La ragazza di mamma

132Report
La ragazza di mamma

Vivere nei progetti di Chicago è esattamente come sembra. Un incubo. A peggiorare le cose, mia madre di solito è incasinata con qualsiasi droga riesca a trovare la metà delle volte, facendo cose sgradevoli per mantenere la sua dose.

Abbiamo tutti dovuto fare cose di cui non siamo orgogliosi per sopravvivere in questo buco infernale, me compreso. Essere un ragazzino bianco piccolo, dalla pelle pallida e "femminuccia" in un posto come questo mi ha reso un bersaglio facile. Soprattutto senza un papà a proteggermi, se n'è andato molto tempo fa.

È già abbastanza brutto essere costantemente confuso con una ragazza, ma essere figlio di una puttana non migliora le cose. Non fraintendermi, amo mia madre, ma è difficile stare con lei. Mi umilia costantemente ed è sempre incasinato. Portare a casa degli stronzi che ci trattano di merda.

Alcuni di loro avrebbero facilmente avuto la meglio su di me se non fosse stato per l’accordo che ho stretto con Nekeisha. So che molti di loro si sarebbero imposti a me. Nekeisha non è qualcuno con cui vuoi scherzare. È lei che gestisce tutto da queste parti.

Droghe, armi, prostitute, vuoi che lei abbia il collegamento. Può anche far uccidere qualcuno per il giusto prezzo. Tutti la temono. Forse anche il fatto che abbia un cazzo più grande della maggior parte degli uomini potrebbe avere qualcosa a che fare con questo.

Tutto quello che so è che sono sotto la sua protezione finché mantengo la mia parte dell'accordo.

Può essere un po’ degradante fare le cose che lei vuole che io faccia, ma mi tiene al sicuro da tutti gli altri.

Dato che indosso le mutandine di cotone bianco che le piacciono così tanto, non è poi così difficile razionalizzarlo. Che cosa sono un paio di atti degradanti se sono ciò che mi tiene lontano dagli altri animali che farebbero molto peggio.

Inoltre, Nekeisha è piuttosto temibile e spietato per la maggior parte del tempo. Ho sperimentato la mia giusta dose di lei per sapere quanto possa essere crudele. Avevo così tanta paura di lei.

Mi infilo le calze bianche sulle gambe appena rasate e indosso la gonna corta che mi ha regalato. Dopo aver indossato un reggiseno da allenamento e abbottonato la camicia bianca, lasciando scoperta l'ombelico, inizio a truccarmi.

Dopo aver applicato il lucidalabbra, il fard e un po’ di ombretto, difficilmente riconosco la bella ragazza allo specchio. I suoi capelli biondo dorato sono legati in una coda di cavallo con occhi azzurri pieni di disperazione.

"Ti prostituirai di nuovo?" chiede mia madre mentre esco dal bagno con i tacchi. "Sei patetica, fottuta femminuccia."

Le sue parole feriscono, ma mi sono abituato.

Non le rispondo nemmeno mentre prendo la borsa e me ne vado. Salgo fino all'ultimo piano, ricevendo il tipo sbagliato di attenzione da ogni ragazzo che incontro. Sento una serie di fischi, sollecitazioni e sopporto alcuni tentativi di palpeggiamenti.

Alla fine arrivo alla stanza 1612, la stanza di Nekeisha. Ci sono due grandi uomini neri fuori a guardia del suo appartamento.

Uno di loro bussa alla porta. Risponde un gigante nero con le braccia più grandi del mio corpo e mi lancia un'occhiata. "Nekeisha, la tua puttana è qui."

"Bene, lasciala entrare. Ho bisogno che mi venga succhiato il cazzo."

Si sposta e mi lascia passare. Nekeisha è seduta sul divano con una canna tra le mani. I suoi capelli sono raccolti in trecce. Ha un'espressione cattiva sul viso. Anche se il suo viso è sempre accigliato, è comunque molto bella, in un modo rude. Mi fa cenno di inginocchiarmi davanti a lei mentre fa una boccata. Posso dire che l'aria è densa di tensione.

Obbedientemente, faccio come mi è stato detto, avvicinandomi a lei e cadendo in ginocchio. Senza aggiungere altro, tiro fuori il suo grosso cazzo nero flaccido da 8 pollici e gli do un bacio. "Questo è tutto, troia, mettiti al lavoro."

Faccio scivolare la sua testa grossa tra le mie labbra, è quasi troppo grande per adattarsi. Devo aprire la mascella per farlo entrare.

Lei mi spinge la testa verso il basso, forzandomi una parte maggiore del suo cazzo in bocca. “Ingoialo, stronza. Voglio il mio cazzo in gola."

Prendo un lungo sorso e la sua asta mi affonda in gola, intasandomi la trachea. Comincia a spingere, scopandomi bene la faccia. Sento che tutti mi guardano mentre mi infila la sua grassa anaconda fino in fondo alla gola. Il mio naso incontra il suo pube. Il profumo muschiato del suo inguine sudato mi riempie le narici.

"Quella stronza è una succhiacazzi naturale", dice uno dei ragazzi seduti al tavolo dall'altra parte della stanza.

"Che cosa si dice su quel carico di AK?" chiede Nekeisha mentre mi afferra la coda di cavallo e inizia a pompare la mia testa su e giù sul suo cazzo.

"Li consegneremo all'acquirente e riceveremo i nostri soldi prima della fine della notte", dice rapidamente un altro uomo seduto al tavolo.

“Stai meglio, cazzo! Se non ricevo i miei soldi, qualcuno morirà, cazzo.

"Non preoccuparti, Nekeisha, prenderemo quel documento", dice Jerome.

“E che mi dici della coca cola? Abbiamo venduto il nostro inventario rimanente?" lei chiede.

"Ci è rimasto un po', ma il resto lo tireremo fuori."

"È meglio che venga sostituita con la carta entro la fine della notte", ringhia.

"Lo farà", dice il ragazzo al tavolo.

"Allora, quando potremo dare una svolta al culo rotondo di quella femminuccia?" lui chiede. Alzo rapidamente lo sguardo verso Nekeisha, implorandola con gli occhi. Per favore, non lasciare che mi tocchino.

“Tocca la mia puttana e dipingerò i miei muri con il tuo cervello. Adesso tutti fuori. Le scoperò il culo stretto e mi metterò a letto. È stata una lunga giornata, cazzo..."

Tutti se ne vanno tranne Jerome, è il braccio destro di Nekeisha. Tira fuori il cazzo dalla mia bocca. "Dai amore. Andiamo a letto e continuiamo da dove avevamo interrotto.

Mi prende la mano e mi conduce nella sua camera da letto. Una volta che siamo a porte chiuse, mi attira in un bacio profondo e appassionato. La sua lingua esplora la mia bocca mentre la sua mano si allunga sotto la mia gonna e mi afferra una manciata di culo. Quando siamo in privato, mi mostra il suo lato più tenero. Un lato di cui desidero disperatamente di più.

"Nessuno di quei figli di puttana ti ha fatto del male, vero?" chiede mentre posa la mano sulla mia guancia, accarezzandola con il pollice mentre mi guarda profondamente negli occhi. "Lo giuro, se qualcuno mette anche solo un dito su di te lo ammazzo."

Le sorrido. "No... nessuno mi ha fatto del male."

Ancora una volta le sue labbra sono sulle mie. Mi abbassa la gonna e sposta la mano sulla mia camicia, sbottonandola lentamente mentre la sua lingua lotta con la mia. Dopo avermi tolto la maglietta, si toglie la sua, rivelando un paio di seni a forma di pompelmi giganti con una serie di addominali duri come la roccia sotto. Il suo braccio destro è coperto di tatuaggi. Si abbassa i jeans larghi e logori. Poi si toglie gli slip in spandex. Il suo mostro di pitone penzola libero tra le sue gambe.

Ho a malapena il tempo di prenderla tutta prima che lei mi prenda in braccio e mi sdrai sul letto, a pancia in giù.

Molto lentamente, mi abbassa le mutandine, lasciandomi il culo nudo. Gli dà uno schiaffo forte, prima di tuffarsi. La sensazione della sua lingua mi fa venire un brivido lungo la schiena.

Mentre mi apre le guance, mentre mi lecca su e giù la fessura del mio culo prima di spingermi oltre il mio sfintere. Gemo per la sensazione provocata dalla sua lingua.

"D'accordo tesoro. La mamma sta arrivando."

Lei si alza e si mette a cavalcioni sulle mie cosce. Posso sentire la testa del suo cazzo spingersi tra le mie chiappe mentre lei si china e afferra la bottiglia di lubrificante sul comodino.

Ne spruzza una grossa quantità e la spalma sul mio piccolo buco stretto e poi se ne insapona il cazzo.

Prima che me ne renda conto, il suo cazzo mostruoso sta bussando alla mia porta sul retro. Faccio del mio meglio per rilassarmi mentre lei infila la testa nel mio retto. Fa male mentre allarga il mio buco del cazzo, ma non tanto quanto prima.

Lei affonda lentamente il suo cazzo più profondamente dentro di me. Afferro le lenzuola e mordo il cuscino, qualsiasi cosa possa alleviare il dolore. “Respira, tesoro. Respirare." Si china e mi bacia la spalla mentre mi mette il braccio attorno al collo, costringendo il mio viso verso il suo. "Rilassati e lascia entrare la mamma."

Cerco di riempirmi i polmoni d'aria, ma il cazzo che mi si infila nel culo mi fa stringere i denti.

Si tira fuori solo un po' prima di spingersi più in profondità. A poco a poco spinge il suo cazzo sempre più nel mio culo. A poco a poco, spingendo sempre di più il suo tronco dentro di me. Lei muove i fianchi, allargandomi il sedere ancora di più mentre mi bacia sulla guancia. La sua mano percorre il mio braccio e il mio pugno chiuso pieno di lenzuola. Rilascio il tessuto mentre lei intreccia le sue dita con le mie.

Quel suo grosso cazzo si strofina contro quel punto sensibile all'interno del mio culo, costringendo un gemito a uscire dalle mie labbra. Lo chiama il mio punto G. “Questo è tutto, tesoro. Gemi per me."

Continua ad affondare il suo cazzo dentro di me finché non sento le sue palle appoggiarsi alle mie. “Ecco, la parte peggiore è passata, tesoro. Ho le palle nel tuo culo."

Lascia che il mio culo si adatti al suo grosso cazzo nero prima di iniziare gradualmente a spingerlo dentro e fuori.

“Urgh... Uuuuh. Awww!” Ogni colpo del suo cazzo manda increspature di dolore mescolate a piacere attraverso il mio corpo mentre gemo e grugnisco ad ogni spinta.

“Ecco, prendi solo il cazzo di mamma. Sei al sicuro qui con me, ti proteggerò. Basta che tu sia mio," mi sussurra all'orecchio mentre mi scopa lentamente, riempiendomi con il suo grosso cazzo nero.

"Oooh, cazzo... sarò sempre tuo, mamma..." sussulto mentre lei si spinge fino in fondo dentro di me. Il mio piccolo cazzo è duro. Ogni spinta dei suoi fianchi spinge il mio piccolo uccello contro le lenzuola.

Il suo ritmo aumenta mentre inizia a scoparmi davvero. Il modo in cui sbatte il suo cazzo dentro di me mi fa tremare tutto il corpo.

Quel suo cazzo mi riempie ad ogni pugnalata. È come avere un tronco d’albero infilato nel culo. Ma il dolore si è quasi attenuato e sono sopraffatto dal piacere di quel grosso cazzo mentre mi prende a pugni il punto G.

“Uhm, per favore mamma! Fammi tuo! Prendimi il culo” gemo, completamente persa tra le sue braccia mentre mi picchia il culo, immergendo il suo cazzo profondamente dentro di me.

"Ecco fatto, tesoro, arrenditi a me." La sua velocità aumenta mentre inizia a darmi un bel cazzo. La mia mente si svuota per il sovraccarico sensoriale mentre lei mi scopa per bene. Quel cazzo mi fa gemere come una cagna ogni volta che mi colpisce il punto G. Sono la sua puttana.

Il mio piccolo uccello sta perdendo sperma mentre il piacere esplode dentro di me. All'improvviso mi affonda completamente dentro. Un liquido caldo e pieno di vapore erutta dal suo cazzo, riempiendomi. È così bello Lentamente inizia a muovere i fianchi, cercando di depositare tutto il suo seme dentro di me.

Spingo di nuovo il culo dentro di lei. Voglio tutto il suo sperma dentro di me. Voglio disperatamente essere la sua brava ragazza.

"Fanculo! È stato... dannatamente fantastico," geme mentre esce dal mio culo con uno schiocco e si gira sulla schiena. "Vieni qui e puliscimi il cazzo, tesoro."

Fatico a mettermi in ginocchio, sono sempre debole dopo essere stata scopata dal suo cazzo mostruoso. Sdraiato, faccio scivolare la gamba sopra la sua e inizio a leccarle il cazzo sporco e coperto di sperma. Sento ancora il puzzo del mio culo sul suo palo, ma adoro il suo sperma denso e cremoso. Farei qualsiasi cosa per lei.

Non è sempre stato così. Quando mi portò per la prima volta nella sua stanza, mi denigrò e mi umiliò. Mi ha costretta a diventare la sua femminuccia. Ma ho imparato che deve mostrare un fronte duro. Per mantenere il suo potere, deve far sì che le persone la temano. Quindi interpreta il ruolo di una spietata assassina.

Ma non mi sono mai sentito più sicuro quando sono con lei. Alzo lo sguardo verso quei suoi occhi marrone scuro mentre la mia lingua lavora su e giù per il suo cazzo, leccando fino all'ultimo pezzettino del suo sperma.

"Mamma?"

"Si Bella?"

“Posso restare con te, per favore? Non voglio tornare a casa." Il pensiero di tornare da mia madre violenta tutta drogata e farsi scopare da qualche stronzo mi fa venire voglia di piangere.

La sua mano mi afferra il mento e mi attira a sé. “Tesoro, puoi rendere questo letto la tua casa, ma conosci le mie regole. Se hai intenzione di stare con me, ti voglio tutta carina. Voglio che tu rinunci a qualsiasi idea di essere un ragazzo. Devi essere la mia ragazza da ora in poi. E 'questo quello che vuoi?"

“Mamma, ti amo. Se essere carina e diventare la tua ragazza è tutto ciò che devo fare per stare con te, allora non sarò mai più un ragazzo. Voglio solo restare tra le tue braccia."

Mi porta dentro per un bacio profondamente intimo. Non sapevo che avrei mai potuto sentirmi così, ma stare con lei mi sembra giusto. All'inizio avevo paura. Può essere così intimidatoria nei confronti delle altre persone. E all'inizio era così aggressiva. E la prima volta che abbiamo fatto sesso, ha fatto male... molto, ma è stato anche bello. E non ne aveva mai abbastanza. Ma abbiamo legato. Nessuno di noi se lo aspettava, ma è successo. Ora, non c’è posto in cui preferirei essere se non avvolto tra le sue braccia.

Appoggia la mia testa contro il suo seno mentre mi passa la mano tra i capelli, sciogliendomi la coda di cavallo.

"Non avrei mai immaginato che mi sarei innamorata di una femminuccia, ma sono con te, Sarah", sussurra. Sarah è il nome che mi ha dato quando ha iniziato a costringermi a vestirmi da ragazza. Una volta mi vergognavo così tanto, ma ora... lo adoro. Il nome che avevo prima, Jeff… non è più il mio.

Sono la coccola di mamma e mi chiamo Sarah.

Ti è piaciuta la mia storia? Per favore fatemelo sapere nella sezione commenti! E dagli la tua valutazione onesta. Dai un'occhiata al mio profilo e seguimi. C’è anche un collegamento alla mia newsletter a cui puoi iscriverti. Come sempre, questa storia è collegata a tutte le altre, quindi leggetele tutte!

Amore,

Fenice

Storie simili

La Congrega Parte 1 - Reed_(1)

Canna AIUTAMI QUALCUNO AIUTI PER FAVORE!!! urlò una giovane donna mentre veniva trascinata dentro dalla porta principale da un sorridente Jackson. La teneva per il collo mentre tutti nell'area del bar ridevano e sorridevano alla pietosa donna. Era attraente, con i capelli biondi tinti tagliati in un caschetto disordinato e enormi occhi castani. Indossava una specie di uniforme, ma era talmente strappata che nessuno poteva distinguere con certezza cosa ci fosse scritto. Andò nel panico, guardando tutti nella stanza, sperando che qualcuno la salvasse. Ma a nessuno fregava un cazzo. Alcuni dei ragazzi più grandi stavano giocando a freccette vicino al...

796 I più visti

Likes 0

La storia di Laura (per le donne)

La storia di Laura Il mio nome è Laura. Lavoro in questo studio legale da 6 mesi ormai. Sono un impiegato di base, rispondo al telefono e lavoro d'ufficio leggero. È un lavoro facile, dato che vado al college 2 sere a settimana. La mia migliore amica di lavoro è Lissette, è una donna portoricana sposata più anziana di circa 40 anni. È così divertente parlare con lei. È così selvaggia e adora parlare di sesso! Penso che lei pensi che io sia troppo innocente dato che vengo da una famiglia molto religiosa. A volte mi chiedo se abbia deciso di...

855 I più visti

Likes 0

Il mondo nascosto del mondo magico, libro:1 ch:2 torna al bagno

La storia è scritta dal mio amico ed io, attualmente stiamo cercando di fare un lavoro migliore di correzione di bozze, ma stiamo ancora cercando qualcuno che ci aiuti. I prossimi 2 capitoli dopo questo avranno più personaggi della serie, sentiti libero di suggerire eventuali relazioni o feticci che vorresti vedere. Torna al bagno Hermione si è seduta a lezione di pozioni a cui mancano ancora le mutandine, qualcuno le ha prese dalla biblioteca. La lezione è iniziata e Harry le ha chiesto se stava bene. “Sì, sto bene solo un po' scosso. “ È successo qualcosa? No, solo che ho...

3.7K I più visti

Likes 0

Far sborrare nostra figlia

Far sborrare nostra figlia Storia #100 …..sono Lynn, ho gli stessi impulsi di mia madre. La mamma (Dee Dee), il fratello Ken e io abbiamo tutti questa cosa e ci piace sentirci bene. L'abbiamo chiamato scherzosamente Feel-itis. Questo ci ha portato tutti a fare sesso l'uno con l'altro. …..Ora ho avuto una figlia Vicky. Ho deciso di non sentire Vicky crescere in modo che potesse svilupparsi a modo suo. Il suo compleanno oggi significava che adesso era maggiorenne. È stato difficile combattere l'impulso che avevo di sentire il suo corpo. Aveva già un corpo caldo. Belle tette, fianchi, gambe e un...

3.1K I più visti

Likes 0

Cambiare la realtà (parte 3)

Ciao ragazzi e ragazze! È Chase. Sai, la persona di cui parla questa storia. So cosa stai pensando – Questo non può essere vero. Bene, ti assicuro che lo è assolutamente. Non posso provartelo, a meno che non ci incontriamo un giorno e anche allora, dovrei raccontarti tutto da capo. È qualcosa che non è molto probabile che farò poiché qualsiasi esposizione di chi e cosa sono potrebbe portare alla mia cattura da parte di qualcuno che desidera trasformarmi in una specie di cavia. Non so voi, ma non sono molto entusiasta di essere rinchiuso per il resto dell'eternità e di...

1.8K I più visti

Likes 0

Andando avanti - Capitolo 3

Andare avanti capitolo 3 Il tempo sembrava congelato. L'espressione di shock e orrore sul viso di Evelyn era giustapposta ai resti bagnati del mio sperma sulle sue guance e sul suo mento. Il mio cazzo è caduto dalla mia mano e la mia testa sembrava muoversi attraverso la melassa mentre si girava lentamente verso l'ingresso del bagno. Sembra che voi due abbiate combinato un sacco di cose, disse il signor Clark con nonchalance con un leggero sorriso, guardandosi intorno al bagno come se cercasse altri membri del nostro piccolo gruppo. Mi chiedevo dove fossi scomparso per così tanto tempo. Seguì un...

1.2K I più visti

Likes 0

Il mio amore giapponese parte 9

My Japanese Love Part 9: I guai di Alicia Nei giorni che seguirono cominciai a immaginare come sarebbe stato mio figlio. È bello sapere che in tutto il caos che è successo nella mia vita ne è venuto fuori qualcosa di buono. Akira ed io siamo follemente innamorati e stiamo per avere un bambino. Abbiamo detto ai suoi genitori che erano estremamente felici per noi, tuttavia mentre le nostre vite sono cambiate in bene, Alicia è cambiata in male. Mentre sto facendo dei lavori in giardino, noto Alicia che mette un cartello di vendita di garage. Normalmente mi dice quando ne...

1K I più visti

Likes 0

SCOPANDO LA SORELLA DI 17 ANNI DEI MIEI MIGLIORI AMICI DURANTE IL SONNO

Mi chiamo Alex e ho 15 anni. Questa è una storia che mi è successa lo scorso fine settimana. Era una normale serata del fine settimana, alcuni amici e io stavamo bevendo a casa del mio migliore amico Jared. I suoi genitori avevano portato la sua sorellina a Disneyland per il fine settimana. Sua sorella maggiore di 17 anni era ancora a casa ed era una bomba bionda 12 su dieci. Ha tette perfettamente rotonde con coppa C con piccoli capezzoli rosa. Lei è naturalmente abbronzata e si depila la figa. So tutto questo perché una settimana fa stavamo nuotando nella...

777 I più visti

Likes 0

Trovare la strada per tornare a casa, parti 5 e 6 di 6

Parte V Dalle parti I - IV: sono tornato dall'Afghanistan, dopo essere stato colpito alla spalla e aver subito due interventi chirurgici per ripararlo. Sono uscito dall'esercito per aiutare mia madre che aveva un cancro alla vescica e ho incontrato la liceale per la quale avevo una cotta. Ho scoperto che era una madre single di una giovane figlia e ho cercato di chiederle di uscire, solo per farmi accusare di trattarla come qualcuno che pensavo non potesse prendersi cura di se stessa e avesse bisogno di essere salvata. Si è resa conto del suo errore e siamo usciti insieme una...

551 I più visti

Likes 0

Guardare e fare

GUARDARE E FARE John sentiva di aver fatto un ottimo affare. Quando si è trasferito in questo condominio, ha incontrato e parlato con il proprietario e ha convinto quell'uomo a lasciarlo svolgere il ruolo di custode/custode/amministratore residente, facendo tutto ciò di cui l'edificio aveva bisogno per $ 200 al mese di sconto sull'affitto più le spese. Normalmente ciò richiedeva solo poche ore al mese dal suo tempo libero, e se avesse dovuto lavorare durante quel giorno in un giorno feriale, il suo programma come tecnico di laboratorio presso un'azienda farmaceutica avrebbe potuto essere modificato - la maggior parte delle cose potrebbero...

404 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.