Nuovi orizzonti

322Report
Nuovi orizzonti

Davvero difficile essere un ragazzo a quindici anni. Non ancora un uomo, ma anni luce dall'infanzia.

Non ho soldi per parlare: il turno occasionale del fine settimana al McDonald's mi tiene a malapena in forma. Niente macchina, troppi compiti e, peggio ancora, nessuna ragazza normale ed è di questo che voglio parlarti.

Certo, alcune ragazze della mia classe sono simpatiche. Sandra ha una bella testa sulle spalle ma questo è il problema, ho sentito che anche lei fa una bella testa. Jackie è tutta innocenza, almeno questa è l'immagine che le piace trasmettere. Adesso però è una specie di problema, dopo che la scorsa settimana l'hanno sorpresa seduta nell'auto di un insegnante con la mano nelle sue mutandine. Non ha funzionato molto bene nemmeno per il signor Brayshaw. Lo hanno sospeso dal servizio in attesa delle indagini della polizia.

Resta Giada. Bello da morire, sicuramente le credenziali giuste….semplicemente il fatto di dover prendere un biglietto e aspettare che venga chiamato il proprio numero.

La vita può certamente prenderti a schiaffi a volte!

Non tutto però è negativo. Solo due settimane fa una nuova famiglia si è trasferita nel duplex insieme a noi. Penso che il padre debba lavorare per un servizio di limousine dato che quasi tutte le sere c'è sempre un posto diverso davanti a casa loro. Hanno due figli... un ragazzo della mia età e una ragazza che ho scoperto qualche giorno fa ha diciannove anni e va al college. Il suo nome è Rachel.

Rachel – Basta menzionare quel nome! Per tutta la scorsa settimana, ho trascorso notti sveglie pensando a lei…. a dire il vero, ho fatto più che pensare... chiedendomi come avrei potuto trovare il coraggio di parlarle, magari chiederle di uscire con me per un po'. Si tornava sempre alla stessa realtà. «Sii sincero, è una studentessa universitaria che ha quasi vent'anni. Come se avesse qualche interesse per un tizio magro della porta accanto, quasi cinque anni più giovane di lei. Immaginavo anche che dovesse avere un fidanzato normale, non che avessi visto qualcuno arrivare nel vialetto di casa a bordo di un'Impreza o di una Nissan Skyline nelle ultime due settimane.

Comunque, domenica scorsa mattina ero seduto lì sul mio letto come al solito, con la mente a pezzi, in grado di vedere abbastanza chiaramente nella camera da letto di Rachel proprio di fronte, mentre lei si vestiva lentamente, del tutto ignara del fatto che chiunque potesse vedere attraverso quelle tende trasparenti. . Qualcosa nel modo in cui si infilava quelle piccole mutandine, facendole scivolare su sopra il sedere in modo così ordinato prima di abbassarsi per recuperare il reggiseno dalle coperte, mi fece seccare la bocca - non così, altre parti del mio corpo.

Giunto alla conclusione che non avevo molto da perdere, mi vestii, poi scesi le scale e uscii sul piccolo terrazzo dove mi piaceva studiare. Come previsto, Rachel uscì dalla porta sul retro con una bracciata di bucato nemmeno mezz'ora dopo.

"Ciao Rachel", ho gridato, "aiuti di nuovo tua madre?"

“Sì”, disse, “Sono andati tutti a casa di mia zia. Avrei dovuto studiare per gli esami di metà trimestre... ma sembra che invece dovrò pulire la casa."

"Vuoi aiuto?" ho chiesto con un po' di speranza.

Per un attimo mi guardò con aria interrogativa. Mi aspettavo che dicesse "Sì, giusto!"

"Sai come gestire il vuoto?" gridò sorridendo.

Ebbene, passare l'aspirapolvere è il mio forte. "Certo che ho detto, arrivo subito." Ho quasi gettato gli appunti dei miei compiti nel patio nella fretta di uscire di casa.

"Come mai sei a casa da solo?" mi chiese quasi timidamente, aprendomi la porta.

Ho inventato delle stronzate sul fatto che dovessero andare a visitare un membro malato della famiglia. Ho pensato che suonasse meglio che dirle che mio padre si era scolato un Mojito di troppo a casa di un cugino la sera prima e stava dormendo fino al pomeriggio.

Nemmeno Dio stava davvero aiutando la mia causa.

Vestita com'era con una minigonna blu più corta, oltre a un top che rivelava abbastanza diciamo da far sognare qualsiasi ragazzo della portata principale, Rachel non credo fosse nemmeno consapevole del suo aspetto. Forse pensava che fossi troppo giovane per essere considerata una “minaccia”. Anche così, osservandola mentre si chinava per recuperare un giornale caduto dal tavolo del salotto, attirò la mia completa attenzione. Non i titoli dei giornali, ovviamente, ma piuttosto quella visione dolorosamente calda di quelle graziose mutandine gialle che le avevo visto indossare solo un'ora prima. Mi chiesi per un momento se si fosse resa conto delle conseguenze della sua azione ma a quel punto si voltò verso di me e disse "Puoi iniziare da questa stanza se vuoi" indicando con la testa il vuoto dall'altra parte del corridoio, ho potuto vedere che era beatamente inconsapevole di qualcosa che non va.

"Oh, certo," risposi abbassando lo sguardo e sperando che non si vedesse nulla che potesse darle motivo di ridacchiare.

Per i successivi trenta minuti circa passai l'aspirapolvere in casa, stupidamente, mentre Rachel metteva a posto la casa e si occupava della cucina. Stava ancora togliendo i piatti dalla lavastoviglie quando mi sedetti nell'angolo colazione dopo aver riposto l'aspirapolvere nell'armadio dell'ingresso. Ancora una volta mi sono state offerte numerose anteprime di upskirt a cui nessuno dei miei amici avrebbe creduto anche se glielo avessi detto.

Dovevo fare qualcosa o morire provandoci!

"Rachel", la chiamai

"Sì?" rispose lei, raddrizzandosi e pulendo il bancone.

"Mi odierai per aver detto questo... ma sapevi che a volte posso vederti quando ti alzi la mattina... come di fronte alla mia finestra?"

Adesso questo aveva attirato tutta la sua attenzione. Lei arrossì leggermente, poi, riacquistando un po' di autocontrollo, mi fissò con un'espressione gelida – quasi un sorrisetto.

“Davvero Michael? chiese "E cosa puoi vedere esattamente?" Ciò ha sicuramente riportato la palla nel mio campo.

"Oh, niente, davvero", ho mentito. Solo che ti vesti qualche volta." Ho dovuto distogliere lo sguardo da lei.

"Sei sicuro che sia tutto, Michael?" Adesso mi stava prendendo in giro, su questo non ci sono dubbi. “Non mi hai visto spogliarmi per andare a letto o qualcosa del genere.

"Assolutamente no", ho risposto... desiderando ora di essere stato più vigile. "Ti vedevo solo la mattina, Rachel."

Rimase in silenzio per un momento. "Quindi mi hai visto dopo la doccia... magari mentre mi mettevo il reggiseno e le mutandine." Ha aggiunto come ripensamento.

Mi stavo dimenando per l'imbarazzo. "Beh sì... una o due volte, suppongo."

"Guardami Michael", ha detto. La guardai obbedientemente.

"Ti è piaciuto quello che hai visto?" lei sussurrò.

"Immagino", ho risposto, "quale ragazzo non sarebbe onesto, Rachel?"

Mi chiedevo se un piatto fosse diretto verso di me.

"Hai una fidanzata?" chiese, apparentemente cambiando argomento e avvicinandosi all'angolo colazione dove si sedette di fronte a me. Ora ero costretto a distogliere lo sguardo dalla sua scollatura molto evidente.

"Ho quindici anni, nel caso tu abbia dimenticato Rachel", risposi. "Il mio migliore amico in questo momento è la mia X-Box.".

Non disse nulla per diversi secondi, restando seduta lì a guardarmi come se avessi bisogno di una mano.

"Sei davvero molto dolce", ha detto, sorridendomi direttamente. "Sei ancora vergine?"

Mi stavo chiedendo la stessa cosa su di lei, ma non era davvero il momento di chiederlo.

"Sì", mormorai, abbassando nuovamente lo sguardo alle piastrelle del pavimento. “Non c’è una grande opportunità per essere qualcos’altro”,

"Vuoi baciarmi?" chiese dopo qualche altro momento di silenzio.

"Sei serio?" Ho detto a lei. "Mi lasceresti baciarti?"

"Beh, mi hai aiutato a pulire la casa", ridacchiò. "Non dovevi saperlo, lo sai!"

Anche se ero lì sbalordito, lei si avvicinò al mio lato del tavolo e si sedette accanto a me. La piccola Miss Muffet non è mai stata così bella.

"Davvero Michael, vorrei che tu mi baciassi." Sembrava così genuina... "Se vuoi, ovviamente", ha aggiunto.

Qualcosa di meno esperto in tali questioni e un po' messo in difficoltà dal fatto che una ragazza mi invitasse a baciarmi, devo essere stato un po' titubante.

Superando la mia insicurezza, tuttavia, l'ho attirata a me, scoprendo immediatamente l'enorme differenza tra pomiciare con una ragazza quattordicenne nell'ultima fila del nostro multiplex locale e baciare una ventenne che sicuramente sapeva cosa stava facendo. Interrompendo il contatto con lei, mi sentivo completamente stordito. Le parole non sono arrivate facilmente.

"Cosa ne pensi?" stava chiedendo, seduta lì più carina che mai, con le mani giunte in grembo... praticamente esattamente dove avrei voluto che fossero le mie.

"Possiamo farlo ancora una volta?" Mormorai, incerto se il mio cuore potesse sopportarlo.

Questa volta mi tirò avanti, assicurandosi che il bacio fosse più lungo e appassionato. Tutto quello che ricordo veramente è l'effetto che il suo profumo sulla pelle aveva su di me e il fatto che volevo dormire con lei per il resto della mia vita.

"Quindi... qual è il verdetto?" chiese, interrompendo il contatto delle labbra.

Ho pensato che fosse meglio non menzionare la parte "dormire con lei per il resto della mia vita".

"Proprio lassù, Rachel", risposi, cercando di tenere a freno le mie emozioni.

"Se solo..." Ci ripensai e mi interruppi.

"Se solo??" mi guardava come se fosse mia madre. "se solo cosa, Michael?"

"Niente", ho detto. "Va bene."

"No, per favore... finisci quello che stavi per dire." Sembrava incuriosita.

"Credimi, non è niente che vuoi sentire Rachel,"

Avrei dovuto sapere che era la cosa peggiore che avrei potuto dire.

"Beh, provami", sorrise. "Posso sempre rimandarti a casa se non mi piace", ridacchiò ancora una volta.

Ci è voluto tutto il coraggio di cui non avevo bisogno per pronunciare le parole.

"Non posso fare a meno di desiderare che potremmo fare di più che baciarci", ecco, l'avevo detto. La mia vita era in caduta libera.

Rachel sembrò confusa per qualche istante.

“Intendi quello che penso tu intenda Michael? disse dolcemente. “Vuoi pomiciare con me? mi senti? roba del genere?"

Mi sono alzato per andarmene, completamente umiliato e desiderando di aver tenuto la bocca chiusa. Non ero nemmeno arrivato alla porta quando mi richiamò.

“Dove stai andando?… torna qui e siediti con me, non sono arrabbiato con te… onestamente!”

Sono tornato indietro. "Non sei arrabbiato con me, eh?"

“No”, ha risposto, “In effetti, penso che tu sia davvero carino, molto più onesto dei ragazzi del college. Ogni ragazza sa quello che vuole.

"Ma sei molto più grande di me, Rachel?" mormorai. "Non è un problema?"

Mi guardò come se fossi un peluche appeso al poligono di tiro della County Fair.

“Per come la vedo io, Michael, stai arrivando ai sedici anni, vero? (Ho annuito senza capire) In realtà non sono molto più vecchio e inoltre – mi sento un po’ cattivo.” In qualche modo la sua risata ruppe completamente il ghiaccio.

Non sono sicura quale di noi due fosse più nervosa mentre permettevo alla mia mano destra di stringerle delicatamente il seno sinistro. Fece un piccolo sospiro e si avvicinò a me. Ho iniziato a massaggiarla con l'altra mano, gonfiandola a destra. I suoi occhi tradivano i suoi sentimenti e sapevo che quello che le stavo facendo le stava provocando un notevole piacere. Dovresti essere piuttosto stupido per non riuscire a immaginare la condizione in cui mi trovavo a questo punto. Speravo che non se ne fosse accorta.

Altri baci erano inevitabili e poi tutto è diventato estremamente serio quando le ho fatto scivolare una mano sotto la gonna. Il calore tra le sue cosce era qualcosa che non avevo mai sperimentato. Tuttavia, proprio mentre raggiungevo la parte anteriore delle sue mutandine, mi tirò fuori delicatamente la mano, scuotendo la testa mentre lo faceva.

"Mi dispiace Michael, non posso lasciartelo fare", sussurrò.

"Per favore, Rachel", implorai. "Prometto che non andrà oltre questo, però." Avrei accettato di passare l'aspirapolvere per tutta la vita se fosse stato necessario.

Proprio mentre mi rimetteva il braccio sulla spalla, la mia mano scivolò di nuovo tra quelle gambe snelle. Sono quasi sicuro di averla sentita dimenarsi leggermente mentre le mie dita entravano di nuovo in contatto con i suoi piccoli slip attillati. Per un po' fu sufficiente mantenere semplicemente la pressione sulla zona vaginale. Ho notato che le sue gambe si aprivano leggermente, non che avesse troppa libertà di movimento con quella gonna attillata.

Alla fine, però, l'istinto di caccia ha preso il sopravvento e le mie dita sono scivolate sotto la cintura delle sue mutandine, mi aspettavo un'espulsione immediata ma sorprendentemente ciò non è avvenuto. Semplicemente non ho le parole per descrivere come mi sentivo la sua figa. Certo era umido... meravigliosamente morbido e mentre facevo scivolare il dito medio tra le sue labbra... incredibilmente caldo. Penso che la parola che meglio descrive tutto ciò sia "sexy".

Rachel ovviamente stava emettendo suoni adesso... parecchi in effetti. Alcuni erano sospiri, altri piccoli sussulti di piacere, suppongo. Mi stava incoraggiando a ulteriori esplorazioni in virtù del fatto che mi baciava più forte e mi stringeva a sé come avevo sempre immaginato che potesse essere tenuto un amante.

Solo che non eravamo amanti. Proprio quando il mio dito cominciò a penetrarla come lei aveva davvero bisogno che facessi, mi resi conto che per lei era poco più che un gioco. Tuttavia è stata probabilmente la mia più grande esperienza fino ad oggi e quando ho sentito il suo corpo irrigidirsi e poi iniziare a tremare notevolmente, ho capito cosa era successo. In un certo senso ero orgoglioso di me stesso.

Poco dopo mi ha tirato fuori la mano, si è lisciata la gonna e si è alzata dal sedile.

"È stato fantastico", ridacchiò. "Ti è piaciuto anche a te?"

Non ero sicuro di come risponderle. Ovviamente in un certo senso era un sogno diventato realtà, ma in qualche modo mi sentivo vuoto. Come se tutto il suo atteggiamento fosse stato più formale ora che aveva ottenuto ciò che ovviamente desiderava. Non fraintendermi... era comunque amichevole, solo meno civettuola, immagino sia la parola giusta.

“Beh sì, Rachel, era ehm, ‘interessante’, ho risposto. "Forse possiamo farlo di nuovo qualche volta?"

"Forse", disse, guardandomi quasi con aria interrogativa.

La conversazione si esaurì presto e dopo averle dato un bacio veloce, tornai arrancando alla porta accanto. L'ora successiva trascorsi a rivivere le esperienze nella mia mente. È stato richiesto anche un notevole “alleviamento”.

Quindi forse potete tutti capire la mia situazione qui. Sono sicuro di avere praticamente un invito aperto ad accarezzare e toccare il mio simpatico vicino ogni volta che se ne presenta l'occasione. Potrebbe anche arrivare al punto di lasciarmi spogliare ad un certo punto, il che, dato quello che posso vedere dalla finestra della mia camera da letto quasi tutte le mattine, non è niente di radicalmente nuovo. Anch'io però provo dei sentimenti e l'ultima cosa di cui ho bisogno è innamorarmi di una ragazza che non avrà mai alcun interesse per me oltre al rispetto che potrebbe nutrire per il mio dito medio.

D'altra parte, vedo che la relazione sta andando avanti, almeno a livello fisico, al punto che lei potrebbe anche lasciarsi scopare. Come ho detto... è così difficile avere quindici anni!

Storie simili

La storia di Laura (per le donne)

La storia di Laura Il mio nome è Laura. Lavoro in questo studio legale da 6 mesi ormai. Sono un impiegato di base, rispondo al telefono e lavoro d'ufficio leggero. È un lavoro facile, dato che vado al college 2 sere a settimana. La mia migliore amica di lavoro è Lissette, è una donna portoricana sposata più anziana di circa 40 anni. È così divertente parlare con lei. È così selvaggia e adora parlare di sesso! Penso che lei pensi che io sia troppo innocente dato che vengo da una famiglia molto religiosa. A volte mi chiedo se abbia deciso di...

855 I più visti

Likes 0

Il mondo nascosto del mondo magico, libro:1 ch:2 torna al bagno

La storia è scritta dal mio amico ed io, attualmente stiamo cercando di fare un lavoro migliore di correzione di bozze, ma stiamo ancora cercando qualcuno che ci aiuti. I prossimi 2 capitoli dopo questo avranno più personaggi della serie, sentiti libero di suggerire eventuali relazioni o feticci che vorresti vedere. Torna al bagno Hermione si è seduta a lezione di pozioni a cui mancano ancora le mutandine, qualcuno le ha prese dalla biblioteca. La lezione è iniziata e Harry le ha chiesto se stava bene. “Sì, sto bene solo un po' scosso. “ È successo qualcosa? No, solo che ho...

3.7K I più visti

Likes 0

Far sborrare nostra figlia

Far sborrare nostra figlia Storia #100 …..sono Lynn, ho gli stessi impulsi di mia madre. La mamma (Dee Dee), il fratello Ken e io abbiamo tutti questa cosa e ci piace sentirci bene. L'abbiamo chiamato scherzosamente Feel-itis. Questo ci ha portato tutti a fare sesso l'uno con l'altro. …..Ora ho avuto una figlia Vicky. Ho deciso di non sentire Vicky crescere in modo che potesse svilupparsi a modo suo. Il suo compleanno oggi significava che adesso era maggiorenne. È stato difficile combattere l'impulso che avevo di sentire il suo corpo. Aveva già un corpo caldo. Belle tette, fianchi, gambe e un...

3.1K I più visti

Likes 0

Cambiare la realtà (parte 3)

Ciao ragazzi e ragazze! È Chase. Sai, la persona di cui parla questa storia. So cosa stai pensando – Questo non può essere vero. Bene, ti assicuro che lo è assolutamente. Non posso provartelo, a meno che non ci incontriamo un giorno e anche allora, dovrei raccontarti tutto da capo. È qualcosa che non è molto probabile che farò poiché qualsiasi esposizione di chi e cosa sono potrebbe portare alla mia cattura da parte di qualcuno che desidera trasformarmi in una specie di cavia. Non so voi, ma non sono molto entusiasta di essere rinchiuso per il resto dell'eternità e di...

1.8K I più visti

Likes 0

Andando avanti - Capitolo 3

Andare avanti capitolo 3 Il tempo sembrava congelato. L'espressione di shock e orrore sul viso di Evelyn era giustapposta ai resti bagnati del mio sperma sulle sue guance e sul suo mento. Il mio cazzo è caduto dalla mia mano e la mia testa sembrava muoversi attraverso la melassa mentre si girava lentamente verso l'ingresso del bagno. Sembra che voi due abbiate combinato un sacco di cose, disse il signor Clark con nonchalance con un leggero sorriso, guardandosi intorno al bagno come se cercasse altri membri del nostro piccolo gruppo. Mi chiedevo dove fossi scomparso per così tanto tempo. Seguì un...

1.2K I più visti

Likes 0

Il mio amore giapponese parte 9

My Japanese Love Part 9: I guai di Alicia Nei giorni che seguirono cominciai a immaginare come sarebbe stato mio figlio. È bello sapere che in tutto il caos che è successo nella mia vita ne è venuto fuori qualcosa di buono. Akira ed io siamo follemente innamorati e stiamo per avere un bambino. Abbiamo detto ai suoi genitori che erano estremamente felici per noi, tuttavia mentre le nostre vite sono cambiate in bene, Alicia è cambiata in male. Mentre sto facendo dei lavori in giardino, noto Alicia che mette un cartello di vendita di garage. Normalmente mi dice quando ne...

1K I più visti

Likes 0

La Congrega Parte 1 - Reed_(1)

Canna AIUTAMI QUALCUNO AIUTI PER FAVORE!!! urlò una giovane donna mentre veniva trascinata dentro dalla porta principale da un sorridente Jackson. La teneva per il collo mentre tutti nell'area del bar ridevano e sorridevano alla pietosa donna. Era attraente, con i capelli biondi tinti tagliati in un caschetto disordinato e enormi occhi castani. Indossava una specie di uniforme, ma era talmente strappata che nessuno poteva distinguere con certezza cosa ci fosse scritto. Andò nel panico, guardando tutti nella stanza, sperando che qualcuno la salvasse. Ma a nessuno fregava un cazzo. Alcuni dei ragazzi più grandi stavano giocando a freccette vicino al...

797 I più visti

Likes 0

SCOPANDO LA SORELLA DI 17 ANNI DEI MIEI MIGLIORI AMICI DURANTE IL SONNO

Mi chiamo Alex e ho 15 anni. Questa è una storia che mi è successa lo scorso fine settimana. Era una normale serata del fine settimana, alcuni amici e io stavamo bevendo a casa del mio migliore amico Jared. I suoi genitori avevano portato la sua sorellina a Disneyland per il fine settimana. Sua sorella maggiore di 17 anni era ancora a casa ed era una bomba bionda 12 su dieci. Ha tette perfettamente rotonde con coppa C con piccoli capezzoli rosa. Lei è naturalmente abbronzata e si depila la figa. So tutto questo perché una settimana fa stavamo nuotando nella...

777 I più visti

Likes 0

Guardare e fare

GUARDARE E FARE John sentiva di aver fatto un ottimo affare. Quando si è trasferito in questo condominio, ha incontrato e parlato con il proprietario e ha convinto quell'uomo a lasciarlo svolgere il ruolo di custode/custode/amministratore residente, facendo tutto ciò di cui l'edificio aveva bisogno per $ 200 al mese di sconto sull'affitto più le spese. Normalmente ciò richiedeva solo poche ore al mese dal suo tempo libero, e se avesse dovuto lavorare durante quel giorno in un giorno feriale, il suo programma come tecnico di laboratorio presso un'azienda farmaceutica avrebbe potuto essere modificato - la maggior parte delle cose potrebbero...

404 I più visti

Likes 0

Tim, l'adolescente parte XV

Nota: ——NON sono l'autore! Ci sono diversi autori in realtà, non sono così sicuro che qualcuno di loro sia il creatore, ma so che non sono io. Sto semplicemente condividendo questa bella storia con tutti voi perché non l'ho vista qui. Ora in origine dovevano essere tutte 9 parti, ma... Qualcuno ha detto che la prima era troppo lunga, quindi ho deciso di dividerle tutte in post più piccoli. Ho pensato di provare un aspetto e una struttura della frase diversi per questo capitolo, per favore fatemi sapere come vi piace. BUON APPETITO--- Tim, l'adolescente parte quindici di: Rass Senip +++...

2.6K I più visti

Likes 2

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.