LA SORELLA DELLA MOGLIE VIENE A STARE DOPO IL DIVORZIO - PT 1

855Report
LA SORELLA DELLA MOGLIE VIENE A STARE DOPO IL DIVORZIO - PT 1

Sandy aveva circa trentacinque anni quando lei e suo marito decisero di farla finita. Erano stati in un matrimonio abbastanza tranquillo e poco interessante per circa sei anni, ed era chiaramente ora di cambiare. Sorprendentemente, non era davvero distrutta per aver lasciato la relazione, solo un po' delusa e contenta di andare avanti. Una volta presa la decisione, Sandy ha chiamato sua sorella, Paula, per vedere se poteva stare con lei e suo marito per un po'... almeno fino a quando Sandy non avesse riavuto le sue gambe da "single".

Paula aveva un anno in più di Sandy e si assomigliavano notevolmente... infatti, da bambini, le persone spesso avevano difficoltà a distinguerli. Una volta cresciuti, si assomigliavano anche fisicamente. Erano entrambe brune attraenti, con occhi castano chiaro e figure formose messe in risalto da grandi seni naturali. Scherzavano su quanto fossero fortunati ad aver ereditato le doti naturali della madre, il che ha portato a molte esplorazioni tra di loro, oltre a una grande popolarità tra i ragazzi del posto. Eppure... crescere in una piccola città rurale li ha tenuti un po' isolati da bambini, il che li ha portati a diventare straordinariamente vicini l'uno all'altro. Quindi, come previsto, la richiesta di Sandy è stata accolta con: "Certo ... resta quanto vuoi!"

"Credi che a tuo marito non dispiacerebbe?" chiese Sandy.

"Sì, probabilmente lo farà... sentirà che sta limitando il suo stile, ma lo supererà."

Quando Sandy arrivò il sabato successivo, Paula le aprì la porta e si scambiarono baci e un caloroso abbraccio. Paula portò sua sorella di sopra nella camera degli ospiti e l'aiutò a disfare i bagagli, poi le suggerì di fare una doccia per rilassarsi, cosa che Sandy accettò prontamente.

Pochi minuti dopo che Sandy si era spogliata ed era passata sotto il getto caldo della doccia, sentì la porta del bagno aprirsi e, attraverso il vapore che appannava le pareti di vetro della doccia, vide sua sorella entrare con indosso un corto accappatoio di spugna. Paula lasciò cadere l'accappatoio sul pavimento e aprì la porta del box doccia, unendosi a Sandy sotto l'acqua calda. Sandy sorrise a sua sorella, le pizzicò scherzosamente ciascuno dei capezzoli, poi la strinse in un abbraccio stretto, mentre l'acqua calda suonava un leggero staccato sulla loro pelle. Dopo pochi secondi, Paula interruppe l'abbraccio, allontanò Sandy da lei, in modo che fossero entrambi rivolti nella stessa direzione, e allungò la mano per massaggiarle i seni da dietro, mentre le piantava piccoli baci lungo il collo e la spalla.

Sandy mormorò: «Speravo che ti unissi a me. È passato così tanto tempo dall'ultima volta che abbiamo avuto modo di farlo.

Paula annuì, dicendo: "Lo so... non dall'ultima volta che tu e tuo marito siete venuti a trovarci".

Sandy sorrise e disse da sopra la spalla: "Vuoi dire 'ex marito'..."

Paula rise, strinse forte entrambe le tette di Sandy e disse: "Certo... ex marito... ora rilassati mentre ti faccio sentire a casa".

Paula afferrò il sapone e iniziò a insaponare le tette di Sandy, sollevando e strizzando la carne, poi pizzicando delicatamente ciascuno dei suoi capezzoli irrigiditi. Con una mano che ancora le accarezzava le tette, Paula fece scivolare l'altra lungo lo stomaco di Sandy e tra le sue gambe. Cominciò dolcemente a strofinare e pizzicare il suo clitoride, di tanto in tanto facendo scivolare due dita lungo le labbra della sua figa, poi facendole scivolare dentro e fuori dalla sua vagina, prima di concentrarsi nuovamente sul suo clitoride palpitante.

Sandy chiuse gli occhi e appoggiò la testa all'indietro contro le morbide tette di Paula, gemendo e mormorando mentre Paula continuava ad accarezzarla e strofinarla. Dopo alcuni minuti di stimolazione del clitoride e dei capezzoli di Sandy, Paula sollevò una delle gambe di Sandy e mise il piede sulla cresta lungo la parete della doccia... allargando le gambe ed esponendo la sua figa rasata. Usando ancora una mano per giocare con le tette insaponate di Sandy, Paula usò l'altra mano per afferrare il soffione manuale della doccia... lo trasformò in "pulse"... e lo puntò contro il clitoride gonfio e nudo di Sandy.

“Oh, mio ​​Dio, Paula….è fantastico….hmmmmm…aaahhhh…proprio lì….sì…..hmmmmm….cazzo, è passato troppo tempo…..aaaahhhhhh….”

Paula sorrise e le sussurrò all'orecchio: "Divertiti, sorellina... ti meriti un po' di piacere dopo tutto quello che hai affrontato di recente".

Sandy fece dondolare leggermente i fianchi contro il getto del soffione della doccia, allungò una mano dietro di lei per stringere le chiappe di Paula e mormorò: "Oh, merda... sto per venire... hmmmm... sì... proprio lì... proprio così….hmmmm….qui….it….sborra…..aaaaaahhhhhh…..aaaaahhhhhh….Dio, sì….aaaaahhhh.”

Sandy si crogiolò nel suo orgasmo per qualche minuto, poi prese il soffione della doccia da Paula e lo rimise al suo posto. Si voltò, avvolse le braccia attorno alla vita di Paula, afferrando e stringendo entrambe le natiche, mentre la baciava leggermente sulle labbra e la ringraziava per l'orgasmo... e per averla lasciata stare con loro per un po'.

Paula ricambiò il bacio e disse: “Sei sempre la benvenuta, sorellina. Ora, probabilmente dovremmo finire di fare la doccia prima che Ken torni a casa dal golf.

Quando Ken tornò a casa, le sorelle erano in cucina a preparare la cena. Entrò, diede un bacio a Paula, poi salutò Sandy con un abbraccio frettoloso, "Ehi, Sandy... come stai?" Poi, con uno sguardo alla moglie e un sorriso forzato, aggiunse: "Siamo contenti che tu sia qui... sentiti come a casa".

“Grazie Ken. È bello essere qui. Con una piccola strizzatina d'occhio a sua sorella, ha aggiunto: "Paula mi ha già fatto sentire estremamente benvenuta... ed è davvero carino da parte vostra ospitarmi per un po'".

"Nessun problema." Poi, rivolgendosi a Paula, disse: "Vado di sopra a farmi una doccia veloce prima di cena".

Mentre Ken saliva le scale, togliendosi i vestiti mentre andava, Paula si chinò e sussurrò a Sandy: "Vado a farlo sentire estremamente benvenuto anche io".

Entrambi risero quando Paula si precipitò fuori dalla cucina e su per le scale per raggiungere Ken nella doccia.

Mentre Ken stava usando il sapone e la schiuma sul petto, Paula entrò in bagno e aprì la porta della doccia. "Pensavo che ti potesse piacere un po' di compagnia..."

Ken sorrise e disse: "Ci puoi scommettere... vieni qui", mentre allungò la mano e afferrò entrambi i seni ondeggianti di Paula e iniziò a strizzarli e schiaffeggiarli scherzosamente. Paula si fermò di fronte a Ken in modo che potesse giocare con le sue tette, mentre lei si allungava tra di loro e iniziava ad accarezzare il suo pene in crescita, sentendolo crescere tra le sue mani fino ai suoi 8 pollici. La figa di Paula era già bagnata dalla sua precedente doccia con Sandy, quindi era completamente lubrificata e pronta quando Ken la fece girare per affrontare il muro, afferrò l'asta del suo cazzo e spinse la testa bulbosa dentro di lei da dietro.

Paula emise un grugnito, poi chiuse gli occhi e gemette mentre spingeva indietro i fianchi contro ogni spinta in avanti di Ken. Allungò le mani per sostenersi contro la parete di vetro della doccia... una posizione che Ken amava perché faceva oscillare e rimbalzare i suoi seni pesanti sotto di lei, permettendogli di allungarsi e afferrarli mentre si batteva il suo cazzo duro dentro e fuori la sua fica come un pistone.

Paula prese il soffione della doccia, lo trasformò in "pulse" e fece esplodere il suo clitoride palpitante con acqua mentre Ken continuava a sbattere il suo palo rigido sempre più in profondità nella sua figa. Non ci volle molto prima che i getti d'acqua facessero il loro lavoro, provocando un orgasmo intenso e formicolio che si abbatteva sul corpo di Paula dal clitoride al capezzolo come un maremoto. Paula emise un gemito e spinse forte il culo nell'inguine di Ken, portando il suo cazzo il più lontano possibile nella sua vagina, mentre lei si contorceva e si crogiolava nel suo climax.

“Uhnnnnn….uhnnnnn….Oh, cazzo, Ken….è così bello……aaaahhhhhhh…..sì……ohhhhhhh… Dio, è bello……aaaahhhhh…”

Ken si eccitava sempre di più ogni volta che sentiva Paula venire e, in risposta, le liberava le tette, le afferrava i fianchi e aumentava il ritmo, immergendo il suo cazzo duro dentro e fuori dalla sua fica come un martello pneumatico. Non ci volle molto prima che chiudesse gli occhi e gettasse la testa all'indietro, sbattendo i fianchi in avanti e sparando corda dopo corda di sperma caldo e cremoso in profondità nella figa di Paula. Continuò a far scivolare il suo cazzo dentro e fuori dalla sua fica finché non ebbe finalmente finito di venire, poi si appoggiò alla sua schiena e si allungò per massaggiarle le tette penzolanti, mentre il suo cazzo ammorbidito scivolava fuori tra le sue gambe.

Dopo aver ripreso fiato, hanno finito di lavarsi l'un l'altro, con Paula che prestava particolare attenzione a insaponare e ad accarezzare l'asta flaccida di Ken, mentre diceva: “Grazie per aver permesso a Sandy di stare con noi per un po'. Non so quanto tempo ci vorrà, ma so che lei lo apprezza.

Ken era di umore geniale... specialmente con Paula che gli accarezzava il cazzo... e disse: "Nessun problema, Paula... mi piace... spero solo che non sia per troppo tempo... mi conosci, mi piace il mio spazio".

Paula giocherellava ancora un po' con la punta del suo cazzo, gli diede un bacio profondo e pieno di lingua e disse: "Vedremo..." Poi si risciacquarono e uscirono dalla doccia per asciugarsi.

Il lunedì seguente, Paula e Sandy si alzarono presto e condivisero una tazza di caffè in cucina prima che Paula andasse in ufficio. Sandy era ancora seduta al tavolo della cucina con il suo caffè quando Ken si alzò ed entrò con una vestaglia lunga fino al ginocchio annodata in vita. Poiché Ken era un consulente finanziario indipendente, di solito lavorava da casa e si alzava la mattina dopo che Paula se ne andava.

Mentre Ken si versava una tazza di caffè, Sandy poteva vedere i lembi della sua vestaglia aprirsi di tanto in tanto, rendendo chiaro che non indossava niente sotto. Poteva vedere il suo cazzo flaccido penzolare tra le sue gambe... la sua testa a forma di fungo che sbatteva contro la sua coscia mentre si muoveva per la cucina.

Ken si avvicinò a Sandy, seduto accanto al tavolo, con la vestaglia precariamente chiusa, mentre sorseggiava il caffè dalla sua tazza.

Tra un sorso e l'altro disse: "Buongiorno, Sandy... come hai dormito?"

Sandy sorrise e disse: "Molto bene, Ken... grazie per avermelo chiesto".

Lei lanciò un'occhiata all'apertura della sua vestaglia, poi tornò a guardarlo negli occhi e disse: "Immagino che tu non sia abituato ad avere visite in cucina quando prendi il caffè del mattino, eh?"

Vide dove i suoi occhi continuavano a saettare, rise e disse: “Scusa, Sandy... credo di no. Quando siamo solo Paula e io, davvero non ci penso mai.

Ken iniziò a fare un lavoro migliore chiudendo i lembi della sua vestaglia, ma Sandy lo fermò e si allungò tra le aperture per prendere in mano il suo cazzo oscillante. La sua mano era calda per aver tenuto la tazza di caffè fumante, e dal suo lieve gemito poteva dire che a Ken piaceva come si sentiva sulla sua asta.

Diede un'occhiata di apprezzamento al suo grosso cazzo drappeggiato sul suo palmo, poi lo guardò negli occhi e disse: "Non c'è bisogno di cambiare il tuo rituale mattutino per me".

Lei guardò di nuovo il suo cazzo, iniziò ad accarezzarlo lentamente con la mano e disse: "In effetti, io e il mio ex marito non siamo stati intimi per anni... molto prima che il divorzio fosse definitivo... quindi, in realtà è bello vedere un pene nudo... e piuttosto impressionante... di nuovo al mattino."

Sandy si portò la punta del cazzo di Ken alla bocca, mormorando: "Non posso dirti quanto apprezzo che tu mi abbia lasciato stare con te e Paula... ma forse posso mostrartelo".

Ha succhiato il cazzo di Ken nella sua bocca e ha iniziato a succhiarlo, usando la lingua per strofinare la parte inferiore della testa, mentre usava una delle sue mani per accarezzare la lunghezza del suo albero. Usava l'altra mano per tenere la sua tazza di caffè e ogni minuto, o giù di lì, tirava fuori dalla bocca l'erezione crescente di Ken e la pompava con la mano libera, mentre beveva un sorso di caffè dalla sua tazza.

Ken era sorpreso... e senza parole... non si era mosso da quando Sandy aveva afferrato per la prima volta il suo schlong. Si rese conto che si stava piuttosto divertendo. Borbottò: "Ma... e Paula?"

Sandy gli sorrise, la sua crescente erezione scivolava dentro e fuori dalla sua bocca, poi la tirò fuori con un 'plop', e disse: "Non preoccuparti... abbiamo sempre condiviso tutto", poi la avvolse labbra intorno al suo palo rigido e riprese a succhiare.

Quindi, Ken rimase lì... senza dire niente... con la veste aperta e una mano sul fianco. Continuò a sorseggiare il caffè dalla sua tazza, mentre Sandy sedeva al tavolo della cucina, dondolando la testa avanti e indietro sul suo cazzo completamente eretto.

Non ci volle molto prima che il respiro di Ken diventasse rapido e iniziò a muovere i fianchi contro il pugno pompante e la bocca calda e bagnata di Sandy. All'improvviso, chiuse gli occhi, grugnì e fece esplodere un enorme carico di sperma contro la parte posteriore della gola di Sandy, quasi rovesciando il suo caffè nel processo. Sandy ha ingoiato l'intero carico, poi ha continuato a succhiargli e masturbargli il cazzo finché non ha tirato fuori le ultime gocce di sperma dal suo sacco di noci e le ha leccate dalla punta del suo pene.

Riprendendo fiato, Ken sorrise e balbettò: “Oh, mio ​​Dio, Sandy...è stato fantastico! Che modo fantastico di godermi la mia tazza di caffè mattutina.

Sandy leccò e succhiò l'asta luccicante di Ken finché non fu pulita, poi continuò ad accarezzarla delicatamente con la mano mentre lo guardava in faccia e diceva: "È stato un piacere, Ken... Volevo solo che tu sapessi quanto apprezzo la tua generosità.”

Ken rise e disse: “Piacere? È stato un MIO piacere! Se è così che intendi goderti il ​​nostro caffè mattutino ogni giorno, puoi rimanere quanto vuoi.

Sandy sorrise e disse: "Possiamo sicuramente farlo ogni mattina, se vuoi".

Storie simili

IN PALESTRA_(1)

Uno dei vantaggi dell'azienda per cui lavoro è l'appartenenza alla loro palestra. Mi alleno 3-4 volte a settimana dalla nascita della nostra bambina. Mi ero preso un giorno libero per portare la nostra bambina dal dottore per un controllo. Andava tutto bene mentre ci dirigevamo verso la casa di mia madre. Sentivo che avevo bisogno di un po' di tempo da sola, così ho chiesto a mia madre di tenere Heather tutta la notte. Bruce era fuori città per lavoro, quindi ho programmato un film tranquillo a casa. Anche la mia collaboratrice Susie si è allenata nella stessa palestra. A mia...

3.8K I più visti

Likes 0

La Congrega Parte 1 - Reed_(1)

Canna AIUTAMI QUALCUNO AIUTI PER FAVORE!!! urlò una giovane donna mentre veniva trascinata dentro dalla porta principale da un sorridente Jackson. La teneva per il collo mentre tutti nell'area del bar ridevano e sorridevano alla pietosa donna. Era attraente, con i capelli biondi tinti tagliati in un caschetto disordinato e enormi occhi castani. Indossava una specie di uniforme, ma era talmente strappata che nessuno poteva distinguere con certezza cosa ci fosse scritto. Andò nel panico, guardando tutti nella stanza, sperando che qualcuno la salvasse. Ma a nessuno fregava un cazzo. Alcuni dei ragazzi più grandi stavano giocando a freccette vicino al...

982 I più visti

Likes 0

Giorni nel dormitorio-Parte 1

Beh, vivo in un dormitorio universitario, quindi puoi immaginare che vedo, sento parlare e faccio MOLTO sesso. Non sono mai stata una puttana ma apprezzo il corpo maschile. Una delle mie scopate preferite è avvenuta durante il primo mese di college con il mio migliore amico, Mike. Sono amico di lui fin dal primo anno del liceo e la nostra amicizia è una cosa che apprezzo molto. Sono venuto al nord (nella California settentrionale dalla California meridionale) per andare a scuola nell'agosto dello scorso anno. Ero piuttosto sola nel mio dormitorio dato che non avevo un compagno di stanza, così ho...

558 I più visti

Likes 0

Il nuovo inizio di Sarah, parte 3

Mi misi l'impermeabile e andai allo specchio da toeletta. Un'ondata di energia mi attraversò il corpo mentre mi guardavo allo specchio in piedi nudo con indosso il cappotto e le mie calze nere e nient'altro. I miei capezzoli erano eretti e teneri e mi sentivo come una donna sensuale e sexy, l'intera immagine era così erotica. Andai in ufficio e presi solo le chiavi dell'ufficio e tornai a sedermi ad aspettare la limousine con Lance e Michigan. Dopo qualche minuto il telefono di Lance squillò e ci alzammo e uscimmo dall'ufficio, questa volta ho controllato la porta per assicurarmi che fosse...

2.7K I più visti

Likes 0

I ragazzi ricchi amano 47_(0)

Qualche giorno dopo mi sono svegliato a letto ma Harvey non c'era. mi sono alzato dal letto e ho detto piccola? quando sono uscito dalla stanza c'era una borsa piena e Harvey era vicino alla porta ho detto ehi piccola dove stai andando? harvey mi ha guardato e ha detto leon mi dispiace non ti amo più (queste parole sembravano come se fossi appena stato tagliato con il coltello più affilato) ho guardato harvey e ho detto cosa e ho iniziato a respirare pesantemente e ho iniziato a piangere molto forte ha detto harvey mi dispiace di lasciarti harvey ha aperto...

1.2K I più visti

Likes 0

My Fun Family (rivisto)

Jake si è svegliato, intontito come al solito, per un altro noioso sabato a casa. Le sue giornate seguivano sempre la stessa routine durante i fine settimana, ed erano particolarmente peggiori durante l'estate; anche se ha sempre avuto una cosa da guardare al futuro. Jake guardò la tenda formata dalle sue lenzuola. Il suo grosso membro si ergeva come il supporto centrale senza alcun ragionamento dietro il suo montante mattutino. Si abbassò e lo strinse giocosamente, poi si alzò dal letto per ammirare il suo orgoglio. Sette pollici di lunghezza e quasi due di spessore; era di buone dimensioni per un...

1.2K I più visti

Likes 0

Dopo la festa in piscina

Dopo la festa in piscina. La scorsa primavera sono stato invitato al matrimonio di un amico e mi è stato chiesto di restare per il ricevimento; Non sapevo perché, ma sono rimasto comunque. Non conoscevo nessuno tranne il mio amico Fred e la sua nuova moglie. Stavo seduto a un tavolino bevendo del tè freddo e sgranocchiando cracker e formaggio quando è arrivata questa signora e mi ha chiesto se poteva sedersi per qualche minuto che era stata in piedi da quando li aveva presi. Abbiamo chiacchierato un po', le ho detto che mi chiamo Merl e lei ha risposto che...

1.1K I più visti

Likes 0

QUANDO TI DIVERTI

Mi sono sempre piaciute le donne ispaniche. C'è qualcosa in loro che è molto esotico ed eccitante. Forse è una specie di fuoco latino; Forse è il dolce colore della loro pelle scura; i loro occhi scuri... qualcosa ... qualunque cosa ... Mi eccitano! Quindi non sorprende che i miei occhi siano attratti dal dolce scuro giovane e snella senorita seduta davanti a me. sono stato guardandola, di tanto in tanto, da quando siamo partiti. Volo notturno, New York City a Los Angeles, su un aereo pieno solo a metà. Tanti vuoti i sedili ei passeggeri si sono sparpagliati, lasciandone tanti...

914 I più visti

Likes 0

ECONOMIA DOMESTICA_(0)

Andrea Patterson ha controllato la sua agenda giornaliera e ha tirato fuori la cartella di Millie Evans. Lo aprì e lo esaminò rapidamente, prendendo alcuni appunti su un blocco note giallo che aveva sulla sua grande scrivania. Millie era una brava studentessa con una personalità piacevole e sembrava che stesse andando bene in questo suo ultimo anno. Qualcuno bussò alla porta e Millie entrò nell'ufficio di Andrea e si sedette di fronte alla scrivania. Ho appena esaminato i tuoi record e sembra che tu stia andando molto bene al liceo, intonò la signora Patterson, posso attestare il fatto che nella mia...

821 I più visti

Likes 0

Trovare la strada per tornare a casa, parti 5 e 6 di 6

Parte V Dalle parti I - IV: sono tornato dall'Afghanistan, dopo essere stato colpito alla spalla e aver subito due interventi chirurgici per ripararlo. Sono uscito dall'esercito per aiutare mia madre che aveva un cancro alla vescica e ho incontrato la liceale per la quale avevo una cotta. Ho scoperto che era una madre single di una giovane figlia e ho cercato di chiederle di uscire, solo per farmi accusare di trattarla come qualcuno che pensavo non potesse prendersi cura di se stessa e avesse bisogno di essere salvata. Si è resa conto del suo errore e siamo usciti insieme una...

729 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.