Una ragazza impara la lezione

768Report
Una ragazza impara la lezione

Tornando faticosamente verso le stalle, Katy si chiese se questo lavoro valesse davvero tutti gli sforzi. Aveva fatto una lunga passeggiata e ora stava iniziando a piovere. Si sarebbe bagnata nell'ultimo miglio. Ha tirato il guinzaglio del cane e ha iniziato a correre verso la fattoria e il rifugio. Da sei settimane lavorava al maneggio e le vacanze estive erano quasi finite. Questo è stato l'inizio della sua ultima settimana. Il lavoro non era molto ben pagato, ma poi la signora Johnson, la proprietaria della scuola di equitazione, permise a Katy di stallare il proprio cavallo lì gratuitamente e fu in grado di cavalcare ogni giorno dopo che i suoi lavori erano stati completati. Quando aveva accettato il lavoro, aveva pensato che sarebbe consistita principalmente nella cura dei cavalli. Si era rivelata, tuttavia, una specie di ragazza di lavoro occasionale, che faceva tutte le cose che nessun altro desiderava fare. Il compito di quel giorno era stato quello di portare il Retriever della signora Johnson a fare una lunga passeggiata. Non era la sua idea di divertimento, ma era quasi a casa e non vedeva l'ora di riscaldarsi e asciugarsi.
Quando raggiunse il fienile alla fine del viottolo della fattoria, la pioggia cadeva a rotoli. Katy decise di ripararsi nel fienile per un po', almeno finché non si fosse calmato. Dentro sarebbe stato caldo e lei avrebbe avuto la possibilità di asciugarsi un po'. La ragazza è entrata nel vecchio edificio, trascinandosi dietro il grosso cane. Era abbastanza deserto e lei si sedette tra il fieno caldo e secco dopo aver agganciato il guinzaglio del cane a un palo. Cercando qualcosa su cui asciugarsi, trovò una vecchia coperta drappeggiata su una ringhiera. Era vecchio e piuttosto logoro, ma sembrava abbastanza pulito. Si asciugò i corti capelli biondi e poi si voltò verso il cane. Se dovevano stare qui per un po', allora era meglio che si asciugasse anche lui. Katy iniziò a strofinare energicamente sul pelo giallo dorato. L'animale sembrava divertirsi e si eccitava, abbaiando e leccandole il viso. Una volta completato il suo compito, Katy si sistemò tra la paglia in attesa che passasse il temporale estivo.
Mentre giaceva lì, notò che il cane era ancora più eccitato di quanto avesse pensato all'inizio, anzi molto eccitato. Lì, tra le zampe posteriori, c'era una brillante proiezione rosa. Katy sapeva abbastanza per indovinare che doveva essere il pene del cane. Fissò affascinata. Non avere un cane tutto suo, era nuovo per lei e stranamente eccitante. Mentre giaceva lì a fissare il cane, iniziò a tendere il guinzaglio. Strinse forte la pelle mentre cercava di raggiungere Katy. Voltandosi, si sfilò il colletto e corse verso la ragazza. Prima che potesse muoversi, il cane era balzato su di lei e le aveva piantato le zampe sul petto, leccandole il viso bagnato. Katy cercò di alzarsi e spingerlo via e mentre lo faceva la sua mano sfiorò l'organo rosso lucido. Era caldo e umido al tatto. Il contatto turbò ancora di più il Retriever e iniziò a strofinarsi contro la sua mano. Tirando via velocemente la mano, Katy riuscì finalmente ad alzarsi in ginocchio ea spingerlo via. Accarezzò e accarezzò la testa del cane e riuscì a calmarlo ancora una volta. Dal suo nuovo punto di osservazione la ragazza fissò con rapita attenzione la cosa sotto la pancia del grosso cane.
Aveva sentito storie di altri peni, peni maschili, da alcune ragazze arrapate a scuola. Le storie che raccontavano, di cazzi e cazzi come li chiamavano rozzamente, avevano allo stesso tempo inorridito e affascinato Katy. Era sempre stata una ragazza timida, più a suo agio con il suo cavallo che con le persone della sua età. I ​​suoi genitori erano molto protettivi nei confronti della loro ragazza e tenevano d'occhio il tipo di amici che Katy aveva. Soprattutto i ragazzi erano disapprovati e quindi Katy non aveva mai avuto un fidanzato.
Questo lavoro è stato il suo primo vero assaggio di libertà. È stata una delle principali attrazioni e una che ha più che compensato il lavoro piuttosto noioso che si è trovata a dover svolgere. Le storie dell'altra ragazza, di strofinare le cose dei ragazzi e in un caso di succhiarne una in bocca, erano, allo stesso tempo, ripugnanti ed eccitanti. Katy osservò la cosa del cane, è pungente, sussulta sotto la pancia come se avesse una vita propria.
Con un impulso improvviso allungò una mano e accarezzò l'organo rosso nel punto in cui usciva dalla guaina pelosa. Faceva caldo e un po' appiccicoso. Mentre continuava a strofinare, si allungava. Una lunghezza crescente di carne rossa e spessa scivolò in avanti e pendeva sotto la morbida pelliccia dorata. Katy ci avvolse le dita attorno e iniziò a far scivolare la mano su e giù lungo la lunghezza come aveva sentito le altre ragazze descrivere di fare ai loro fidanzati. Il cane lo trovava ovviamente estremamente eccitante; il gallo sussultava e si contraeva nella sua mano. L'umidità trasudava dalla fessura all'estremità rendendole la mano scivolosa. Katy si staccò e si portò la mano appiccicosa al viso. Annusò e scoprì che l'odore era forte ma non sgradevole. La faceva sentire calda e pruriginosa tra le gambe proprio come quelle notti in cui non riusciva a dormire e si strofinava lì. Katy tirò fuori la lingua e leccò il liquido appiccicoso dal palmo. Il liquido appiccicoso non aveva un sapore che non avesse mai provato prima, muschiato e salato ma gradevole. Allungò una mano per accarezzare il pelo liscio della sua testa. L'altra mano, ancora bagnata dal succo del suo cazzo, sfregò distrattamente il davanti dei suoi pantaloni. Aveva una sensazione di calore e sentiva l'umidità nelle sue mutandine.
Il cane stava piagnucolando e chiaramente desiderava che lei tornasse al suo compito precedente. Invece, Katy lo rotolò sulla schiena e, afferrando di nuovo il suo cazzo ora completamente eretto, avvicinò il viso per guardarlo bene. Ora era di un rosso vivo, sfumato al rosa nel punto in cui emergeva dalla copertura pelosa. La consistenza non era liscia come aveva pensato all'inizio, essendo ricoperta di protuberanze e vene spesse. Il grosso organo stava ancora perdendo fluido dalla fessura all'estremità mentre lo strizzava e, ricordando il sapore sulla sua mano, tirò fuori la lingua e leccò la melma che scorreva lungo l'asta. Il grande calore sulla sua lingua fu una piacevole sorpresa e con solo un attimo di esitazione mise la bocca aperta sull'estremità e poi chiuse le labbra. Inginocchiata a quattro zampe sopra l'animale prostrato, iniziò a muovere la testa su e giù, il cazzo che scivolava scivolosamente tra le sue labbra e sulla sua lingua. Katy si allungò per massaggiarsi di nuovo il crescente prurito tra le sue gambe, completamente assorbita da questa nuova esperienza. Tale era la sua concentrazione sul suo nuovo gioco che non riuscì a sentire lo scricchiolio mentre la porta della stalla si apriva dietro di lei.
“Sporca puttana! Cosa pensi di star facendo?" La ragazza inorridita sollevò la bocca dal cazzo bagnato e si voltò per vedere la signora Johnson in piedi sulla soglia che conduceva il suo cavallo. Era chiaramente fuori a cavallo e doveva aver avuto la stessa idea di Katy di trovare un riparo.
"Mi-mi dispiace", balbettò Katy. “Non so cosa sia successo. Io... non ho mai fatto niente del genere prima d'ora." "Tu ragazza mia, sei una cagnolina sporcacciona." La signora Johnson si alzò e la fissò. La voce della donna sembrava indignata, ma Katy pensò di vedere un sorriso guizzare brevemente sul viso altezzoso. "I succhiatori di cani meritano davvero di essere puniti." Attaccò il cavallo a una ringhiera e si avvicinò al punto in cui Katy era ancora accucciata sul cane.
“Prima di tutto però, penso che faresti meglio a finirlo. La povera creatura deve essere in agonia». "Cosa intendi?" "Portalo via ragazza." "Portalo dove?" “Mio Dio, davvero non l'hai mai fatto prima, vero? Beh, continua da dove avevi interrotto. Fallo ora. Succhia il suo cazzo al cagnolino e guarda cosa succede", sorrise la donna.
"Che cosa hai intenzione di fare?" chiese la ragazza sbalordita.
“Beh, prima mi asciugherò e poi mi siederò qui e guarderò mentre succhi il mio cane mentre penso a una punizione adeguata per un piccolo bastardo arrapato. Ora vai avanti". L'eccitazione di Katy era svanita da tempo, ma vide che l'animale era ancora eretto e in attesa. Lo fece rotolare sulla schiena ancora una volta e tornò, ora con apprensione, alla sua stimolazione orale. Succhiava più lentamente ora e meno profondamente. Con la coda dell'occhio osservò mentre il suo capo tirava fuori un asciugamano dalla bisaccia e si asciugava i lunghi capelli neri. Dopo un paio di minuti sentì improvvisamente il cazzo scivoloso gonfiarsi nella sua mano e pochi istanti dopo la sua bocca si riempì di zampilli di liquido caldo. Ha imbavagliato momentaneamente e poi ha tirato via la bocca per sputare il liquido.
“Non osare ragazza mia! Ingoialo ora o te ne pentirai." Katy fece con riluttanza come le era stato detto, corrugando il viso per il disgusto mentre ingoiava il boccone. Il cazzo, ancora stretto nella sua piccola mano, continuava a sprizzare getti di sperma. Schizzò sulla maglietta di Katy, inzuppando il tessuto.
"Cosa è successo? Per favore, signora Johnson, cos'era tutta quella roba? Perché ho dovuto ingoiarlo?" chiese Katy piangendo.
“È venuto ragazza! Ha sparato il suo carico. Ti ha sputato in bocca". guardò la ragazza inginocchiata e singhiozzante. “Oh, andiamo, non è stato così male. Davvero non l'hai fatto prima, vero? Non sapevi davvero cosa sarebbe successo. Allora non hai masturbato un ragazzo?" Il termine era quello che Katy aveva sentito usare dalle ragazze ruvide a scuola. Era così che lo chiamavano quando strofinavano le cose dure del ragazzo.
“No, mai! Non ho fatto niente del genere. Non è carino." "Mmmm. Una vera vergine Bene, la tua punizione è decisa, tesoro. Resterai qui con me mentre ti insegno una lezione molto speciale. Pensa solo a cosa direbbe la gente se sentisse cosa stavi facendo qui con il mio povero cagnolino. "Per favore, non dirlo!" Katy scoppiò in lacrime. “Oh no. Mi dispiace tanto. Non lo farò mai più". “Non lo dirò a nessuno. Se... fai come ti dico. Sarai una brava ragazza ora e farai esattamente come ti dico. In caso contrario, dovrò licenziarti immediatamente e questo significherà non avere più stalle libere. E ovviamente tutti sentiranno che razza di cagna sporca è Katy". "Starò bene! Farò quello che vuoi. Tutti i lavori brutti e orribili.” “Oh no caro. Non voglio che lavori. Voglio solo che impari. E puoi iniziare togliendoti i vestiti". "Che cosa? Qui? Di fronte a te?" “Certo davanti a me. Voglio vedere cosa sto ottenendo. Fallo subito ragazza.» Katy iniziò a spogliarsi, il viso rosso per l'imbarazzo. Mentre lo faceva, la signora Johnson tirò fuori il cellulare e compose il numero.
"Stefano. Sono io. Sono stato sorpreso da un temporale, quindi mi sono rifugiato nel vecchio fienile lungo il sentiero della fattoria. Vieni a prendermi e portami il box per i cavalli. Oh sì, Katy è qui con me. Hmm? Sì, scommetto che lo faresti.. Bene, vedremo. Vieni qui. Giusto, a presto." Con ciò ha interrotto la connessione.
Katy si era tolta la giacca e gli stivali.
“Non fermarti qui ragazza. Non ho tutto il giorno. Togliti quella maglietta audace e disordinata e fammi vedere le tue tette". Katy arrossì ancora di più e abbassò la testa per la vergogna. Le sue dita armeggiarono con i bottoni della camicetta. Mentre se lo sfilava, la ragazza ha cercato di coprirsi con le mani.
“Mani via! Giù al tuo fianco e fammi vedere Molto bello. Niente reggiseno, ma poi non ne hai bisogno vero? Tettine così piccole ma capezzoli così grandi e duri. Sarà il freddo eh? Bene, togliti quei pantaloni e io vedrò di scaldarti un po'." La ragazza spaventata si slacciò i pantaloni attillati, facendoli scivolare giù e giù. Era in piedi davanti al suo capo indossando solo mutandine bianche e calzini. La donna più anziana si era slacciata la camicia e la sua mano era dentro. Katy poteva vedere la mano che si muoveva sotto il tessuto, accarezzando e stringendo.
“Continua allora. Vediamo se sei bionda in basso come sei in cima. Togliti quelle belle mutandine.» "Vuoi vedermi... laggiù?" "Laggiù!" rise la signora Johnson. “Sì Laggiù, il tuo fondoschiena anteriore. Come lo chiami di solito?" “Non lo chiamo niente. È scortese parlare di cose del genere". “Beh, ecco la prima lezione ragazza. È la tua fica; la tua fessura; il tuo twat; la tua figa. Che cos'è?" "È- è la mia figa, la signora Johnson." "Giusto. Adesso mostramelo. giù le mutande!" Esitante, Katy fece come le era stato detto. Adesso era in piedi davanti alla donna più anziana con indosso solo i calzini e ancora una volta cercò di nascondersi dietro le mani.
“Te l'avevo detto prima ragazza! Mani al tuo fianco. Molto bello. Sei davvero adorabile, vero? Che dolce fica bionda.» “Per favore, signora Johnson. Posso rimettermi i vestiti adesso. Ho davvero imparato la lezione". “Cristo n. Non hai ancora iniziato a imparare. E smettila di chiamarmi signora Johnson. Non sono il tuo fottuto insegnante di scuola. Mi chiamo Diana. Ma tu cara puoi chiamarmi padrona". "M-m-amante?" "Giusto. Ora ti ho visto strofinarti la fica mentre succhiavi quel grosso cazzo di cane. Ti freghi spesso?" "Facciami da solo?" “Gioca con la tua figa. Fingere la tua fica." “Lo tocco a volte quando vado a letto. Mi aiuta a rilassarmi se ho quella sensazione di prurito tra le gambe e non riesco a dormire". “Hai quella sensazione di prurito adesso? Io ho; Ho caldo da morire." Finì di sbottonarsi la camicia e l'aprì per rivelare un lucido reggiseno di raso rosso che tese per contenere i suoi grossi seni. "Vieni qui adesso. Voglio vedere quanto sei pruriginoso." Katy si mosse per mettersi accanto alla donna sdraiata, la testa china per la vergogna. Diana si allungò e afferrò la mano della ragazza. Tirandolo al seno lo tenne lì.
“Ora sono gustose come le tue piccole tette tesoro, allora queste sono vere tette. Non sono belli?" Tenne la mano sopra quella della ragazza, stringendola e costringendola a massaggiare i grossi seni sodi. L'altra mano scivolò lungo la gamba di Katy finché non prese a coppa la sua fica bionda dai capelli radi. Katy rimase a bocca aperta.
“Non farlo! Per favore, non è giusto." "Non giusto! È piuttosto ricco detto da una piccola troia che ha appena ingoiato lo sperma del mio cane. fece scorrere il palmo sui morbidi peli del pube di Katy. "Molto bello. Non ho avuto una figa tenera come questa con cui giocare da secoli. Il cane ti ha fatto bagnare, mi chiedo? Con ciò premette un dito tra le labbra della fica della ragazza e cercò la sua umidità. Ritirandolo di nuovo, si fermò ad ammirare il modo in cui luccicava nella luce soffusa del vecchio fienile prima di infilarselo in bocca.
“Mmmmm. Bello e appiccicoso. E dolce come solo una vergine può essere. Adesso vai laggiù e toglimi gli stivali. Veloce ora o potrei dover scaldare quel culetto morbido per te. " Prese il suo frustino e lo flette con le sue forti mani dalle lunghe dita. Katy si accucciò ai piedi del suo aguzzino e si tolse gli stivali neri. Il suo sedere nudo si protendeva verso l'alto e Diana strofinò sensualmente la pelle del suo raccolto sulla carne pallida.
“Nooo. Non la signora Johns... Padrona.» La ragazza contorta completò il suo compito e rimase prostrata ai piedi della donna.
"Va meglio. Ora slacciami i pantaloni e toglili». Mentre Katy si chinava per eseguire le sue istruzioni, la mano di Diana scivolò sotto la ragazza per accarezzare i piccoli seni. I capezzoli si drizzarono al suo tocco e lei ne pizzicò uno forte tra l'indice e il pollice.
"Oww! Ohhhhh." Il grido di dolore di Katy si smorzò in un gemito mentre la donna continuava a pizzicare il bocciolo che si induriva.
“Ti piace quella cara? Va bene piccola sgualdrina?" "Non lo so. Fa male ma è anche divertente. Perché stai facendo questo?" “Perché mi piace ragazza. E lo farai anche tu». Diede un'ultima torsione al capezzolo rigido mentre la ragazza si liberava i pantaloni. Diana ora era sdraiata solo con un reggiseno e mutandine abbinati. Katy rimase accucciata e intimidita ai suoi piedi.
“Bene, adesso ragazza. È qui che iniziano davvero le tue lezioni e il mio divertimento.” Mentre Katy guardava, la donna tirò da parte l'inguine umido delle sue mutandine rosse per rivelare la sua fica. La ragazza fu sorpresa di vedere una donna adulta senza peli tra le gambe. “Ti piace la mia figa rasata, vero? Dà una visione così bella e chiara. Guarda bene ora.” Allargò le labbra carnose con le dita, offrendo a Katy uno sguardo nella sua fica cremisi. Brillava con i suoi succhi.
"Avvicinati. Guarda bene la mia bella fessura. Ecco, mettiti tra le mie gambe». Katy si trascinava, nuda, tra le cosce della donna. L'equitazione l'aveva resa dura e muscolosa. Mentre si avvicinava, la donna mise le mani sulla nuca di Katy e spinse con forza la faccia sorpresa nel suo inguine. La ragazza ha lottato ma è rimasta saldamente trattenuta.
“C'è una brava ragazza. Ora è il momento della prossima lezione. Andiamo ragazza! Tira fuori la lingua e lecca la fica di Diana. Sbrigati ora. Non ho pazienza con le cattive ragazze". Si sporse in avanti sul corpo contorto di Katy e applicò un paio di schiaffi feroci a mani aperte sul sedere sporgente della ragazza. Il culo di Katy arrossì per le impronte delle mani forti di Diana. Gridò, ma il suono fu in gran parte attutito dalla fica bagnata che premeva forte contro la sua bocca.
“Ancora disobbedienza e ti porterò il raccolto. Ah sì. Va meglio. Ora leccami la fessura. Non ha un sapore migliore del cazzo di cane che avevi prima? Questo è il modo, spingi la tua lingua nel mio buco. OHHH! Bello. Sfreghi quella piccola manopola dura in alto quando ti freghi? Questo è il tuo clitoride. Ora voglio che succhi il mio. Esatto, succhialo tra le labbra. OHHH cazzo, sei una stronzetta naturale." Diana si contorse sotto la lingua calda e umida della ragazza. Il suo piacere era in parte dovuto alle sensazioni che Katy stava producendo nel suo sesso ora gocciolante e, ugualmente, nel farla piegare alla sua volontà.
“Quello che hai è un culetto molto gustoso, tesoro. Sembra così bello, rosa brillante come quello. Si allungò di nuovo e iniziò a sculacciare ancora una volta il piccolo sedere stretto.
“Ti piace, Katy? Ti piace farti scaldare il culo?" Katy è rimasta saldamente in posizione mentre è stata costretta a succhiare la fica calda per diversi minuti, la sua bocca spinta in avanti mentre il suo corpo si ritraeva dalla ritmica sculacciata di Diana.
“AHHH CAZZO! Con la mia guida potresti diventare una troia esperta in pochissimo tempo. Oh Cristo, fermati un momento”. Rilasciò la testa della ragazza e Katy sollevò il viso tra le cosce calde e bagnate. C'erano lacrime nei suoi occhi per la sculacciata che aveva ricevuto e lei rimase senza fiato. Diana la spinse in posizione inginocchiata. Alzando il raccolto, lo disegnò sui piccoli seni della ragazza. “Ti è piaciuto? So di averlo fatto. Bene Katy? Rispondetemi. Dì che ti è piaciuto leccarmi la fica." Ha preso un colpo alle tette tenere con il suo raccolto. "Dillo!" “OW! Mi è piaciuto. Mi piaceva leccare la tua... la tua fica Mistress Diana." “E ti è piaciuto farti curare il sedere? Dimmi!" "Fa male. Brucia davvero". “Ma rende anche la tua figa calda. Non è vero? Bene?" “Sembra divertente. È davvero bagnato e cola." “Impari velocemente Katy. Oh mio Dio, guarda il tuo faccino da troia. Il tutto ricoperto di crema”. Afferrando il viso della ragazza inginocchiata, Diana si sporse in avanti e leccò i suoi succhi dal viso di Katy. Spostandosi verso le labbra morbide spinse la lingua in profondità tra di loro e nella bocca oltre. Katy è rimasta scioccata e ha cercato di allontanarsi dall'inaspettata penetrazione, ma Diana ha persistito fino a quando Katy ha iniziato a rispondere a tono.
"Vedi? Te l'avevo detto." Diana finalmente ruppe il bacio. “Ho detto che ti avrei dato una lezione. Comincia a piacerti. Ora giù sul pavimento.. Sulla tua schiena piccola cagna arrapata. " Indicò il punto in cui la coperta era stata gettata a terra. Katy si sdraiò docilmente. Diana si tolse gli ultimi vestiti togliendosi le mutandine e liberando grossi seni duri dal reggiseno abbinato. Si mosse verso Katy, fermandosi un momento con i piedi ai lati della testa della ragazza e strofinando le dita sulle labbra della sua fica rasata. Abbassò lo sguardo su Katy mentre lo faceva, sorridendo ampiamente.
“È carino, non è ragazza? Ora continua da dove avevi interrotto. Vado ad assaporare la tua dolce fica." Detto questo, si inginocchiò, abbassando l'inguine sul viso di Katy. Sporgendosi in avanti sul corpo sotto di lei, aprì le gambe e portò la bocca sulla fresca fessura bionda. Katy gemette mentre la lingua della donna si spingeva tra i riccioli pallidi e iniziava a correre rapidamente avanti e indietro lungo le tenere labbra. Non aveva mai provato niente del genere e il piacere spingeva le sue stesse inibizioni nel retro della sua mente. Ha raddoppiato i suoi sforzi con la figa della sua nuova padrona. Più audace ora ha preso spunto da Diana e ha usato le dita per allargare le labbra bagnate della donna, consentendo un accesso più profondo. La lingua di Katy trovò la profondità del buco della sua padrona e lei lo seguì rapidamente con un dito sottile. Diana grugnì e sollevò la testa per un momento.
"Fanculo! Va bene Sei uno studente veloce. Presto ora, più dita, tutte. OHHH sì! Ora stringi il pugno!” Katy ha spinto forte. Tutta la sua piccola mano delicata scivola lentamente all'interno della fica di Diana, il suo ingresso è facilitato dal copioso flusso di lubrificazione che ora stava fuoriuscendo. Diana gemette profondamente e il suo respiro si fece corto e affannoso. Riportò la sua attenzione sulla fessura di Katy e spinse la lingua in profondità, fermandosi solo quando incontrò l'imene della ragazza. Fu il turno di Katy di gridare mentre veniva penetrata dalla lunga lingua che si contorceva. Sentì uno spasmo iniziare nel profondo di lei e pochi istanti dopo, con le dita di Diana che danzavano sul suo clitoride eretto, Katy raggiunse il suo primo vero climax. I suoi gemiti riempirono l'aria nel fienile un tempo silenzioso e tirò la mano appiccicosa dalla fica della donna. Quando Katy aprì la bocca per urlare il suo piacere, Diana premette forte la sua fica contro di essa. Anche lei iniziò a venire rumorosamente mentre posava il suo sesso a bocca aperta sul viso della ragazza. Raggiungendo il suo picco ha urlato ed ha eiaculato un denso flusso di crema nella bocca aperta di Katy.
“AHH! AHH S! Fottuta ragazza dell'inferno, non c'è niente come il sapore di una fica succosa. Non saresti d'accordo? OHHHH CRISTO! Ecco che arriva di nuovo". Continuò il suo tremante orgasmo, premendo per un po' la sua fica in streaming sulla bocca aperta di Katy prima di placarsi definitivamente. Alla fine rotolò giù e si inginocchiò accanto a lei, guardando il corpicino sazio.
“Beh, per la prima volta non è stato affatto male, ragazza. Di certo ho avuto di peggio. Anche a te è piaciuto, vero? Non è vero Katy?" pizzicò i capezzoli di una delle ragazze ora completamente eretti, con forza.
"Ahia! Sì-sì." balbettò la scuderia sbalordita. “Non ho mai sentito niente del genere prima. Ma posso andare adesso? Ho imparato la mia lezione." “No, non puoi andare. Non hai imparato tutte le lezioni che posso insegnarti. Non da molto. Resterai qui.
Sai, per essere una vergine sei stata davvero una troia molto sporca oggi, vero? Finora hai succhiato un cane, ti sei fatto sculacciare bene il culo, ti sei fatto succhiare la fica e hai fottuto una donna fino a farla schizzare. Tutto ciò di cui hai veramente bisogno ora è un bel cazzo grosso." Katy la guardò con orrore.
“Beh, prima o poi devi iniziare, ragazza. Questa dovrebbe essere la tua punizione per essere una cagna cagna. Sei stata una sporca puttana. Vieni ora, alzati e vieni con me». si alzò e tirò Katy in piedi. Prendendo per mano la ragazza Diana condusse qui dove il cavallo attendeva pazientemente.
«Ora trascina un paio di quelle balle di fieno. Spingili insieme. Questo è il modo." Katy obbedì, completamente in soggezione ora della donna che aveva, così rapidamente, preso il controllo della sua vita.
“Accanto a me adesso. È una brava ragazza.» Diana era accovacciata accanto al suo cavallo. "Se ti è piaciuto il cazzo del cane, aspetta di vedere questo." Si allungò sotto la pancia dello stallone e afferrò la guaina del suo cazzo con entrambe le mani. Cominciò a massaggiare la lunghezza lentamente e con fermezza e, mentre lo faceva, una grande asta scura scivolò in avanti. Si estendeva, mentre Diana aumentava il ritmo della sua manipolazione, fino a rimanere appeso quasi a terra.
“Non è semplicemente fantastico? Dio, ma vorrei che tutti i cazzi fossero così grandi.." "Fa davvero paura! Dovresti stare attento, potrebbe non piacergli e un cavallo può davvero farti del male”. "Ragazza stupida. Non è la prima volta che lo faccio. Io e lui siamo vecchi amici, non è vero ragazzo?" Katy guardò in soggezione mentre Diana afferrava ancora una volta il grosso cazzo con entrambe le mani e riprendeva la masturbazione del cavallo. Sollevò l'ampia testa svasata e iniziò a strofinarla sulle sue tette e sui suoi capezzoli. Intrappolandolo tra i suoi grossi seni, emise un gemito.
“Ohhh sì! È così caldo. Adora una bella spagnola. Guarda ragazza, sta già perdendo precum. Amo lo sperma sulle mie tette. Avvicinati ora e prova un assaggio." Katy era stata, fino ad ora, una partecipante riluttante ai giochi di Diana, ma man mano che la sua eccitazione aumentava, le sue inibizioni erano diminuite. Si sentiva come se fosse guidata non dal suo vecchio sé ma da una nuova Katy. Una ragazza le cui compulsioni non provenivano dalla sua testa ma dalla sua fica appena risvegliata. La vecchia Katy, la ragazza che si era rifugiata nel fienile non molto tempo prima, non si sarebbe avvicinata alla donna nuda che era inginocchiata porgendole il seno lucente.
“Questo è il modo in cui Katy. Ora spalancati». Diana premette il capezzolo coperto di sperma nella bocca della ragazza. "Sì, succhialo forte, mia adorabile sborra." Katy allattava avidamente al picco rigido assaporando il gusto dei primi rivoli di sperma di cavallo. Diana ha alimentato i morbidi capelli biondi di Katy. Questa, ora lo sapeva, stava cominciando a divertirsi. Tirò fuori la tetta dalla bocca che succhiava avidamente e fu felice di vedere l'espressione di delusione sul viso di Katy.
"Se ti piace così tanto il gusto, tesoro, vieni a prenderne un po' alla fonte." sollevò l'enorme cazzo davanti alla faccia di Katy. Fili di precum pendevano dalla testa. “Leccalo per lui. Lui lo ama." La ragazza si protese in avanti, la lingua tesa. Leccò la punta del grosso cazzo, succhiò le corde appiccicose. Gemette di piacere mentre Diana le accarezzava le tette piccole.
"È molto buono. Stai imparando bene. Gustoso non è vero? Ora vai oltre le balle e allarga le gambe. Dai, mostrami quella dolce fica. Allargalo con le dita”. Katy non esitò più quando Diana le diede un ordine. Si è sdraiata sulle balle con la figa mostrata in modo osceno. Tuttavia si congelò quando Diana condusse il cavallo verso di lei.
"Oh no! Per favore no! Non puoi mettere quella cosa in me!” “Non essere così sciocco. Non potresti assolutamente prendere un cazzo di queste dimensioni. È una stretta anche per me. Voglio solo guardarti mentre giochi con la tua figa mentre te lo succhio. Quindi, se sei una brava ragazza, potrei farti fare una doccia di sperma. Ora toccati per me. Fammi vedere come ti sditalinare la figa." All'inizio, nervosamente, le dita di Katy iniziarono a strofinare le sue labbra succose. Osservò Diana che avvicinava il cavallo e poi si inginocchiava per portarle la testa del cazzo alla bocca. Katy aveva solo leccato l'estremità ma Diana spalancò le labbra e avvolse la grande testa. La mascella di Diana era tesa al limite dall'enorme punta bulbosa del cazzo e Katy la fissò con stupore e anticipazione. Il piacere di Diana era evidente nei profondi gemiti che provenivano dalla sua gola mentre si rimpinzava di carne di gallo. Poi, quando il cazzo del cavallo iniziò a sussultare tra le mani di Diana, lei allontanò la bocca e puntò la grossa lunghezza direttamente verso Katy. Ancora un paio di colpi e l'uccello le balzò tra le dita e cominciò a sparare getto dopo getto di sperma caldo e appiccicoso. Il fluido schizzò sul corpo di Katy coprendola dalla testa ai piedi. Quando la sborra le arriva alla fica, spinge i fianchi verso l'alto e allarga le gambe più che può. Il fiume di sperma scorreva sulla sua fica esposta e le scorreva sul sedere.
“OHH! Diana! È così caldo. Mi sta scendendo in fondo". La ragazza usò le mani per strofinare lo sperma del cavallo sulla sua carne morbida e liscia mentre il torrente rallentava fino a diventare un rivolo.
“Oh cazzo, che spettacolo. Una troia ricoperta di sborra se mai ne ho vista una." disse Diana. "Devo averne un po'." Condusse via il cavallo e tornò per chinarsi sul corpo disteso di Katy. Ha iniziato a pulire con cura tutte le tracce dello sperma del cavallo dalla ragazza. La sua lingua leccò e tastò e succhiò le grandi pozze di sperma che trovava in ogni cavità. Katy osservò attentamente mentre la sua padrona si avvicinava alla sua fica e iniziava a leccarla anche per pulirla. fu sorpresa e delusa quando Diana si fermò improvvisamente..
Guardando in basso trovò la donna che guardava in alto e al di là di lei.
Girando la testa vide il signor Johnson in piedi sulla soglia.
“Stefano, eccoti. Pensavo che non saresti mai arrivato qui. Vieni ora, ho un lavoro per te. Ho beccato Katy qui a succhiare il cane e ho dato una piccola istruzione correttiva. Le ho insegnato una lezione. In effetti le ho insegnate parecchie. L'unica cosa che ci manca è un cazzo di dimensioni adeguate. Ora ne abbiamo uno, no? Non stare lì solo uomo con quell'erezione nei pantaloni. Renditi utile, verme. Tira fuori il cazzo e vieni qui». Chiaramente a Diana piaceva essere responsabile di suo marito così come delle ragazze. Senza parlare, il signor Johnson si è aperto la cerniera della patta e ha rilasciato il suo cazzo eretto. Katy lo fissò mentre le girava intorno per raggiungere sua moglie. Sebbene chiaramente non fosse massiccio come il gallo del cavallo, sembrava ancora spaventosamente grande per la ragazza.
Katy cercò di alzarsi ma invece Diana si mosse rapidamente per girarla. Ora giaceva a faccia in giù sulle balle, la fica esposta sotto il culo rosso ben sculacciato. Diana si mosse per mettersi a cavalcioni su di lei, sedendole sulla schiena di fronte a suo marito.
"Ora non essere una stronzetta così sciocca." disse severa da sopra la spalla. “Lo adorerai una volta entrato. È un po' un fifone, ma ha un cazzo ragionevole. Ho avuto alcune ragazze che hanno lavorato per me nel corso degli anni e mi piace sempre che Stephen apra le loro fighe per me. È come me in qualche modo, ama una fica stretta. Ne abbiamo avuti alcuni ai nostri tempi, ma ti assicuro cara che il tuo è il migliore che abbia mai avuto. Ora rilassati e preparati per la tua scopata". Katy non riusciva a vedere cosa stava succedendo, ma sentiva le dita di Diana sulla sua fica e allargare le labbra. La testa del cazzo di Stephen Johnson strofinò contro il suo clitoride prima di fermarsi contro le sue labbra della figa.
“Per favore, signora Johnson! Fallo smettere. Per favore Diana, farò tutto quello che vuoi." “Ma questo è quello che voglio ragazza. Voglio vedere la tua piccola figa aperta e riempita con il cazzo di mio marito. Voglio che riempia di sperma la tua dolce fica." Diana afferrò il grosso cazzo di suo marito e lo strofinò lungo le labbra della fica di Katy. Era molto bagnata; una combinazione della leccata che aveva ricevuto di recente e le ultime stringhe di sperma di cavallo che indugiavano intorno al suo buco. La ragazza poteva sentire la testa del cazzo del signor Johnson fermarsi contro l'ingresso della sua figa.
"Ora Katy, inizierà a spingerlo dentro." La ragazza si accorse di una pressione crescente esercitata sul suo buco e poi la testa iniziò a scivolare in avanti, allungando le labbra.
“OW! SMETTILA! Fa male a Diana. Per favore?" Katy iniziò a singhiozzare mentre la sua fessura si apriva lentamente.
"Silenzio ora. Ci siamo quasi tesoro. È circa a metà strada. Si sente bene ora, vero? Sembra meraviglioso. Le tue piccole labbra rosa della figa sono tese attorno all'asta. Solo un'ultima spinta e lui sarà subito dentro. Lascia che ti dia un piccolo cazzo per alleviare il dolore. " Katy poteva sentire la testa del cazzo dentro di lei, ma quando le abili dita di Diana arrivarono sotto di lei e giocherellarono con il suo clitoride, iniziò a rilassarsi e la sua resistenza si indebolì.
“Ohhh. Lo sento proprio dentro di me ora. Gioca di più con me Diana. Lo voglio nel profondo di me. Toccami la figa e poi faglielo spingere dentro con forza. Lo voglio adesso. Davvero." Diana si sporse in avanti e mise la lingua per lavorare sul buco del culo stretto della ragazza. Poi, quando il respiro di Katy accelerò, alzò di nuovo la testa.
“Ora Stefano! Fallo ora. Scopala per me." With one last thrust Katy’s cunt opened completely and she took the whole length of the prick. She cried out briefly and then let out a low moan.
“AHH! Oh si. Make him do it Diana. Make him push it in hard.” “You heard my little slut man. Give her a good shafting.” Stephen paused only a moment before beginning to pump his cock into Katy’s newly opened quim. Diana climbed off her perch, happy that the young stable hand wasn’t going anywhere. She knelt beside Katy and kissed the girl deeply, pushing her tongue into her new plaything’s mouth as her breath began to quicken.
“This is just so fucking horny girl. It makes me so wet to see a cute thing like you getting screwed. You must tell him what to do. He’s pathetic really, but he gets off when women talk dirty to him. Tell him Katy. Show him all the nice new words that I’ve taught you today.
“Yesss. Fuck me harder Mr. Johnson. Push your big prick up my little pussy. Put your spunk up me. Squirt it in my cunt. I want your thick hot cum filling my twat to over flowing. AHHHH! AHH DIANA! I’m going to come!” “I do love a dirty mouthed slut! That’s right, push back to meet him. Fill her with cum Stephen.” As Katy reached her climax, Diana pressed one of her swollen nipples between the girl’s lips. Moments later the pussy was filled with a stream of spunk. The hot fluid flooded her depths and leaked back around Mr. Johnson’s prick. He halted and left his cock in place until it softened and slid out.
“Thank you Stephen. Questo è tutto. Put that away now. Take the horse out to the box and wait in the car. Silent still, he moved quickly away.. His place was taken by Diana who buried her face in Katy’s pussy. She lapped the spunk that ran from the newly opened cunt. Katy pushed back to meet the probing tongue.
“Oh that was lovely Diana.” sighed the girl. “Can we do it again?” The woman raised her head, her face glistening with fluids from Katy’s well used cunt.
“I think we might do lots of things dear. In fact I already have a super idea for tomorrow. You have been such a good pupil and learned your lessons well. There is someone I want you to meet, someone who needs a little extra tuition herself. But for now Katy darling, I think you ought to go home.”

Storie simili

Escursionismo

Mia sorella ed io amavamo la vita all'aria aperta e passavamo sempre del tempo fuori. Abbiamo trascorso molto tempo a programmare un viaggio per fare escursioni nella foresta e accamparci per qualche notte. Ci siamo preparati per molti giorni e abbiamo preparato tutte le nostre cose. Siamo partiti la mattina presto e abbiamo camminato per gran parte della giornata, quindi ci siamo fermati e abbiamo pranzato. Dopo aver acceso un fuoco e aver pranzato, siamo ripartiti. Verso le 5 ci siamo fermati per la notte. Sono andato a caccia mentre mia sorella ha allestito il campo. Ho sparato ad alcuni scoiattoli...

616 I più visti

Likes 0

Ho reso la ragazza popolare la mia schiava del dolore 3

Mi sveglio lentamente con una strana sensazione, qualcuno nel mio letto con me. Ricordo la scorsa notte con Taylor tutte le cose che avevamo fatto, i piaceri che ci eravamo fatti provare ma soprattutto ricordo quello sguardo nei suoi occhi e il modo in cui mi aveva detto che pensava di innamorarsi di me solo prima che si addormentasse avvolta tra le mie braccia. Sento che il mio cazzo è duro e preme contro il suo culo, si muove e allarga le gambe dandomi un facile accesso alla sua figa. Rimango lì per un momento cercando di capire se sta dormendo...

259 I più visti

Likes 0

Bobby e Jonnie erano innamorati

Aveva diciassette anni e ancora non era mai stata baciata, tranne quando ha incontrato Bobby. Aveva anche lui diciassette anni e, sebbene fosse stato baciato più volte dalle signore, non era mai arrivato in seconda base, tanto meno in terza oa casa. Ma erano innamorati, amore da cucciolo comunque, e per loro sarebbe durato per sempre. Bobby e Jonnie erano ragazzi in una scuola superiore del Midwest nel bel mezzo della campagna, quindi sapevano cosa fosse il sesso. Ma quando si è trattato di viverlo davvero, nessuno dei due aveva la più pallida idea da dove cominciare. Erano stati insieme dalla...

625 I più visti

Likes 0

Ufficiale superiore

Ensign, è meglio che ci sia un'ottima ragione per essere qui Il guardiamarina Philips non aveva una buona ragione per essere nella sala degli ufficiali, sentiva il cuore crollare sui suoi stivali da combattimento Girati quando ti parlo Guardiamarina Il guardiamarina Philips si voltò lentamente, con le spalle leggermente cascanti per la sconfitta, quando vide chi lo affrontava, dimenticò completamente le vere ragioni per essere qui, infatti praticamente si dimenticò di tutto Allora Guardiamarina, che diavolo ci fai qui nella Sala Ufficiali? Il capitano Jean Harigan, l'unica donna ufficiale sulla nave e non solo è l'unica donna ufficiale sulla nave, è...

340 I più visti

Likes 0

Come un buon vicino - 2

Nelle due settimane successive Linda venne a trovarmi un paio di volte per parlare e di solito per aiutarsi con il mio grosso cazzo da 7 pollici. Ho preso dei lettini più robusti per il mio mazzo perché si stavano allenando più di me che leggevo e mi rilassavo. Vedere Il corpo sexy di Linda che passeggiava dal suo cortile ora mi faceva sempre tremare il cazzo in attesa, poiché sapevo che probabilmente sarebbe stato presto seppellito nella sua figa stretta.Questo poteva accadere indipendentemente dal fatto che suo marito Jeff fosse a casa o meno, anche se di solito quando era...

271 I più visti

Likes 0

Tim, l'adolescente parte XV

Nota: ——NON sono l'autore! Ci sono diversi autori in realtà, non sono così sicuro che qualcuno di loro sia il creatore, ma so che non sono io. Sto semplicemente condividendo questa bella storia con tutti voi perché non l'ho vista qui. Ora in origine dovevano essere tutte 9 parti, ma... Qualcuno ha detto che la prima era troppo lunga, quindi ho deciso di dividerle tutte in post più piccoli. Ho pensato di provare un aspetto e una struttura della frase diversi per questo capitolo, per favore fatemi sapere come vi piace. BUON APPETITO--- Tim, l'adolescente parte quindici di: Rass Senip +++...

952 I più visti

Likes 2

Lascia che una Playa giochi

Lascia che A Playa Play Storia di Charles che usa il suo bell'aspetto e il suo fascino per scopare tutte le donne che vuole. Oooohh cazzo, mmmmm. geme con una gamba sulla mia spalla, mutandine nere con rifiniture rosa che pendono dal suo piede mentre attacco vigorosamente la sua figa con la mia lingua. Essendo questo il suo ultimo giorno di lavoro, ho pensato di mandarla via con un regalo d'addio. Più simile a questo è ciò che ti mancherà presente. Mentre si morde il labbro, mi afferra la nuca e mi preme il viso nella sua figa bagnata. Non sai...

788 I più visti

Likes 0

Jimmy, i suoi fratelli e sua madre

Storia di Fbailey numero 713 Jimmy, i suoi fratelli e sua madre Jimmy, Billy e Joey stavano parlando ad alta voce di Mandy e di sua sorella gemella Candy. Stavano parlando di come le due belle ragazze avessero permesso a Jimmy e ai suoi due fratelli di sentirsi a proprio agio. La cosa su cui erano più irremovibili era che erano troppo spaventati per fare di più alle due ragazze. Erano abbastanza sicure che le ragazze avrebbero permesso loro di andare oltre e che avevano perso l'occasione di scoparle con le dita. Fu allora che la loro madre entrò nella stanza...

131 I più visti

Likes 0

Papà torna a casa dal lavoro (pt. 9)

Mi sono svegliato luminoso e presto un sabato mattina con la meravigliosa sensazione di un pompino mattutino. Non era da mia moglie darmi la testa, ma ogni tanto mi sorprendeva in questo modo quando si svegliava di umore piuttosto vivace. Ho apprezzato la sensazione delle labbra bagnate che scivolavano su e giù per il mio palo e la mano che mi accarezzava le palle, la mano sembrava familiare e non come quella di mia moglie, quindi ho finito di strofinarmi gli occhi e ho guardato in basso per trovare mia figlia Rosie che mi maneggiava amorevolmente. Non preoccuparti papà, la mamma...

302 I più visti

Likes 0

The Cosby Show - capitolo 1

Era una normale mattinata in casa Huxtible. Claire Huxtible ha chiesto ai bambini di venire a mangiare prima che dovessero partire per la scuola. Ma erano tutti di sopra a vestirsi. Heathcliff pensava che questa fosse la migliore opportunità per fare qualcosa che avrebbe sempre voluto fare, farsi fare un pompino da Claire in cucina. Quindi Heathcliff è sceso al piano di sotto, ma mentre stava attraversando il corridoio si è affacciato nella sua stanza di Rudy e Vanessa e ha visto Rudy nudo che si vestiva per la scuola. Poteva vedere la sua figa vergine glabra di 12 anni e...

135 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.