The Demons Harem Part One: Il raduno

106Report
The Demons Harem Part One: Il raduno

"Ti insegneremo ogni sorta di cose nuove" Il brutto bruto ridacchiò mentre afferrava una delle braccia della ragazza e la spingeva nella cella. Lei inciampò sul pavimento sporco mentre lui chiudeva il cancello di metallo arrugginito, sbattendolo contro le sbarre, facendo tintinnare la gabbia come una prigione. Sapevano che questo giorno stava arrivando. Tutte le ragazze dei villaggi vicini sono cresciute nella paura sommessa che un giorno verranno portate via dalle loro famiglie e costrette alla schiavitù.

Un'altra guardia sputò nella gabbia, cadendo ai piedi di una delle ragazze. Le sue labbra si arricciarono e distolse lo sguardo. Creature disgustose. Pelle grigiastra dall'aspetto morto, lunghe code spinose e facce da rettile con occhi neri e cavi. Basso e gambo con enormi cazzi oscillanti. Di colore più scuro rispetto al resto dei loro corpi e considerevolmente grandi per la loro bassa statura.

C'erano altre 8 ragazze rannicchiate insieme nella cella, coperte solo dei loro vestiti da notte. Le loro teste abbassate, timorose di alzare lo sguardo e attirare l'attenzione. Le guardie, cinque di loro, se ne stavano lì senza meta, sbavando per il nuovo lotto di carne per il loro padrone.
Uno di loro fece un passo avanti da dietro il gruppo, rallentando lo sfregamento del cazzo mentre si irrigidiva.
"Sono stanco di aspettare, divertiamoci un po' prima che arrivino gli autisti."

Si avvicinò lui stesso al cancello sbarrato, il suo cazzo che diventava più scuro e cresceva. Aprì il cancello e le ragazze si dispersero, cercando di togliersi di mezzo per non essere la sua vittima designata. Afferrò i capelli di una ragazza dai corti capelli neri, coprendole tutta la nuca con tutta la mano, le nocche che le si arricciavano sopra le orecchie. Lei strillò e poi tacque mentre lui la tirava all'indietro verso di sé, facendola curvare all'indietro colpendo il suo membro completamente eretto.
Tutte le ragazze distolsero lo sguardo, chiudendo forte gli occhi, come se non assistere a ciò le avrebbe protette ancora per un po'.

La guardia la teneva lì, le sue palle appoggiate contro il suo sedere, il suo cazzo una linea dritta che quasi toccava l'estremità delle sue piccole scapole. Le tirò su il vestito sopra la curva perfetta delle natiche. Le mise una mano sullo stomaco e con l'altra le tenne il collo, spingendola forte contro di sé. Lottò dolcemente e chiuse gli occhi, troppo spaventata per parlare. Lui emise un lungo sospiro e le portò le mani dietro la schiena, le tenne unite facilmente con una mano. Allungò la mano sul suo cazzo e glielo mise sotto il culo e lo appoggiò contro la sua figa. Scosse violentemente la testa. Immediatamente strinse la presa sulla sua gola e lei iniziò a tossire e farfugliare, ma si calmò.

Cominciò a strofinare il suo cazzo avanti e indietro contro le morbide labbra della sua figa, il suo culo veniva premuto contro il suo stomaco sempre più forte ogni volta. Lui la piegò sul suo cazzo quasi violaceo, e la sua testa arrivò quasi a toccarle il mento. Sembrava terrorizzata, come se l'avrebbe spezzata a metà se avesse deciso di metterle quella cosa dentro. lontano da tutti i ragazzi del villaggio? Cerca di tenerti puro il più a lungo possibile, eh?" Rise praticamente mentre le lacrime cominciavano a rigarle le guance, ancora in silenzio.

"Forse avrebbe dovuto fotterti prima... allora non sarebbe così male per te"
Si staccò da lei e spinse la testa del suo cazzo contro la sua figa, le sue gambe serrate strettamente, rendendogli difficile entrare. Spinse più forte, praticamente ignorando il suo tentativo di tenerlo fuori.
Cominciò a piagnucolare ea tremare mentre lui scivolava oltre le sue labbra e cominciava a penetrarla. Riusciva a malapena a infilare dentro la testa del suo cazzo pulsante, lei era così stretta e tesa contro di lui. Lui sogghignò e la attirò a sé con un movimento rapido e violento.
Il resto delle guardie ridacchiò e lo acclamò. Cominciarono tutti a strofinarsi con le loro grosse dita grosse, stringendo i loro cazzi man mano che crescevano.

Gli occhi della ragazza si spalancarono e lei gli urlò contro, cercando di allontanarsi da lui. Qualsiasi cosa pur di tirarlo fuori da lei e fermare il dolore. Solo circa metà del suo cazzo si era fatto strada dentro di lei. Si prese un momento per essere fermo dentro di lei, riempiendola fino al suo limite (uno dei suoi limiti, almeno).
Cominciò a fotterla, piegandola, mettendole le sue grandi mani sulle spalle e sbattendogliela contro di sé ancora e ancora. Le stava colpendo ripetutamente la cervice, sempre più forte ogni volta. Ha iniziato a dimenarsi, urlare e divincolarsi da lui, così lui l'ha spinta a terra.
Le schiacciò le ginocchia sopra le gambe divaricate e le spinse la testa contro il pavimento di lato. Ancora dentro di lei, spinse sempre più velocemente finché il suo sedere non fu spinto in aria, le sue gambe strappate dalle articolazioni in un dolore lancinante. Pregò silenziosamente che arrivasse presto e che finisse con lei.

Inclinò la testa all'indietro mentre da lui proveniva quasi un ringhio... un basso suono gutturale, un suono malvagio.
Adesso era quasi silenziosa, quasi distrutta. O così pensava.
Accelerò il passo, grugnendo e ringhiando mentre la metà del suo cazzo che era ancora visibile si gonfiava sempre di più. Gettò indietro la testa e la tirò a sé per le spalle rudemente mentre veniva, sepolto più in profondità che poteva. I suoi occhi si chiusero e la sua bocca si strinse, cercando di trattenere le urla.

Il primo enorme impulso di sperma che potresti effettivamente vedere viene pompato nella sua piccola fica rosa e questa volta ha urlato. La sborra calda e ardente spruzzata nel suo grembo, poteva sentirla riempirla. Rimase premuto forte contro di lei mentre un altro carico zampillante di sperma pompava attraverso di lei e iniziava a fuoriuscire dal suo buco allungato. Lei si contorceva e si dibatteva sotto di lui.

Poteva sentire le sue viscere crampi e la sua pancia era leggermente gonfia con il suo sperma, anche se si sentiva come se stesse per esplodere. Un'altra spinta più piccola venne dalla creatura mentre infilava il suo cazzo ancora duro contro la sua cervice, inserendo tutto il suo sperma caldo e bianco nel suo grembo.

Hanno sentito gli zoccoli dei cavalli battere il terreno all'esterno e la guardia ha rapidamente tirato fuori il suo cazzo rammollito dalla ragazza in rovina. Singhiozzò e si raggomitolò in una palla, ricoperta di sperma e piccole macchie di sangue su ciò che restava dei suoi vestiti.
"Scendi da quella fottuta puttana!" La guardia urlò. "O ti tiro io stesso per le orecchie!"

Storie simili

Figlia dei vicini: Sporco segreto

È successo quando avevo 16 anni un giorno d'estate. La scuola era finita e cominciavano le vacanze. Vivo alla fine della casa in stile cottage dove i nostri vicini sono dall'altra parte del muro. Nella porta accanto vive la mia amica Eve, ha la mia età, capelli biondi e corpo da urlo. Quanto a me, sono proprio come lei, solo che ho i capelli scuri. Pochi giorni fa ho notato una cosa interessante ... il telefono ha squillato a casa di Eves e dopo pochi minuti lei è spento da qualche parte. l'ultimo giorno lo stesso. Quindi ho deciso di rintracciarla...

1.7K I più visti

Likes 0

Signora Baker

Il sole dell'Oklahoma voleva bruciarci, pensavo, mentre guidavo in garage per scaricare l'attrezzatura da giardino. Falciare i prati per soldi extra di solito non è male a meno che le temperature non rimangano sopra i cento gradi per diversi giorni. Questo era il caso nel 1980. Mi ero appena laureato e stavo per entrare a far parte della forza lavoro come insegnante di economia ad Ardmore. Tuttavia, alcuni dei miei vecchi clienti del prato avevano chiamato e avevano bisogno di fare i loro cortili, quindi ho ceduto ad aiutarli per il resto dell'estate. Ho pensato che nelle prossime due settimane il...

752 I più visti

Likes 0

Il negozio d'angolo seconda parte

La prima parte è qui: sexstories.com/story/82788/ Controllò l'orologio, sarebbe arrivata presto. Era circa una settimana dopo, ero nel suo negozio, la mamma mi aveva mandato a prendere il cibo di cui avevamo bisogno per il fine settimana. Dopo aver chiamato tutto nella cassa e aver messo tutti gli oggetti in tre grandi sacchetti di plastica. Lui mi disse: Mi devi ancora un sacco di soldi, dovrai andare nella stanza sul retro oggi Scioccato, balbettai. No. Per favore, signor Hassan, non voglio farlo Mi afferra il braccio, dicendomi; Non hai altra scelta ragazza, pensi che tutto il cibo e i soldi siano...

1.5K I più visti

Likes 0

Era una stronzata, pensavo

Il sabato pomeriggio andavo al cinema con alcuni amici. C'era una ragazza che mi piaceva e ho provato a sedermi accanto a lei se potevo. Un pomeriggio ho provato a tenerle la mano e lei me l'ha lasciato per un po' che l'hanno tirata via. Dopo il cinema siamo andati tutti al bar del latte e ancora una volta ho provato ad avvicinarmi a lei. Le ho parlato e sembrava che le piacessi e le ho chiesto perché ha allontanato la mano. Ha detto che stava iniziando a piacerle, ma non voleva essere coinvolta in quel modo perché eravamo tutti buoni...

39 I più visti

Likes 0

Jaded Parte 1- Riva dell'acqua

Tutto quello a cui riuscivo a pensare era quanto faceva caldo oggi e quanto faceva freddo ieri; i forti venti che avevano soffiato la mia borsa Walmart attraverso il parcheggio mentre i miei amici avevano ridacchiato al mio inseguimento si erano trasformati in intensi raggi che picchiavano sul mio corpo di sedicenne. Sarò onesto, era un corpo che la maggior parte dei miei amici, anche i più grandi, invidiavano ed era in parte a causa del mio corpo che le ragazze più grandi uscivano comunque con me. Il mio viso innocente e i lunghi capelli biondi si sono complimentati con il...

1.5K I più visti

Likes 0

Ufficiale superiore

Ensign, è meglio che ci sia un'ottima ragione per essere qui Il guardiamarina Philips non aveva una buona ragione per essere nella sala degli ufficiali, sentiva il cuore crollare sui suoi stivali da combattimento Girati quando ti parlo Guardiamarina Il guardiamarina Philips si voltò lentamente, con le spalle leggermente cascanti per la sconfitta, quando vide chi lo affrontava, dimenticò completamente le vere ragioni per essere qui, infatti praticamente si dimenticò di tutto Allora Guardiamarina, che diavolo ci fai qui nella Sala Ufficiali? Il capitano Jean Harigan, l'unica donna ufficiale sulla nave e non solo è l'unica donna ufficiale sulla nave, è...

983 I più visti

Likes 0

Asmodeus - Demon of Lust: Parte 8

A/N – Miei cari lettori! Grazie a tutti coloro che sono rimasti accanto a me e a questa storia per così tanto tempo. Mi scuso sinceramente per l'attesa tra questo capitolo e il precedente; Ho davvero scritto ogni volta che ho potuto. Dubito che ogni singolo capitolo varrebbe un anno intero di attesa, ma come per tutto ciò che scrivo ho riversato la mia anima nella parte 8 e spero sinceramente che ti piaccia leggerla. Come sempre, PER FAVORE, vota, commenta e inviami un'e-mail! Mi piace sentirvi ragazzi e risponderò a ogni e-mail. Buon Anno! Saluti, Steelkat Parte 8 Passeggiamo per...

801 I più visti

Likes 0

Tim, l'adolescente parte XV

Nota: ——NON sono l'autore! Ci sono diversi autori in realtà, non sono così sicuro che qualcuno di loro sia il creatore, ma so che non sono io. Sto semplicemente condividendo questa bella storia con tutti voi perché non l'ho vista qui. Ora in origine dovevano essere tutte 9 parti, ma... Qualcuno ha detto che la prima era troppo lunga, quindi ho deciso di dividerle tutte in post più piccoli. Ho pensato di provare un aspetto e una struttura della frase diversi per questo capitolo, per favore fatemi sapere come vi piace. BUON APPETITO--- Tim, l'adolescente parte quindici di: Rass Senip +++...

1.6K I più visti

Likes 2

Lascia che una Playa giochi

Lascia che A Playa Play Storia di Charles che usa il suo bell'aspetto e il suo fascino per scopare tutte le donne che vuole. Oooohh cazzo, mmmmm. geme con una gamba sulla mia spalla, mutandine nere con rifiniture rosa che pendono dal suo piede mentre attacco vigorosamente la sua figa con la mia lingua. Essendo questo il suo ultimo giorno di lavoro, ho pensato di mandarla via con un regalo d'addio. Più simile a questo è ciò che ti mancherà presente. Mentre si morde il labbro, mi afferra la nuca e mi preme il viso nella sua figa bagnata. Non sai...

1.5K I più visti

Likes 0

Un po' di magia nera Capitolo 1

Capitolo 1 Questa è la mia storia... No. Questa è la mia confessione. Non sono sicuro che quello che ho fatto sia stato un crimine, ma è stato sicuramente contro natura. Il mio ultimo anno al college e in effetti le ultime settimane fino a quando non sarei stato cerimoniosamente inserito nel mondo del lavoro. Mi trovavo nel bagno che accompagnava la mia camera da letto esplorando il mio corpo allo specchio. Le lenti spesse dei miei occhiali mi facevano sgranare gli occhi sotto il disordine ondulato dei capelli neri. La mia pelle era pallida per aver passato giorni nelle biblioteche...

1.8K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.