Il Presidente_(1)

1.1KReport
Il Presidente_(1)

"NO! FERMATI! NON HO FATTO NIENTE! QUESTO È PAZZO!" Amanda gemette mentre si dibatteva sulla sedia elettrica. "Anche se sapessi qualcosa, a questo punto non ha molta importanza. Abbiamo già le informazioni di cui avevamo bisogno, si scopre che era tua sorella Lacy quella di cui avevamo bisogno per tutto questo tempo!" esclamò Doll mentre stringeva i braccioli di Amanda. Amanda era confusa e con voce tranquilla chiese "allora perché mi metti su questa sedia?" Doll si fermò a guardare l'Amanda. Era una normale ragazza di 18 anni di periferia.

Ben abbronzato e in perfetta forma. Aveva occhi verde chiaro e capelli castani che Doll aveva raccolto in lunghe trecce e gettato sulle spalle di Amanda. Furono i 34gg di Amanda a stupire Doll, dal momento che Doll era a malapena una 32a lei stessa, e Amanda aveva solo 18 anni. Tutto ciò a cui Doll riusciva a pensare era quanto dovessero essere sensibili le tette di Amanda nelle sue prime fasi di crescita, e quanto sarebbe stato divertente rovinare i seni perfetti di Amanda. La quantità di gioia che Doll sembrava provare nel torturare queste ragazze era al di là della comprensione di Amanda.

Non riusciva proprio a capire come una ragazza così piccola, bionda e dall'aspetto normale potesse essere così crudele e malvagia. Non era nemmeno come se Doll fosse un sociopatico o uno schizofrenico. Era solo malvagia. Avrebbe potuto vivere una vita normale se avesse voluto, ma una vita normale era noiosa, avrebbe di gran lunga preferito causare dolore agli altri. E soprattutto amava esprimere il suo desiderio di ferire le ragazze che avevano il seno più grande del suo. Era un feticcio malato, ma comunque l'unica vera passione di Doll.

La distruzione del tessuto mammario, con qualsiasi mezzo. "Lo sto facendo perché non mi piaci... Sei una fica piagnucolosa. Ti sei pisciato le mutandine 3 volte da quando sei qui, quindi questo ti rende una fottuta stronza, e la tua voce mi ricorda uno scoiattolo. io fottutamente odio gli scoiattoli!"

Disse Doll alzando lentamente la voce finché non iniziò a urlare alla fine della sua tirata. In realtà non odiava gli scoiattoli, era solo un modo per Doll di intimidire ancora di più Amanda. E abbastanza pateticamente Amanda è scoppiata in lacrime e si è pisciata ancora una volta le mutandine. Doll sospirò e guardò l'ultimo completo di lingerie che aveva portato ad Amanda.

Amanda indossava solo il reggiseno push-up di pizzo rosso e il perizoma abbinato che le aveva regalato Doll, ma qualcosa nel reggiseno push-up sembrava molto scomodo. Sembrava che il ferretto le colpisse entrambe le tette su entrambi i lati, come un artiglio che le afferrasse il seno. Non era doloroso, ma era molto imbarazzante e lei non capiva perché fosse così.

"Questo è il quarto set di mutandine che hai rovinato... Siediti nella tua stessa pipì, morirai comunque abbastanza presto, fottuta fica" bambola tirò il codino di Amanda. Amanda guaì, la sua voce già acuta squittiva di un tono incredibilmente alto. "Non andare da nessuna parte Amanda, vado ad accendere l'interruttore" disse Doll lasciandosi andare i capelli e allontanandosi con nonchalance. "Attesa!" Amanda singhiozzava, soffocata dalle lacrime e cercando di riprendere fiato.

"Cosa hai intenzione di accendere?" chiese ancora troppo emozionata per la crudeltà di Doll. Doll sorrise mentre indicava la leva di "accensione e spegnimento". Amanda deglutì. "Una volta che avrò acceso questo interruttore, verrai presentato a un mio vecchio amico. Una vecchia sedia elettrica ricablata per i miei gusti sadici. Questa sedia è agganciata al ferretto di quel tuo bel reggiseno rosso e ben presto le tue tette cuoceranno fuori di esso. Fidati di me, l'ho appena fatto la scorsa settimana a un'altra fica con le tette più piccole di te, e lei cuoceva a fuoco lento come una bistecca, è stato fantastico" disse Doll eccitata.

Il volto di Amanda era un misto di stordito e confuso. "Il mio reggiseno?" Lei deglutì. E proprio così, senza alcun preavviso, Doll ha premuto l'interruttore. Amanda sobbalzò dolorosamente sulla sedia. "Myyyyyy.... BRAAAAAA-AAA-AA-A!!!" Pianse mentre una piccola quantità di scosse elettriche le pulsava attraverso il seno. All'inizio non è stato poi così doloroso, più o meno imbarazzante in realtà. Amanda lo paragonò inconsapevolmente a due settimane prima, quando era solo una dolce e innocente ragazza di 18 anni, che scherzava con il suo ragazzo Matt, le sue mani tremanti a coppa sui suoi seni nudi.

Quel pensiero è riuscito a far scappare Amanda per alcuni secondi finché non è tornata scioccata alla realtà. Il potere che passava dalla sedia elettrica al suo reggiseno cresceva di secondo in secondo e, a sua volta, ogni secondo era un po' più doloroso del precedente. Venti secondi dopo, il dolore iniziò a diventare quasi insopportabile. Amanda urlò e si dibatté sulla sedia. Le sue unghie affondano nelle braccia di legno, le sue gambe scalciano come se stesse per essere asfissiata.

Le sue tette tremavano come se stesse rimbalzando su un piccolo trampolino, mentre si agitavano dentro e fuori come spasmi muscolari che Amanda non riusciva a controllare. Tutto quello che poteva fare era sperare che sarebbe svenuta dal dolore o, se tutto il resto fallisce, il suo cuore esplode solo per porre fine alla sua miseria in anticipo. Nessuno dei due accadrebbe. Doll non l'avrebbe mai lasciata andare così facilmente.

Il dolore aumentò lentamente. Dopo pochi secondi Amanda si ritrovò ad avere convulsioni incontrollabili, le sue tette che si muovevano su e giù saldamente nel suo reggiseno push-up. I suoi occhi erano spalancati mentre le lacrime e il sangue delle vene scoppiate colava da loro. Cercò di urlare, ma si ritrovò a mordersi la lingua con alcuni strattoni violenti.

Un nuovo dolore dalla lingua le attraversò il cervello. A differenza del sordo dolore da folgorazione che aveva provato, mordersi la lingua era un dolore acuto e terribile, come la rottura di un osso o la recisione di un nervo. Amanda stava sperimentando 2 diversi tipi di inferni separati, inutile dirlo, e per peggiorare le cose non poteva impedirsi di soffocare con il sangue che le usciva dalla bocca. Doll, durante questo periodo, scelse di stare solo a guardare, e sembrava non essere soddisfatta di quanto soffrisse Amanda. "Hm... cosa mi sto perdendo? Pensa Doll... pensa... ... Oh sì!" Ha esultato con gioia. ACQUA!" I suoi occhi si illuminarono mentre Amanda rotolava di nuovo nella sua testa, mentre Doll correva ad afferrare il secchio d'acqua.

Il reggiseno di Amanda fumava di calore e le sue tette, proprio come aveva detto Doll, le stavano letteralmente cuocendo dentro. Sembrava una zuppa incrostata. La sua pelle brillava di un'arancia sfacciata mentre sotto la pelle il suo tessuto mammario si riscaldava. Per qualche altro breve secondo le tette di Amanda rimasero intatte, ma il tessuto mammario all'interno iniziò a bollire facilmente come un liquido, espandendosi lentamente all'interno del suo petto.

Mentre il grasso della sua tetta bolliva e continuava a scaldarsi, la pelle della sua tetta era ormai diventata così carbonizzata che i suoi stessi seni cominciarono a sembrare 2 pezzi di carbone per Amanda. Completamente irriconoscibili, e l'unica cosa che le ricordava che erano i suoi preziosi seni, era il dolore. Nessuna ragazza avrebbe mai immaginato in che inferno si trovasse Amanda, a parte forse l'iniezione di acido cloridrico sulle tette, ma anche allora, quello che stava accadendo ad Amanda era molto più doloroso. E con il passare dei secondi il dolore si intensificava.

Il fumo iniziò a salire dalla scollatura del suo reggiseno mentre un piccolo strappo nel suo seno destro cominciò a emergere. Le sue tette carbonizzate, sul punto di scoppiare, iniziarono ad aprirsi a causa del calore incontrollabile emesso dal suo reggiseno push-up. L'abisso nel suo petto iniziò ad allargarsi, mentre Amanda ululava in un'agonia che le toglieva la mente. Mentre la piega si allargava, il tessuto mammario che ribolliva all'interno iniziò a trasudare e ribollire fuori dal suo seno, sul suo reggiseno push-up rosso e continuò a scivolare lungo il suo busto.

Amanda voleva morire a questo punto e già fingeva di esserlo. Immaginando la sua vita lampeggiare davanti ai suoi occhi, ma era tutt'altro che finita.

BOOM!

L'esplosione fu assordante e Amanda non aveva idea di cosa fosse o da dove provenisse finché non si guardò il petto. In una gloriosa esplosione entrambe le sue tette esplosero simultaneamente all'interno del suo reggiseno, tessuto mammario, sangue, sudore, lacrime, pelle del seno e pezzi del reggiseno rosso di Amanda sparati a caso per tutta la stanza.

"WAHHHHHHHH!"

Amanda gemette quando il suo viso fu schizzato con la miscela bollente di grasso e sangue della sua tetta, sfregiandole il viso all'istante quando colpì. Le sue braccia e le sue gambe erano convulse nelle restrizioni al punto in cui era riuscita a liberarsene. Era semplicemente troppo tardi. Tutto ciò che era rimasto sul suo petto ora sgorgava come l'ultimo pezzetto di dentifricio in un tubetto, mentre Amanda iniziava a soffocare con la lingua in preda all'isteria ea pisciarsi di nuovo le mutandine.

I pungoli di metallo del ferretto brillavano di un calore ardente mentre le convulsioni di Amanda la facevano scuotere così forte avanti e indietro su entrambi i lati del ferretto, che si stava caulderizzando. In un istante le intense scosse cessarono, ma Amanda tremava ancora come un verme che si secca sul caldo selciato estivo. I suoi occhi erano roteati nella parte posteriore della sua testa e la sua lingua era completamente in gola quando Doll tornò.

"Santo cielo! Quanto tempo sono stato via? Tipo, 3 fottuti minuti e le tue tette sono scoppiate come un brufolo la sera del ballo!" Amanda poteva sentire la voce di Doll che la prendeva in giro, l'ultimo insulto prima che Amanda cominciasse a morire lentamente. Doll ridacchiò come una scolaretta mentre continuava. "Adoro l'aspetto della tua tetta ora però, davvero, davvero. Adoro quel pezzettino laggiù, e un po' di quel grasso che trasuda sulla tua gamba, e guarda Amanda! Laggiù nell'angolo, è la coppa sinistra di il tuo reggiseno!"

"GURGOLA... GURGOLA... GURLGLIA... GURGLIA..."

Amanda perse lentamente conoscenza mentre il suo corpo era ancora contorto dallo shock. Doll si avvicinò a lei e guardò i suoi occhi tremolanti e sputò proprio in faccia ad Amanda e in quel secondo, il cuore di Amanda alla fine esplose e la uccise all'istante. La bambola tornò indietro con uno sguardo sorpreso sul viso.

"Ho appena sputato a morte una puttana? Oh! Maria deve sentirlo!" Disse girandosi e tornando di corsa al laboratorio, lasciando il cadavere mutilato e fumante di Amanda a marcire per anni mentre la povera Amanda stessa veniva gettata all'inferno

Storie simili

Il mondo nascosto del mondo magico, libro:1 ch:2 torna al bagno

La storia è scritta dal mio amico ed io, attualmente stiamo cercando di fare un lavoro migliore di correzione di bozze, ma stiamo ancora cercando qualcuno che ci aiuti. I prossimi 2 capitoli dopo questo avranno più personaggi della serie, sentiti libero di suggerire eventuali relazioni o feticci che vorresti vedere. Torna al bagno Hermione si è seduta a lezione di pozioni a cui mancano ancora le mutandine, qualcuno le ha prese dalla biblioteca. La lezione è iniziata e Harry le ha chiesto se stava bene. “Sì, sto bene solo un po' scosso. “ È successo qualcosa? No, solo che ho...

3.7K I più visti

Likes 0

Far sborrare nostra figlia

Far sborrare nostra figlia Storia #100 …..sono Lynn, ho gli stessi impulsi di mia madre. La mamma (Dee Dee), il fratello Ken e io abbiamo tutti questa cosa e ci piace sentirci bene. L'abbiamo chiamato scherzosamente Feel-itis. Questo ci ha portato tutti a fare sesso l'uno con l'altro. …..Ora ho avuto una figlia Vicky. Ho deciso di non sentire Vicky crescere in modo che potesse svilupparsi a modo suo. Il suo compleanno oggi significava che adesso era maggiorenne. È stato difficile combattere l'impulso che avevo di sentire il suo corpo. Aveva già un corpo caldo. Belle tette, fianchi, gambe e un...

3.1K I più visti

Likes 0

Cambiare la realtà (parte 3)

Ciao ragazzi e ragazze! È Chase. Sai, la persona di cui parla questa storia. So cosa stai pensando – Questo non può essere vero. Bene, ti assicuro che lo è assolutamente. Non posso provartelo, a meno che non ci incontriamo un giorno e anche allora, dovrei raccontarti tutto da capo. È qualcosa che non è molto probabile che farò poiché qualsiasi esposizione di chi e cosa sono potrebbe portare alla mia cattura da parte di qualcuno che desidera trasformarmi in una specie di cavia. Non so voi, ma non sono molto entusiasta di essere rinchiuso per il resto dell'eternità e di...

1.8K I più visti

Likes 0

Andando avanti - Capitolo 3

Andare avanti capitolo 3 Il tempo sembrava congelato. L'espressione di shock e orrore sul viso di Evelyn era giustapposta ai resti bagnati del mio sperma sulle sue guance e sul suo mento. Il mio cazzo è caduto dalla mia mano e la mia testa sembrava muoversi attraverso la melassa mentre si girava lentamente verso l'ingresso del bagno. Sembra che voi due abbiate combinato un sacco di cose, disse il signor Clark con nonchalance con un leggero sorriso, guardandosi intorno al bagno come se cercasse altri membri del nostro piccolo gruppo. Mi chiedevo dove fossi scomparso per così tanto tempo. Seguì un...

1.2K I più visti

Likes 0

Il mio amore giapponese parte 9

My Japanese Love Part 9: I guai di Alicia Nei giorni che seguirono cominciai a immaginare come sarebbe stato mio figlio. È bello sapere che in tutto il caos che è successo nella mia vita ne è venuto fuori qualcosa di buono. Akira ed io siamo follemente innamorati e stiamo per avere un bambino. Abbiamo detto ai suoi genitori che erano estremamente felici per noi, tuttavia mentre le nostre vite sono cambiate in bene, Alicia è cambiata in male. Mentre sto facendo dei lavori in giardino, noto Alicia che mette un cartello di vendita di garage. Normalmente mi dice quando ne...

1K I più visti

Likes 0

La storia di Laura (per le donne)

La storia di Laura Il mio nome è Laura. Lavoro in questo studio legale da 6 mesi ormai. Sono un impiegato di base, rispondo al telefono e lavoro d'ufficio leggero. È un lavoro facile, dato che vado al college 2 sere a settimana. La mia migliore amica di lavoro è Lissette, è una donna portoricana sposata più anziana di circa 40 anni. È così divertente parlare con lei. È così selvaggia e adora parlare di sesso! Penso che lei pensi che io sia troppo innocente dato che vengo da una famiglia molto religiosa. A volte mi chiedo se abbia deciso di...

856 I più visti

Likes 0

Tim, l'adolescente parte XV

Nota: ——NON sono l'autore! Ci sono diversi autori in realtà, non sono così sicuro che qualcuno di loro sia il creatore, ma so che non sono io. Sto semplicemente condividendo questa bella storia con tutti voi perché non l'ho vista qui. Ora in origine dovevano essere tutte 9 parti, ma... Qualcuno ha detto che la prima era troppo lunga, quindi ho deciso di dividerle tutte in post più piccoli. Ho pensato di provare un aspetto e una struttura della frase diversi per questo capitolo, per favore fatemi sapere come vi piace. BUON APPETITO--- Tim, l'adolescente parte quindici di: Rass Senip +++...

2.6K I più visti

Likes 2

Il negozio d'angolo seconda parte

La prima parte è qui: sexstories.com/story/82788/ Controllò l'orologio, sarebbe arrivata presto. Era circa una settimana dopo, ero nel suo negozio, la mamma mi aveva mandato a prendere il cibo di cui avevamo bisogno per il fine settimana. Dopo aver chiamato tutto nella cassa e aver messo tutti gli oggetti in tre grandi sacchetti di plastica. Lui mi disse: Mi devi ancora un sacco di soldi, dovrai andare nella stanza sul retro oggi Scioccato, balbettai. No. Per favore, signor Hassan, non voglio farlo Mi afferra il braccio, dicendomi; Non hai altra scelta ragazza, pensi che tutto il cibo e i soldi siano...

2.4K I più visti

Likes 0

Confessione a papà_(2)

Ho qualcosa da dirti papà, ma non posso semplicemente dirlo, devo dirti altre cose con esso, ok? Ma ci arriverò, lo prometto. La casa era tranquilla. Eri al lavoro da diverse ore e io avevo già finito le mie faccende. La nostra camera era pulita, i piatti riposti, il bucato piegato... e mi annoiavo. Ero sdraiato sul divano pensando a te ed ero così eccitato che, anche se so che non mi è permesso, ho iniziato a toccarmi. Volevo il cazzo di papà ma non saresti a casa per ore! Ho iniziato lentamente, strofinandomi il clitoride con una mano e prendendomi...

3K I più visti

Likes 0

Ti costerà

Ti costerà Per anni io e mia moglie abbiamo scherzato su Ti costerà. È il nostro modo di prenderci in giro. Lo facciamo anche davanti ai bambini. Se mia moglie vuole che falci il prato o porti fuori la spazzatura, le dirò: Ti costerà e lei: Va bene. Poi mi allungo e le prendo la tetta dandole una piccola stretta o alzo la mia mano sulla sua gonna per sentire la sua figa ricoperta di mutandine. Di tanto in tanto mi dimentico di dirlo così mia moglie dirà: Quanto mi costerà? Ebbene, l'altro giorno ho offerto a mia figlia di quattordici...

3.6K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.