La visita alla famiglia continua

850Report
La visita alla famiglia continua

Quando Todd è entrato per colazione oggi, volevo strisciare sotto il tavolo e prenderlo in bocca. Ma con nostra madre seduta lì, ho dovuto respingere l'impulso. Gli lanciavo occhiate furtive e, quando mamma leggeva il giornale, mi strizzava l'occhio. Per tutta la colazione ho sentito i miei pantaloncini bagnarsi. Alle 9 la mamma si è alzata ed è andata al lavoro. Mi sono alzato e ho sparecchiato. Ho deciso di strofinare il mio culo contro il suo braccio mentre passavo. Dato che papà era partito presto questa mattina, sapevo che ora eravamo soli.

Todd si alzò quando raggiunsi il lavandino e mi avviai verso di me. Potevo praticamente sentire ogni passo che faceva. Ho resistito a guardarlo e ho cercato di concentrarmi sul riempimento del lavandino per lavare i piatti. Si avvicinò dietro di me e premette il suo petto contro la mia schiena. Passando le mani sui pantaloncini ha iniziato ad accarezzarmi i fianchi e le cosce. Mi sussurra all'orecchio: "Come ti senti Cassie?" Inarco la schiena in modo che la mia testa poggi sulla sua spalla e il mio culo prema contro il suo inguine, "Così buono." Gemo dolcemente mentre le sue mani scivolano sotto la mia canotta e mi prendono il seno. I miei capezzoli iniziano a indurirsi al suo tocco e sento la mia figa stringersi con desiderio. Devo averlo in bocca. Voglio assaggiare il mio fratello maggiore.

Mi giro e gli bacio il collo: "Ho bisogno di te, Todd. Devo averti." Todd tira i miei fianchi verso i suoi e sento il suo cazzo duro "Sono proprio qui, Cass." Sussulto un po' e gli mordo il collo. Spingo le mani nei suoi pantaloni e lo massaggio. Una mano sulle palle e l'altra che gli strofina la testa. Li strofino entrambi in cerchio, stringendolo dolcemente. La sua testa cade all'indietro e posso sentire il suo respiro accelerare. Non ne ho mai abbastanza mentre mi metto in ginocchio, tirando giù i suoi pantaloni con me. Mentre faccio scorrere la lingua sulla sua asta, impreca e afferra il lavandino. Sorrido e bacio la sua testa palpitante. Far vorticare la mia lingua intorno a lui e baciarlo di nuovo.

"Cazzo, Cassie." Todd geme mentre finalmente prendo la sua testa nella mia bocca. Strofino la lingua su di lui e intorno a lui. Mi concentro solo sulla sua testa finché non assaggio il suo precum e i suoi fianchi iniziano a sussultare. Gemo e prendo più che posso in bocca. Muovo la bocca su e giù. Prima lentamente, poi velocemente e di nuovo lentamente. Todd ha iniziato a scoparmi la bocca senza controllo e io apro la bocca, lasciando che mi scopi la bocca. Mi prende la testa con entrambe le mani e inizia a sbattermi la gola. Non posso fare a meno di vomitare un po', ma a lui piace e non voglio che smetta. Gli afferro i fianchi e gli appoggio le unghie. Mi infila tutto il suo cazzo in bocca e io vomito più forte. Geme ad alta voce, "Sei una brava ragazza Cass! Gesù sì!" Tira fuori il suo cazzo bavoso dalla mia bocca e io sussulto per riprendere fiato.

Todd mi prende per le spalle e mi tira su. La sua bocca prende le mine e la sua lingua accarezza le mine. Gemo dolcemente contro la sua bocca e comincio a spingere giù i miei pantaloncini. Mi sorride "Vai a sederti sul divano e allarga quelle gambe per me." Vado in soggiorno e faccio come mi è stato detto. Mi siedo in mezzo e metto i piedi su ciascun lato sul divano. Allargando le mie gambe e la mia figa in modo che possa vedermi tutto. Mi segue dentro e lo guardo in piedi di fronte a me, accarezzando lentamente il suo cazzo bagnato. Non posso fare a meno di implorare "Per favore fottimi Todd. Ho bisogno del tuo cazzo in me". Sfrego le mie dita sulla mia figa bagnata e strofino i miei succhi sulle mie labbra morbide. Si avvicina e sorride "Non sono ancora pronto. Voglio che tu muoia per questo cazzo." Gemo "Ma io lo sono!" Si mette in ginocchio davanti alla mia figa e mi bacia il clitoride. Fa scivolare il dito nel mio buco rosa e sorride "Quasi pronto ma non del tutto, piccola. Lascia che il tuo fratello maggiore si prenda cura di te."

Prima che io possa rispondere le sue labbra sono intorno al mio clitoride, succhiando e leccando. Non ho potuto farne a meno mentre la mia schiena si inarca e le mie mani vanno in cima al divano. Mi aggrappo mentre gira e tira il mio clitoride tra le sue labbra. "Oh mio dio Todd! Oh Todd!" gemo ancora e ancora. Mi afferra i fianchi e mi tiene giù mentre continua a farmi impazzire. "Todd sto venendo. Sto venendo! Oh Todd!" La sua lingua scivola dentro di me mentre ho uno spasmo e raggiungo uno dei miei migliori orgasmi. Gli afferro i capelli e lo tengo stretto a me mentre glielo cavalco sulla bocca. Quando comincio a rilassarmi, lo lascio e lui si alza. Riesco a vedere il mio sperma sul suo mento e sulle sue labbra. Lo prendo per la maglietta e lo tiro a me.

Lo bacio forte e avvolgo le mie gambe intorno ai suoi fianchi. Tenendolo lì così il suo cazzo è premuto sulla mia figa palpitante. Gli lecco il mento e gemo "Non farmi aspettare più". Lui geme e posiziona il suo cazzo nel mio buco. Mi colpisce forte e io gemo. Mi riempie così bene! Geme nel mio orecchio "Mi fai venire voglia di scoparti tutto il giorno Cass. Ti senti benissimo con il mio cazzo." Comincio a macinare "Allora fottimi Todd. Sbattimi la figa". Gli mordo la spalla mentre inizia a picchiarmi. Guidando dentro di me mentre entrambi gemiamo e ansimiamo. Gemo dolcemente nel suo orecchio "Vuoi venire di nuovo in me, vero? Vuoi riempire tua sorella, vero?" Lui geme forte e mi scopa più forte "Sì piccola sì! Oh fanculo Cassie!" Sto gemendo più forte e incontro la sua spinta. "Sborrami dentro, fratello maggiore!"

Todd mi stringe forte le braccia intorno e geme mentre si spinge completamente dentro di me. Posso sentire il suo cazzo saltare mentre finisce dentro di me. Ci stringiamo l'un l'altro mentre cerchiamo di riprendere fiato. Sono il primo ad allontanarmi da lui e lui si alza, passandosi una mano tra i capelli. Comincio a dirigermi verso la doccia e lui mi segue. Quando lo guardo, lo vedo che guarda il mio culo rimbalzare, "Ti unisci a me?" Sorride e mi schiaffeggia il culo, "Pensi che ti lasci fare la doccia da solo? Non ho neanche lontanamente chiuso con te."

Storie simili

Escursionismo

Mia sorella ed io amavamo la vita all'aria aperta e passavamo sempre del tempo fuori. Abbiamo trascorso molto tempo a programmare un viaggio per fare escursioni nella foresta e accamparci per qualche notte. Ci siamo preparati per molti giorni e abbiamo preparato tutte le nostre cose. Siamo partiti la mattina presto e abbiamo camminato per gran parte della giornata, quindi ci siamo fermati e abbiamo pranzato. Dopo aver acceso un fuoco e aver pranzato, siamo ripartiti. Verso le 5 ci siamo fermati per la notte. Sono andato a caccia mentre mia sorella ha allestito il campo. Ho sparato ad alcuni scoiattoli...

616 I più visti

Likes 0

Ho reso la ragazza popolare la mia schiava del dolore 3

Mi sveglio lentamente con una strana sensazione, qualcuno nel mio letto con me. Ricordo la scorsa notte con Taylor tutte le cose che avevamo fatto, i piaceri che ci eravamo fatti provare ma soprattutto ricordo quello sguardo nei suoi occhi e il modo in cui mi aveva detto che pensava di innamorarsi di me solo prima che si addormentasse avvolta tra le mie braccia. Sento che il mio cazzo è duro e preme contro il suo culo, si muove e allarga le gambe dandomi un facile accesso alla sua figa. Rimango lì per un momento cercando di capire se sta dormendo...

259 I più visti

Likes 0

Bobby e Jonnie erano innamorati

Aveva diciassette anni e ancora non era mai stata baciata, tranne quando ha incontrato Bobby. Aveva anche lui diciassette anni e, sebbene fosse stato baciato più volte dalle signore, non era mai arrivato in seconda base, tanto meno in terza oa casa. Ma erano innamorati, amore da cucciolo comunque, e per loro sarebbe durato per sempre. Bobby e Jonnie erano ragazzi in una scuola superiore del Midwest nel bel mezzo della campagna, quindi sapevano cosa fosse il sesso. Ma quando si è trattato di viverlo davvero, nessuno dei due aveva la più pallida idea da dove cominciare. Erano stati insieme dalla...

625 I più visti

Likes 0

Ufficiale superiore

Ensign, è meglio che ci sia un'ottima ragione per essere qui Il guardiamarina Philips non aveva una buona ragione per essere nella sala degli ufficiali, sentiva il cuore crollare sui suoi stivali da combattimento Girati quando ti parlo Guardiamarina Il guardiamarina Philips si voltò lentamente, con le spalle leggermente cascanti per la sconfitta, quando vide chi lo affrontava, dimenticò completamente le vere ragioni per essere qui, infatti praticamente si dimenticò di tutto Allora Guardiamarina, che diavolo ci fai qui nella Sala Ufficiali? Il capitano Jean Harigan, l'unica donna ufficiale sulla nave e non solo è l'unica donna ufficiale sulla nave, è...

340 I più visti

Likes 0

Come un buon vicino - 2

Nelle due settimane successive Linda venne a trovarmi un paio di volte per parlare e di solito per aiutarsi con il mio grosso cazzo da 7 pollici. Ho preso dei lettini più robusti per il mio mazzo perché si stavano allenando più di me che leggevo e mi rilassavo. Vedere Il corpo sexy di Linda che passeggiava dal suo cortile ora mi faceva sempre tremare il cazzo in attesa, poiché sapevo che probabilmente sarebbe stato presto seppellito nella sua figa stretta.Questo poteva accadere indipendentemente dal fatto che suo marito Jeff fosse a casa o meno, anche se di solito quando era...

271 I più visti

Likes 0

Tim, l'adolescente parte XV

Nota: ——NON sono l'autore! Ci sono diversi autori in realtà, non sono così sicuro che qualcuno di loro sia il creatore, ma so che non sono io. Sto semplicemente condividendo questa bella storia con tutti voi perché non l'ho vista qui. Ora in origine dovevano essere tutte 9 parti, ma... Qualcuno ha detto che la prima era troppo lunga, quindi ho deciso di dividerle tutte in post più piccoli. Ho pensato di provare un aspetto e una struttura della frase diversi per questo capitolo, per favore fatemi sapere come vi piace. BUON APPETITO--- Tim, l'adolescente parte quindici di: Rass Senip +++...

952 I più visti

Likes 2

Lascia che una Playa giochi

Lascia che A Playa Play Storia di Charles che usa il suo bell'aspetto e il suo fascino per scopare tutte le donne che vuole. Oooohh cazzo, mmmmm. geme con una gamba sulla mia spalla, mutandine nere con rifiniture rosa che pendono dal suo piede mentre attacco vigorosamente la sua figa con la mia lingua. Essendo questo il suo ultimo giorno di lavoro, ho pensato di mandarla via con un regalo d'addio. Più simile a questo è ciò che ti mancherà presente. Mentre si morde il labbro, mi afferra la nuca e mi preme il viso nella sua figa bagnata. Non sai...

788 I più visti

Likes 0

Jimmy, i suoi fratelli e sua madre

Storia di Fbailey numero 713 Jimmy, i suoi fratelli e sua madre Jimmy, Billy e Joey stavano parlando ad alta voce di Mandy e di sua sorella gemella Candy. Stavano parlando di come le due belle ragazze avessero permesso a Jimmy e ai suoi due fratelli di sentirsi a proprio agio. La cosa su cui erano più irremovibili era che erano troppo spaventati per fare di più alle due ragazze. Erano abbastanza sicure che le ragazze avrebbero permesso loro di andare oltre e che avevano perso l'occasione di scoparle con le dita. Fu allora che la loro madre entrò nella stanza...

131 I più visti

Likes 0

The Cosby Show - capitolo 1

Era una normale mattinata in casa Huxtible. Claire Huxtible ha chiesto ai bambini di venire a mangiare prima che dovessero partire per la scuola. Ma erano tutti di sopra a vestirsi. Heathcliff pensava che questa fosse la migliore opportunità per fare qualcosa che avrebbe sempre voluto fare, farsi fare un pompino da Claire in cucina. Quindi Heathcliff è sceso al piano di sotto, ma mentre stava attraversando il corridoio si è affacciato nella sua stanza di Rudy e Vanessa e ha visto Rudy nudo che si vestiva per la scuola. Poteva vedere la sua figa vergine glabra di 12 anni e...

134 I più visti

Likes 0

Papà torna a casa dal lavoro (pt. 9)

Mi sono svegliato luminoso e presto un sabato mattina con la meravigliosa sensazione di un pompino mattutino. Non era da mia moglie darmi la testa, ma ogni tanto mi sorprendeva in questo modo quando si svegliava di umore piuttosto vivace. Ho apprezzato la sensazione delle labbra bagnate che scivolavano su e giù per il mio palo e la mano che mi accarezzava le palle, la mano sembrava familiare e non come quella di mia moglie, quindi ho finito di strofinarmi gli occhi e ho guardato in basso per trovare mia figlia Rosie che mi maneggiava amorevolmente. Non preoccuparti papà, la mamma...

302 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.