Biancheria da letto la babysitter Ch 05

52Report
Biancheria da letto la babysitter Ch 05

LETTO DELLA BABY SITTER CH. 05: LA STORIA DELLA MAMMA

Riepilogo: la mamma di Jenny le racconta come ha finito per sottomettersi a una cheerleader di 18 anni.

Nota 1: questo capitolo si svolge immediatamente dopo la fine della parte 4.

Nota 2: Un ringraziamento speciale va a Steve B ed estragon per i loro instancabili sforzi di editing in questo e molti altri miei lavori.

Nota 3: Riepilogo della narrazione:
Le parti 1 e 2 sono state raccontate dal punto di vista della seduttrice originale... Megan.
Le parti 3 e 4 sono state raccontate dalla sub-babysitter diventata cheerleader Jenny.
La parte 5 è raccontata dalla mamma di Jenny, Amy Wyatt, mentre racconta la sua scioccante storia di sottomissione a sua figlia, suggerita dall'amica di sua figlia, Karen.

Note sulla storia:
Questa storia è stata più difficile da scrivere per me. Alla fine viene raccontata sia nel presente, sia nel passato ed eventualmente come un flashback. Per rendere più chiare le distinzioni, il carattere normale è il passato, il corsivo è il presente e il grassetto è il flashback.


STORIA DI MAMMA
Lo sperma di Karen luccicava dalla mia faccia, mi è stato ordinato dalla mia nuova padrona e amica cheerleader di mia figlia, di dire alla mia unica figlia come sono stata legata sul mio letto, un vibratore nella mia vagina e la sua amica a cavalcioni sul mio viso.

Ho iniziato a raccontare la storia, ancora ammanettata e sdraiata sul letto, completamente vulnerabile di fronte a mia figlia. “Sapevo che era successo qualcosa la prima volta che ho incontrato Karen, quella mattina sei diventata una cheerleader. Sembrava solo avere qualcosa su di lei su cui non potevo mettere il dito. "

Per fortuna, quando ho iniziato a raccontare la mia umiliante storia di sottomissione, Karen mi ha slegato i polsi dai loro stretti vincoli. Ho ringraziato la diciottenne, "Grazie, padrona".

"Prego, mamma puttana", ha risposto, la mia vergogna che diventava ancora più profonda.

Ho continuato: "Detto questo, sono rimasto molto più sconcertato dalla trasformazione di mia figlia durante la notte che dalla sua bella amica cheerleader".

Karen, seduta accanto a me ora, ha fatto una rapida pompata con il giocattolo dentro di me.

Ho piagnucolato e ho continuato. “Ma la mia attenzione ha cominciato a spostarsi senza che me ne accorgessi quando Karen mi ha offerto un massaggio ai piedi. Mentre Karen mi accarezzava così dolcemente i piedi, ho sentito un formicolio a lungo dimenticato nella mia vagina, uno che era stato ampiamente ignorato da quando tuo padre è morto.

"Il tuo cosa, troia?" Karen rimproverato.

“Scusa, padrona, mia fica. Ho sentito un formicolio nella fica. Quando voi due vi stavate preparando per andarmene, non potevo credere di essermi stirato di proposito, cercando di mostrare il mio grosso seno a Karen. Quando Karen mi ha baciato sulla guancia, in modo così delicato, ho sentito un brivido salire lungo la schiena. Quando mi ha abbracciato, con la mano appoggiata sul mio culo, ho finalmente concluso che Karen stava flirtando con me. Eppure, invece di essere lusingato, ero mortificato di averle permesso di massaggiarmi i piedi e ancora più sbalordito che mi piacesse e desiderassi di più il suo tocco. Una volta che voi due se n'erano andati, sono andato direttamente nella mia camera da letto e mi sono masturbato con un orgasmo molto intenso, il mio primo bello da quando è morto tuo padre. Una volta che il mio orgasmo era svanito, ero imbarazzato dalle mie azioni impulsive e mi sono ripromesso che non avrei lasciato che un flirt così innocente, se anche lei stesse flirtando, mi distraesse.

"Sembri piuttosto distratto in questo momento, lesbica", ha sottolineato Karen, mentre iniziava a scoparmi lentamente con il giocattolo.

"S-y-sì, è vero", ho concordato, incapace di negare il mio ritrovato desiderio di venire. Ho continuato a raccontare a mia figlia la mia completa caduta in disgrazia: "Ovviamente non riuscivo a controllare il mio desiderio. Quando sono entrato nella stanza di Jenny il giorno o due dopo, ogni volta che era, mi sono reso conto di due cose: uno, avevo una piccola cotta per il nuovo amico di mia figlia e due, mia figlia era lesbica.

"Come lo sai?" Karen mi ha guidato.

“All'epoca era solo un'intuizione. Quanto a te, Karen, beh, ho capito di avere una cotta per te nel momento in cui sei entrata in casa mia e mi hai baciato di nuovo su entrambe le guance. Istintivamente mi sono quasi avvicinato per un bacio sulle tue labbra, ma mi sono trattenuto a malapena all'ultimo secondo. Ma quando mi hai fatto i complimenti, "Mrs. Wyatt, hai un aspetto fantastico oggi", ero stucco. Quando ho sentito la tua mano che mi toccava il culo, tutti i dubbi che avevo sul fatto che fossi davvero amichevole sono stati messi a tacere. Mentre ti guardavo andartene, la mia vagina, intendo la mia fica, formicolava in modo incontrollabile mentre controllavo le tue fantastiche gambe da dietro. Una volta che voi due siete saliti al piano di sopra, ho bevuto un lungo sorso d'acqua fredda, cercando di ignorare il mio fascino inappropriato nei confronti dell'amica cheerleader di mia figlia di 18 anni.

"Ti sei masturbato di sotto, mio ​​schiavo?" chiese Karen.

“No, padrona. Ho controllato i miei desideri, ma poi ho sentito il tuo grido e sono corso su per le scale. Non appena sono entrata nella stanza, ho capito che mia figlia era lesbica».

"Come l'hai concluso?" chiese curiosamente Karen, il giocattolo ora completamente dentro di me.

“La tensione sessuale nella stanza e le guance rosso rubino di Jenny implicavano che fosse colpevole di qualcosa. La tua faccia rossa e il respiro leggermente affannoso, Karen, erano l'indizio successivo. Non c'era modo che ti sbattessi l'alluce. Poi mi hai chiesto di controllarti l'alluce e sapevo che era lì che avrei dovuto dire di no, ma invece mi sono inginocchiato accanto a te, sentendomi improvvisamente assurdamente nervoso. Potevo sentire l'odore del tuo sesso all'istante e quando ho alzato lo sguardo, ho potuto vedere la tua fica rasata luccicare. Ho immediatamente concluso che il viso della mia preziosa figlia era appena stato tra queste gambe. Poi ti ho fatto un massaggio come richiesto, la mia fica ha iniziato a colare incontrollabilmente nelle mie mutandine. Non ho potuto resistere e ho dato molti rapidi scorci tra le tue gambe e nella tua fica. Una volta fatto e mi hai baciato di nuovo su entrambe le guance, sono andato nel panico e volevo andarmene. Proprio mentre me ne stavo andando, ho lanciato un'occhiata a mia figlia, che mi stava fissando, il suo viso lucido di quello che pensavo fosse il tuo succo. Sbalordito e completamente fuori dal mio elemento, lasciai rapidamente la stanza. Sono stato agitato per il resto della serata, molto tempo dopo che te ne sei andato. La cena con mia figlia è stata imbarazzante, poiché sapevo cosa aveva fatto e mi sembrava che sapesse esattamente cosa stavo provando. Quella sera, di nuovo sola nel mio letto, mi sono masturbata per non uno, non due, ma tre orgasmi, immaginando di essere io tra le tue gambe, non mia figlia. Non potevo credere che invece di proteggere mia figlia dalla tua potente sessualità, fossi invidioso della sua opportunità lesbica".

"Vuoi venire, troia?" ha chiesto Karen.

"Sì, padrona", ho risposto onestamente.

"Davanti a tua figlia?" Karen ha continuato a cercare di umiliarmi.

"Sì, padrona", risposi, vergognandomi ma sconfitta.

Tirando fuori il giocattolo da me, un forte sibilo mentre usciva, ha spiegato: "Beh, una volta che hai finito, ti scoperò fino all'orgasmo".

"Sì, padrona", ho risposto, incapace di nascondere la mia eccitazione per l'opportunità di essere scopata dalla cheerleader Domme di 18 anni.

Ho continuato, evitando ancora il contatto visivo con mia figlia, "Così poi, nel fine settimana, mentre voi ragazze eravate al vostro ritiro di cheerleader, ho cercato nel computer di Jenny".

"Mamma", ansimò Jenny, "come hai potuto?"

Ho guardato mia figlia per la prima volta dopo un po' e ho risposto in tono di scusa: "Mi dispiace così tanto, tesoro. Sai che ho sempre rispettato la tua privacy, ma con i cambiamenti in te e i cambiamenti in me, dovevo saperlo".

Potevo vedere la devastazione del mio tradimento nei suoi occhi, stranamente più di quanto avessi visto quando mi aveva visto per la prima volta in questa situazione sessuale. Mormorò: "Non posso credere che lo faresti".

Karen ha concluso il dramma. “Basta con il finto shock di Jenny. Sapevi che avrei sedotto e scopato tua madre, e non hai fatto nulla per impedirlo".

Era il mio turno di essere scioccato. "L'hai fatto?"

Jenny, ora sulla difensiva, ha detto: "Non è vero. Beh, suppongo di sì, ma non avrei mai pensato in un milione di anni che avresti davvero ceduto al suo fascino. Era semplicemente un'idea troppo assurda". Si fermò, mi guardò con un'espressione facciale che mi confuse, e continuò: "Ma a quanto pare non era così assurdo, dopotutto".

La mia testa stava vacillando con tutte queste nuove informazioni, eppure non cambiava nulla. Che Jenny lo sapesse o no, ero ancora io a sottomettermi a Karen.

Tornando alla storia in questione, alla mia totale sottomissione all'amica di mia figlia, ho continuato: "Comunque, mentre cercavo nel computer di Jenny, continuavo a ricevere sorprese dopo sorprese. Innanzitutto, ho scoperto che visitava spesso un sito web chiamato Literotica e leggeva quasi esclusivamente narrativa lesbica. Ho letto alcune delle storie che aveva salvato sul suo disco rigido e molte erano storie lesbiche simili e sottomesse. Mia figlia era chiaramente lesbica, chiaramente sottomessa e chiaramente aveva appena iniziato a conoscere la sua sessualità. Devo ammettere che quando ho letto la storia Training Teacher, in realtà mi è venuto duro, immaginandomi come l'insegnante durante quella seducente intervista genitore-insegnante. Ho copiato i collegamenti ad altre storie da leggere in un secondo momento sul mio laptop privato prima di continuare a cercare nel suo computer. Alla fine ho trovato alcune chat salvate. Più leggevo, più rimanevo stordito e scioccato da ciò che la mia bambina, la mia dolce innocente Jenny, aveva combinato proprio sotto il mio naso. Ho letto le chat di una dottoressa Meg, che stava chiaramente seducendo mia figlia e ho letto le chat successive della mia Jenny che tentava piuttosto schiettamente di sottomettersi a uno sconosciuto online.

Karen, sempre una per il valore dello shock, ha annunciato: "Sai chi è la dottoressa Meg?"

"No, idea", ho risposto, anche se ero molto curioso.

"Il tuo vicino di casa", ha rivelato Karen.

"No!" Ho risposto, visibilmente scioccato. Karen ha lavorato come baby sitter per Meg. Aveva un bambino. Non sembrava possibile.

"Sì", ribatté Karen, "non è così, Jenny?"

Jenny sussurrò, quasi impercettibilmente, "Sì".

"E in realtà, lei è Jenny e la mia amante", ha rivelato Karen.

Non riuscivo a immaginare qualcuno più potente di Karen, quando ho risposto, leggermente stordito dall'ennesima bomba, "Non ci credo".

"Credimi, troia, presto sarai in ginocchio sottomettendoti anche a lei", proclamò Karen.

Megan era una bella donna, una che solo pochi giorni prima avevo considerato solo una vicina di casa amichevole e dolce. Ma ora, con il mio lato cattivo scatenato, potevo immaginarla esattamente come la descriveva Karen, una potente amante da compiacere.

"Vorresti sottometterti a Megan?" ha chiesto Karen.

"Ho scelta?" Ho risposto.

"Abbiamo sempre una scelta", ha sottolineato Karen.

Ho capito che aveva ragione. Avrei potuto impedire che si verificasse questa sottomissione. Ma un lato oscuro di me, un lato che avevo tenuto sotto controllo per molto tempo, era finalmente uscito dal nascondiglio, e una volta uscito, non c'era modo di tornare indietro. "Sì, suppongo di sì", ho risposto, cercando di evitare di essere troppo impegnativo.

Karen fece un gesto sprezzante con la mano: "Possiamo parlare della tua sottomissione all'amante di tua figlia più tardi. Per favore, continua la tua storia.”

Ho dovuto pensare brevemente, per ricordare dove avevo interrotto, prima di continuare: "Beh, ho deciso che avrei dovuto affrontare Jenny quando sarebbe tornata dal suo ritiro di cheerleader, anche se non avevo davvero idea di come procedere. Non volevo che sapesse che ero stato al suo computer e avevo letto le sue cose private. Conflittuale e confusa, ho spento il suo computer e ho pensato a come avrei affrontato la cosa. Non avevo ancora escogitato un piano concreto che mi piacesse quando è tornata ieri sera. Avevo programmato di affrontarlo oggi in qualche modo, ma immagino che ora sia piuttosto irrilevante".

"Direi di sì", Karen ridacchiò.

Ignorando la risata di Karen e le implicazioni che ne derivavano, ho continuato la mia storia, "Quindi, quella notte, devo confessare, ho passato ore online, leggendo una storia dopo l'altra sul sito web di Literotica, nella sezione lesbica. Di tanto in tanto, cliccavo su una storia alla fine di un'altra storia che aveva temi simili. Questo mi ha portato alle occasionali storie di sesso di gruppo e, odio ammetterlo, ad alcune storie di incesto. Non era l'incesto che mi eccitava, ma la totale sottomissione della madre che lo faceva. Per esempio, io... no, non importa."

"Non puoi iniziare e poi lasciarci in sospeso", ha scherzato Karen.

"No, non è importante", ho risposto, cercando di far sembrare che non fosse davvero niente.

"Non vuoi essere punito davanti a tua figlia, vero?" Karen ha minacciato.

"No!" Ho risposto rapidamente, terrorizzata da ciò che l'adolescente sexy ma potente potrebbe fare. Il mio viso arrossì per l'imbarazzo, ammisi: "C'era una storia chiamata "Le mamme fanno buoni cuccioli" e parlava di una figlia che dominava sua madre e l'ha resa il suo animale domestico, come un cucciolo. Non riesco a spiegarlo, ma una sottomissione così totale mi ha bagnato così tanto che ho finito per fottermi con un pennello.

"Non hai giocattoli?" chiese Karen, sbalordita.

"No", ammisi.

"Beh, lo cambieremo molto presto", ha promesso Karen.

“Ok,” acconsentii, anche se il sorrisetto sul suo viso mi aveva leggermente preoccupato.

"Quindi ti sei fottuto con un pennello fantasticando di essere l'animale domestico di tua figlia?"

"No, no, no", ho negato categoricamente, "Ho ottenuto la totale sottomissione, non la parte dell'incesto".

"Certo, certo", ha risposto Karen, respingendo il mio ragionamento.

"No, davvero", ho ribattuto, cercando disperatamente di porre fine a questo discorso sull'incesto, specialmente con mia figlia nella stanza.

"Jenny, vorresti un nuovo animale domestico?" ha chiesto Karen.

Rimasi a bocca aperta, mortificata per la domanda. Jenny per fortuna aveva la mia stessa mentalità, "No".

"Sei sicuro? La mamma sembra che sarebbe un buon animale domestico. Un piccolo animale domestico molto obbediente”, ha scherzato Karen, chiaramente cercando di umiliarmi ancora di più.

Jenny scosse la testa, chiaramente a disagio con la conversazione.

Karen si strinse nelle spalle, guardandomi direttamente, “Comunque. Allora cos'è successo, sgualdrina?"

Grato che l'imbarazzante conversazione sull'incesto fosse finita, ho continuato: "Il giorno dopo ho fatto del mio meglio per evitare la tentazione della mia nuova libido, ma ho finito per passare qualche ora in più su Literotica. Ho imparato che potevo cercare i miei tag e ho cercato sotto la categoria lesbica usando tag come sottomesso, ricattato, dominazione, adolescente. Non so quante volte sono sceso quel giorno, ma erano più di una dozzina".

"Wow", ha risposto Karen, impressionata, "Quando la diga si rompe, si rompe davvero".

Arrossii di nuovo, anche se probabilmente la mia faccia era rimasta incollata al rosso rubino per sempre. Ignorando il suo commento, ho continuato: "Che immagino ci porti a oggi".

"Oh, sì, lo fa", ha risposto Karen, la sua allusione sessuale impossibile da perdere.

Mi sono fermato, riflettendo su come iniziare anche gli eventi bizzarri che mi hanno portato in questa situazione di sottomissione, questa sottomissione umiliante, ma assolutamente avvincente.

"Andiamo, troia, non ho tutto il giorno", ha incitato Karen.

Ho tirato un sospiro e ho iniziato: "Quindi questo porta a come sono finito qui".

"E la tua ultima sottomissione come mia troia", aggiunse gloriosamente Karen.

"Sì", ho concordato, la mia vergogna bruciava così calda che ho pensato che sarei sembrato in fiamme.

«Comunque, hanno bussato alla porta poco prima delle dodici. Ero ancora in vestaglia, avevo una domenica molto pigra, francamente. Ho aperto la porta ed era Karen nel suo solito costume da cheerleader. Le ho detto che eri al centro commerciale o qualcosa del genere, ma ha detto che era qui per vedermi. L'ho invitata a entrare, confuso sul motivo per cui sarebbe potuta essere qui per vedermi".

"Ma la tua fica lo sapeva, no?" Karen proclamò volgarmente.

"Non lo so. Non credo, sinceramente. In quel momento non ho capito quali potessero essere state le tue intenzioni», ammisi.

“Così Karen è entrata in casa mia e le ho offerto del tè freddo. Lei accettò e io andai in cucina a prenderne un po'. Karen lo seguì e si sedette al tavolo. Dopo aver versato il tè freddo, sono tornato al tavolo e mi sono seduto”.

Karen mi ha spinto completamente il giocattolo nella fica e ha chiesto: "Chiudi le gambe, troia". ho obbedito. Il giocattolo era ora una grande distrazione.

Ho continuato a raccontare la storia umiliante a mia figlia, anche se ho cambiato la mia narrazione per raccontare la storia con il dialogo come lo ricordavo.

Ho chiesto: "Cosa posso fare per te Karen?"

Karen sorrise: "Ho bisogno di un consiglio".

"OK", ho risposto, "Qual è il tuo problema?"

"Beh, potresti averlo già indovinato, ma io sono lesbica", ha rivelato, piuttosto francamente.

Sono rimasto leggermente sorpreso dal suo segreto, anche se a posteriori aveva perfettamente senso, anche se il mio primo pensiero è stato chiedere se ne ha fatto uno anche a mia figlia. "Va bene, mia cara, questo è il 2011", mi consolai, sapendo che era una situazione delicata.

"Oh, lo so", ha risposto con sicurezza, "È solo come lo dico a mia madre? Lei impazzirà!”

"Hmmm", ho riflettuto, "non lo so, ma ho scoperto che l'onestà è sempre la risposta, anche se all'inizio potrebbe esserci un momento difficile".

"Come risponderesti se Jenny ti dicesse che è lesbica?" ha chiesto Karen.

Una settimana fa, mi avrebbe scioccato nel profondo. Ma ora, pensavo che lo fosse. Le prove erano tutte lì. “Beh, io la sosterrei, ovviamente. Voglio dire, essere una donna nel mondo di oggi è già abbastanza difficile. Essere lesbica in un mondo di uomini è ancora più difficile. Non vorrei che fosse un'emarginata o ridicolizzata a causa del suo orientamento sessuale".

"Quindi ti andrebbe bene?" Karen interrogato.

"Sì, anche se preferirei che fosse etero e alla fine si sposasse e avesse figli e tutte le altre cose tipiche dei sogni di famiglia americana", ho risposto onestamente, sperando che mia figlia fosse solo curiosa e non effettivamente gay.

"È il 2011, signora Wyatt, può ancora sposarsi e avere figli", ha sottolineato Karen, usando le mie stesse parole contro di me.

"Oh, lo so", ho concordato, ma razionalizzato, "ma sarà ancora più difficile vivere nella società di oggi come una coppia gay".

Ha alzato le spalle, prima di farmi una domanda che non mi aspettavo: "Hai mai avuto un'esperienza lesbica, signora Wyatt?"

"Santo cielo, no", ho risposto.

"Un'idea del genere ti disgusta?" chiese Karen, la sua espressione facciale e il suo tono mostravano che l'avevo offesa.

"Oh, no, no, no", ho cercato di recuperare, "È solo che sono cresciuto in un'epoca molto più in bianco e nero. Hai incontrato un ragazzo, ti sei sposato, hai avuto figli e così via. Essere lesbica era come essere dalla parte sbagliata dei binari".

"Quindi non hai mai pensato che un'altra donna fosse attraente?"

“Oh certo, voglio dire, so quando una donna è di bell'aspetto. Mi sono spesso paragonata ad altre donne, soprattutto quando ero sposata e vedevo mio marito dare un'occhiata alle donne più giovani".

"Ma non sei mai stato tentato di fare qualcosa con uno?"

"No", ho risposto onestamente, confuso da come questa conversazione fosse passata dall'essere sul coming out di Karen al mio stile di vita non lesbico.

"Mai?" ha chiesto, il suo tono si è spostato in un modo che non riesco a spiegare, ma ha lasciato intendere che pensava che stessi mentendo.

Ho risposto troppo rapidamente: "No, mai".

In quel momento, Karen versò il suo bicchiere ancora mezzo pieno di tè freddo sul top della sua cheerleader. "Oh merda", ha imprecato, "sono così goffo. Se questo si macchia, l'allenatore mi ucciderà. Ne ho già distrutto uno quest'anno".

Immediatamente in modalità madre-crisi, ho ordinato: “Ecco, passamelo. Lo metto in lavatrice".

Ha obbedito rapidamente e mi ha stordito ancora di più quando ho saputo che non indossava un reggiseno e che i suoi seni giovani e sodi erano proprio davanti a me. Rimasi immobile, leggermente stordito, fissando i suoi seni. Karen chiese, il suo tono innocente e dolce, "C'è qualcosa che non va, signora Wyatt?"

Le sue parole mi riportarono alla realtà e balbettai, fingendo che i suoi seni nudi e sodi non avessero effetto su di me: “N-n-n-n-no, niente. Vado a buttare questo in lavatrice".

Ho iniziato ad andarmene, ma Karen ha detto: “Stop. Ne ho anche un po' sulla gonna". Si sfilò rapidamente la gonna e ora indossava solo calze beige alte fino alla coscia e quello che sembrava essere un perizoma rosa. Senza dire una parola presi la gonna e la camicia e mi precipitai velocemente al piano di sotto, con la testa in disordine. Mentre buttavo i panni in lavatrice, cercavo di raddrizzare la testa. Non potevo cancellare il seno di Karen dalla mia mente. Ho fatto un respiro profondo e ho cantato tra me e me: "Non sono lesbica". Finalmente sicuro del mio autocontrollo, tornai al piano di sopra. Karen era ancora seduta al tavolo della cucina, ancora mezza nuda.

"Meglio che vada a prenderti una vestaglia", e andò velocemente nella camera da letto di Jenny. Sono tornato e le ho dato la vestaglia.

Si alzò in piedi: "Puoi mettermelo?"

Una richiesta strana, ma volendo che fosse coperta per evitare l'impatto che stava avendo su di me, l'ho obbligata. Le mie mani tremavano leggermente mentre ero così vicino a questa ragazza che mi aveva fatto dubitare della mia sessualità. Rimase ferma e una volta acceso, si voltò per essere faccia a faccia con me. Si sporse in avanti, pensai di baciarmi sulle labbra, ma invece mi baciò la guancia. Un formicolio si diffuse nella mia fica e cercai disperatamente di ignorarlo.

Si scusò per andare in bagno e io aspettai, cercando per tutto il tempo di spegnere il fuoco che stava diventando difficile da ignorare. È scesa un paio di minuti dopo e si è seduta di fronte a me. È tornata alla nostra conversazione, come se non avesse perso un colpo. "Quindi non hai mai... mai... pensato a un'altra ragazza sessualmente?"

"Non ho detto questo", ho risposto, cercando di scherzarci sopra.

"Quindi hai pensato a una ragazza sessualmente?" chiese, il suo tono dava solo un accenno di civetteria.

"Immagino che ogni donna lo abbia fatto prima o poi", ho risposto, cercando disperatamente di farlo sembrare casuale.

"Credi?" sorrise, mentre confermavo a me stesso che stava davvero flirtando con me. Mentre la mia testa cercava di resistere alla tentazione, il fuoco in basso diventava sempre più difficile da ignorare.

Ho alzato le spalle, cercando disperatamente di mantenerlo casuale, "Certo".

Ho sentito un sobbalzo sul tavolo e Karen ha imprecato: "Ahi, merda, mi sono sbattuto di nuovo l'alluce".

"Stai bene?" chiesi, riprendendo il sopravvento l'istinto materno.

"Penso di sì, puoi venire a dare un'occhiata?" lei chiese.

Senza pensare, mi lasciai cadere a terra e presi in mano il suo piede calza. “Non vedo niente di male, Karen. Penso che tu...” ho iniziato e, mentre muovevo la testa per guardare in alto, ho visto la sua figa completamente scoperta, la veste che cadeva casualmente di lato.

"Ti piace quello che vedi, signora Wyatt?" chiese Karen, il suo sorriso rivelava l'ultima innocenza che potesse essere esistita.

"P-p-scusa?" balbettai, sconvolto dall'improvviso cambiamento di contesto.

"Mi hai sentito, signora Wyatt, ti piace guardare la mia fica?" chiese, prima di aggiungere "Sembravi proprio l'altro giorno".

Cominciai ad alzarmi, ma sentii la sua mano sulla mia spalla. «Non si alzi ancora, signora Wyatt. Guarda bene la fica che tua figlia ama assaporare.

Sentendola confermare i miei sospetti su mia figlia mi ha fatto venire un brivido lungo la schiena, ma ho obbedito e sono rimasta in ginocchio a fissare la fica rasata dell'adolescente. Sembrava così invitante. Non riuscivo a spiegarlo, ma all'improvviso non volevo altro che assaggiare la fica dell'amica di mia figlia. Sapevo che avrei dovuto alzarmi in piedi, porre fine a questa stupidità in questo momento, ma invece ho guardato come un adolescente al suo primo spettacolo di spogliarello.

"Vuoi assaporarlo anche tu, vero, signora Wyatt?" lo prese in giro, allargando le gambe.

Non ho detto niente, anche se il fatto che ero in ginocchio, nella mia cucina, a fissarle la fica, era probabilmente già la risposta. Ho cercato di resistere, di alzarmi, ma non ci sono riuscito. Ero impotente e completamente al capriccio di questa bellissima diciottenne.

"Rispondimi troia!" ruggì, sorprendendomi completamente.

Essere chiamata puttana avrebbe dovuto riportarmi alla realtà. Sicuramente non ero una troia. Ma invece il duro nome dispregiativo ha fatto sì che la mia figa diventasse più umida. Ho balbettato come uno sciocco timido: "I-I-I-non lo so".

“Non lo sai? Veramente?" ha preso in giro, facendo scivolare il dito nella sua fica. Ho guardato con stupore voyeuristico mentre spingeva il dito dentro e fuori. Dopo pochi secondi, lo tirò fuori e lo portò verso le mie labbra.

Senza nemmeno pensarci, mi chinai in avanti e aprii la bocca. Ha tirato indietro un po' il dito, anche se il suo profumo è rimasto appena sopra il mio naso. "Prega di succhiarmi il dito", ordinò.

Avrei potuto impedirlo ancora una volta; fermai la mia umiliante caduta, ma tutto ciò che volevo era succhiarle il dito, assaporare il suo succo. "Karen, posso leccarti il ​​dito?"

"Sei sicuro?" chiese lei, il dito appiccicoso che indugiava lì davanti a me.

Ogni domanda mi indeboliva lentamente, "Sì".

"Sì cosa?" lei chiese.

"Sì, Karen?" Risposi, non sapendo cosa volesse che dicessi.

Ha spiegato: “Non appena la tua bocca tocca il mio dito, sei mio. Sarò la tua padrona e tu sarai la mia troia. La mia fica. La mia lez. È chiaro?"

La dura realtà che mi ha presentato mi ha fatto riconsiderare il mio desiderio di sottomettermi a lei. Non ero lesbica! O una fica! Mentre riflettevo su questo, lei si rimise il dito nella fica, coprendosi le dita con il suo succo. Me lo portò alle labbra e disse, decuplicando la tentazione: "Solo così sai cosa ti perderai se rifiuti".

Non appena il suo dito ha toccato le mie labbra, ho allungato la lingua e ho assaggiato il frutto proibito. Non sapevo che sapore avrei pensato, ma un gusto sottile e ne desideravo di più. Mi sono trasferito per soddisfare il mio desiderio, ma lei lo ha spostato di nuovo.

"Quindi sei pronto a sottometterti completamente a me?" lei chiese.

"Sì," piagnucolai senza esitazione, le mie mutandine ora appiccicose del mio stesso fluido.

"Sì cosa?"

"Sì, padrona", ho annunciato, impegnandomi ufficialmente in una posizione che non avevo ancora completamente compreso.

Mi ha ricompensato mettendomi un dito sulle labbra. "Brava troia, puliscimi il dito."

Ho obbedito, avidamente, come un cucciolo che viene ricompensato per aver fatto un trucco. Ho assaporato il suo succo, usando le mie labbra e la mia lingua per ottenere ogni goccia di succo dal suo dito.

Una volta fatto, ha chiesto: "Vuoi prenderne un po' direttamente dalla fonte, la mamma di Jenny?"

Lanciare il nome di mia figlia era ovviamente usato per farmi vergognare ancora di più, ma ero troppo nel profondo per tirarmi indietro ora. I miei occhi fissavano la figa bagnata e lucente proprio di fronte a me. "Sì, padrona", ho presentato.

Karen si è riposizionata in modo che la sua figa fosse all'estremità della sedia ea pochi centimetri dal mio viso. "Ti piace quello che vedi?" ha preso in giro.

"Sì, padrona", ho risposto, un leggero gemito che mi sfuggiva.

"Sei bagnata, troia?" ha interrogato.

Umiliato, ho scosso la testa in senso affermativo.

"Dammi le tue mutandine", ha chiesto, prima di aggiungere, "in realtà, mettiti una troia nuda".

Mortificato, mi alzai, aprii la vestaglia e la lasciai cadere a terra. Con indosso solo la mia camicia da notte e le mutandine, mi sono sentito immediatamente vulnerabile. Nessuno mi aveva visto nudo da quando mio marito è morto. Tremavo come un tossicodipendente che passava troppo tempo senza una dose mentre lottavo per infilarmi la camicia da notte in testa. Una volta in solo le mie mutandine, ho esitato.

"Anche le mutandine, schiavo."

La parola schiavo aveva perdite extra che mi inumidivano le mutandine per qualche motivo insondabile. Ho obbedito e lei ha preso le mie mutandine. “Santo cielo, troia, sei fradicia! Come mai?"

"Non lo so", ho risposto onestamente in piedi nudo nella mia cucina.

"Non è vero?" mi prese in giro, tirandomi la mano, insinuando che dovevo ricadere in ginocchio. Una volta in ginocchio, ha aggiunto: "Penso che tu sappia esattamente perché sei bagnato. Vuoi essere la mia troia, una sub lesbica proprio come tua figlia. Sei esattamente nella stessa posizione in cui si trovava la tua preziosa figlia lesbica solo pochi giorni fa... in ginocchio tra le mie gambe proprio in questa casa. Sei pronto a sottometterti completamente?"

"Sì, padrona, farò qualsiasi cosa", ammisi, tentando di ignorare l'umiliante realtà in cui continuava a ricordarmi che ero dentro.

"Mi piace. Mi piace molto quella risposta", ha fatto le fusa. "Vai avanti troia, assaggia il tuo premio."

Mi chinai in avanti, pieno di trepidazione, lentamente. Più mi avvicinavo alla sua fica bagnata, più mi ubriacavo del solo profumo. Finalmente, dopo tanti anni, ho finalmente assaggiato la mia prima figa, e non appena l'ho fatto, ho capito che non si poteva tornare indietro. All'inizio ho leccato lentamente, ma una volta che la sua figa si è bagnata dalla mia lingua e i succhi hanno iniziato a fuoriuscire, sono diventato determinato a ottenere sempre più succo. Ho leccato e ho succhiato. Ho sondato le labbra della sua figa con la mia lingua, penetrando la sua figa con la mia lingua, non desiderando altro che seppellirmi nella sua fica. I suoi piagnucolii divennero gemiti, e dopo alcuni minuti di leccate e succhiate casuali, sentii la sua mano sulla nuca, attirandomi più a fondo. Sono stato presto ricompensato per il mio entusiasmo con un'esplosione del suo sperma che mi ha ricoperto la bocca, le labbra e il naso. Ha tenuto la mia faccia stretta contro la sua figa fino a molto tempo dopo che il suo orgasmo si è calmato. Una volta fatto, ha detto: "Beh, sei un piccolo castoro desideroso, vero?"

"Sì, padrona", ho risposto, stranamente elettrizzato dalla sua approvazione, la mia faccia appiccicosa con il suo sperma.

"Strisci verso la tua camera da letto, troia, abbiamo appena iniziato", mi ha informato.

La mia figa fremette di anticipazione per il piacere che volevo disperatamente provare. Mi sono messo a quattro zampe come un cane e ho iniziato a strisciare nella mia stanza come un cucciolo, l'umiliazione e il desiderio mi dilaniavano. Lei mi ha seguito.

Una volta nella mia stanza, ha chiesto: "Sali sul tuo letto, troia e resta a quattro zampe".

Ubbidii e la osservai, delusa e nervosa, mentre lasciava la mia stanza. Improvvisamente i miei nervi tornarono alla normalità mentre mi chiedevo dove stesse andando. Se n'era andata un paio di minuti prima di tornare, ora con indosso un cazzo strap-on. Mi sono chiesto brevemente dove avrebbe preso un giocattolo del genere, ma ho deciso che non aveva più importanza.

Salì sul letto, "La mia troia vuole essere scopata?"

"Sì, padrona", ho risposto, non desiderando altro, in parte perché era passato tanto tempo da quando ero stata fottuta e in parte a causa della totale sottomissione che stavo provando per mano di questa potente cheerleader.

Il suo cazzo di plastica mi ha toccato le labbra della fica e io ho tremato un po', decisamente più arrapata di quanto non fossi mai stata in vita mia. “Mio, mio, sei davvero una cagna arrapata. Difficile credere che tu sia una vergine lesbica. Beh, anche tua figlia lo era fino a poco più di una settimana fa."

Ogni volta che veniva menzionata mia figlia, la mia vergogna raddoppiava, ma per quanto sapessi che avrei dovuto fermarlo prima che andasse oltre, il mio desiderio di venire o per favore lo ha superato.

Senza preavviso, ha spinto il cazzo di plastica in profondità nella mia figa bagnata e ho urlato: "Aaaaaaaaaah, sì".

Tenendo il cazzo in profondità nella mia fica mi ha chiesto: "Chi ti possiede?"

Il mio unico desiderio era quello di venire e l'unico modo per venire era la completa sottomissione a questa adolescente radiosa, bella e potente, quindi ho risposto: "Lo sei, padrona".

Una rapida spinta fuori e dentro ha aumentato la sensazione nella mia fica. "E farai tutto ciò che ti chiederò, lesbica mia?"

"Sì, padrona, qualsiasi cosa," piagnucolai, volendo solo che mi scopasse, ignorando le conseguenze sconosciute di un simile impegno.

Tre rapide spinte hanno assalito la mia figa, portando un rapido piacere che a malapena ricordavo di aver mai provato.

"Ti prego di venire, sgualdrina", ordinò la mia nuova padrona.

Per lungo tempo fuori dalla porta, ho supplicato come una brutta puttana, "Oh padrona, fanculo la tua troia, ha bisogno di venire così baaaaaaad".

Apparentemente soddisfatta delle mie parole, ha iniziato a scoparmi, forte e veloce, con spinte decise che mi hanno riempito la figa. Ogni tuffo duro in me mi faceva bagnare e avvicinarmi al mio tanto necessario orgasmo. Quando i miei gemiti diventarono più forti, lei improvvisamente si tirò fuori e ordinò: "Sali in groppa, schiavo!"

L'ho fatto velocemente, supponendo che avesse intenzione di continuare a scoparmi. Invece, ho guardato mentre mi legava i polsi con le calze alte fino alla coscia alle colonne del letto. La fissai con orrore assoluto mentre la mia impotenza aumentava, così come il mio disperato desiderio di venire. Once she had me tied to the bed, she took off the strap-on and left the room, without a word. Frustration filled me both at my weakness and my need to come. I waited over forty-five minutes at least before she came back in drinking a glass of water and texting on her cell phone. Before I could react, she took a picture of me in the most vulnerable and humiliating position I had ever been in.

She shrugged, “Just in case my slut ever decides to deny her place on her knees as my slave.”

She put the water down and left again. I wondered if my humiliation would ever end and suddenly realized that Jenny could be home soon. I called out, “Mistress, please untie me, Jenny could be home any minute.”

Luckily, I thought, Karen came back in, but in her hand now was a vibrator. She walked over and none too gently shoved it in my cunt. I whimpered, my desire to come overriding my worry instantly. She straddled my face and lowered her cunt onto my lips. I began licking, as I assumed she expected, when I heard the door open.

Calmly, Karen explained, “Be a good slut, whore, and I will allow you to come. But there is no reason to hide your new role from your daughter. She has a similar role. Like daughter, like Mother, I suppose.”

Defeated, and restrained, I accepted my role, the toy buzzing in me, as I heard Karen call out, “Get your ass upstairs, Jenny!” Karen rubbed her pussy on my face, using my face and lips to get herself off. I licked as best I could in my suffocated state for another couple of minutes until I heard Karen scream, way over the top, “That’s it Mommy, I’m coming, lick your Mistress’s cunt, yesssss!” She collapsed forward, her cum dripping onto my face.

I lay still, worried my daughter was in my room, yet distracted by the toy inside me. My worry was confirmed when Karen purred, “I bet you are dying to know how this happened?”

My daughter was obviously stunned, as I did not hear one word escape her lips. The silence was broken by my new Mistress, our Mistress, who demanded, “Mommy slut, tell your daughter how you ended up being my personal plaything.”

*****

“Which leads me to now. I am so, so, so sorry, Jenny,” I apologized with both my words and my eyes.

Jenny stared at me, clearly stunned by what she had heard and witnessed.

Karen pushed me back onto my back and began pumping the toy in my pussy. My long pent-up stress and much needed orgasm took control and I again became not Jenny’s Mom, but rather Karen’s slave. “Oh yes, Mistress, please keep fucking me.”

“Are you ready to come, slut?” Karen questioned, testing me in front of my daughter.

“Yes, Mistress, I need to come so bad,” I begged. She left the vibrating toy lodged in me while she quickly tied my wrists to my bedposts again.

“In front of your daughter?” ha interrogato.

The answer should have been a clear no, yet my need to come superseded logic and my daughter heard me moan, “Yes, Mistress, in front of my daughter. Make me yours completely in front of my daughter.”

Karen returned between my legs and resumed pumping the toy into me and the second she leaned in and took my clit into her mouth, I shuddered and screamed as my long-awaited orgasm followed, “Oh yes, Mistress, I am comiiiiiiiiing!”

Karen kept my clit in her mouth through my entire orgasm, easily the most intense and fulfilling orgasm I had ever felt. Yet, as soon as the orgasm was done, shame overwhelmed me. I had just submitted to my daughter’s friend in front of my daughter. I was mortified. I tried to move but realized I was still tied up. I asked, “Can you untie me, please?”

Karen asked Jenny, ignoring me completely, “How was your day, Jenny?”

Finally hearing her speak again, she said, “I accomplished my task, but it was quite a challenge.”

“You fucked Miss Morgan?” Karen bluntly announced.

“Yes, Mistress,” my daughter replied, sounding identical to me. I was double shocked. First, at hearing my daughter call Karen Mistress like I had been doing all day and secondly learning my daughter had seduced her teacher, assumedly the one I had read about online.

“I want to hear all the juicy details,” Karen said.

“Of course, Mistress, but can we go to my room? I have to also get ready for a date,” my daughter announced. I was instantly curious about my daughter’s date. A couple of weeks ago, I thought I knew everything about my daughter, but now I felt like I didn’t know her at all.

“With who?” Karen asked, her curiosity also piqued.

“Ashley,” Jenny revealed, her voice implying her insecurity, which I still could recognize.

Karen got off the bed, leaving the toy still in me, grabbed my daughter’s hand and began to leave my room. When she reached the door, she turned around and looked at me and ordered, “Stay,” and left, laughing out loud.

I lay there stunned, humiliated and exhausted. How would I ever be able to show my face to my daughter? How would I regain her respect? My mind replayed the past couple of hours in my mind, and I was mortified by what I had done. What had I agreed to? What had I become? Each simple fall of my submission flashed in my head. My shame slowly simmered as the buzzing in my cunt began to take control. I sighed, knowing I was no longer in control. I closed my eyes, awaiting the unknown....


The end....

Storie simili

Figlia dei vicini: Sporco segreto

È successo quando avevo 16 anni un giorno d'estate. La scuola era finita e cominciavano le vacanze. Vivo alla fine della casa in stile cottage dove i nostri vicini sono dall'altra parte del muro. Nella porta accanto vive la mia amica Eve, ha la mia età, capelli biondi e corpo da urlo. Quanto a me, sono proprio come lei, solo che ho i capelli scuri. Pochi giorni fa ho notato una cosa interessante ... il telefono ha squillato a casa di Eves e dopo pochi minuti lei è spento da qualche parte. l'ultimo giorno lo stesso. Quindi ho deciso di rintracciarla...

99 I più visti

Likes 0

Mio cugino. Il mio amante

MIO CUGINO. IL MIO AMANTE. Questa è la prima volta in assoluto una storia vera scritta da mio cugino. Questo è anche il suo primo messaggio. Sii gentile. Per quanto posso ricordare, ho avuto una cotta enorme per mio cugino di secondo grado. Devo dire che ha 13 anni più di me. Quando avevo 14 anni, mia madre, mia sorella ed io eravamo tutti fuori a casa della sua famiglia per l'annuale barbecue del 4 luglio. Ero sceso da solo per usare il bagno e l'ho visto indossare il costume da bagno attraverso una fessura nella porta della camera da letto...

91 I più visti

Likes 0

Tim, l'adolescente parte XV

Nota: ——NON sono l'autore! Ci sono diversi autori in realtà, non sono così sicuro che qualcuno di loro sia il creatore, ma so che non sono io. Sto semplicemente condividendo questa bella storia con tutti voi perché non l'ho vista qui. Ora in origine dovevano essere tutte 9 parti, ma... Qualcuno ha detto che la prima era troppo lunga, quindi ho deciso di dividerle tutte in post più piccoli. Ho pensato di provare un aspetto e una struttura della frase diversi per questo capitolo, per favore fatemi sapere come vi piace. BUON APPETITO--- Tim, l'adolescente parte quindici di: Rass Senip +++...

147 I più visti

Likes 1

Spingere i confini.

Sono stato sposato con Tina per 3 anni. Fin dall'inizio mi ha sorpreso con i giochi che ha giocato. All'inizio stavo semplicemente entrando nel salone nuda sapendo che non importa a che ora del giorno o della notte mi sarei subito arrapato e l'avrei scopata. Lo fa a volte quando la TV era accesa e io stavo guardando il mio programma televisivo preferito. Ha detto che voleva vedere se per me significava più di uno stupido programma televisivo. Solo per assicurarsi che fossi distratto, insisteva che mi sdraiassi sul pavimento e si sedeva sulla mia faccia così non potevo vedere nient'altro...

96 I più visti

Likes 0

Mia sorella, una moglie e una suocera

Io e mia sorella Sally ci scopavamo da alcuni anni e per rendere meno ovvio agli altri che stavamo scopando le avrei permesso di uscire con i ragazzi ma in nessun caso avrebbe mai fatto qualcosa con loro, l'avrei controllata figa per assicurarsi che non fosse bagnata o appiccicosa. Avevamo iniziato a sperimentare il bondage con me che le davo una frusta e le davo schiaffi, avevamo una bella collezione di giocattoli, la chiamavo spesso la mia troia cagna; mia sorella avrebbe fatto tutto ciò che volevo che facesse. Preferivo una ragazza più grande, quindi ho detto a Sally di ingrassare...

160 I più visti

Likes 0

Spirito libero (03).. Quindici (1997)

Questa storia continua dall'ANZAC Day 1997 quando avevo appena compiuto 15 anni. Ero sdraiato fuori e mi sentivo molto dolorante e tenero; finché non decisi di entrare e unirmi agli altri. Inciampai mentre cercavo di camminare. Era come se mi fossi cagato addosso i pantaloni anche se non indossavo vestiti. Il soggiorno era buio e vuoto così ho preso una coperta; si riposava sul divano e si addormentava. Dovevano essere le 6 o le 7 del mattino quando mi sono svegliato; alcuni dei ragazzi erano già in piedi e fumavano bong. Mi sentivo dolorante e rigido; poi mi resi conto che...

50 I più visti

Likes 0

Lascia che una Playa giochi

Lascia che A Playa Play Storia di Charles che usa il suo bell'aspetto e il suo fascino per scopare tutte le donne che vuole. Oooohh cazzo, mmmmm. geme con una gamba sulla mia spalla, mutandine nere con rifiniture rosa che pendono dal suo piede mentre attacco vigorosamente la sua figa con la mia lingua. Essendo questo il suo ultimo giorno di lavoro, ho pensato di mandarla via con un regalo d'addio. Più simile a questo è ciò che ti mancherà presente. Mentre si morde il labbro, mi afferra la nuca e mi preme il viso nella sua figa bagnata. Non sai...

43 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.