The Demons Harem Part One: Il raduno

1.4KReport
The Demons Harem Part One: Il raduno

"Ti insegneremo ogni sorta di cose nuove" Il brutto bruto ridacchiò mentre afferrava una delle braccia della ragazza e la spingeva nella cella. Lei inciampò sul pavimento sporco mentre lui chiudeva il cancello di metallo arrugginito, sbattendolo contro le sbarre, facendo tintinnare la gabbia come una prigione. Sapevano che questo giorno stava arrivando. Tutte le ragazze dei villaggi vicini sono cresciute nella paura sommessa che un giorno verranno portate via dalle loro famiglie e costrette alla schiavitù.

Un'altra guardia sputò nella gabbia, cadendo ai piedi di una delle ragazze. Le sue labbra si arricciarono e distolse lo sguardo. Creature disgustose. Pelle grigiastra dall'aspetto morto, lunghe code spinose e facce da rettile con occhi neri e cavi. Basso e gambo con enormi cazzi oscillanti. Di colore più scuro rispetto al resto dei loro corpi e considerevolmente grandi per la loro bassa statura.

C'erano altre 8 ragazze rannicchiate insieme nella cella, coperte solo dei loro vestiti da notte. Le loro teste abbassate, timorose di alzare lo sguardo e attirare l'attenzione. Le guardie, cinque di loro, se ne stavano lì senza meta, sbavando per il nuovo lotto di carne per il loro padrone.
Uno di loro fece un passo avanti da dietro il gruppo, rallentando lo sfregamento del cazzo mentre si irrigidiva.
"Sono stanco di aspettare, divertiamoci un po' prima che arrivino gli autisti."

Si avvicinò lui stesso al cancello sbarrato, il suo cazzo che diventava più scuro e cresceva. Aprì il cancello e le ragazze si dispersero, cercando di togliersi di mezzo per non essere la sua vittima designata. Afferrò i capelli di una ragazza dai corti capelli neri, coprendole tutta la nuca con tutta la mano, le nocche che le si arricciavano sopra le orecchie. Lei strillò e poi tacque mentre lui la tirava all'indietro verso di sé, facendola curvare all'indietro colpendo il suo membro completamente eretto.
Tutte le ragazze distolsero lo sguardo, chiudendo forte gli occhi, come se non assistere a ciò le avrebbe protette ancora per un po'.

La guardia la teneva lì, le sue palle appoggiate contro il suo sedere, il suo cazzo una linea dritta che quasi toccava l'estremità delle sue piccole scapole. Le tirò su il vestito sopra la curva perfetta delle natiche. Le mise una mano sullo stomaco e con l'altra le tenne il collo, spingendola forte contro di sé. Lottò dolcemente e chiuse gli occhi, troppo spaventata per parlare. Lui emise un lungo sospiro e le portò le mani dietro la schiena, le tenne unite facilmente con una mano. Allungò la mano sul suo cazzo e glielo mise sotto il culo e lo appoggiò contro la sua figa. Scosse violentemente la testa. Immediatamente strinse la presa sulla sua gola e lei iniziò a tossire e farfugliare, ma si calmò.

Cominciò a strofinare il suo cazzo avanti e indietro contro le morbide labbra della sua figa, il suo culo veniva premuto contro il suo stomaco sempre più forte ogni volta. Lui la piegò sul suo cazzo quasi violaceo, e la sua testa arrivò quasi a toccarle il mento. Sembrava terrorizzata, come se l'avrebbe spezzata a metà se avesse deciso di metterle quella cosa dentro. lontano da tutti i ragazzi del villaggio? Cerca di tenerti puro il più a lungo possibile, eh?" Rise praticamente mentre le lacrime cominciavano a rigarle le guance, ancora in silenzio.

"Forse avrebbe dovuto fotterti prima... allora non sarebbe così male per te"
Si staccò da lei e spinse la testa del suo cazzo contro la sua figa, le sue gambe serrate strettamente, rendendogli difficile entrare. Spinse più forte, praticamente ignorando il suo tentativo di tenerlo fuori.
Cominciò a piagnucolare ea tremare mentre lui scivolava oltre le sue labbra e cominciava a penetrarla. Riusciva a malapena a infilare dentro la testa del suo cazzo pulsante, lei era così stretta e tesa contro di lui. Lui sogghignò e la attirò a sé con un movimento rapido e violento.
Il resto delle guardie ridacchiò e lo acclamò. Cominciarono tutti a strofinarsi con le loro grosse dita grosse, stringendo i loro cazzi man mano che crescevano.

Gli occhi della ragazza si spalancarono e lei gli urlò contro, cercando di allontanarsi da lui. Qualsiasi cosa pur di tirarlo fuori da lei e fermare il dolore. Solo circa metà del suo cazzo si era fatto strada dentro di lei. Si prese un momento per essere fermo dentro di lei, riempiendola fino al suo limite (uno dei suoi limiti, almeno).
Cominciò a fotterla, piegandola, mettendole le sue grandi mani sulle spalle e sbattendogliela contro di sé ancora e ancora. Le stava colpendo ripetutamente la cervice, sempre più forte ogni volta. Ha iniziato a dimenarsi, urlare e divincolarsi da lui, così lui l'ha spinta a terra.
Le schiacciò le ginocchia sopra le gambe divaricate e le spinse la testa contro il pavimento di lato. Ancora dentro di lei, spinse sempre più velocemente finché il suo sedere non fu spinto in aria, le sue gambe strappate dalle articolazioni in un dolore lancinante. Pregò silenziosamente che arrivasse presto e che finisse con lei.

Inclinò la testa all'indietro mentre da lui proveniva quasi un ringhio... un basso suono gutturale, un suono malvagio.
Adesso era quasi silenziosa, quasi distrutta. O così pensava.
Accelerò il passo, grugnendo e ringhiando mentre la metà del suo cazzo che era ancora visibile si gonfiava sempre di più. Gettò indietro la testa e la tirò a sé per le spalle rudemente mentre veniva, sepolto più in profondità che poteva. I suoi occhi si chiusero e la sua bocca si strinse, cercando di trattenere le urla.

Il primo enorme impulso di sperma che potresti effettivamente vedere viene pompato nella sua piccola fica rosa e questa volta ha urlato. La sborra calda e ardente spruzzata nel suo grembo, poteva sentirla riempirla. Rimase premuto forte contro di lei mentre un altro carico zampillante di sperma pompava attraverso di lei e iniziava a fuoriuscire dal suo buco allungato. Lei si contorceva e si dibatteva sotto di lui.

Poteva sentire le sue viscere crampi e la sua pancia era leggermente gonfia con il suo sperma, anche se si sentiva come se stesse per esplodere. Un'altra spinta più piccola venne dalla creatura mentre infilava il suo cazzo ancora duro contro la sua cervice, inserendo tutto il suo sperma caldo e bianco nel suo grembo.

Hanno sentito gli zoccoli dei cavalli battere il terreno all'esterno e la guardia ha rapidamente tirato fuori il suo cazzo rammollito dalla ragazza in rovina. Singhiozzò e si raggomitolò in una palla, ricoperta di sperma e piccole macchie di sangue su ciò che restava dei suoi vestiti.
"Scendi da quella fottuta puttana!" La guardia urlò. "O ti tiro io stesso per le orecchie!"

Storie simili

Le mie prime volte...

Ho parlato con Gary per più di due anni. La nostra relazione era iniziata online. Ha visto una risposta che avevo dato in una chat room e mi ha inviato un messaggio. All'inizio non sembrava interessante, ma più chiacchieravamo e più mi piaceva. Sono cauto per natura, quindi non ha avuto il mio vero nome per più di sei mesi, e anche allora solo il mio nome. A nove mesi gli ho dato il mio numero di cellulare e abbiamo iniziato a parlare al telefono. Dieci mesi ci hanno trovato a fare sesso telefonico regolarmente, cosa che avveniva principalmente nei fine...

2.1K I più visti

Likes 0

La casa adottiva

La casa adottiva Disclaimer: quanto segue è un'opera di fantasia. Pertanto, ho scelto di ambientarlo in un mondo in cui il controllo delle nascite è sicuro, efficace e disponibile al 100% e tutte le malattie sessualmente trasmissibili sono state sradicate. Nel mondo reale, alcune delle scelte che questi personaggi fanno sarebbero estremamente rischiose. Non comportarti come loro. La mascella di Michael cadde mentre fissava la donna nuda sul letto. Aveva visto donne nude sulle riviste, ma questa era la sua prima volta nella vita reale, e lei era altrettanto sexy delle professioniste delle riviste. Il suo corpo di quasi 30 anni...

1.1K I più visti

Likes 0

Una giornata nel bosco Capitolo 14

Bene, tutto - ecco l'atteso capitolo 14. Questa volta non ho elencato tutti i temi - spero che questa storia abbia un po' più di seguito ormai e quelli non sono necessari? Comunque... Capitolo 14 Paul tornò a casa più tardi quel pomeriggio. Ray se la stava cavando abbastanza bene. Gli ci sarebbe voluta una settimana per riprendersi completamente, se non fosse stato per le sue abilità da lycan ci sarebbero volute tre settimane. Paul sperava che Jess stesse andando bene quanto Ray. Entrò in casa e sentì Jess al piano di sopra. Salì le scale, guardò nella loro camera da...

414 I più visti

Likes 0

GIORNO STRESSANTE

PARTE 1 immagina di tornare a casa da una lunga giornata di lavoro, sei stanco e stressato, tutto ciò che potrebbe andare storto include essere in ritardo al lavoro, il tuo collega che ruba il tuo parcheggio, il tuo computer si è bloccato, il che ti ha fatto inviare gli ordini in ritardo, e poi qualcuno ti ha fatto a pezzi mentre tornavi a casa dal lavoro. arrivi a casa dove ti sto aspettando, apro la porta indossando solo la mia corta camicia da notte di seta azzurra con bordo in pizzo bianco, una vestaglia abbinata, un sorriso sfacciato. mi guardi...

2.8K I più visti

Likes 0

Morgan L.

Morgan L Morgan era seduta nella sua cucina adesso per la prima volta e cominciò ad avere dei dubbi, mio ​​Dio, pensava che avessi appena passato la notte a scopare due amici di mio figlio. Mi sono divertito da morire, ma i ragazzi parlano che non vorrei che Terry lo scoprisse. Vorrei rivederli, ma potrebbe diventare difficile quando Terry è a casa. Il suo telefono squillò e un pezzo grosso si avvicinò e lei rispose immediatamente, quello che Morgan non sapeva era che i suoi due nuovi amici del sesso stavano organizzando una gangbang con lei per sabato sera. Sabato mattina...

561 I più visti

Likes 0

Cornuto e moglie

Aveva un aspetto piuttosto semplice. O almeno l'ho pensato da lontano finché non ho visto i suoi profondi occhi verdi a mandorla. Mentre si avvicinava, potevo vedere le sue labbra a forma di arco leggermente rivolte verso l'alto. I suoi capelli erano neri come le piume di un corvo. È passata proprio davanti a me ed è entrata nel bar. I miei occhi seguirono il suo incredibile sedere mentre si dirigeva verso il bar e si sedeva proprio accanto a un uomo di colore molto bello e ben vestito. FANCULO! Mi sono seduto a pochi sgabelli da lei e dal suo...

1.2K I più visti

Likes 0

The House A Slave Addestramento e asta Capitolo 11 e 12

Capitolo 11 Padrona Liz Michael e Molly e Milton Mistress Liz-D mi dice che vuole parlarmi prima che cominci. D- Che cazzo ti prende? So che sei stato un po 'giù, quindi cosa succede? Liz- Penso di stare solo facendo i movimenti. Ciò di cui hai bisogno è una sessione difficile. So che ho solo bisogno di trovare il tempo e qualcuno, magari un passivo, che posso frustare e scopare forte. Non posso farlo con Michael forse uno dei nuovi una volta. Mi dice di prendere Milton ma di non ucciderlo. Michael e Molly entrano qui, inizieremo non appena arriva il...

894 I più visti

Likes 0

Ti costerà

Ti costerà Per anni io e mia moglie abbiamo scherzato su Ti costerà. È il nostro modo di prenderci in giro. Lo facciamo anche davanti ai bambini. Se mia moglie vuole che falci il prato o porti fuori la spazzatura, le dirò: Ti costerà e lei: Va bene. Poi mi allungo e le prendo la tetta dandole una piccola stretta o alzo la mia mano sulla sua gonna per sentire la sua figa ricoperta di mutandine. Di tanto in tanto mi dimentico di dirlo così mia moglie dirà: Quanto mi costerà? Ebbene, l'altro giorno ho offerto a mia figlia di quattordici...

3.9K I più visti

Likes 0

La Congrega Parte 1 - Reed_(1)

Canna AIUTAMI QUALCUNO AIUTI PER FAVORE!!! urlò una giovane donna mentre veniva trascinata dentro dalla porta principale da un sorridente Jackson. La teneva per il collo mentre tutti nell'area del bar ridevano e sorridevano alla pietosa donna. Era attraente, con i capelli biondi tinti tagliati in un caschetto disordinato e enormi occhi castani. Indossava una specie di uniforme, ma era talmente strappata che nessuno poteva distinguere con certezza cosa ci fosse scritto. Andò nel panico, guardando tutti nella stanza, sperando che qualcuno la salvasse. Ma a nessuno fregava un cazzo. Alcuni dei ragazzi più grandi stavano giocando a freccette vicino al...

1.1K I più visti

Likes 0

La Marina Medievale Parte Nove(1)

CAPITOLO XXXIX La sera prima era stata dura per Marion perché era ansiosa di finire la battaglia. Potevano sentire le grida delle donne provenire dal campo nemico mentre venivano violentate ed era tutto ciò che Luke poteva fare per tenere sotto controllo Marion e Gabriel. Lo ha fatto incoraggiando Marion a rivolgere la sua rabbia e ansia per assicurarsi che l'esercito fosse pronto a partire. I tre sono andati in ogni unità e hanno visitato le truppe per un po'. Marion si assicurò che nessuno di loro avesse domande sul perché fossero lì per combattere. Ovviamente nessuno di loro l'ha fatto...

860 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.