Cronache di Succubus High, cap. 1

495Report
Cronache di Succubus High, cap. 1

Cronache di Succubus High

di Quiver

Capitolo 1: Vetrinistica

1:25. 4° periodo. Tom sedeva dietro la scrivania nell'angolo mentre aspettava che il suo prossimo gruppo di studenti iniziasse a presentarsi per la prima lezione dopo pranzo. Non erano mai molto concentrati a quell'ora del giorno, e in più di un'occasione aveva sorpreso uno studente ad appisolarsi durante la lezione.

Almeno questo gruppo era la sua classe senior. Le matricole a cui insegnava negli altri quattro periodi erano molto più turbolente. Un miscuglio così strano di scherzi infantili e drammi adolescenziali con cui confrontarsi, sempre qualche nuovo problema di cui non gli importava ma che in qualche modo diventava un suo problema quando accadeva nella sua classe. Sicuramente non è il suo aspetto preferito dell’insegnamento. Ma con gli anziani il problema più grande da superare era l’apatia.

Non li biasimava davvero per non essersi preoccupati della sua classe. Aveva insegnato le stesse due lezioni di matematica alla Emery negli ultimi 12 anni, e sapeva che il calcolo infinitesimale non era la materia più entusiasmante per un gruppo di diciottenni che volevano semplicemente passare del tempo con i loro amici prima della laurea. Aveva 18 anni una volta. Probabilmente. Ma era suo compito assicurarsi che questi ragazzi fossero pronti per le lezioni al college l'anno prossimo. Il suo compito era annoiarli ogni giorno dopo pranzo, sapendo che stavano contando i minuti finché non sarebbero riusciti a uscire da quel posto.

Scapolo da sempre, Tom Purcell non aveva davvero pensato molto agli appuntamenti. Era andato ad alcuni appuntamenti quando si era trasferito in città quando aveva iniziato a lavorare alla Emery, ma non ne era venuto fuori nulla. Aveva una piccola cotta per l'insegnante di inglese che insegnava in alcune classi dopo la sua. La signora Davis. Signorina Davis? Natalie, ne era abbastanza sicuro. Sembrava abbastanza carina. Non aveva avuto molte interazioni con lei. Era una grande scuola. Riconosceva a malapena la maggior parte dei docenti, tanto meno ricordava tutti i loro nomi. Ma la signora Davis sembrava intelligente e amichevole. Anche carino. Ma onestamente, non era così motivato a provare a vederla di più. Era abbastanza contento di andare a casa e guardare il telegiornale, fare un cruciverba, prendere un tè e andare a letto. La routine era piacevole e il sesso e il romanticismo sembravano troppo complicati per valerne la pena.

A Tom però piaceva davvero insegnare. Aveva conseguito un master in matematica applicata e dopo la laurea aveva fatto domanda per alcuni lavori di ingegneria e programmazione, ma abbastanza rapidamente si era imbattuto in un lavoro di insegnamento sostitutivo che gli aveva fruttato soldi decenti. E scoprì di avere un talento nello spiegare le cose, e quando si aprì un posto fisso, non vide motivo per non accettarlo. Ha visto molto di sé in alcuni dei ragazzi più nerd, e lo ha reso felice vederli iniziare a comprendere il materiale, soprattutto dopo aver lottato per un po' con esso. Ma è stata dura per la maggior parte del tempo. Ai ragazzi delle scuole superiori generalmente non importava davvero quello che stava cercando di insegnare loro. Era raro trovare qualcuno che volesse davvero imparare. Le matricole a cui insegnava algebra erano spesso troppo immature, e gli anziani del suo corso di calcolo per lo più volevano solo andarsene. Ma almeno aveva i suoi cruciverba, e quel ragazzino occasionale che voleva davvero essere lì. Nel complesso, non è stata una brutta vita.

"Ehi signor P," disse Jeffrey entrando nell'aula di Tom. Jeffrey era uno di quelli bravi. Non il primo della classe o qualcosa del genere, ma almeno è rimasto sveglio. Faceva anche una o due domande quando Tom rimaneva in una stanza piena di silenzio. Sembrava un bravo ragazzo. E salutava sempre. Tom si sentiva una persona reale e non solo un vecchio privo di senso dell'umorismo che questi ragazzi dovevano sopportare. E a 38 anni non era nemmeno così vecchio.

"Buon pomeriggio, Jeffrey," rispose Tom. Dopo che Jeffrey ha rotto il ghiaccio, Tom ha ricevuto qualche altro "Ciao signor Purcell" poco convinto mentre il resto degli studenti filtrava.

Tom attese ancora qualche minuto per assicurarsi che tutti i ritardatari avessero la possibilità di trovare un posto.

"Va bene, buon lunedì a tutti," iniziò, aspettando le poche risposte borbottate. "Cominciamo. Questa settimana continueremo la nostra discussione sui limiti e passeremo ai derivati. Chi può dirmi la formula generale per un derivato come limite?"

Ci fu una lunga pausa, la maggior parte degli studenti erano rimasti sorpresi quando arrivò alla parola "lunedì". Ma alcuni stavano sfogliando gli appunti della settimana scorsa in cerca di una risposta.

Tom stava per iniziare a scrivere la risposta alla lavagna quando la porta dell'aula si aprì di nuovo. Un altro studente in ritardo, pensò Tom. Lanciò un'occhiata e vide Bree Stevens scivolare silenziosamente nell'aula e nell'ultimo banco rimasto all'estremità della prima fila.

Tom non sapeva molto di Bree, tranne che se la cavava bene nella sua classe. Non pensava che fosse stata una studentessa di una delle sue classi da matricola, ma insegnava a così tanti studenti che era difficile esserne sicuri. Sapeva che era abbastanza popolare e atletica. Era chiaramente coinvolta in diversi sport scolastici, perché indossava quasi sempre una specie di uniforme. Oggi sembrava che fosse hockey su prato.

Tom considerò per un momento se commentare il ritardo di Bree e decise che probabilmente avrebbe dovuto dire qualcosa. "Bree, per favore cerca di essere puntuale a lezione," disse Tom, "È molto disturbante e non è giusto nei confronti dei tuoi compagni di classe."

"Mi dispiace, signor Purcell", rispose Bree, sembrando per niente dispiaciuta. Ma non era apertamente provocatoria, quindi Tom ha deciso di andare avanti.

"Comunque, come stavo dicendo," continuò, scrivendo l'equazione limite sulla lavagna mentre discuteva della relazione tra limiti e derivate. Poteva praticamente sentire gli occhi dei suoi studenti chiudersi mentre continuava a tenere la lezione, e per i successivi 45 minuti ha parlato monotonamente con il suo pubblico silenzioso e annoiato.

Mentre la conferenza volgeva al termine, Tom si guardò intorno e notò, come al solito, che Jeffrey era abbastanza attento. Anche se stava chiaramente condividendo qualcosa di divertente con Clay sul suo telefono. Oh bene, pensò Tom. Praticamente è la fine della lezione, non ha senso confiscare i telefoni a questo punto. Mentre continuava la lezione, guardò Bree e notò che anche lei era particolarmente attenta quel giorno. Non sembrava prendere appunti, ma non si stava appisolando come il resto degli studenti.

La campana ha suonato.

Alzando la voce sopra il trambusto di carte e zaini, Tom ha provato a ricordare agli studenti i compiti a casa, praticamente urlando "Non dimenticate, numeri dispari della sezione 2.5 per domani!" Gli studenti sembravano a malapena sentirlo, improvvisamente completamente vigili e praticamente scavalcando l'uno sull'altro per uscire dalla sua classe.

Tom tornò alla scrivania per rimettere in ordine gli appunti delle sue lezioni di oggi. Mentre stava aprendo lo schedario, sentì che c'era ancora uno studente in classe. Girò la testa e notò che Bree era ancora lì. Appollaiata, con le gambe incrociate, sulla scrivania in prima fila.

"Signorina Stevens," iniziò a dire Tom, "ehm, Bree." Non era sicuro di cosa lo avesse spinto a usare il suo cognome. Il protocollo a Emery era relativamente rilassato e gli insegnanti di solito chiamavano gli studenti per nome. "C'è qualcosa che posso fare per te?" Tom continuò, sperando di superare la sua strana forma di indirizzo.

"Volevo solo scusarmi per il ritardo", ha detto Bree. Lei saltò giù dalla scrivania e si avvicinò a lui.

Tom si sedette e continuò a riporre le sue carte. "Oh, quello. Va bene, Bree. Apprezzerei solo se cercassi di essere puntuale in futuro. È davvero dirompente." Onestamente se ne era già dimenticato, ma in quel momento aveva davvero di meglio da fare che alleviare il senso di colpa di uno studente mediocre.

Bree raggiunse il bordo della scrivania e si sporse con le braccia congiunte. Tom alzò lo sguardo e finalmente incontrò i suoi occhi. Che intensità lì. Maledetto inferno. Non aveva mai notato quanto fosse follemente calda quella ragazza. Con quella gonna scozzese da hockey su prato assomigliava a quella fantasia di ogni studentessa cattolica. Bree, con i suoi capelli lunghi, lisci ma fluenti. Era chiaramente bruna per natura, ma aveva strati professionali di riflessi aggiunti, creando diverse sottili sfumature di biondo dorato. Bree, con le sue cosce spesse e i polpacci tonici, il suo culo sodo e l'ampia scollatura che attualmente minaccia di esplodere dal suo top abbottonato troppo piccolo. Bree, con quella pelle liscia come la seta abbronzata dal sole e i suoi occhi ambrati. Bree. Oh. Era una visione. Lo era sempre stato. Tom non aveva idea di come fosse riuscito a superare la conferenza oggi con questa bellissima creatura seduta nell'angolo, ma era impressionato da se stesso.

"Lo so, signor P," rispose Bree dopo aver aspettato qualche secondo che Tom rimettesse a fuoco gli occhi. "È stato così ingiusto interrompere la tua conferenza in quel modo, mi sento così male per questo."

La sua voce era così ipnotizzante che Tom riusciva a malapena a capire cosa stesse dicendo. Poteva quasi sentire le sue parole accarezzargli il viso, formicolio dietro le orecchie e lungo la schiena.

Bree si alzò in piedi e camminò dietro la sedia di Tom, sfiorandogli il colletto con la mano mentre si allontanava. Si sporse in avanti contro la finestra e guardò attraverso il vetro. Tom, seduto sulla sedia, poteva vedere la curva del suo sedere nel punto in cui incontrava la parte superiore della coscia e non poteva fare a meno di fissarlo. Non vide traccia di biancheria intima o pantaloncini sotto quella gonna.

Bree era piuttosto bassa per un'atleta. Ma per il resto aveva il classico look sportivo, soprattutto quelle gambe. Cosce spesse, muscolose ma abbastanza morbide da poter essere afferrate. Tom sentì il cazzo agitarsi nei pantaloni mentre guardava Bree. Probabilmente non dovrebbe fare nulla in questo momento, però. Afferrò un taccuino e se lo mise in grembo per coprire il tessuto teso a causa della sua erezione.

Bree sembrò notare il movimento, ma non fece commenti. Rimase invece concentrata sul terreno fuori dalla finestra. "Ho l'allenamento là fuori questo pomeriggio," disse. "Non avevo idea che ci fosse una vista così buona del campo da questo lato dell'edificio", ha continuato. E aveva ragione, notò Tom. Guardando brevemente oltre lei, vide che il campo da hockey su prato era quasi immediatamente adiacente al corridoio principale della scuola superiore dove si trovava il suo ufficio. Non aveva mai avuto davvero un motivo per guardare fuori durante una giornata scolastica.

"Signor Purcell," disse Bree con la minima traccia di lamento nella voce, "non l'ho mai vista a una partita prima d'ora." Fece una pausa. "Ci hai mai visto giocare?" lei chiese.

"No", ha risposto Tom. "Mai", ha continuato. Bree si era girata di nuovo e ora era seduta sul davanzale della finestra di fronte a lui.

"Dovresti restare fino a tardi dopo la scuola oggi e guardarci mentre ci alleniamo," disse freddamente Bree. "Significherebbe moltissimo sapere che mi stai guardando giocare. Penso che giocherei meglio sapendo che mi stai guardando."

Tom sentì il suo cazzo contrarsi alla frase ripetuta "guardandomi". Dovette inclinare il quaderno un po' più lontano per evitare che il suo uccello ci sbattesse contro. "Certo, potrei farlo" disse Tom, sapendo nel profondo della sua anima che non gli sarebbe piaciuto altro che passare la serata da solo nel suo ufficio a guardare gli allenamenti di hockey su prato delle ragazze dell'università. Stava cominciando ad avere un po' il fiato a pensarci.

Bree si spostò in avanti sul davanzale della finestra, spinse i fianchi in avanti e le ginocchia ai lati, e mise le mani sull'interno delle cosce, facendole scorrere lungo le cosce e sollevando leggermente l'orlo della gonna. Fece finta di allungare i muscoli flessori dell'anca mentre si sporgeva a destra e a sinistra, sporgendo il suo petto già voluttuoso mentre emetteva un sospiro. "Farò in modo che ne valga la pena," disse, sembrando abbandonare ogni finzione. "Promettere." Si sporse verso di lui mentre si sollevava dal basso davanzale della finestra, sfiorando leggermente il ginocchio contro il taccuino in grembo di Tom mentre si alzava.

Gli occhi di Tom rotearono all'indietro per la leggera pressione vicino al suo inguine. Bree passò un dito lungo la spalla di Tom mentre superava la sua sedia e si dirigeva verso la porta. Afferrò la borsa e se la mise in spalla mentre lasciava la stanza, con le dita indugiate sullo stipite della porta mentre lanciava a Tom un'ultima occhiata d'intesa.

Per fortuna, Tom ha avuto un periodo libero dopo la lezione di calcolo dell'ultimo anno. Per prima cosa, probabilmente era stata una fortuna che nessuna matricola fosse entrata nella stanza mentre lui aveva avuto la sua interazione con Bree. Ma gli diede anche un po’ di tempo per riprendersi prima di dover riprendere l’insegnamento. Camminò per il suo ufficio, cercando di scrollarsi di dosso l'eccitazione e schiarirsi la mente prima della lezione successiva. Finì per camminare su e giù per il corridoio un paio di volte e si spruzzò la faccia nella fontana.

In qualche modo è riuscito a barcollare durante la sua ultima lezione. Le matricole del suo ultimo periodo erano ancora più chiassose del solito, e quindi non aveva davvero bisogno di insegnare così tanto. La sua mente era altrove e praticamente faceva semplicemente i movimenti. Ha distribuito un paio di punizioni e forse qualche compito extra. Non ne era del tutto sicuro. Era troppo concentrato su questo pomeriggio.

Dopo che suonò l'ultimo campanello, gli studenti fecero il loro solito clamore verso la porta, e Tom si accasciò immediatamente sulla sedia della scrivania. Aveva circa mezz'ora prima che iniziasse l'allenamento. Pensò brevemente invece di tornare a casa, ma non appena il pensiero divenne chiaro nella sua mente seppe che non sarebbe riuscito a superare la porta prima di dover tornare alla finestra della sua classe. Così si alzò e si appoggiò al muro fissando il campo vuoto sottostante mentre i suoi occhi si velavano.

Fu scosso dallo stordimento da qualche movimento nel campo sottostante. Guardò l'orologio in fondo alla sua classe. Già le 16:30? Tom avrebbe giurato di essersi appoggiato alla finestra solo pochi secondi prima. Deve essersi appisolato o qualcosa del genere.

Guardò in basso sul campo e vide diverse ragazze senior con gonne da hockey su prato che portavano bastoni e borse per prepararsi per l'allenamento. Pensò di riconoscerne un paio. C'erano buone probabilità che fossero stati al suo corso di matematica al primo anno qualche anno prima, ma non ricordava i loro nomi. Una donna bassa e di mezza età, Coach Cassidy, se ricordava bene, trasportava una grande borsa a rete con quello che sembrava un mucchio di piccoli coni da allenamento e una varietà di altre attrezzature sportive. Tom non ha visto Bree da nessuna parte.

Ancora alla ricerca dell'oggetto del suo desiderio, all'improvviso Tom sentì un brivido nei pantaloni. Risvegliato apparentemente di sua spontanea volontà, il suo cazzo cominciò a pulsare e tendersi, gonfiandosi sotto il tessuto dei suoi pantaloni. Infatti, mentre abbassava lo sguardo, Bree Stevens era emersa alla vista ed era entrata in campo, con la mazza da hockey su prato appoggiata facilmente su una spalla, la gonna che ondeggiava mentre camminava con sicurezza sull'erba.

La squadra sembrava pronta per iniziare gli allenamenti. Alcune ragazze stavano facendo stretching a bordo campo, quando Coach Cassidy fischiò e disse qualcosa alle ragazze. Da solo nella sua classe con la finestra chiusa, Tom non riusciva a sentire nulla tranne il fischio e alcune voci vaghe. Ma l'allenatore deve aver detto alle ragazze di iniziare a correre, perché si sono rapidamente raggruppate ai margini del campo e hanno iniziato a correre lungo la linea laterale. Dovevano esercitarsi a correre con quei bastoni, pensò Tom, perché quasi tutte le ragazze portavano ancora con sé i bastoni da hockey su prato mentre facevano i giri intorno al campo. Bree guidava il gruppo di ragazze, con le ginocchia piegate, muovendo costantemente il bastone avanti e indietro come se stesse effettivamente palleggiando una palla con lei. Era chiaro che lei era la leader, probabilmente il capitano della squadra, soprattutto perché era il suo ultimo anno. Tom non aveva mai visto il fascino dello sport prima, ma l'abile grazia di Bree era davvero affascinante da osservare. Accarezzò distrattamente il rigonfiamento crescente nei suoi pantaloni mentre guardava Bree girare abilmente il bastone avanti e indietro davanti a lei mentre correva in grembo.

Aveva detto che ne sarebbe valsa la pena. Se questa fosse stata l'unica cosa che fosse accaduta durante le prove, pensò Tom, sarebbe stato più che soddisfatto dello spettacolo.

Mentre le altre ragazze cominciavano a mostrare segni di stanchezza, Bree sembrava ancora più energica. Si precipitò davanti al gruppo verso un gruppo di palloni che l'allenatore aveva sistemato in mezzo al campo, sollevò il bastone con una grande oscillazione e ne sbatté uno contro il retro della porta. Tom poteva sentire il clangore metallico della palla che colpiva la gabbia dall'interno della sua classe. Forza impressionante, pensò.

Dopo aver fatto oscillare il bastone, Bree sembrò inciampare un po'. Sembrava un po' fuori dal suo personaggio, visti i suoi precedenti movimenti aggraziati, ma Tom era ancora un po' preoccupato. Bree zoppicava leggermente nell'andatura mentre si avvicinava alla carrozza e diceva qualcosa con pochi gesti. Tom ovviamente non poteva sentire quello che veniva detto, ma da quello che poteva vedere, Bree stava dicendo all'allenatore che si era fatta male alla gamba e sembrava stesse chiedendo di andare a sedersi. Strano, pensò Tom. Non voleva che lui la guardasse allenarsi? Non sembrava così ferita. Perché dovrebbe andare a sedersi? È stata davvero ferita?

Bree tornò con cautela verso il bordo del campo vicino alla panchina con tutte le brocche e le borse dell'acqua appartenenti ai giocatori, zoppicando evidente ma non eccessivamente drammatico. Una volta raggiunta la linea laterale, si fermò e guardò verso l'edificio scolastico sovrastante. Non attirò del tutto la sua attenzione, ma Tom aveva la netta impressione che lei lo stesse cercando. Dalla sua espressione, sicuramente non sembrava ferita. Aveva un'espressione compiaciuta sul viso, come se stesse per farla franca. Non diversamente da un gatto che aveva appena preso in bocca l'uccello di famiglia.

Bree si sporse per guardare la sua gamba destra presumibilmente ferita e, sempre rivolta verso l'edificio, sollevò il piede destro per appoggiarlo sulla panca di metallo mentre iniziava a premere e massaggiare la pelle intorno al ginocchio.

Il respiro di Tom si fermò un po' mentre guardava Bree continuare a massaggiarsi la gamba ferita. La gonna era attaccata, ma le copriva ancora a malapena l'inguine. Ancora non riusciva a distinguere alcun accenno di tessuto sotto quella gonna.

Il solo pensiero di cosa potrebbe o non potrebbe esserci sotto la gonna da hockey su prato di Bree ha fatto diventare Tom duro come una roccia. Afferrò fermamente il suo cazzo duro attraverso i pantaloni, tirandolo con più insistenza mentre Bree continuava a massaggiarle la gamba.

Non era chiaro esattamente dove Bree avrebbe dovuto essere ferita. Aveva iniziato dal ginocchio, ma ora si stava spostando verso la caviglia, e quello che stava facendo non poteva più essere definito un massaggio. Era più come una carezza a questo punto. Forse stava cercando di allungare il tendine del ginocchio? Ma il suo ginocchio era piegato ad un angolo che rendeva la cosa poco probabile. A Tom non importava davvero, voleva solo che lei continuasse a fare quello che stava facendo.

Mentre Tom si strofinava vigorosamente il cazzo attraverso i pantaloni, notò un punto sempre più umido da cui fuoriusciva una pozza di pre-sperma. Oh Dio, quanto aveva bisogno di essere liberato.

Bree ora stava spostando le mani lungo la gamba, questa volta oltre il ginocchio nella direzione opposta. Premette profondamente il muscolo quadricipite mentre sollevava la gamba oltre l'orlo della gonna. Ora, con entrambe le mani, sembrava che stesse eseguendo un massaggio profondo dei tessuti lungo tutta la lunghezza della coscia. Raggiunse l'inguine interno e spinse con entrambi i pollici verso il ginocchio.

Tom non ne poteva più. Armeggiò rapidamente con la cintura e i pantaloni, lottando disperatamente con la cerniera in modo da poter recuperare il suo cazzo pulsante da sopra gli slip. Afferrò il suo uccello con entrambe le mani e le tenne ferme per un momento, assaporando la sensazione della pelle sulla pelle. Sapeva che avrebbe finito in fretta se non fosse stato attento, e voleva essere sicuro di godersi lo spettacolo completo che Bree aveva pianificato per lui. Oh, il pensiero che Bree avesse smesso di esibirsi solo per lui gli fece sussultare il cazzo, desideroso di venire per lei.

Bree si alzò lentamente, con la mano ancora appoggiata sulla coscia, mentre sollevava la gamba dalla panca e la rimetteva a terra. Si alzò e allungò le braccia verso il cielo, sollevandole sulle punte dei piedi e inclinandole all'indietro. Ancora una volta, la sua gonna si avvicinò pericolosamente a una rivelazione completa, ma si fermò appena prima di quella che Tom era sempre più sicuro fosse una figa stretta e nuda. La sua maglia si sollevò sopra la vita della gonna, rivelando il suo addome teso mentre inarcava la schiena. Tom lasciò che la sua mano scivolasse lentamente lungo la sua asta mentre la guardava, immaginando che fosse proprio di fronte a lui, che avrebbe potuto far scivolare la mano sulla sua maglietta e infilare il suo cazzo nell'umidità tra le sue gambe.

Mentre Bree si rilassava dallo stiramento, si voltò verso il campo, offrendo a Tom una bellissima visione della sua figura delicatamente muscolosa, con le gambe ancora leggermente divaricate. Tom continuava ad accarezzarsi, sempre lentamente, per prolungare l'intenso piacere che stava provando. Senza preavviso, Bree si sporse rapidamente in avanti, raggiungendo il suolo con la punta delle dita per rivelare il suo sedere nudo mentre la gonna le si sollevava sulla schiena. Maledizione, pensò Tom, accelerando il passo. Era meglio di quanto avrebbe potuto immaginare. La sua flessibilità era impressionante. Stava praticamente baciando il terreno tra i piedi mentre teneva lo stiramento. Con le gambe divaricate, inclinò leggermente il bacino, mostrando gli strati esterni rosa e gonfi della sua fica. Tom poteva solo immaginare di infilare la punta del suo cazzo gonfio in quelle pieghe strette. Poteva praticamente sentire la sua umidità mentre faceva scorrere la mano sulla testa del suo cazzo, spingendo leggermente i fianchi in avanti con crescente urgenza. Era praticamente già dentro di lei. Voleva disperatamente riempirla del suo seme. Ma qualcosa in lui teneva a bada il suo orgasmo. Sapeva che Bree non aveva finito con il suo spettacolo.

Dopo quello che sembrò un'eternità, Bree si alzò di nuovo, privando Tom della splendida vista del suo culo e della sua figa ancora una volta.

Si allontanò di nuovo dal campo e camminò per qualche metro verso l'edificio. Delicatamente, si sedette sull'erba, sempre di fronte all'edificio, e si sdraiò sulla schiena. Con le ginocchia divaricate, Tom riuscì finalmente ad avere una visione frontale completa di quella bellissima figa. Ora che aveva una visuale migliore, Tom si rese conto che, nonostante la morbida pelle rosa che aveva visto da dietro, la sua figa non era completamente calva. Aveva una striscia di capelli scuri ben curata che scendeva fino alla fessura, che ora era aperta, scintillante alla luce del sole della sera. Ipnotizzato dalla vista, Tom tirò nuovamente il suo cazzo, muovendosi con un ritmo costante. Poteva sentire gli spasmi imminenti accumularsi mentre si agitava sempre più forte. Sentì le sue palle stringersi, preparandosi per il rilascio di cui aveva disperatamente bisogno.

Alla fine, Bree si mise a sedere, la gonna ancora sollevata sopra la fica esposta, le gambe divaricate in una spaccatura quasi completamente orizzontale. Fissò l'edificio, con il petto ansante, dando finalmente a Tom il permesso di venire. Al suo cenno di approvazione, lui esplose, grugnendo sonoramente quando il suo primo colpo colpì la finestra di fronte a lui con un tonfo potente, e continuò a schizzare il vetro con spesse corde di sperma. L'orgasmo sembrava durare per sempre, mentre si pompava spasmo dopo spasmo. Anche oltre il punto di travolgente sensibilità, continuò, nel disperato tentativo di inondare Bree fino all'ultima grammo. Alla fine, completo, si accasciò sulla scrivania e crollò sulla sedia, completamente esausto.

_________________________________

Bree, di fronte al lato largo dell'edificio scolastico principale, con le gambe divaricate in un profondo allungamento, gli occhi chiusi e le spalle indietro, sentì il potente flusso di energia sessuale inondare il suo essere, alimentando il suo profondo bisogno. Battezzata con liberazione orgasmica, aprì gli occhi e guardò l'edificio di fronte a lei. Ventisette aule si affacciavano a est verso il campo da hockey su prato, tredici delle quali erano abitate da insegnanti uomini. Mentre osservava la facciata dell'edificio, contò tredici motivi di schizzi bianchi che decoravano le finestre.

Bree Stevens sorrise tra sé. Ottimo lavoro ragazzi, andrà tutto bene.

Fine del capitolo 1

Storie simili

LA SORELLA DELLA MOGLIE VIENE A STARE DOPO IL DIVORZIO - PT 1

Sandy aveva circa trentacinque anni quando lei e suo marito decisero di farla finita. Erano stati in un matrimonio abbastanza tranquillo e poco interessante per circa sei anni, ed era chiaramente ora di cambiare. Sorprendentemente, non era davvero distrutta per aver lasciato la relazione, solo un po' delusa e contenta di andare avanti. Una volta presa la decisione, Sandy ha chiamato sua sorella, Paula, per vedere se poteva stare con lei e suo marito per un po'... almeno fino a quando Sandy non avesse riavuto le sue gambe da single. Paula aveva un anno in più di Sandy e si assomigliavano...

764 I più visti

Likes 0

La nostra esperienza sessuale

Questo segue la prima parte della scena di sesso sulla nave da crociera in cui io e mia moglie ci abbandonavamo sul ponte della nave. Tornando nella nostra cabina, ci eravamo un po' rinfrescati dal fantastico divertimento orale, pisciato, anale e dall'ingoio di sperma. Eravamo un po' stanchi, ma non abbastanza stanchi per farci una doccia, metterci la biancheria da notte e rilassarci un po' prima di andare a letto. Mia moglie (Sandy) si è scusata perché voleva usare il bagno. Ho acceso la TV e mi sono rilassato per un po' per guardare qualche soap sul canale. Quando sono trascorsi...

359 I più visti

Likes 0

Le cronache della discesa di Suzie - parte 2

Parte 2 Un giorno ero al lavoro e facevo il solito... lavoravo per un altro giorno pieno di cazzi di gomma. Da quando i miei figli avevano buttato via TUTTA la mia biancheria intima. Matt si era preso la briga di farmi un paio di piccole cinghie attaccate a un tassello di pelle. Questo teneva fermo il mio dildo e teneva nascosto il mio cazzo. È stato facilissimo da montare e slacciare molto velocemente... quanto è stato premuroso da parte sua! Uscii dal gabinetto e trovai Sue, una delle altre commesse, appoggiata al bancone. L'ho guardata negli occhi e non potevo...

298 I più visti

Likes 0

Confessione a papà_(2)

Ho qualcosa da dirti papà, ma non posso semplicemente dirlo, devo dirti altre cose con esso, ok? Ma ci arriverò, lo prometto. La casa era tranquilla. Eri al lavoro da diverse ore e io avevo già finito le mie faccende. La nostra camera era pulita, i piatti riposti, il bucato piegato... e mi annoiavo. Ero sdraiato sul divano pensando a te ed ero così eccitato che, anche se so che non mi è permesso, ho iniziato a toccarmi. Volevo il cazzo di papà ma non saresti a casa per ore! Ho iniziato lentamente, strofinandomi il clitoride con una mano e prendendomi...

3.1K I più visti

Likes 0

Campeggio andato a destra ch 2_(1)

Ho visto il culo di Ary tremare mentre salivamo la rampa laterale della chiesa, la mia mente continuava a balenare con i ricordi del ritiro. Abbiamo parlato a lungo su Facebook nelle ultime settimane, anche se abbiamo parlato di cose casuali, la conversazione è sempre tornata al tema del sesso. Sapevamo entrambi che era un tabù, ma l'esperienza ci aveva avvicinati, quell'ultimo muro era rotto e non si poteva tornare indietro. Ero perso nei miei pensieri e quasi l'ho urtato quando si è girata. Mi stavi fissando di nuovo il culo? lei disse Scossi la testa io? Ho detto leggermente sarcastico...

3.2K I più visti

Likes 0

Papà torna a casa dal lavoro (pt. 9)

Mi sono svegliato luminoso e presto un sabato mattina con la meravigliosa sensazione di un pompino mattutino. Non era da mia moglie darmi la testa, ma ogni tanto mi sorprendeva in questo modo quando si svegliava di umore piuttosto vivace. Ho apprezzato la sensazione delle labbra bagnate che scivolavano su e giù per il mio palo e la mano che mi accarezzava le palle, la mano sembrava familiare e non come quella di mia moglie, quindi ho finito di strofinarmi gli occhi e ho guardato in basso per trovare mia figlia Rosie che mi maneggiava amorevolmente. Non preoccuparti papà, la mamma...

2.3K I più visti

Likes 0

Cambiare la realtà (parte 3)

Ciao ragazzi e ragazze! È Chase. Sai, la persona di cui parla questa storia. So cosa stai pensando – Questo non può essere vero. Bene, ti assicuro che lo è assolutamente. Non posso provartelo, a meno che non ci incontriamo un giorno e anche allora, dovrei raccontarti tutto da capo. È qualcosa che non è molto probabile che farò poiché qualsiasi esposizione di chi e cosa sono potrebbe portare alla mia cattura da parte di qualcuno che desidera trasformarmi in una specie di cavia. Non so voi, ma non sono molto entusiasta di essere rinchiuso per il resto dell'eternità e di...

1.9K I più visti

Likes 0

Asmodeus - Demon of Lust: Parte 8

A/N – Miei cari lettori! Grazie a tutti coloro che sono rimasti accanto a me e a questa storia per così tanto tempo. Mi scuso sinceramente per l'attesa tra questo capitolo e il precedente; Ho davvero scritto ogni volta che ho potuto. Dubito che ogni singolo capitolo varrebbe un anno intero di attesa, ma come per tutto ciò che scrivo ho riversato la mia anima nella parte 8 e spero sinceramente che ti piaccia leggerla. Come sempre, PER FAVORE, vota, commenta e inviami un'e-mail! Mi piace sentirvi ragazzi e risponderò a ogni e-mail. Buon Anno! Saluti, Steelkat Parte 8 Passeggiamo per...

1.8K I più visti

Likes 0

Per favore, lasciami andare

Gliel'ho lasciato fare. Gli ho lasciato toccare il mio cazzo. Suppongo di aver ceduto alle mie voglie di voler venire a qualunque costo, anche se non avevo alcun desiderio per lui, nessuna persona del mio sesso. Mi sono sdraiato sulla schiena e l'ho lasciato fare a modo suo con me. Non è che fosse un estraneo. Cominciò ad accarezzarmi dolcemente. Colpi lunghi e morbidi con la punta del dito su e giù per la mia asta. Sembrava molto surreale che il mio migliore amico mi stesse accarezzando il cazzo. Ha notato che c'era un allentamento pre-sborra dalla sua punta. Chinò la...

1.5K I più visti

Likes 0

Il mio villaggio delle MILF

Storia di Fbailey numero 776 Il mio villaggio delle MILF Lo zio Charles mi ha lasciato la sua enorme fattoria alla periferia della città. Era seicentoquaranta acri o quello che chiamano una sezione. Ha una dimensione di un miglio per un miglio. Mio padre mi aveva lasciato la sua sezione e si unirono naturalmente. Sul retro della mia terra c'era una ripida scogliera in un ampio letto di fiume. Ciò ha reso il retro centrale quasi invisibile a chiunque fosse al di fuori della mia proprietà. Avevo una piccola impresa che produceva e vendeva case prefabbricate. Rimorchi essenzialmente a doppia larghezza...

1.5K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.