Camion con Becky Capitolo 1

1.4KReport
Camion con Becky Capitolo 1

CAPITOLO 1

È iniziato come un giorno normale quando la mia sveglia è suonata e sapevo che dovevo alzarmi e andare se volevo fissare l'appuntamento per la consegna in tempo. Sfregandomi il sonno dagli occhi, ancora sdraiato a letto cercando di svegliarmi, ho afferrato il telefono per controllare le notizie del mattino. Quando ho premuto il pulsante Internet, è apparso il sito porno che stavo guardando la sera prima e un video di una tettona rossa ha attirato la mia attenzione. Perché no, ho pensato tra me e me mentre allungavo la mano nei miei boxer e avvolgevo la mano intorno al mio legno mattutino. Ho premuto play sul video e ho appoggiato il telefono con la coperta. Ho tirato fuori il cazzo dai miei boxer e lentamente ho iniziato a far scorrere la mia mano su e giù guardando la rossa succhiare un cazzo di otto pollici come se fosse il suo ultimo pasto. Bastardo fortunato ho pensato mentre la guardavo far scivolare la mano verso il basso e iniziare a strofinarsi la clitoride mentre lo succhiava, gemendo per farlo venire. Ho visto il tempo nell'angolo del mio telefono e sapevo che dovevo sbrigarmi, quindi ho iniziato a masturbarmi più velocemente finché non ho sentito la pressione crescere nelle mie palle. La rossa sullo schermo ora stava cavalcando il suo cazzo e le sue grandi tette rimbalzavano dappertutto mentre gemeva e iniziava a parlare sporco. Proprio quando ha iniziato a raggiungere l'orgasmo, si è sollevata e ha schizzato e questo ha fatto per me mentre mi facevo esplodere il mio carico su tutta la pancia.

Mi sono alzato dal letto e mi sono ripulito dallo sperma prima di vestirmi e dirigermi verso l'area di sosta dei camion Flying J per prendere un pacchetto di ciambelle e una Coca-Cola. Quando sono tornato al camion, l'ho avviato, ho fatto alcuni segni sul mio diario di bordo e mi sono diretto verso l'autostrada. Erano le 6:30 e dovevo essere al campus universitario a cui stavo consegnando entro le 7. Per mia fortuna erano solo 12 miglia lungo la strada e dovrei essere scaricato e fuori di lì prima che tutti gli studenti inizino a dirigersi verso classe. Sono entrato nel parcheggio con circa 7 minuti di anticipo e ho visto che ero l'unico in giro. Come succede con gli autotrasporti, se sei in anticipo, saranno in ritardo e oggi non era diverso. 7:33 ed eccoli finalmente arrivare mentre esco per parlare con loro e scoprire esattamente dove mi scaricheremo. Ho iniziato a slacciare i pali della luce che stavo trasportando e ad arrotolare le cinghie mentre armeggiavano con il loro carrello elevatore a noleggio cercando di scaricarmi. Dopo 45 minuti sono finalmente riusciti a togliere i 15 pali e hanno firmato i miei documenti. Beh, ormai il campus del college era pieno di studenti e macchine e imprecavo sottovoce mentre cercavo di uscire dal parcheggio sulla strada ora trafficata. Alla fine un'auto si è dispiaciuta per me e ha fermato il traffico in modo che potessi uscire e ho iniziato ad afferrare le marce cercando di uscire da quell'incubo. Alcuni posti non sono pensati per un camion da 80 piedi e questo era uno di questi. Curve strette e pedoni appena usciti davanti a te per attraversare la strada.

Ero quasi all'autostrada sulla rampa quando ho visto una donna in piedi sulla spalla che cercava di prendere un passaggio. Ho accostato mentre lei saltava sul gradino del mio passeggero e le ho chiesto dove stesse cercando di arrivare. "Ovunque ma qui" è stata la sua risposta. "Sto andando a Buffalo se vuoi che tu sia più che benvenuto a venire e saltare là fuori." Ci ha pensato per una frazione di secondo e ha aperto la portiera per salire. Mentre la guardavo salire non ho potuto fare a meno di notare quanto fosse davvero bella. Circa 5'7 forse 120 libbre con una bella pelle abbronzata, capelli castani e quello che dovrei indovinare come un bel paio di tette di coppa C. Potrei averla ammirata un po' troppo a lungo e ho dovuto distogliere lo sguardo prima che mi catturasse. Quando si è sistemata e io sono tornato sulla strada dalla spalla, era impegnata a guardarsi intorno all'interno del mio camion. "Non ho mai visto l'interno di un semirimorchio prima d'ora, è più spazioso di quanto avrei pensato." "Sì, non è poi così male finché non passi settimane qui dentro da solo, poi inizia a sembrare una cella di prigione", ho detto. "Ho completamente dimenticato di presentarmi, sono Billy." "Mi chiamo Rebekah ma tutti chiamano Becky" disse con un sorriso carino.

Restiamo seduti in silenzio per un po' con lei che guarda fuori dal finestrino davvero un po' persa nei suoi pensieri e io che guido il camion lungo l'autostrada. Alla fine le ho chiesto perché si stava sforzando così tanto di uscire da Albany e lei ha iniziato la sua storia. “Ero al secondo anno al college, mi stavo specializzando nello sviluppo della prima infanzia e pensavo di aver capito la mia vita. Non ero il miglior studente, ma ho studiato molto e ho preso voti decenti. I miei genitori stavano finanziando il mio college e mio padre ha perso il lavoro sindacale nelle ferrovie, quindi è stato necessario fare dei tagli e la mia istruzione è stata una di queste. Ho provato a chiedere borse di studio e prestiti studenteschi, ma non riuscivo a ottenere abbastanza per coprire le tasse scolastiche, i libri e l'alloggio, quindi ho dovuto abbandonare la scorsa settimana. Una mia amica mi lasciava stare con lei finché non avessi capito le cose e tutto è finito bruscamente quando il suo ragazzo ha cercato di intrufolarsi sul divano con me una notte. Mi sono svegliato con lui che mi palpava e più o meno in quel momento lei è uscita dalla sua stanza e l'ha visto sotto le coperte con me e l'ha perso. Ha iniziato a chiamarmi puttana e non potevo credere che avrei provato a rubarle il ragazzo dopo che mi aveva dato un posto dove dormire. Ho provato a spiegarle cosa è successo ma lei aveva in mente che l'avevo sedotto e cacciato per strada nel cuore della notte. Ho girato per la città con solo i vestiti che ho qui nella mia borsa e ho passato il resto della notte a dormire su una panchina del parco. Non so ancora dove andrò o cosa farò!” I suoi occhi si stavano riempiendo di lacrime e mi sentivo impotente di non poter aiutare questa povera ragazza. "Perché non torni dai tuoi genitori e provi a rimetterti in piedi?" Ho chiesto. "Vorrei, ma vivono in Arizona e non ho i soldi per arrivarci e non riesco a contattarli, non sono sicuro che il loro telefono sia stato spento o cosa stia succedendo."

Più me ne stavo seduto lì a pensare e guidare, più sapevo che dovevo fare qualcosa per Becky, aveva solo un paio di anni meno di me e sapevo che non l'avrei lasciata per strada a badare a se stessa. «Becky, so di averti detto che potevi venire a Buffalo con me, ma ci ho pensato e non potrei vivere con me stesso se ti lasciassi da solo e ti succedesse qualcosa. Non sono sicuro di dove andrò dopo perché i miei carichi lo impongono, ma sei più che benvenuto a cavalcare con me per tutto il tempo che vuoi e cercherò di portarti in Arizona per stare con il tuo genitori." Mi guardò ancora un momento incredula e poi si guardò intorno nel camion. "C'è un letto in alto lassù che posso ripiegare su cui puoi dormire" dissi sapendo che pensava che avremmo dovuto condividere un letto. Sorrise e disse che avrebbe accettato la mia offerta. Sembrava rilassarsi un po' di più con il passare della giornata. Abbiamo parlato di un po' di tutto e lei era molto interessata ai trasporti perché non sapeva molto del settore. Mentre uscivamo dall'autostrada a Pembroke, New York, per cenare e fare la doccia, le chiesi se avesse tutto ciò di cui aveva bisogno in prodotti per l'igiene. Ha detto che aveva lo spazzolino e il dentifricio e basta. Le ho detto che avevo un flacone di shampoo in più e domani ci saremmo fermati a prenderle tutto ciò di cui aveva bisogno. Sono entrato nella Flying J e ho trovato un parcheggio in cui rientrare e le ho detto di prendere la sua borsa e che saremmo andati a farci una doccia e poi a cenare da Denny's. Mentre camminavamo al mio fianco, mi sono avvicinato al cassiere per farle fare una doccia da co-autista e l'ho accompagnata alle docce e le ho detto che avrei aspettato nella sala dei conducenti in fondo al corridoio quando avesse finito. Sorrise e mi ringraziò mentre entrava nella sua doccia e io nella mia.

Sotto la doccia ho avuto un'erezione enorme dopo aver visto Becky tutto il giorno con la sua maglietta scollata che le faceva sembrare le tette che sarebbero saltate fuori se avessi colpito un altro bernoccolo. Sapevo di non poter andare in giro con un'erezione per il resto della notte, quindi ho iniziato ad accarezzarmi il cazzo immaginandola in ginocchio sotto la doccia che mi fissava con quegli occhi verde scuro che mi succhiavano il cazzo mentre l'acqua le scorreva liscia pelle su quelle tette vivace. Non ci è voluto molto e stavo sparando corde di sperma su tutto il pavimento della doccia. Finii la doccia e mi diressi verso la sala guida ad aspettare. Circa 15 minuti dopo l'ho vista scendere lungo il corridoio, con indosso un vestito estivo che arrivava proprio sopra il ginocchio con i suoi capelli castani che brillavano per essere ancora un po' bagnati. Ero in soggezione di questa bellezza, ma mi sono composto e mi sono alzato e l'ho accompagnata a cena da Denny's. Sembrava di umore migliore ora e faceva piccole battute e parlava di politica che erano alla TV sopra il bar. Aveva il sorriso più dolce che abbia mai visto e ho cercato di farla sorridere per tutta la cena. Quando abbiamo finito di cenare e ho lasciato una mancia e sono andato a pagare, le ho detto che era meglio che andasse in bagno perché è una lunga camminata nel cuore della notte. È andata in bagno mentre io ci prendevo alcune bottiglie d'acqua e degli snack. È apparsa accanto a me mentre li stavo pagando e siamo tornati al camion. Potevo vedere tutti gli altri camionisti che la guardavano mentre passavamo e conoscevo i pensieri nelle loro menti, diavolo non posso dire di biasimarli, ho avuto gli stessi. Quando risalimmo sul camion e tirai su la tendina davanti, tornai nella cuccetta e ripiegai la cuccetta superiore per lei e vi gettai uno dei miei cuscini e una coperta. Si è seduta sul sedile del passeggero a guardarmi finché non ho sistemato tutto e le ha detto che sarei venuto davanti e avrei chiuso la tenda che separava la parte anteriore da quella posteriore e lei poteva mettersi il pigiama. Mi ha guardato e ha detto che non ne aveva con sé, quindi avrebbe dormito con il suo vestito. Presi una delle mie magliette dall'armadio e gliela porsi. "Qui indossa questo, sarà molto più comodo di quel vestito" Sorrise e mi ringraziò mentre chiudevo la tenda centrale e iniziavo a fare il mio diario di bordo per la giornata.

Pochi minuti dopo ha aperto la tenda centrale e mi ha guardato alle spalle mentre tracciavo linee con il mio righello e cercavo di assicurarmi che tutto fosse legittimo. Alzai lo sguardo e la mia mascella quasi toccò il pavimento. Era lì in calzini e la mia camicia e scendeva solo a metà coscia. Mi ha visto guardare e mi ha fatto un sorriso e mi ha ringraziato ancora per averle prestato la mia camicia. Ho finito il mio diario di bordo e l'ho messo via quando mi è venuto in mente che dormo solo con i miei boxer e non avevo nient'altro su cui mettermi per dormire. Non c'è niente che non abbia visto prima di farmi un sorrisetto. Tornai nel dormiente passandole accanto, accesi la TV e lasciai che cercasse i canali. Mi sono tolto la camicia e mi sono slacciato i pantaloni prima di farli scivolare giù. La prossima cosa che sento sono fischi di lupo e richiami di gatti provenienti da Becky mentre mi fissa il didietro con indosso nient'altro che i miei boxer. Questo mi ha fatto ridere e, a sua volta, ha fatto ridere lei mentre facevo una piccola camminata da gatto. Mi sono sdraiato sulla cuccetta inferiore e stavo sfogliando i pochi canali che avevamo in quella zona. Nulla ha davvero attirato la mia attenzione, quindi ho optato per un episodio di I Griffin e ho avvolto il cuscino dietro di me per sollevare un po' la testa. Becky è tornata e si è seduta sul bordo della mia cuccetta in modo che anche lei potesse vedere la TV, ma con i piccoli confini del camion mi ha impedito di vedere circa metà della TV. Mi sono spostato un po' per avere una visuale migliore e le ho detto di sdraiarsi contro il muro accanto a me in modo che potessimo vedere entrambi. Ci pensò per un momento, poi disse ok mentre tornava indietro. Abbiamo guardato un paio di episodi poi è arrivato Top Gun per il film notturno. Potevo vedere la pelle d'oca su di lei mentre guardavamo Maverick volare vicino alla torre di controllo e sapevo che doveva avere freddo dato che era tempo di autunno e le temperature stavano scendendo negli anni '50 di notte. Mi sono seduto contro il muro accanto a lei e ho preso la mia coperta sotto la quale mi trovavo e lei si era seduta e ci ha coperti entrambi. In un certo senso si è rannicchiata accanto a me e abbiamo guardato il film con lei che si addormentava a metà. La sua testa era sulle mie spalle ed ero un po' bloccato perché non volevo svegliarla. Alla fine, mentre scorrevano i titoli di coda del film, ho provato a sollevare delicatamente la sua testa da me in modo da potermi alzare, spegnere la TV e dormire sulla cuccetta in alto. Questo l'ha fatta agitare e si è svegliata e non ho potuto fare a meno di dire buongiorno bellissimo. Questo l'ha fatta sorridere mentre mi baciava sulla guancia e mi diceva grazie per oggi. Si è alzata, ha spento la tv e ha iniziato a salire sulla cuccetta superiore che devi salire sulla cuccetta inferiore e poi sull'armadietto accanto per salire lassù. Mentre si arrampicava sulla mia maglietta che indossava si è alzata e mi ha dato una visione completa della sua figa senza peli. Mi ha guardato a metà strada sapendo cosa era esposto e mi ha sorriso prima di darmi buonanotte e sogni d'oro.

Stava prendendo tutta la moderazione che avevo per non tirare fuori il mio cazzo e strofinarne un altro dopo il suo piccolo spettacolo di punta. Sapevo che non era intenzionale o lo era. Rimasi lì a rigirarmi finché non mi addormentai un po' più tardi. Circa 3 ore dopo mi sono svegliato perché faceva freddo nel camion, quindi stavo per alzarmi e avviare il motore per scaldare un po' quando ho sentito un piccolo gemito. Mi bloccai e rimasi lì ad ascoltare chiedendomi se l'avessi davvero sentito o se la mia immaginazione si stesse scatenando. Potevo sentire il debole suono di Becky che respirava profondamente e un suono smorzato con un piccolo gemito ogni tanto. Il mio cazzo ora era duro come la roccia quando l'ho tirato fuori e lentamente ho iniziato ad accarezzarlo. Potevi sentire quanto era bagnata la sua figa mentre le sue dita entravano e uscivano e potevi sentire il dolce profumo della sua figa nella piega. I suoi gemiti stavano diventando frequenti mentre si avvicinava all'orgasmo. Stavo accarezzando il mio cazzo più velocemente cercando di abbinare il nostro climax insieme. "Oh sì piccola, fottiti questa figa, falla tua" disse mentre potevo sentire la cuccetta superiore che iniziava a scricchiolare mentre si muoveva. Ero vicino e sapevo che lo era anche lei, il camion puzzava di figa e mi stava facendo impazzire. "Sto per venire piccola per favore riempimi la figa di sperma, sì piccola riempimi" doveva aver seppellito la testa nel cuscino per fermare il suo urlo ma era ancora abbastanza forte quando il mio cazzo ha iniziato a sparare dappertutto la mia mano e il mio stomaco. Immagino di aver fatto un piccolo gemito perché è andata tranquilla e sapevo che sapeva cosa avevo appena fatto. Dopo quelle che sembravano ore, ma erano solo pochi minuti, ha buttato giù un paio di mutandine, immagino, dalla sua borsa e l'ho sentita dire "Puliti con quelle".

Storie simili

GIORNO STRESSANTE

PARTE 1 immagina di tornare a casa da una lunga giornata di lavoro, sei stanco e stressato, tutto ciò che potrebbe andare storto include essere in ritardo al lavoro, il tuo collega che ruba il tuo parcheggio, il tuo computer si è bloccato, il che ti ha fatto inviare gli ordini in ritardo, e poi qualcuno ti ha fatto a pezzi mentre tornavi a casa dal lavoro. arrivi a casa dove ti sto aspettando, apro la porta indossando solo la mia corta camicia da notte di seta azzurra con bordo in pizzo bianco, una vestaglia abbinata, un sorriso sfacciato. mi guardi...

2.8K I più visti

Likes 0

The House A Slave Addestramento e asta Capitolo 11 e 12

Capitolo 11 Padrona Liz Michael e Molly e Milton Mistress Liz-D mi dice che vuole parlarmi prima che cominci. D- Che cazzo ti prende? So che sei stato un po 'giù, quindi cosa succede? Liz- Penso di stare solo facendo i movimenti. Ciò di cui hai bisogno è una sessione difficile. So che ho solo bisogno di trovare il tempo e qualcuno, magari un passivo, che posso frustare e scopare forte. Non posso farlo con Michael forse uno dei nuovi una volta. Mi dice di prendere Milton ma di non ucciderlo. Michael e Molly entrano qui, inizieremo non appena arriva il...

895 I più visti

Likes 0

Morgan L.

Morgan L Morgan era seduta nella sua cucina adesso per la prima volta e cominciò ad avere dei dubbi, mio ​​Dio, pensava che avessi appena passato la notte a scopare due amici di mio figlio. Mi sono divertito da morire, ma i ragazzi parlano che non vorrei che Terry lo scoprisse. Vorrei rivederli, ma potrebbe diventare difficile quando Terry è a casa. Il suo telefono squillò e un pezzo grosso si avvicinò e lei rispose immediatamente, quello che Morgan non sapeva era che i suoi due nuovi amici del sesso stavano organizzando una gangbang con lei per sabato sera. Sabato mattina...

563 I più visti

Likes 0

Una giornata nel bosco Capitolo 14

Bene, tutto - ecco l'atteso capitolo 14. Questa volta non ho elencato tutti i temi - spero che questa storia abbia un po' più di seguito ormai e quelli non sono necessari? Comunque... Capitolo 14 Paul tornò a casa più tardi quel pomeriggio. Ray se la stava cavando abbastanza bene. Gli ci sarebbe voluta una settimana per riprendersi completamente, se non fosse stato per le sue abilità da lycan ci sarebbero volute tre settimane. Paul sperava che Jess stesse andando bene quanto Ray. Entrò in casa e sentì Jess al piano di sopra. Salì le scale, guardò nella loro camera da...

417 I più visti

Likes 0

Le mie prime volte...

Ho parlato con Gary per più di due anni. La nostra relazione era iniziata online. Ha visto una risposta che avevo dato in una chat room e mi ha inviato un messaggio. All'inizio non sembrava interessante, ma più chiacchieravamo e più mi piaceva. Sono cauto per natura, quindi non ha avuto il mio vero nome per più di sei mesi, e anche allora solo il mio nome. A nove mesi gli ho dato il mio numero di cellulare e abbiamo iniziato a parlare al telefono. Dieci mesi ci hanno trovato a fare sesso telefonico regolarmente, cosa che avveniva principalmente nei fine...

2.1K I più visti

Likes 0

Cornuto e moglie

Aveva un aspetto piuttosto semplice. O almeno l'ho pensato da lontano finché non ho visto i suoi profondi occhi verdi a mandorla. Mentre si avvicinava, potevo vedere le sue labbra a forma di arco leggermente rivolte verso l'alto. I suoi capelli erano neri come le piume di un corvo. È passata proprio davanti a me ed è entrata nel bar. I miei occhi seguirono il suo incredibile sedere mentre si dirigeva verso il bar e si sedeva proprio accanto a un uomo di colore molto bello e ben vestito. FANCULO! Mi sono seduto a pochi sgabelli da lei e dal suo...

1.2K I più visti

Likes 0

Teenage Mutant Ninja Turtles Fanfic Capitolo 2 - scusate è tardi

Di Hana M. Brimeck Chiudo la finestra, chiudo gli occhi, mi giro, ricado all'indietro e scivolo sul pavimento. Mi prendo un momento per riprendere fiato finché i miei pensieri non vengono interrotti da un brivido freddo. 'Ho bisogno di una doccia calda.' mi dico mentre finalmente mi rialzo dal pavimento con un gemito. Mi tolgo il maglione e il reggiseno bagnati, non come se stessero facendo molto per coprirmi comunque. Mi prendo un momento per toccarmi i seni tenendoli a coppa tra le mani in un futile tentativo di scaldarli. La mia gonna cade sul pavimento in un ciuffo bagnato, seguita...

748 I più visti

Likes 0

Un sogno per i campeggiatori

Un sogno per i campeggiatori L’inverno nel Michigan era stato lungo e rigido, così io e mia moglie decidemmo di allontanarci da casa per qualche settimana. Mi sono preso due settimane di pausa dal lavoro, ho caricato il camper, ho agganciato il camion e siamo partiti. Era primavera inoltrata quindi abbiamo deciso di andare a sud per goderci un bel tempo caldo. Mia moglie Miko viene dal Giappone, ha 40 anni, è alta 1,70 e pesa circa 120 libbre. Il suo seno non è grande, ma ha un bel corpo sodo e snello. Penso che abbia un corpo fantastico e sia...

424 I più visti

Likes 0

Ti costerà

Ti costerà Per anni io e mia moglie abbiamo scherzato su Ti costerà. È il nostro modo di prenderci in giro. Lo facciamo anche davanti ai bambini. Se mia moglie vuole che falci il prato o porti fuori la spazzatura, le dirò: Ti costerà e lei: Va bene. Poi mi allungo e le prendo la tetta dandole una piccola stretta o alzo la mia mano sulla sua gonna per sentire la sua figa ricoperta di mutandine. Di tanto in tanto mi dimentico di dirlo così mia moglie dirà: Quanto mi costerà? Ebbene, l'altro giorno ho offerto a mia figlia di quattordici...

3.9K I più visti

Likes 0

Il rapimento e l'addestramento di Kitty Parte 2

Per coloro che stanno leggendo questa storia e non hanno letto la prima puntata, mi scuso per l'inizio di questa, parte 2. All'inizio si trascina un po', ma se leggi la prima parte e stai iniziando dalla seconda, pensa a è l'intervallo tra due lungometraggi in un cinema. :) I commenti sull'introduzione non sono necessari perché penso che troverai il resto di questa parte della storia abbastanza eccitante anche per coloro a cui piace in Never, Never, Land. Qualsiasi altro commento è più che benvenuto, specialmente da parte delle donne là fuori. DIVERTITI. Vanione PS: Se a qualche lettore piace molto...

1.8K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.