Estate a Pond Cove - Capitolo 01

234Report
Estate a Pond Cove - Capitolo 01

Walter ha appena finito il college e sta trascorrendo l'ultima estate prendendosi cura della strana capanna di suo zio situata a Pond Cove, un'area appartata circondata da una riserva naturale del governo. Tutti gli altri proprietari, tranne uno, sono stati acquistati dal governo che vuole trasformare Pond Cove in un santuario delle rane. Walter incontra i suoi vicini per l'estate, sei sorelle della sorellanza che stanno trascorrendo l'ultima estate insieme.



Le cose si fanno un po' calde... e un po' strane... mentre Walter scopre il suo lato sottomesso dalle mani di alcuni insegnanti esperti.



Questa storia è indipendente, ma la trama continuerà in futuro. Poiché questo è il primo capitolo, c'è un sacco di installazione e messa in scena prima che le cose diventino interessanti.



= = = = = = = = = = = = = = = = = = =



AVVERTIMENTO! Tutti i miei scritti sono destinati SOLO agli adulti di età superiore ai 18 anni. Le storie possono contenere contenuti sessuali forti o addirittura estremi. Tutte le persone e gli eventi rappresentati sono di fantasia e qualsiasi somiglianza con persone vive o morte è puramente casuale. Le azioni, le situazioni e le risposte sono SOLO fittizie e non dovrebbero essere tentate nella vita reale.



Se hai meno di 18 anni o non capisci la differenza tra fantasia e realtà o se risiedi in uno stato, provincia, nazione o territorio tribale che vieti la lettura degli atti raffigurati in queste storie, ti preghiamo di interrompere immediatamente la lettura e spostarti da qualche parte che esiste nel ventunesimo secolo.



L'archiviazione e la ripubblicazione di questa storia è consentita, ma solo se il riconoscimento del diritto d'autore e la dichiarazione di limitazione d'uso sono inclusi nell'articolo. Questa storia è copyright (c) 2018 di The Technician.



I singoli lettori possono archiviare e/o stampare singole copie di questa storia per uso personale e non commerciale. È espressamente vietata la produzione di più copie di questa storia su carta, disco o altro formato fisso.



= = = = = = = = = = = = = = = = = = =

* * * * * * * * * * * *



Non sono sicuro del motivo per cui zio Walter non venderà la sua capanna e atterrerà a Pond Cove. Non viene mai quaggiù.



In realtà è lo zio di mia madre, il fratello della nonna, ma tutti, anche i non parenti, lo chiamano “zio Walter”. Tranne, cioè, quando non è in giro, la maggior parte delle persone lo chiama "Weird Walter".



Mio zio è più che un po' strano.



Walter una volta era stato disposto a vendere la capanna e il terreno, ma era prima che arrivassi. C'era questa grande catena di hotel che voleva costruire un lussuoso resort a Pond Cove. Hanno offerto allo zio Walter un ottimo prezzo e una vacanza annuale di due settimane al resort.



Evidentemente lo zio Walter non vedeva l'ora di trascorrere due settimane seduto sulla spiaggia a sbirciare dolci cose giovani nei loro bikini, ma poi un ambientalista del governo ha trovato una piccola raganella verde che viveva nello stagno.



La "Raganella verde di Pond Cove" mi sembra una normale raganella, ma evidentemente ha qualcosa di leggermente diverso e non si trova in nessun'altra parte del mondo. Questo lo ha inserito nella lista delle specie in via di estinzione e ha messo il kibosh ai piani dell'hotel e dello zio Walter. La nonna dice che è stato allora che suo fratello è diventato strano... ehm.



Da allora, il governo federale ha tentato di rilevare i residenti locali e ha avuto un discreto successo. Sono rimasti solo due proprietari terrieri privati ​​a Pond Cove. I federali affermano di offrire un "prezzo di mercato equo", ma poiché, a causa della rana, non puoi vendere a nessuno tranne che al governo federale, quel prezzo è significativamente inferiore a quello che l'hotel era disposto a pagare. C'è anche una legge o un regolamento o qualunque cosa che se la terra è vacante per più di diciotto mesi, il governo può reclamarla sotto il dominio eminente come terra inutilizzata. Poi il prezzo è ancora più basso.



È così che sono arrivato qui ogni estate, in primo luogo. Lo zio Walter assumeva ogni estate un custode per tenere l'erba falciata e fare la manutenzione generale della proprietà. Questa è un'altra clausola nei regolamenti, la proprietà deve essere "mantenuta" o lo Zio Sam si avventa e se la prende.



I membri della famiglia lavorano meno, immagino, quindi vengo qui da quando ho iniziato il liceo. Questo potrebbe essere il mio ultimo anno, però, perché questo è stato il mio ultimo anno di college. Mi sono laureato e sono stato certificato come insegnante. Se accetto la posizione che mi è stata offerta per insegnare matematica a livello di scuola elementare, avrò ancora le estati libere... ma probabilmente dovrò prendere lezioni durante l'estate per mantenere le mie certificazioni.



Inoltre, molti insegnanti hanno altri lavori durante l'estate e questo è stato davvero un bel lavoro estivo per me negli ultimi otto anni. Lo zio Walter paga la TV satellitare e internet durante l'estate. E ha questa grande torre che porta i segnali dei cellulari dalla città. La città è a circa quaranta miglia di distanza e il servizio di telefonia mobile regolare termina a circa dieci miglia da qui, più o meno nello stesso punto in cui la strada diventa sterrata.



Non ricevo molti visitatori qui. In realtà, non ricevo visitatori qui, il che per me va bene. Ho un piccolo problema con le persone... le persone adulte... specialmente le donne adulte.



Sono sempre stato così. I miei genitori mi hanno persino iniziato a scuola in ritardo nella speranza che fossi un po' più grande e "sarei più pronto per questo". Ma non lo sono mai stato. Non sono mai stato veramente pronto per la scuola e sono sempre stato il ragazzo più piccolo della mia classe. Ciò ha portato a molte prese in giro e bullismo che non hanno aiutato le cose. Mi piaceva la scuola stessa. Erano gli altri studenti con cui avevo problemi.



Mi piace molto il mio tempo da solo qui a Pond Cove.



Immagino di essere un po' strano anch'io, ma preferisco definirmi un fanatico estremo. So che insegnare sarà difficile. Ma così sarebbe qualsiasi altra cosa. Almeno mi occuperò principalmente di giovani... tranne che per i miei colleghi insegnanti... e amministratori... e genitori. Lo farò funzionare in qualche modo, ma per ora non me ne preoccuperò.



Pond Cove è in assoluto il posto migliore dove trascorrere l'estate. Se stavi cercando la spiaggia appartata perfetta, Pond Cove farebbe al caso tuo.



Si chiama Pond Cove perché è sia uno stagno che una baia. Tecnicamente, è una baia perché si riempie di acqua di mare. Se fosse veramente aperto al mare, potrebbe anche essere considerato una baia lunga e sottile, ma c'è un frangiflutti di pietra naturale attraverso l'intero ingresso che lo taglia fuori dall'oceano e impedisce anche che si riempia di sabbia dal mare. Le piogge e un piccolo ruscello forniscono parte dell'acqua per la baia. Il resto filtra attraverso le rocce e la sabbia o si infrange sul frangiflutti come onde, specialmente durante le tempeste.



L'area antistante la diga foranea è poco profonda e ricca di grosse rocce. C'è anche presumibilmente una scogliera di roccia là fuori da qualche parte e una tonnellata di razze nascoste nella sabbia sul fondo. Con tutto ciò, sarebbe avventato, se non fatale, tentare di portare una barca nella baia... o anche vicino ad essa. Inoltre, l'intera area, compresa la spiaggia, ha cartelli che dicono "Demanio federale - Vietato l'accesso - Ambiente protetto" Tecnicamente, dovremmo rimanere nell'area della spiaggia di fronte alla proprietà di nostra proprietà, ma tutti gli atti per il terreno che circonda la baia danno pieno diritto di accesso all'intera baia a tutti i proprietari. Quindi non c'è niente che il governo possa fare, tranne comprare o prendere la terra.



La capanna dello zio Walter si trova all'estremità settentrionale della baia. L'altra capanna rimanente si trova all'estremità meridionale e per raggiungerla devi prendere un'altra strada sterrata intorno al confine della terra del governo. Se sono fuori sulla spiaggia, posso vedere quando ci sono persone laggiù, ma sono quasi due miglia da una punta all'altra della baia, quindi non puoi vedere alcun dettaglio.



Il proprietario vive a New York e non scende quasi mai nella sua cabina. È strano, o più strano, di zio Walter. L'unico motivo per cui non vende la sua terra è che la sua famiglia ha una sfiducia da generazioni nei confronti del governo federale e, inoltre, non venderà a "un gruppo di yankee carpetbagger solo a causa di una dannata rana".



Affitta la sua cabina per l'estate a famiglie o studenti universitari o chiunque altro tramite un agente immobiliare locale. L'affitto è abbastanza basso, ma devono falciare l'erba e fare qualche piccolo lavoro in giardino. Di solito finisce per essere qualche giovane famiglia che vive nelle vicinanze che vuole allontanarsi per un paio di mesi. Quest'anno ho sentito che era un gruppo di studenti universitari che si erano appena laureati e volevano un'altra estate di divertimento prima di iniziare a lavorare.



Non sapevo nient'altro di loro, quindi ho deciso di intrufolarmi e dare un'occhiata a chi fossero. Ho un kayak che avrei potuto usare per remare attraverso la baia, ma non sono molto bravo a incontrare estranei. Dovevo trovare il coraggio di incontrarli prima. O, almeno, avevo bisogno di vederli e magari sapere cosa aspettarmi.



C'è un sentiero tra le due capanne che attraversa il territorio del governo. È praticamente invaso, ma se stai attento puoi passare. Esce sulla spiaggia vicino all'altra cabina. Quando sono arrivato in spiaggia stavo per sfondare le viti che coprivano l'apertura quando ho sentito un sacco di risate e risatine... FEMMINA che ride e ridacchia. Ho guardato fuori attraverso i rampicanti e ho visto quattro ragazze nude che stavano in piedi nello stagno non proprio all'altezza dei fianchi, che si spruzzavano l'un l'altra con l'acqua.



Sembravano tutti in età da college o un po' più grandi. Due erano brune; Uno era afroamericano; e l'altro era una rossa fiammeggiante.



Stavo fissando intensamente la rossa e il suo bel sorriso luminoso quando ha detto: "Gloria, ti aspettavi mai di essere magra a tuffarti in pieno giorno quest'estate?"



"No, Holly", rispose una delle brune, "ma non mi sarei mai aspettato che tuo zio ci lasciasse stare qui tutta l'estate gratuitamente."



"Questo è il posto perfetto per la nostra ultima avventura della sorellanza", ha detto un'altra voce. "Gli ultimi tre mesi insieme e poi ci dirigiamo nel mondo reale per diventare insegnanti di scuola ordinati e veri".



"Questo è il mondo reale", replicò Gloria sarcasticamente. "E tu non sarai mai austera e corretta, Kat."



"Ma è il nostro angolo privato del mondo reale", replicò Holly.



"Forse non così privato", è venuto una voce forte da dietro di me. "Abbiamo un guardone."



Mi sono girato e ho visto due giovani donne molto grosse e molto nude in piedi proprio dietro di me.



"Questo... questo... questo... non è come sembra", farfugliai. "Stavo solo venendo a salutare e ho sentito tutti gli schizzi e le risatine".



"E quando hai visto che eravamo nudi", ringhiò la più grande delle due donne, "hai deciso di rannicchiarti tra le erbacce e spiarci!" Era bionda, con la pelle chiara in tinta, ma il suo viso era molto rosso di rabbia.



"Sì", dissi. "Voglio dire, no... voglio dire... non mi aspettavo di trovare un mucchio di donne nude."



Guardai per terra e rimasi lì tremante di paura per un momento.



"Mi ha sorpreso", balbettai alla fine. “Non sapevo cosa fare. ... Non sono molto bravo con le donne quando hanno i vestiti addosso, figuriamoci ... "



Li ho guardati di nuovo e ho detto lamentosamente: "Penso di essermi congelato".



"Signore", urlò il biondo, "penso che abbiamo trovato una vera vergine di venticinque anni".



«Ho ventitré anni», borbottai.



"Correzione", gridò l'altro, "una vera vergine di ventitré anni".



L'altra donna aveva le carnagioni più scure, ma aveva ancora i capelli biondi. Non pensavo che fosse naturale, però, perché c'era una sottile striscia di capelli castano topo sopra la sua fessura. Sembrava fosse dello stesso colore del mio, intendo i capelli sulla mia testa, non laggiù. Anche se, immagino, quel poco che ho laggiù è dello stesso colore della mia testa.



"Bene?!" disse il biondo ad alta voce.



Ho appena abbassato la testa e sono diventato rosso.



"Come ti chiami?" ringhiò il biondo ossigenato.



"Walter", risposi. "Prendo il nome da mio zio che possiede l'altra cabina."



"Ehi Gloria", ha urlato, "questo è il nipote di Weird Walter... il piccolo Weird Walter."



"Porta qui lo strano verme", gridò di rimando la rossa di nome Holly. "Penso che il MIO strano zio si aspetterebbe che ti salutassi."



"L'hai sentita", disse la grossa bionda, dandomi una piccola spinta, "andiamo a conoscere le ragazze."



"Aspetta un minuto", aggiunse la bionda più piccola. "Penso che dovremmo incontrarci da pari a pari."



"Cosa intendi?" ho sputacchiato.



«Quello che intende dire», ringhiò quello grosso, «è buttato giù. Siamo nudi. Ti spogli. ... Inteso?!"



"Sì, signora", risposi bruscamente, senza alzare lo sguardo su di lei.



"'Sì, signora', dice", ha detto con una risata. “E con gli occhi che guardano per terra. Penso che potremmo avere noi stessi una femminuccia... o sei solo una piccola troia sottomessa che aspetta di trovare la sua padrona?"



"Non so cosa intendi", dissi mentre mi toglievo i pantaloncini e la maglietta. Non indossavo biancheria intima sotto i pantaloncini.



"Lascialo qui", ordinò. "Puoi mollare i sandali non appena saremo sulla sabbia."



"Sì, signora", ho risposto.



Pochi istanti dopo stavamo camminando sulla sabbia fino al punto in cui si trovavano le altre donne. Quando siamo arrivati ​​al gruppo, uno di loro si è fatto avanti. Era circa la mia altezza- sono cinque piedi e sei... OK, cinque cinque... se arrotondo... molto, ma era almeno un pollice o forse due più alta di me. I suoi capelli erano castano scuro e i suoi occhi si abbinavano ai suoi capelli.



I capelli appena sopra la sua fessura erano quasi neri, o forse erano castano scuro e sembravano neri perché erano bagnati perché era nell'acqua. Ho cercato di non fissare la sua figa, ma non potevo incontrare i suoi occhi e non c'era posto dove guardare che non stavo fissando un cavallo nudo femminile.



“Occhi in alto, Walter,” disse con fermezza.



Provai. Ci ho provato davvero, ma non riuscivo a incontrare i suoi occhi. Il meglio che potevo fare era fissare i suoi seni. Erano più piccole della maggior parte delle donne sui siti porno, ma erano naturali. Potrei dire dal modo in cui i capezzoli pendevano sul davanti.



«Be', Walter», disse in tono piatto, «se non riesci ad alzare gli occhi, portali più in basso. Voglio che guardi i miei piedi, non la mia fica o le mie tette mentre ti parlo".



"Sì, signora", dissi, abbassando gli occhi in modo da guardare la sabbia davanti alle sue dita dei piedi.



"È davvero un sottomesso naturale, vero?" disse alle sue amiche, quasi ridendo.



Poi mi disse con fermezza: “Mi chiamo Gloria. Penso che dovresti chiamarmi signora Gloria."



"Sì, signora", ho ripetuto.



"Non hai sentito quello che ho detto?" chiese quasi con rabbia. «Non signora, signora Gloria. Hai capito?"



«Sì, signora Gloria», borbottai.



"Voglio sentirti", ha urlato, e io ho urlato: "Sì, signora Gloria".



"E questa è Holly", disse, "non devi chiamarla padrona".



Rivolsi a Holly una specie di sorriso.



"E perché è così, Holly?!" lei scattò.



Holly si avvicinò e si fermò accanto a me di fronte a Gloria. Era quasi sull'attenti, ma i suoi occhi erano fissi ai piedi di Gloria come avrebbero dovuto essere i miei. Ho subito riportato i miei occhi ai piedi di Gloria mentre Holly ha detto: "Perché sono il tuo schiavo, Mistress Gloria".



Santo cielo! In cosa mi ero imbattuto qui?



"Stavamo trascorrendo un po' di tempo in trasferta quando sei arrivato", ha spiegato Gloria allegramente. "Ma ora siamo tornati allo stato corretto... non siamo ragazze?"



"Sì, signora Gloria", dissero insieme Holly e gli altri due che erano stati nell'acqua. Sembrava che fossero abituati a parlare all'unisono.



Il biondo grosso e il biondo ossigenato non tanto grande si avvicinarono e si fermarono ai lati di Gloria. Se Gloria aveva davvero cinque sette, allora il biondo ossigenato era almeno cinque dieci e il biondo naturale un metro e ottanta o forse un po' più alto.



Gloria li guardò avanti e indietro e disse: "Eravamo amici alle elementari e questo è continuato al liceo e poi al college. Ci siamo uniti alla sorellanza insieme e siamo diventati noti come I tre moschettieri nel campus.



"Non è del tutto vero", ha detto il grande biondo. "Molte persone ci hanno chiamato quelle tre puttane con cui non vuoi scherzare."



"Ora, Sam", disse Gloria, "non mostriamo a questo strano verme il nostro lato oscuro... ancora."



Mi ha sorriso e mi ha detto: "La signora Samantha ha il suo lato più... spaventoso... ma ti scalderai con lei".



Fece schioccare le dita e la ragazza nera si precipitò a mettersi di fronte a Sam. "Cheryl è la schiava di Sam", disse Gloria in modo piuttosto pratico.



Deve aver visto lo sguardo di sorpresa... o confusione sul mio viso perché ha allungato la mano e ha sollevato il mio viso e ha detto: "Cosa c'è di sbagliato in questo?"



"N... n... niente", ho risposto. “Semplicemente non pensavo che un afroamericano sarebbe stato interessato a questa cosa dello schiavo e della padrona.



"Sono stata adottata da piccola", ha detto Cheryl. “Sono cresciuto con una famiglia bianca come la neve in una città bianca come la neve nell'Iowa bianco come la neve. Non sono afroamericano. Sono solo una ragazza bianca e nera. ... una ragazza bianca nera molto sottomessa.”



In qualche modo quello che ha detto aveva senso per me in quel momento.



Gloria schioccò le dita ancora una volta, e l'altra bruna corse a mettersi di fronte al biondo ossigenato.



"Questo è lo schiavo di Tracy, puddy tat." disse Gloria con una risata. Poi ha detto: "In realtà si chiama Katrina, o Kat, ma Tracy da bambina guardava molti cartoni".



Puddy Tat mi sorrise e mi fece un cenno con la mano. In qualche modo non ho avuto problemi a guardare le facce di Cheryl o Puddy Tat. Ho anche notato le loro fessure nude mentre i miei occhi si avvicinavano ai loro volti e poi di nuovo alle dita dei piedi di Gloria. Tutte e tre le ragazze erano completamente nude laggiù. Avrei scoperto in seguito che la mancanza di peli nella figa era un segno della loro sottomissione alle loro Mistress. Scoprirei anche che tutti e tre erano stati sottoposti a depilazione permanente, quindi non sarebbe mai ricresciuto laggiù.



"Penso", continuò Gloria, "che dobbiamo decidere come adattarti al nostro piccolo angolo di paradiso."



"Forse potremmo tenerlo come animale domestico", disse Sam con un sorrisetto.



"Padrona?" Holly disse dolcemente: "Sono stato al sole per molto tempo. Posso per favore avere la mia crema solare?"



Gloria mi guardò e disse: “E tu, verme? Sembra che la tua pelle pastosa brucerebbe abbastanza velocemente. Hai bisogno di una crema solare?"



«Sì, padrona», risposi. Poi mi sono spaventato e ho detto rapidamente: "Voglio dire, sì, signora Gloria".



Gloria rise. "Ansioso di compiacere, non è vero?" disse con un sorriso. "Ma Padrona è sufficiente se parli direttamente con me." Fece una pausa e poi disse: "Se siamo in pubblico, come al club, ti dirò quando usare il titolo completo".



"Grazie, padrona", risposi docilmente, chiedendomi a quale club si stesse riferendo.



"Bene, bene, bene", disse Sam lentamente. “Abbiamo due schiavi pastosi che hanno bisogno di crema solare. Dico che torniamo alla capanna e li facciamo stare in veranda e mettiamo la crema solare... l'un l'altro. "



ho sussultato. Holly sorrise in un modo strano.



Mentre percorrevamo la breve distanza verso la capanna, potevo sentire le cose agitarsi "laggiù".



Tracy camminava più o meno dietro di me. "Forse", ha detto, "dovremmo fargli continuare ad applicare la crema finché uno di loro non scoppia. Il perdente ottiene dieci con una cintura.



"Buona idea", rispose Gloria, "ma lascia che lo strano verme penetri delicatamente. Il perdente ottiene venti con la mano.



Holly ruppe il passo e quasi inciampò. La sentii fare un respiro profondo mentre riprendeva in fretta il passo.



Quando siamo arrivati ​​al portico anteriore della capanna. Tracy disse ad alta voce: "Puddy tat, vai a prendere quella vecchia coperta" e il suo schiavo corse dentro per un momento. Quando tornò portava una vecchia coperta ovviamente sporca.



"A volte lo usiamo per sederci in spiaggia quando non vogliamo avere il culo pieno di sabbia", ha detto Sam. "Ma QUALCUNO l'ha lasciato fuori sotto la pioggia ed è diventato tutto fangoso."



Cheryl rabbrividì e sorrise debolmente alla sua padrona.



"Non ho ancora deciso la punizione per questo", disse Sam minacciosamente. Indicò agrifoglio e poi me e indicò che dovevamo stare in piedi sulla coperta.



"OK", disse Gloria, porgendoci due tubetti di crema solare. "Puoi iniziare dove vuoi, ma faresti meglio a coprire tutto il corpo."



Rise e disse: "Non puoi semplicemente strofinarlo dove farà il massimo. Se l'intero corpo non è coperto dal momento in cui lui... o lei... scoppia, sei il perdente."



Sia io che Holly iniziammo immediatamente a spalmare la crema solare sul corpo dell'altra. Non avevo mai toccato una donna nuda prima e l'effetto su di me è stato immediato. Little Bill, tutti gli uomini hanno nomi per i loro cazzi? Il piccolo Bill era in piedi davanti a me.



Tracy emise un lungo fischio e disse: "Wow! Sembra che lo strano verme qui potrebbe essere arrestato per aver portato un'arma nascosta. Non sembra molto addormentato, ma quando si sveglia è davvero impressionante".



Non ci avevo mai pensato in quel modo. Sapevo di sembrare piccolo quando non ero eccitato, ma quando sono acceso, sono lungo circa sette pollici e molto più spesso della maggior parte di quegli uomini sui siti porno. Volevo dire "grazie", ma non ho trovato il coraggio di farlo.



Holly si accovacciò e iniziò a mettermi la lozione sulle gambe. Mi chinai su di lei e gliela spalmai sulla schiena. All'improvviso ho strillato, tuttavia, e mi sono alzato di scatto quando ha tirato fuori la lingua e ha leccato la punta del mio pene. Poi si è alzata e ha iniziato a strofinarmi la crema solare sul cavallo e sul culo.



"Hai ancora un sacco di pelle da coprire, holly", ha avvertito Gloria, e holly mi ha girato e mi ha permesso di iniziare a spalmarle la lozione sulle gambe e sui piedi mentre lei mi copiava e iniziava a spalmarmi la roba sulla schiena.



Quella posizione mi ha messo molto vicino alla sua fessura nuda. Era accesa. Potevo sentirne il profumo. E c'era dell'umidità sulle sue labbra della figa che non proveniva dalla crema solare.



Non appena ebbe finito con la mia schiena, mi sollevò di nuovo ed entrambi iniziammo a spalmare la crema densa l'uno sull'altro. Rabbrividì leggermente quando le mie mani passarono sui suoi capezzoli.



"Chiudi gli occhi", dissi mentre iniziavo ad applicarle la crema solare sul viso.



"Chiudi il tuo", ha risposto mentre si avvicinava anche al mio viso. Sono rimasto sorpreso da quanto fossero sensibili le mie orecchie quando ha delicatamente spalmato la roba lì. Non ho mai pensato alle mie orecchie come sessuali, ma poi, non ho mai avuto una donna nuda premuta contro di me che strofinava una lozione su di loro.



Adesso eravamo entrambi completamente coperti di crema solare. "Sembra che sia una corsa verso il traguardo", ha detto Sam da dietro di me.



"Ma il vincitore della gara perde", ha aggiunto con una risata.



Holly si avvicinò a me e disse: "Se lavoriamo bene, possiamo finire insieme".



Poi versò altra lozione sulla sua mano – e sulla mia – e si spostò per iniziare a massaggiare il mio cazzo dolorante.



Posso essere inesperto, ma non sono stupido. Ho iniziato a strofinare la lozione nella sua fessura.



"Più piano", sussurrò, appoggiandosi a me, "e usa delicatamente le dita sul bottoncino in alto."



Sapevo che il piccolo pulsante in alto era il clitoride, ma non sapevo che diventava più grande proprio come il mio cazzo. Beh... non solo come. Non è neanche lontanamente così grande, ma il bottoncino di Holly era decisamente rigido e si distingueva dal suo corpo mentre ci passavo le dita intorno. Non potevo guardare laggiù con i nostri corpi premuti insieme, ma da quello che potevo sentire, era abbastanza ovvio che sbirciava più che un po' dalla sua fessura.



Dopo un po', Holly disse con voce roca: "Ora... più forte" e iniziò a mungere il mio cazzo con la mano avvolta tutt'intorno.



Ho iniziato a strofinare forte la sua fessura e il clitoride con la mano.



"Sto per venire", dissi a denti stretti.



"Ora", ha detto bruscamente nel mio orecchio, e ho sentito le mie palle pompare sperma a terra. La sentii anche rabbrividire, tremare e urlare – forte – nel mio orecchio.



"Abbiamo un pareggio", disse Tracy ad alta voce. "E adesso?"



"Beh", disse Gloria lentamente, ma con fermezza, "dal momento che il vincitore è stato quello che non è venuto per primo e sono comparsi insieme, direi che hanno perso entrambi."



"Mi suona bene", disse Sam ad alta voce. "Penso che Gloria dovrebbe prendersi cura di Holly, Tracey farà il verme, e io..." fissando Cheryl, "userò una pagaia per insegnare al mio schiavo a non dimenticare una coperta sulla spiaggia quando pioverà .”



Cheryl in qualche modo impallidì in modo significativo, o almeno divenne di una tonalità leggermente più chiara di marrone scuro. Rimase lì tremante, ma non disse nulla.



"Puddy tatuato!" urlò Tracey. «Abbiamo bisogno di tre sedie solide qui fuori dalla cucina. E se fossi in te mi affretterei o organizzeremo una quarta sculacciata".



"Sì, signora", urlò Puddy Tat mentre correva in casa.



Gloria mi guardò e disse: "Anche 'Signora' è accettabile in certe situazioni". Poi ha riso.



Puddy tat tornò molto rapidamente con due sedie. Li posò e tornò di corsa in casa per il terzo.



“Mentre lei se ne va,” ordinò Sam, “il verme e l'agrifoglio piegheranno la coperta e disporranno le sedie in cerchio.



Non sono sicuro di come avremmo dovuto mettere due sedie in cerchio, ma evidentemente l'idea era che dovevano essere tutte rivolte verso l'interno, quindi non appena abbiamo piegato la coperta, ho preso una delle sedie e holly ha afferrato il Altro. Appoggiò la sedia quasi contro il muro della cabina e io misi la mia vicino al bordo del portico più o meno di fronte, ma da un lato. Quando abbiamo finito, Puddy Tat era già tornato e ha posizionato anche la terza sedia vicino al bordo del portico rispecchiando la mia in modo che fosse come se le tre sedie facessero parte di un cerchio.



"Cosa ne pensi?" Gloria rifletté ad alta voce. "Dovremmo farlo contemporaneamente o uno alla volta?"



"Set da cinque, girando intorno al cerchio", suggerì Sam.



Gloria annuì. Così ha fatto Tracey.



"Set di cinque lo è", disse Sam con fermezza mentre si sedeva sulla sedia più vicina alla cabina.



"Ma prima", disse ad alta voce, "cheryl, vai nella cabina e porta fuori... ...." Cheryl stava ovviamente tremando e Sam tirò la pausa al massimo prima di dire "la pagaia di cuoio".



Cheryl lasciò andare il respiro che aveva trattenuto e disse: "Grazie, padrona Samantha".



Mi chiedevo cosa le fosse stato detto di tirare fuori dal momento che era grata che fosse "solo" la pagaia di cuoio. Visioni di vari paddle e fruste che avevo visto su siti porno mi sono balenate nella testa. Alcuni di loro erano decisamente molto peggio di una pagaia di cuoio.



Cheryl corse velocemente in casa e tornò in pochi istanti con una corta racchetta di pelle nera che assomigliava un po' alla suola di una scarpa, tranne per il fatto che era molto lucida e aveva un corto manico di legno anch'esso ricoperto di pelle nera.



Sam le diede una pacca sulle gambe e Cheryl si drappeggiò rapidamente in grembo con i fianchi direttamente sopra la gamba destra di Sam. Poi ha allungato le braccia in modo da toccare il pavimento con la punta delle dita. Ho notato che le sue mani erano formate quasi come se stesse tenendo una palla in modo che le sue dita toccassero il pavimento del portico in un cerchio. Dopo che le sue braccia furono a posto, raddrizzò le gambe e le sollevò in modo che solo le dita dei piedi toccassero il pavimento.



Gloria annuì leggermente con la testa e Holly assunse una posizione simile sul suo grembo.



"Vedi la posizione corretta, verme", disse Tracy in tono piatto. "Pensi di poterlo copiare?"



Ho iniziato a lasciarmi cadere sulle sue ginocchia quando ha detto ad alta voce: "Wow, ragazzo verme! Non hai guardato? Sono mancino".



Mi sono rialzato e l'ho guardata confuso finché non ha detto con rabbia: "Da un'altra parte sulle mie ginocchia, verme".



"Oh", ho detto e mi sono girato in modo da essere sdraiato sulla sua gamba sinistra piuttosto che sulla sua destra.



Non appena le sono stato addosso, mi ha dato uno schiaffo molto forte sul culo. "Questo è per non aver notato che ero mancino."



La sua mano sbatté di nuovo sul mio culo. "E questo è per non essermi rivolto correttamente quando ti ho detto cosa fare."



Ho iniziato a dire "oh" ancora una volta, ma l'ho cambiato rapidamente in "Grazie, signora Tracy".



Guardò Gloria e disse con un sorriso: "Può essere addestrato".



Ho provato a posizionarmi sulla sua gamba come avevano fatto Holly e Cheryl, ma era troppo doloroso. Il mio cazzo stava diventando di nuovo rigido e se ero nella stessa posizione di Holly su Gloria, mi stavo schiacciando le palle.



Tracey rise. "Immagino che ragazzi e ragazze siano un po' diversi", ha detto. Poi mi ha riposizionato in modo che il mio culo fosse al centro del suo grembo con il mio cazzo e le palle appese tra le sue gambe leggermente aperte.



"Penso che dobbiamo darti un po' di spazio per penzolare", disse con un sorrisetto. “Ma voglio ancora quelle punte delle dita e dei piedi sul pavimento tutto il tempo. Se ti alzi da terra, il colpo non conta".



"Sì, signora Tracy", ho risposto.



Mi accarezzò leggermente il culo e disse: "Immagino che siamo pronti per iniziare. Chi va per primo?"



"Normalmente direi 'prima le donne", ha detto Sam, "ma penso che dovremmo dare questo onore al nostro ospite".



«Contali», ordinò Tracy. “E la forma corretta è ‘Uno. Grazie signora.'"



Annuii con la testa e cercai di prepararmi per il primo colpo.



"Apri il culo!" Disse Tracy brusca, dandomi un leggero, ma acuto, schiaffo sul culo. "Dovresti semplicemente sdraiarti lì e prenderlo."



non ho detto niente. Ho solo cercato di rilassare i muscoli del culo.



Stavo ancora cercando di farlo quando "Smack!"



Mi è sembrata un'esplosione. Rabbrividii, cercando di tenere le dita delle mani e dei piedi sul pavimento.



"Se non lo conti, non conta", disse Tracy sottovoce e io mi sforzai di uscire, "Uno. Grazie signora."



In "Ma'am" Tracy ha colpito di nuovo. Semmai questo era più rumoroso – e più duro – del primo.



"Due. Grazie, signora” riuscii a dire.



Tracy ha mantenuto il suo schema di dare il prossimo colpo alla parola "Signora". Stavo iniziando a contorcermi e lavoravo davvero duramente per mantenere le dita delle mani e dei piedi a posto. Poi al quinto colpo, Tracy ha cambiato il suo schema. Si fermò solo per un momento dopo la parola "Signora".



Non è stato un grande cambiamento, ma in qualche modo ha davvero buttato via il mio corpo... o forse la mia mente. Ho guaito e le mie dita delle mani e dei piedi sono venute fuori dal pavimento.



"Non conta", disse Tracy con fermezza.



"Scusa, signora Tracy", ho risposto.



In "Tracy", ha riapplicato il quinto tratto. Anche se non me lo aspettavo affatto, questa volta sono riuscita a tenere a posto le dita delle mani e dei piedi. Sono persino riuscito a dire: "Cinque. Grazie, signora” prontamente.



Dopo la quinta sculacciata, Tracy si fermò e iniziò a strofinare leggermente la mano sul mio sedere fiammeggiante. È stato davvero bello. Faceva ancora male, ma la sua mano in qualche modo faceva sì che quel dolore non facesse così male. Anche il caldo pungente che c'era ancora cominciava a sentirsi piacevole.



"Smack!" Gloria aveva evidentemente iniziato con l'agrifoglio.



"Uno. Grazie, signora», gridò Holly.



Ho guardato Holly per i successivi quattro swat. È assolutamente sdraiata lì. Il suo corpo era quasi rilassato. In effetti, al quinto colpo, era quasi come se si stesse lentamente schiacciando contro la gamba di Mistress Gloria.



Quando Gloria ebbe finito, guardai Mistress Sam e Cheryl. Cheryl era ancora nella posizione corretta sulla gamba di Sam, ma ora sembrava che vibrasse leggermente per la paura. Sam stava accarezzando dolcemente il culo di Cheryl.



"Sai perché vieni punito?" chiese Sam.



"Questo stupido schiavo ha lasciato una coperta sotto la pioggia e si è sporcata", rispose Cheryl.



“Do you think twenty swats with a paddle make up for that?” Sam asked softly. “What is the proper punishment?”



“Whatever my Mistress decrees,” cheryl answered.



“What if I said sixty swats? Would that be proper?”



“If that is what my Mistress thinks is proper,” cheryl answered almost tearfully. “But this slave begs for a less severe punishment.”



“Hmmm,” Sam murmured. “Less than sixty... but more than twenty... We shall do forty... in sets of ten. Is that proper?”



Cheryl hung her head low and said, “Yes, Mistress Samantha. ... But please give me permission to wail and cry.”



“Puddy tat,” Sam called out. “You heard your sister slave. She wants to be able to wail and cry. ... Which means someone else has to keep the count.”



Puddy tat hurried over and stood alongside Sam. “I will keep count for my sister slave, Mistress Samantha,” she said. “Do you wish me to speak her thanks for her?”



“No, puddy,” Sam replied. “The count itself is sufficient. Remember it is forty in sets of ten.”



“Yes, Mistress Samantha,” puddy tat replied.



Almost as soon as puddy tat finished speaking, Sam whipped her left hand off of cheryl’s ass and used her right to slam the paddle down on cheryl’s left asscheek. The loud “Smack!” was almost like a rifle shot.



I don’t know how cheryl was able to remain in place. Her whole body twanged like a spring, but somehow the fingers and toes remained in place.



“Ahhhhhh!” cheryl screamed.



“One,” puddy tat counted.



The next blow was on the right asscheek and was just as loud. Cheryl’s wail was also just as loud, but somewhat shriller.



Sam varied the pattern of her strikes. Sometimes she would hit on the left; sometimes on the right; and sometimes squarely in the middle. She also moved up and down on cheryl’s ass. Occasionally she would strike just where the asscheek merged into the leg. Once she even struck lower on the leg itself. I noticed that she was very careful, however, to never go above cheryl’s waist.



By the time puddy tat counted the tenth stroke, cheryl was screaming almost continually. It was a very high-pitched wail which almost sounded like some possessed demon from an old horror film. To my amazement, her body pitched and bucked, but her fingers and toes stayed in place. Her ass looked slightly swollen, but because of her dark skin, it was harder to see the welts the paddle had raised.



I was still watching her quiver on Sam’s lap when Tracy’s hand slammed into my own ass. I yelped, but surprisingly I was able to remain in position and stutter out, “Six. Thank you, Ma’am.”



I started paying attention to where Tracy was striking me. She, too, moved around. Two of the five swats were on the left, two were on the right, and one was in the middle... very low. That final swat in the middle felt almost like it was on the base of my prick, or even on the top of my ball sack. It didn’t hurt any more– or less– than any of the others, but it felt... ... different.



As before, when Tracy finished her five, she rested her right hand on my ass and slowly rubbed the flaming welts caused by her other hand. I found myself making an almost contented noise and she leaned down and said softly, “I think you are a special kind of submissive slut. While we are together this summer, the girls and I just might help you find your hidden, inner self.”



I didn’t know what she meant, but, for some reason, my cock began getting stiff as I tried to figure it out. I was lying there thinking about it when cheryl’s loud scream brought my attention back to the matter at hand– so to speak.



“Eleven,” puddy tat said loudly. Then Sam began raining blows rapidly on cheryl’s ass. Puddy tat could barely keep up with the count. Cheryl was screaming and wailing louder and shriller with each blow.



Finally puddy tat said, “Twenty.”



Cheryl lay across Sam’s lap sobbing and crying. Her ass was starting to swell badly and I could now see hints of red and purple on the raised welts.



“I didn’t think you could do it,” Sam said. “You constantly amaze me with what you can take.”



“I wouldn’t have been able if you had not given me permission to wail, Mistress,” cheryl sobbed out.



“We are half-way through,” Sam said as she very lightly rubbed cheryl’s now very inflamed ass.



I started to prepare myself for the next blow, but when Tracy patted my ass and said, “Relax,” I realized that I was clenching my asscheeks again.



I forced myself to relax and just be open to the next swat.



“Smack!”



“Eleven. Thank you, Ma’am.”



There was something different about that swat. It hurt, but not in the same way that the other swats had hurt. It was... .... different.



I tried to relax even more for the next one.



“Smack!”



“Twelve. Thank you, Ma’am.”



Again, it hurt, but in a different sort of way. It almost felt good– no, that couldn’t be. It was a spanking. It couldn’t feel good. Spankings were supposed to hurt.



“Smack!”



“Thirteen. Thank you, Ma’am.”



“Smack!”



“Fourteen. Thank you, Ma’am.”



“Smack!”



“Fifteen. Thank you, Ma’am.”



Cosa stava succedendo? The smacks were starting to feel good in a weird sort of way. They still hurt, but they felt... good.



I watched holly very closely as Mistress Gloria spanked her. Holly was squirming on Gloria’s lap, but as strange as it sounds, it looked like she, too, was... enjoying... her spanking.



The loud smack of the leather paddle and cheryl’s screams captured my attention. Cheryl was definitely not enjoying her spanking– or maybe I should call it a beating since it seemed so intense. Even puddy tat was having trouble calling out the count. She was sobbing heavily as she called out, “Twenty-nine,” and had to try several times before she could finally call out, “Thirty.”



I had five more to go. I tried not to think about when or where or how hard. I concentrated on relaxing. What would be, would be. Let the swat happen. Don’t fight it.



“Smack!”



“Sixteen. Thank you, Ma’am.”



Yes, it still hurt. But at the same time, it felt sort of good.



“Smack!”



“Seventeen. Thank you, Ma’am.”



Ho fatto un respiro profondo. Only three more to go. They didn’t seem to hurt nearly as much, and they were starting to feel even better in a very weird sort of way. I could get through this easily.



“Smack!”



“Eighteen. Thank you, Ma’am.”



“Smack!”



“Nineteen. Thank you, Ma’am.”



Tracy softly rubbed my flaming ass. “On this last blow, worm,” she said softly, “you may cum.”



I may what?! Then I realized that I was hard... very hard... very, very hard. How was that possible?! I was getting my ass fried and I was turned on.



“Smack!”



“Twenty. .... aaahhhaaahhh”



L'ho fatto. I came, squirting down between Tracy’s legs. As a small puddle of cum formed on the floor, I took a deep breath and wheezed out, “Thank you, Ma’am.”



Tracy just laughed softly and rubbed my ass. “I think you are finding yourself sooner than we thought,” she said softly.



I heard holly count, “Nineteen. Thank you, Ma’am,” and Mistress Gloria said firmly, “You, too, may cum on the twentieth stroke.”



“Smack!”



Holly gave a loud cry as she shook and quivered on Gloria’s lap while she kept her hands and toes firmly on the ground. She then took several short, sharp breaths and trembled out “Twenty. Thank you, Ma’am.”



After that, she seemed to collapse on Gloria’s lap, repeating “Thank you, Ma’am. Thank you, Ma’am. Thank you, Ma’am.”



Gloria laughed as she rubbed holly’s ass and looked over at me with Tracy rubbing mine. She laughed again and said with a smile, “We seem to have a matched pair of pain sluts.”



Sam also laughed, but her laugh sounded much more ominous. “I’ll bet that right now my slave wishes that she was a pain slut rather than just someone who craves pain.” Looking down at cheryl she said cruelly, “You want this, don’t you? But it’s just pain to you, isn’t it? Why do you keep misbehaving and forcing me to punish you?”



“I need it, Mistress,” cheryl wailed. She looked up at Mistress Samantha and added, “And I need it from you. It has to be from you.”



“Ten more,” Sam said and brought the paddle down with another resounding “Smack!”



“Thirty-one,” said puddy tat.



Sam again let loose with a rapid fire stream of swats. Again she was all over cheryl’s ass. Again cheryl screamed loudly and shrilly. Again puddy tat sobbed as she watched her sister slave receive her punishment.



“With every sour there should be sweet,” Gloria said calmly. Then she ordered, “Puddy tat, spread the blanket back out here in the center of the circle.”



Puddy tat scampered to obey, making sure that the cleaner side of the blanket was up. Then Gloria said, “The four of you have our permission to please each other– or yourself– for the next half hour.”



Holly, cheryl, and puddy tat immediately crawled to the center of the blanket. Tracy pushed me slightly and said, “Join them.”



As I got to the center of the blanket, holly pulled me to one side and said, “Cheryl and puddy tat are lovers. I think we should let them please each other on their side of the blanket while you and I get to know each other better on this side.”



I let her pull me further over to the side of the blanket. Then I looked at her and said, “What?”



“Are you really a virgin?” lei chiese.



When I nodded my head, she smiled and said, “You won’t be for long.”



= = = = = = = = = = = = = = = = = = = =

END OF STORY (For now. Further chapters may follow.)

= = = = = = = = = = = = = = = = = = = =

Storie simili

La visita alla famiglia continua

Quando Todd è entrato per colazione oggi, volevo strisciare sotto il tavolo e prenderlo in bocca. Ma con nostra madre seduta lì, ho dovuto respingere l'impulso. Gli lanciavo occhiate furtive e, quando mamma leggeva il giornale, mi strizzava l'occhio. Per tutta la colazione ho sentito i miei pantaloncini bagnarsi. Alle 9 la mamma si è alzata ed è andata al lavoro. Mi sono alzato e ho sparecchiato. Ho deciso di strofinare il mio culo contro il suo braccio mentre passavo. Dato che papà era partito presto questa mattina, sapevo che ora eravamo soli. Todd si alzò quando raggiunsi il lavandino e...

202 I più visti

Likes 0

Spirito libero (03).. Quindici (1997)

Questa storia continua dall'ANZAC Day 1997 quando avevo appena compiuto 15 anni. Ero sdraiato fuori e mi sentivo molto dolorante e tenero; finché non decisi di entrare e unirmi agli altri. Inciampai mentre cercavo di camminare. Era come se mi fossi cagato addosso i pantaloni anche se non indossavo vestiti. Il soggiorno era buio e vuoto così ho preso una coperta; si riposava sul divano e si addormentava. Dovevano essere le 6 o le 7 del mattino quando mi sono svegliato; alcuni dei ragazzi erano già in piedi e fumavano bong. Mi sentivo dolorante e rigido; poi mi resi conto che...

274 I più visti

Likes 0

Tim, l'adolescente parte XV

Nota: ——NON sono l'autore! Ci sono diversi autori in realtà, non sono così sicuro che qualcuno di loro sia il creatore, ma so che non sono io. Sto semplicemente condividendo questa bella storia con tutti voi perché non l'ho vista qui. Ora in origine dovevano essere tutte 9 parti, ma... Qualcuno ha detto che la prima era troppo lunga, quindi ho deciso di dividerle tutte in post più piccoli. Ho pensato di provare un aspetto e una struttura della frase diversi per questo capitolo, per favore fatemi sapere come vi piace. BUON APPETITO--- Tim, l'adolescente parte quindici di: Rass Senip +++...

382 I più visti

Likes 2

Jaded Parte 1- Riva dell'acqua

Tutto quello a cui riuscivo a pensare era quanto faceva caldo oggi e quanto faceva freddo ieri; i forti venti che avevano soffiato la mia borsa Walmart attraverso il parcheggio mentre i miei amici avevano ridacchiato al mio inseguimento si erano trasformati in intensi raggi che picchiavano sul mio corpo di sedicenne. Sarò onesto, era un corpo che la maggior parte dei miei amici, anche i più grandi, invidiavano ed era in parte a causa del mio corpo che le ragazze più grandi uscivano comunque con me. Il mio viso innocente e i lunghi capelli biondi si sono complimentati con il...

263 I più visti

Likes 0

Un po' di magia nera Capitolo 1

Capitolo 1 Questa è la mia storia... No. Questa è la mia confessione. Non sono sicuro che quello che ho fatto sia stato un crimine, ma è stato sicuramente contro natura. Il mio ultimo anno al college e in effetti le ultime settimane fino a quando non sarei stato cerimoniosamente inserito nel mondo del lavoro. Mi trovavo nel bagno che accompagnava la mia camera da letto esplorando il mio corpo allo specchio. Le lenti spesse dei miei occhiali mi facevano sgranare gli occhi sotto il disordine ondulato dei capelli neri. La mia pelle era pallida per aver passato giorni nelle biblioteche...

240 I più visti

Likes 0

L'estrazione

L'ESTRAZIONE - O_o storie Era un sabato mattina ed ero a casa mia da una festa di compleanno di amici. Ero uscito all'una, perché la gente aveva iniziato a buttare cibo e bottiglie vuote in giro. Mi sentivo assonnato. Avevo avuto troppo anch'io e volevo solo andare a casa. Passando il supermercato locale ho attraversato la via principale. C'era un furgone bianco parcheggiato a pochi passi davanti a me. Il lampione sopra di esso tremolava e mi faceva lacrimare gli occhi nella semioscurità. Mentre passavo davanti al furgone, il motore si è avviato e la portiera laterale si è aperta. Due...

256 I più visti

Likes 0

Il negozio d'angolo seconda parte

La prima parte è qui: sexstories.com/story/82788/ Controllò l'orologio, sarebbe arrivata presto. Era circa una settimana dopo, ero nel suo negozio, la mamma mi aveva mandato a prendere il cibo di cui avevamo bisogno per il fine settimana. Dopo aver chiamato tutto nella cassa e aver messo tutti gli oggetti in tre grandi sacchetti di plastica. Lui mi disse: Mi devi ancora un sacco di soldi, dovrai andare nella stanza sul retro oggi Scioccato, balbettai. No. Per favore, signor Hassan, non voglio farlo Mi afferra il braccio, dicendomi; Non hai altra scelta ragazza, pensi che tutto il cibo e i soldi siano...

171 I più visti

Likes 0

Lascia che una Playa giochi

Lascia che A Playa Play Storia di Charles che usa il suo bell'aspetto e il suo fascino per scopare tutte le donne che vuole. Oooohh cazzo, mmmmm. geme con una gamba sulla mia spalla, mutandine nere con rifiniture rosa che pendono dal suo piede mentre attacco vigorosamente la sua figa con la mia lingua. Essendo questo il suo ultimo giorno di lavoro, ho pensato di mandarla via con un regalo d'addio. Più simile a questo è ciò che ti mancherà presente. Mentre si morde il labbro, mi afferra la nuca e mi preme il viso nella sua figa bagnata. Non sai...

277 I più visti

Likes 0

Figlia dei vicini: Sporco segreto

È successo quando avevo 16 anni un giorno d'estate. La scuola era finita e cominciavano le vacanze. Vivo alla fine della casa in stile cottage dove i nostri vicini sono dall'altra parte del muro. Nella porta accanto vive la mia amica Eve, ha la mia età, capelli biondi e corpo da urlo. Quanto a me, sono proprio come lei, solo che ho i capelli scuri. Pochi giorni fa ho notato una cosa interessante ... il telefono ha squillato a casa di Eves e dopo pochi minuti lei è spento da qualche parte. l'ultimo giorno lo stesso. Quindi ho deciso di rintracciarla...

357 I più visti

Likes 0

Janes umiliazione 2.

Dopo essere stata mangiata e risucchiata da Helen, Steph e Claire, Dawn si alza e li supplica di permetterle di vestirsi in modo che possa andarsene. La sua richiesta è stata rifiutata poiché la sua amica era ancora in cucina, legata, bendata e imbavagliata. Helen le disse che doveva affrontare un'altra cosa prima di poter partire. Le tre ragazze la aiutarono a salire su un grande tavolo da pranzo. Le è stato detto di stare a quattro zampe con le ginocchia a circa 3 piedi di distanza. Questo le ha aperto bene il buco del culo. Si sentiva molto esibita. Tutte...

222 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.