Papà torna a casa dal lavoro (pt. 9)

2.3KReport
Papà torna a casa dal lavoro (pt. 9)

Mi sono svegliato luminoso e presto un sabato mattina con la meravigliosa sensazione di un pompino mattutino. Non era da mia moglie darmi la testa, ma ogni tanto mi sorprendeva in questo modo quando si svegliava di umore piuttosto vivace. Ho apprezzato la sensazione delle labbra bagnate che scivolavano su e giù per il mio palo e la mano che mi accarezzava le palle, la mano sembrava familiare e non come quella di mia moglie, quindi ho finito di strofinarmi gli occhi e ho guardato in basso per trovare mia figlia Rosie che mi maneggiava amorevolmente.

"Non preoccuparti papà, la mamma è andata già stamattina per il suo lavoro e non tornerà prima di domenica pomeriggio o sera," disse come se avvertisse la mia preoccupazione. Appena l'ha detto mi sono ricordato di tutti i dettagli. Prima mi aveva detto che sarebbe rimasta fuori città durante la notte per un seminario di formazione di sei mesi o qualcosa del genere per il suo lavoro.

Mentre stavo ricordando i dettagli con cui mia moglie mi ha lasciato per il fine settimana, Rosie si stava arrampicando su di me e posizionando la sua giovane figa stretta sul mio albero e iniziò a sedersi su di me. Entrambi abbiamo emesso un gemito alla sensazione del mio cazzo che scivola nella piccola figa bagnata delle mie giovani figlie adolescenti.

"Giuro che non mi abituerò mai al tuo cazzo papà, è così grande e mi riempie così bene", ha detto mentre iniziava a cavalcare il mio cazzo su e giù. "Si sente così bene dentro di me." Si è sdraiata contro di me e ho sentito i suoi piccoli capezzoli duri sfiorarsi avanti e indietro mentre si schiacciava sul mio cazzo. Stava davvero lavorando sodo e già respirava affannosamente. Voleva venire male e penso di sapere cosa metterla oltre il limite. Ho allungato la mano e l'ho presa per il sedere e ho iniziato ad accarezzarle il culo con il dito. Ha emesso un gemito e si è abbattuta su di me più forte. Ho colto il suggerimento e ho iniziato a prenderle in giro mentre lei mi scopava. "Oh, sì, ficcami un dito nel culo papà, voglio venire forte per te."

Mi leccai il dito per dargli una buona quantità di lubrificante e feci scivolare il dito nel suo culo stretto. Ha emesso uno strillo e si è dondolata di nuovo sul mio cazzo e sul mio dito, costringendomi a entrare in lei quanto poteva. "Oh, sto venendo papà, oh è così bello, oh papà, vieni con me, vieni dentro di me papà, spara il tuo sperma in profondità nella mia figa." A quel punto ho fatto proprio questo. Il suo orgasmo mi ha mandato oltre il limite e si è infilato in lei e ha sparato un carico in profondità nella sua piccola figa stretta con un forte gemito gutturale.

Entrambi siamo appena crollati dopo il nostro reciproco orgasmo. Il mio cazzo si contorce ancora nella sua figa e il mio braccio la avvolse intorno con un dito speronato nel culo. Dopo un minuto in cui abbiamo ripreso fiato, ho staccato lentamente il mio dito dal suo culo, ho avvolto le mie braccia intorno a lei e l'ho tenuta stretta mentre le baciavo la parte superiore della testa. Si è alzata e mi ha baciato sulle labbra e mi ha detto che mi amava, poi ha iniziato a scendere da me. Mentre si faceva strada dal letto, scivolò oltre il mio cazzo e se lo succhiò in bocca e leccò e succhiava con cura tutti i nostri succhi.

"Devi smetterla o non ci alzeremo mai dal letto oggi", le dissi.

"E quale sarebbe il problema con quel papà?"

"Beh, immagino che potremmo, se vuoi, ma ho pensato che avresti voluto fare qualcos'altro."

"È vero, in realtà sono venuta qui per chiederti se potevo invitare un paio di ragazze stasera e magari far passare la notte da Amber con me."

"Allora mi stavi solo corrompendo con tutto questo?" dissi mentre facevo cenno alle lenzuola rovinate da noi che facevamo sesso.

"Oh, no, sono appena entrato qui e tu avevi un'erezione incredibile e la mamma se n'era già andata, quindi ho deciso che era troppo bello per sprecarlo, in più ero eccitato anche questa mattina." Lei spiegò. "Allora posso?"

"Amber sta bene, chi altro volevi invitare?" Conoscevo già Amber, lei e Rosie erano state amiche dalla prima o dalla seconda elementare. Conoscevo anche i suoi genitori, beh, comunque sua madre, perché è con lui che viveva adesso. Conoscevo anche suo padre prima che se ne andasse, ma hanno divorziato e lui si è trasferito fuori dallo stato e non faceva più visita ad Amber.

"Jessica e Tiffany. Sono nella squadra del tifo con me. Non voglio davvero che passino la notte, ma potrebbe essere interessante conoscerli".

"Suppongo, vai a fare le telefonate e assicurati che i genitori di tutti stiano bene e poi andiamo a prendere Amber." Lo dico in questo modo perché nel corso dell'amicizia tra Rosie e Amber sono diventato quasi un secondo padre per Amber e sua madre mi conosceva e si fidava di noi come genitori, quindi non ha mai avuto problemi a lasciare che Amber venisse.

Dopo che tutta la pianificazione e gli strilli si erano placati, ci siamo diretti da Amber a prenderla e poi siamo andati a fare la spesa perché dovevano fare provviste per stasera. Dopo aver colpito qualche negozio in più di quanto avrei voluto, siamo finalmente tornati a casa e le ragazze sono corse nella stanza di Rosie per sistemare le cose, immagino. Mi sono seduto sul divano e ho cercato di capire cosa fare. Quando le altre due ragazze si sono presentate, avevo appena scelto un film. Non mi sono appena alzato dal mio posto prima di sentire la porta aprirsi. Rosie e Amber stavano già urlando che ce l'avevano, poi ho sentito dei passi eccitati che si muovevano lungo il corridoio. Finii di alzarmi e andai alla porta per guardare gli altri genitori che si allontanavano dalla finestra. Ho pensato che avrebbero salutato, ma immagino che la vita sia troppo occupata per alcune persone. Mi sono assicurato che la porta fosse chiusa a chiave e mi sono rilassato nel mio film.

La maggior parte della notte rimasero nella stanza di Rosie, ma in seguito decisero che volevano concludere la serata con un film e tutti si ammucchiarono in soggiorno e presero il controllo della TV. Beh, ho detto loro che potevano, a patto che avessero scelto qualcosa che avrei guardato anche io. Hanno inserito il film e tutto si è ambientato. Rosie ai miei piedi e Amber si sedette accanto a me sul divano con Jessica all'altro capo del divano e Tiffany sulla sedia.

Ho messo il mio braccio intorno ad Amber e l'ho abbracciata mentre si sedeva accanto a me. Era passato un po' di tempo dall'ultima volta che l'avevo vista ed era cresciuta un po'. Mentre l'abbracciavo, potevo sentire le sue tette vivace premere contro il mio fianco. Mi sorrise e notai che anche il suo viso era cresciuto un po'. Le sue guance paffute stavano iniziando a uniformarsi e la sua mascella era diventata più definita.

Il film è andato avanti e Rosie in qualche modo si è avvolta intorno alle mie gambe e Amber è passata dal sedersi accanto a me ad appoggiarsi su di me per appoggiare la testa sul mio grembo. Il film che hanno scelto era un film drammatico per ragazze, ma conteneva un paio di scene piuttosto sexy. Una scena era una scena d'amore e la ragazza stava cavalcando il ragazzo e si strusciava su di lui, ovviamente non si vedeva nulla ma mi ha ricordato la sessione mattutina con Rosie e ho sentito il mio cazzo contrarsi per l'eccitazione e iniziare a crescere. Il problema era che la testa di Amber era a circa un pollice dal mio cazzo, quindi se fosse cresciuto molto di più avrei iniziato a sbatterla in testa con la mia erezione, ma per qualche motivo non riuscivo a ottenere l'immagine di Rosie profondamente impalata sul mio cazzo e stritolandolo fuori dalla mia testa. Poi, con mio rammarico, Amber alzò la testa solo per riorganizzarsi e appoggiò la testa più indietro.

Ora la sua testa era proprio sul mio cazzo, ma non ha fatto alcun movimento o detto nulla per indicare che lo sentiva, quindi l'ho lasciato andare. Proprio mentre pensavo che finalmente sarebbe andato via, Amber ha strofinato la testa contro il mio inguine e ha strofinato il mio cazzo per riportarlo in vita.

Alla fine il film è finito e le ragazze sono andate a raccogliere le cose lì in modo che i genitori potessero venire a prenderle. Dopo che Tiffany e Jessica se ne sono andate, Rosie e Amber sono tornate nella stanza di Rosie dichiarando che non sarebbero state fuori fino al mattino, anche se sapevo che almeno uno di loro sarebbe andato di nascosto in cucina più tardi per uno spuntino o qualcosa del genere. Ho detto loro che avrei guardato un altro film o qualcosa del genere.

Qualche tempo dopo il film era finito e mi sono svegliato con qualcuno che mi strofinava l'inguine attraverso i vestiti. Guardavo attraverso le luci soffuse dall'altra stanza e potevo appena distinguere Amber accanto a me sul divano con una mano avvolta intorno al mio inguine e l'altra mano che si strofinava la figa con le mutandine tirate di lato in modo da poter vedere il suo buco bagnato. Poteva dire che ero sveglio ma non si fermò né lo riconobbe affatto, continuava solo a strofinarmi, poi ha preso la mia cerniera e la cintura per cercare di liberare il mio cazzo.

Non sapevo cosa fare, ero un po' sotto shock perché non avevo pensato che Amber fosse sessuale, ma poi non sapevo nemmeno di mia figlia. È riuscita a slacciarmi i pantaloni senza che mi muovessi, a quanto pare era determinata. Ha rilasciato il mio cazzo e l'ha accarezzato forte e lentamente, poi si è chinata e l'ha spinto fino in fondo alla gola, qualcosa che Rosie non riusciva ancora a gestire. Ha oscillato su e giù sul mio cazzo e ha continuato a giocare con se stessa con l'altra mano.

Senza troppi indugi si alzò in piedi, si girò e puntò la sua figa con il mio cazzo e iniziò a calarsi su di me all'indietro. Mi sono adattato per renderlo più facile, e poi ho sentito la sua umidità avvolgere il mio albero. È rimbalzata su e giù sul mio cazzo mentre si pizzicava i capezzoli. Ha continuato a farlo a un ritmo vigoroso e in pochissimo tempo ha respirato pesantemente e ansimando con un orgasmo in arrivo. Si è sbattuta sul mio cazzo con una forte spinta e ha emesso un gemito basso, poi è scivolata giù dal mio cazzo sulle ginocchia e ancora una volta ha impalato la sua bocca sul mio cazzo guidandolo giù per la gola fino all'elsa, quindi ha iniziato a scoparsi la faccia con il mio cazzo Alcuni secondi in cui ha aggredito il mio cazzo in questo modo e ho sentito l'ondata di un orgasmo arrivare. Mi sono lamentato quando ha allungato una mano e mi ha preso le palle in mano e le ha massaggiate per me, quindi ha fatto uscire una spessa corda su per la sborra direttamente in gola. Si alzò per prendere aria e il secondo e il terzo filo si impigliarono sulla lingua e l'ultimo le gocciolava un po' sul labbro inferiore. Si succhiò il labbro e si pulì lo sperma, poi se lo fece roteare in bocca una volta con la pozzanghera sulla lingua e lo ingoiò tutto in un sorso grande.

"Non si preoccupi Mr. D. il nostro piccolo segreto, k?" Le uniche parole pronunciate. Le ho semplicemente sorriso e l'ho guardata tornare nella stanza di Rosie.

Storie simili

LA SORELLA DELLA MOGLIE VIENE A STARE DOPO IL DIVORZIO - PT 1

Sandy aveva circa trentacinque anni quando lei e suo marito decisero di farla finita. Erano stati in un matrimonio abbastanza tranquillo e poco interessante per circa sei anni, ed era chiaramente ora di cambiare. Sorprendentemente, non era davvero distrutta per aver lasciato la relazione, solo un po' delusa e contenta di andare avanti. Una volta presa la decisione, Sandy ha chiamato sua sorella, Paula, per vedere se poteva stare con lei e suo marito per un po'... almeno fino a quando Sandy non avesse riavuto le sue gambe da single. Paula aveva un anno in più di Sandy e si assomigliavano...

764 I più visti

Likes 0

La nostra esperienza sessuale

Questo segue la prima parte della scena di sesso sulla nave da crociera in cui io e mia moglie ci abbandonavamo sul ponte della nave. Tornando nella nostra cabina, ci eravamo un po' rinfrescati dal fantastico divertimento orale, pisciato, anale e dall'ingoio di sperma. Eravamo un po' stanchi, ma non abbastanza stanchi per farci una doccia, metterci la biancheria da notte e rilassarci un po' prima di andare a letto. Mia moglie (Sandy) si è scusata perché voleva usare il bagno. Ho acceso la TV e mi sono rilassato per un po' per guardare qualche soap sul canale. Quando sono trascorsi...

359 I più visti

Likes 0

Le cronache della discesa di Suzie - parte 2

Parte 2 Un giorno ero al lavoro e facevo il solito... lavoravo per un altro giorno pieno di cazzi di gomma. Da quando i miei figli avevano buttato via TUTTA la mia biancheria intima. Matt si era preso la briga di farmi un paio di piccole cinghie attaccate a un tassello di pelle. Questo teneva fermo il mio dildo e teneva nascosto il mio cazzo. È stato facilissimo da montare e slacciare molto velocemente... quanto è stato premuroso da parte sua! Uscii dal gabinetto e trovai Sue, una delle altre commesse, appoggiata al bancone. L'ho guardata negli occhi e non potevo...

298 I più visti

Likes 0

Confessione a papà_(2)

Ho qualcosa da dirti papà, ma non posso semplicemente dirlo, devo dirti altre cose con esso, ok? Ma ci arriverò, lo prometto. La casa era tranquilla. Eri al lavoro da diverse ore e io avevo già finito le mie faccende. La nostra camera era pulita, i piatti riposti, il bucato piegato... e mi annoiavo. Ero sdraiato sul divano pensando a te ed ero così eccitato che, anche se so che non mi è permesso, ho iniziato a toccarmi. Volevo il cazzo di papà ma non saresti a casa per ore! Ho iniziato lentamente, strofinandomi il clitoride con una mano e prendendomi...

3.1K I più visti

Likes 0

Cambiare la realtà (parte 3)

Ciao ragazzi e ragazze! È Chase. Sai, la persona di cui parla questa storia. So cosa stai pensando – Questo non può essere vero. Bene, ti assicuro che lo è assolutamente. Non posso provartelo, a meno che non ci incontriamo un giorno e anche allora, dovrei raccontarti tutto da capo. È qualcosa che non è molto probabile che farò poiché qualsiasi esposizione di chi e cosa sono potrebbe portare alla mia cattura da parte di qualcuno che desidera trasformarmi in una specie di cavia. Non so voi, ma non sono molto entusiasta di essere rinchiuso per il resto dell'eternità e di...

1.9K I più visti

Likes 0

Asmodeus - Demon of Lust: Parte 8

A/N – Miei cari lettori! Grazie a tutti coloro che sono rimasti accanto a me e a questa storia per così tanto tempo. Mi scuso sinceramente per l'attesa tra questo capitolo e il precedente; Ho davvero scritto ogni volta che ho potuto. Dubito che ogni singolo capitolo varrebbe un anno intero di attesa, ma come per tutto ciò che scrivo ho riversato la mia anima nella parte 8 e spero sinceramente che ti piaccia leggerla. Come sempre, PER FAVORE, vota, commenta e inviami un'e-mail! Mi piace sentirvi ragazzi e risponderò a ogni e-mail. Buon Anno! Saluti, Steelkat Parte 8 Passeggiamo per...

1.8K I più visti

Likes 0

Per favore, lasciami andare

Gliel'ho lasciato fare. Gli ho lasciato toccare il mio cazzo. Suppongo di aver ceduto alle mie voglie di voler venire a qualunque costo, anche se non avevo alcun desiderio per lui, nessuna persona del mio sesso. Mi sono sdraiato sulla schiena e l'ho lasciato fare a modo suo con me. Non è che fosse un estraneo. Cominciò ad accarezzarmi dolcemente. Colpi lunghi e morbidi con la punta del dito su e giù per la mia asta. Sembrava molto surreale che il mio migliore amico mi stesse accarezzando il cazzo. Ha notato che c'era un allentamento pre-sborra dalla sua punta. Chinò la...

1.5K I più visti

Likes 0

Il mio villaggio delle MILF

Storia di Fbailey numero 776 Il mio villaggio delle MILF Lo zio Charles mi ha lasciato la sua enorme fattoria alla periferia della città. Era seicentoquaranta acri o quello che chiamano una sezione. Ha una dimensione di un miglio per un miglio. Mio padre mi aveva lasciato la sua sezione e si unirono naturalmente. Sul retro della mia terra c'era una ripida scogliera in un ampio letto di fiume. Ciò ha reso il retro centrale quasi invisibile a chiunque fosse al di fuori della mia proprietà. Avevo una piccola impresa che produceva e vendeva case prefabbricate. Rimorchi essenzialmente a doppia larghezza...

1.5K I più visti

Likes 0

Letto a baldacchino

Era stata una piccola riunione nel monolocale di Jinx. Eravamo seduti sul grande letto a baldacchino di Jinx. Quando gli altri se ne sono andati, sono rimasto a salutare Jinx, perché questa era la prima volta che la incontravo. Il letto a baldacchino mi aveva incuriosito. Stavo guardando l'intaglio ai piedi ed ero incuriosito. Ehm... corde? Ho chiesto.. Come lo hai saputo? I segni sulle colonne del letto. Bel letto a baldacchino, tra l'altro. Grazie. Sei abbastanza attento. Ti piace il bondage? Ho coperto un po '. Non esattamente dentro. Ne ho letti alcuni, e ho sempre pensato di provarci. Lei...

1.1K I più visti

Likes 0

I miei giorni in Thailandia parte 4

Mentre la cameriera portava un secchiello pieno di ghiaccio e bottiglie di birra e champagne, mi rivolsi a Mia e Pannai: Voi, due, capite l'inglese? Si guardarono e annuirono. Fu Pannai a parlare: Capire... parlare di no. Ho riso una risata malvagia: “Bene…..io amo le puttane che non parlano troppo…. Sdraiati, tutti e due! E allarga le gambe, così posso vedere le tue fiche! Mentre si sdraiavano, ho preso due manciate di ghiaccio e ho iniziato a premerlo sulle loro tette, collant, su tutto il loro giovane ventre piatto. La pelle d'oca è salita su di loro e i loro capezzoli...

1.1K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.