Trilogia della dolce vendetta. capitolo 2

376Report
Trilogia della dolce vendetta. capitolo 2

*Nota dell'autore: questo appartiene a me. Questo è il capitolo 2 della trilogia La dolce vendetta. Se non hai letto il primo, ti consiglio di farlo. Spero che vi piaccia e, come ho detto, questa parte contiene il non consenso. Non lo giustifico e non ti suggerisco di uscire e farlo.

'...' pensieri

Capitolo 2 - La vendetta è una stronzata, non è vero?

È passato quasi un anno da quando sono stato licenziato e la mia vita è praticamente finita. Ero un professore di psicologia ben pagato presso la scuola superiore locale. Sono stato sorpreso a ricattare e scopare uno dei miei studenti. In un certo senso mi ha incastrato. Quella puttanella ha peggiorato le cose, so che si stava divertendo mentre la scopavo, poi mi ha fatto licenziare.

Circa sei mesi fa, mentre riflettevo sulla mia inutile esistenza, l'ho vista passeggiare con un gruppo di amici. Li ho seguiti e in quel momento un piano si è formato nella mia mente.

Mi vendicherei della piccola presa in giro.

Ogni giorno, negli ultimi mesi, l'ho osservata, seguita, imparando quanto più potevo su di lei. Ora sono pronto a vendicarmi della signorina Emily Wolfe.

***

Mi siedo nella mia macchina nascosto in un vicolo buio. Il cloroformio e la corda pronti per essere utilizzati. Questo posto è desolato, ed è assolutamente ingenua a pensare di poter passare di qui in tutta sicurezza, ma non mi lamento. Mi passo una mano tra i miei ispidi capelli grigi sospirando, sono totalmente annoiato a morte, ma volevo assicurarmi che non mi mancasse.

Passa di qui per tornare a casa dopo aver finito le lezioni. Normalmente i suoi amici la accompagnano, ma questo è uno dei giorni in cui esce presto per andare al lavoro. Torna a casa per lasciare le sue cose e farsi la doccia, poi parte per la clinica, vuole fare l'infermiera.

Poi la vedo girare l'angolo e iniziare a percorrere la strada. Sorrido maliziosamente. Prendo il cloroformio e il panno, scendo dall'auto e la seguo. Mi affretto a mettermi dietro di lei, e proprio mentre arriva nella parte della strada in cui il lampione è rotto e completamente buio, la avvolgo con le braccia, una le tiene le braccia l'altra le copre la bocca e il naso con il sedativo.

Il suo grido è attutito dal tessuto e dalla mia mano, cerca di lottare, ma io resisto, con l'erezione che le colpisce la schiena. Presto si affloscia. Tolgo il telo e la metto su un piccolo cespuglio sul bordo del vialetto, poi torno di corsa alla macchina. Metto il cloroformio sul sedile del passeggero e vado dove l'ho lasciata.

Quando arrivo da lei afferro la corda, nascondendomi nel cespuglio e le assicuro i polsi e le caviglie, poi la prendo in braccio e la metto nel bagagliaio. Mentre torno a casa, inizio a ridere in modo maniacale. Il pensiero di cosa le farò rende la mia erezione quasi dolorosa. Non ho intenzione di tormentarla solo fisicamente, la torturerò anche mentalmente. Facendo godere il suo corpo, mentre lei non vuole spaventarla. La vendetta è dolce.

La sto portando a casa di un amico, visto che il mio appartamento schifoso non sarebbe abbastanza privato per le mie esigenze, lui è in vacanza e mi ha chiesto di occuparmi della casa. Funziona perfettamente, è una casetta isolata, senza vicini, nessuno di cui preoccuparsi. Posso fare quello che desidero.

Dopo il viaggio, che dura poco più di un'ora, entro nel vialetto. Ho dovuto fermarmi una volta dopo circa 45 minuti quando l'ho sentita iniziare a urlare e dimenarsi. Ho semplicemente usato più cloroformio e quando ho fatto a modo mio senza pensarci due volte.

Entro nel garage e apro il bagagliaio. Esco con passo elastico mentre mi lancio il suo corpo privo di sensi sopra la mia spalla e afferro la corda in più. Parto per la camera da letto, mentre mi faccio strada attraverso il soggiorno accendo lo stereo. È classico, gli altoparlanti suonano dolcemente Claire de Lune. Sorrido. 'Perfetto.'

Apro la porta della camera da letto e accendo la luce. La metto sul letto senza troppe cerimonie. Le tengo insieme i polsi, ma prendo la corda in eccesso e la lego alla testiera sopra la testa. Poi le slego le caviglie e le lego separatamente agli angoli opposti del letto. Vado nel bagno adiacente alla camera da letto e vado all'armadietto dei medicinali, prendendo un paio di forbici.

Torno da lei sorridente. Mi avvicino e mi siedo accanto a lei, e inizio a tagliare via la sua maglietta appiccicosa. I suoi seni fuoriescono, di nuovo senza reggiseno. Poi le ho tagliato i pantaloncini rivelando un piccolo perizoma di pizzo. Me ne libero velocemente anch'io, esponendo la sua figa. Quando ho finito metto via le forbici e mi faccio una doccia. Voglio aspettare che si svegli prima di iniziare a giocare.

A metà della doccia sento un gemito intontito e poi lei inizia a urlare. Sento il letto scricchiolare mentre lei inizia a dimenarsi. Sorrido e inizio a fischiare insieme a Debussy. Quando ho finito mi asciugo ma non mi vesto, ormai le sue urla sono diventate rauche.

Esco e la vedo ancora in difficoltà, anche se non così violentemente come prima. Quando mi vede i suoi occhi si spalancano e balbetta. "Signor... signor Krauss? Che cazzo stai facendo? Lasciami andare!" Mi avvicino a lei. "Penso che a questo punto della nostra relazione Emily, puoi chiamarmi Jon." Mi lancia un'occhiataccia. "Bene, allora vai a farti fottere Jon." Dice il mio nome con sarcasmo e io sorrido. "Brava ragazza." Le accarezzo il viso e lei cerca di mordermi. Mi allontano ridacchiando.

Indico il coltello da cucina che ho sul comodino. "Non vuoi che lo usi, vero?" I suoi occhi si spalancano ancora di più. "Allora comportati bene, Emily." Le accarezzo di nuovo il viso e lei giace lì immobile.

"Perché stai facendo questo?"

"Direi, 'per darti una lezione', ma considerando che non sono più un insegnante, lo chiamerò... vendetta. Pensi che sembri adatto, non è vero?" Vedo che le lacrime iniziano a rigarle il viso. "Oh, non piangere Emily. Hai scelto questo, sono qui solo per mostrarti cosa succede quando freghi qualcuno."

Vado fino ai piedi del letto e mi insinuo tra le sue gambe. Le mordo le cosce e la pancia, dirigendomi verso il suo seno. La guardo, osservandola lottare debolmente, con le tette troppo sviluppate che ondeggiano. Ne stringo uno e lei geme leggermente prima di mordersi il labbro. Comincio a massaggiarle il seno e lei emette un altro gemito involontario.

Mi chino e prendo in bocca l'altro capezzolo. La sua schiena si inarca involontariamente. Sorrido e succhio con fervore il suo seno mentre l'altro le pizzica il capezzolo. Mordo leggermente la sua carne morbida e la sento sussultare. Muove leggermente i fianchi, strofinando la figa sulla mia gamba. Sento che inizia a bagnarsi.

Continuo a giocare con i suoi capezzoli mentre lei stimola il clitoride sulla mia coscia. Poi mi siedo e la guardo. Le sue guance sono arrossate e bagnate di lacrime. Le lecco la guancia e la sento rabbrividire. Mi struscio contro la sua figa, lasciandole sentire la mia erezione, la sua umidità che ricopre il mio cazzo.

"Ti stai divertendo, vero Emily?" Lei mi fissa semplicemente con tristezza.

SMACCO.

Il rumore echeggia nella stanza, aggiungendo un rumore simile a un tuono alla musica soft, mentre le schiaffeggio forte il viso. Un segno rosso inizia ad apparire quasi istantaneamente mentre lei mi guarda scioccata. "Rispondetemi!" Lei non risponde, alzo di nuovo la mano, preparandomi a colpirla di nuovo e lei forza la risposta. "N-n-no!"

Le stringo forte il seno. "Bugiardo," sussurro. "Sento quanto sei bagnata, troia." Altre lacrime le scendono sul viso per il palese tradimento del suo corpo e sorrido.

Scivolo lungo il suo corpo e mi riposo tra le sue cosce. È gonfio e rosa, cereato e già grondante dei suoi succhi. Inspiro il suo profumo e mi lecco le labbra. Mi chino in avanti e faccio scorrere la lingua sul suo clitoride. I suoi fianchi si muovono e io le afferro le cosce per tenerla ferma. Le lecco di nuovo il clitoride, facendolo girare in tondo, facendolo gonfiare e fuoriuscire dal cappuccio.

La succhio in bocca e lei geme. Faccio ruotare la lingua attorno alla piccola protuberanza mentre succhio e ci passo sopra leggermente i denti. Comincia a spingermi in faccia. Sento la sua umidità sul mento mentre continuo il mio assalto al clitoride. La mia lingua fa dei cerchi leggeri mentre la succhio, premendola di tanto in tanto.

Poi rilascio il suo clitoride e inizio a girarlo con il pollice mentre scendo. Faccio scorrere la lingua sulla sua apertura. Sento le sue cosce tremare mentre infilo la lingua dentro di lei. Ha un sapore divino e con gioia infilo la mia lingua dentro di lei.

Comincio a pompare la lingua dentro di lei, facendola roteare e leccando contro il muro più vicino alla sua pancia cercando il suo punto debole, lei sussulta facendomi sapere che l'ho trovato. Le mie dita circondano il suo clitoride e infilo la lingua dentro di lei. Le mordo le labbra della figa facendola gemere. Sento la sua fica che inizia ad afferrarmi leggermente la lingua mentre si avvicina.

La mia bocca e la mia mano cambiano posizione, le succhio il clitoride mentre infilo con forza le mie dita nel suo buco. Pompa velocemente, sapendo che presto rilascerà. Inizio a canticchiare, inviando piccole vibrazioni al suo clitoride e la tocco furiosamente. Ho spinto forte e le ho morso il clitoride e lei è esplosa intorno a me. La sua figa trema attorno alle mie dita e tutto il suo corpo si dimena sul letto.

Mentre inizia a scendere dalla sua nuvola euforica, mi siedo e striscio di nuovo sul suo corpo. Sorrido quando vedo il suo viso arrossato, le palpebre parzialmente chiuse e la bocca aperta, un brivido visivo che le attraversa il corpo di tanto in tanto.

"Ti sei divertita Emily?" I suoi occhi si aprono leggermente. "Per favore?" Sussurra. Inclino leggermente la testa. "Per favore cosa?" Resta in silenzio per qualche secondo prima di parlare a bassa voce. "Fermare..."

Il mio sorriso svanisce e la mia mente si svuota. Sento che la rabbia inizia a crescere. Deve vedere qualcosa di oscuro nel mio sguardo perché vedo la paura abbracciare la tua espressione. "Ju-solo, lasciami andare. N-non-non lo dirò a nessuno. Giuro, per favore J-jon, lasciami andare."

"Ti ho già punito una volta per aver mentito, sembra che dovrò farlo di nuovo. So che ti diverti, troia. Non posso lasciarti andare, non hai ancora imparato la lezione."

Scivolo via da lei e mi metto sul pavimento ai piedi del letto. Comincio a slegarle le caviglie e la vedo rilassarsi. "Lei pensa che la rilascerò."

Una volta slegati la giro velocemente cogliendola di sorpresa. Lei emette un grido sorpreso e io inizio a legarle di nuovo le caviglie. "Devi darti una lezione..."

Comincia a dibattersi mentre vado a sedermi accanto a lei. Prendo un cuscino, lo piego a metà e glielo infilo sotto sollevandole il sedere per aria. Mi chino, accarezzandole dolcemente il sedere. Lo faccio scorrere fino al punto in cui si trova su una guancia.

Alzo la mano e la abbasso con forza. COLPO. Risuona nella stanza insieme al suo grido. Passo all'altra guancia, la accarezzo e la sculaccio forte. Ripeto il procedimento più e più volte, alternando da una guancia all'altra. La guardo mentre il suo culo passa dal rosa opaco al cremisi brillante.

Ogni volta che la mia mano si abbassa, lei emette un grido. "FERMATI! PER FAVORE! È HUUURTTTSSSSS!" La mia faccia rimane impassibile mentre continuo a sculacciarle il culo tonico e sexy.

Dopo 30 schiaffi mi fermo. La mia mano scivola dolcemente sul suo sedere, posso sentire il calore che si irradia da esso mentre il sangue scorre sulla superficie. La sento piangere e borbottare in modo incoerente. La mia mano affonda nella fessura del suo sedere e la sento ferma. Spingo leggermente un dito contro il suo buco del culo. È stretto, sembra quasi vergine.

Faccio scorrere la mano sulla sua figa. È completamente fradicia. La fisso. "Ti è piaciuto essere sculacciato, vero?" Deve aver imparato qualcosa perché annuisce leggermente. Sento il calore salire sul mio viso mentre la mia rabbia raggiunge il culmine. "Allora avrai bisogno di una punizione peggiore, qualcosa che non ti piacerà!" grido mentre vado velocemente dietro di lei.

Le strofino la fica con il dito bagnandola con il suo succo, poi glielo porto nel culo. Spingo forte, attraversando con forza i muscoli tesi, e inizio a pompare forte, è stretto e posso dire che le fa male. Lei urla quando riesco ad entrare, chiedendomi di fermarmi, implorandomi. Pompa più velocemente, allentando un po' il volume per quello che sta per entrare lì dentro. È stretta, anche con un solo dito, i suoi muscoli si stringono intorno a me cercando di tenere fuori l'invasione e spingermi fuori.

Quando sento che inizia a sciogliersi, immergo il mio dito medio nella sua figa, poi glielo porto nel culo aggiungendolo con il mio primo. Pompa più forte quando entra il secondo dito. Adesso sta piangendo, vedo le lacrime rigarle il viso e provo un leggero senso di soddisfazione, il mio cazzo diventa ancora più duro.

Alla fine tiro indietro le dita e mi posiziono dietro di lei. Metto la testa del cazzo contro la sua figa e lei piagnucola. Mi immergo in lei, pensando di ricoprire il mio cazzo con i suoi succhi prima di andare alla mia prossima conquista. Geme leggermente mentre pompa lentamente dentro di lei. Sorrido ai pensieri che mi attraversano la mente riguardo alla sorpresa che sta per ricevere.

Mi tiro fuori da lei e mi posiziono contro il suo buco del culo raggrinzito, le sue reazioni sono istantanee. Comincia ad agitarsi selvaggiamente, urlando e implorandomi di fermarmi. Sento che la rabbia mi prende e alzo la mano e prendo il coltello dal comodino. Le afferro una manciata di capelli, le tiro bruscamente la testa all'indietro e le premo la lama sulla gola. Lei si immobilizza all'istante.

"O smettila adesso, o ti taglio la gola e ti scopo mentre sanguini. Capito?"

"Per favore, smettila. Io-non ne ho mai avuto uno lì prima, per favore, farò qualsiasi altra cosa, ti farò un pompino, ti scoperò, ti cavalcherò tutto tranne quello."

"Ma è proprio questo il punto. Voglio rivendicare il tuo culo come mio. Ho già avuto la tua bocca e la tua fica, come sono sicuro che lo abbiano fatto anche molti altri ragazzi della confraternita. Questa è mia."

"Smettila..." La interruppi premendo più forte sulla sua gola, facendo sì che un piccolo rivolo di sangue iniziasse a scorrerle lungo la gola. "Ti farò, ricorda il mio avvertimento, o smetti, o ti scoperò il culo mentre muori. Scegli."

Le lacrime agli occhi di nuovo, ma lei si ferma. Mi appoggio allo schienale, facendole scorrere il coltello lungo la schiena facendola rabbrividire. Lo metto accanto a me sul letto mentre appoggio una mano su uno dei suoi fianchi e afferro il mio cazzo, posizionandolo sopra il suo piccolo bocciolo di rosa stretto.

Comincio a spingere in avanti, aumentando la pressione quando non faccio progressi. Ci vogliono diversi minuti prima che, con uno schiocco, la mia testa di cazzo entri oltre il suo anello di muscoli scandalosamente stretto. Entrambi restiamo senza fiato quando riesco ad entrare, il mio per il piacere, lei per il dolore. Volendo avvolgermi nelle sue calde profondità, inizio a spingermi rapidamente in avanti. Inizia a piangere in agonia e cerca di liberarsi, io le afferro i fianchi e la costringo ad abbassarsi per il resto della mia lunghezza.

Urla di dolore, ma non ci faccio caso. Sono in pura beatitudine. È incredibilmente tesa e calda, i suoi muscoli si stringono intorno a me e io gemo. Comincio a pompare lentamente, più per il mio comfort che per il suo. Voglio lasciarla andare ancora un po' prima di iniziare a scoparla davvero.

Dimena il culo cercando di spostarmi. Le do un colpo sul sedere tenero facendola guaire, e lei smette di lottare, ma continua a piagnucolare e implorarmi, e mi eccita ancora di più.

Comincio a guadagnare velocità man mano che lei si abitua alla mia taglia, scivolando dentro e fuori facilmente. Mi tiro indietro lentamente e mi spingo a farla urlare di nuovo, continuo a farlo ancora e ancora, grugnendo ogni volta.

Comincio a pompare velocemente e le sue urla diventano più forti mentre la colpisco. Abbasso lo sguardo e guardo il mio cazzo scivolare dentro e fuori dal suo culo, è uno spettacolo meraviglioso mentre la penetro. Il suo pianto diventa più forte mentre la scopo più velocemente, pompando dentro le sue viscere a tutta forza.

Le afferro i fianchi e inizio a tirarli verso di me, facendole incontrare le mie spinte e portandomi ancora più in profondità. I suoi muscoli continuano a contrarsi, facendomi sentire qualcosa che non ho mai provato.

Sento che le mie palle iniziano inevitabilmente a stringersi man mano che mi avvicino al mio rilascio. Mi avvicino, afferro il coltello e lo posiziono appena sotto il suo sedere, premendo leggermente verso il basso.

"D-dì che mi chiamo Emily." Grugnisco mentre la penetro con forza.

"Jon..." mormora. Comincio ad incazzarmi. Premo più forte con la lama.

"Più forte." Lo sottolineo con una spinta.

"Jon!"

Le taglio rapidamente la pelle, praticandole un taglio superficiale sulla coscia.

"Più forte!"

"JON!JON!JON!JON!JONJONJONJONJON!!"

Gemo mentre pronuncia il mio nome, che si fonde insieme durante la sua agonia. Continua a gridare il mio nome mentre mi libero nelle sue viscere, con la spinta finale che mi seppellisce in lei. Spruzzi di sperma dopo l'altro da parte mia, non ho mai avuto un orgasmo così potente. Lei trema quando sente che le sborro e cerca di divincolarsi di nuovo, ma io ringhio leggermente e lei si ferma.

Quando finisco, sento che il mio cazzo inizia ad ammorbidirsi e mi tiro fuori. Mi chino accanto a lei, vedendo i suoi occhi sbattere le palpebre per la stanchezza.

"Per favore... lasciami... andare..." dice piano. Ridacchio leggermente. "Credo di poterlo fare adesso, visto che hai imparato la lezione. Però non dirlo a nessuno, altrimenti ti ritroverò e sarà molto peggio. Capito?"

Lei annuisce leggermente, e io le passo le dita tra i capelli e le tiro indietro la testa. "Capire?" Lo dico con più forza.

"Io... capisco." Dice debolmente. "Bene." Le lascio la testa e lei la lascia cadere. La guardo sbattere gli occhi e poi chiudersi mentre perde conoscenza. Sorrido mentre vado a vestirmi. Quando torno è ancora svenuta. Comincio a slegarla, fischiettando allegramente.

***

La lascio nuda vicino a casa sua, allontanandomi velocemente perché nessuno mi veda. Rido di gioia e ripenso agli eventi della notte. Ha funzionato piuttosto bene. Due tagli, una brutale inculata e un'emozione spaventosa, le insegneranno sicuramente una lezione. Parto via, programmando una piccola vacanza per festeggiare.

*5 SETTIMANE DOPO*

UOMO ARRESTATO FUORI CASA, ACCUSATO DI RAPIMENTO E DI SESSO FORZATO CON UN'ADOLESCENTE LOCALE ED EX STUDENTESSA, EMILY WOLFE. pagina 5 per i dettagli.

*1 MESE DOPO*

UN UOMO RITENUTO COLPEVOLE DEL RAPIMENTO E STUPRO DI UN'ADOLESCENTE LOCALE. EMILY WOLFE. CONDANNA A 8 ​​ANNI DI PRIGIONE. Tempo abbastanza soleggiato con cambio di nubi.

**Spero che vi sia piaciuto, il feedback è apprezzato e la conclusione dovrebbe essere pubblicata presto, quindi cercatela.**

Storie simili

GIORNO STRESSANTE

PARTE 1 immagina di tornare a casa da una lunga giornata di lavoro, sei stanco e stressato, tutto ciò che potrebbe andare storto include essere in ritardo al lavoro, il tuo collega che ruba il tuo parcheggio, il tuo computer si è bloccato, il che ti ha fatto inviare gli ordini in ritardo, e poi qualcuno ti ha fatto a pezzi mentre tornavi a casa dal lavoro. arrivi a casa dove ti sto aspettando, apro la porta indossando solo la mia corta camicia da notte di seta azzurra con bordo in pizzo bianco, una vestaglia abbinata, un sorriso sfacciato. mi guardi...

2.8K I più visti

Likes 0

The House A Slave Addestramento e asta Capitolo 11 e 12

Capitolo 11 Padrona Liz Michael e Molly e Milton Mistress Liz-D mi dice che vuole parlarmi prima che cominci. D- Che cazzo ti prende? So che sei stato un po 'giù, quindi cosa succede? Liz- Penso di stare solo facendo i movimenti. Ciò di cui hai bisogno è una sessione difficile. So che ho solo bisogno di trovare il tempo e qualcuno, magari un passivo, che posso frustare e scopare forte. Non posso farlo con Michael forse uno dei nuovi una volta. Mi dice di prendere Milton ma di non ucciderlo. Michael e Molly entrano qui, inizieremo non appena arriva il...

895 I più visti

Likes 0

Morgan L.

Morgan L Morgan era seduta nella sua cucina adesso per la prima volta e cominciò ad avere dei dubbi, mio ​​Dio, pensava che avessi appena passato la notte a scopare due amici di mio figlio. Mi sono divertito da morire, ma i ragazzi parlano che non vorrei che Terry lo scoprisse. Vorrei rivederli, ma potrebbe diventare difficile quando Terry è a casa. Il suo telefono squillò e un pezzo grosso si avvicinò e lei rispose immediatamente, quello che Morgan non sapeva era che i suoi due nuovi amici del sesso stavano organizzando una gangbang con lei per sabato sera. Sabato mattina...

563 I più visti

Likes 0

Una giornata nel bosco Capitolo 14

Bene, tutto - ecco l'atteso capitolo 14. Questa volta non ho elencato tutti i temi - spero che questa storia abbia un po' più di seguito ormai e quelli non sono necessari? Comunque... Capitolo 14 Paul tornò a casa più tardi quel pomeriggio. Ray se la stava cavando abbastanza bene. Gli ci sarebbe voluta una settimana per riprendersi completamente, se non fosse stato per le sue abilità da lycan ci sarebbero volute tre settimane. Paul sperava che Jess stesse andando bene quanto Ray. Entrò in casa e sentì Jess al piano di sopra. Salì le scale, guardò nella loro camera da...

417 I più visti

Likes 0

Le mie prime volte...

Ho parlato con Gary per più di due anni. La nostra relazione era iniziata online. Ha visto una risposta che avevo dato in una chat room e mi ha inviato un messaggio. All'inizio non sembrava interessante, ma più chiacchieravamo e più mi piaceva. Sono cauto per natura, quindi non ha avuto il mio vero nome per più di sei mesi, e anche allora solo il mio nome. A nove mesi gli ho dato il mio numero di cellulare e abbiamo iniziato a parlare al telefono. Dieci mesi ci hanno trovato a fare sesso telefonico regolarmente, cosa che avveniva principalmente nei fine...

2.1K I più visti

Likes 0

Cornuto e moglie

Aveva un aspetto piuttosto semplice. O almeno l'ho pensato da lontano finché non ho visto i suoi profondi occhi verdi a mandorla. Mentre si avvicinava, potevo vedere le sue labbra a forma di arco leggermente rivolte verso l'alto. I suoi capelli erano neri come le piume di un corvo. È passata proprio davanti a me ed è entrata nel bar. I miei occhi seguirono il suo incredibile sedere mentre si dirigeva verso il bar e si sedeva proprio accanto a un uomo di colore molto bello e ben vestito. FANCULO! Mi sono seduto a pochi sgabelli da lei e dal suo...

1.2K I più visti

Likes 0

SCOPANDO LA SORELLA DI 17 ANNI DEI MIEI MIGLIORI AMICI DURANTE IL SONNO

Mi chiamo Alex e ho 15 anni. Questa è una storia che mi è successa lo scorso fine settimana. Era una normale serata del fine settimana, alcuni amici e io stavamo bevendo a casa del mio migliore amico Jared. I suoi genitori avevano portato la sua sorellina a Disneyland per il fine settimana. Sua sorella maggiore di 17 anni era ancora a casa ed era una bomba bionda 12 su dieci. Ha tette perfettamente rotonde con coppa C con piccoli capezzoli rosa. Lei è naturalmente abbronzata e si depila la figa. So tutto questo perché una settimana fa stavamo nuotando nella...

1.1K I più visti

Likes 0

Teenage Mutant Ninja Turtles Fanfic Capitolo 2 - scusate è tardi

Di Hana M. Brimeck Chiudo la finestra, chiudo gli occhi, mi giro, ricado all'indietro e scivolo sul pavimento. Mi prendo un momento per riprendere fiato finché i miei pensieri non vengono interrotti da un brivido freddo. 'Ho bisogno di una doccia calda.' mi dico mentre finalmente mi rialzo dal pavimento con un gemito. Mi tolgo il maglione e il reggiseno bagnati, non come se stessero facendo molto per coprirmi comunque. Mi prendo un momento per toccarmi i seni tenendoli a coppa tra le mani in un futile tentativo di scaldarli. La mia gonna cade sul pavimento in un ciuffo bagnato, seguita...

748 I più visti

Likes 0

Un sogno per i campeggiatori

Un sogno per i campeggiatori L’inverno nel Michigan era stato lungo e rigido, così io e mia moglie decidemmo di allontanarci da casa per qualche settimana. Mi sono preso due settimane di pausa dal lavoro, ho caricato il camper, ho agganciato il camion e siamo partiti. Era primavera inoltrata quindi abbiamo deciso di andare a sud per goderci un bel tempo caldo. Mia moglie Miko viene dal Giappone, ha 40 anni, è alta 1,70 e pesa circa 120 libbre. Il suo seno non è grande, ma ha un bel corpo sodo e snello. Penso che abbia un corpo fantastico e sia...

424 I più visti

Likes 0

Ti costerà

Ti costerà Per anni io e mia moglie abbiamo scherzato su Ti costerà. È il nostro modo di prenderci in giro. Lo facciamo anche davanti ai bambini. Se mia moglie vuole che falci il prato o porti fuori la spazzatura, le dirò: Ti costerà e lei: Va bene. Poi mi allungo e le prendo la tetta dandole una piccola stretta o alzo la mia mano sulla sua gonna per sentire la sua figa ricoperta di mutandine. Di tanto in tanto mi dimentico di dirlo così mia moglie dirà: Quanto mi costerà? Ebbene, l'altro giorno ho offerto a mia figlia di quattordici...

3.9K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.