. Ha visto una risposta che avevo dato in una chat room e mi ha inviato un messaggio. All'inizio non sembrava interessante, ma più chiacchieravamo e più mi piaceva. Sono cauto per natura, quindi non ha avuto il mio vero nome per più di sei mesi, e anche allora solo il mio nome. A nove mesi gli ho dato il mio numero di cellulare e abbiamo iniziato a parlare al telefono. Dieci mesi ci hanno trovato a fare sesso telefonico regolarmente, cosa che avveniva principalmente nei fine...

2.1K I più visti

Likes 0

La casa adottiva

La casa adottiva Disclaimer: quanto segue è un'opera di fantasia. Pertanto, ho scelto di ambientarlo in un mondo in cui il controllo delle nascite è sicuro, efficace e disponibile al 100% e tutte le malattie sessualmente trasmissibili sono state sradicate. Nel mondo reale, alcune delle scelte che questi personaggi fanno sarebbero estremamente rischiose. Non comportarti come loro. La mascella di Michael cadde mentre fissava la donna nuda sul letto. Aveva visto donne nude sulle riviste, ma questa era la sua prima volta nella vita reale, e lei era altrettanto sexy delle professioniste delle riviste. Il suo corpo di quasi 30 anni...

1.1K I più visti

Likes 0

Una giornata nel bosco Capitolo 14

Bene, tutto - ecco l'atteso capitolo 14. Questa volta non ho elencato tutti i temi - spero che questa storia abbia un po' più di seguito ormai e quelli non sono necessari? Comunque... Capitolo 14 Paul tornò a casa più tardi quel pomeriggio. Ray se la stava cavando abbastanza bene. Gli ci sarebbe voluta una settimana per riprendersi completamente, se non fosse stato per le sue abilità da lycan ci sarebbero volute tre settimane. Paul sperava che Jess stesse andando bene quanto Ray. Entrò in casa e sentì Jess al piano di sopra. Salì le scale, guardò nella loro camera da...

414 I più visti

Likes 0

GIORNO STRESSANTE

PARTE 1 immagina di tornare a casa da una lunga giornata di lavoro, sei stanco e stressato, tutto ciò che potrebbe andare storto include essere in ritardo al lavoro, il tuo collega che ruba il tuo parcheggio, il tuo computer si è bloccato, il che ti ha fatto inviare gli ordini in ritardo, e poi qualcuno ti ha fatto a pezzi mentre tornavi a casa dal lavoro. arrivi a casa dove ti sto aspettando, apro la porta indossando solo la mia corta camicia da notte di seta azzurra con bordo in pizzo bianco, una vestaglia abbinata, un sorriso sfacciato. mi guardi...

2.8K I più visti

Likes 0

Cornuto e moglie

Aveva un aspetto piuttosto semplice. O almeno l'ho pensato da lontano finché non ho visto i suoi profondi occhi verdi a mandorla. Mentre si avvicinava, potevo vedere le sue labbra a forma di arco leggermente rivolte verso l'alto. I suoi capelli erano neri come le piume di un corvo. È passata proprio davanti a me ed è entrata nel bar. I miei occhi seguirono il suo incredibile sedere mentre si dirigeva verso il bar e si sedeva proprio accanto a un uomo di colore molto bello e ben vestito. FANCULO! Mi sono seduto a pochi sgabelli da lei e dal suo...

1.2K I più visti

Likes 0

The House A Slave Addestramento e asta Capitolo 11 e 12

Capitolo 11 Padrona Liz Michael e Molly e Milton Mistress Liz-D mi dice che vuole parlarmi prima che cominci. D- Che cazzo ti prende? So che sei stato un po 'giù, quindi cosa succede? Liz- Penso di stare solo facendo i movimenti. Ciò di cui hai bisogno è una sessione difficile. So che ho solo bisogno di trovare il tempo e qualcuno, magari un passivo, che posso frustare e scopare forte. Non posso farlo con Michael forse uno dei nuovi una volta. Mi dice di prendere Milton ma di non ucciderlo. Michael e Molly entrano qui, inizieremo non appena arriva il...

893 I più visti

Likes 0

Morgan L.

Morgan L Morgan era seduta nella sua cucina adesso per la prima volta e cominciò ad avere dei dubbi, mio ​​Dio, pensava che avessi appena passato la notte a scopare due amici di mio figlio. Mi sono divertito da morire, ma i ragazzi parlano che non vorrei che Terry lo scoprisse. Vorrei rivederli, ma potrebbe diventare difficile quando Terry è a casa. Il suo telefono squillò e un pezzo grosso si avvicinò e lei rispose immediatamente, quello che Morgan non sapeva era che i suoi due nuovi amici del sesso stavano organizzando una gangbang con lei per sabato sera. Sabato mattina...

561 I più visti

Likes 0

La Congrega Parte 1 - Reed_(1)

Canna AIUTAMI QUALCUNO AIUTI PER FAVORE!!! urlò una giovane donna mentre veniva trascinata dentro dalla porta principale da un sorridente Jackson. La teneva per il collo mentre tutti nell'area del bar ridevano e sorridevano alla pietosa donna. Era attraente, con i capelli biondi tinti tagliati in un caschetto disordinato e enormi occhi castani. Indossava una specie di uniforme, ma era talmente strappata che nessuno poteva distinguere con certezza cosa ci fosse scritto. Andò nel panico, guardando tutti nella stanza, sperando che qualcuno la salvasse. Ma a nessuno fregava un cazzo. Alcuni dei ragazzi più grandi stavano giocando a freccette vicino al...

1.1K I più visti

Likes 0

SCOPANDO LA SORELLA DI 17 ANNI DEI MIEI MIGLIORI AMICI DURANTE IL SONNO

Mi chiamo Alex e ho 15 anni. Questa è una storia che mi è successa lo scorso fine settimana. Era una normale serata del fine settimana, alcuni amici e io stavamo bevendo a casa del mio migliore amico Jared. I suoi genitori avevano portato la sua sorellina a Disneyland per il fine settimana. Sua sorella maggiore di 17 anni era ancora a casa ed era una bomba bionda 12 su dieci. Ha tette perfettamente rotonde con coppa C con piccoli capezzoli rosa. Lei è naturalmente abbronzata e si depila la figa. So tutto questo perché una settimana fa stavamo nuotando nella...

1.1K I più visti

Likes 0

Ti costerà

Ti costerà Per anni io e mia moglie abbiamo scherzato su Ti costerà. È il nostro modo di prenderci in giro. Lo facciamo anche davanti ai bambini. Se mia moglie vuole che falci il prato o porti fuori la spazzatura, le dirò: Ti costerà e lei: Va bene. Poi mi allungo e le prendo la tetta dandole una piccola stretta o alzo la mia mano sulla sua gonna per sentire la sua figa ricoperta di mutandine. Di tanto in tanto mi dimentico di dirlo così mia moglie dirà: Quanto mi costerà? Ebbene, l'altro giorno ho offerto a mia figlia di quattordici...

3.9K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.