Insegnante di matematica a scuola

3.7KReport
Insegnante di matematica a scuola

"Vuoi andare in panchina, Jeffrey?" chiese severa la signora Bordon. "No" ho mormorato. La panca, o meglio "Da bench" come la pronunciava lei stessa, era la panca davanti all'ufficio del preside. Era il luogo in cui la signora Bordon mandava i bambini che si comportavano male a sedersi mentre chiamavano i genitori e generalmente li umiliava. Non ero un cattivo ragazzo, mi piaceva solo scherzare e dato che ero bravo in matematica, potevo permettermi di parlare molto e tenere il passo. Alla signora Bordon in realtà piacevo, ma ogni tanto doveva minacciare la panchina per tenermi in riga. Non ero mai andato alla panchina, non ero poi così male. Stavo appena parlando con la ragazza, Meredith, accanto a me. A 15 anni, ero un professionista a masturbarmi e pronto a passare alla cosa reale. Ho chiacchierato incessantemente con le ragazze, cercando di capire come farne una nuda. Onestamente, non so come gli altri ragazzi abbiano fatto o fatto questo; Vivevo a casa con i miei genitori e mia madre era sempre lì. Non avevo ancora una macchina. Di tanto in tanto, gli ostacoli sembravano insormontabili. Ero sicuro, però, che tutto fosse cominciato con la ragazza.

Per questo motivo, solo cinque minuti dopo, la signora Bordon mi ha minacciato di nuovo con la panchina e gli altri ragazzi hanno ridacchiato. Sorrisi a Meredith e feci del mio meglio per tacere per il resto dell'ora. È stata dura, Meredith aveva le tette più grandi della nostra classe ed era tutto quello che potevo fare per non allungare la mano e prenderle. Sembrava che le piacessi e non vedevo l'ora fino alla prossima lezione quando avrei potuto riprovare con un nuovo insegnante che si arrabbiava con me. Quando finalmente suonò la campanella, ero pronta a seguire Meredith fuori dalla classe, fissando il suo culetto tondo per tutto il tempo, quando la signora Bordon mi richiamò. uff!

La signora Bordon ha iniziato dicendomi che molti altri ragazzi non hanno capito bene quanto me e avevano bisogno di essere in grado di concentrarsi. Ha capito che ero intelligente e che mi interessavo solo alle ragazze......... Ho catturato pezzi e pezzi mentre fissavo la sua profonda scollatura nera. Immagino che descriverei la signora Bordon come una bella donna? Era grassa, per usare una parola gentile e scura come un bar Hershey. Aveva le curve in tutti i posti giusti. A 5'7 "eravamo all'incirca della stessa altezza ma lei doveva pesarmi di 50 libbre. Le sue tette erano enormi, facevano vergognare Meredith e aveva sempre una scollatura di sei o più pollici che pendeva dalla parte superiore del la sua camicia. Indossava camicie bianche abbottonate e gonne nere quasi tutti i giorni. Aveva un bel culo rotondo e grande e le sue gambe erano ben fatte. Oltre a tutto questo, aveva grandi labbra carnose e portava sempre un rossetto rosso brillante. Posso solo descrivere i suoi capelli come "come Oprah". Avevo fantasticato sulla signora Bordon in più di un'occasione, più o meno come tutte le mie insegnanti donne.

"Jeffrey!" Alzai lo sguardo e la signora Bordon sembrava severa. "Non credo che tu stia ascoltando Jeffrey, ho bisogno che torni dopo la scuola così possiamo capire cosa fare con te." Gemetti "Non voglio doverti mandare in panchina Jeffrey." lei finì. Deluso dalla mia fortuna, sono passato alla lezione successiva dove ho raccontato a Meredith cosa era successo. "Peccato," tubò "I miei genitori lavorano entrambi e speravo potessi venire ad aiutarmi con i miei calcoli visto che sei così bravo." Le implicazioni erano sconcertanti e gemevo ancora una volta e la mia sfortuna. Parla di una giornata di merda.

Alle tre, sono andato nella stanza della signora Bordon come da istruzioni, pieno di risentimento. La signora Bordon era piegata sulla sua borsa gigante sul pavimento e non mi ha visto entrare. Ho guardato il suo culone e il contorno della sua biancheria intima da nonna attraverso il tessuto della gonna. Le sue gambe erano leggermente divaricate e potevo vedere la parte superiore delle sue calze di nylon dove la sua gonna si sollevava. Carino. Tossii incerta e la signora Bordon si alzò e si voltò. "Oh, Jeffrey, mi hai fatto trasalire. Perché non chiudi la porta in modo da non avere più distrazioni mentre cerco di farti ragionare?" Ho fatto come ha detto e come ripensamento, la signora Bordon ha suggerito scherzosamente che avrei dovuto chiuderlo a chiave come assicurazione che avrebbe avuto la mia totale attenzione. Così ho fatto come mi ha chiesto.

La signora Bordon stava applicando un nuovo strato di rossetto, a quanto pare era quello che stava pescando dalla sua borsa quando sono entrato. Ho fissato le sue grandi labbra rosse e le ho immaginate avvolte intorno al mio cazzo. "Perché non ti siedi Jeffrey." Suggerì la signora Bordon. Mi sono seduto a una scrivania in prima fila e lei ha continuato a camminare avanti e indietro davanti a me mentre ripeteva il suo schpiel di prima. Ho guardato il suo bel culo muoversi su e giù e ho cercato di far scoppiare i bottoni della sua camicetta bianca. CREPA!! Sussultai quando la signora Bordon sbatté un bastone di legno sulla sua scrivania per attirare la mia attenzione. "Hai sentito una parola che ho detto?!?!" era frustrata. Si strofinò il collo e si stirò mentre si allontanava da me. "Voi ragazzi siete impossibili una volta che inizi a interessarti alle ragazze che semplicemente non ascolti più." Camminò e si accasciò sulla sedia girando la testa da un lato all'altro mentre si massaggiava ancora il collo.

Mi sono alzato di scatto e mi sono scusato. Mi sono sentito male e ad essere sincero avevo paura di essere mandato in panchina. La signora Bordon sembrava pronta a rinunciare a me. "Cosa posso fare signora Bordon? Cosa vuole che faccia?"

"Quello di cui hai bisogno è un whoopin', Jeffrey." Dichiarò, tenendo ancora in mano il bastone da giardino. Mi voltai, mi chinai su una scrivania e la guardai. Ho pensato che avrebbe alleggerito l'atmosfera e lei avrebbe riso con me. Con mio orrore, si alzò e si avvicinò a me con il bastone da giardino. "Beh, so che non dovrei farlo, ma Dio sa che ne hai bisogno ragazzo." Ho rabbrividito alla parola ragazzo. A quindici anni, ero davvero così, ma desideravo disperatamente essere considerato un uomo. Detto questo, è venuta al mio fianco e mi ha messo un braccio sulla schiena, immagino per tenermi giù e impedirmi di correre. Poi il mio insegnante ha proceduto a schiaffeggiarmi sul culo con il metro. Di certo non mi sentivo un uomo.

Il bastone da giardino non era poi così male come sembrava. Era abbastanza ampio, leggero e piuttosto inefficace. La signora Bordon, d'altra parte, stava trasmettendo brividi attraverso il mio corpo. Il suo enorme seno sinistro era premuto saldamente contro la mia gabbia toracica e si strofinava e rimbalzava ad ogni colpo del bastone. Potevo cogliere gli odori del suo profumo e del burro di cacao. Guardando in basso, potevo vedere il fondo del suo ampio culo e i suoi bei polpacci neri in cima a piccoli tacchi alti. Quello che ho visto anche, è stato che il mio cazzo si era gonfiato per creare una tenda piuttosto evidente nei miei pantaloni. "Pensi di averne avuto abbastanza Jeffrey?" mi ha chiesto la signora Bordon. "NO" gemetti, non potevo stare in piedi davanti a lei così. La signora Bordon ha schiaffeggiato più forte con il bastone da giardino alcune altre volte mentre provavo ogni trucco mentale che conoscevo per liberarmi della mia erezione.

A quell'età, non avevo quasi alcun controllo su quando e dove il mio uccello si sarebbe indurito. Quando la signora Bordon ha finito, si è allontanata da me e io mi sono alzato di fronte a lei. La signora Bordon iniziò di nuovo una conferenza e io fissai con vergogna il fondo della stanza. "Jeffrey, guardami quando ti parlo." Con riluttanza, mi voltai e la signora Bordon mi guardò. Ha visto la vergogna sul mio viso e poi ha abbassato lo sguardo. Le sue grandi labbra rosse formavano una O mentre fissava il mio inguine. Inconsciamente, si passò le unghie rosse sulla clavicola. "Oh, Jeffrey, non essere imbarazzato, questo è comune per i bambini della tua età."

"Non sono un bambino." Ho risposto con furia. La vergogna dell'esposizione mi aveva spinto oltre il limite. Non ero il tipo di ragazzo che normalmente risponderebbe a un insegnante, non con rabbia. La signora Bordon si alzò più dritta e mi guardò. "Oh, quindi ora sei un uomo? Sai cosa fare con quella cosa Jeffrey?"

"Potrei farlo proprio ora se non fossi qui ad ascoltare la tua stupida vecchia lezione." Il mio risentimento è riaffiorato quando ho capito che potevo stare con Meredith in questo momento. La signora Bordon sembrava sul punto di ridere e questo mi ha solo fatto arrabbiare ancora di più. "non avresti la prima idea di cosa fare con quella piccola cosa Jeffrey." Da qualche parte dentro di me, ho capito che avrei dovuto tacere, ma ero così arrabbiata e vergognosa che non riuscivo a controllarmi. "Non sono un ragazzo e non sono piccolo e so esattamente come usarlo!!" Con quello ho slacciato i miei jeans e li ho tirati giù così il mio cazzo si è liberato. Veramente, ero un ragazzo, il mio cazzo era duro forse 6 pollici e non avevo la prima idea di cosa farne.

La signora Bordon sussultò e si portò le mani alle labbra. "Jeffrey, rimettiti quella cosa nei pantaloni." Invece ho iniziato a tirarlo su. Lasciando che la signora Bordon fissasse i peli pubici rosso rame che lo circondavano. Mi avvicinai a lei e lei non riusciva a staccare gli occhi di dosso. "Penso che lei debba essere sculacciata, signora Bordon." C'era un misto di terrore e quello che non avevo ancora riconosciuto come lussuria nei suoi occhi. Era come uno zombie quando l'ho girata e l'ho piegata sulla scrivania.

Ho afferrato il bastone da giardino e ho iniziato a sculacciarle il culo grosso. Il mio cazzo è stato premuto contro il lato delle sue tette, perdendo pre-cum su tutta la sua camicetta bianca. "Oh, Jeffrey," sussurrò "non dovresti farlo." La mia risposta è stata più colpi con il bastone. "Sei stata una cattiva ragazza, signora Bordon." Le ho detto. Continuò a tremare a ogni schiaffo.

Sembrava dimenarsi molto, massaggiandosi le gambe mentre mi pregava di fermarmi. "Sei stata una cattiva ragazza." Le ho detto di nuovo. "Ammetti di essere stato cattivo." La signora Bordon ha semplicemente scosso la testa e l'ha rimessa sulla scrivania. Il mio cazzo pulsava e non avevo idea di dove stesse andando, ma ho buttato via il bastone da giardino e ho iniziato a schiaffeggiarle il culo con la mano. "Dimmi che sei stato cattivo." ho insistito. Scosse di nuovo la testa e continuò a dimenarsi e a tremare. Ho iniziato ad afferrare una grossa manciata di guancia a ogni schiaffo e a strofinare brevemente. Con lo sfregamento, la sua gonna stava cominciando a salire e mi sono reso conto che potevo vedere il fondo delle sue mutandine color crema. Ho allungato una mano e ho afferrato il fondo della sua gonna e l'ho tirata su sulla sua schiena, rivelando il suo grosso culo nella sua interezza.

La signora Bordon sussultò e fece quello che mi resi conto ora era solo un pretesto per cercare di alzarmi. "Jeffrey, cosa stai facendo??" Le ho detto che non ce l'avrei fatta con la gonna e le ho schiaffeggiato di nuovo il culo. Il suo culo era caldo e sodo. Ero costantemente consapevole del mio cazzo contro il suo seno mentre fissavo i suoi panini color crema circondati da una pelle nera liscia. Le ho tirato su le mutandine nella fessura del culo e lei gemeva o gemeva. Ho schiaffeggiato il suo culo liscio e nero e l'ho strofinato. La testa della signora Bordon era abbassata e continuava a dire quanto fosse sbagliato e avrebbe potuto parlare da sola quanto me. Potevo annusare la miscela inebriante della sua figa e ho fatto scorrere la mia mano lungo il suo culo fino alla giunzione delle sue gambe. Questa volta potevo dire che era un gemito, mentre la mia mano le prendeva a coppa la figa riscaldata e strofinavo il pollice lungo la sua fessura già bagnata.

"Questo deve fermare Jeffrey." ha cercato di affermarsi, ma ero già troppo lontano. Le ho schiaffeggiato di nuovo il culo per farla stare zitta e ho camminato dietro di lei. Il mio cazzo si muoveva follemente su e giù mentre le tiravo da parte le mutandine e le premevo sulle labbra della sua figa grassa. Lei gemette per l'apprensione e io mi spinsi dentro di lei. Ho afferrato saldamente i suoi fianchi larghi e ho iniziato a spingere dentro e fuori la sua figa bagnata. Stava gemendo ora e l'ho sbattuta contro di lei più e più volte per circa 30 secondi. Poi sono venuto.

Appoggiato a lei, ho sentito le mie gambe trasformarsi in gelatina. Con la mia passione diminuita, la realtà di ciò che avevo fatto iniziò ad affondare. La signora Bordon stava tremando sotto di me mentre il mio uccello scivolava fuori da lei con un rumore udibile. Lentamente, mi staccai da lei e mi chinai per recuperare i pantaloni dalle caviglie. Tuttavia, mentre cercavo di alzarmi in piedi, la signora Bordon mi ha messo una mano per trattenermi sulla spalla. "Non così veloce giovanotto." Sforzandomi di alzare lo sguardo dalla mia posizione piegata, ho visto la signora Bordon in piedi di fronte a me con la gonna ancora sollevata sui fianchi. Le sue mutandine erano ancora un po' tirate di lato e potevo vedere le sue grosse labbra nere della figa circondate dal suo pube vizioso. Mio malgrado, sentii il mio cazzo ricominciare a irrigidirsi. "Potrebbe essere stato un bene per te, ma avrò bisogno di un po' più di... stimolante. Potresti aver morso più di quanto ti aspettassi bambino, ma ora vedremo questo". Con ciò usò la mano libera per tirarsi giù le mutandine e ne uscì. "Penso che tu debba imparare a mangiare la figa."

Sono rimasto un po' inorridito quando la signora Bordon mi ha afferrato per la nuca e mi ha forzato il viso contro le pieghe viscide della sua fica. Mi dimenavo in preda al panico, la mia faccia e il naso che si sfregavano contro il suo clitoride. La signora Bordon è tornata alla scrivania e si è seduta su di essa, allargando ulteriormente le gambe nel processo e ha detto "Dai piccola, tira fuori la lingua, assaggia la mia dolce figa". A malincuore, ho fatto proprio questo. Tirando fuori la lingua, ho assaggiato la sua figa ed era tutt'altro che dolce. Comunque non aveva un cattivo sapore, potevo sentire il sapore del mio sperma fuoriuscire da lei mescolato con i suoi stessi succhi. Ho fatto scorrere la lingua lungo la sua fessura e l'ho sentita rabbrividire quando ho raggiunto il suo clitoride. "Ecco, piccola, gioca con il mio clitoride. Ti piace, vero?" Sono rimasto sbalordito dal suggerimento, ma poi ho capito che mi stavo davvero divertendo. Il mio cazzo era di nuovo sulla massima attenzione e amavo la sensazione delle sue cosce nere e lisce contro il mio viso.

15 minuti dopo, non mi stavo divertendo così tanto. La mia mascella faceva male e le mie ginocchia erano strette, ma la signora Bordon gemeva pesantemente e spingeva la sua figa contro il mio viso ripetutamente. "Oh, questo è tutto baby, lecca quella figa, mangia la mia figa." Stava tremando per il suo terzo orgasmo e lo sapevo, ma ora che era una sgorga. "Ecco che arriva piccola, bevi tutti i succhi di mamma. Succhialo tutto." e con questo sono stato ricompensato con un'inondazione di succo di figa che ho diligentemente leccato pulendo tutta la sua figa con la mia lingua.

La signora Bordon è rimasta lì per un minuto ooh e ahhing. "Oh Jeffrey, puoi mangiare un po' di figa come un uomo, te lo concedo." Mi alzai in piedi, esausto, le ginocchia doloranti, allungai la mascella. "Jeffrey, sei stato un così bravo ragazzo, ti darò una ricompensa." Ha dichiarato la signora Bordon. Rialzandosi si tolse la camicetta e io guardai con ammirazione mentre si toglieva il reggiseno. Le sue tette erano enormi. Dovevano essere delle dimensioni di una palla da pallavolo, ricoperte da areole ancora più nere, grandi come un dollaro d'argento, con spessi capezzoli grandi come un ditale. Il mio cazzo era in piena attenzione quando la signora Bordon mi disse di salire sulla scrivania che aveva appena lasciato.

Quando mi sono sistemato, la signora Bordon si è avvicinata a me dicendo "Ti piacciono questi Jeffrey? Ti piacciono le mie tettone?" Annuii eccitato mentre si chinava per strofinarli contro il mio cazzo. Ho sentito il mio cazzo saltare e avevo paura di venire. Come non l'ho fatto è al di là di me, ma il mio cazzo ha continuato a muoversi su e giù spasticamente mentre la signora Bordon trascinava i suoi capezzoli rigidi lungo le mie cosce finché non potevo sentire il suo respiro sulla punta del mio cazzo. La lingua della signora Bordon scivolò fuori dalle sue labbra rosse e lucide per dare un colpetto alla punta e io emisi un gemito involontario. Questo sembrava essere tutto ciò di cui la signora Bordon aveva bisogno mentre succhiava avidamente il mio cazzo nella sua bocca. Il mio culo era serrato e le mie gambe tremavano mentre guardavo le grandi labbra rosse della signora Bordon scivolare su e giù per il mio cazzo palpitante. Tirandosi via, afferrò il mio palo con la mano e iniziò a sussultare furiosamente. Le unghie rosse dell'altra mano affondarono nella mia guancia mentre mi diceva "Vieni piccola. Fammi vedere che vieni. Sparami sulle tette". Mi sono alzato in piedi e lei ha iniziato a massaggiarmi le palle con una mano mentre l'altra faceva scivolare l'altra lungo la mia asta. Ha inarcato la schiena e ha tirato fuori le sue tette verso di me mentre io sparavo grossi flussi di sperma su tutte le sue belle tette. La signora Bordon ha usato la sua unghia rosso vivo per raschiare un po' della mia sborra dalle sue tette e se l'è infilata in bocca. Potevo sentire le mie palle agitarsi di nuovo a quella vista.

Dopodiché, la signora Bordon mi ha permesso di strofinarla dappertutto con le mani, giocando con le sue enormi tette e succhiandole i capezzoli. Si lamentava e gemeva e mi diceva quanto fosse bello, chiedendomi sempre se mi piaceva questo o quello. Ho solo borbottato affermativamente e ho continuato a leccarla dappertutto e a toccarla. Alla fine ero pronto per un altro crack e lei si è sdraiata sulla scrivania mentre io mi arrampicavo su di lei e facevo scivolare il mio cazzo nella fica desiderosa. Ha avvolto le sue grandi gambe intorno a me e mi sono tolto la maglietta così ho potuto sentire le sue grandi tette premute contro di me. Abbiamo impostato un ritmo confortevole e per diversi minuti ci siamo semplicemente goduti la sensazione che i nostri corpi fossero premuti insieme. Alla fine la signora Bordon ha sollevato le gambe sopra le mie spalle e mi ha detto che voleva che la scopassi forte. Ho obbedito e ho sbattuto il mio cazzo dentro di lei più forte che potevo mentre lei gemeva di apprezzamento. La scrivania emetteva un forte gemito mentre avanzava lentamente sul pavimento a ogni spinta. "Dammelo piccola, fanculo quella figa." Ho gemuto e sbattuto più forte nella sua figa bagnata sciatta. Stava bruciando quando ho scaricato un altro enorme carico dentro di lei.

Non c'era molto da dire dopo. Mi sono vestito e me ne sono andato. La vita è andata avanti. Non mi ha trattato in modo diverso in classe. Minacciava ancora di mandarmi in panchina quando diventavo troppo rumoroso o non prestavo attenzione. La signora Bordon non mi ha mai più permesso di scoparla a scuola, ma è riuscita a trovarmi dei lavoretti in casa sua nei fine settimana e durante l'estate. Sono stato benissimo con lei per diversi anni. Le cose si sono spente quando avevo circa 17 anni. Penso di essere troppo vecchio per lei.

Storie simili

GIORNO STRESSANTE

PARTE 1 immagina di tornare a casa da una lunga giornata di lavoro, sei stanco e stressato, tutto ciò che potrebbe andare storto include essere in ritardo al lavoro, il tuo collega che ruba il tuo parcheggio, il tuo computer si è bloccato, il che ti ha fatto inviare gli ordini in ritardo, e poi qualcuno ti ha fatto a pezzi mentre tornavi a casa dal lavoro. arrivi a casa dove ti sto aspettando, apro la porta indossando solo la mia corta camicia da notte di seta azzurra con bordo in pizzo bianco, una vestaglia abbinata, un sorriso sfacciato. mi guardi...

2.8K I più visti

Likes 0

Morgan L.

Morgan L Morgan era seduta nella sua cucina adesso per la prima volta e cominciò ad avere dei dubbi, mio ​​Dio, pensava che avessi appena passato la notte a scopare due amici di mio figlio. Mi sono divertito da morire, ma i ragazzi parlano che non vorrei che Terry lo scoprisse. Vorrei rivederli, ma potrebbe diventare difficile quando Terry è a casa. Il suo telefono squillò e un pezzo grosso si avvicinò e lei rispose immediatamente, quello che Morgan non sapeva era che i suoi due nuovi amici del sesso stavano organizzando una gangbang con lei per sabato sera. Sabato mattina...

562 I più visti

Likes 0

Una giornata nel bosco Capitolo 14

Bene, tutto - ecco l'atteso capitolo 14. Questa volta non ho elencato tutti i temi - spero che questa storia abbia un po' più di seguito ormai e quelli non sono necessari? Comunque... Capitolo 14 Paul tornò a casa più tardi quel pomeriggio. Ray se la stava cavando abbastanza bene. Gli ci sarebbe voluta una settimana per riprendersi completamente, se non fosse stato per le sue abilità da lycan ci sarebbero volute tre settimane. Paul sperava che Jess stesse andando bene quanto Ray. Entrò in casa e sentì Jess al piano di sopra. Salì le scale, guardò nella loro camera da...

416 I più visti

Likes 0

The House A Slave Addestramento e asta Capitolo 11 e 12

Capitolo 11 Padrona Liz Michael e Molly e Milton Mistress Liz-D mi dice che vuole parlarmi prima che cominci. D- Che cazzo ti prende? So che sei stato un po 'giù, quindi cosa succede? Liz- Penso di stare solo facendo i movimenti. Ciò di cui hai bisogno è una sessione difficile. So che ho solo bisogno di trovare il tempo e qualcuno, magari un passivo, che posso frustare e scopare forte. Non posso farlo con Michael forse uno dei nuovi una volta. Mi dice di prendere Milton ma di non ucciderlo. Michael e Molly entrano qui, inizieremo non appena arriva il...

895 I più visti

Likes 0

Un sogno per i campeggiatori

Un sogno per i campeggiatori L’inverno nel Michigan era stato lungo e rigido, così io e mia moglie decidemmo di allontanarci da casa per qualche settimana. Mi sono preso due settimane di pausa dal lavoro, ho caricato il camper, ho agganciato il camion e siamo partiti. Era primavera inoltrata quindi abbiamo deciso di andare a sud per goderci un bel tempo caldo. Mia moglie Miko viene dal Giappone, ha 40 anni, è alta 1,70 e pesa circa 120 libbre. Il suo seno non è grande, ma ha un bel corpo sodo e snello. Penso che abbia un corpo fantastico e sia...

423 I più visti

Likes 0

Le mie prime volte...

Ho parlato con Gary per più di due anni. La nostra relazione era iniziata online. Ha visto una risposta che avevo dato in una chat room e mi ha inviato un messaggio. All'inizio non sembrava interessante, ma più chiacchieravamo e più mi piaceva. Sono cauto per natura, quindi non ha avuto il mio vero nome per più di sei mesi, e anche allora solo il mio nome. A nove mesi gli ho dato il mio numero di cellulare e abbiamo iniziato a parlare al telefono. Dieci mesi ci hanno trovato a fare sesso telefonico regolarmente, cosa che avveniva principalmente nei fine...

2.1K I più visti

Likes 0

Cornuto e moglie

Aveva un aspetto piuttosto semplice. O almeno l'ho pensato da lontano finché non ho visto i suoi profondi occhi verdi a mandorla. Mentre si avvicinava, potevo vedere le sue labbra a forma di arco leggermente rivolte verso l'alto. I suoi capelli erano neri come le piume di un corvo. È passata proprio davanti a me ed è entrata nel bar. I miei occhi seguirono il suo incredibile sedere mentre si dirigeva verso il bar e si sedeva proprio accanto a un uomo di colore molto bello e ben vestito. FANCULO! Mi sono seduto a pochi sgabelli da lei e dal suo...

1.2K I più visti

Likes 0

SCOPANDO LA SORELLA DI 17 ANNI DEI MIEI MIGLIORI AMICI DURANTE IL SONNO

Mi chiamo Alex e ho 15 anni. Questa è una storia che mi è successa lo scorso fine settimana. Era una normale serata del fine settimana, alcuni amici e io stavamo bevendo a casa del mio migliore amico Jared. I suoi genitori avevano portato la sua sorellina a Disneyland per il fine settimana. Sua sorella maggiore di 17 anni era ancora a casa ed era una bomba bionda 12 su dieci. Ha tette perfettamente rotonde con coppa C con piccoli capezzoli rosa. Lei è naturalmente abbronzata e si depila la figa. So tutto questo perché una settimana fa stavamo nuotando nella...

1.1K I più visti

Likes 0

La casa adottiva

La casa adottiva Disclaimer: quanto segue è un'opera di fantasia. Pertanto, ho scelto di ambientarlo in un mondo in cui il controllo delle nascite è sicuro, efficace e disponibile al 100% e tutte le malattie sessualmente trasmissibili sono state sradicate. Nel mondo reale, alcune delle scelte che questi personaggi fanno sarebbero estremamente rischiose. Non comportarti come loro. La mascella di Michael cadde mentre fissava la donna nuda sul letto. Aveva visto donne nude sulle riviste, ma questa era la sua prima volta nella vita reale, e lei era altrettanto sexy delle professioniste delle riviste. Il suo corpo di quasi 30 anni...

1.1K I più visti

Likes 0

Teenage Mutant Ninja Turtles Fanfic Capitolo 2 - scusate è tardi

Di Hana M. Brimeck Chiudo la finestra, chiudo gli occhi, mi giro, ricado all'indietro e scivolo sul pavimento. Mi prendo un momento per riprendere fiato finché i miei pensieri non vengono interrotti da un brivido freddo. 'Ho bisogno di una doccia calda.' mi dico mentre finalmente mi rialzo dal pavimento con un gemito. Mi tolgo il maglione e il reggiseno bagnati, non come se stessero facendo molto per coprirmi comunque. Mi prendo un momento per toccarmi i seni tenendoli a coppa tra le mani in un futile tentativo di scaldarli. La mia gonna cade sul pavimento in un ciuffo bagnato, seguita...

748 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.