Confessione a papà_(2)

585Report
Confessione a papà_(2)

Ho qualcosa da dirti papà, ma non posso semplicemente dirlo, devo dirti altre cose con esso, ok? Ma ci arriverò, lo prometto.

La casa era tranquilla. Eri al lavoro da diverse ore e io avevo già finito le mie faccende. La nostra camera era pulita, i piatti riposti, il bucato piegato... e mi annoiavo. Ero sdraiato sul divano pensando a te ed ero così eccitato che, anche se so che non mi è permesso, ho iniziato a toccarmi. Volevo il cazzo di papà ma non saresti a casa per ore! Ho iniziato lentamente, strofinandomi il clitoride con una mano e prendendomi a coppa la tetta, pizzicandomi delicatamente il capezzolo con l'altra. Per prima cosa stavo semplicemente girandoci intorno con il dito, pensando che invece ci fosse la tua lingua. È stato così bello l'ultima volta che l'hai fatto, papà. Mentre ci pensavo, sono passato distrattamente dal circondare il mio clitoride con la punta delle dita fino a massaggiarmi completamente. Era bello, ma non buono come te. Quindi ho messo un dito dentro me stesso, come fai tu, ma non era la stessa cosa.

Così ho iniziato a pensarci. Non dovrei toccarmi e tu non saresti a casa per molto tempo, ma hai detto che ti sarebbe piaciuto se avessi preso il cazzo di qualcun altro a volte, quindi forse potrei farlo ora. Così ho mandato un messaggio a un amico. Sai, quello con il cazzo davvero grosso? Era qui in 30 minuti. Non appena la porta si è chiusa, la sua bocca è stata premuta contro la mia e le sue mani sono state sul mio culo. Le sue unghie mi graffiarono la pelle mentre quasi immediatamente si affrettava a sollevare l'orlo della mia camicia da notte. Mi ha strappato via il perizoma, quasi strappandolo mentre lo conducevo nella stanza, la nostra stanza, e mi ha tirato sul letto con lui. Invece di scoparmi subito, mi ha messo una mano sulla nuca e ha guidato la mia testa verso il suo cazzo e oh mio Dio papà, era così grande! Era così denso che c'era uno spazio vuoto tra le mie dita quando l'ho preso in mano, e abbastanza a lungo da riempirmi la gola e c'era ancora molto da fare. Ho iniziato ad accarezzarlo e succhiarlo, facendolo diventare bello e duro, e mi sono reso conto di quanto fosse più grande di te. Ho dovuto muovere la mano su e giù per l'asta insieme alla bocca perché non riuscivo a inserirlo tutto dentro. Continuavo a soffocarmi e a farmi lacrimare gli occhi, ma sapere che era abbastanza grande mi ha fatto solo desiderare di più . Ho ruotato il polso mentre ho fatto scorrere la mano su e giù, facendo lavorare la sua canna nella sua forma più grande e più forte mentre gli accarezzavo la testa, la sfera del mio anello della lingua che tracciava tutt'intorno. Poi mi ha detto che era ora di mettersi in groppa e lasciarsi scopare da lui.

Feci come mi era stato detto e non appena la mia schiena fu sul letto, la sua testa fu tra le mie gambe. La sua bocca era buona quasi quanto la tua, papà. Ma anche se era bello, lui mi leccava e prendeva in giro il mio clitoride, è stato quando mi ha toccato con le dita che ho capito per certo che era una buona scelta. Mi ha messo due dita dentro, piegato verso l'alto e curvato, e ha iniziato a lavorare la mia fica. Non appena ha iniziato ho capito che sarei venuto duro e in quello che sembravano secondi sono stato travolto da un piacere così intenso che stavo quasi automaticamente alzando i fianchi per incontrare ogni spinta della sua mano e ho dovuto mettere una mano sulla mia bocca per calmare i miei gemiti. Proprio mentre stavo per venire si è chinato in avanti e mi ha sussurrato all'orecchio "di chi è quella figa?" E gli ho detto che era suo perché in quel momento lo era e sono venuto così forte che quasi non riuscivo a vedere dritto. Volevo che mi prendesse così male, dopo quel papà. L'ho pregato di metterlo dentro di me. "Per favore?" piagnucolai, sollevando il culo per strofinarmi contro di lui. Lo teneva all'ingresso, stuzzicandomi e dicendomi "non ancora" ogni volta che cercavo di alzarmi per spingerlo dentro di me. Poi finalmente l'ha guidato dentro di me e ho potuto sentire me stesso allungarmi intorno a ogni centimetro di lui. Era così grosso che mi ha completamente riempito e toccato il fondo. Sussultai e inarcai la schiena. Fece scivolare il suo braccio libero sotto di me, baciandomi mentre mi pompava dentro, facendomi gemere più forte ad ogni spinta. Ma sai cosa mi ha davvero spinto oltre il limite, papà? Voi! Esatto, ti ho visto in piedi lì a guardare dalla porta parzialmente aperta. Immagino che tu sia sceso presto o qualcosa del genere, ma quando ho girato la testa e ti ho visto in piedi lì a guardarmi mentre prendevo il suo cazzo enorme, il tuo già fuori dai pantaloni e ti tirava addosso furiosamente, mi sono emozionato così tanto quando mi hai visto essere il tuo piccolo troia. Sono diventato più forte solo per assicurarmi che tu potessi sentire, e l'ho afferrato per il culo, facendomi scopare lentamente e profondamente in modo da avere un bello spettacolo. Stavo pensando di farlo ritirare, ma una volta che ho saputo che lo sapevi, volevo essere pieno del suo sperma. Gli ho avvolto le gambe intorno mentre veniva, e i primi rivoli di sperma sono scesi mentre la sua erezione ancora palpitante mi ha portato al mio stesso orgasmo. Ti ho visto finire anche in quel momento, papà, su tutto il davanti dei tuoi pantaloni. Mi è piaciuto vedere i getti di bianco schizzare contro i tuoi pantaloni neri perché potevo sentire la sua fuoriuscita da me. Avrei voluto che tu venissi qui e mi pulissi. L'idea di assaporarlo in me e di leccare i suoi succhi da me mi fa impazzire, ma dato che non sapevi nemmeno che sarebbe successo, non volevo sfidare la mia fortuna. Sapevo già che probabilmente sarei stato sculacciato per non aver chiesto almeno il permesso, non volevo farti arrabbiare troppo.

Quindi quello che volevo dirti era quanto mi piacesse farmi scopare da un altro cazzo e che mi piacerebbe farlo di più. Ma quello che voglio davvero è che anche tu interpreti papà. La prossima volta voglio che tu sia lì. Voglio succhiarti il ​​cazzo e poi sedermi in grembo mentre lui mi scopa senza senso. Voglio sentirlo soffiare il suo carico il più in profondità possibile e poi farti pulire tutto mentre lui guarda. Allora cosa ne dici? Possiamo papà, per favore?"

Storie simili

Ho reso la ragazza popolare la mia schiava del dolore 3

Mi sveglio lentamente con una strana sensazione, qualcuno nel mio letto con me. Ricordo la scorsa notte con Taylor tutte le cose che avevamo fatto, i piaceri che ci eravamo fatti provare ma soprattutto ricordo quello sguardo nei suoi occhi e il modo in cui mi aveva detto che pensava di innamorarsi di me solo prima che si addormentasse avvolta tra le mie braccia. Sento che il mio cazzo è duro e preme contro il suo culo, si muove e allarga le gambe dandomi un facile accesso alla sua figa. Rimango lì per un momento cercando di capire se sta dormendo...

103 I più visti

Likes 0

Un po' di magia nera Capitolo 1

Capitolo 1 Questa è la mia storia... No. Questa è la mia confessione. Non sono sicuro che quello che ho fatto sia stato un crimine, ma è stato sicuramente contro natura. Il mio ultimo anno al college e in effetti le ultime settimane fino a quando non sarei stato cerimoniosamente inserito nel mondo del lavoro. Mi trovavo nel bagno che accompagnava la mia camera da letto esplorando il mio corpo allo specchio. Le lenti spesse dei miei occhiali mi facevano sgranare gli occhi sotto il disordine ondulato dei capelli neri. La mia pelle era pallida per aver passato giorni nelle biblioteche...

758 I più visti

Likes 0

Una ragazza impara la lezione

Tornando faticosamente verso le stalle, Katy si chiese se questo lavoro valesse davvero tutti gli sforzi. Aveva fatto una lunga passeggiata e ora stava iniziando a piovere. Si sarebbe bagnata nell'ultimo miglio. Ha tirato il guinzaglio del cane e ha iniziato a correre verso la fattoria e il rifugio. Da sei settimane lavorava al maneggio e le vacanze estive erano quasi finite. Questo è stato l'inizio della sua ultima settimana. Il lavoro non era molto ben pagato, ma poi la signora Johnson, la proprietaria della scuola di equitazione, permise a Katy di stallare il proprio cavallo lì gratuitamente e fu in...

613 I più visti

Likes 0

Ufficiale superiore

Ensign, è meglio che ci sia un'ottima ragione per essere qui Il guardiamarina Philips non aveva una buona ragione per essere nella sala degli ufficiali, sentiva il cuore crollare sui suoi stivali da combattimento Girati quando ti parlo Guardiamarina Il guardiamarina Philips si voltò lentamente, con le spalle leggermente cascanti per la sconfitta, quando vide chi lo affrontava, dimenticò completamente le vere ragioni per essere qui, infatti praticamente si dimenticò di tutto Allora Guardiamarina, che diavolo ci fai qui nella Sala Ufficiali? Il capitano Jean Harigan, l'unica donna ufficiale sulla nave e non solo è l'unica donna ufficiale sulla nave, è...

182 I più visti

Likes 0

Papà torna a casa dal lavoro (pt. 9)

Mi sono svegliato luminoso e presto un sabato mattina con la meravigliosa sensazione di un pompino mattutino. Non era da mia moglie darmi la testa, ma ogni tanto mi sorprendeva in questo modo quando si svegliava di umore piuttosto vivace. Ho apprezzato la sensazione delle labbra bagnate che scivolavano su e giù per il mio palo e la mano che mi accarezzava le palle, la mano sembrava familiare e non come quella di mia moglie, quindi ho finito di strofinarmi gli occhi e ho guardato in basso per trovare mia figlia Rosie che mi maneggiava amorevolmente. Non preoccuparti papà, la mamma...

145 I più visti

Likes 0

Spingere i confini.

Sono stato sposato con Tina per 3 anni. Fin dall'inizio mi ha sorpreso con i giochi che ha giocato. All'inizio stavo semplicemente entrando nel salone nuda sapendo che non importa a che ora del giorno o della notte mi sarei subito arrapato e l'avrei scopata. Lo fa a volte quando la TV era accesa e io stavo guardando il mio programma televisivo preferito. Ha detto che voleva vedere se per me significava più di uno stupido programma televisivo. Solo per assicurarsi che fossi distratto, insisteva che mi sdraiassi sul pavimento e si sedeva sulla mia faccia così non potevo vedere nient'altro...

829 I più visti

Likes 0

Lascia che una Playa giochi

Lascia che A Playa Play Storia di Charles che usa il suo bell'aspetto e il suo fascino per scopare tutte le donne che vuole. Oooohh cazzo, mmmmm. geme con una gamba sulla mia spalla, mutandine nere con rifiniture rosa che pendono dal suo piede mentre attacco vigorosamente la sua figa con la mia lingua. Essendo questo il suo ultimo giorno di lavoro, ho pensato di mandarla via con un regalo d'addio. Più simile a questo è ciò che ti mancherà presente. Mentre si morde il labbro, mi afferra la nuca e mi preme il viso nella sua figa bagnata. Non sai...

641 I più visti

Likes 0

Jaded Parte 1- Riva dell'acqua

Tutto quello a cui riuscivo a pensare era quanto faceva caldo oggi e quanto faceva freddo ieri; i forti venti che avevano soffiato la mia borsa Walmart attraverso il parcheggio mentre i miei amici avevano ridacchiato al mio inseguimento si erano trasformati in intensi raggi che picchiavano sul mio corpo di sedicenne. Sarò onesto, era un corpo che la maggior parte dei miei amici, anche i più grandi, invidiavano ed era in parte a causa del mio corpo che le ragazze più grandi uscivano comunque con me. Il mio viso innocente e i lunghi capelli biondi si sono complimentati con il...

635 I più visti

Likes 0

Bobby e Jonnie erano innamorati

Aveva diciassette anni e ancora non era mai stata baciata, tranne quando ha incontrato Bobby. Aveva anche lui diciassette anni e, sebbene fosse stato baciato più volte dalle signore, non era mai arrivato in seconda base, tanto meno in terza oa casa. Ma erano innamorati, amore da cucciolo comunque, e per loro sarebbe durato per sempre. Bobby e Jonnie erano ragazzi in una scuola superiore del Midwest nel bel mezzo della campagna, quindi sapevano cosa fosse il sesso. Ma quando si è trattato di viverlo davvero, nessuno dei due aveva la più pallida idea da dove cominciare. Erano stati insieme dalla...

471 I più visti

Likes 0

Figlia dei vicini: Sporco segreto

È successo quando avevo 16 anni un giorno d'estate. La scuola era finita e cominciavano le vacanze. Vivo alla fine della casa in stile cottage dove i nostri vicini sono dall'altra parte del muro. Nella porta accanto vive la mia amica Eve, ha la mia età, capelli biondi e corpo da urlo. Quanto a me, sono proprio come lei, solo che ho i capelli scuri. Pochi giorni fa ho notato una cosa interessante ... il telefono ha squillato a casa di Eves e dopo pochi minuti lei è spento da qualche parte. l'ultimo giorno lo stesso. Quindi ho deciso di rintracciarla...

809 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.