Prendersi cura di Liz

426Report
Prendersi cura di Liz

Mi ero appena trasferito in una nuova zona per vivere con la mia ragazza. Ci frequentiamo ormai da diversi anni, quindi sono diventato parte dell'intera famiglia. Tutti i nipoti e i nipoti della mia ragazza avevano persino iniziato a chiamarmi “zio”.

Un fine settimana il mio futuro fratello e mia cognata partivano per il fine settimana per visitare alcuni amici fuori città. Stavano portando con sé i loro due figli, ma la figlia è dovuta rimanere a casa per dare una mano con una raccolta fondi per la scuola. Non volevano lasciarla a casa da sola per il fine settimana e la mia ragazza doveva andare via per una conferenza di lavoro, quindi mi hanno chiesto se potevo restare a casa a badare a Liz per loro. Andavamo d'accordo e volevo aiutarli, quindi ovviamente ho accettato.

Sono partiti sabato mattina presto e allegramente e io sono andato a casa verso mezzogiorno. Sono entrato dal garage aperto, come facciamo sempre, ed sono entrato in casa. Ho urlato: "Ciao, Liz, sono qui" ma non ho ricevuto risposta. Poi ho notato della musica a tutto volume dalla sua camera da letto e ho capito che non mi aveva sentito, quindi ho deciso di andare ad annunciare la mia presenza.

Ho attraversato il corridoio, ho bussato alla sua porta e l'ho aperta per salutarla. Quando ho aperto la porta, ho visto Liz in piedi nella sua stanza con indosso solo reggiseno e mutandine. Rimasi lì scioccato. Liz aveva 15 anni, era alta circa 1,70, aveva capelli castano chiaro e occhi castani. Sebbene non fosse la ragazza più magra del mondo, non era nemmeno lontanamente pesante. Aveva una bella corporatura atletica che adoravo, con solo un po' di grasso infantile che ti ricordava che stava ancora maturando. E quando cominciò a trasformarsi in una giovane donna, cominciò a sviluppare gli stessi grandi seni di sua madre.

Rimasi lì per ben 30 secondi, incapace di muovermi. L'ho semplicemente guardata dall'alto in basso nel suo completo di biancheria intima rosa abbinato. Alla fine, Liz ha aperto la bocca e ha rotto la mia trance dicendo: “Um, ciao, Patrick. Vedo che sei qui adesso. Posso finire di vestirmi così posso arrivare alla mia raccolta fondi?"

"Che cosa? Uhm, oh sì," balbettai in risposta. “Vai avanti pure. Scusa." L'ho guardata negli occhi per la prima volta. Mi sono sbagliato? Ho notato un piccolo sorriso sul suo viso? E ho visto i capezzoli eretti attraverso il reggiseno? Si stava divertendo? Mi sono voltato, ho chiuso la porta e sono uscito dalla stanza. Andai in soggiorno e accesi la TV aspettando che si preparasse.

Alla fine, è emersa dalla sua stanza in maglietta e pantaloncini e ha detto che era pronta per andare, come se non fossi appena entrato seminuda. Mi sono alzato e l'ho portata alla raccolta fondi, un autolavaggio, e l'ho accompagnata.

"Ok, verso le 5 avremo finito. Dovresti tornare un po' prima per lavare la macchina."

Ho accettato e sono partito per ammazzare un po' il tempo. Mentre tornavo a casa loro per pranzare e guardare un po' di TV, non riuscivo a togliermi dalla testa l'immagine di Liz. L'ho vista migliaia di volte, ma questa volta mi ha decisamente eccitato pensando a lei lì in piedi. Ho chiuso gli occhi e la mia mente si è spinta a chiedermi come sarebbe stata senza quegli ultimi due capi di abbigliamento... Cosa stavo facendo? Questa ragazza stava per diventare mia nipote, come potevo pensare a lei in quel modo? Ma lei non era imparentata con me, quindi qual è il problema? Oh sì, lei ha solo 15 anni e io ho quasi il doppio della sua età! Ma vedere il suo corpo mi aveva decisamente eccitato e non riuscivo a togliermelo dalla mente!

Alla fine è arrivato il momento di andare a prendere Liz. Ero allo stesso tempo entusiasta di rivederla e allo stesso tempo nervoso per quello che avrei potuto pensare e per il modo in cui avrebbe potuto reagire dopo aver riflettuto di più su quello che era successo prima. Sono arrivato all'autolavaggio circa 15 minuti prima della fine per lavare la macchina. Ho sentito Liz annunciare alle altre ragazze che quello sarebbe stato il suo futuro zio e di assicurarsi di fare un buon lavoro. Tutte le ragazze hanno fatto il giro della macchina e hanno iniziato a lavare varie sezioni della mia macchina. Erano tutte ragazze attraenti e alcune delle più grandi indossavano persino il bikini. Sicuramente mi stavano torturando! Proprio in quel momento ho visto il volto di Liz nel mio parabrezza che mi sorrideva. Cominciò a lavare il finestrino e mentre allungava la mano per prenderne il centro, appoggiò la maglietta contro la macchina. Adesso la sua camicia era bagnata e sotto di essa le aderiva al seno. Attraverso il tessuto potevo distinguere la sagoma del reggiseno che avevo appena visto qualche ora prima. Finì di lavarsi e di nuovo mi sorrise. Si stava divertendo a prendermi in giro?

Le ragazze hanno finito di lavare e asciugare la mia macchina. Alla fine sono stata l'ultima macchina della giornata quindi, dopo una breve riunione della squadra, Liz è salita sulla mia macchina per tornare a casa. Dopo circa un minuto iniziò una conversazione.

"Pensi che i miei compagni di squadra siano carini, zio Patrick?"

Oh, era una conversazione brutta e pericolosa da avere! "Beh, sì, immagino che fossero carini, anche se in realtà non ho prestato molta attenzione", ho detto, mentendo sull'ultima parte.

"Vorrei essere carina come alcune di quelle ragazze", ha continuato.

Si vedeva che era un po' abbattuta, così ho pensato di aiutarla a tirarle su il morale. "Sei una ragazza molto carina, Liz, e attraente quanto tutte quelle ragazze."

"Dici davvero questo?" chiese, con una punta di entusiasmo nella voce.

"Assolutamente!" Ho ribattuto. Ti trovo molto attraente!" Oh cavolo, probabilmente ho detto troppo. La guardai per valutare la sua reazione; stava sorridendo. Percorremmo il resto della strada verso casa in silenzio.

Siamo arrivati ​​a casa e sono praticamente corsa in cucina a prendere una birra per calmarmi i nervi. Ho sentito Liz annunciare che sarebbe andata a farsi una doccia. Mentre lasciavo la cucina per tornare in soggiorno, Liz stava camminando verso il bagno indossando solo un asciugamano avvolto appena sopra il seno. Ancora una volta, mi ha sorriso.

Mentre si girava per entrare nel bagno, ho visto che il modo in cui l'asciugamano era posizionato sul suo corpo, non le copriva completamente il sedere; la parte inferiore delle sue guance era esposta! Ho sentito il mio cazzo iniziare a indurirsi alla vista. Cosa stava cercando di farmi questa ragazza?!

Mi sono soffocato con il sorso di birra che avevo appena bevuto. Scuotendo la testa incredulo, tornai alla sedia in soggiorno. Mentre accendevo la TV, ho notato che il rumore dell'acqua nella doccia era più forte del normale, per niente ovattato. Mi appoggiai allo schienale della sedia e guardai in fondo al corridoio. Aveva lasciato la porta del bagno completamente aperta. Non potevo più trattenermi. Mi alzai dal mio posto e camminai lungo il corridoio. Mi fermai davanti al bagno e guardai dentro. Le porte della doccia erano di vetro smerigliato e potevo vedere la sagoma di Liz.

La sua testa era appoggiata all'indietro e spingeva l'acqua in eccesso dai suoi lunghi capelli mentre bagnava il resto del corpo. Prese il bagnoschiuma e cominciò a insaponarsi. Mentre le sue mani le lavavano il seno, la mia mano si è spostata sul mio inguine e ho iniziato a strofinarmi attraverso i pantaloncini verso l'immagine di fronte a me. Continuò a massaggiarsi il seno piccolo ma in crescita, ovviamente godendosi la sensazione. Poi spostò le mani lungo lo stomaco e continuò verso le gambe, chinandosi per lavare lentamente ogni centimetro delle cosce e dei polpacci. Sono sempre stato un tipo da gamba, quindi mi è piaciuta particolarmente questa parte. Mentre si rialzava, percorse le gambe e poi cominciò a lavarsi il sedere. Ancora una volta, si prese il tempo di strofinarsi i globi prima di muovere finalmente le mani per lavarsi la vagina. La osservai mentre sollevava una gamba sul bordo della vasca e si strofinava tra le gambe. Dio mio! Stavo guardando questo quindicenne masturbarsi!

Le sue dita iniziarono un ritmo costante sul clitoride mentre spostava di nuovo la mano sinistra sul seno e si accarezzava. Potevo vedere le sue mani che manipolavano i suoi seni. Li accarezzò e poi fece dei cerchi attorno ai capezzoli prima di pizzicarli. Era più difficile dire esattamente come stesse giocando con la sua figa, ma sembrava che si massaggiasse il clitoride per un po' e poi affondasse un dito nelle sue profondità.

Dopo qualche minuto, prese il soffione della doccia staccabile, lo rimosse, lo girò sull'impostazione del getto singolo e costante e lo puntò direttamente verso il clitoride. L'ho sentita iniziare a gemere. Sentire i suoi "oohs" e "aahs" mi ha fatto andare oltre il limite. Non avevo notato quanto mi fossi agitato finché non mi sono sentito venire nei pantaloncini! Quando ho finito il mio orgasmo, ho sentito Liz iniziare il suo. Sono tornata alla realtà e sono andata nella stanza dei suoi genitori, dove avrei dormito quella notte, e mi sono cambiata. Corsi di nuovo in soggiorno e proprio mentre mi sedevo sentii l'acqua chiudersi e la porta della doccia aprirsi.

"Tempismo perfetto", sussurrai a me stesso mentre bevevo un altro lungo sorso di birra.

Liz uscì in soggiorno e sembrava che si stesse ancora divertendo a prendermi in giro. Indossava una canotta bianca attillata e potevo vedere il reggiseno blu che indossava sotto. Indossava anche dei pantaloncini di cotone nero molto attillati che abbracciavano ogni centimetro di pelle che toccavano. Ma si trattava di pochissima pelle poiché le coprivano a malapena il sedere; questi pantaloncini erano ovviamente vecchi di un anno o due e ormai troppo piccoli per lei.

Si avvicinò al lettore DVD e, piegandosi solo in vita in modo da avere le gambe dritte e il sedere all'aria, inserì un film nel lettore. Agitò leggermente i fianchi prima di alzarsi.

"Pensavo che potremmo guardare un film insieme", dichiarò mentre lasciava la stanza e andava in cucina.

Tornò con un bicchiere di birra per sé e un'altra birra per me. Mi ha passato il mio drink e poi ha fatto qualcosa che non mi aspettavo: si è unita a me sulla sedia enorme su cui ero seduto! Sapevo che avrei dovuto dirle di trasferirsi, ma semplicemente non potevo. Era metà sulla sedia e metà sulle mie ginocchia. Ha messo una gamba tra le mie. L'unico modo per mettermi a mio agio nella posizione era che io la cingessi con il braccio sinistro e lei si appoggiasse a me. A questo punto ci stavamo praticamente coccolando.

Il film iniziava e lei aveva scelto un vecchio film dell'orrore. Ogni tanto si spostava sulla sedia per mettersi comoda. Ogni volta che cambiava posizione la sua gamba sfiorava il mio cazzo, facendolo muovere un po'. Ero così nervoso che stavo per diventare duro! Abbiamo continuato a guardare il film e alla fine siamo arrivati ​​alla scena obbligatoria in cui il giovane ragazzo e la sua ragazza si baciano nel loro letto, presagendo che avrebbero fatto sesso. Come tutti sanno, le vergini sopravvivono nei film horror, i giovani adolescenti che fanno sesso no. Questi due sarebbero spacciati!

Ho guardato Liz e lei stava osservando la scena con molta attenzione. Si leccò anche un po' le labbra. Ho colto l'occasione per squadrarla di nuovo da capo a piedi. Le sue gambe erano estese e divaricate su entrambi i lati della mia gamba sinistra. La mia testa era leggermente sopra il suo corpo e riuscivo a malapena a vedere sotto la sua maglietta e guardavo la parte superiore della sua scollatura in via di sviluppo. Desideravo decisamente questa ragazza. Cosa stavo pensando? Ho spostato la mia mano destra sulla sua coscia destra e l'ho avvicinata a me con la mano sinistra. Lei rispose appoggiandosi a me e appoggiando la testa sul mio petto. La sua coscia esterna destra ora giaceva direttamente sul mio inguine e la mia mano era appoggiata sulla sua parte interna della coscia. Ogni tanto le accarezzavo leggermente la coscia. Non si è mai tirata indietro né mi ha fermato.

Il film finì e Liz si girò sulla sedia distesa di traverso in modo che la sua schiena fosse contro un bracciolo e le sue gambe penzolassero sull'altro. Il suo sedere era appoggiato fermamente sul mio cazzo e sembrava saperlo mentre si muoveva sopra diverse volte. È stato così bello. Potevo dire che aveva qualcosa in mente, quindi le ho chiesto cosa fosse.

“Beh, intendevi davvero quello che hai detto in macchina? Di trovarmi attraente?" lei chiese.

"Certo che l'ho fatto. Perché dovrei mentire al riguardo? Stai diventando una giovane donna molto attraente.

«E allora perché i ragazzi della mia classe non sembrano pensarlo? Non mi baceranno nemmeno", ha risposto.

“Perché sono degli sciocchi”, fu la mia replica istintiva.

"Bene, allora mi bacerai?" chiese, con uno sguardo sensuale ma innocente negli occhi. “Voglio solo sapere com'è. Tutti i miei amici hanno avuto il loro primo bacio. Voglio anche il mio."

"Non dovrei davvero farlo, Liz."

"Per favore? Non lo dirò a nessuno. Prometto."

I suoi occhi mi imploravano. Si spostò in modo da sedersi più eretta. Rimasi seduto lì, di nuovo congelato. Sapevo che non avrei dovuto baciare questa ragazza, ma lo volevo davvero. Liz prese l'iniziativa e cominciò ad avvicinarsi lentamente a me. “Dovrei trasferirmi. Dovrei smetterla” continuava a correre nella mia mente, ma rimasi seduto lì, ad aspettarla. Chiuse gli occhi. Le nostre labbra si incontrarono. All'inizio rimasi seduto lì, senza rispondere, ma poi le mie labbra si aprirono e ricambiai il bacio.

Restammo seduti così per diversi minuti e continuammo a baciarci dolcemente. Il mio desiderio per questa ragazza stava aumentando e il mio autocontrollo era quasi scomparso. Allungai la mano destra e le presi a coppa il sedere. L'ho sollevata leggermente e lei ha preso il mio comando e mi ha gettato la gamba sinistra in grembo in modo da stare a cavalcioni su di me.

Ormai stavamo pomiciando completamente. Mi abbassai e le afferrai il sedere tra le mani. Le ho stretto le guance e poi le ho accarezzate dappertutto. Aveva un bel sedere e mi divertivo ad accarezzarlo. Lasciai che le mie mani scivolassero giù sulle sue cosce cremose e le accarezzai fino ai polpacci e poi su, afferrandole di nuovo il sedere. Era una baciatrice piuttosto naturale e ha seguito molto bene il mio esempio. Ho aperto la bocca e ho allungato la lingua. All'inizio fu colta di sorpresa e non era sicura di cosa fare, ma aprì la bocca per far entrare la mia lingua invasiva. Le nostre lingue si intrecciarono e lei capì rapidamente.

Alla fine abbiamo interrotto il bacio e siamo usciti per prendere aria. "Come sono andato?" chiese sinceramente.

"Molto bello! Impari in fretta, Liz. Sei sicuro di non averlo mai fatto prima?"

"Mai! Lo giuro!" venne la sua risposta. Cambiò rapidamente marcia, chiedendo: "Ti è piaciuto vedermi in mutande prima?"

"Sì", ammisi.

“E sotto la doccia? Ti è piaciuto guardarmi mentre mi masturbo?"

Merda! Non pensavo che sapesse che l'avevo osservata. "Sì", ammisi di nuovo.

"Perché te ne sei andato così in fretta?" Lei mi ha chiesto.

"Perché ero così emozionato nel guardarti che sono venuto in pantaloncini."

Sorrise deliziata di aver causato un simile effetto. Vedere il suo apparecchio era un dolce promemoria di quanto fosse giovane questa ragazza.

"Vuoi vedermi nudo?" chiese, abbastanza sicura di conoscere la risposta.

Avevo perso ogni autocontrollo. Non c'era niente che potesse succedere ora a cui potessi dire di no.

"Sì, voglio davvero vederti nudo", ho risposto.

Afferrò l'orlo della maglietta e se la sfilò nervosamente dalla testa. Per la seconda volta nella giornata fissavo Liz nel suo reggiseno. Mi ha semplicemente guardato, nervosa perché non mi sarebbe piaciuto quello che stavo vedendo. Per alleviare le sue paure, la raggiunsi e le slacciai la chiusura del reggiseno. Lo tirò fuori dal corpo e lo lasciò cadere a terra. I suoi piccoli seni vivaci erano proprio davanti al mio viso.

Li presi e cominciai ad accarezzarle il seno. Un sussulto le sfuggì dalle labbra perché per la prima volta nella sua giovane vita, qualcun altro stava giocando con le sue tette. Si sporse per baciarmi di nuovo mentre la palpavo, questa volta in modo più aggressivo. Ci siamo baciati per un po', ma avevo bisogno di succhiare il seno che stavo toccando, quindi ho interrotto di nuovo il bacio.

Ho spostato la bocca leggermente a sud e, guardandola negli occhi mentre lei guardava in basso per vedere cosa stavo facendo, ho preso il suo seno destro nella mia bocca lasciando la mano destra sul suo seno sinistro. Chiuse gli occhi, gettò la testa all'indietro e "Uuuuhhhhh" le sfuggì dalle labbra. Trascorrevo il tempo muovendomi tra ciascun seno, alternando succhi leggeri e potenti. Ho creato dei cerchi luminosi attorno alle sue areole. Le ho dato un colpetto rapido sui capezzoli induriti con la punta della lingua e alla fine li ho morsi, dapprima delicatamente, ma gradualmente ho aumentato la potenza. Ogni nuova sensazione sul suo seno portava un nuovo suono di piacere da parte della ragazza e ora stava massaggiando il suo bacino contro il mio inguine duro.

Le ho tolto il seno dalla bocca. "Alzati, voglio vedere il resto di te", le ho detto. Praticamente balzò in piedi e si tolse i pantaloncini e poi le mutandine. Aveva un leggero mucchio di peli sulla figa; non ancora al punto della sua vita in cui pensava di radersi, né ne aveva bisogno. L'ho fatta girare in modo da poter vedere il sedere che mi aveva torturato tutto il giorno. Poi mi sono alzato e le ho detto di sedersi sulla sedia.

Si è seduta sulla sedia e io le ho spostato il sedere sul bordo e le ho detto di sdraiarsi. Le presi le gambe, le allargai e le posizionai appese su ciascun bracciolo della sedia come se fossero staffe. Cominciando dalla caviglia destra, ho fatto scorrere la lingua lungo tutta la sua gamba, fermandomi proprio prima del suo cespuglio. Ho quindi iniziato dalla caviglia sinistra e ho ripetuto il processo. Poi ho guardato il suo viso e ho visto i suoi occhi desiderosi che mi guardavano. Mi sono avvicinato e ho leccato la sua prima figa mentre la fissavo negli occhi. Si chiusero immediatamente e lei rimase a bocca aperta. "Oh, sì, è così bello!" E aveva anche un sapore così buono!

Ho iniziato a leccarle avidamente la figa. Era passato un bel po' di tempo dall'ultima volta che avevo provato qualcuno con i peli sulla figa e stavo scoprendo che mi piaceva. Il suo corpo sgorgava liquido e io lo leccavo più velocemente che potevo. Il suo dolce nettare aveva un sapore meraviglioso e non ne avevo mai abbastanza. Ho allungato la mano e le ho accarezzato il seno mentre la mia lingua esplorava le labbra della sua figa. "Oh, uuhhh, huuhhh, oooooohhhh, uh, uh, uh" continuava a uscire dalla bocca di Liz con la stessa velocità con cui il liquido usciva dalla sua vagina. Mi sono abbassato, le ho afferrato il sedere e le ho allargato leggermente le guance. Ho lasciato cadere la lingua un po' più in basso e ho posizionato la metà della lingua esattamente sul suo buco del culo e l'ho tirata fino al clitoride. L'ho ripetuto tre volte prima di mettere la lingua direttamente sul suo buco marrone e leccarlo esclusivamente. Mi è sempre piaciuto leccare il culo di una ragazza, ma troppe ragazze pensavano che fosse "sporco" e non ti permettevano di farlo a loro. Ero determinato a assicurarmi che Liz non avesse tali problemi e che avrebbe fatto qualsiasi cosa purché si sentisse bene.

"Ti piace quello?" Le ho chiesto. "Uh huh" è stata la sua unica risposta, quindi sono tornato su di essa e l'ho leccata per qualche altro minuto. Ho leccato di più il buco e ha cominciato ad aprirsi per me, ma volevo farla venire, quindi sono tornato alla sua figa e sono andato in città sul suo clitoride. Ho rimesso la mano sinistra sul suo seno destro e le ho stuzzicato e pizzicato il capezzolo. Poi ho inserito il mio dito medio destro nella sua figa bagnata e l'ho toccata allo stesso ritmo con cui l'ho leccata.

"Oh, oh, oh mio Dio, eh, uh, uh, ah, uh, sì, sì, sì, uuuuuhhhhhhh, sono cuuuummmmiiinnnnggggg, uuuuuhhhhhhh!" Non avevo mai sentito un orgasmo più sexy in vita mia e non avevo mai assaggiato una fica migliore mentre mi inzuppava il pizzetto.

La guardai mentre si riprendeva dall'orgasmo. Alla fine aprì gli occhi e mi sorrise di nuovo.

"Liz, hai mai visto un pene?" Le ho chiesto. Continuava a sorridere e scuoteva la testa "no". "Vuoi vedere il mio?" Questa volta la sua testa annuì "sì".

L'ho aiutata ad alzarsi dalla sedia e le ho detto di condurmi nella sua camera da letto. Ora ero sopraffatto dalla lussuria e avevo pienamente accettato la situazione e quanto fosse tabù. Volevo prendere la verginità di questa ragazza e volevo farlo sul suo letto d'infanzia. Mi ha portato lungo il corridoio e ho guardato il suo culo dondolare per tutto il percorso.

Siamo entrati nella stanza e mi ha ricordato sicuramente la sua età e mi ha eccitato ancora di più. Dipinta di rosa e decorata con poster delle sue band preferite e dei suoi orsacchiotti, ero sopraffatta dal desiderio. Le ho detto di sedermi sul bordo del letto. Mi sono messo di fronte a lei e mi sono tolto la maglietta. Poi mi sono abbassato i pantaloncini chinandomi davanti a lei. Mentre mi alzavo e toglievo i pantaloncini, gli occhi di Liz si spalancarono. Il mio cazzo duro, il primo che avesse mai visto, era proprio davanti alla sua faccia.

"Toccalo, Liz." Allungò timidamente la mano e mise la punta delle dita sulla testa del mio cazzo. Poi fece scorrere le sue piccole dita sotto l'asta e infine l'afferrò. Mi ha dato qualche strattone gentile, poi mi ha guardato negli occhi e mi ha chiesto: "Vuoi che... ehm... lo metta... in... bocca?"

Le ho quasi fatto esplodere il carico in faccia nel momento in cui ha finito la domanda, ma fortunatamente ha resistito. Oh, sì, volevo che questa ragazza mi succhiasse il cazzo! Ma non adesso. Ci sarebbe voluto del tempo per addestrarla adeguatamente a fare un pompino e volevo qualcos'altro di più.

"Non adesso. Presto, sicuramente, ma voglio fare qualcos'altro adesso. Perché non ti stendi e non allarghi le gambe?"

Ha fatto come le avevo chiesto e sono salita con lei sul suo letto a due letti. Mi sono posizionato tra le sue gambe e ho sostenuto il mio peso su mani e ginocchia. Mi chinai e la baciai di nuovo. Quando abbiamo interrotto il bacio, lei mi ha guardato con un sorriso diabolico e ha chiesto: "Patrick, quanti anni ho?"

"Uhm, 15", ho risposto. Aveva dei dubbi?

“E cosa vuoi fare a questa quindicenne che presto diventerà tua nipote?

"Voglio scopare questa quindicenne sexy che presto diventerà mia nipote", ho detto.

"OK, volevo solo sentirti dire ad alta voce e assicurarmi che sapessi cosa stavi per fare." Lei sorrise di nuovo. Evidentemente non ero l’unico ad emozionarsi per quanto fosse tabù questo atto!

"Liz", ho chiesto, "vuoi che ti scopi?"

"Per favore, fottimi, zio Patrick!"

Ho allineato il mio cazzo con la sua figa e ho strofinato la testa sulle sue labbra per lubrificarla un po'. “Questo potrebbe farti un po' male, Liz. Fammi sapere se vuoi che mi fermi o rallenti. Ha semplicemente scosso la testa "ok" e ha fissato il mio pene che stava per penetrarla per la prima volta. La guardavo in viso e volevo vedere l'espressione che aveva quando entravo in lei.

Mi sono spinto in avanti e ho sentito la punta del mio cazzo entrare in lei. Il suo viso si contrasse. "Ungh." Le ho chiesto se stava bene e se dovevo continuare. "Uh Huh." Mi sono tirato indietro leggermente e ho spinto di nuovo in avanti. Metà del mio cazzo era dentro di lei. "Ehm." Mi sono tirato indietro e ho mosso di nuovo i fianchi in avanti, seppellendo così il mio cazzo in profondità nella sua figa adolescente. Il mio bacino era premuto contro il suo. "Oh si."

Ho iniziato a pompare dentro di lei. Mi stavo prendendo il mio tempo, lasciando che si abituasse alle dimensioni del membro dentro di lei. Mi sono chinato e ho messo il peso sull'avambraccio destro mentre continuavo a spingerla dentro. Mi sono chinato e l'ho baciata brevemente e poi ho iniziato a baciarle e succhiarle il collo e la clavicola mentre le accarezzavo il seno destro con la mano sinistra. Le ho pizzicato il capezzolo e lei ha gemito la sua approvazione. Ovviamente le piaceva un po' di dolore ai capezzoli, quindi l'ho girato leggermente. Lei gemette di nuovo. Lo amavo!

Continuavo a scoparla e la sua figa fradicia mi faceva scivolare facilmente. Dentro e fuori. Dentro e fuori.

“Vaffanculo, zio Patrick. È così bello Fottimi di più!" stava urlando. Lo adoravo. Era stretta, bagnata e troppo giovane e ne ho amato ogni secondo.

“Cazzo, la tua figa da quindicenne è così bella sul mio cazzo, Liz. Oh, sì, adoro scopare la tua figa adolescente! Diventavo ancora più difficile ogni volta che una di noi diceva quanti anni aveva o che presto saremmo diventati parenti.

Mi sono avvicinato, ho afferrato la sua gamba destra e me l'ho messa sopra la spalla. Ho iniziato a colpirla più forte e più velocemente. Il suono del mio bacino e delle mie palle che la colpivano echeggiava in tutta la stanza; probabilmente tutta la casa.

"Oh, oh, oh, oh, oh, oh", arrivò il suono della sua scopata. “Vaffanculo, zio Patrick. Fanculo a me! Fanculo la mia figa adolescente! Questa ragazza normalmente timida e riservata stava decisamente uscendo dal suo guscio in camera da letto.

L'ho afferrata per il culo e l'ho stretta forte mentre la scopavo. Stava muovendo le mani sulle mie braccia, schiena, sedere e gambe, esplorando completamente il corpo di un uomo per la prima volta. Continuavo a pistonare dentro e fuori da lei. Ho fatto scivolare il dito medio nella fessura del suo culo e ho iniziato a creare dei cerchi attorno al suo buco. "Ooohhhh" fu la sua risposta.

"Vuoi fare qualcosa che faccia sentire davvero bene lo zio Patrick, Liz?" Ho chiesto.

"Uh huh" fu l'unica risposta che riuscì a ottenere.

"Allora massaggiami come sto massaggiando te in questo momento."

Ho sentito la sua mano muoversi lungo il mio culo e un dito è scivolato nella mia fessura e ha trovato il mio buco. Iniziò a creare dei cerchi attorno al mio buco raggrinzito. Ero in paradiso a scopare questa ragazza.

Ho continuato a scoparla. Mentre lo facevo, ho usato i succhi della sua figa che le gocciolavano nel culo come lubrificante e le ho infilato un po' il dito nel culo. Ha seguito l'esempio usando il sudore come lubrificante per me. Ho sentito il suo dito inserirsi dentro di me fino alla prima nocca. Entrambi continuavamo a riempirci i buchi a vicenda. La stavo sbattendo contro ancora più forte. Mi stavo avvicinando rapidamente al mio orgasmo.

“Cazzo, sì, Liz, sto per venire. Cazzo sì. Oh si."

"Uh, uh, uh, uh, uh, vaffanculo, uh uh, uuuuhhhhh." Liz ha avuto il suo secondo orgasmo della sessione, il terzo della giornata. Sapevo che avrei dovuto tirarmi fuori, diavolo, avrei dovuto indossare un preservativo per tutto il tempo, ma dovevo solo venire dentro questa giovane figa stretta. Non riuscivo a uscire da lei. Ho spinto il dito più in profondità che potevo nel culo di Liz. Non potendo arrivare oltre per penetrarmi il culo più a fondo, ho sentito Liz colpirmi con un secondo dito che si è sfondato. La penetrazione extra unita alla sua figa che stringeva il mio cazzo mentre il suo orgasmo si calmava era troppo per me.

"Sei pronto a sentire il tuo primo carico di sperma spararti nella figa?" Le ho chiesto.

"Riempi la mia figa da quindicenne, zio Patrick!" urlò di rimando.

Sapeva davvero come arrivare a me! Ho dato un paio di ultimi colpi e poi mi sono spinto dentro di lei ed sono esploso. Il mio primo colpo potrebbe essere stato il più grande che abbia mai avuto. Ho sparato 5 corde di sperma dentro l'adolescente prima di lasciarlo dentro di lei per finire di gocciolare vuoto. Sono crollato sopra di lei e le ho dato un bacio profondo prima di ritirare finalmente il mio pene flaccido e sdraiarmi accanto a lei.

"Cosa pensavi di perdere la verginità?" Ho chiesto.

“Quando potremo farlo di nuovo?” ribatté lei.

"La mattina. Adesso è tardi, dormiamo un po'."

Ho guardato in basso e ho visto il mio sperma fuoriuscire lentamente dalla sua figa adolescente usata e mi sono addormentato.

Storie simili

LA SORELLA DELLA MOGLIE VIENE A STARE DOPO IL DIVORZIO - PT 1

Sandy aveva circa trentacinque anni quando lei e suo marito decisero di farla finita. Erano stati in un matrimonio abbastanza tranquillo e poco interessante per circa sei anni, ed era chiaramente ora di cambiare. Sorprendentemente, non era davvero distrutta per aver lasciato la relazione, solo un po' delusa e contenta di andare avanti. Una volta presa la decisione, Sandy ha chiamato sua sorella, Paula, per vedere se poteva stare con lei e suo marito per un po'... almeno fino a quando Sandy non avesse riavuto le sue gambe da single. Paula aveva un anno in più di Sandy e si assomigliavano...

764 I più visti

Likes 0

La nostra esperienza sessuale

Questo segue la prima parte della scena di sesso sulla nave da crociera in cui io e mia moglie ci abbandonavamo sul ponte della nave. Tornando nella nostra cabina, ci eravamo un po' rinfrescati dal fantastico divertimento orale, pisciato, anale e dall'ingoio di sperma. Eravamo un po' stanchi, ma non abbastanza stanchi per farci una doccia, metterci la biancheria da notte e rilassarci un po' prima di andare a letto. Mia moglie (Sandy) si è scusata perché voleva usare il bagno. Ho acceso la TV e mi sono rilassato per un po' per guardare qualche soap sul canale. Quando sono trascorsi...

359 I più visti

Likes 0

Le cronache della discesa di Suzie - parte 2

Parte 2 Un giorno ero al lavoro e facevo il solito... lavoravo per un altro giorno pieno di cazzi di gomma. Da quando i miei figli avevano buttato via TUTTA la mia biancheria intima. Matt si era preso la briga di farmi un paio di piccole cinghie attaccate a un tassello di pelle. Questo teneva fermo il mio dildo e teneva nascosto il mio cazzo. È stato facilissimo da montare e slacciare molto velocemente... quanto è stato premuroso da parte sua! Uscii dal gabinetto e trovai Sue, una delle altre commesse, appoggiata al bancone. L'ho guardata negli occhi e non potevo...

298 I più visti

Likes 0

Confessione a papà_(2)

Ho qualcosa da dirti papà, ma non posso semplicemente dirlo, devo dirti altre cose con esso, ok? Ma ci arriverò, lo prometto. La casa era tranquilla. Eri al lavoro da diverse ore e io avevo già finito le mie faccende. La nostra camera era pulita, i piatti riposti, il bucato piegato... e mi annoiavo. Ero sdraiato sul divano pensando a te ed ero così eccitato che, anche se so che non mi è permesso, ho iniziato a toccarmi. Volevo il cazzo di papà ma non saresti a casa per ore! Ho iniziato lentamente, strofinandomi il clitoride con una mano e prendendomi...

3.1K I più visti

Likes 0

Papà torna a casa dal lavoro (pt. 9)

Mi sono svegliato luminoso e presto un sabato mattina con la meravigliosa sensazione di un pompino mattutino. Non era da mia moglie darmi la testa, ma ogni tanto mi sorprendeva in questo modo quando si svegliava di umore piuttosto vivace. Ho apprezzato la sensazione delle labbra bagnate che scivolavano su e giù per il mio palo e la mano che mi accarezzava le palle, la mano sembrava familiare e non come quella di mia moglie, quindi ho finito di strofinarmi gli occhi e ho guardato in basso per trovare mia figlia Rosie che mi maneggiava amorevolmente. Non preoccuparti papà, la mamma...

2.3K I più visti

Likes 0

Cambiare la realtà (parte 3)

Ciao ragazzi e ragazze! È Chase. Sai, la persona di cui parla questa storia. So cosa stai pensando – Questo non può essere vero. Bene, ti assicuro che lo è assolutamente. Non posso provartelo, a meno che non ci incontriamo un giorno e anche allora, dovrei raccontarti tutto da capo. È qualcosa che non è molto probabile che farò poiché qualsiasi esposizione di chi e cosa sono potrebbe portare alla mia cattura da parte di qualcuno che desidera trasformarmi in una specie di cavia. Non so voi, ma non sono molto entusiasta di essere rinchiuso per il resto dell'eternità e di...

1.9K I più visti

Likes 0

Asmodeus - Demon of Lust: Parte 8

A/N – Miei cari lettori! Grazie a tutti coloro che sono rimasti accanto a me e a questa storia per così tanto tempo. Mi scuso sinceramente per l'attesa tra questo capitolo e il precedente; Ho davvero scritto ogni volta che ho potuto. Dubito che ogni singolo capitolo varrebbe un anno intero di attesa, ma come per tutto ciò che scrivo ho riversato la mia anima nella parte 8 e spero sinceramente che ti piaccia leggerla. Come sempre, PER FAVORE, vota, commenta e inviami un'e-mail! Mi piace sentirvi ragazzi e risponderò a ogni e-mail. Buon Anno! Saluti, Steelkat Parte 8 Passeggiamo per...

1.8K I più visti

Likes 0

Per favore, lasciami andare

Gliel'ho lasciato fare. Gli ho lasciato toccare il mio cazzo. Suppongo di aver ceduto alle mie voglie di voler venire a qualunque costo, anche se non avevo alcun desiderio per lui, nessuna persona del mio sesso. Mi sono sdraiato sulla schiena e l'ho lasciato fare a modo suo con me. Non è che fosse un estraneo. Cominciò ad accarezzarmi dolcemente. Colpi lunghi e morbidi con la punta del dito su e giù per la mia asta. Sembrava molto surreale che il mio migliore amico mi stesse accarezzando il cazzo. Ha notato che c'era un allentamento pre-sborra dalla sua punta. Chinò la...

1.5K I più visti

Likes 0

Il mio villaggio delle MILF

Storia di Fbailey numero 776 Il mio villaggio delle MILF Lo zio Charles mi ha lasciato la sua enorme fattoria alla periferia della città. Era seicentoquaranta acri o quello che chiamano una sezione. Ha una dimensione di un miglio per un miglio. Mio padre mi aveva lasciato la sua sezione e si unirono naturalmente. Sul retro della mia terra c'era una ripida scogliera in un ampio letto di fiume. Ciò ha reso il retro centrale quasi invisibile a chiunque fosse al di fuori della mia proprietà. Avevo una piccola impresa che produceva e vendeva case prefabbricate. Rimorchi essenzialmente a doppia larghezza...

1.5K I più visti

Likes 0

Pericoloso 2

Pericoloso 2 Lì giacevano per quella che sembrava un'eternità in pochi minuti. Lei in uno stato di trance per il suo calvario, lui solo felice di essere lì, con il suo giocattolo; questa donna. La sua faccia tra i suoi capelli mentre lei giaceva su di lui quasi scivolando nel sonno mentre si rilassava di più con quest'uomo, che l'aveva così portata quasi al limite poco prima. Si stava godendo questo momento; poteva sentire il suo calore, sentire il suo profumo, inebriarlo Poteva giacere qui con questa donna per sempre, respirando il suo profumo, sentendola calore. Ma non è per questo...

1.1K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.