Confessione a papà_(2)

2.1KReport
Confessione a papà_(2)

Ho qualcosa da dirti papà, ma non posso semplicemente dirlo, devo dirti altre cose con esso, ok? Ma ci arriverò, lo prometto.

La casa era tranquilla. Eri al lavoro da diverse ore e io avevo già finito le mie faccende. La nostra camera era pulita, i piatti riposti, il bucato piegato... e mi annoiavo. Ero sdraiato sul divano pensando a te ed ero così eccitato che, anche se so che non mi è permesso, ho iniziato a toccarmi. Volevo il cazzo di papà ma non saresti a casa per ore! Ho iniziato lentamente, strofinandomi il clitoride con una mano e prendendomi a coppa la tetta, pizzicandomi delicatamente il capezzolo con l'altra. Per prima cosa stavo semplicemente girandoci intorno con il dito, pensando che invece ci fosse la tua lingua. È stato così bello l'ultima volta che l'hai fatto, papà. Mentre ci pensavo, sono passato distrattamente dal circondare il mio clitoride con la punta delle dita fino a massaggiarmi completamente. Era bello, ma non buono come te. Quindi ho messo un dito dentro me stesso, come fai tu, ma non era la stessa cosa.

Così ho iniziato a pensarci. Non dovrei toccarmi e tu non saresti a casa per molto tempo, ma hai detto che ti sarebbe piaciuto se avessi preso il cazzo di qualcun altro a volte, quindi forse potrei farlo ora. Così ho mandato un messaggio a un amico. Sai, quello con il cazzo davvero grosso? Era qui in 30 minuti. Non appena la porta si è chiusa, la sua bocca è stata premuta contro la mia e le sue mani sono state sul mio culo. Le sue unghie mi graffiarono la pelle mentre quasi immediatamente si affrettava a sollevare l'orlo della mia camicia da notte. Mi ha strappato via il perizoma, quasi strappandolo mentre lo conducevo nella stanza, la nostra stanza, e mi ha tirato sul letto con lui. Invece di scoparmi subito, mi ha messo una mano sulla nuca e ha guidato la mia testa verso il suo cazzo e oh mio Dio papà, era così grande! Era così denso che c'era uno spazio vuoto tra le mie dita quando l'ho preso in mano, e abbastanza a lungo da riempirmi la gola e c'era ancora molto da fare. Ho iniziato ad accarezzarlo e succhiarlo, facendolo diventare bello e duro, e mi sono reso conto di quanto fosse più grande di te. Ho dovuto muovere la mano su e giù per l'asta insieme alla bocca perché non riuscivo a inserirlo tutto dentro. Continuavo a soffocarmi e a farmi lacrimare gli occhi, ma sapere che era abbastanza grande mi ha fatto solo desiderare di più . Ho ruotato il polso mentre ho fatto scorrere la mano su e giù, facendo lavorare la sua canna nella sua forma più grande e più forte mentre gli accarezzavo la testa, la sfera del mio anello della lingua che tracciava tutt'intorno. Poi mi ha detto che era ora di mettersi in groppa e lasciarsi scopare da lui.

Feci come mi era stato detto e non appena la mia schiena fu sul letto, la sua testa fu tra le mie gambe. La sua bocca era buona quasi quanto la tua, papà. Ma anche se era bello, lui mi leccava e prendeva in giro il mio clitoride, è stato quando mi ha toccato con le dita che ho capito per certo che era una buona scelta. Mi ha messo due dita dentro, piegato verso l'alto e curvato, e ha iniziato a lavorare la mia fica. Non appena ha iniziato ho capito che sarei venuto duro e in quello che sembravano secondi sono stato travolto da un piacere così intenso che stavo quasi automaticamente alzando i fianchi per incontrare ogni spinta della sua mano e ho dovuto mettere una mano sulla mia bocca per calmare i miei gemiti. Proprio mentre stavo per venire si è chinato in avanti e mi ha sussurrato all'orecchio "di chi è quella figa?" E gli ho detto che era suo perché in quel momento lo era e sono venuto così forte che quasi non riuscivo a vedere dritto. Volevo che mi prendesse così male, dopo quel papà. L'ho pregato di metterlo dentro di me. "Per favore?" piagnucolai, sollevando il culo per strofinarmi contro di lui. Lo teneva all'ingresso, stuzzicandomi e dicendomi "non ancora" ogni volta che cercavo di alzarmi per spingerlo dentro di me. Poi finalmente l'ha guidato dentro di me e ho potuto sentire me stesso allungarmi intorno a ogni centimetro di lui. Era così grosso che mi ha completamente riempito e toccato il fondo. Sussultai e inarcai la schiena. Fece scivolare il suo braccio libero sotto di me, baciandomi mentre mi pompava dentro, facendomi gemere più forte ad ogni spinta. Ma sai cosa mi ha davvero spinto oltre il limite, papà? Voi! Esatto, ti ho visto in piedi lì a guardare dalla porta parzialmente aperta. Immagino che tu sia sceso presto o qualcosa del genere, ma quando ho girato la testa e ti ho visto in piedi lì a guardarmi mentre prendevo il suo cazzo enorme, il tuo già fuori dai pantaloni e ti tirava addosso furiosamente, mi sono emozionato così tanto quando mi hai visto essere il tuo piccolo troia. Sono diventato più forte solo per assicurarmi che tu potessi sentire, e l'ho afferrato per il culo, facendomi scopare lentamente e profondamente in modo da avere un bello spettacolo. Stavo pensando di farlo ritirare, ma una volta che ho saputo che lo sapevi, volevo essere pieno del suo sperma. Gli ho avvolto le gambe intorno mentre veniva, e i primi rivoli di sperma sono scesi mentre la sua erezione ancora palpitante mi ha portato al mio stesso orgasmo. Ti ho visto finire anche in quel momento, papà, su tutto il davanti dei tuoi pantaloni. Mi è piaciuto vedere i getti di bianco schizzare contro i tuoi pantaloni neri perché potevo sentire la sua fuoriuscita da me. Avrei voluto che tu venissi qui e mi pulissi. L'idea di assaporarlo in me e di leccare i suoi succhi da me mi fa impazzire, ma dato che non sapevi nemmeno che sarebbe successo, non volevo sfidare la mia fortuna. Sapevo già che probabilmente sarei stato sculacciato per non aver chiesto almeno il permesso, non volevo farti arrabbiare troppo.

Quindi quello che volevo dirti era quanto mi piacesse farmi scopare da un altro cazzo e che mi piacerebbe farlo di più. Ma quello che voglio davvero è che anche tu interpreti papà. La prossima volta voglio che tu sia lì. Voglio succhiarti il ​​cazzo e poi sedermi in grembo mentre lui mi scopa senza senso. Voglio sentirlo soffiare il suo carico il più in profondità possibile e poi farti pulire tutto mentre lui guarda. Allora cosa ne dici? Possiamo papà, per favore?"

Storie simili

Un nuovo giorno, una nuova me parte 1

Questo è un repost dal mio primo profilo che non è stato approvato, questo è approvato e ho seguito un consiglio sui commenti per il formato, divertiti di nuovo. È incredibile come cose che sembrano così importanti possano cambiare in un batter d'occhio o nel mio caso in un momento. Sto appena iniziando il mio secondo anno al liceo, Guy Donnelly è il mio nome, dovrebbe essere pronunciato Gi ma Guy mi piaceva di più. Sono 5'11 , peso circa 165 e ho la pelle chiara e gli occhi azzurri, tengo i capelli corti a causa di mio padre ma standard...

56 I più visti

Likes 0

Il Presidente_(1)

NO! FERMATI! NON HO FATTO NIENTE! QUESTO È PAZZO! Amanda gemette mentre si dibatteva sulla sedia elettrica. Anche se sapessi qualcosa, a questo punto non ha molta importanza. Abbiamo già le informazioni di cui avevamo bisogno, si scopre che era tua sorella Lacy quella di cui avevamo bisogno per tutto questo tempo! esclamò Doll mentre stringeva i braccioli di Amanda. Amanda era confusa e con voce tranquilla chiese allora perché mi metti su questa sedia? Doll si fermò a guardare l'Amanda. Era una normale ragazza di 18 anni di periferia. Ben abbronzato e in perfetta forma. Aveva occhi verde chiaro e...

349 I più visti

Likes 0

Sesso con mia sorella (Libro 1 Capitolo 2) Riscrivi

Nota dell'autore: Fiction - Sostantivo - 1. La classe della letteratura la classe della letteratura che comprende opere di narrazione immaginativa, specialmente in forma di prosa. 2. opere di questa classe, come romanzi o racconti: narrativa poliziesca. 3. qualcosa di finto, inventato o immaginato; una storia inventata: abbiamo tutti sentito la finzione della sua salute delicata. 4. l'atto di fingere, inventare o immaginare. 5. una cosa o un evento immaginario, postulato ai fini dell'argomentazione o della spiegazione. 6. Legge. un'affermazione secondo cui esiste un fatto di cui si sa che non esiste, fatta dall'autorità di legge per portare un caso nell'ambito...

382 I più visti

Likes 1

La faccia da poker di Clary

Piega. Merda. I ragazzi e io stavamo giocando a poker nella tana da solo un'ora ed ero a corto di fondi, non potevo crederci, ero in una serie di sconfitte. Clairy, vieni a portare una birra a papà. dissi, chiamando mia figlia. Era sdraiata sul pavimento a guardare la TV, normalmente non era il mio fine settimana per avere la custodia, ma Aileen aveva incasinato le date e non avevo intenzione di annullare i ragazzi. Guardando le mie chips, ora vorrei averlo fatto. Va bene papà. Disse alzandosi per andare in cucina. Ho visto Roger guardarla mentre lasciava la stanza. Non...

318 I più visti

Likes 0

Le avventure del Villaggio della Foglia di Naruto!

Era una primavera tranquilla nel villaggio della foglia, Orochimaru era insolitamente tranquillo, gli altri villaggi inviavano messaggi occasionali che tutto andava bene e non era necessario alcun aiuto. A questo punto però, proprio come direbbero Rock Lee e Might Guy, questi ragazzi sono nella primavera della loro giovinezza! L'amore! E la passione sono le strade per l'età adulta! Questa era una delle citazioni più veritiere pronunciate da Might Guy, e descriveva esattamente cosa stava succedendo nel villaggio della foglia in quel momento... Subito dopo una missione, alla periferia del villaggio della foglia, in un'accogliente locanda, Naruto, Sakura e Sasuke si stavano...

87 I più visti

Likes 0

Ama l'onore e obbedisci

Il giorno in cui ho incontrato questa bellezza perfetta dovevo averla. Tinya e io ci siamo frequentati per diverse settimane prima ancora di provare a fare sesso con lei. Non volevo rischiare di farla arrabbiare. Ho avuto la notte in cui ho deciso di fare tutto il possibile per la mia mossa. Il ristorante era molto costoso. Ottimo cibo e vino. Atmosfera meravigliosa. Era in ritardo nell'incontrarmi, ma quando è arrivata mi sono completamente dimenticato del suo ritardo. Le sue lunghe gambe da ballerina erano evidenziate da tacchi da 5 pollici. Questo la rendeva alta quasi quanto me. La sua gonna...

673 I più visti

Likes 0

Il mio tipo di festa

Un giorno Adele (16) è tornata a casa da scuola e ha svolto la sua solita routine... apparecchiare la tavola, fare i compiti, dare da mangiare ai cani e, naturalmente, masturbarsi. In quel particolare giorno, mentre si stava masturbando, suo fratello Riley (18 anni) è tornato a casa presto. Di solito non era a casa fino alle 18:00, ma non aveva gli allenamenti di calcio, quindi ha deciso di chiamare alcuni amici e organizzare una festa. I suoi genitori erano fuori città, quindi perché no? Sapeva che Adele era a casa perché la tavola era apparecchiata, così salì di sopra a...

413 I più visti

Likes 0

Per favore, lasciami andare

Gliel'ho lasciato fare. Gli ho lasciato toccare il mio cazzo. Suppongo di aver ceduto alle mie voglie di voler venire a qualunque costo, anche se non avevo alcun desiderio per lui, nessuna persona del mio sesso. Mi sono sdraiato sulla schiena e l'ho lasciato fare a modo suo con me. Non è che fosse un estraneo. Cominciò ad accarezzarmi dolcemente. Colpi lunghi e morbidi con la punta del dito su e giù per la mia asta. Sembrava molto surreale che il mio migliore amico mi stesse accarezzando il cazzo. Ha notato che c'era un allentamento pre-sborra dalla sua punta. Chinò la...

644 I più visti

Likes 0

Tette e culo al suo meglio

Tette e culo al suo meglio Sono rimasto totalmente sbalordito quando ho ottenuto il lavoro di educazione fisica in una scuola privata per sole ragazze. Ero appena uscito dal college ed era il mio primo incarico di insegnante a soli venticinque anni. Sono rimasti molto colpiti dal mio Master alla Cornell University. Dovevo presentarmi con una settimana di anticipo per l'orientamento. Tutti i docenti hanno riferito insieme a me. Il primo giorno abbiamo ricevuto l'assegnazione della nostra stanza nell'alloggio della facoltà e abbiamo messo le nostre cose nella nostra stanza. In realtà era un piccolo appartamento con una camera da letto...

386 I più visti

Likes 0

Il negozio d'angolo seconda parte

La prima parte è qui: sexstories.com/story/82788/ Controllò l'orologio, sarebbe arrivata presto. Era circa una settimana dopo, ero nel suo negozio, la mamma mi aveva mandato a prendere il cibo di cui avevamo bisogno per il fine settimana. Dopo aver chiamato tutto nella cassa e aver messo tutti gli oggetti in tre grandi sacchetti di plastica. Lui mi disse: Mi devi ancora un sacco di soldi, dovrai andare nella stanza sul retro oggi Scioccato, balbettai. No. Per favore, signor Hassan, non voglio farlo Mi afferra il braccio, dicendomi; Non hai altra scelta ragazza, pensi che tutto il cibo e i soldi siano...

1.6K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.