Figlia e amici bendati papà

871Report
Figlia e amici bendati papà

Dilarrydownunder©
Era sabato sera tardi e, nonostante avessi bevuto qualche drink, ero tutt'altro che ubriaco. La festa stava finendo e mia moglie si era ritirata a letto da tempo. Seduto nel salotto e parlando con mia figlia e la sua amica non ho potuto fare a meno di notare quanto si somigliassero. Deb, l'amica di Steph, aveva la stessa età di Steph ma più sviluppata. Il suo seno ampio le riempiva la maglietta attillata ed era difficile non guardarlo.

"Non si assomigliano, Marie?" ho detto, guardando la mamma di Deb.

Marie aveva un aspetto mediocre ma il suo corpo era ben tenuto e anche lei aveva il seno pieno.

"Oh, sono molto simili", disse, "tanto che scommetto che non potresti distinguerli se fossi bendato."

Ho riso e ho detto "Immagino che non lo sapremo mai, per quanto interessante possa sembrare".

Ormai Marie stava sussurrando all'orecchio di Deb ed entrambe risero. Deb ha portato Steph fuori e li ho sentiti ridacchiare.

"Che cosa hai detto a Deb?" ho chiesto.

Marie aveva notato che guardavo Deb durante la notte, si alzò e si avvicinò alla mia sedia. Inginocchiata accanto a me si chinò e mi sussurrò all'orecchio.

"So che stai guardando mia figlia e ho pensato che potremmo sperimentare," la sua mano mi massaggia dolcemente l'inguine.

Ero già gonfio prima che lei arrivasse e il suo tocco lo intensificò.

"Che cosa hai in mente?" chiedo.

"Bene," sussurra, "scommetto che non potresti dire chi è chi se fossi bendato e non ti fosse permesso usare le mani."

A quel punto le ragazze rientrarono e Steph aveva in mano una delle sue sciarpe.

"Stai giocando, papà?" ridacchiò.

Il pensiero di due diciottenni e di Marie era molto invitante e ho iniziato ad alzarmi. Steph mi ha messo la benda intorno agli occhi e l'ha legata in modo che non potessi vedere affatto.

L'attesa per ciò che sta accadendo diventa ancora più forte. Le mie mani vengono tirate indietro dietro di me e sento un sussurro nel mio orecchio.

"Sush, lo adorerai", dice con una voce dolce e seducente, le sue labbra a pochi millimetri dal mio orecchio.

Le mie mani sono legate e fissate a qualcosa, quindi non riesco a muoverle. Stanno tutti e tre intorno a me, ognuno di loro mi prende in giro un po'.

"Facciamola finita con questo," dice Marie mentre sento le sue mani sui miei jeans.

Li slaccia lentamente e mentre mi bacia li sento cadere a terra. Con l'aiuto di alcune mani esco dai jeans ed eccolo lì. Mani piccole ma calde scivolano nei miei pantaloni e mi prendono in giro. Il mio cazzo è già più duro che mai e posso sentire il respiro caldo su di esso mentre anche i miei atleti vengono rimossi.

Insieme mi sdraiarono sul pavimento, ognuno a turno per accarezzarmi. Poi c'è di nuovo silenzio, ma una specie di euforia mi prende quando sento la pelle sulle gambe. C'è qualcuno che sta sopra di me e posso percepirlo. Si accovacciano e si abbassano leggermente su di me.

Il mio cazzo dolorante viene inghiottito dalle labbra bagnate della vagina di una donna molto sensuale. Si abbassa su di me e io scivolo più profondamente in lei. Quando sono quasi completamente dentro lei si ferma e inizia a tirarsi su stringendomi mentre fa.

Cerco di prenderne di più ma le mie mani non riescono a muoversi. Di nuovo si abbassa, questa volta girandosi da un lato all'altro finché non sono completamente dentro. Posso sentire le sue labbra bagnate sulla mia pelle mentre si dondola avanti e indietro.

"Di più," sussurro, "di più."

Ma prima che me ne renda conto, si solleva.

Mi sforzo per raggiungerla e poi li sento di nuovo inghiottirmi, ma questa volta è più stretto e meno bagnato e mi rendo conto che sono una persona diversa.

Presto è completamente abbassata e spingo i fianchi per incontrarla. Lei digrigna i fianchi verso di me e poi, proprio come prima, si alza in volo.

"Ancora, torna indietro" imploro dolorante per il piacere della calda vagina che ho sentito, ed eccola lì.

Si abbassa su di me ma questa volta con più forza e si lascia cadere su di me. Sento la fitta mentre la stoppia di una figa rasata mi colpisce l'inguine e si dondola avanti e indietro facendomi pulsare dentro di lei. Maledizione, se n'è andata anche lei. Brevi scoppi di piacere e poi sì, posso sentirli di nuovo.

Le labbra che massaggiano la testa mentre si abbassa verso di me.

"Oh Dio, ancora," la supplico, "avvicinati" e lei si sporge in avanti.

Il suo capezzolo mi sfiora le labbra. È così gonfio e le mie labbra le afferrano mentre lei si dondola avanti e indietro su di me, la sua areola rigida mentre la lecco, dando un colpetto al capezzolo gonfio ogni volta ed eccola di nuovo lì.

Rimettendola rapidamente, le pareti strette mi afferrano di nuovo, questa volta più invitante, più lubrificata e lei fa scivolare il suo seno nella mia bocca. La sua figa stretta mi massaggia il cazzo dolorante mentre voglio esplodere. La mia bocca copre la sua areola con facilità, stringendo tra i denti il ​​suo capezzolo inizia a sbattermi contro e poi si stacca. Rilascio il capezzolo con riluttanza. Ancora una volta un altro la sostituisce rapidamente.

L'eccitazione è quasi troppo da sopportare mentre fa la sua magia su di me, strusciandosi dentro di me, strofinando le sue labbra lisce sul mio cazzo finché il suo corpo ispido non cade su di me. Lo imploro e lei mi lascia cadere la tetta in bocca. L'areola dura già corrisponde al suo capezzolo sodo.

Faccio schifo come un uomo selvaggio, prendendo più della sua areola che posso. Il suo capezzolo è profondo nella mia bocca mentre mi munge, sollevandolo e abbassandolo, stringendolo, gemo con il suo splendido seno in bocca e mentre sto per esplodere lei si solleva di nuovo.

Aspettando che cada, posso sentire l'ondata dentro di me.

"Oh Dio" mormoro ed ecco fatto.

Di nuovo le labbra calde e bagnate. Massaggio come prima e non riesco a fermarmi. Porta il suo ampio seno alla mia bocca e mentre la allatto si alza e si abbassa, stringendomi proprio come prima per tutto il tempo e io scatto. Le sue pareti mi stringono come se cercassero di fermarlo, ma non riesco più a sopportare il piacere e rilascio tutto ciò che ho nel profondo della sua figa calda.

Lei risponde con un forte gemito e si struscia contro di me afferrandomi. Le mordo il capezzolo ormai gonfio e lei si sbatte su di me. Le sue pareti si spaccano quando raggiunge l'orgasmo e insieme crolliamo.

Si sdraia su di me trattenendo i nostri succhi mentre si mescolano in attesa di uscire. Completamente esausta, rotola di lato. Posso sentire il suo respiro e i suoni del piacere mentre i nostri succhi combinati fuoriescono dal suo corpo. Lei si irrigidisce contro di me e capisco il perché.

Anch'io sento le labbra sul mio cazzo che ne prendono i resti del mio sperma. La lingua fruga nei suoi occhi e può solo supporre che anche lei stia ricevendo lo stesso trattamento, ma io ancora non riesco a vedere. Rimasi lì, completamente esausto, chiedendomi fino a che punto andrà tutto questo.

Storie simili

Le mie prime volte...

Ho parlato con Gary per più di due anni. La nostra relazione era iniziata online. Ha visto una risposta che avevo dato in una chat room e mi ha inviato un messaggio. All'inizio non sembrava interessante, ma più chiacchieravamo e più mi piaceva. Sono cauto per natura, quindi non ha avuto il mio vero nome per più di sei mesi, e anche allora solo il mio nome. A nove mesi gli ho dato il mio numero di cellulare e abbiamo iniziato a parlare al telefono. Dieci mesi ci hanno trovato a fare sesso telefonico regolarmente, cosa che avveniva principalmente nei fine...

2.1K I più visti

Likes 0

Una giornata nel bosco Capitolo 14

Bene, tutto - ecco l'atteso capitolo 14. Questa volta non ho elencato tutti i temi - spero che questa storia abbia un po' più di seguito ormai e quelli non sono necessari? Comunque... Capitolo 14 Paul tornò a casa più tardi quel pomeriggio. Ray se la stava cavando abbastanza bene. Gli ci sarebbe voluta una settimana per riprendersi completamente, se non fosse stato per le sue abilità da lycan ci sarebbero volute tre settimane. Paul sperava che Jess stesse andando bene quanto Ray. Entrò in casa e sentì Jess al piano di sopra. Salì le scale, guardò nella loro camera da...

414 I più visti

Likes 0

GIORNO STRESSANTE

PARTE 1 immagina di tornare a casa da una lunga giornata di lavoro, sei stanco e stressato, tutto ciò che potrebbe andare storto include essere in ritardo al lavoro, il tuo collega che ruba il tuo parcheggio, il tuo computer si è bloccato, il che ti ha fatto inviare gli ordini in ritardo, e poi qualcuno ti ha fatto a pezzi mentre tornavi a casa dal lavoro. arrivi a casa dove ti sto aspettando, apro la porta indossando solo la mia corta camicia da notte di seta azzurra con bordo in pizzo bianco, una vestaglia abbinata, un sorriso sfacciato. mi guardi...

2.8K I più visti

Likes 0

La casa adottiva

La casa adottiva Disclaimer: quanto segue è un'opera di fantasia. Pertanto, ho scelto di ambientarlo in un mondo in cui il controllo delle nascite è sicuro, efficace e disponibile al 100% e tutte le malattie sessualmente trasmissibili sono state sradicate. Nel mondo reale, alcune delle scelte che questi personaggi fanno sarebbero estremamente rischiose. Non comportarti come loro. La mascella di Michael cadde mentre fissava la donna nuda sul letto. Aveva visto donne nude sulle riviste, ma questa era la sua prima volta nella vita reale, e lei era altrettanto sexy delle professioniste delle riviste. Il suo corpo di quasi 30 anni...

1.1K I più visti

Likes 0

Morgan L.

Morgan L Morgan era seduta nella sua cucina adesso per la prima volta e cominciò ad avere dei dubbi, mio ​​Dio, pensava che avessi appena passato la notte a scopare due amici di mio figlio. Mi sono divertito da morire, ma i ragazzi parlano che non vorrei che Terry lo scoprisse. Vorrei rivederli, ma potrebbe diventare difficile quando Terry è a casa. Il suo telefono squillò e un pezzo grosso si avvicinò e lei rispose immediatamente, quello che Morgan non sapeva era che i suoi due nuovi amici del sesso stavano organizzando una gangbang con lei per sabato sera. Sabato mattina...

561 I più visti

Likes 0

Cornuto e moglie

Aveva un aspetto piuttosto semplice. O almeno l'ho pensato da lontano finché non ho visto i suoi profondi occhi verdi a mandorla. Mentre si avvicinava, potevo vedere le sue labbra a forma di arco leggermente rivolte verso l'alto. I suoi capelli erano neri come le piume di un corvo. È passata proprio davanti a me ed è entrata nel bar. I miei occhi seguirono il suo incredibile sedere mentre si dirigeva verso il bar e si sedeva proprio accanto a un uomo di colore molto bello e ben vestito. FANCULO! Mi sono seduto a pochi sgabelli da lei e dal suo...

1.2K I più visti

Likes 0

The House A Slave Addestramento e asta Capitolo 11 e 12

Capitolo 11 Padrona Liz Michael e Molly e Milton Mistress Liz-D mi dice che vuole parlarmi prima che cominci. D- Che cazzo ti prende? So che sei stato un po 'giù, quindi cosa succede? Liz- Penso di stare solo facendo i movimenti. Ciò di cui hai bisogno è una sessione difficile. So che ho solo bisogno di trovare il tempo e qualcuno, magari un passivo, che posso frustare e scopare forte. Non posso farlo con Michael forse uno dei nuovi una volta. Mi dice di prendere Milton ma di non ucciderlo. Michael e Molly entrano qui, inizieremo non appena arriva il...

894 I più visti

Likes 0

Ti costerà

Ti costerà Per anni io e mia moglie abbiamo scherzato su Ti costerà. È il nostro modo di prenderci in giro. Lo facciamo anche davanti ai bambini. Se mia moglie vuole che falci il prato o porti fuori la spazzatura, le dirò: Ti costerà e lei: Va bene. Poi mi allungo e le prendo la tetta dandole una piccola stretta o alzo la mia mano sulla sua gonna per sentire la sua figa ricoperta di mutandine. Di tanto in tanto mi dimentico di dirlo così mia moglie dirà: Quanto mi costerà? Ebbene, l'altro giorno ho offerto a mia figlia di quattordici...

3.9K I più visti

Likes 0

La Marina Medievale Parte Nove(1)

CAPITOLO XXXIX La sera prima era stata dura per Marion perché era ansiosa di finire la battaglia. Potevano sentire le grida delle donne provenire dal campo nemico mentre venivano violentate ed era tutto ciò che Luke poteva fare per tenere sotto controllo Marion e Gabriel. Lo ha fatto incoraggiando Marion a rivolgere la sua rabbia e ansia per assicurarsi che l'esercito fosse pronto a partire. I tre sono andati in ogni unità e hanno visitato le truppe per un po'. Marion si assicurò che nessuno di loro avesse domande sul perché fossero lì per combattere. Ovviamente nessuno di loro l'ha fatto...

860 I più visti

Likes 0

Teenage Mutant Ninja Turtles Fanfic Capitolo 2 - scusate è tardi

Di Hana M. Brimeck Chiudo la finestra, chiudo gli occhi, mi giro, ricado all'indietro e scivolo sul pavimento. Mi prendo un momento per riprendere fiato finché i miei pensieri non vengono interrotti da un brivido freddo. 'Ho bisogno di una doccia calda.' mi dico mentre finalmente mi rialzo dal pavimento con un gemito. Mi tolgo il maglione e il reggiseno bagnati, non come se stessero facendo molto per coprirmi comunque. Mi prendo un momento per toccarmi i seni tenendoli a coppa tra le mani in un futile tentativo di scaldarli. La mia gonna cade sul pavimento in un ciuffo bagnato, seguita...

747 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.