Il mio migliore amico_(11)

2.8KReport
Il mio migliore amico_(11)

Io e la mia migliore amica, Sophie, ci conosciamo dal primo anno di liceo. Eravamo entrambi piuttosto rumorosi, e penso che questo sia ciò che ci ha uniti. Il primo pensiero che mi è passato per la testa quando ho visto Sophie per la prima volta è stato quanto fosse bella. Era magra ma atletica, con lunghi capelli biondi e occhi blu ghiaccio.

È venuta direttamente da me e si è presentata. Sono stato così sorpreso che il mio primo giorno qualcuno così meraviglioso avrebbe parlato con me, ma non ho lasciato perdere l'opportunità, quindi mi sono anche presentato e da allora siamo stati come mac and cheese, inseparabili. Abbiamo presto scoperto che ci interessavano praticamente le stesse identiche cose ed entrambi ci siamo divertiti ad allenarci e ad allenarci. La nostra amicizia è durata per tutto il liceo, ma non ci siamo mai frequentati o addirittura siamo andati oltre un abbraccio, immagino. Era perfetta ai miei occhi, ma ero sicuro che non mi vedesse allo stesso modo.

Una volta finita la scuola superiore, siamo stati costretti a decidere in quale college andare. Sophie era davvero intelligente, e intendo dire dritte A. Io, d'altra parte, stavo solo gestendo i B, quindi quando sono arrivati ​​i risultati degli esami, a Sophie è stato chiesto di partecipare a tutti i college, ma non lo ero.

È passato un anno da quando eravamo andati per la nostra strada, non fraintendetemi, abbiamo ancora parlato per messaggio, ma non ci siamo mai incontrati o cose del genere. Non avevo idea se avesse incontrato altri ragazzi, o addirittura compiuto l'atto. Ero piuttosto sconvolto dal fatto che non avrei mai avuto la ragazza dei miei sogni, ma poi il mondo è pieno di persone e non avevo ancora incontrato la persona giusta... o no?

Un giorno dal nulla ricevo questo messaggio da Sophie che mi chiede di venire a vedere il suo nuovo appartamento che aveva appena comprato. Sono rimasto così scioccato dal fatto che abbia un appartamento tutto suo e anche dal fatto che voglia che la visiti! Ad ogni modo, rispondo rapidamente dicendo che mi piacerebbe farle visita ed è stato bello sentirla. Abbiamo deciso che andassi a trovarla questo fine settimana, poiché aveva ancora da studiare per tutta la settimana.

La settimana si trascinava ma ero così entusiasta di vederla che non riuscivo a pensare a nient'altro!
Sono uscita per comprare nuovi vestiti e acqua di colonia da indossare a casa sua perché volevo apparire al mio meglio. Mentre stavo facendo la spesa mi sono imbattuto in questo grande cesto pieno di merci casuali tra cui una scatola di bicchieri da vino, un accappatoio, uno spazzolino elettrico, un asciugamano e molte altre cose casuali. Ho deciso di acquistarlo come regalo di benvenuto per Sophie.

Finalmente era sabato mattina! Mi sono alzata dal letto e mi sono preparata le uova per colazione. Ho cercato di aspettare per passare il tempo, ma ero così eccitato che sono salito in macchina e sono andato al nuovo appartamento di Sophie un po' prima del previsto. Finalmente sono arrivato al centro della città e mentre guidavo lentamente cercando di trovare la svolta per la sua strada, ho notato una ragazza che correva. Indossava un reggiseno sportivo attillato e pantaloncini da bici dai colori vivaci. Ricordo di aver pensato wow, è una bella vista, ma ho continuato a cercare il nuovo indirizzo di Sophie.

Dopo quella che sembrava una vita, ho finalmente trovato la sua casa e ho parcheggiato la mia macchina lungo la strada di fronte. Mentre stavo cercando di portare fuori dalla macchina il regalo di inaugurazione della casa, una voce di ragazza dall'altra parte della strada grida: "Hai bisogno di aiuto?" Mi guardo intorno un po' perplesso, ma alla fine scopro da dove viene: è la runner di prima. È Sophie!! Cerco di mettere giù il regalo in modo da poterla abbracciare, ma lei arriva di corsa e quasi mi fa cadere cercando di avvolgermi tra le braccia. Alla fine ci lasciamo andare e posso vedere quanto bene è rimasta in forma e quanto bene si è sviluppato il suo corpo. Ora ha un bel paio di seni e un bel culo, che stava ancora meglio con quei pantaloncini. Il suo viso è esattamente come lo ricordo io, e i suoi occhi sono ancora l'azzurro gelido che ha sciolto il mio cuore così tante volte. Mi porta dentro e mi ringrazia per il regalo.

Dopo almeno mezz'ora di conversazione e di confronto, mi dice che voleva portarmi in un ristorante in centro e che aveva bisogno di una doccia dopo la corsa. Ho chiesto se avesse una tv e così mi ha mostrato dov'era. L'ho acceso e l'ho guardato mentre afferrava il mio regalo di inaugurazione della casa e si dirigeva verso la sua stanza per fare una doccia.

Per un po' ho pensato a me stesso quanto sia bello essere qui in questo momento, con questa splendida ragazza. Dopo circa mezz'ora di sfogliare i canali comincio a chiedermi cosa diavolo potrebbe fare?!

Mi alzo e sento l'acqua della doccia che scorre, quindi provo a manovrarmi per casa finché non arrivo finalmente nella sua camera da letto. Il regalo di inaugurazione della casa è aperto e sdraiato sul suo letto, e ho pensato tra me e me che è bello vedere che era interessata a quello che le ho regalato. Potevo vedere la porta chiusa da cui doveva esserci la doccia, ma potevo anche sentire un ronzio sommesso. Quando mi sono avvicinato alla porta, il ronzio è diventato un po' più forte, quindi ho premuto l'orecchio sulla porta e c'era sicuramente un ronzio proveniente dall'interno del bagno. Mi chiedo cosa potrebbe essere e poi inizio a preoccuparmi se sta bene, perché deve essere lì da almeno 45 minuti. Decido di aprire la porta e con mia sorpresa non era chiusa a chiave.

Non avevo mai visto Sophie nuda, non abbiamo mai avuto quel tipo di relazione, quindi non mi aspettavo di vedere nulla quando ho aperto la porta. Mentre lo apro completamente, posso vedere che la porta della doccia è spalancata, con l'acqua che colpisce il pavimento della doccia, ma senza nessuno all'interno. Guardo alla mia sinistra e vedo Sophie in piedi nuda con una gamba sollevata sul lavandino. Guardo il suo bel corpo, è perfetta in ogni modo, mostra segni di addominali e due bei seni vivaci. I suoi capelli sono lunghi e ricci ed è completamente glabra oltre alla testa, ed è color bronzo con segni di abbronzatura da bikini. Tiene in mano lo spazzolino elettrico che è venuto dal mio regalo di inaugurazione della casa. Lo tiene tra le gambe, contro la figa e geme di piacere. La sua giovane figa era molto piccola e facile da vedere per la mancanza di peli. Potevo vedere correre giù dalla sua figa gonfia. Gira di scatto la testa e vede che la fisso, posso vedere così tante emozioni sul suo viso in questo momento. Proprio mentre cerca di parlare, le sue gambe iniziano a tremare, geme e urla, sta urlando il mio nome! Lascia cadere immediatamente lo spazzolino elettrico e cerca di coprirsi con l'asciugamano più vicino.

Comincia a sembrare molto turbata, quindi le dico che va tutto bene e che mi dispiace di essere entrata. Ho cercato di spiegarmi e perché sono entrata e poi lei cerca di spiegarsi.

Mi dice che non poteva credere a quanto sono diventato virile e che solo pensare a me sotto la doccia l'aveva fatta bagnare. Aveva visto lo spazzolino da denti nella confezione regalo ed era la cosa più vicina che doveva usare come vibratore. Ha detto che le dispiaceva e che avrebbe capito se non avessi voluto restare. Ma la conoscevo troppo bene. So che vuole che rimanga e che mi vuole davvero.

Mi sono avvicinato a lei e le ho messo il viso tra le mani. Le ho detto che era bellissima e fin dal giorno in cui ci eravamo incontrati avevo voluto baciarla. Quindi è quello che ho fatto. L'ho baciata per almeno 5 minuti, prima di toglierle l'asciugamano mentre ci stavamo baciando, quindi era lì, premuta contro di me nuda.

Mi ha spogliato lentamente, inginocchiandomi mentre mi toglievo i boxer in modo che il mio cazzo fosse proprio in faccia. Non riuscivo a credere a quello che stava succedendo, finalmente stavo per scopare la mia migliore amica e la ragazza dei sogni. Restammo lì a baciarci di nuovo, entrambi nudi questa volta, con entrambe le mani che esploravano i corpi dell'altro. L'ho condotta sotto la doccia dove l'ho ripulita dalla testa ai piedi semplicemente strofinandola dappertutto, sentendo il suo corpo che forse la stuzzicava un po'. Poi l'ho avvicinata e le ho baciato la fronte mentre il suo corpo veniva premuto contro il mio con l'acqua che ci colpiva. L'ho baciata mentre le mie mani esploravano il suo corpo, massaggiando i suoi seni e stringendo il suo culo. Sono sceso e ho sollevato la sua gamba in modo che il suo piede fosse sulla mia spalla e la mia testa fosse in linea con la sua figa.

Per prima cosa ci ho fatto scorrere le mani prima di iniziare a leccarlo, con lunghe leccate dalla figa al clitoride. Le ho massaggiato il clitoride con le dita mentre la leccavo, diventando più veloce e più profondo. Con lei che urlava di piacere mi sono alzato in piedi di nuovo, e poi si sarebbe chinata per succhiarmi il cazzo fino a quando non stavo per raggiungere l'orgasmo prima di fermarmi rapidamente e alzarmi in piedi con lo sguardo più malizioso nei suoi occhi. Tenendola stretta di nuovo, l'ho baciata ed esplorata un po' di più con le mie dita, due di loro scivolavano dentro e fuori dalla sua figa e l'altra mano le prendeva il seno. Ho sollevato una delle sue gambe e l'ho appoggiata sul mio petto/spalla e ho fatto scivolare il mio cazzo dentro. Continuando a baciarla, mi muovo lentamente dentro e fuori mentre entrambi gemiamo. Ho continuato ad andare, diventando più veloce fino a quando non ha raggiunto l'orgasmo e ha tremato per l'eccitazione. Ho tirato fuori il mio cazzo e ho iniziato a succhiarle le tette mentre lei mi ha afferrato il cazzo e mi ha sentito duro. L'ho messa contro il muro con il suo culo vivace di fronte a me, e quando si è messa in punta di piedi, ho infilato il mio cazzo nella sua figa da dietro e l'ho spinto dentro e fuori, mentre le succhiavo delicatamente la nuca.

Sempre più veloce, sempre più a fondo ad ogni spinta, gemendo e tremando finché non sono entrato in lei, facendola urlare il mio nome di piacere. L'ho fatta girare in un abbraccio stretto e l'ho tenuta stretta mentre l'acqua continuava a scorrere lungo di noi, e i succhi scorrevano fuori dalla sua figa, giù per la gamba nello scarico.

Storie simili

Corpo di un uomo, mente di macchina - Capitolo sei

Capitolo sei: Sono oltre trenta le persone morte, tutte uccise da un solo uomo senza l'uso di armi da fuoco. È stato definito uno dei peggiori omicidi di massa della storia americana. La vastità della morte, del sangue e degli omicidi senza cuore avvenuti in quell'edificio stava sconcertando la polizia, e ora veniva chiamata l'FBI. Erano trascorse otto ore dal massacro, e Jenny e Adrian si stavano spostando a nord dello stato. una località sconosciuta. Il sole era appena sorto e l'autostrada era quasi deserta. Con grande sollievo di Adrian, Jenny dormiva profondamente sul sedile reclinato del passeggero, con il cappotto...

290 I più visti

Likes 0

Camion con Becky Capitolo 1

CAPITOLO 1 È iniziato come un giorno normale quando la mia sveglia è suonata e sapevo che dovevo alzarmi e andare se volevo fissare l'appuntamento per la consegna in tempo. Sfregandomi il sonno dagli occhi, ancora sdraiato a letto cercando di svegliarmi, ho afferrato il telefono per controllare le notizie del mattino. Quando ho premuto il pulsante Internet, è apparso il sito porno che stavo guardando la sera prima e un video di una tettona rossa ha attirato la mia attenzione. Perché no, ho pensato tra me e me mentre allungavo la mano nei miei boxer e avvolgevo la mano intorno...

1.1K I più visti

Likes 0

Cioccola mamma

Cioccola mamma. Chook ed io eravamo migliori amici da quando ricordo e le nostre mamme ci trattavano come parte della famiglia, quindi ci sentivamo come a casa l'uno nelle case dell'altro. Avevamo giocato a molti giochi sessuali con le ragazze del posto, ma Chook era ancora vergine e avevo provato a fare sesso due volte ma non ci riuscivo fino in fondo, non sono riuscito a venire perché la mia ragazza era vergine e io l'avevo ferita cercando di romperle l'imene, quindi non abbiamo mai completato l'atto... Immagino che tecnicamente non fossi vergine ma in realtà mi sentivo sicuramente tale. Io...

548 I più visti

Likes 0

Agente di Lilith: Capitolo 13

James giaceva da solo in casa sua, disteso sul divano del soggiorno. Aspettando pazientemente l'arrivo del suo ospite, fissò il soffitto, cercando di distogliere la mente dall'inevitabile faccia a faccia con Ishtar. Una cosa alla volta, si disse. Dopo aver lasciato l'ufficio di Tina qualche ora prima, James era tornato a casa e si era trovato in una casa vuota. Era stato accolto da un biglietto sul frigorifero di David, che a quanto pareva aveva preso Brianna ed era andato al matrimonio di un parente fuori città e non sarebbe tornato per qualche giorno. L'altro compagno di stanza di James, Mark...

638 I più visti

Likes 0

Giorni nel dormitorio-Parte 1

Beh, vivo in un dormitorio universitario, quindi puoi immaginare che vedo, sento parlare e faccio MOLTO sesso. Non sono mai stata una puttana ma apprezzo il corpo maschile. Una delle mie scopate preferite è avvenuta durante il primo mese di college con il mio migliore amico, Mike. Sono amico di lui fin dal primo anno del liceo e la nostra amicizia è una cosa che apprezzo molto. Sono venuto al nord (nella California settentrionale dalla California meridionale) per andare a scuola nell'agosto dello scorso anno. Ero piuttosto sola nel mio dormitorio dato che non avevo un compagno di stanza, così ho...

448 I più visti

Likes 0

Morgan L.

Morgan L Morgan era seduta nella sua cucina adesso per la prima volta e cominciò ad avere dei dubbi, mio ​​Dio, pensava che avessi appena passato la notte a scopare due amici di mio figlio. Mi sono divertito da morire, ma i ragazzi parlano che non vorrei che Terry lo scoprisse. Vorrei rivederli, ma potrebbe diventare difficile quando Terry è a casa. Il suo telefono squillò e un pezzo grosso si avvicinò e lei rispose immediatamente, quello che Morgan non sapeva era che i suoi due nuovi amici del sesso stavano organizzando una gangbang con lei per sabato sera. Sabato mattina...

320 I più visti

Likes 0

Benvenuto in Famiglia_(0)

Benvenuto in famiglia Mia moglie, Sarah ed io ci eravamo appena sposati, siamo andati in Tailandia per la nostra luna di miele, quella è stata un'avventura in sé, ma questa è un'altra storia per un'altra volta. Comunque, eravamo appena tornati in campagna qualche giorno prima e siamo andati a trovare i suoi genitori. Mia moglie è sempre stata molto vicina alla sua famiglia, tipo, ridicolmente vicina, ho sempre attribuito il fatto al fatto che io non ero così vicino alla mia famiglia. Mi sorprendeva quando stavamo dai suoi genitori e Sarah usciva con la famiglia in pigiama che generalmente consisteva in...

372 I più visti

Likes 1

L'inizio di una storia d'amore

È la mia prima storia, tutti i feedback sono molto apprezzati Contesto: è ambientato in una scuola privata e parla di un ragazzo di 14 anni che è gay ma non ne ha parlato a nessuno. Finora Era una mattina come tutte le altre, gli uccelli cinguettavano, il sole faceva capolino oltre gli alberi splendendo nella mia stanza. Mi sono alzato velocemente dopo che la mia sveglia ha suonato, spogliandomi velocemente per indossare la mia uniforme. Una camicia blu notte con sotto una maglietta bianca, non è proprio necessario indossare la cravatta ma decido di allacciarla perché no. Cambio i boxer...

291 I più visti

Likes 0

Papavero Capitolo 2

La mattina dopo si svegliò con il canto degli uccelli e il sole che entrava dalla finestra. Mentre si stiracchiava sotto il pesante piumone, si ricordò che aveva dormito nuda. Normalmente non sarebbe stato un grosso problema, ma almeno avrebbe insistito per le mutandine. Ora sorrideva tra sé e sé al pensiero di dormire completamente nuda, consolandosi nel sapere che a Lui piaceva così. Si sarebbe divertita a compiacerlo. Si alzò dal letto, si stirò ancora un po', poi attraversò il tappeto riscaldato dal sole fino al bagno. Cominciò a prepararsi per Lui con una doccia, avendo cura di strofinare bene...

246 I più visti

Likes 0

Confessione a papà_(2)

Ho qualcosa da dirti papà, ma non posso semplicemente dirlo, devo dirti altre cose con esso, ok? Ma ci arriverò, lo prometto. La casa era tranquilla. Eri al lavoro da diverse ore e io avevo già finito le mie faccende. La nostra camera era pulita, i piatti riposti, il bucato piegato... e mi annoiavo. Ero sdraiato sul divano pensando a te ed ero così eccitato che, anche se so che non mi è permesso, ho iniziato a toccarmi. Volevo il cazzo di papà ma non saresti a casa per ore! Ho iniziato lentamente, strofinandomi il clitoride con una mano e prendendomi...

3.1K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.