La marina medievale, parte dodicesima

177Report
La marina medievale, parte dodicesima

CAPITOLO LVI

Luke era ansioso di tornare a casa. Tutti davano per scontato che lui volesse solo tornare a casa per scopare la sua fidanzata sexy e la moglie ancora più sexy e doveva ammettere che era parte del motivo. Ok, una parte importante. La ragione principale, però, era che sapeva che presto sarebbe stata programmata un'invasione e dalle spie che Marion aveva inviato in Norvegia, sapeva che l'invasione storica era ancora in corso. Luke voleva tornare indietro in modo che potessero prepararsi. Prima di potersene andare, dovette affrontare alcuni nobili ribelli. Questa volta avevano acquistato alcune armi da fuoco al mercato nero. Fortunatamente per l’esercito di Luke; i nobili non sapevano come usare le armi che avevano ricevuto e non avevano nemmeno modo di procurarsi altre munizioni. Alcuni di loro erano riusciti a scoprire il segreto per produrre la polvere da sparo, ma poiché le pistole di Luke avevano bisogno di un innesco per sparare; i nobili ancora non potevano usarli oltre all’uso limitato del piccolissimo numero di primer che erano riusciti a rubare. Questo era uno dei motivi per cui Luke aveva realizzato queste armi da fuoco, in primo luogo, e non semplici armi ad avancarica. Luke vinse facilmente la battaglia, ma gli costò quasi cento morti e quasi il doppio dei feriti. L'unica cosa positiva che venne fuori dalla battaglia fu che l'ultimo dei nobili ribelli era stato ucciso.

Dopo la battaglia, Luke iniziò la sua marcia di ritorno verso York. Poiché eravamo in piena estate, mantenne la marcia a un ritmo più lento e si assicurò che il suo esercito avesse acqua e riposo in abbondanza. L'ultima cosa che voleva fare era far soffrire i suoi soldati per l'esaurimento da calore, soprattutto quando non c'era alcuna ragione urgente per cui avessero bisogno di affrettarsi a York. Quindi, Luke e l'esercito si sono presi il tempo necessario per tornare indietro. Si fermavano per aiutare a costruire tratti stradali difficili e, occasionalmente, per aiutare i contadini nei loro lavori domestici. Alla fine, una marcia che avrebbe potuto essere fatta in un paio di giorni, ha richiesto due settimane. Il lato positivo era che il sostegno per Marion era stato rafforzato nella regione e Luke sapeva che nel prossimo futuro ciò si sarebbe rivelato vitale. Sapeva che il sostegno a Marion era ancora molto vacillante e sospettava che gran parte del suo sostegno fosse dovuto al fatto che la gente lo temeva. Un giorno sperava che la gente la sostenesse per lei, ma temeva che questo fosse ancora molto lontano.

Lo spettacolo quando tornarono a York lasciò la maggior parte di loro senza parole, perché la città era cambiata drasticamente nel mese e mezzo in cui erano stati via. Tutte le strade erano adesso pavimentate, in cemento, con alberi e fiori piantati lungo i lati. Erano state tracciate nuove strade ed erano in procinto di realizzare le fognature o di asfaltarle. Sembrava che ovunque sorgessero nuovi edifici di mattoni e cemento. La differenza più grande però era l’enorme numero di persone presenti in città. Erano ovunque e sembrava che tutti facessero qualche lavoro. La sorpresa più grande che hanno ricevuto è stata però da parte della stessa Marion; infatti ordinò che l'esercito attraversasse il centro della città e si radunasse nel cortile del castello.

Luke ha fermato l'esercito fuori York per circa un'ora, in modo che i soldati avessero la possibilità di pulirsi un po' e apparire al meglio. Si è assicurato che anche lui fosse ripulito. Il percorso verso il castello era pieno di civili che erano venuti tutti a tifare per il loro esercito. Finalmente era giunto il momento; e Luke fece aprire la strada alla band, verso la città, ma la folla era così rumorosa che quasi nessuno riusciva a sentire la band. Luke stimò che ognuno dei suoi soldati probabilmente avesse guadagnato cinque libbre da tutti i fiori che avevano ricevuto. Lungo la strada Luca aveva anche osservato la costruzione di una sinagoga ebraica con l'aiuto di alcuni pastori cristiani della città. Sebbene a Luca non piacesse molto la religione, approvava che a tutti fosse permesso di essere aperti con la propria fede e di praticarla in pace. Quando l'esercito raggiunse i cancelli del castello, si spalancò per rivelare Marion e Gabriel in piedi lì, in uniforme, per accogliere personalmente i soldati a casa. Chiunque avesse dei dubbi sulla capacità di Marion di essere un grande leader, li fece mettere a tacere quel giorno; poiché Marion dimostrò non solo di essere un'ottima amministratrice, ma anche di essere estremamente popolare non solo tra le sue truppe ma anche tra la popolazione nel suo insieme. Ormai tutti avevano accettato lei e Gabriel come coppia quando il generale non era in città. Quando era in città, ogni ragazzo etero tra la pubertà e la morte era geloso di lui perché aveva due delle donne più belle e intelligenti con cui condividere il letto ogni notte.

Dato che Luke era a circa metà della parata, gli ci volle un po' prima che Marion lo raggiungesse. Quando lo fece, tutti quelli che guardavano si aspettavano che lei saltasse tra le sue braccia. Invece, Luke scattò sull'attenti e fece uno dei saluti più vivaci che qualcuno avesse mai visto.

"Il generale MacDougall e l'esercito ritornano a York come ordinato, signora." Marion ricambiò il suo saluto,

“A nome del popolo di York sono lieto di dare il benvenuto a te e alle tue truppe a York. Tu, le tue truppe e le loro famiglie siete tutti invitati a un banchetto questa sera. Le porte della sala del banchetto si apriranno alle diciotto e mezza e rimarranno aperte finché tutto il cibo e le bevande non saranno esauriti.

Tutti nell'esercito erano sbalorditi, da Luke in giù. Non c'erano notizie di un banchetto. Inoltre tutti rimasero sbalorditi da questo spettacolo perché erano sicuri che Luca sarebbe stato accolto da sua moglie; fu invece accolto da Marion di York, il suo comandante. Luke era davvero felice che Marion lo avesse fatto perché questo avrebbe contribuito a rafforzare la sua posizione di comandante in capo dell'esercito. Personalmente, anche se era incazzato per il banchetto, perché quella sera non voleva fare altro che sconvolgere il mondo della sua bellissima moglie per tutta la notte. Per domani aveva dei documenti da sbrigare. Luke si rivolse alle truppe una volta che Marion ebbe finito.

«A causa del banchetto tutti hanno un permesso di quarantotto ore a partire dalle diciassette di questo pomeriggio. ATTENZIONE! LICENZATO!”

Le truppe iniziarono a dirigersi verso le baracche in modo da poter riporre la loro attrezzatura ed essere pronte per la partenza. Luke però aveva ancora ore di lavoro davanti a sé. È stato necessario presentare rapporti, aggiornare l'elenco delle vittime, inventariare le scorte e requisire nuove forniture. Luke doveva fare tutto questo prima di poter andare in ferie. Così mentre le truppe si dirigevano verso le loro caserme; si diresse verso il suo ufficio per ore di scartoffie. "Evviva, e ora ho quel dannato banchetto a cui andare stasera." pensò Luke mentre si dirigeva verso il suo ufficio. Quando ha provato ad aprire la porta del suo ufficio, la sua chiave non funzionava. "Che cazzo?!?!" disse tra sé Luca. Adesso cominciava ad incazzarsi davvero e desiderava davvero essere ancora sul campo. Avrebbe usato il suo vecchio apriporta, ma quando ha progettato la porta, l'ha fatta in modo che fosse praticamente impossibile forzarla senza un carro armato o esplosivi. Il piano C era scassinare la serratura, ma i suoi strumenti erano nelle sue stanze. "Beh, fanculo a me." Luke borbottò mentre si dirigeva nella sua camera per prendere i suoi attrezzi, voleva davvero finire i documenti in modo da poter, si spera, godersi un paio di giorni liberi.

Luke ebbe un'altra sorpresa quando tornò nella sua camera perché scoprì che sulla sua uniforme era steso un biglietto. "Perché non riesco a portare a termine il mio fottuto lavoro?" ringhiò Luke mentre prendeva in mano il biglietto:

“Luke, assicurati di indossare la tua uniforme stasera. Ho cambiato la serratura della porta del tuo ufficio in modo che tu non possa chiuderti in ufficio e ho nascosto i tuoi strumenti in modo che tu non possa scassinare la serratura. Gabriel verrà a prenderti alle 18:00, quindi assicurati di essere pronto. Ti prometto che ne varrà la pena.

La tua amorevole moglie,

Marion”

"FANCULO! FANCULO! FANCULO!" Luke urlò mentre sferrava un pugno contro una porta vicina. Ora, a causa di Marion, avrebbe dovuto trascorrere buona parte dei suoi giorni liberi per recuperare le pratiche burocratiche. Odiava quando le persone gli facevano questo perché era una di quelle persone che odiavano procrastinare. Luke guardò fuori da una delle loro finestre verso la nuovissima torre dell'orologio all'esterno. Diceva che erano le quindici e mezza. ‘Cazzo, come diavolo faccio ad ammazzare due ore e mezza?’ pensò. "Bene, credo che potrei provare la doccia di cui Marion ha scritto così tanto". Luke si spogliò e andò nel loro bagno. Aprì l'acqua e rimase sorpreso da quanto funzionasse bene. La doccia lo aiutò a rilassarsi un po', ma era ancora abbastanza irritato che il piccolo Luke non si alzava affatto, il che era strano per l'ora del bagno. Chiuse l'acqua, si asciugò e crollò sul letto. Era passato più di un mese dall'ultima volta che era stato in un letto comodo, quindi è svenuto molto velocemente nonostante fosse incazzato.

CAPITOLO LVII

Dopo che Marion ebbe dato alle sue truppe la notizia del banchetto, lei e Gabriel si ritirarono nel castello.

"Hai nascosto gli strumenti di Luke?" chiese Marion.

"Sì, dubito fortemente che li troverà perché sono nel suo ufficio e tu hai l'unica chiave al collo."

"Ok, assicurati solo di prenderlo stasera perché sono disposto a scommettere che si sdraierà per fare un pisolino e voglio assicurarmi che mi veda stasera."

"Oh tesoro, ti preoccupi troppo!" - esclamò Gabriel con una risatina.

Le signore stavano andando in cucina per controllare il pasto della sera. C'erano molte cose di cui dovevano ancora occuparsi prima del banchetto, ma con tutto l'aiuto che avevano, erano fiduciosi che tutto sarebbe stato pronto. La cena prevedeva una scelta di carne di maiale, pollo o manzo preparata in diversi modi. I contorni sarebbero verdure e le bevande sarebbero birra, vino o whisky. Dopo aver controllato il cibo, che stava venendo bene; andarono a lavorare su tutte le altre faccende che dovevano essere fatte prima di poter iniziare a prepararsi.

Erano circa le cinque e mezza quando si diressero verso l'appartamento di Pollyanna per prepararsi. Avevano lasciato lì i loro vestiti in modo che Marion potesse fare una sorpresa a Luke, inoltre era più divertente prepararsi con i buoni amici. Certo, non avevano molto da fare: farsi una doccia veloce, truccarsi leggermente, vestirsi e sistemarsi i capelli. Quando arrivarono, Pollyanna si stava già preparando. Ora era tornata al suo vecchio sé vigoroso dopo essere stata picchiata e aver dato alla luce due gemelli. Quando Marion e Gabriel entrarono, Pollyanna era nuda e Matt stava sonnecchiando perché la campagna aveva sfinito anche lui. Le donne rimasero più silenziose possibile per non svegliare Matt. Marion aveva quasi dimenticato quanto fosse bella Pollyanna con i suoi caldi occhi castani e i suoi capelli quasi neri. La sua pelle era bianca come la neve, il che faceva risaltare i suoi peli pubici perché erano neri come i capelli sulla sua testa. Lo ha tenuto tagliato perché se non lo avesse fatto si sarebbe trasformato in una specie di giungla. Il suo seno era nella zona della coppa D e i suoi capezzoli erano ancora gonfi e di un colore marrone più scuro del solito. Gabriel e Marion fecero entrambi una doccia veloce per essere puliti per quella sera. Dopo la doccia si infilarono i vestiti. Tutti e tre stavano lavorando in segreto ai loro abiti da un paio di settimane. Come ispirazione avevano usato le foto della sorella di Luke in abiti formali. Marion aveva un lungo vestito blu che aveva un top scollato e aveva uno spacco su entrambi i lati che le arrivava fino a metà coscia. Quello di Gabriel era più o meno lo stesso, ma il suo era rosso vivo. Quello di Pollyanna era senza spalline e nero, dato che aveva il paio più grande, è stata in grado di sfoggiare il look senza spalline mentre Gabriel e Marion erano senza schiena perché avevano le tette più piccole. Questo è il motivo per cui tutti hanno nascosto i loro vestiti a Matt e Luke. Volevano che i loro uomini sbavassero per loro e ricordassero a tutti gli altri uomini ciò che non potevano avere. Alice non era presente perché aveva dei pazienti che si rifiutava di lasciare. Marion, Gabriel e Pollyanna avevano tutti cercato di convincere Alice che aveva bisogno di scappare per una serata con Marion, facendole anche fare un bellissimo vestito verde, ma Alice non si sarebbe mossa. Si stava dimostrando una dottoressa estremamente devota e avrebbe volentieri rinunciato alla sua vita personale per aiutare i suoi pazienti. Un altro motivo per cui non voleva andare era che né lei né il suo fidanzato erano degli animali da festa e Alice preferiva di gran lunga trascorrere una serata tranquilla con lui a una delle persone che mangiavano e si ubriacavano. Il suo fidanzato però le ha chiesto di indossare l'abito per lui. Alice gli disse:

"Lo indosserò volentieri per il nostro matrimonio e poi per le feste, ma non prima." Quella fu la sua ultima parola sull'argomento e il suo fidanzato sapeva che era meglio provare a spingerla a farlo.

Come promesso, Gabriel andò a svegliare Luke alle sei e fu sorpreso di trovarlo già sveglio. Indossava un vecchio paio di pantaloni ed era in piedi davanti alla finestra.

“Buonasera Coronal.” disse Luke con voce estremamente secca.

«Sul serio, Luca. Perché così formale?"

"Perché no? Non riesco a portare a termine nessun cazzo di lavoro. Adesso era il turno di Gabriel di incazzarsi

«Adesso ascolta, Luke. E tu ascolti bene. Marion si è impegnata molto in questo e tu andrai! Fine della discussione! Ora indossa la tua uniforme!”

Luke rimase lì e non mosse un solo muscolo.

“LUCA!” Gabriel urlò "CHE CAZZO C'È DI SBAGLIATO IN TE!?!?"

"Bene, vediamo un po'." Luke ha risposto con calma: “Tutto quello che volevo fare quando sono tornato era sbrigare i miei documenti in modo da potermi davvero godere un paio di giorni liberi. Ora, grazie a te e Marion, dovrò dedicare buona parte del domani a rimettermi in pari con le pratiche burocratiche. Avrei sparato alla serratura, ma non volevo avere il fastidio di inserirne una nuova. Ora, per favore, lasciami in pace.

“Cazzo no! Vestiti o passerà molto tempo prima che tu possa scopare di nuovo!"

"Non ho bisogno di scopare per sopravvivere, Gabriel."

Gabriel adesso era furioso. Come poteva Luke anche solo pensare di rifiutare Marion dopo tutto il lavoro che aveva fatto per sorprenderlo con tutto. Si precipitò fuori dalla porta, chiudendola sbattendola. Sulla via del ritorno, Gabriel ha letteralmente incontrato Pollyanna e Matt. Dopo aver spiegato perché era oltremodo incazzata, Matt le disse:

«Meglio lasciarmi parlare con lui prima di andartene a metà, Gabriel. Dopotutto ho fatto campagna con lui ininterrottamente nell’ultimo mese e mezzo”.

«Va bene, ma fai presto. La festa sta per iniziare e Marion si aspetta che Luke sia lì. I tre tornarono nelle stanze di Luke. Matt bussò prima di entrare, trovando Luke ancora davanti alla finestra. Fece segno alle donne di restare nell'atrio e di fare silenzio.

"Lo sai che hai davvero fatto incazzare Gabriel, vero Luke?"

“È una ragazza grande. Lo supererà." Luke rispose in modo piatto.

“Ok, cosa succede, Luke? Non ti ho mai visto incazzato così."

"Oh, davvero non vuoi andarci."

"Se non lo avessi fatto, non lo avrei chiesto." Luke fece un respiro profondo e lo lasciò uscire lentamente.

"Prenditi una sedia, Matt." affermò Luke voltandosi. Dopo che Matt si fu seduto, Luke iniziò. "Sapete quante pratiche burocratiche devono essere sbrigate per far sì che l'esercito funzioni senza intoppi?" Matt fu colto di sorpresa da questo

"Ah no, non lo so."

“Non pensavo. Dopo essere tornato questo pomeriggio probabilmente avevo circa cinque ore di lavoro da fare. L'elenco delle causalità deve essere aggiornato. L'elenco dell'inventario deve essere aggiornato. È necessario compilare le richieste affinché l'esercito possa ottenere più rifornimenti. I rapporti di spionaggio devono essere letti e digeriti in modo da non dover affrontare altre sorprese come in quell'ultima battaglia. Ricorda sempre Matt che un esercito senza spie è nella migliore delle ipotesi mezzo cieco. Voglio dire, la lista è infinita. Avevo programmato di dedicare il resto della giornata a questo in modo da potermi prendere un giorno libero domani e rilassarmi un po' senza fare nulla e trascorrere il giorno successivo recuperando casualmente. Ora non avrò quel giorno libero perché ho ancora cinque ore di lavoro da fare più il lavoro di domani, quindi ora probabilmente sarò bloccato a lavorare tutto il giorno, solo per stare al passo. Non sarebbe stato poi così male, ma Marion ha cambiato la serratura del mio ufficio in modo che non potessi nemmeno portare a termine almeno un po' di lavoro prima di quella maledetta festa.

"Oh; ma immagino che sia solo una parte, giusto?"

“Mi conosci così bene che è quasi terrificante. Sì, questa è solo una parte; considerala semplicemente come l'ultima goccia. Sono mesi ormai che mi preoccupo che Marion ricominci a ricadere nelle sue vecchie abitudini di classe superiore e sono inorridito che sia così. È cambiata così tanto rispetto alla donna di cui mi sono innamorato che la metà delle volte ho paura di non conoscerla nemmeno più. Il cambiamento nel suo atteggiamento è stato graduale, ma essere costretta a partecipare a questa festa senza nemmeno prendere in considerazione ciò che avevo programmato è stata il colmo. È ormai da un po' di tempo che mi tratta meno che alla pari, nonostante tutto quello che ho fatto per lei. Ne ho sempre avuto un po' paura; che sarebbe tornata a pensare come una nobile stupida invece di pensare come una persona.

"Oh, andiamo amico, non è poi così male, e in questo momento sembri più che meschino." Luke si limitò a lanciargli uno sguardo duro.

“Per quanto riguarda il fatto che io sia meschino riguardo a tutta questa faccenda, hai ragione, lo sono e sì, lo so. Inoltre, sai dannatamente bene che non sostengo gli uomini che trattano le donne meno di loro, perché dovrei sostenere qualche fottuto nobile che mi tratta come se fossi meno di loro?

"Perché la nobile in questione è tua moglie e per qualche motivo ti ama anche se in questo momento non so perché."

“Ciò non fa altro che peggiorare le cose perché lei conosce la mia storia e sa cosa mi fa funzionare. A lei semplicemente non importa più. Adesso se vuoi gentilmente scusarmi, ho una lettera da scrivere e poi devo fare le valigie.

Matt ora era terrorizzato perché Luke era per molti versi il collante che teneva insieme l'esercito. Si precipitò fuori quasi investendo la donna perché avevano cercato di ascoltare attraverso la porta.

“Dobbiamo portare Marion quaggiù SUBITO!” disse Matt da sopra la spalla mentre correva. "Penso che Luke stia per dimettersi e andarsene."

Gabriele era sbalordito. Perché Luke avrebbe buttato via tutto quello che aveva durante una festa? Matt si precipitò a prendere Marion prima che potesse fare il suo ingresso alla festa, perché in quel momento sarebbe stato molto più difficile uscire. Riuscì a malapena a prenderla e le raccontò tutto di ciò di cui lui e Luke avevano parlato. Tornò di corsa nelle stanze sue e di Luke dopo aver chiesto a Matt, Pollyanna e Gabriel di restare indietro. Era qualcosa che lei e Luke avrebbero dovuto risolvere da soli. Sulla via del ritorno stava attraversando quasi tutte le emozioni possibili, a partire da: "Come osa farmi questo dopo tutto quello che ho fatto?" a "È davvero serio?" a "Che cazzo farò senza di lui?". Marion fece irruzione nella stanza proprio mentre Luke aveva terminato la lettera e l'aveva firmata.

“Ciao, Marion. Ho pensato che ne avresti mandato uno per i tuoi lacchè quaggiù "

“Dannazione, LUKE! Mi conosci meglio di così.

“Davvero? Non ne sono più così sicuro, e dato che Matt probabilmente ti ha detto tutto quello di cui abbiamo parlato, perché non tralasciamo il toro. Devo ancora fare le valigie."

“LUKE, GUARDAMI!” Luke non ha detto "Dannazione Luke, quando dico guardami, tu mi guardi!"

Luke scosse semplicemente la testa mentre continuava a riempire il suo zaino originale con tutto ciò di cui avrebbe avuto bisogno. “Sai, trovo sorprendente che tu sappia qual è il mio problema, eppure tutto ciò che fai è rafforzare la mia posizione. Non fare quella bravata sul campo di battaglia qui tra un paio di mesi, Marion di York, altrimenti verrai distrutto. Aveva aggiunto di proposito il suo nome formale come una sorta di promemoria dell'ultimo minuto. Luke sperava ancora debolmente che lui e Marion potessero sistemare le cose, ma quella speranza si affievoliva di secondo in secondo.

"Se provi ad andartene, ti farò arrestare!"

"Allora faresti meglio a chiamare le guardie, Cecilia, perché sarò qui solo per un altro paio di minuti."

"SONO MARION, CONTADINO SENZA CERVELLO, NON LA MIA SORELLA PUTTANA!" Marion urlò.

Luke si limitò a guardarla con calma e strizzò gli occhi. "Mi dispiace, ma faccio davvero fatica a distinguervi." Detto questo chiuse la cerniera dello zaino e se lo mise in spalla. "Ti auguro buona fortuna, Marion di York, perché ne avrai bisogno."

Marion stava per replicare a questo. Non era la sua sorella malvagia, ma qualcosa la fermò. Luke le aveva rivolto lo stesso sguardo che aveva sempre rivolto a Cecilia. Non era lo sguardo dell’amore o della lussuria. Era lo sguardo per vedere quanto facilmente avrebbe potuto ucciderla se fosse stato necessario. La realizzazione di quello che stava succedendo colpì così tanto Marion che si sentì come se fosse appena saltata dalla cima del castello. Si stava lentamente trasformando in Cecilia. Lentamente stava voltando le spalle a ciò che aveva reso il suo esercito così forte e che gli aveva procurato così tante vittorie. Quel qualcosa era trattare tutti per la persona che sono. Non in base al sesso o alla famiglia in cui sono nati, ma a chi fossero. Cecilia aveva creduto che, poiché era di stirpe nobile, avrebbe potuto fare tutto ciò che voleva. Che poteva semplicemente dare ordini alle persone come se fossero il suo bestiame o peggio i mobili. Marion è crollata dove si trovava ed è scoppiata in lacrime. Attraverso le lacrime, poteva vedere che Luke si era fermato davanti a lei. Lentamente lo guardò. Lo sguardo che la salutò le disse che Luke pensava che lei stesse recitando e che non lo stesse prendendo in giro. Ancora una volta, stava per strappargliene uno nuovo, ma ancora una volta qualcosa nel profondo di lei la fermò. Esaminandolo rapidamente, scoprì che la cosa che l'aveva fermata era il suo amore assoluto per Luke. Dopotutto l'aveva salvata da morte certa. L'aveva trattata come una persona alla pari nonostante fosse una donna ed ecco che lei stava iniziando a trattarlo come se fosse qualcuno che doveva seguirla senza fare domande. Luke iniziò a girarle attorno per potersene andare.

“Per favore, Luca. Per favore resta. Per favore?" Lei guardò i suoi occhi attraverso quelli pieni di lacrime e poté vedere che aveva ancora un po' di strada da fare perché lui non era ancora convinto. “Ora so cosa sto diventando e per questo mi dispiace davvero, tesoro. Non fa bene a nessuno se divento proprio le persone che abbiamo cacciato dal potere perché il potere di governare appartiene davvero a tutte le persone. Dipende da loro chi governa su di loro e quali leggi sono abilitate. Se però quelli al potere diventano troppo potenti, anche se è solo nella loro mente, diventeranno rapidamente tiranni e distruggeranno tutto; anche se credono di fare del bene. Per favore, Luke, perdonami perché ho dimenticato contro cosa abbiamo dovuto combattere. Un’altra cosa che so è che non potrò andare avanti se dovessi perderti. Sei davvero insostituibile nel mio cuore”. Detto questo chinò di nuovo la testa e singhiozzò liberamente. Le lacrime le scorrevano lungo le guance e lasciavano strisce sul trucco, ma non le importava. Poi sentì una grande mano callosa accarezzarle delicatamente la guancia e alzò lo sguardo. Luke era in ginocchio davanti a lei in modo da poterla guardare dritto negli occhi. Riusciva a malapena a vederlo perché i suoi occhi erano così pieni di lacrime. Delicatamente, molto gentilmente, lui le tirò la testa in avanti e lei rispose. Le loro labbra si incontrarono e Marion poteva giurare che il suo cuore le sarebbe scoppiato perché ora sapeva che ce l'avrebbero fatta e alla fine questo era tutto ciò che contava per lei.

CAPITOLO LVIII

Luke la sollevò delicatamente dal pavimento e si assicurò che i suoi piedi fossero sotto di lei prima di lasciarla andare. Mentre lui la prendeva in braccio, lei abbassò la testa perché si vergognava così tanto di quello che aveva quasi fatto. Luke le mise delicatamente le dita sotto il mento per sollevarle la testa. Mentre lei alzava la testa per affrontarlo, lui fece scivolare la mano lungo la sua mascella e si fermò solo quando le sue dita furono sepolte tra i suoi capelli. Automaticamente e senza pensarci, Marion si alzò in punta di piedi mentre Luke si chinò. Quello che seguì fu uno dei baci più appassionati che avessero mai sperimentato. Marion si sentiva come se i suoi polmoni fossero stati svuotati dell'aria ma non aveva fretta di respirare perché respirare avrebbe significato mettere in pausa questo bacio e quella era l'ultima cosa che aveva in mente. La sua lingua si fece strada nella bocca di Luke e cominciò a lottare con la sua per lo spazio. All'improvviso a Marion sembrò che la stanza fosse in fiamme. Mentre le sue mani cominciavano a vagare per il corpo di Luke, qualcuno bussò alla porta. "Dannazione" pensò

"Si, cos'è?" Ha chiamato.

"Sono Gabriel, caro, è ora del tuo ingresso."

"Fanculo!" dissero insieme Luke e Marion.

"Va bene, ma faresti meglio a entrare perché avrò bisogno di aiuto per diventare presentabile in fretta." Quando Gabriel vide Marion, lei corse al suo fianco.

“Marion, cosa è successo?!?! Che cazzo ti ha fatto quel bastardo?" Marion lanciò una rapida occhiata a suo marito dicendogli di stare zitto e che se ne sarebbe occupata lei. Luke alzò le spalle e andò a vestirsi.

“Non c'è niente che non va, Gabriele. È solo che ho dimenticato chi sono e per cosa abbiamo lottato per tutto questo tempo. Fortunatamente, Luke si è preso il tempo di ricordarmelo prima di partire."

"Allora è lui?" A questo punto Luke si schiarì la gola dalla porta. Aveva in mano la lettera che aveva scritto. Non disse nulla ma strappò la lettera in due e la gettò nel camino. Marion e Gabriel si sorrisero perché entrambi amavano Luke, ma Gabriel sapeva che avrebbe dovuto scusarsi per il suo comportamento. Si vergognava di pensare di aver trattato Luke peggio di Marion. Entrò dove Luke si stava vestendo e fu accolta dalla vista di Luke che si tirava su i pantaloni sopra il culo muscoloso. La figa di Gabriel rispose come faceva di solito quando vedeva Luke senza vestiti, ma questa volta disse fermamente alla sua figa di stare zitta perché aveva affari importanti di cui occuparsi.

"Luca?" squittì

"SÌ?"

"Vorrei scusarmi..." Questo fu tutto ciò che riuscì a ottenere.

"Fermare. Non scusarti mai perché è un segno di debolezza.

"Ma..." Luke si voltò e la guardò. Lei deglutì a fatica e annuì. Marion nel frattempo era andata in bagno per sistemarsi il trucco.

"Gabriel" chiamò "Puoi aiutarmi con questo così possiamo andare?"

"In arrivo."

Quando le ragazze si furono sistemate, anche Luke era pronto a partire. Faceva una figura assolutamente affascinante nella sua uniforme con le sue medaglie sul petto e la spada lucidatissima che impugnava dal fianco. Pantaloni bianchi lucidi, scarpe nere lucide, giacca blu brillante con bottoni di ottone lucido e finiture rosse, un cappello bianco con un bordo nero lucido e guanti bianchi completavano l'uniforme. Per il momento, da quando era dentro, aveva il cappello nell'incavo del braccio sinistro. Invece delle sue familiari insegne con aquila, globo e ancora, Marion aveva posizionato un leone impennato sulle zampe posteriori. Doveva ammettere che aveva buon gusto. Quando Luke vide le donne uscire dal bagno, dimenticò come respirare. Quando si sono sistemati il ​​trucco, i capelli e gli abiti, le donne erano mozzafiato. Potevano quasi sentire gli occhi di Luke tracciare ognuna delle loro curve e godevano moltissimo quella sensazione. Apprezzarono ancora di più l'espressione sbalordita sul suo volto. Luke fu improvvisamente felice di non essere un personaggio dei cartoni animati perché la sua mascella avrebbe sbattuto sul pavimento e la sua lingua si sarebbe srotolata. Si avvicinarono a lui e Marion gli chiese:

"Generale?"

Luke si ricorda all'improvviso dov'era e chi era. Si mise il cappello in testa e offrì il braccio alle due donne, che prontamente presero. Camminarono così fino alla sala grande e arrivarono con solo un paio di minuti di ritardo. Mentre entravano furono annunciati:

“MARION OF YORK, GENERALE LUKE MACDOUGALL, COLONAL GABRIEL”

Tutti nella sala si bloccarono e guardarono il trio. Luke poté vedere che un certo numero di uomini arrossì leggermente e girarono i fianchi per guardare in un'altra direzione mentre Gabriel e Marion notarono che le guance delle donne erano diventate un po' più rosse. Così entrarono tutti e tre, ognuno stupendo a modo suo. Una volta entrati, è iniziata la musica e Gabriel è andato a prendere da bere. Luke e Marion si guardarono e senza dire una parola iniziarono a ballare. Marion ebbe una sorpresa incredibile dopo che il primo ballo finì perché Alice si avvicinò indossando il vestito verde che Marion aveva realizzato per lei. Marion guardò Luke e notò che i suoi occhi erano completamente dilatati perché Alice era più che sbalordita. Il suo vestito verde compensava perfettamente i suoi capelli rosso fuoco, gli occhi verde smeraldo e la pelle bianca come la neve. Un altro motivo per cui gli occhi di Luke erano dilatati era che Alice gli ricordava qualcuno del suo passato, qualcuno che aveva amato completamente, qualcuno di cui non aveva parlato a nessuno. Marion l'ha abbracciata un po', solo per salutarla. Dopotutto Alice aveva deciso di presentarsi perché il suo fidanzato aveva degli affari inaspettati di cui doveva sbrigare e tutti i suoi pazienti erano in buona forma in ospedale. Luke le fece un profondo inchino e Marion ridacchiò. I tre parlarono per un po' finché Gabriel non tornò con da bere per tutti. Aveva visto Alice avvicinarsi quindi aveva preso da bere anche per Alice. Tutte le signore bevvero vino, mentre Luke bevve il whisky che il suo alambicco stava preparando. Normalmente veniva distillato ulteriormente per usi medici, ma Marion si era divertita abbastanza per la festa quella sera.

La festa si è rivelata davvero divertente per tutti i presenti. Il cibo, le bevande e la musica erano eccellenti. Luke ha ballato principalmente con Marion, ma ha ballato alcune canzoni veloci e lente con Gabriel e anche un paio con Pollyanna e Alice. Quando Luke era fuori a ballare con Pollyanna e Alice; Marion e Gabriel hanno ballato alcune canzoni insieme. Hanno anche ballato alcuni con Matt. Quando la festa finì era l'una del mattino successivo. Tutti erano felici ma stanchi. Luke, Marion e Gabriel scortarono Pollyanna e Matt nelle loro stanze dove Marion e Gabriel abbracciarono sia Pollyanna che Matt. Luke diede a Matt una decisa stretta di mano e baciò la mano di Pollyanna con sua grande gioia. Poi si separarono e i tre tornarono nelle proprie stanze.

Quando arrivarono, Luke si fermò, poi all'improvviso prese in braccio Marion e la portò dentro mentre lei rideva per tutto il percorso. Gabriel sorrise calorosamente nel vedere le sue due persone preferite tornare ad andare d'accordo. Luke portò Marion fino al loro letto. Non aveva bisogno di fermarsi per accendere nessuna delle lampade perché dalle finestre entrava abbastanza luce lunare da illuminare quanto bastava la camera da letto. La adagiò delicatamente sul letto e Marion gli sorrise. Lanciò il cappello attraverso la stanza e Marion iniziò a lavorare sui bottoni della giacca di Luke. Mentre lei gli sistemava i bottoni, lui la baciava dolcemente, non solo sulle labbra ma anche sul collo. Mentre Marion toglieva la giacca di Luke, Luke trovò il nodo che teneva sollevata la sua cavezza e lo slegò. Delicatamente, molto delicatamente, le sue mani ruvide scivolano sotto il vestito di Marion e lo spingono lentamente verso il basso mentre Marion continua a spogliare Luke. A questo punto, era diventata un'esperta nello slacciare le cinture da uomo e aveva rapidamente esplorato con le mani l'interno dei suoi pantaloni. Mentre le sue mani trovavano il cazzo di Luke, la trovava il seno. Ha usato un tocco leggero che ha causato il flusso di elettricità nel corpo di Marion. Il suo livello di eccitazione iniziò a salire alle stelle e iniziò a strofinare più velocemente Luke. Luke spostò la bocca giù dal collo di Marion e soffiava delicatamente attraverso entrambi i suoi capezzoli facendoli oscillare duramente. Mentre Luke soffiava attraverso i suoi capezzoli, Marion iniziò a gemere ad alta voce e i suoi fianchi iniziarono a sollevarsi da soli; Le sue mani erano ora avvolte attorno alla testa di Luke con le dita che si seppellivano tra i capelli per tenere le labbra dove si trovavano. Cominciò a leccare e baciarle il seno teneramente e questo stava davvero guidando Marion. Certo, ha aiutato il fatto che Luke stesse ancora lentamente spingendo il vestito di Marion e ormai era giù fino alla vita. Ha quindi smesso di spingere il vestito e ha iniziato a correre le dita sullo stomaco di Marion così leggermente che non riusciva quasi a sentirli. Ormai la sua figa sembrava che avesse un fiume che lo stava esaurendo e si stava strofinando le gambe solo per cercare di ottenere un po 'di sollievo. Luke lo raggiunse e si spostò in modo che potesse tenere le gambe ancora. Ciò ha costretto l'elettricità che Marion sentiva di accumularsi per questo ora non aveva fuga. Non riusciva proprio a credere a quanto fossero intensi i suoi sentimenti al momento e Luke non aveva ancora raggiunto il suo delicato fiore; Diavolo, non era nemmeno vicino ad esso. Ha iniziato ad avere mini-orgasmi che stavano colpendo il suo corpo così in fretta che non era sicura che fossero più orgasmi o solo uno di lunga durata. Luke aveva rallentato quanto basta per il cervello di Marion per riprendere il controllo temporaneo del suo corpo in modo da poter togliere il resto dei vestiti di Luke. Mentre lanciava l'ultimo dei suoi vestiti, spinse Luke sulla schiena. Avrebbe cogliere l'occasione per mostrare a Luke quanto lo amava.

Ha iniziato agitando un po 'i fianchi in modo che il suo vestito cadesse. Poi era giunto il momento per lei di iniziare a mordicchiarsi e baciare il corpo cesellato di Luke per con tutte le sue campagne che ora aveva un corpo che avrebbe reso invidioso un Dio greco. Mentre Marion stava baciando il suo corpo, Luke stava facendo delicatamente una delle mani attraverso i capelli dorati di Marion perché amava la sensazione dei suoi capelli setosi che scivolavano tra le dita. Marion si fece strada lungo il corpo di Luke assicurandosi di controllare ogni parte di esso. La prese un po 'ma alla fine raggiunse il suo cazzo duro. Si baciò intorno alla base e poi si baciò su per l'albero. Adorava il modo in cui la pelle fosse così morbida ma il suo cazzo nel suo insieme era così difficile. Le sue vene non erano ancora spuntate, ma Marion stava appena iniziando. Si baciò intorno al suo casco prima di baciare la punta. Ciò ha causato il salto all'improvviso del cazzo di Luke. Marion poteva assaggiare il precum e si sentiva come se stesse rubando il cibo degli dei perché amava così tanto il gusto. Poi ha portato l'intero cazzo di Luke in bocca con sua grande sorpresa con delicatamente le spinse in gola. Questo era qualcosa che si stava esercitando segretamente con la sua cintura in modo che potesse prendere tutto il suo cazzo senza imbavagliarsi. Mentre stava bobbando su e giù sull'albero di Luke, fu a malapena in grado di raccogliere Marion e far oscillare la figa, sopra la sua bocca, che attaccò ferocemente. Gestò la sua lingua ruvida sul clitoride facendola sussultare. Ha lavorato su e giù per la fessura assicurandosi di mandare la lingua che correva nella sua vagina e tra le sue labbra gonfie. Mentre Marion gemette con il cazzo di Luke in bocca, le vibrazioni mandarono Luke sempre più in alto. Cominciò a spingersi nella gola di Marion e lei sentì ancora il suo cazzo diventare più forte. Con la lingua riusciva a sentire che le vene si aprivano sul suo albero e sapeva che non sarebbe passato molto tempo. Luke sapeva che si stava avvicinando, quindi si alzò e succhiava il clitoride di Marion tra i denti. Ha reagito esattamente come si aspettava esplodendo su tutta la faccia di Luke. Questo era più di quanto Luke potesse prendere e ha fatto esplodere la gola di Marion. Dopo un paio di colpi, spostò leggermente la testa e prese il resto del suo sperma in bocca. Lo spostò avanti e indietro attraverso la lingua prima di inghiottirlo. A questo punto entrambi i loro corpi erano coperti da una lucentezza di sudore che faceva brillare i loro corpi nella luce della luna. Marion si è lentamente girata e si è riposata per un po 'sul petto forte di Luke mentre ascoltava ritmicamente il battito del cuore di Luke e i suoi polmoni si espandono e si contraggono lentamente. Poteva a malapena tenere gli occhi aperti mentre alzava lo sguardo sul viso di Luke e lui la guardò con gli occhi pieni di amore. Marion sperava che avrebbe avuto quell'aspetto bruciato per sempre nella sua memoria. Luke spostò la testa verso Marion e lei ebbe il punto di salire per baciarlo appassionatamente. Ascoltando l'altra donna nel castello, sapeva quanto fosse dannatamente fortunata. La maggior parte degli altri uomini è durata a malapena abbastanza a lungo da bagnare a malapena la loro donna e di solito venivano lasciati in alto e asciutto. Nel frattempo Marion era sempre soddisfatto e Luke si è sempre assicurata che avrebbe ottenuto almeno un orgasmo per gioco e che era in una brutta giornata.

Mentre Marion giaceva lì, le sue mani iniziarono a muoversi di nuovo. Hanno trovato il cazzo di Luke e in pochi minuti ha avuto di nuovo Luke Rock. Marion a cavallo di Luke prima che potesse fare una protesta che non avrebbe comunque fatto. Mentre si muoveva, Marion afferrò il cazzo di Luke e lo guidava nel suo parcheggio. Mentre Marion sentiva la punta scivolare dentro, si sedette e si impalava lentamente. Millimetro di millimetro sentì il suo cazzo scivolare più in profondità dentro di lei fino a quando non sentì la rete di capelli di Luke contro il suo tumulo liscio. Lentamente si alzò fino a quando tutto ciò che era dentro di lei era la sua punta. Lo ha ripetuto per quasi quindici minuti. L'obiettivo non era di venire, era mostrare il loro amore reciproco per tutto il tempo che i suoi occhi non lasciavano mai i suoi. Le gambe di Marion alla fine hanno iniziato a stancarsi, quindi Luke ha rotolato su metterlo in cima. Quindi iniziò lentamente a spingerle verso di lei. Quando i suoi pube hanno colpito il tumulo di Marion, ha spinto un angolo diverso e questo lo ha spinto ancora più a fondo. Quando lo fece, riuscì a sentire la sua punta a baciare la sua cervice e lei non ne aveva mai abbastanza. Marion iniziò a rotolare i fianchi cercando di assicurarsi che il cazzo di Luke colpisse ogni parte della sua figa stretta. Mentre lavoravano l'uno contro l'altro, hanno lentamente raccolto la velocità. Poi è successo, Luke è scivolato fuori e alla sua prossima spinta, il suo cazzo ha contattato il buco increspato di Marion. Entrambi si congelarono per un momento prima che Marion mettesse le mani sul culo di Luke per tirarlo dentro. Per darle un angolo migliore, prese i piedi di Marion e li metteva sulle spalle. Questo l'ha davvero aperta ai suoi assalti. Luke impiegò un po 'di spinta, ma fu in grado di portare il suo cazzo nel culo super stretto di Marion. Si sentiva come se fosse strappata a pezzi ma sarebbe morta prima ancora che pensasse di dire a Luke di smettere. La sensazione del suo cazzo che le entrava nel culo la mandò a nuove altezze e questi furono resi ancora più alti quando Luke usò le sue agili dita per lanciare e strofinare il pulsante. Marion ha perso tutta la capacità di funzionare mentre si avvicinava a un enorme orgasmo. Quando Luke usò l'altra mano per strofinare i suoi capezzoli, Marion non poteva più prenderlo. Urlò la cima dei polmoni e si spruzzò dappertutto mentre tremava violentemente. Luke si sentiva come se il culo stretto di Marion avrebbe tagliato il suo cazzo, perché quando iniziò a urlare, Luke sentì il culo ancora più stretto. Ha fatto un'ultima potente spinta e mentre ringhiò e vide stelle nei suoi occhi, mandò un diluvio di sperma caldo in profondità nelle viscere di Marion.

Lentamente Luke si tirò fuori dal suo culo e mentre faceva, un fiume bianco finì; Ma nessuno dei due importava un po '. Luke crollò accanto a lei e notò che Marion era svenuta. Gli tirò il corpo e svenne se stesso prima ancora che potesse metterlo su di loro. Qualche tempo dopo, Gabriel passò mentre doveva andare in bagno, aveva dormito su un allenatore in una delle altre stanze. Sollevò la copertura su entrambi e li baciò sulla fronte.

CAPITOLO LIX

La mattina dopo sia Luke che Marion erano doloranti dalle loro estese sexcape; In effetti, Marion riusciva a malapena a camminare e i muscoli di Luke erano doloranti come se non fossero da anni. Quindi, non ha aiutato qualsiasi cosa quando Gabriel è scoppiato in camera da letto fresca come una margherita. Il suo cinguettio ha avuto gemiti e gemiti da Marion e Luke.

"Dovrebbe essere illegale per chiunque essere così allegro al mattino" ha lamentato Marion.

"I secondo quel movimento" colpiva Luke. Gabriel cerca mai la possibilità di divertirsi; Saltò alla finestra e gettò le tende. Luke gemette nella sua miseria mentre afferrava una copertura e la disegnava sopra la testa di Marion. Era già tardi la mattina ed era una giornata luminosa.

"Oh, voi due vi siete solo lamentate perché vi state entrambi invecchiando!" Disse Gabriel guadagnando un altro gemito da Luke e Marion le lanciò un cuscino in più. Gabriel poi andò in bagno e iniziò l'acqua calda per la loro vasca. Pensava che l'acqua calda avrebbe aiutato a far risaltare Marion e Luke. Luke per uno mancava davvero il caffè in questo momento. Quando era un marine, avrebbe quasi bevuto il caffè esclusivamente e mentre aveva rallentato drasticamente come civile, gli piaceva ancora avere una tazza o due una volta ogni tanto. Ora sentiva che avrebbe fatto qualsiasi cosa per una tazza, anche una tazza schifosa.

Gabriel venne dal bagno e quasi gettò Marion e Luke dal letto. Lei marciava entrambi nel bagno dove scivolano nell'acqua calda con gemiti di piacere. Quando Gabriel stava costringendo Marion in bagno, non aveva perso il fatto che il culo di Marion avesse asciugato i fiumi di sperma ne uscivano. Ora Gabriel sapeva perché Marion si era mosso così lento questa mattina e perché lei e Luke erano stati così rumorosi la sera prima. Quindi ora era tempo di aggiungere un insulto alla lesione. Gabriel ha spazzato via il culo di Marion, lasciando un chiaro segno rosso e ottenendo uno yip molto forte da Marion. Gabriel ha quindi avvolto le braccia attorno al bellissimo corpo di Marion:

"Cosa c'è che non va tesoro? Perché il tuo culo è così dolorante? " Chiese con la sua innocente voce scolaretta.

"Immagino che tu sappia già perché il mio culo è dolorante. Lo dirò però, non è sicuramente l'ultima volta che lo facciamo. Voglio dire, non vorrei avere il culo scopato dal mostro di Luke ogni giorno, ma una volta ogni tanto sarebbe molto carino. " Marion dichiarò mentre scivolava sotto l'acqua.

Luke e Marion rimasero e immersi fino a quando l'acqua non era fredda. L'acqua calda aveva fatto miracoli sui loro muscoli doloranti e ora era tempo di iniziare la giornata. Luke è sceso al suo seminario per continuare a lavorare un orologio accurato. Aveva già fatto alcuni che potevano mantenere il tempo entro cinque minuti al giorno, ma non era abbastanza vicino per lui. Stava cercando un cronografo in modo che quando Marion ottenne una marina, potevano operare in modo efficace in mare per mesi alla volta. Inoltre, consentirebbe ai treni che stavano rallentando di ottenere più disponibili per operare in modo molto più efficiente. Gli è piaciuto molto ingegneria e lo ha aiutato a rilassarsi. Ha lavorato per alcune ore prima di andare a trovare il pranzo e poi era tempo per la sua attività preferita; Era tempo di giocare con sua figlia per alcune ore.

Mackenzie stava crescendo rapidamente e stava iniziando a cercare di strisciare. Luke adorava solo sua figlia e Marion adorava lo sguardo sul suo viso quando suonavano insieme. Lo adorava perché era al suo assoluto più felice quando suonava con la figlia. Avrebbe dato le sue cavalcate di cavalli per la stanza e la solleticava e una volta che fosse stanca, le leggeva mentre si addormentava. Questo è ciò che Luke mancava veramente mentre era via per campagne, gli mancava guardare sua figlia crescere e leggere da lei. Quando Marion raccontava all'altra donna del castello di Luke, semplicemente non le credevano. Non è stato fino a quando non sono stati in grado di sbirciare dove Luke stava giocando con Mackenzie un pomeriggio che le altre donne hanno iniziato a credere a Marion.

Anche Marion aveva guardato con cura Luke. Si scaldò il cuore vedere il suo marito grande e forte essere così amorevole e gentile con la loro figlia. Dopo un po ', ha dovuto allontanarsi perché stava piangendo tranquillamente, era così imbarazzante con i bambini. Naturalmente, sapeva perché era così imbarazzante per i bambini. Quando era cresciuta, non c'erano molti altri bambini nel castello e suo padre la ignorava la maggior parte del tempo. È stata cresciuta da una linea infinita di tutor e governanti. Molte governanti sono anche raddoppiate come puttane di suo padre di notte. Non c'era da meravigliarsi che Cecilia fosse cresciuta così incasinata. La stessa Marion era stata debole e anche incasinata fino a quando non ha incontrato Luke.

Spostato da una certa forza, Marion andò a trovare Pollyanna per vedere come stavano arrivando le vendite dei suoi libri. Marion sapeva che le vendite stavano lentamente raccogliendo mentre più persone imparavano a leggere e scrivere. La Bibbia stampata da Pollyanna era il best seller, soprattutto perché era stampata in inglese e non in latino. Non sorprende che il più grande mercato per alcuni dei libri più tecnici sia stata la piccola comunità ebraica. Era stata una rotta da battaglia per farli essere più aperti e per il suo popolo accettarlo. Aiutò il fatto che Luke fosse potente quanto lui e che lo rendesse cristallino a tutti che non avrebbe tollerato alcuna discriminazione di alcun tipo da nessuno. Anche Marion avendo un certo numero di ebrei del tribunale ha aiutato alcuni, soprattutto una volta che Marion li aveva incaricati di aiutare a insegnare al resto della popolazione come leggere e scrivere.

Il business dei libri di Pollyanna stava iniziando ad espandersi e alcuni dei libri più tecnici di Luke erano ora più richiesti. Ovviamente, la chiesa ha etichettato questi libri come eresia e un tempo questo avrebbe spaventato Marion, ma ora ha riso della chiesa e si è assicurata che la chiesa sapesse tutto dei suoi sentimenti di loro. Questi libri dopo tutto avevano iniziato a fare la differenza nella vita delle persone ordinarie, per le informazioni che contenevano: aiutarono gli agricoltori a ottenere rese migliori dai loro campi, aiutarono i fabbri a rendere un acciaio migliore, aiutarono le persone a imparare a leggere e forse più importanti di Tutti, avevano insegnato alla medicina di Alice e all'ingegneria di Pollyanna. Da quando Marion aveva visitato una delle imprese di Pollyanna, la sua prossima fermata era quella di visitare una delle Alice.

Inizialmente, Alice aveva rifiutato di fare soldi con le sue medicine o le sue capacità mediche, ma col passare del tempo, Alice notò che molte persone che inizialmente erano interessate alla medicina avevano smesso una volta che avevano appreso della convinzione di Alice che il denaro non doveva essere fatto dalla sofferenza degli altri. Un giorno ne parlava con Luke perché non riusciva a capire perché più persone non volessero seguirla nella sua nobile ricerca.

“Alice; Ti dirò perché più persone non vogliono imparare la medicina, ma prima devo avvertirti che il motivo ti farà incazzare senza fini, ma se segui il mio consiglio, l'interesse per praticare la medicina riprenderà. "

"Bene, dimmi" sbuffò.

"Le persone non vogliono imparare la medicina perché in questo momento ti rifiuti di fare soldi. Ciò mantiene battiti i costi, che si trasferisci giustamente al consumatore, ma affinché le persone possano interessare una carriera, in particolare una così complicata come la medicina, devono essere in grado di fare soldi. Avevamo un certo numero di paesi con programmi di medicina socializzata da cui provenivo e la stragrande maggioranza di questi era sopraffatta perché nessuno voleva fare prodotti o servizi per loro. Negli Stati Uniti non avevamo la medicina socializzata e di solito se ti stavi ammalando si poteva entrare per vedere un medico, ma un certo numero di persone sarebbe fallito a causa del modo in cui il sistema era gestito. Altri paesi erano molto peggiori in quanto potresti dover aspettare per sei mesi per fare i test e sai bene che in medicina, la velocità è essenziale. Ricorda questo Alice, il capitalismo è il singolo sistema economico più potente mai sviluppato dall'uomo. Perchè lo chiedi? Bene il capitalismo sfrutta appieno l'emozione umana di base dell'avidità e delle sfumature che per migliorare la vita di innumerevoli persone lungo la strada. Ci saranno poveri, ovviamente, perché per una buona percentuale di persone, il capitalismo li avvita per qualsiasi motivo. Forse sono pigri o inaffidabili, forse la loro fortuna è terribile o qualcosa del genere. Ma per la stragrande maggioranza delle persone; Il capitalismo, fintanto che è controllato e guidato correttamente è una cosa molto buona. Permette alle persone di lavorare per le loro capacità e possono ottenere qualsiasi lavoro si adatta meglio a loro. Se vogliono più soldi; Possono quindi avanzare in modo che loro e le loro famiglie possano vivere più comodamente. Nessun altro sistema economico lo offre. Il socialismo e il comunismo prendono entrambi dalle persone che lavorano e hanno successo in qualcosa e lo danno alle persone che non hanno fatto nulla per guadagnarlo. Tutto ciò che fa è che qualsiasi politico stupido che abbia preso i soldi in primo luogo in primo luogo più popolare tra le masse, ma porterà rapidamente al disastro perché le persone di talento e ambiziose non produrranno più di quanto devono, per prendersi cura di se stesse. E questo sta anche supponendo che rimangono. In poco tempo nessuno sta producendo nulla e tutti, tranne le poche persone chiave del governo che sostengono il sovrano, sono al di là della sporcizia povera. Il governo ovviamente cercherà di passare la colpa a qualcun altro, ma alla fine, il socialismo si rivela sempre un disastro per tutti. Il comunismo è ancora peggio e porta sempre ad omicidi di massa perché i governi comunisti non sopportano le persone che mettono in discussione ciò che stanno facendo minimamente. Questo è il motivo per cui il capitalismo regolato è il modo migliore per andare. Tutto il governo deve fare, è garantire che il campo di gioco rimanga il più possibile e consentire al denaro privato di determinare ciò che viene fatto e a quale prezzo viene venduto. In questo modo la stragrande maggioranza delle persone vedrà i benefici. "

Alice sentendo questo volava in una rabbia e Luke si sedette lì silenziosamente mentre lei suonava. Quando finalmente si era calmata Luke le diede il suo aspetto più difficile.

“Vai a pensare a tutto ciò che ho detto. Pensa a Hard Alice. In un paio di giorni torna indietro e vediamo se pensi che puoi trovare qualcosa di meglio. "

Alice si precipitò di nuovo nelle sue camere e si chiuse dentro. Poteva essere ascoltata a tutte le ore del giorno discutere con se stessa per ore e ore. Shell andò avanti, ma mentre andava, il suo atteggiamento iniziò a cambiare lentamente mentre analizzava tutto ciò che sapeva sulla natura umana e su ciò che Luke aveva detto. Ha analizzato ogni parola che aveva detto e ogni scarto di conoscenza dal suo computer. Ha interrogato Pollyanna, Marion, Gabriel, Matt, Markus e chiunque altro potesse trovare. Alla fine ha dovuto ammettere che Luke era stata corretta come al solito e che era la ragione per cui pochissime persone volevano essere in medicina. Alla fine andò di nuovo a trovare Luke. Questa volta gli ha chiesto di aiutarla a creare un'attività medica di successo. Speriamo che così più persone sarebbero interessate all'apprendimento della medicina e ciò consentirebbe ad Alice di trasformare la medicina in qualcosa che tutti potrebbero ottenere.

Era stato mesi fa e ora Alice aveva un fiorente impero medico. Avrebbe usato la maggior parte dei profitti per aiutare a formare più personali o per operazioni di sensibilizzazione. Ha deviato abbastanza in modo che lei e Markus potessero avere uno stile di vita comodo. Ora l'interesse delle persone per la medicina stava iniziando a raccogliere e le persone ambiziose stavano cercando modi per fare soldi dalla ricerca di cure migliori per fare strumenti migliori. Alice dovette ammettere che Luke era stato corretto, ma come al solito rifiutò le scuse dicendo:

"Ehi, non lo sapevi. Alice sei spinto ad essere il miglior medico che puoi essere e questa è una cosa molto pura e nobile da parte tua, ma devi ricordare che la stragrande maggioranza delle persone non ha la tua spinta o le tue opportunità, dopo tutto Ti ha scelto per essere una delle mie puttane, quindi non avresti mai saputo dei tuoi talenti medici. Ricorda sempre che puoi sognare un mondo migliore tutto ciò che vuoi, ma la realtà non frega niente dei tuoi sogni o delle tue idee. Devi essere disposto ad adattare i tuoi sogni alla realtà perché la realtà non si piega ai tuoi sogni ".

Alice aveva quindi giurato che avrebbe aiutato quante più persone possibile a vedere e raggiungere il loro potenziale medico. Non appena i suoi affari erano decollati, ha fondato una scuola per insegnare agli altri la medicina. I suoi affari e la sua scuola ora fiorevano e ancora una volta Marion ha ringraziato in silenzio Dio per aver portato Luke nel suo mondo e soprattutto per averlo portato da lei.

CAPITOLO LX

Il mese successivo è andato molto allo stesso modo. Luke rimase a York e mandò i subordinati per affrontare i nobili ribelli. Marion si sarebbe scopata nel culo una volta alla settimana o giù di lì. Si è vendetta a Gabriel verso la fine di luglio quando Luke ha scopato il culo per la prima volta. Era stata una notte infernale. Gabriel aveva urlato così forte che Marion doveva prendere le manicotte auricolari in modo che le sue orecchie non squillassero. Luke fece scivolare il suo cazzo dentro e fuori dal culo di Gabriel mentre aveva due dita che le battevano la figa. Dato che Marion e Luke avevano fatto l'anale circa una volta alla settimana per un paio di settimane, Luke stava costruendo ancora più resistenza, quindi non è stato spazzato via dopo il culo di Gabriel come se fosse stato da Marion, quindi era piuttosto chipper la mattina successiva rimbalzava dalle pareti. Gabriel tuttavia era così dolorante che non riusciva nemmeno a alzarsi dal letto. Ogni muscolo sembrava pesava mille chili. Marion ha fissato questo quando ha afferrato la coperta in cui Gabriel era stata avvolta e tirata fuori dal letto e sul pavimento. Luke aveva aperto le tende e la luce del sole aveva colpito Gabriel Square in faccia. Questo il suo gemito e lei gemette di più quando Marion disse che avrebbero cavalcato per guardare le manovre dell'esercito oggi. Luke sapeva che questa era una bugia ma si stava godendo troppo la vendetta di Marion per correggerla. In realtà erano in programma per domani, ma Luke sapeva che Gabriel non lo sapeva. Le truppe non lo sapevano nemmeno per questo sarebbe un trapano per un'invasione a sorpresa. Marion voleva assicurarsi che l'esercito potesse rispondere rapidamente e Luke sapeva perché. La storica invasione norrena stava arrivando e Marion voleva assicurarsi che non entrassero a York. Dato che era ancora all'inizio della giornata, l'acqua non si era ancora riscaldata, quindi era ancora un po 'freddo quando Marion scaricò un gabriel dolorante nella vasca e iniziò a strofinarla. Mentre Marion la stava strofinando, fece scivolare un dito nella figa di Gabriel e il corpo di Gabriel reagiva automaticamente al dito di Marion e i suoi fianchi iniziarono a spingere nella mano di Marion. Marion quindi usò il pollice sulla stessa mano per strofinare il clitoride di Gabriel e Gabriel iniziò a gemere piano per Gabriel si stava davvero godendo il tocco di Marion. Quello che non riuscì a capire era che Marion aveva fatto scivolare l'altra mano dietro di lei. Mentre Gabriel ci stava davvero entrando, Marion fece scivolare un paio di dita sul culo di Gabriel. Gli occhi di Gabriel si sono spuntati fuori dalla testa quando sentì dove si trovavano le mani di Marion. Gabriel cercò di protestare, ma le parole morirono in gola quando Marion si chinò e la baciò. Le loro lingue iniziarono a lottare e Gabriel stava andando sempre più in alto mentre i suoi fianchi si spingevano indietro e combattevano mentre lei si scopava sulle dita di Marion. Mentre Marion stava mandando Gabriel nella stratosfera, Luke si appoggiava al telaio della porta, godendosi lo spettacolo e rallentando accarezzando il suo cazzo. Presto accarezzò in tempo con la spinta di Gabriel e presto entrambi si avvicinarono. Marion aveva sentito Luke, poi lo guardò e si strizzò l'occhio. Controllò la spinta di Gabriel e iniziò a prenderla in giro. Lo ha fatto in parte per dare a Gabriel un orgasmo più esplosivo e in parte fare lo stesso per Luke. Dopo quasi dieci minuti, Gabriel stava avendo problemi a tenere la testa sopra l'acqua e le dita di Marion stavano iniziando a far male, quindi diede a Gabriel alcuni buoni film e la fece sfrecciare oltre il bordo. Anche questo ha fatto andare Luke e ha sparato a carichi di sperma su tutto il pavimento mentre Gabriel urlava nella parte superiore dei suoi polmoni. L'unica ragione per cui non è annegata era che Marion la stava trattenendo in questo momento. Luke scivola lentamente lungo il telaio della porta fino a quando non era seduto sul pavimento. Alla fine Gabriel fu in grado di aprire gli occhi e si alzò lentamente dalla vasca con l'aiuto di Marion, ovviamente. Luke si era ripreso a questo punto e aveva lavato il suo cazzo in modo da poter vestirsi per la giornata. Gabriel fu incazzato quando Luke le disse che le manovre non stavano accadendo quel giorno e trascorse il resto della giornata fingendo di essere arrabbiati con Marion, ma entrambi lo sapevano meglio.

Verso la fine di agosto, Marion ottenne il rapporto dell'intelligence che si aspettava. Il re Hardrada della Norvegia era in movimento con il fratello Tostig di Harold Godwinson. Marion era determinato che questo non sarebbe stato una ripetizione dell'invasione nel mondo di Luke, se le forze di York fossero state sconfitte e evitavano per poco la cattura. Ha mandato la sua flotta molto piccola in mare. Non combattere ma osservare e riferire. Luke non voleva spendere molti soldi nella Marina a questo punto era che avevano ancora più che sufficienti nemici sulla terra da affrontare. Gli scout di Marion hanno visto i norvegesi ogni passo e finora, stavano giocando direttamente allo storico ***********. Quando l'esercito norvegese sbarcò a Riccall, Marion fu inviata per un anello da un nuovo rapporto di intelligence. L'esercito norvegese aveva avuto una sospensione di armi da fuoco e sebbene non fossero così avanzate come quella di Marion, le fece una pausa. Quando Luke ha letto il rapporto, ha detto che sembrava che avessero moschetti Flintlock. Spiegò che senza esaminarli non sapeva se fossero lisci o rigati. Se fossero ridotti, avrebbero una vera battaglia tra loro mentre se fossero liscio, fintanto che mantenevano il nemico a lungo termine, dovrebbero essere ok. Il grande vantaggio di Marion era che le sue forze sapessero come usare le loro armi mentre Luke dubitava che il nemico lo facesse, ma non lo sai mai.

Era il 19 settembre 1066, il giorno prima della battaglia. Tutto era pronto e i comandanti di Marion conoscevano l'intera composizione delle forze nemiche e avevano ottime mappe del terreno tra gli eserciti. Sapevano per cosa avrebbero combattuto e potevano vedere gli incendi nemici a Riccall. Quella sera Marion andò a trovare Luke per assicurarsi che non avessero trascurato nulla. Ci è voluto un po 'per trovarlo. Non era che si nascondesse, era solo che non lo faceva da quasi un anno. Alla fine lo trovò seduto su un tronco, guardando il sole della sera. Sapeva cosa significava, stava pensando alla sua ex famiglia e al suo tempo.

"Luke" disse piano. Rispose senza guardarla.

“Stiamo facendo bene Marion? Sarebbe meglio lasciare che l'Inghilterra si sviluppi lungo le sue linee storiche o dovremmo fermarlo proprio qui e mandare il mondo su un nuovo percorso? "

Quando si voltò a guardarla, era scioccata per Luke era ovviamente estremamente preoccupata.

"Quella domanda non era retorica Marion, stiamo facendo una cazzo serio?"

“Bene, hai letto i rapporti. La storia si è già spostata per i norvegesi avevano armi da fuoco che nella tua storia non si è presentata fino al 1700. Pensi che l'esercito di Harold potrebbe battere i norvegesi questa volta poiché non ha armi da fuoco?

"No, l'esercito di Harold non avrebbe una possibilità."

"Allora pensi che varrebbe la pena sottoporre la gente di questo paese agli orrori dell'occupazione straniera? Dopo aver visto in prima persona i risultati di ciò. "

“Grazie, Marion. Questo in realtà aiuta molto. "

"Non è tutto ciò che stavi pensando, vero?"

"No, non lo era. Perché sono anche qui? Voglio dire, ogni volta nella mia vita in cui le cose stanno davvero andando a modo mio, qualcosa che accade e tutto ciò che ho tenuto caro è stato strappato da me. L'ultima cosa che voglio fare è perderti anche Marion. Tu, Gabriel, Pollyanna, Matt, Alice, Mackenzie; Non sarei in grado di vivere con me stesso se fosse successo qualcosa a nessuno di voi. E se venissi rimandati da dove vengo da qualunque cosa mi portasse qui in primo luogo? Le persone continueranno con ciò per cui abbiamo lavorato o caderanno come erano le cose prima? Che ne dici di dopo tutto questo; La gente ricorderà i miei avvertimenti ed eviterà le più grandi insidie ​​nel prossimo millennio o la gente dimenticherà come ha sempre fatto e ripetessero gli stessi errori della mia storia? Schiavitù, guerre, carestia, cambiamento climatico artificiali; Gli umani impareranno abbastanza e ricorderanno abbastanza da me per evitare tutta quella merda o peggioreranno tutte quell

Storie simili

Il mondo nascosto del mondo magico, libro:1 ch:2 torna al bagno

La storia è scritta dal mio amico ed io, attualmente stiamo cercando di fare un lavoro migliore di correzione di bozze, ma stiamo ancora cercando qualcuno che ci aiuti. I prossimi 2 capitoli dopo questo avranno più personaggi della serie, sentiti libero di suggerire eventuali relazioni o feticci che vorresti vedere. Torna al bagno Hermione si è seduta a lezione di pozioni a cui mancano ancora le mutandine, qualcuno le ha prese dalla biblioteca. La lezione è iniziata e Harry le ha chiesto se stava bene. “Sì, sto bene solo un po' scosso. “ È successo qualcosa? No, solo che ho...

3.7K I più visti

Likes 0

Far sborrare nostra figlia

Far sborrare nostra figlia Storia #100 …..sono Lynn, ho gli stessi impulsi di mia madre. La mamma (Dee Dee), il fratello Ken e io abbiamo tutti questa cosa e ci piace sentirci bene. L'abbiamo chiamato scherzosamente Feel-itis. Questo ci ha portato tutti a fare sesso l'uno con l'altro. …..Ora ho avuto una figlia Vicky. Ho deciso di non sentire Vicky crescere in modo che potesse svilupparsi a modo suo. Il suo compleanno oggi significava che adesso era maggiorenne. È stato difficile combattere l'impulso che avevo di sentire il suo corpo. Aveva già un corpo caldo. Belle tette, fianchi, gambe e un...

3.1K I più visti

Likes 0

Cambiare la realtà (parte 3)

Ciao ragazzi e ragazze! È Chase. Sai, la persona di cui parla questa storia. So cosa stai pensando – Questo non può essere vero. Bene, ti assicuro che lo è assolutamente. Non posso provartelo, a meno che non ci incontriamo un giorno e anche allora, dovrei raccontarti tutto da capo. È qualcosa che non è molto probabile che farò poiché qualsiasi esposizione di chi e cosa sono potrebbe portare alla mia cattura da parte di qualcuno che desidera trasformarmi in una specie di cavia. Non so voi, ma non sono molto entusiasta di essere rinchiuso per il resto dell'eternità e di...

1.8K I più visti

Likes 0

Andando avanti - Capitolo 3

Andare avanti capitolo 3 Il tempo sembrava congelato. L'espressione di shock e orrore sul viso di Evelyn era giustapposta ai resti bagnati del mio sperma sulle sue guance e sul suo mento. Il mio cazzo è caduto dalla mia mano e la mia testa sembrava muoversi attraverso la melassa mentre si girava lentamente verso l'ingresso del bagno. Sembra che voi due abbiate combinato un sacco di cose, disse il signor Clark con nonchalance con un leggero sorriso, guardandosi intorno al bagno come se cercasse altri membri del nostro piccolo gruppo. Mi chiedevo dove fossi scomparso per così tanto tempo. Seguì un...

1.2K I più visti

Likes 0

Il mio amore giapponese parte 9

My Japanese Love Part 9: I guai di Alicia Nei giorni che seguirono cominciai a immaginare come sarebbe stato mio figlio. È bello sapere che in tutto il caos che è successo nella mia vita ne è venuto fuori qualcosa di buono. Akira ed io siamo follemente innamorati e stiamo per avere un bambino. Abbiamo detto ai suoi genitori che erano estremamente felici per noi, tuttavia mentre le nostre vite sono cambiate in bene, Alicia è cambiata in male. Mentre sto facendo dei lavori in giardino, noto Alicia che mette un cartello di vendita di garage. Normalmente mi dice quando ne...

1K I più visti

Likes 0

La storia di Laura (per le donne)

La storia di Laura Il mio nome è Laura. Lavoro in questo studio legale da 6 mesi ormai. Sono un impiegato di base, rispondo al telefono e lavoro d'ufficio leggero. È un lavoro facile, dato che vado al college 2 sere a settimana. La mia migliore amica di lavoro è Lissette, è una donna portoricana sposata più anziana di circa 40 anni. È così divertente parlare con lei. È così selvaggia e adora parlare di sesso! Penso che lei pensi che io sia troppo innocente dato che vengo da una famiglia molto religiosa. A volte mi chiedo se abbia deciso di...

856 I più visti

Likes 0

Guardare e fare

GUARDARE E FARE John sentiva di aver fatto un ottimo affare. Quando si è trasferito in questo condominio, ha incontrato e parlato con il proprietario e ha convinto quell'uomo a lasciarlo svolgere il ruolo di custode/custode/amministratore residente, facendo tutto ciò di cui l'edificio aveva bisogno per $ 200 al mese di sconto sull'affitto più le spese. Normalmente ciò richiedeva solo poche ore al mese dal suo tempo libero, e se avesse dovuto lavorare durante quel giorno in un giorno feriale, il suo programma come tecnico di laboratorio presso un'azienda farmaceutica avrebbe potuto essere modificato - la maggior parte delle cose potrebbero...

404 I più visti

Likes 0

Tim, l'adolescente parte XV

Nota: ——NON sono l'autore! Ci sono diversi autori in realtà, non sono così sicuro che qualcuno di loro sia il creatore, ma so che non sono io. Sto semplicemente condividendo questa bella storia con tutti voi perché non l'ho vista qui. Ora in origine dovevano essere tutte 9 parti, ma... Qualcuno ha detto che la prima era troppo lunga, quindi ho deciso di dividerle tutte in post più piccoli. Ho pensato di provare un aspetto e una struttura della frase diversi per questo capitolo, per favore fatemi sapere come vi piace. BUON APPETITO--- Tim, l'adolescente parte quindici di: Rass Senip +++...

2.6K I più visti

Likes 2

Il negozio d'angolo seconda parte

La prima parte è qui: sexstories.com/story/82788/ Controllò l'orologio, sarebbe arrivata presto. Era circa una settimana dopo, ero nel suo negozio, la mamma mi aveva mandato a prendere il cibo di cui avevamo bisogno per il fine settimana. Dopo aver chiamato tutto nella cassa e aver messo tutti gli oggetti in tre grandi sacchetti di plastica. Lui mi disse: Mi devi ancora un sacco di soldi, dovrai andare nella stanza sul retro oggi Scioccato, balbettai. No. Per favore, signor Hassan, non voglio farlo Mi afferra il braccio, dicendomi; Non hai altra scelta ragazza, pensi che tutto il cibo e i soldi siano...

2.4K I più visti

Likes 0

Confessione a papà_(2)

Ho qualcosa da dirti papà, ma non posso semplicemente dirlo, devo dirti altre cose con esso, ok? Ma ci arriverò, lo prometto. La casa era tranquilla. Eri al lavoro da diverse ore e io avevo già finito le mie faccende. La nostra camera era pulita, i piatti riposti, il bucato piegato... e mi annoiavo. Ero sdraiato sul divano pensando a te ed ero così eccitato che, anche se so che non mi è permesso, ho iniziato a toccarmi. Volevo il cazzo di papà ma non saresti a casa per ore! Ho iniziato lentamente, strofinandomi il clitoride con una mano e prendendomi...

3K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.