CAPO INFERMIERA, CONDIVIDERE L'AMORE

819Report
CAPO INFERMIERA, CONDIVIDERE L'AMORE

CAPO INFERMIERA, CONDIVIDERE L'AMORE
[Nota dell'autore: ho ripreso parti di HEAD NURSE per darti, caro lettore, alcuni retroscena, ma questa storia è a sé stante piuttosto che il secondo capitolo di una storia precedente. Come in HEAD NURSE la maggior parte della storia è vera, ma spero che tu non sappia quali parti in modo che le parti coinvolte possano continuare a rimanere nascoste alla divulgazione pubblica e io possa non essere scoperto dalle autorità. Godere]
CAPITOLO 1
"Oooooh, dottore, proprio lì... sìsss.. è perfetto", sussurrò la mia paziente, Mary Quinn, mentre le premevo delicatamente la mano sul manicotto, un dito che scivolava facilmente tra le sue labbra umide e gonfie, e potevo sentire quanto fosse calda tunnel era. Mentre premevo profondamente dentro di lei, ha spinto il suo culo nudo verso il basso e quasi fuori dall'estremità del lettino, permettendomi di far scivolare facilmente un secondo, poi un terzo dito nella sua succosa fica. Quando il mio pollice ha iniziato a strofinare i cerchi attorno al suo clitoride eretto, ho aggiunto l'ultimo dito e ho iniziato a pomparlo profondamente dentro, poi quasi completamente fuori. “Ooooooh…..sento arrivare il mio orgasmo….arrivare…ecco….Sisss!” urlò mentre si spasimava contro la mia mano e poi ricadde sul lettino. Potevo sentire il suo sperma scorrere lungo il mio polso così ho rimosso delicatamente le mie dita e ho leccato via tutto il suo succo. Così dolce!
Il mio cervello finalmente si è liberato dalla nebbia in cui mi trovavo... "che diavolo sto facendo?" Ho pensato. Eccomi qui, a masturbare un paziente nella mia stanza degli esami! La stanza puzzava del suo sesso, quindi ho acceso l'aspiratore e ho lavato via il suo sperma dalle mani e dalle braccia. "Oh, dottore, era proprio quello di cui avevo bisogno!" esclamò. "Grazie mille." Si è seduta, si è vestita e mi ha dato un bacio mentre usciva dalla stanza. Rimasi scioccato, realizzando cosa avevo fatto ma non perché. Merda... merda... merda!!!
La mia caposala, Lynn, che sembra avere ESP, entrò, poi sorrise mentre annusava l'aria. Ha guardato l'erezione che spuntava dai miei pantaloni, poi mi ha preso la mano e mi ha portato in bagno dicendo: "Doug, sembra che tu debba occuparti di un affare in sospeso". Ho preso una bottiglia di lozione per le mani, mi sono lasciato cadere i boxer, mi sono spruzzato un po' di lozione nel palmo della mano e ho iniziato a picchiarmi furiosamente la carne. Non ci sono voluti più di cinque secondi prima che un enorme zampillo di sperma uscisse ribollendo dalle mie palle sullo specchio sopra il lavandino, poi diversi schizzi minori che schizzavano sul rubinetto del lavandino e lungo il lato. Quello è stato lo scatto più lungo che abbia mai fatto, forse a un metro di distanza dallo specchio. Oh, ma era così bello.
Possiedo uno studio medico di famiglia abbastanza attivo a Portland da 9 anni. Ma questa era la prima volta che agivo sessualmente con un paziente. Stupido. Ma quell'incredibile evento con Mary fu come la rottura di un'enorme diga. Ogni giorno mi ritrovavo a fantasticare di scopare o succhiare i miei pazienti, il mio staff, le mamme dei loro figli e persino la postina. Non ho mai seguito nessuno di quei pensieri con loro, ma mi sono masturbato così tante volte in bagno che scommetto di aver lasciato un rivestimento permanente sul pavimento da oltre un centinaio di carichi di sperma.
Passavano settimane con me che mi masturbavo il cazzo, di solito durante il pranzo, dato che tutto il personale camminava lungo l'isolato fino a un ristorante locale. Così oggi mi sono messo la lozione in bagno, pensando all'ultima paziente della mattinata, una studentessa universitaria bionda e vivace di 23 anni con profondi occhi azzurri, tette da urlo e un culo sodo. Dopo pochi istanti, mentre sussultavo e soffiavo il carico di oggi nel lavandino, rimasi scioccato nel sentire Lynn fuori dalla porta che diceva: "Ricordo quando hai iniziato a picchiarti, Doug. Era il giorno in cui Mary Quinn è entrata. Stavi recitando così strano e ombroso quando sono entrato nella stanza dopo che se n'era andata. C'era chiaramente l'odore del suo sesso nella stanza anche con l'aspiratore in funzione. Sapevo che avresti eiaculato quando ti ho portato in bagno quel giorno e avevo ragione Da allora ti ho guardato fare le tue frequenti "pause per il bagno" per frustare il tuo cazzo. Lo sperma di oggi fa 107 carichi di sperma ", ha concluso.
Non era uscita con gli altri. Ero così sballato! E aveva anche contato le volte!
Poi mi ha scioccato ancora di più continuando: “Devo confessare che ho fantasticato su di te mentre ti masturbi in bagno. Infatti, se a pranzo è tutto tranquillo, rimango indietro così posso andare nell'aula d'esame accanto a te. Posso sentirti ansimare attraverso il muro mentre ti avvicini al tuo orgasmo. Mi sono diteggiato a tempo con te, immaginandoti mentre accarezzi il tuo grosso cazzo sempre più velocemente finché non grugnisci e pompi fuori il tuo seme. Sono stato così eccitato che sono venuto insieme a te. Vieni qui e guarda cosa ti sei perso masturbandoti da solo.
Ho aperto la porta e l'ho trovata appoggiata al muro con le mutandine abbassate intorno alle caviglie e la gonna sollevata fino alla vita, la sua bella figa bionda e setosa in piena vista. Ora sapevo che non solo era stata nella porta accanto a venire insieme a me, ma era ancora arrapata. Potevo vederla toccarsi la fica proprio di fronte a me. All'improvviso ho sentito il mio cazzo iniziare a indurirsi mentre la guardavo e lei ovviamente ha notato il rigonfiamento nei miei pantaloni. Mi ha spinto di nuovo in bagno e mi ha tirato giù pantaloni e boxer permettendo ai miei otto pollici di stare dritti. Ha preso la lozione, se ne è spruzzata un po' sulla mano, poi ha cominciato a picchiarmi mentre continuava a fregarsi la fica. "Oh, Doug, non è meglio se lo faccio per te?" lei sorrise.
"Oh, sisssssssssssssssssìssssssssssììììììììììììììììììììììììììììììììììììììììììììììììììììììììììììììììììììììììììììììììììììì" L'ho guardata mentre si masturbava ancora e ancora sulla sua mano, ovviamente venendo forte per la sensazione nella sua fica. Guardare questo mi ha fatto eccitare e ho sparato un enorme carico proprio sul suo stomaco, guardando lo sperma lentamente filtrare sul suo manicotto setoso. Tirò fuori la mano dalla fica e sorridendo disse: "Apri". Mi ha infilato due dita in bocca mentre raccoglieva il mio splooge e ha iniziato a leccarsi le dita ricoperte di sperma.
Ha detto: “Avevo davvero bisogno di una stretta compagnia umana, Doug. Non sai quanto ti ho voluto. Masturbarsi da soli non può darti lo stesso piacere di scopare davvero. Possiamo entrare in un'aula d'esame? Il personale non tornerà prima di mezz'ora.» Sorrise mentre inclinava la testa all'indietro per baciarmi in pieno sulla bocca, “Dai! Sono così eccitato in questo momento, sto per scoppiare.
Ci siamo liberati dei vestiti più velocemente di quanto avessi mai immaginato possibile una volta che eravamo nella sala d'esame. L'ho fatta sedere sul tavolo degli esami, poi mi sono lasciato cadere di fronte a lei e le ho messo una gamba su ciascuna spalla in modo da essere a pochi centimetri dalla sua fica luccicante. Mi chinai e inspirai profondamente, che profumo meraviglioso. Ho iniziato a far scorrere la mia lingua dal suo piccolo buco del culo raggrinzito dentro le labbra della sua fica e attraverso la sua succosa vagina per baciare delicatamente il suo clitoride. Leccai ancora e ancora mentre le stringevo i capezzoli tra le dita e le massaggiavo le tette. Era davvero così eccitata che le ci sono voluti letteralmente solo pochi secondi per urlare di piacere e stringere forte le sue cosce contro la mia testa. “Ooooh, Doug. Aaaahh... sìsss." Quando le sue gambe smisero di spasmi, sospirò e disse: "È stato il miglior sperma da molto tempo. Continua, tesoro, ne sento arrivare un altro. Non avevo intenzione di fermarmi, quindi ho continuato la mia lingua gentile e persistente. "Aaaaah... ecco che arriva!" ansimò mentre la seconda ondata di piacere si abbatteva su di lei.
"Oooh, non puoi fermarti ora... è così dannatamente bello!" gemette. Quindi ho semplicemente infilato la lingua il più in alto possibile nel suo tunnel e l'ho tenuta lì. Abbastanza sicuro, in pochi altri minuti rabbrividì con il suo terzo orgasmo epocale. "Oooh, mi stai facendo impazzire... Sto venendo così forte... Ooooh, Doug, ecco che arriva!" strillò e questa volta mi schizzò in bocca un sacco del suo dolce succo. Si è schiantata di nuovo sul tavolo per un minuto per riprendersi, poi si è seduta di nuovo e ha sorriso: “Nelle ultime settimane ho sperato che sarebbe stato fantastico e sicuramente lo è stato! Adesso alzati perché tocca a me e abbiamo almeno quindici minuti prima che tornino tutti dal pranzo».
Scese dal tavolo e poi si inginocchiò davanti a me mentre mi alzavo. Rimasi davanti a lei accarezzandomi dolcemente il mio cazzo duro come la roccia che ora pulsava mentre perdeva pre-cum dalla punta. Mentre guardavo, ha inghiottito il mio cazzo nella sua bocca calda iniziando solo con la testa. Mentre succhiava, sempre di più scompariva nella sua bocca fino a quando non riuscii a sentire la punta del mio cazzo passare proprio nella sua gola. Guardare il mio cazzo scomparire nella sua bocca è stato lo spettacolo più incredibile che potessi immaginare. Staccò la bocca e, guardandomi, disse: “Posso trattenere il respiro per almeno due minuti e ho imparato molto tempo fa come superare il mio riflesso del vomito. Ti piacerà come ci si sente.
Oh, mio ​​dio, sono rimasta paralizzata quando ha ripreso a succhiare la mia asta fino a quando non ha ingoiato tutto il mio cazzo palpitante, il naso premuto contro i miei peli pubici. Non ha nemmeno mosso la bocca, ma la sua lingua stava facendo miracoli alla mia asta. Poi cominciò ad accarezzare il mio sacco, strofinando ogni testicolo con le sue mani calde. Non sono durato a lungo con lei in questo modo e presto le mie palle hanno cominciato a ribollire per la terza volta quest'ora e ho potuto sentire ogni enorme pulsazione di sperma mentre usciva dal mio cazzo e le rotolava letteralmente giù per la gola nello stomaco.
"Oh, Lynn", ho pianto mentre soffiavo il mio batuffolo, le mie gambe tremavano mentre lottavo per rimanere in piedi, "È stato semplicemente troppo incredibile!" Sorrise mentre si pompava in bocca l'ultimo carico appiccicoso, poi si leccò le labbra e si alzò per baciarmi. Quando le nostre bocche si sono incontrate, ha infilato la sua lingua ricoperta di sperma nella mia bocca e ho assaggiato il mio stesso sperma per la prima volta. "Cosa ne pensi", chiese sorridendo, "Ti piace il sapore? Adoro il tuo sapore in bocca. Dopotutto, Doug", rise, "sono la tua infermiera capo".
Ci siamo lavati via l'odore del sesso e ci siamo risistemati i vestiti in tempo per la clinica pomeridiana. Il resto della giornata passò in un attimo e presto il mio staff stava chiudendo per la serata. Ho chiesto a Lynn di rimanere indietro mentre chiamavo mia moglie, Gail, per spiegare che sarei arrivato con un'ora di ritardo a causa di un lavoro che dovevo ancora fare. Mi sono seduto con Lynn sul divano dell'ufficio e ho chiesto: "OK, ovviamente conosci il mio segreto, ma cosa è successo oggi tra di noi?"
"Doug, sono settimane che volevo dirti che queste sessioni con noi che ci masturbiamo in stanze una accanto all'altra sono tutto ciò che mi mantiene sana di mente da quando Keith mi ha abbandonato", piagnucolò e poi iniziò a piangere.
"Lui cosa?" balbettai.
“Oh, è ancora sposato con me ma non mi trova più attraente. Ormai sono mesi che non facciamo sesso l'una con l'altra», sbottò.
"Lynn, sei una splendida donna di trentotto anni... e una decisamente MILF, se non ti dispiace che lo dica", risposi. "Dev'essere pazzo!"
Mi ha guardato, "MILF... significa una madre che mi piacerebbe scopare, giusto?"
“Ehm... sì, lo fa. E dico sul serio», deglutii. “Non hai perso alcun tono nel tuo corpo, corri quindi le tue gambe muscolose sono semplicemente perfette, i tuoi seni sembrano deliziosi e la tua vita, sedere e fianchi sono perfetti per la tua struttura. Faccio ancora fatica a ricordare quando hai mostrato le tue tette nella vasca idromassaggio la scorsa estate.
“Vuoi davvero scoparmi? Quindi, perché Keith non lo fa? So che il suo desiderio sessuale non è fallito perché ha un sacco di porno sul suo laptop... ragazza su ragazza, ragazze che fanno pipì sui ragazzi, un sacco di sborrate nei dettagli grafici, persino un po' di sesso anale con ragazzi che leccano il culo o donne sedute sulla loro faccia. " Lei arrossì e poi proseguì: “Trovo che quella roba mi ecciti davvero e mi masturbo mentre lui è al lavoro. Lui pensa che io non sappia che anche lui si masturba molto e a volte spara il suo carico nelle mie mutandine perché le trovo nella cesta con della sborra fresca sopra."
Poi ha abbassato lo sguardo e ha detto: “C'è dell'altro. Ieri ho trovato una pen drive nascosta nel cassetto dei calzini. Su di esso, ha diverse riprese teleobiettive di Gail nel tuo bagno! Conosce le sue fotografie poiché le tende delle finestre sono generalmente abbassate, tranne che per i suoi scatti fotografici in cui sono completamente aperte. Ha foto di lei seduta sul gabinetto e diversi scatti integrali di lei in piedi alla finestra con la sua piccola pista di atterraggio completamente esposta. Nel cassetto c'è un doppio fondo e ho trovato diverse stampe a colori di lei in piedi alla finestra con una gamba sul davanzale e le dita affondate nella fica, un sorriso malvagio sul viso, che guarda dritto nella sua macchina fotografica. Doug, si sta masturbando solo per lui!
“Ho trovato il suo sperma essiccato su molte di queste impronte. I siti di sesso definiscono il cumming sulla foto di una donna "un tributo", ha continuato. “Mio marito non solo ha fantasticato su tua moglie, ma ha fatto qualcosa per realizzare quei sogni birichini. Scommetto che se dai un'occhiata alla roba di Gail scoprirai che le ha inviato gli omaggi per farla masturbare.
“Comunque, ho pensato che fosse giusto ricambiare con te. Sapevo che stavi sbattendo così ho pensato che avrei potuto sbatterti invece. Semplicemente non mi rendevo conto di quanto volessi di più che semplicemente masturbarmi a vicenda.
Oh! Ero scioccato. Sapevo che Gail era sessualmente aperta, ma non l'ho vista fantasticare su un altro uomo. La nostra vita sessuale era perfetta, pensai e, anche se durante il giorno mi picchiavo, avevo abbastanza resistenza per mantenerla soddisfatta. Almeno così pensavo, ma a quanto pare non era vero. La mia sexy moglie si stava scopando con le dita per Keith e ora sapevo che stava scuotendo la verga e poi pompando il suo sperma direttamente verso di lei mentre lei lo guardava. Mi chiedevo se fossero riusciti ad andare oltre il voyeurismo. Suo marito era il più giovane capo di battaglione del Portland Fire Bureau e gestiva una stazione nelle vicinanze. Il suo programma quarantotto on-quarantotto fuori orario gli lasciava poco tempo per la socializzazione, quindi ho raddoppiato il fatto che fossero stati in grado di incontrarsi segretamente. Forse il sesso voyeur era tutto ciò che era stato possibile tra loro.
"Allora, qual è il tuo segreto, Doug? Hai battuto ogni giorno ma ne hai ancora abbastanza per Gail. Cosa c'è di sbagliato in Keith che si diverte per Gail ma non mi vuole più? Fino ad oggi ho dovuto accontentarmi di toccarmi con le dita mentre ti seghi o scopi i giocattoli che mi ha dato Keith, non più” disse.
Ora capivo il bisogno di Lynn che io soddisfassi i suoi desideri sessuali ed emotivi.
Dopo che Lynn è venuta a lavorare con me, abbiamo comprato la casa direttamente dietro la loro, i cortili che si toccano. Lei e io andavamo spesso in clinica insieme. Entrambe le famiglie erano unite e ci sedevamo insieme molte sere secche sui nostri ponti. Entrambi i mariti adoravano i sigari e lo scotch. Poi abbiamo comprato una spa e ci godevamo la reciproca compagnia nella vasca. Una sera, Keith raccontò una storia su come Lynn aveva mostrato le sue tette mentre guidavano. Era ovviamente ubriaca questa sera per la tequila, quindi si è alzata con un sorriso malizioso, ha alzato il top del bikini e ha scosso le tette verso me e Gail. "Cosa ne pensi di questi bambini?" lei chiese.
"Molto, molto carino," dissi mentre i miei occhi si spalancavano. Devo aver sbavato perché Gail mi ha dato un pugno sul braccio e ha detto: "Doug, rimettiti la lingua in faccia". Poi sorrise e disse: "Lynn, i tuoi seni sono così sodi e belli e i tuoi capezzoli sono squisiti". Poi si è alzata e si è completamente slegata la parte superiore per lasciare liberi i suoi seni a coppa C e ha riso: "Allora, cosa ne pensate del mio?" Entrambi abbiamo avuto delle erezioni improvvise ma fuori era ancora troppo chiaro per procedere oltre, quindi abbiamo continuato a bere e parlare mentre le nostre mogli si inzuppavano in topless. Potevo vedere Keith strofinare il suo cazzo sott'acqua e l'ho fatto anch'io.
Quella sessione erotica nella vasca è stata ripetuta più volte poiché le donne adoravano immergersi in topless e il sesso dopo era intenso. Gail e Lynn erano entrambe a proprio agio nude e commentavano i bei seni, le gambe toniche o la pancia piatta dell'altra. Noi ragazzi siamo stati un po' più circospetti dato che una grossa erezione non era facile da nascondere alla vista né si prestava a una conversazione educata.
Settimane dopo, quando era davvero buio e avevamo bevuto troppo, ci siamo tutti tolti i vestiti e ci siamo seduti completamente nudi. Gail si allungò per accarezzare la mia erezione mentre facevo scivolare due dita nella sua fica in attesa e iniziavo a pompare. Presto tubò dolcemente e sussurrò: "Oh sì... è così, Doug.... proprio lì... un po' più forte....ooooh, sì," mentre mi dava uno spasimo sulla mano. Mi accarezzò velocemente mentre raggiungeva l'orgasmo finché non sentii avvicinarsi il mio orgasmo. Quando lo sperma ha iniziato a fuoriuscire dal mio cazzo, mi sono alzato per sparare il mio carico oltre il bordo della vasca poiché non volevo riempire l'acqua di sperma. Ma Gail aveva altre idee mentre mi afferrava il culo e portava il mio cazzo pulsante dritto nella sua bocca, ingoiando tutto il mio splooge.
Mentre galleggiavo giù da quel favoloso orgasmo, potevo sentire l'acqua che scrosciava ritmicamente da Lynn e Keith e, anche se era molto buio, potevo distinguere il riflesso di Lynn di fronte a me con un sorriso mentre le sue tette rimbalzavano su e giù fuori dal acqua. Era seduta sul suo grosso cazzo, lo cavalcava forte ma cercava di non fare grandi onde. Ci ha fatto l'occhiolino e in realtà ha sbottato un morbido "Aaaah", dato che ovviamente lui aveva soffiato il suo sperma dentro di lei e l'aveva portata via così facendo. Abbiamo tutti riso e fatto finta di essere troppo ubriachi per ammettere che avevamo avuto un quartetto unico.
Comunque, dopo quella fantastica giornata in clinica, ho scoperto quanto a Lynn piacesse succhiare cazzi. Se possibile, andiamo a pranzo separatamente, poi ci incontriamo in un parcheggio o in un'area di sosta fuori dall'autostrada. Lo chiamava il nostro "pranzo speciale" insieme. Saltavamo sul sedile posteriore e lei mi pompava il cazzo fino a quando non ero vicino a espellere il mio carico, poi mi succhiava voracemente finché non le esplodevo in bocca. Avevo un grande SUV Toyota con finestrini oscurati in modo che nessuno potesse vedere dentro a meno che non si trovassero proprio accanto al veicolo. Questo ci ha dato un sacco di tempo per raddrizzarci se dovesse venire qualcuno. E c'erano problemi di tanto in tanto, ma un parcheggiatore eccessivamente ansioso o un poliziotto locale erano i più vicini a essere scoperti e arrestati per oscenità pubblica.
Dopo aver mangiato il mio sperma, le alzerei la gonna per scoprire che si era già tolta le mutandine e le aveva messe nella borsetta in preparazione del nostro "pranzo". Mi sdraiavo sul sedile posteriore e lei si metteva a cavalcioni sulla mia faccia in modo che potessi infilare la mia lingua profondamente nella sua fica bagnata fino a quando non avrebbe avuto un orgasmo urlante. Non solo amava il sesso orale, era anche il mio preferito. Eravamo perfettamente abbinati nei nostri desideri di succhiarci l'un l'altro.
Quando mi cavalcava in faccia, di tanto in tanto si voltava verso di me, ma la sua posizione preferita era quella di mettermi il culo sulla fronte e lasciarmi servire la sua figa chinandomi su di me. Ho avuto un accesso perfetto per succhiarle la clitoride in questo modo. Dopo avermi inondato con il suo delizioso succo, mi accarezzava il cazzo riportandolo in vita mentre continuavo a leccarlo e mi pompava finché non sentivo arrivare un altro carico. Poi mi succhiava mentre raggiungevo l'orgasmo e questo l'avrebbe portata via più volte. Durante ogni sessione deve aver avuto tre o quattro orgasmi in questo modo rispetto ai miei due. La cosa interessante era che non ci eravamo ancora fottuti, ci divertivamo troppo a succhiare e leccare.
Se perdessimo il "pranzo speciale", aspetterei che il personale se ne andasse dopo il lavoro e Lynn rimanesse indietro. La facevo sedere su uno degli sgabelli rotanti alla sua scrivania con la gonna sollevata, fingendo di leggere o fare grafici. Salivo sotto la scrivania e leccavo la sua fica in attesa finché non raggiungeva l'orgasmo due o tre volte e poi mi inondavo con il suo sperma caldo. Eravamo in questa posizione una volta quando la nostra receptionist, Gloria, ha dimenticato qualcosa ed è tornata in clinica. È entrata dalla porta principale mentre stavo succhiando il clitoride di Lynn e lei aveva appena raggiunto l'orgasmo, inzuppandomi con il suo succo che stavo leccando avidamente.
«Oh, ciao Lynn», disse Gloria. "Sei ancora qui. Ho dimenticato il timer giornaliero. Lo hai visto?"
"Penso che sia sul tavolo della sala relax", rispose Lynn, cercando di comportarsi in modo naturale durante il suo orgasmo. Ho deciso di continuare a leccare dato che eravamo nascosti alla vista di Gloria, a meno che non fosse capitata dietro la scrivania e mi guardasse dall'alto in basso. Inoltre, volevo stuzzicare Lynn e vedere come avrebbe reagito alla prospettiva di essere colta in flagrante con il suo capo. Mentre Glo si avvicinava alla sala relax, Lynn mi guardò e disse: “Devi stare fermo e stare zitto. Almeno potresti smettere di fottermi con la lingua finché non se ne va.
"Oh, eccolo qui", disse Glo. Mentre tornava nell'area clinica principale, si avvicinò alla scrivania e chiese: "Sembri arrossata, Lynn, stai bene?"
"Sto bene, solo un po' troppo caldo in questo momento", Lynn sorrise al suo doppio senso. "Sto solo recuperando alcune cose infermieristiche e ordinando forniture."
“Vedo l'auto del dottor Doug ancora nel parcheggio. Lui è qui?" chiese fermandosi a pochi passi dalla scrivania.
«È corso in ospedale per qualcosa. Tornerà subito. Hai bisogno di lui?" chiese Lynn.
Nel frattempo avevo continuato a leccare silenziosamente la fica di Lynn e lei stava cercando di non dimenarsi. Questo è stato molto più eccitante per me ... servire la mia caposala mentre un collega era a pochi passi dal coglierci sul fatto. Ero così eccitato che ho iniziato a martellare lentamente il mio cazzo duro mentre Gloria continuava a parlare con Lynn. Dopo pochissimi tiri ho sparato il mio carico proprio sui piedi di Lynn. Sobbalzò quando lo schizzo le colpì le gambe e poi le corse giù per le caviglie sulle dita dei piedi.
"Lynn, stai bene?" lei chiese. "Sei appena saltato."
“Oh, ho lavorato troppo duramente. Ho solo avuto un crampo alla gamba", ha detto.
"Bene, perché non smetti di lavorare e vai a casa?" chiese Gloria.
"Sarà fatto in pochi minuti ancora", sorrise di nuovo al suo doppio significato. "Grazie per la tua preoccupazione, Glo, ci vediamo domani", ha risposto.
Quando Gloria se ne andò, Lynn fece rotolare indietro lo sgabello e disse: “Sei un demone. Era troppo vicino ma oh così sexy. Guarda i miei piedi tutti ricoperti del tuo sperma, Doug. Si abbassò e ne raccolse un po' con le dita e poi si succhiò le dita per pulirle. “Yum! Doug, sono così eccitato e caldo in questo momento. Possiamo pulire più tardi, ma in questo momento ho bisogno che tu mi scopi davvero. Basta succhiare fino a quando non culmineremo questa relazione nel miglior modo possibile. Devi infilarmi il tuo grosso cazzo dentro e riempirmi con il tuo seme!
"Il tuo desiderio è il mio comando", dissi mentre mi alzavo, togliendomi i pantaloni e i boxer che mi scendevano già alle caviglie, e sedendomi sul suo sgabello. Era già nuda dalla vita in giù. Ero ancora parzialmente eretto anche dopo l'orgasmo, quindi si è seduta ai miei piedi e mi ha risucchiato a pieno ritmo. Poi si alzò e si avvicinò per mettersi a cavalcioni su di me. I nostri petti premuti insieme mentre lei letteralmente cadeva e si impalava completamente sul mio cazzo. «Oooh sissì», sussurrò. Era così bagnata dai suoi orgasmi e dal mio sputo che non c'era quasi nessuna resistenza anche se aveva ancora un canale piuttosto stretto. “Oh dio, Doug, questo è ciò di cui avevo tanto bisogno. Ecco, devo fare anche questo”, ha aggiunto. Ancora completamente impalata sul mio cazzo, allungò una mano e mi tolse la cravatta, mi sbottonò la camicia e me la spinse via dalle spalle, poi mi sollevò la canottiera sopra la testa. Si è sbottonata la camicetta e l'ha fatta scivolare sul pavimento, poi si è sganciata il reggiseno per liberare le sue belle tette con la coppa C.
Ora premeva i suoi capezzoli eretti contro il mio petto mentre dondolava dolcemente avanti e indietro sulla mia verga. Presi ogni seno con una mano e cominciai a pizzicarle i capezzoli tra le dita. Lei gemette di piacere. Il suo tunnel caldo e umido è stato premuto così strettamente intorno al mio cazzo che ho dovuto gridare di piacere: "Ooooooh, Lynn, questo è così bello". Restammo seduti così per diversi minuti, godendoci la sensazione erotica personale di scoparci l'un l'altro per la prima volta. Quando non ce la fece più, iniziò a rimbalzare intensamente su e giù sul mio cazzo come una donna posseduta mentre urlava: "Oooh... Sto venendo... Sto venendo... Oh, non fermarti, Doug... .Sto venendo di nuovo.” Ora aveva avuto diversi orgasmi di fila e presto il suo succo scorreva intorno al mio cazzo e alle mie palle per finire sullo sgabello. Il suo climax mi ha portato proprio oltre il limite e ho sentito uno spruzzo dopo l'altro di sperma caldo ribollire dal mio cazzo nel suo canale caldo.
Ci siamo seduti e ci siamo tenuti l'un l'altro premuti insieme per diversi minuti mentre il mio seme si mescolava con il suo sperma ed entrambi ora cominciavano a fuoriuscire dalla sua figa. Poi, quando il mio cazzo si è ammorbidito, siamo stati improvvisamente sopraffatti da un flusso di succo che è corso sullo sgabello e sul pavimento.
"Santo cielo", disse, "è stato davvero bello, Doug. Ma guarda che casino abbiamo fatto!
"Immagino che non possiamo lasciare questo per le persone delle pulizie", ho sorriso. "Raccogliamo e andiamo."
"Non possiamo tornare a casa così", ha risposto. “La mia figa è gonfia e continua a formicolare, sto perdendo il tuo sperma e sento il tuo odore. E Gail riuscirà a sentirmi su di te.»
«Va bene», dissi. "Andiamo a prendere un drink o due e possiamo dire che avevo bisogno di discutere con te dei piani futuri per una nuova clinica che potremmo costruire."
Apparentemente ha funzionato perché nessuno dei due coniugi ha detto nulla sul ritardo del nostro arrivo a casa quella sera. [Abbiamo scoperto in seguito che ci stavamo semplicemente prendendo in giro.]
Da quella sera, Lynn e io abbiamo avuto diverse sessioni alla scrivania e molti altri "pranzi". Abbiamo dovuto cronometrare perfettamente le sessioni serali poiché il personale delle pulizie è arrivato solo mezz'ora circa dopo che tutti se ne erano andati per la notte. Lo scoprimmo a nostre spese una sera mentre eravamo sullo sgabello, Lynn mi cavalcava nella sua posizione preferita con le tette premute contro il mio petto nudo, quando sentimmo aprirsi la porta sul retro. "Ciao, c'è qualcuno?" disse una voce. Fortunatamente, in quel momento eravamo nell'aula d'esame sul retro. Quindi ho chiuso la porta mentre urlavo: "Sì, sto ancora finendo qui". Ci vestimmo in fretta, poi Lynn uscì e cominciò a mettere via le cose mentre io giocherellavo nella stanza.
La vita è stata fantastica! Potrei mangiare la figa di Lynn e farmi lucidare il cazzo a pranzo o mangiare la sua figa e farmi cavalcare la sera. Poi a casa avevo ancora una moglie bollente, che sembrava diventare sempre più arrapata con il passare delle settimane. Ma Lynn ha continuato a essere sfortunata a casa sua. Ovviamente Keith se la stava cavando ma aveva poco interesse a fare sesso con lei. Le ha procurato una varietà di giocattoli sessuali: un vibratore chiamato "farfalla" con cinghie elastiche per la vita e le cosce che poteva indossare sotto la gonna, batterie che fornivano lo stimolo continuo al suo clitoride mentre camminava; un enorme dildo nero lungo una decina di centimetri che diceva di poter infilare fino in fondo; tre dimensioni di tappi di testa; più un vibratore pulsante e rotante da usare a casa. Lynn e io eravamo d'accordo sul fatto che non aveva senso per lui ignorarla, ma ero estasiato da questo fatto poiché lei sfogava su di me tutte le sue tensioni sessuali. Quando ho sollevato l'argomento della vita sessuale di Lynn con Gail, lei è rimasta sorprendentemente imperturbata da tutto ciò, dicendo che forse era solo un periodo di siccità che Keith stava attraversando.
Poi è arrivato un fine settimana in cui Gail stava facendo gli straordinari nell'ufficio della sua rivista nel Pearl District e non avevamo fatto sesso. Martedì ero eccezionalmente eccitato, quindi ho chiesto a Lynn di "pranzare". Lynn mi ha incontrato nel parcheggio dell'ospedale a mezzogiorno e mi ha pompato più vigorosamente del solito. Ho fatto esplodere il mio carico più o meno quando si è chinata per mettere la bocca sul mio cazzo. C'era così tanto sperma che le è schizzato sulla fronte e tra i capelli e, a nostra insaputa, un po' è schizzato anche sul suo vestito.
"Wow, Doug", rise. "Vedo che ti sono davvero mancato questo fine settimana."
"Oh, Lynn, mi dispiace di aver fatto saltare il mio carico così presto", ho risposto. "È stato un weekend senza sesso per me e ne avevo davvero bisogno."
«Anche io», disse. «Keith ha detto che aveva delle faccende alla stazione, quindi è rimasto lì dopo il suo turno. Tornò a casa tardi quella sera e dormì la maggior parte del resto del suo tempo libero. Quando sono tornata a casa dal lavoro lunedì sera era ancora a letto”.
Quando siamo tornati al lavoro, Coleen, una delle infermiere del personale, ha guardato Lynn e ha detto: "Ti sei schizzato qualcosa sul vestito, Lynn". Sembrava scioccata ma si è ripresa rapidamente e ha risposto: "Merda, devo aver versato sopra il condimento del ranch dalla mia insalata". Entrò in bagno, alzando un sopracciglio mentre passava e sussurrò: "Dobbiamo stare un po' più attenti, amico".
Abbiamo trovato intrigante il fatto che entrambi i coniugi fossero stati occupati fuori casa contemporaneamente. Così quella sera ho curiosato nel comodino di Gail e, abbastanza sicuro, ecco tre foto secche ma chiaramente schizzate di sperma di Gail: una che la mostrava a cavalcioni delle dita sulla finestra del nostro bagno, un sorriso per la fotocamera chiaramente evidente sul suo viso; uno con lei a cavalcioni sul sedile del water, il suo getto di pipì che schizza nel gabinetto e le preme i capezzoli tra le dita; e una di lei chinata tenendole le natiche aperte con le mani, le labbra della fica e un ciuffo di capelli che spunta tra le sue gambe divaricate. Queste erano le foto di "tributo" che Keith aveva inviato dopo averle sborrate addosso. Il giorno dopo alla clinica Lynn ha detto di aver trovato un paio di mutandine inzuppate di sperma nel suo cesto della biancheria che non erano sue e che avevano chiaramente l'odore del sesso di Gail. Ovviamente, il suo "regalo" per lui in cambio. Quindi era oltre il voyeurismo con loro.
Mancavano due giorni al fine settimana successivo. Keith doveva lavorare fino al sabato mattina e poi essere libero fino alle 6 del lunedì. Gail ha detto che aveva un'altra scadenza su cui lavorare durante il fine settimana. Quindi, le ho detto che sarei andato a giocare a golf e sarei stato via tutto il sabato. Lynn ha trovato delle scuse per andare a trovare una sorella a Bend per il fine settimana. Sembrava che ci volesse un'eternità, ma alla fine sabato è arrivato ed entrambi siamo partiti per i nostri rispettivi "compiti", solo per incontrarci un'ora dopo in un vicino Starbucks. Siamo tornati di soppiatto a casa di Lynn, ma Keith non era a casa a dormire come avrebbe dovuto. Così camminammo in silenzio attraverso i cortili sul retro ed entrammo attraverso la nostra porta scorrevole in vetro. Potevamo chiaramente sentire voci provenienti dalla camera da letto.
Keith stava dicendo: “Apri le labbra della tua figa per me, piccola. Ho bisogno di più foto su cui lavorare mentre Lynn è al lavoro.» Poi abbiamo visto il riflesso di un flash mentre ovviamente scattava una foto. "Ora metti due dita nella tua fica." Veloce. "Strofina il tuo bellissimo clitoride per me" Flash. "Ora mettiti a quattro zampe." Veloce. "Ora allarga le tue guance per me." Veloce. “Wow, Gail, sei così bella e così sexy. Guarda quanto è duro il mio cazzo e così pronto per te. Veloce. "Ecco, basta succhiare la testa." Veloce. "Oh, piccola, ora prendine di più in bocca." Veloce. “Ah, così buono! Guardami adesso. Veloce. "Oh, non posso più scattare foto mentre fai schifo in quel modo."
Ci intrufolammo silenziosamente lungo il corridoio finché non potemmo vedere attraverso la fessura dell'inceppamento della porta. Ovviamente erano entrambi nudi. Erano di lato rispetto a noi sul letto con il cazzo eretto di Keith completamente inghiottito nella bocca di Gail mentre lui aveva posato la telecamera e le stava guidando la testa con le mani, pompando via. Ero scioccato, non dalla scena tabù davanti a me, ma dal fatto che lei non stesse soffocando con il suo cazzo completamente in bocca. Si stava toccando la fica e strofinando il clitoride in cerchi con il pollice. "Mmmmmm", stava canticchiando. Lui si irrigidì mentre le sparava chiaramente il suo carico in bocca e lei iniziò a deglutire per tutto quello che valeva.
"Oh, Gail, sei la migliore", ha detto. "Lynn non ha mai succhiato tutto lo sperma dal mio cazzo come fai tu." Then he crashed over onto the bed with his head facing us and pulled Gail over onto him, opening her legs so her wet cunt was directly over his face and also directly in line with the door where we were hiding. He began thrusting his tongue into her pussy while he pressed a finger against her puckered asshole. She writhed on his face as he tongued deeply into her. She then bucked backward against his finger until the whole thing disappeared into her rear tunnel. I could see her grab her tits and tweak her nipples hard like she loved to do when I ate her. “Yes, Keith, lick me…lick me harder….there…right there with your finger….Ooooh, here I cum,” she shouted and we could see her juice pulse out of her cunt right into his waiting mouth.
While this display was shocking, it was obvious both Lynn and I were very turned on by seeing my sweet wife be pleasured by her horny husband. In fact, ever since the hot tub fuck and suck session, I had hoped we could do something as a foursome. And now part of it was happening right before our eyes. My cock sprang up as Gail creamed on Keith’s face and I could see it run down his cheeks onto the bed. Lynn was standing behind me as we looked in the doorway and she reached around and began rubbing my erection. I slid my shorts down around my ankles and let her jerk me from that position. I reached back with both hands and found that she had also shed her shorts and panties so I had easy access to her wet cunt. I pressed my thumb onto her erect clit and began massaging it while sliding three fingers into her cunt. She began humping my hand and soon shuddered as a quick climax washed over her. I was very close myself.
Meanwhile Gail and Keith had reversed positions on the bed so that she was now on all fours with legs splayed wide open and he was pressing his cock into her waiting cunt from behind. He pushed the swollen head into her and then she bucked backward to completely impale herself on his prick. He pumped hard against her as she squealed, “Ooooh god, Keith. I can feel your balls slapping against my clit. Oooooh it feels so goooood….aaargh, I’m cumming so hard,” she screamed. His wrapped his hands in her hair pulling her against him as she slammed repeatedly back on his prick, totally embedded in her channel. “Oooooh Gail, here I come….Aaaargh…..feel it pulse deep in your pussy,” he yelled as he his balls erupted and he pumped his seed into her.
Right then I couldn’t hold back and I shot my load onto the door frame and down the side of the door. I knew my climax would bring Lynn off again and it did. I could feel her shake as a huge orgasm again ripped silently through her. We quietly tiptoed back down the hall into the kitchen. “Oh, Doug, that was wonderful! I can’t believe we all had our orgasms at the same time. But now what do we do?” lei chiese.
There was no turning back now, so we took the rest of our clothes off in the kitchen and walked calmly into the bedroom. Gail was already rubbing her clit as she recovered from her orgasm and was hoping for another massive cum. Still facing away, she turned her head to look at him and saw us but Keith still had his cock buried deep in her cunt and was unaware of us standing in the doorway. Extreme shock registered on her face as she realized they were caught in the act. She jumped and tried to cover up. Keith turned as his swollen prick popped out of Gil and I could see his splooge still dribbling out of the tip.
“Well, hi folks,” I said. “When is a surprise not really a surprise?”
As we all stood there naked, I explained, “Keith, we found your hidden trove of pictures of Gail masturbating just for you and her cum soaked panties in your laundry. Gail, we found the ‘tributes’ with Keith’s cum all over them in your dresser and know you were masturbating in the bathroom window while he watched and took photos.”
Keith held up his hands in surrender, saying, “Guys, I’m really sorry. But ever since I watched Gail suck Doug off in the hot tub, I’ve been fixated on her. I couldn’t even deal with your needs, Lynn, because I couldn’t get Gail off my mind. Then one day I saw her naked in the bathroom and gave her a wolf whistle. Totally not embarrassed, she smiled and waved, then shook her tits at me. So I just had to show her my cock. Then we both masturbated for each other and one thing led to another.” He continued, “We’ve only fucked each other a few times now. Are you totally pissed at me?”
“I’m not pissed that you are cumming for my doctor’s wife but upset that you’ve focused totally on her and ignored my needs. How many fuck sessions is a few?” Lynn asked.
”Uh…maybe six or seven,” Keith replied sheepishly.
“How about seventeen,” Gail broke in. “I am sorry too, Doug, but I have fantasized about Keith for a long time now. I kept the shades open hoping he’d someday ‘catch’ me naked. It may not be right and I don’t want to hurt your feelings but, once I saw how much bigger his cock is than yours, I had to experience it. He fills me completely and seems to know how to hit my spot just right so that I’ve never had such huge orgasms. Besides, sweetie, haven’t you secretly wanted me to fuck another guy while you watched? These are our best friends so it all makes sense, almost like keeping it in the family,” she added. “I hope you aren’t too mad at me.”
Lynn then said, “Well, because you’ve been ignoring me, Keith, I turned to Doug for comfort. He gives me the better orgasms than you ever have and we’ve been satisfying each other almost daily for three months now! What do you think of that, big fella’?”
I added, “Lynn totally loves to suck me off and she can completely swallow my cock when she gives head. And when I eat her pussy she cums four times as much as you do, Gail. So, I guess none of us can be angry with each other.”
I began to stroke my dick back to full mast and Gail smiled while watching me. Keith’s cock which had deflated at our entrance also began to rise as he looked from one gorgeous woman to the other. Lynn walked over to Gail and they hugged each other, then she hopped onto the bed and said, “I guess we are a family all right…a family of perverts!”
“Come over here, Doug,” Gail said. “There are no hard feelings but I can see you both have hard boners that we women would like to feel.”
And that was the beginning of an even greater relationship!

Storie simili

IN PALESTRA_(1)

Uno dei vantaggi dell'azienda per cui lavoro è l'appartenenza alla loro palestra. Mi alleno 3-4 volte a settimana dalla nascita della nostra bambina. Mi ero preso un giorno libero per portare la nostra bambina dal dottore per un controllo. Andava tutto bene mentre ci dirigevamo verso la casa di mia madre. Sentivo che avevo bisogno di un po' di tempo da sola, così ho chiesto a mia madre di tenere Heather tutta la notte. Bruce era fuori città per lavoro, quindi ho programmato un film tranquillo a casa. Anche la mia collaboratrice Susie si è allenata nella stessa palestra. A mia...

3.8K I più visti

Likes 0

Giorni nel dormitorio-Parte 1

Beh, vivo in un dormitorio universitario, quindi puoi immaginare che vedo, sento parlare e faccio MOLTO sesso. Non sono mai stata una puttana ma apprezzo il corpo maschile. Una delle mie scopate preferite è avvenuta durante il primo mese di college con il mio migliore amico, Mike. Sono amico di lui fin dal primo anno del liceo e la nostra amicizia è una cosa che apprezzo molto. Sono venuto al nord (nella California settentrionale dalla California meridionale) per andare a scuola nell'agosto dello scorso anno. Ero piuttosto sola nel mio dormitorio dato che non avevo un compagno di stanza, così ho...

558 I più visti

Likes 0

Il nuovo inizio di Sarah, parte 3

Mi misi l'impermeabile e andai allo specchio da toeletta. Un'ondata di energia mi attraversò il corpo mentre mi guardavo allo specchio in piedi nudo con indosso il cappotto e le mie calze nere e nient'altro. I miei capezzoli erano eretti e teneri e mi sentivo come una donna sensuale e sexy, l'intera immagine era così erotica. Andai in ufficio e presi solo le chiavi dell'ufficio e tornai a sedermi ad aspettare la limousine con Lance e Michigan. Dopo qualche minuto il telefono di Lance squillò e ci alzammo e uscimmo dall'ufficio, questa volta ho controllato la porta per assicurarmi che fosse...

2.7K I più visti

Likes 0

La Congrega Parte 1 - Reed_(1)

Canna AIUTAMI QUALCUNO AIUTI PER FAVORE!!! urlò una giovane donna mentre veniva trascinata dentro dalla porta principale da un sorridente Jackson. La teneva per il collo mentre tutti nell'area del bar ridevano e sorridevano alla pietosa donna. Era attraente, con i capelli biondi tinti tagliati in un caschetto disordinato e enormi occhi castani. Indossava una specie di uniforme, ma era talmente strappata che nessuno poteva distinguere con certezza cosa ci fosse scritto. Andò nel panico, guardando tutti nella stanza, sperando che qualcuno la salvasse. Ma a nessuno fregava un cazzo. Alcuni dei ragazzi più grandi stavano giocando a freccette vicino al...

983 I più visti

Likes 0

QUANDO TI DIVERTI

Mi sono sempre piaciute le donne ispaniche. C'è qualcosa in loro che è molto esotico ed eccitante. Forse è una specie di fuoco latino; Forse è il dolce colore della loro pelle scura; i loro occhi scuri... qualcosa ... qualunque cosa ... Mi eccitano! Quindi non sorprende che i miei occhi siano attratti dal dolce scuro giovane e snella senorita seduta davanti a me. sono stato guardandola, di tanto in tanto, da quando siamo partiti. Volo notturno, New York City a Los Angeles, su un aereo pieno solo a metà. Tanti vuoti i sedili ei passeggeri si sono sparpagliati, lasciandone tanti...

914 I più visti

Likes 0

ECONOMIA DOMESTICA_(0)

Andrea Patterson ha controllato la sua agenda giornaliera e ha tirato fuori la cartella di Millie Evans. Lo aprì e lo esaminò rapidamente, prendendo alcuni appunti su un blocco note giallo che aveva sulla sua grande scrivania. Millie era una brava studentessa con una personalità piacevole e sembrava che stesse andando bene in questo suo ultimo anno. Qualcuno bussò alla porta e Millie entrò nell'ufficio di Andrea e si sedette di fronte alla scrivania. Ho appena esaminato i tuoi record e sembra che tu stia andando molto bene al liceo, intonò la signora Patterson, posso attestare il fatto che nella mia...

821 I più visti

Likes 0

Fiaba degli sport sanguinari cap. 3

Innanzitutto lasciatemi scusare profondamente per l'incredibilmente lunga attesa tra il capitolo precedente e questo. Tutto quello che posso offrire come scusa è che la vita può essere davvero un’amante crudele. Non molto tempo dopo aver iniziato a lavorare su questo capitolo, il mio computer si è bloccato e ha portato via tutto il mio lavoro, perché sono un analfabeta informatico al limite e concetti semplici come antivirus e backup dei dati mi sfuggono continuamente. E visto che sono ancora piuttosto lontano dal mio obiettivo finale di autore/playboy sporco e belligerante, solo di recente sono riuscito a racimolare abbastanza soldi per rimpiazzarlo...

540 I più visti

Likes 0

Spingere i confini.

Sono stato sposato con Tina per 3 anni. Fin dall'inizio mi ha sorpreso con i giochi che ha giocato. All'inizio stavo semplicemente entrando nel salone nuda sapendo che non importa a che ora del giorno o della notte mi sarei subito arrapato e l'avrei scopata. Lo fa a volte quando la TV era accesa e io stavo guardando il mio programma televisivo preferito. Ha detto che voleva vedere se per me significava più di uno stupido programma televisivo. Solo per assicurarsi che fossi distratto, insisteva che mi sdraiassi sul pavimento e si sedeva sulla mia faccia così non potevo vedere nient'altro...

3K I più visti

Likes 0

Brani della mia vita

Estratti della mia vita -- Adolescente travestito Mi chiamo Melvin o Mel in breve tranne quando mi vesto da ragazza e poi sono Melani. Ho 14 anni dal vivo con la mia mamma single e mi godo le mie estati perché non ho altro da fare se non perseguire la mia passione, il sesso. Ci sono tre cose che mi piace fare e non posso dire di preferire l'una o l'altra. Amo la sensazione di un cazzo duro nelle mie mani e nella mia bocca; Adoro sentire una figa calda e bagnata che mi afferra la lingua e adoro vestirmi come...

3K I più visti

Likes 0

Escursionismo

Mia sorella ed io amavamo la vita all'aria aperta e passavamo sempre del tempo fuori. Abbiamo trascorso molto tempo a programmare un viaggio per fare escursioni nella foresta e accamparci per qualche notte. Ci siamo preparati per molti giorni e abbiamo preparato tutte le nostre cose. Siamo partiti la mattina presto e abbiamo camminato per gran parte della giornata, quindi ci siamo fermati e abbiamo pranzato. Dopo aver acceso un fuoco e aver pranzato, siamo ripartiti. Verso le 5 ci siamo fermati per la notte. Sono andato a caccia mentre mia sorella ha allestito il campo. Ho sparato ad alcuni scoiattoli...

2.3K I più visti

Likes 2

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.