Un po' di magia nera Capitolo 1

239Report
Un po' di magia nera Capitolo 1

Capitolo 1

Questa è la mia storia... No. Questa è la mia confessione. Non sono sicuro che quello che ho fatto sia stato un crimine, ma è stato sicuramente contro natura. Il mio ultimo anno al college e in effetti le ultime settimane fino a quando non sarei stato cerimoniosamente inserito nel mondo del lavoro. Mi trovavo nel bagno che accompagnava la mia camera da letto esplorando il mio corpo allo specchio. Le lenti spesse dei miei occhiali mi facevano sgranare gli occhi sotto il disordine ondulato dei capelli neri. La mia pelle era pallida per aver passato giorni nelle biblioteche o dietro i computer. La leggera curva della mia spina dorsale mi faceva sembrare depressa ma era anche una conseguenza di troppe notti con il naso nei libri. Ero troppo magro e le braccia e le gambe sembravano tese. L'unica parte del mio corpo di cui mi sentivo soddisfatto era il mio pene, il membro lungo e grosso era inclinato a destra e mi toccava la coscia. La carne che nascondeva la punta era spesso allungata rivelando la punta della punta rosso ciliegia.

"Vaffanculo nerd!" dissi al mio riflesso mentre mi accarezzavo il cazzo.

I miei genitori erano molto benestanti e avevano acquistato una casa vicino al campus per me e il mio migliore amico Jeremy per rimanere mentre frequentavamo la scuola. Era sia una benedizione che una maledizione. Era una benedizione trovare facilmente tranquillità e solitudine quando si studiava per gli esami, ma una maledizione essere isolati dal resto degli studenti e di conseguenza da tutte le parti. Il mio cazzo si gonfiò in attesa mentre mi sussultavo sulla carne e il muscolo spesso si indurì mentre il piacere cresceva. Ero una vergine di ventitré anni, quindi non ero estranea alla masturbazione. Le immagini mentali di alcune delle belle ragazze della scuola mi danzavano nella testa. I forti colpi alla porta del bagno mi fecero fare un balzo indietro e quasi nella vasca da bagno.

“Quentin! Smettila di masturbarci, dobbiamo andare in classe!” gridò Jeremy dall'altra parte della porta.

Il mio cuore perse un battito quando l'orgasmo svanì.

"Vaffanculo, Jeremy."

L'ho sentito ridere mentre scendeva le scale per tornare in soggiorno. Jeremy era il mio migliore amico delle scuole elementari e a volte aveva un senso migliore di quello che volevo di me. Spesso irrompeva su di me mentre mi masturbavo infastidendomi, ma aveva anche i miei cibi preferiti che mi aspettavano per il mio compleanno o dopo un duro esame. Eravamo amici da così tanto tempo che era come vivere con mio fratello. La mia sorellastra, Jessica, ci prendeva spesso in giro perché ci comportavamo come una vecchia coppia sposata.

Quando il mio cuore ha ripreso un battito ragionevole ho pensato di riprendere il piacere di me stesso, ma in qualche modo il momento sembrava affrettato o infranto. L'unica immagine che riuscivo a raccogliere era l'immagine di Jeremy che rideva. Jeremy era molto più basso di me, con la pelle a mandorla scura e capelli neri corti e lisci, era un secchione quanto me, ma in qualche modo aveva più fortuna con le ragazze. Jeremy si vantava di ogni nuova ragazza con cui riusciva a dormire, ho pensato che fosse il suo bell'aspetto a dargli più fortuna. Jeremy aveva un viso dolce e un sorriso facile con un duro cesello... tutto. Quando Jeremy non uccideva gli zombi online era in palestra.

Sospirai per la mia erezione ammorbidita e cominciai a vestirmi. Mancavano ancora un paio d'ore alla nostra prima lezione della giornata, ma a Jeremy piaceva fare colazione in una piccola tavola calda vicino alla scuola e quindi non fui sorpreso di vederlo alla porta d'ingresso battere i piedi con impazienza.

Quando Jeremy mi ha sorriso malizioso ho detto: "Fottiti!"

"Voglio farti scopare fratello, ma non sono sicuro che tu sia così disperato?"

"Huh", dissi mentre i miei occhi diventavano sfocati.

"Non importa. di Joni?"

"Certo, stai guidando", dissi porgendo le chiavi a Jeremy.

Quando ci siamo seduti al nostro solito posto in fondo alla tavola calda, Jeremy ha chiesto: "Cosa c'è che non va in te oggi?"

Gli ho sbattuto le palpebre rendendomi conto che l'avevo ignorato da quando avevo preso posto in macchina. Jeremy doveva aver parlato per tutto il viaggio, ma non avevo sentito una parola. Ho considerato la domanda solo per un momento, ma la sfida di provare a descrivere la mia disperazione mi ha lasciato borbottare: "Niente".

«Bugiardo», disse aspramente Jeremy. "Sei preoccupato per gli esami?"

"No."

Gli occhi di Jeremy si strinsero come se stesse cercando di perforare il mio cervello con i suoi occhi. "Sei ancora il broncio per quello che ha detto Sherra?"

I miei occhi si incrociarono con i suoi e le iridi marrone scuro nei suoi occhi sembravano lampeggiare di un giallo. “No…forse…non lo so. Non è solo lei". L'eco di Sherra che urla "Fottiti Quentin!" in biblioteca, quando le ho chiesto di uscire per un caffè, sembrava riecheggiare attraverso la tavola calda affollata.

"È una stronza, non vuoi avere niente a che fare con lei comunque."

“Conosco solo l'ultima goccia. Ho ventitré fottuti anni, Jeremy e non ho ancora nemmeno dato il mio primo bacio".

"Perché non l'hai detto, vieni qui che ti bacerò!"

Ho appallottolato il tovagliolo sul tavolo e l'ho lanciato a Jeremy: "Cazzo! Forse dovrei semplicemente diventare un monaco o qualcosa del genere. Un prete?"

"Non sei cattolico."

"Hai bisogno di un po' di magia nera", disse una voce vellutata dal separé dietro di me.

Mi voltai per vedere una bella donna con folti capelli neri, grandi labbra rosso scarlatto e occhi a mandorla che si abbinavano alla sua pelle appoggiata sui gomiti con le braccia infilate sotto grandi seni che quasi si riversavano in avanti sul mio viso. Accanto a lei c'erano due dei guerrieri del football della scuola con facce di ammirazione senza espressione.

"Mi scusi?" ho chiesto confuso.

"Nessuna scusa, sono Madam Ater e posso realizzare i tuoi sogni."

Le dita di Madama Ater mi hanno mostrato un biglietto d'argento davanti al naso e istintivamente l'ho preso.

“Ehm, grazie. Ma non credo nella magia".

"Desideri. Se decidi che non vuoi essere una vergine di ventiquattro anni, vieni a trovarmi nel mio negozio, l'indirizzo è sulla carta".

Sbattei le palpebre cercando di tenere gli occhi sugli occhi di Madam Ater e non sul seno a pochi centimetri dal mio viso.

“Magia eh? Provalo." Jeremy scattò dall'altra parte del tavolo.

Gli occhi di Ater lampeggiarono mentre sorrideva, la mia pelle iniziò a accapponare mentre parlava. "Sembri molto affamato Jeremy, dovresti mangiare." Con un occhiolino dell'occhio sinistro, il colore svanì lasciando il suo occhio bianco puro.

Mi sono voltato indietro per guardare Jeremy iniziare a strappare il suo tovagliolo in pezzi piccolissimi, masticandoli come se fosse una bistecca e poi ingoiandoli. Ho guardato con un po' di divertimento e un po' di orrore mentre consumava ogni boccone del tovagliolo.

Quando Jeremy ha ingoiato l'ultimo boccone ha detto: "Non pensavo così. Dove è andata?"

Tornai indietro e trovai il separé dietro di noi vuoto, fatta eccezione per una grossa moneta d'oro che girava sul tavolo. Ho guardato aspettandomi che la moneta si fermasse o rotolasse giù dal tavolo quando è diventato ovvio che non lo era. L'ho afferrata e sono scivolato rapidamente di nuovo al mio posto.

"Odio le frodi del genere, che cercano solo di approfittare di qualcuno."

"Uh, sì", dissi mentre la cameriera faceva scivolare i nostri soliti sul tavolo.

"Dov'è il mio tovagliolo?" Jeremy ha chiesto controllando il pavimento.

"Signora Ater, l'ha fatto sparire", dissi divertito.

"Sì, scommetto", disse Jeremy con disprezzo.

Il resto della giornata è stato uno spreco per me. Sono arrivato a malapena alle lezioni mentre vagavo per il campus fissando la grande moneta d'oro. Quando lo infilavo in tasca sembrava bruciare finché non lo riprendevo. Quando tornai a casa e trovai la solitudine della mia camera da letto, cercai l'indirizzo sul biglietto d'argento che mi aveva dato la signora Ater. Google si è rivelato vuoto e ha suggerito una dozzina di altri indirizzi che non erano nemmeno vicini.

Vaffanculo, Quentin!

Il fantasma del mio ultimo rifiuto mi perseguitava. Mentre giravo la moneta più e più volte. La scritta latina sulla moneta tradotta in "Tutti coloro che entrano devono passare attraverso il cancello e pagare il pedaggio".

La mia mente ha considerato quello che era successo al ristorante stamattina e poi c'era qualcosa nella moneta che sembrava avere la sua magia. Ho cercato su Internet spiegazioni per quello che è successo e definizioni di magia nera, ma tutto quello che ho trovato sono stati vaghi riferimenti al vudù e ai processi alle streghe di Salem. Quando i numeri rossi sull'orologio di fronte a me leggevano le due, gemetti e chiusi il portatile lasciandolo cadere sul letto accanto a me. Il mio cazzo sobbalzò e si contrasse eccitato al pensiero dei grossi seni di Madam Ater. Era bellissima, ma non era una persona verso la quale avrei gravitato normalmente. La mia mente scattò al naso piccolo e al viso pallido e lentigginoso della mia sorellastra e io sbuffammo. Ho pensato a Sherra con i suoi capelli neri selvaggi e la sua bella pelle scura, era pazzesca ma le avevo chiesto di uscire solo perché era stata così gentile con me durante il gruppo di studio. Saprei che era fuori dalla mia portata. Ho girato la moneta più e più volte nella mia mano mentre consideravo tutte le ragazze che mi avevano rifiutato e tutte le ragazze che inevitabilmente mi avrebbero rifiutato se l'avessi chiesto. Ho chiuso gli occhi cercando di decidere cosa fare e ho sentito dei passi pesanti un attimo dopo ho sentito i passi scuotere il mio corpo. In un momento di panico mentre immaginavo i giganti che prendevano d'assalto la casa, ho tentato di saltare giù dal letto, ma quando ho aperto gli occhi ero già in Hallow Street. A piedi nudi e in nient'altro che i miei boxer. L'improvviso gelo del cemento ai miei piedi mi fece trasalire. Appoggiato al muro di mattoni della tintoria mi sono stabilizzato contro la sensazione di disorientamento.

Sbattei le palpebre alla moneta che avevo ancora in mano e mi meravigliai prima di controllare la strada per altri segni di vita. Le strane luci gialle mostravano una strada deserta, le grandi vetrine del negozio erano tutte buie e il silenzio inquietante mi ha fatto venire un brivido lungo la schiena.

Ho controllato la mia voce con un sommesso "Ciao?" Il suono svanì rapidamente nella strada tranquilla.

In breve, mi ero chiesto se la moneta mi avesse teletrasportato qui, ma poi ho guardato i miei piedi e ho visto il fango e la sporcizia della passeggiata di diversi chilometri ancora attaccati a loro. Mi sono ricordato di Jeremy al ristorante e ho pensato all'ipnotismo. Ho quasi buttato via la moneta da me per paura che potesse possedermi di nuovo. Ho riconsiderato la sensazione che stare senza la moneta mi avrebbe esposto ancora di più. Avevo camminato per miglia senza vestiti, scarpe o soldi, la monetina era tutto ciò che avevo.

Hollow street era una strada familiare durante il giorno con molti dei negozi più famosi stipati lungo la vecchia strada di ciottoli. Le auto non erano più ammesse lungo la strada con parcheggi su entrambe le estremità della strada e parcheggi limitati nelle strade dietro i negozi. Sembrava una violazione di domicilio e i miei nervi cominciarono a vacillare. I lampioni tremolavano quando feci il primo passo indietro, poi tutti quando era buio il secondo, tranne uno quasi a metà strada. La lampada non era come le altre con la base spessa e i colli pesanti e piegati, questa era piccola e alta solo circa otto piedi. La fioca luce della lampada raggiungeva appena la sua base. Quando la luce si è spostata stranamente ho notato che era una fiamma tra gli specchi invece di una lampadina.

«Una lampada a gas», sussurrai nell'oscurità. L'apparizione della lampada non aveva rafforzato la mia volontà, ma la paura mi aveva fatto muovere verso la luce e non lontano da essa. Quando le mie dita si sono avvolte attorno al grande palo di ferro mi sono sentito sollevato, come se avessi trovato il punto sicuro in un gioco di tag. Mi meravigliai a lungo della lampada finché non sentii una calma prendermi, poi mi voltai a guardare la pesante porta nera, mal dipinta, proprio dietro di me. Sarebbe stato facile perderlo se non fossi stato in piedi vicino alla lampada. Non c'erano segni o segni sulla porta e nemmeno una maniglia. Solo la spessa vernice nera e un foro circolare mal tagliato all'altezza degli occhi. Mi avviai verso la porta con il braccio libero teso e le dita ancora aggrappate alla lampada. Sono sicuro di essere stata la creatura più strana quella notte perché sembravo un uomo che sta annegando che cerca la sua prossima presa.

Con un impeto di eccitazione, saltai in avanti premendo la mano sulla porta, il pesante tintinnio della moneta d'oro che si collegava alla porta ricordandomi che la stavo ancora tenendo stretta tra tre dita. Sembrava ovvio allora inserire la moneta nel foro intagliato della porta. È scivolato dentro facilmente, l'ho tenuto lì con il pollice aspettando che la porta svanisse o parlasse o una delle tante altre cose strane che avevo visto fare alle porte nei film. Quando non è successo nulla, ho provato a estrarre la moneta, ma prima che potessi, la moneta è scivolata ed è svanita in una fessura della porta che non avevo notato prima.

"Dannazione", ho gridato sentendomi completamente esposto senza la moneta.

Il tintinnio della moneta mentre cadeva attraverso quello che doveva essere un elaborato sistema di tunnel echeggiò su di me. Mi veniva voglia di rincorrerlo, tuffandomi nella fogna alla ricerca del tesoro perduto ma appena il rumore della moneta che cadeva si fermava la pesante porta si apriva all'interno. Un muschio pesante mi ha confrontato con una miscela di legno di sandalo e un altro odore che era familiare ma non riuscivo a collocarlo. L'odore mi attirava dentro come l'odore dei biscotti appena sfornati attirava i bambini a casa. Mi chiesi per un momento se avrei svegliato la signora Ater, ma sentii dei rumori provenire dall'interno. Entrai in una grande stanza che era illuminata da lunghe candele nere e gocciolanti e chiusi la porta dietro di me. Le antiche mensole di legno che rivestano le pareti erano distanziate uniformemente intorno a tre delle pareti con una spessa tenda che tagliava la stanza dall'altro lato. Tra gli scaffali c'erano grandi specchi che si adattavano perfettamente tra il pavimento e il soffitto. Gli scaffali erano polverosi e coperti di piccole bottiglie, scatole, libri e pergamene o pergamene ingiallite. Sorrisi un po' alla piccola bottiglia con l'etichetta del teschio e delle ossa incrociate sentendomi stupida a stare in un posto come questo nei miei boxer. Respiri pesanti, gemiti e grugniti provenivano da dietro la tenda e la mia curiosità ebbe la meglio su di me. Trovando il bordo della tenda, l'aprii di un centimetro per sbirciare dietro. Questa parte della stanza era circondata da specchi e illuminata da centinaia di lunghe candele disposte intorno a quello che era un letto enorme con lenzuola di seta nera. Sdraiata sul letto c'era una delle belle stelle del calcio con la signora Ater seduta sopra il suo corpo nudo che si alzava e cadeva sulla sua erezione. La signora Ater era nuda, fatta eccezione per uno spesso corsetto di pelle avvolto in modo schiacciante intorno alla sua vita. I grossi seni si rovesciarono e rimbalzarono ipnoticamente mentre lei continuava a impalarsi sull'uomo sotto di lei. In piedi accanto a lei c'era l'altro uomo con i muscoli increspati che alimentavano la sua erezione nella bocca di Ater, le sue grosse labbra rosse che lo succhiavano e lo tiravano mentre scivolava dentro e fuori da lei. Il mio cazzo è saltato e ha cominciato a gonfiarsi alla vista del trio erotico.

“Quentin!” disse la signora Ater eccitata liberandosi dal perno accanto a lei. Ha continuato a rimbalzare su e giù sul cazzo sotto di lei mentre parlava. “Ti aspettavo ore fa. Sarò con te tra pochi istanti... a meno che tu non voglia unirti a noi?"

La mia erezione si è gonfiata a tutta massa sollevando i miei boxer e schizzando fuori. "Io, ehm..."

"Cazzo sì", ha gridato l'uomo sotto Ater e l'ho guardato scuotere i fianchi mentre si svuotava in Ater.

La signora Ater gemette e tremò per il piacere di essere riempita del seme dell'uomo. Un attimo dopo l'uomo accanto a lei che aveva iniziato ad accarezzargli il cazzo grugnì di piacere e spruzzò sperma sulle grandi tette di Ater, lei scattò in avanti per prendere la punta di lui in bocca e io lo guardai mentre pulsava riempiendole la bocca di denso sperma bianco . Quando ebbe finito, entrambi gli uomini crollarono sul letto mentre la signora Ater si alzava con gli occhi chiusi leccandosi le labbra. Sembrò brillare per un momento, poi scivolò facilmente in piedi e camminò verso di me.

I suoi occhi malvagi si spalancarono e iniziò a guardarmi dall'alto in basso avidamente, leccandosi le labbra quando vide la mia erezione.

"Peccato che tu non sia stato un po' prima", fece le fusa Madame Ater.

"Io sono qui ora!"

Lei sorrise, si chinò e mi baciò la guancia. "Non sei per me, anche se sono sicuro che saresti delizioso."

"Sei una strega?" chiesi mentre la signora Ater tirava fuori una veste nera da dietro la tenda e infilava le braccia nelle maniche. Ha lasciato la vestaglia aperta senza vergogna dei suoi seni scoperti e della figa nuda che ora stava gocciolando sperma lungo la sua gamba.

"Una strega, no", disse con un sorriso malvagio. "Sono qualcosa di molto più esotico."

"Esotico? Non capisco."

La signora Ater si avvicinò e la punta della mia erezione premette contro il suo ventre. Tracciò la punta della sua lunga unghia nera lungo la mia guancia, tracciando la mia mascella. Inspirò profondamente mentre chiudeva gli occhi, sembrava diventare euforica per il mio odore.

“Sei un innocente. Ma sei sul filo del rasoio.”

"Innocente?"

La signora Ater scivolò via da me gemendo come in preda all'estasi. “Innocente come un bambino. Posso insegnarti tutto quello che vuoi sapere, ma non posso darti quello che cerchi."

"Cosa sto cercando?"

"Amore."

Ridacchiai: "Non sto cercando l'amore".

«Puoi ingannare te stesso, Quentin, ma non puoi ingannare la signora Ater. Cerchi la magia per invogliare la persona che ami."

Deglutii a fatica mentre il bellissimo viso fluttuava nella mia mente: "Non mi sbaglierei".

"No", concordò Ater con un sorriso a trentadue denti. "Anche lei ti ama, ma tu cerchi il sesso, non il suo amore."

"È sbagliato?"

“No, ma come ho detto sei un innocente che cammina sul limite. L'amore è bene, il controllo dell'altro è male".

"Controllo, come potrei controllarla?"

Gli occhi di Madame Ater si strinsero alla mia domanda: "Forse dovrei spiegare prima la magia". Scivolò intorno a me mentre toccava ed esaminava vari oggetti sugli scaffali. “Chiunque può connettersi all'energia che ci circonda. L'energia che chiami magia. Coloro che studiano l'energia possono connettersi ad essa e quindi pochissimi di coloro che possono connettersi ad essa possono manipolarla. Se scegli di connetterti all'energia solo nel positivo, come la guarigione o la crescita naturale, allora stai usando la magia bianca. Coloro che usano l'energia per effettuare cambiamenti innaturali usano la magia nera".

"Chi può connettersi e usare la magia?"

La signora Ater gemette e si afferrò il seno sinistro alla mia domanda: "Buona domanda, alcuni umani possono connettersi all'energia ma il costo spesso li travolge e non durano mai a lungo".

"Umani?"

Ha mostrato di nuovo il suo sorriso, poi ha detto: “Sì, umani. Vedete, tutta la magia ha un costo e con gli umani il costo è spesso l'invecchiamento prematuro. Quando si rendono conto del costo, spesso trascorrono il resto del loro tempo attingendo la forza vitale degli altri nel tentativo di riconquistare la loro giovinezza”. La signora Ater ridacchiò, poi scuotendo la testa disse: "Non funziona mai".

Prendendo un piccolo teschio umano da uno scaffale, Ater ha rimosso uno strato di polvere e poi ha sostituito il teschio. Le creature che chiami angeli e demoni sono legate alla magia stessa. Se gli angeli usano la magia per il bene, sono elevati nella loro connessione, se la usano per il male, la loro connessione con l'energia è ridotta. Se l'hanno usato per il male troppo spesso diventano demoni e vengono torturati dalla connessione fino a infliggere dolore agli altri".

Con la signora Ater di spalle, mi allontanai. Non mi sembrava un angelo, ma nemmeno un demone.

"Rilassati Quentin, non sono un demone", disse Ater senza voltarsi. "Sono qualcosa di più esotico."

"Così hai detto, ma cosa sei?"

La signora Ater si aggrappò agli scaffali e gemette alla mia domanda. La sua mano libera trovò le labbra scivolose che erano ancora gonfie e fece scivolare dentro due dita. Si è masturbata liberamente per diversi istanti poi ha ritirato le dita e le ha infilate in bocca e ha succhiato avidamente. Canticchiando felice, mi guardò con occhi lucidi e disse: "Sei davvero la mia preferita. Ho aiutato solo alcuni innocenti prima, ma tu sei assolutamente delizioso."

Mi sono allontanato da lei con la schiena verso la porta e ho chiesto di nuovo: "Cosa sei?"

Il corpo di Ater tremò e un denso flusso di umidità sgocciolò dalle sue labbra prima che lei rispondesse. “Mia madre era il prodotto dell'amore tra un uomo e un angelo, mio ​​padre era un demone. Questo mi dà il nome univoco di succube. Sono connesso sia alla magia bianca che a quella nera. La mia maledizione è il mio piacere".

Quando andai a parlare, la signora Ater si mosse improvvisamente e mi coprì la bocca con la mano: “Silenzio! Le tue parole sono una tortura per me. Vedi, sia come angelo che come demone, sono costretto ad aiutare chi è nel bisogno e a punire coloro che feriscono gli altri e grazie alla mia creazione cerco quelle sfide nelle connessioni fisiche degli altri".

Non riuscivo a parlare, ma pensavo alla parola sesso e Ater annuì: "Sì, sesso. Sia il paradiso che l'inferno si trovano nell'atto d'amore. La passione di due amanti arricchisce entrambi e l'accoppiamento forzato di un altro li distrugge entrambi”.

La mia fantasia recente è scivolata nella mia mente e Ater ha gemuto: "Sì, ciò che cerchi è entrambe le cose; il filo del rasoio."

Leggendomi di nuovo nel pensiero, Ater si allontanò e disse: "Ti aiuterò perché sono neutrale. Non importa quale strada scegli, io vinco. Se scegli il male finirai nel mio letto, se percorri la via del bene, allora quelli che cercano di ferirti finiranno per darmi piacere. Vedi, aiutare un innocente è delizioso».

"Le mie parole ti danno piacere?" I gemiti improvvisi di Ater furono la mia risposta. "Cosa mi succede se uso la magia per quello che voglio?"

La signora Ater si pizzicò i capezzoli con un largo sorriso, "La magia ha il suo prezzo". Tirando indietro la tenda ha rivelato le due giovani stelle del calcio sdraiate sul grande letto. Entrambi erano visibilmente invecchiati di diversi anni. Quando li ho visti nella tavola calda sembravano entrambi sui vent'anni e ora entrambi gli uomini avevano linee grigie e rughe sotto gli occhi. Se li avessi incontrati oggi, avrei immaginato che fossero tra i trenta ei quaranta.

"Merda, cosa hanno fatto per meritarselo?"

Lo sguardo di Madame Ater si fece feroce alla domanda: "Non erano innocenti e vengono puniti per aver inflitto dolore a uno che era innocente".

"La punizione era un trio con una calda succube fumante?"

Con un gemito profondo e un'otturatore, Ater è venuto duro alle mie parole. Densi flussi di liquido sgorgavano dalla sua figa aperta. Si strinse vigorosamente all'inguine tastando di nuovo il piacere dal suo corpo. Una volta che si fu ripresa dal piacere non provocato, disse: “Cattivo ragazzo. Dobbiamo sbrigarci prima che io perda la mia volontà e prenda la tua innocenza". Le sue parole erano cariche di desiderio.

Quando ho iniziato a fare un'altra domanda, la signora Ater ha gridato: “Silenzio! Non capisci il dolore che mi causi quando parli. Conosco i tuoi pensieri, quindi chiedi nella tua mente.”

"Posso usare la magia?"

“Forse con una grande quantità di allenamento o se uno dei tuoi antenati fosse dotato, ma questo processo è lento e incerto. Quelli di noi che possono usare l'energia sono spesso corrotti da quelli che non possono. Posso manipolare l'energia per te o darti uno dei tanti oggetti qui che ho raccolto da altri. Alcuni minerali possono immagazzinare la magia e rilasciarla in seguito."

I miei occhi scattarono su un piccolo anello d'argento appena sopra la spalla di Ater. "Sì, sì", ha detto leggendo i miei pensieri. "Questo ti darebbe le capacità che cerchi, ma è stato creato da mio padre e non mi fiderei. Ora togliti i boxer così posso guardarti bene".

Ho afferrato il tessuto sottile sopra la mia erezione ancora dura in un leggero panico. "Oggi non cerco la tua innocenza ragazzo, ho solo bisogno di vedere con cosa devo lavorare."

Quando ho tentato un altro passo indietro, Ater ha detto: "Molto bene", poi ha schioccato le dita della mano sinistra. Una forza invisibile sollevò le mie braccia in aria e mi sollevò di pochi centimetri da terra. Le mie gambe erano divaricate e bloccate in modo da essere assurdamente allungato a mezz'aria. Con un altro schiocco delle sue dita, ho sentito un calore sgradevole al mio cavallo e ho visto in uno degli specchi i miei boxer bruciare lasciandomi completamente esposto a Madam Ater. La mia erezione si sollevò e pulsò puntando direttamente verso l'aria gelida.

La signora Ater sorrise alla mia erezione e si leccò le labbra: "Molto carino, molto carino". Fece schioccare la lingua mentre mi circondava facendo scorrere un dito sulla pelle esposta e sensibile. "Hai molte buone caratteristiche, è necessaria solo una piccola modifica."

Con un dito lungo e parole sussurrate, la signora Ater ha tracciato una linea lungo la mia schiena. Il suono stridulo della mia spina dorsale che si spostava e cresceva soffocava i miei pensieri. Quando si è fermato ho sentito che la curva della mia spina dorsale si era raddrizzata e ho visto lo stesso negli specchietti.

"Sì, sì", ha detto Ater ovviamente soddisfatto del suo lavoro. Si fermò di fronte a me tamburellando con un'unghia sui denti aguzzi. "Forse un po' di muscoli." Poi ha fatto scorrere un chiodo sui miei bicipiti e giù per gli addominali. L'improvviso bruciore di mille sessioni di allenamento ha strappato le mie fibre muscolari e poi ricucito in pochi secondi. I miei occhi si sono annebbiati per il dolore e ho urlato, ma quando la mia concentrazione si è liberata il risultato è stato incredibile. Le sezioni divise dei miei addominali erano ben formate e approfondite con ogni respiro che facevo. Le mie spalle erano più larghe ei miei bicipiti si allungavano bene contro la carne pallida.

"Molto carino, e sembra che tu non abbia problemi con la resistenza", ha detto la signora Ater indicando l'erezione che avevo avuto da quando avevo incontrato lei e i due uomini. Con un improvviso movimento a scatti, cadde in ginocchio e afferrò l'asta del mio cazzo.

"Cazzo", ho gridato all'improvvisa sensazione di dita che non erano le mie sul mio cazzo.

"Non tentarmi", ha detto la signora Ater con il viso sospeso a pochi centimetri dal mio cazzo. Fu allora che mentre guardavo dall'alto in basso mentre mi accarezzava il cazzo, notai le piccole corna d'argento che sporgevano appena sopra l'attaccatura dei capelli attraverso i folti capelli neri. La sua pelle era impallidita ed era diventata di un rosso cremisi. I suoi denti erano affilati e la sua lingua era sottile e biforcuta. La trasformazione è stata sia terrificante che erotica. Era diventata più bella e allo stesso tempo non umana.

La signora Ater, ha continuato ad accarezzarmi il cazzo mentre si toccava la figa. Non ero in grado di fermarla e non ero sicuro che l'avrei fatto anche se avessi potuto.

"Questo è brutto, sono cattivo", gemette Ater mentre scivolava in avanti e posava il mio cazzo sulla sua faccia. Facendo scivolare fuori la sua lingua per assaggiare le mie palle ha fatto gocciolare una spessa presborra sulla sua fronte. Madama Ater sobbalzò e saltò via come se il liquido la bruciasse. “Non posso,” gridò Ater alzandosi di nuovo. Con uno scatto dell'indice, prese il precum dalla fronte e lo mise in bocca in modo seducente.

“Mmm, sei delizioso Quentin. Hai anche un bel cazzo, non c'è bisogno di cambiarlo. Culo carino e alto. C'è qualcos'altro che vuoi che mi adatti?" Con uno sguardo momentaneo ai miei occhi, mi ha letto nel pensiero e ha acconsentito. "Si certo. Non è qualcosa che ho notato, ma abbastanza facile da risolvere". Ancora una volta ha tracciato un dito su una parte del mio corpo, questa volta era il mio naso e ho sentito e sentito lo schiocco mentre il ponte del mio naso si raddrizzava.

Sono quasi caduto in ginocchio quando la magia che mi legava all'aria si è liberata, sono inciampato in avanti e ho fatto un passo indietro, "Che cosa mi costerà?"

La signora Ater sibilò alle mie parole e si sfilò la vestaglia dalle spalle rivelando la lunga e folta coda che le sporgeva dalla schiena appena sopra il culo. “Il costo è mio da pagare e l'ho pagato. Ora vai, devo nutrirmi... a meno che tu non voglia restare a giocare". Il culo sexy di Madam Ater si spostò da una parte all'altra mentre tornava dai due uomini nel suo letto. Le parole erano seducenti e mi accarezzai il cazzo alla vista del suo corpo nudo. Entrambi gli uomini si svegliarono e lavorarono sulle loro erezioni mentre lei scivolava nel letto con loro. In pochi istanti erano scivolate dentro la sua figa gocciolante e la sua bocca e la stavano martellando, ignari del suo cambiamento o non curandosi del fatto che fosse una succube.

Con un grande sforzo, ho tirato le tende chiuse in modo che si potessero sentire solo i suoni di una rapida scopata sciatta e mi sono voltata per andarmene, mentre lo splendore dell'anello d'argento ha attirato la mia attenzione e mi sono avvicinato per vedere l'interno** ********ion sulla pergamena ingiallita sottostante. Molte delle parole erano scritte in una lingua che non avevo mai visto, ma le ultime tre erano chiare e dicevano Ring Of Wishes. Ho esitato a prenderlo chiedendomi se Ater mi stesse ancora leggendo nel pensiero. Quando gemette forte per quello che era ovviamente un orgasmo, afferrai l'anello e la pergamena e mi diressi alla porta. Avevo programmato di tornare a casa per evitare di essere visto nudo, ma mentre passavo attraverso l'arco di pietra le mie ginocchia si scontrarono con il bordo del letto e caddi con forza, a faccia in giù, nel materasso.

-----------------

Ho scritto questa storia per divertimento e spero che vi piaccia. Prossimi capitoli in arrivo. Se ti piacciono le mie storie puoi aiutarmi a sostenermi acquistando i miei libri su Amazon. Il nome del mio scrittore è T. R. Dixxon per romanticismo etero e H. R. Dixx per gay e bisessuali. Grazie ancora e per favore inviatemi i vostri suggerimenti per storie future.

Storie simili

Estate a Pond Cove - Capitolo 01

Walter ha appena finito il college e sta trascorrendo l'ultima estate prendendosi cura della strana capanna di suo zio situata a Pond Cove, un'area appartata circondata da una riserva naturale del governo. Tutti gli altri proprietari, tranne uno, sono stati acquistati dal governo che vuole trasformare Pond Cove in un santuario delle rane. Walter incontra i suoi vicini per l'estate, sei sorelle della sorellanza che stanno trascorrendo l'ultima estate insieme. Le cose si fanno un po' calde... e un po' strane... mentre Walter scopre il suo lato sottomesso dalle mani di alcuni insegnanti esperti. Questa storia è indipendente, ma la trama...

234 I più visti

Likes 0

La visita alla famiglia continua

Quando Todd è entrato per colazione oggi, volevo strisciare sotto il tavolo e prenderlo in bocca. Ma con nostra madre seduta lì, ho dovuto respingere l'impulso. Gli lanciavo occhiate furtive e, quando mamma leggeva il giornale, mi strizzava l'occhio. Per tutta la colazione ho sentito i miei pantaloncini bagnarsi. Alle 9 la mamma si è alzata ed è andata al lavoro. Mi sono alzato e ho sparecchiato. Ho deciso di strofinare il mio culo contro il suo braccio mentre passavo. Dato che papà era partito presto questa mattina, sapevo che ora eravamo soli. Todd si alzò quando raggiunsi il lavandino e...

202 I più visti

Likes 0

Spirito libero (03).. Quindici (1997)

Questa storia continua dall'ANZAC Day 1997 quando avevo appena compiuto 15 anni. Ero sdraiato fuori e mi sentivo molto dolorante e tenero; finché non decisi di entrare e unirmi agli altri. Inciampai mentre cercavo di camminare. Era come se mi fossi cagato addosso i pantaloni anche se non indossavo vestiti. Il soggiorno era buio e vuoto così ho preso una coperta; si riposava sul divano e si addormentava. Dovevano essere le 6 o le 7 del mattino quando mi sono svegliato; alcuni dei ragazzi erano già in piedi e fumavano bong. Mi sentivo dolorante e rigido; poi mi resi conto che...

274 I più visti

Likes 0

Tim, l'adolescente parte XV

Nota: ——NON sono l'autore! Ci sono diversi autori in realtà, non sono così sicuro che qualcuno di loro sia il creatore, ma so che non sono io. Sto semplicemente condividendo questa bella storia con tutti voi perché non l'ho vista qui. Ora in origine dovevano essere tutte 9 parti, ma... Qualcuno ha detto che la prima era troppo lunga, quindi ho deciso di dividerle tutte in post più piccoli. Ho pensato di provare un aspetto e una struttura della frase diversi per questo capitolo, per favore fatemi sapere come vi piace. BUON APPETITO--- Tim, l'adolescente parte quindici di: Rass Senip +++...

382 I più visti

Likes 2

Jaded Parte 1- Riva dell'acqua

Tutto quello a cui riuscivo a pensare era quanto faceva caldo oggi e quanto faceva freddo ieri; i forti venti che avevano soffiato la mia borsa Walmart attraverso il parcheggio mentre i miei amici avevano ridacchiato al mio inseguimento si erano trasformati in intensi raggi che picchiavano sul mio corpo di sedicenne. Sarò onesto, era un corpo che la maggior parte dei miei amici, anche i più grandi, invidiavano ed era in parte a causa del mio corpo che le ragazze più grandi uscivano comunque con me. Il mio viso innocente e i lunghi capelli biondi si sono complimentati con il...

263 I più visti

Likes 0

L'estrazione

L'ESTRAZIONE - O_o storie Era un sabato mattina ed ero a casa mia da una festa di compleanno di amici. Ero uscito all'una, perché la gente aveva iniziato a buttare cibo e bottiglie vuote in giro. Mi sentivo assonnato. Avevo avuto troppo anch'io e volevo solo andare a casa. Passando il supermercato locale ho attraversato la via principale. C'era un furgone bianco parcheggiato a pochi passi davanti a me. Il lampione sopra di esso tremolava e mi faceva lacrimare gli occhi nella semioscurità. Mentre passavo davanti al furgone, il motore si è avviato e la portiera laterale si è aperta. Due...

256 I più visti

Likes 0

Il negozio d'angolo seconda parte

La prima parte è qui: sexstories.com/story/82788/ Controllò l'orologio, sarebbe arrivata presto. Era circa una settimana dopo, ero nel suo negozio, la mamma mi aveva mandato a prendere il cibo di cui avevamo bisogno per il fine settimana. Dopo aver chiamato tutto nella cassa e aver messo tutti gli oggetti in tre grandi sacchetti di plastica. Lui mi disse: Mi devi ancora un sacco di soldi, dovrai andare nella stanza sul retro oggi Scioccato, balbettai. No. Per favore, signor Hassan, non voglio farlo Mi afferra il braccio, dicendomi; Non hai altra scelta ragazza, pensi che tutto il cibo e i soldi siano...

171 I più visti

Likes 0

Lascia che una Playa giochi

Lascia che A Playa Play Storia di Charles che usa il suo bell'aspetto e il suo fascino per scopare tutte le donne che vuole. Oooohh cazzo, mmmmm. geme con una gamba sulla mia spalla, mutandine nere con rifiniture rosa che pendono dal suo piede mentre attacco vigorosamente la sua figa con la mia lingua. Essendo questo il suo ultimo giorno di lavoro, ho pensato di mandarla via con un regalo d'addio. Più simile a questo è ciò che ti mancherà presente. Mentre si morde il labbro, mi afferra la nuca e mi preme il viso nella sua figa bagnata. Non sai...

277 I più visti

Likes 0

Janes umiliazione 2.

Dopo essere stata mangiata e risucchiata da Helen, Steph e Claire, Dawn si alza e li supplica di permetterle di vestirsi in modo che possa andarsene. La sua richiesta è stata rifiutata poiché la sua amica era ancora in cucina, legata, bendata e imbavagliata. Helen le disse che doveva affrontare un'altra cosa prima di poter partire. Le tre ragazze la aiutarono a salire su un grande tavolo da pranzo. Le è stato detto di stare a quattro zampe con le ginocchia a circa 3 piedi di distanza. Questo le ha aperto bene il buco del culo. Si sentiva molto esibita. Tutte...

221 I più visti

Likes 0

Figlia dei vicini: Sporco segreto

È successo quando avevo 16 anni un giorno d'estate. La scuola era finita e cominciavano le vacanze. Vivo alla fine della casa in stile cottage dove i nostri vicini sono dall'altra parte del muro. Nella porta accanto vive la mia amica Eve, ha la mia età, capelli biondi e corpo da urlo. Quanto a me, sono proprio come lei, solo che ho i capelli scuri. Pochi giorni fa ho notato una cosa interessante ... il telefono ha squillato a casa di Eves e dopo pochi minuti lei è spento da qualche parte. l'ultimo giorno lo stesso. Quindi ho deciso di rintracciarla...

357 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.