Le nuove scrivanie

685Report
Le nuove scrivanie

Storia di Fbailey numero 766


Le nuove scrivanie


Era molto strano essere l'unico uomo in un ufficio altrimenti totalmente femminile. Sono sicuro che in un’altra situazione del genere sarei il capo e non la segretaria del capo.

Lavoravo in azienda solo da un mese circa quando ci siamo trasferiti in una nuova sede. Tuttavia, invece di un’area più grande, eravamo ancora più confinati. Laddove il capo aveva un ufficio grande con la sua segretaria proprio fuori, lei aveva un ufficio più piccolo con la sua segretaria nel suo ufficio con lei. Oltre a ciò, era stato deciso che invece delle grandi scrivanie appariscenti, avremmo preso tutti un tavolo pieghevole alto un metro e ottanta che la maggior parte dei posti usa per i matrimoni. Ad ogni ufficio sono state assegnate quattro sedie pieghevoli, due computer e una stampante. Inutile dire che il mio capo aveva un suo capo che aveva preso la decisione attuale.

La stanza era stata allestita con le due scrivanie una di fronte all'altra e la stampante su un tavolo più piccolo in mezzo a loro.

Victoria si è girata e rigirata continuamente per tutta la mattina e mi ha mandato fuori a prendere un caffè tre volte.

Alla fine, ordinò che il pranzo fosse consegnato per entrambi.

Mentre aspettavamo che arrivasse eravamo soli nella nostra nuova area uffici. Tutti gli altri erano partiti per cercare nuovi posti dove pranzare nella strana posizione.

Vittoria disse: “Va bene! Aspetto! Non mi sento a mio agio con un ponte aperto come questo. Puoi guardare la mia gonna e non esiste alcuna possibilità che io riesca a tenere le ginocchia unite per sempre. Quindi ho deciso di allargare le ginocchia e lasciarti guardare. Presumo che dopo un po' mi sentirò più a mio agio e che potresti perdere il desiderio di guardare.

Stavo sorridendo da un orecchio all'altro quando lei finì la sua dichiarazione, poi si sedette e si aprì.

Mi è stato regalato un paio di mutandine azzurre con volant bianche attorno alle aperture delle gambe. C'era una macchia molto più scura proprio in fondo alla fessura. Era eccitata e grondava sperma.

Mi abbassai automaticamente per sistemare la crescente erezione nei miei pantaloni.

Victoria ha detto: “Vedo che abbiamo problemi simili”.

Proprio in quel momento arrivò il fattorino con il nostro ordine di gastronomia. Abbiamo praticamente mangiato in silenzio mentre fissavo la sua figa coperta di mutandine.

Dopo aver mangiato, Victoria ha chiesto: "Dato che abbiamo problemi simili, sarebbe troppo strano se affrontassimo i nostri problemi l'uno di fronte all'altro?"

Ho chiesto: "Stai suggerendo di masturbarci insieme?"

Victoria rispose: "Sì".

Infilò un paio di dita nell'apertura della gamba, tastò intorno, poi chiuse gli occhi e si diede da fare.

Ho aperto la cerniera dei pantaloni, ho tirato fuori il cazzo e ho iniziato ad accarezzarlo mentre guardavo le sue dita contrarsi dietro il tessuto sottile.

Victoria gemette, poi gemette e infine emise un lungo sospiro d'aria. Lo ha fatto quattro volte prima che dovessi correre in avanti e sparare sul pavimento piastrellato.

Quando alzai lo sguardo, Victoria mi sorrideva e spinse la scatola di fazzoletti di carta nell'angolo del tavolo. Ne ho tirati fuori due e ho pulito il cazzo, le dita e poi il pavimento.

Victoria ha detto: “È stato carino. Se non ti dispiace, mi piacerebbe farlo più volte al giorno con te. Lo facevo sempre quando ero da sola nel mio ufficio, ma farlo con te è stato fantastico.

Così quel pomeriggio abbiamo svolto un sacco di lavoro e abbiamo organizzato una festa di masturbazione reciproca ogni paio d'ore. Victoria ne aveva uno ogni mezz'ora circa.

Quando fu ora di smettere, Victoria rimase in giro e io uscii con un paio di altre segretarie.

Ho chiesto: "Come ti è piaciuta la disposizione dei tavoli nel tuo ufficio?"

Hanno riso e uno ha detto: “La prima cosa che abbiamo fatto è stata unire le scrivanie. Nessuno di noi voleva guardare la gonna dell'altro. Inoltre, penso che il mio capo giochi con se stessa quando lavora.

L’altro disse: “Lo so”.

La prima ha fatto un sorrisetto sul viso e ha chiesto: “Come hai gestito le posizioni alla scrivania? Intendo le posizioni al tavolo.

Sono sicuro di essere arrossito quando ho detto: "Ha funzionato bene".

Ridacchiarono e ci separammo per andare alle nostre macchine.

La mattina dopo Victoria disse: “Avresti notato che le altre donne hanno tutte accostato i loro tavoli. Ti dispiace il nostro accordo?"

Ho sorriso e ho detto: “Mi piace proprio come lo abbiamo noi. Che mutandine indossi oggi?"

Detto questo, Victoria si sedette e spalancò le ginocchia, si avvicinò al bordo della sedia e disse: "Oggi ho scelto il paio in cui mi piace uscire e fare un salto al bar".

Ho dovuto sorridere, erano di raso rosso con la scritta "Fuck Me" stampata sopra il monticello.

Ho chiesto: "È un invito?"

Alla strega Victoria rispose: "Assolutamente".

La porta non aveva una serratura, ma sono riuscito a incastrare il tavolo della stampante tra la porta e il tavolo della mia scrivania. Poi ho chiesto a Victoria di sedersi sul tavolo della sua scrivania. Le ho tolto le mutandine e poi mi sono tolta le scarpe, i pantaloni e la biancheria intima.

Mi sono alzato sul tavolo, ho messo la testa del mio cazzo contro il suo buco umido e l'ho penetrato. Dovette soffocare un grido di estremo piacere. Ho fatto un movimento fottutamente abbastanza rapido che non avrebbe richiesto molto tempo. In pochi istanti ho potuto sentire lo sperma gonfiarsi nel mio pene, desideroso di uscire. Mi sono scontrato con il mio capo con tutta la mia forza. Il suo orgasmo è arrivato mentre le spruzzavo sperma su tutte le viscere. Poi alla fine, proprio mentre stavo pensando di andarmene, il tavolo si è rotto, mandandoci entrambi a terra dalle risate a crepapelle. Mi sono affrettato a mettermi i pantaloni, nascondendo la biancheria intima nella tasca posteriore. Sono appena riuscito a mettermi le scarpe quando dieci persone hanno bussato alla nostra porta chiedendoci se stavamo bene.

Ho rimesso a posto il tavolo della stampante, ho aperto la porta e ho detto: "C'era un ragno sul soffitto, quindi mi sono alzato sulla sua scrivania per ucciderlo. Tuttavia non consiglierei a nessuno di voi di farlo.

Si sono fatti una risatina a mie spese e sono tornati nei loro uffici... tutti tranne una, le ragazze della sera prima. Quella di nome Emma.

Emma sussurrò: "Bella idea, lasciargli usare le tue mutandine per uccidere il ragno". Poi indicò il pavimento vicino a un angolo.

E infatti c'erano le mutandine di raso rosso di Victoria, proprio dove le avevo gettate. Erano atterrati perfettamente, così da poter leggere "Fuck Me" da dove si trovava.

Nonostante tutto, il nostro dipartimento ha continuato a migliorare la propria efficienza.

Io e Victoria non abbiamo mai messo insieme i nostri tavoli. Tuttavia, il sesso sul pavimento piastrellato è diventato per noi un affare quotidiano durante il pranzo.

Emma faceva sempre la guardia per noi, e poi la portavo a casa con me ogni sera. È diventata una ragazza fantastica, aiutandomi a scopare il mio capo. Era una ragazza così brava che l'ho sposata.

Victoria ha pagato la nostra luna di miele e poi è venuta con noi. Facevamo del meraviglioso sesso a tre ogni sera.


Fine
Le nuove scrivanie
766

Storie simili

Debbie fa Alabama Parte Uno

Il flusso di sperma, traslucido e brillante, brillava al sole mentre pendeva dalla punta del mio cazzo molto eretto. Di tanto in tanto il mio pene sovrastimolato sussultava e un filo di pre-sborra si staccava cadendo a terra. Ero nudo fuori, sotto il sole del primo mattino, nel nostro giardino appartato. Ho toccato di nuovo delicatamente il mio cazzo per paura di eiaculare e rovinare il momento. Un'altra goccia di sperma è sgorgata dalla punta del mio cazzo, aggiungendosi al filo di perle già penzolante. Prendendo il dito l'ho avvolto attorno al precum come si usa una forchetta per raccogliere gli...

521 I più visti

Likes 0

La Congrega Parte 1 - Reed_(1)

Canna AIUTAMI QUALCUNO AIUTI PER FAVORE!!! urlò una giovane donna mentre veniva trascinata dentro dalla porta principale da un sorridente Jackson. La teneva per il collo mentre tutti nell'area del bar ridevano e sorridevano alla pietosa donna. Era attraente, con i capelli biondi tinti tagliati in un caschetto disordinato e enormi occhi castani. Indossava una specie di uniforme, ma era talmente strappata che nessuno poteva distinguere con certezza cosa ci fosse scritto. Andò nel panico, guardando tutti nella stanza, sperando che qualcuno la salvasse. Ma a nessuno fregava un cazzo. Alcuni dei ragazzi più grandi stavano giocando a freccette vicino al...

1.1K I più visti

Likes 0

Teenage Mutant Ninja Turtles Fanfic Capitolo 2 - scusate è tardi

Di Hana M. Brimeck Chiudo la finestra, chiudo gli occhi, mi giro, ricado all'indietro e scivolo sul pavimento. Mi prendo un momento per riprendere fiato finché i miei pensieri non vengono interrotti da un brivido freddo. 'Ho bisogno di una doccia calda.' mi dico mentre finalmente mi rialzo dal pavimento con un gemito. Mi tolgo il maglione e il reggiseno bagnati, non come se stessero facendo molto per coprirmi comunque. Mi prendo un momento per toccarmi i seni tenendoli a coppa tra le mani in un futile tentativo di scaldarli. La mia gonna cade sul pavimento in un ciuffo bagnato, seguita...

731 I più visti

Likes 0

Bambina ripubblicata

Non possiedo questa storia, l'ho trovata online e volevo condividerla Mise la bambina nel box con fermezza ma dolcezza. Lei ha messo il broncio. Daaaaaddy, piagnucolò. «Ho delle cose da fare, Holly. Torno tra un po'. Prima finisci il tuo latte. Disse con fermezza e le sfiorò la fronte. Sapeva che la sua bambina odiava bere il latte da sola senza di lui, ma aveva un disperato bisogno di finire quella canzone in modo da poter passare del tempo con la sua bambina senza interruzioni nella sua mente. Ignorò il suo volto come una nuvola temporalesca e lasciò silenziosamente la stanza...

688 I più visti

Likes 0

Morgan L.

Morgan L Morgan era seduta nella sua cucina adesso per la prima volta e cominciò ad avere dei dubbi, mio ​​Dio, pensava che avessi appena passato la notte a scopare due amici di mio figlio. Mi sono divertito da morire, ma i ragazzi parlano che non vorrei che Terry lo scoprisse. Vorrei rivederli, ma potrebbe diventare difficile quando Terry è a casa. Il suo telefono squillò e un pezzo grosso si avvicinò e lei rispose immediatamente, quello che Morgan non sapeva era che i suoi due nuovi amici del sesso stavano organizzando una gangbang con lei per sabato sera. Sabato mattina...

547 I più visti

Likes 0

Corpo di un uomo, mente di macchina - Capitolo sei

Capitolo sei: Sono oltre trenta le persone morte, tutte uccise da un solo uomo senza l'uso di armi da fuoco. È stato definito uno dei peggiori omicidi di massa della storia americana. La vastità della morte, del sangue e degli omicidi senza cuore avvenuti in quell'edificio stava sconcertando la polizia, e ora veniva chiamata l'FBI. Erano trascorse otto ore dal massacro, e Jenny e Adrian si stavano spostando a nord dello stato. una località sconosciuta. Il sole era appena sorto e l'autostrada era quasi deserta. Con grande sollievo di Adrian, Jenny dormiva profondamente sul sedile reclinato del passeggero, con il cappotto...

487 I più visti

Likes 0

La triade e il villaggio delle bellezze incinte Capitolo 1: Il piacere della gravidanza tra madre e figlia

La Triade e il Villaggio delle Bellezze Incinte Capitolo uno: Piacere della gravidanza tra madre e figlia Di mypenname3000 Diritto d'autore 2017 Nota: grazie a B0b per la lettura della beta. Fiona – Shesh, Monti Lesh-Ke, Regno di Haz Ho fatto un respiro profondo, cercando di ignorare le terribili buffonate di mia sorella gemella al bar. Dieci ragazzi prima che scada un quarto di clessidra, si vantava. Vi farò esplodere tutti. Las viene, ma tu sei un selvaggio, rise un uomo dal viso ruvido con la pelle scura di un Haziano, in contrasto con la carne pallida di mia sorella. Eravamo...

567 I più visti

Likes 0

Lo schiavo_(1)

Capitolo primo Il ritrovamento dello schiavo Erano passati diversi mesi dall'ultima volta che qualcuno si era avventurato fuori dal regno in cerca di nuovi schiavi. Ma poiché la guerra era finalmente finita, la principessa Devania decise di uscire e trovarsene una. Cercò città dopo città esaminando centinaia di giovani ma nessuno di loro suscitò il suo interesse. Poi, dopo settimane di ricerche, proprio mentre stava per arrendersi, sentì un piccolo trambusto provenire da una prigione vicina e dovette solo controllare. E lì nel cortile, ad affrontare cinque uomini, c'era l'uomo più bello che avesse mai visto, era quello giusto. Saltò giù...

471 I più visti

Likes 0

GIORNO STRESSANTE

PARTE 1 immagina di tornare a casa da una lunga giornata di lavoro, sei stanco e stressato, tutto ciò che potrebbe andare storto include essere in ritardo al lavoro, il tuo collega che ruba il tuo parcheggio, il tuo computer si è bloccato, il che ti ha fatto inviare gli ordini in ritardo, e poi qualcuno ti ha fatto a pezzi mentre tornavi a casa dal lavoro. arrivi a casa dove ti sto aspettando, apro la porta indossando solo la mia corta camicia da notte di seta azzurra con bordo in pizzo bianco, una vestaglia abbinata, un sorriso sfacciato. mi guardi...

2.8K I più visti

Likes 0

Le mie prime volte...

Ho parlato con Gary per più di due anni. La nostra relazione era iniziata online. Ha visto una risposta che avevo dato in una chat room e mi ha inviato un messaggio. All'inizio non sembrava interessante, ma più chiacchieravamo e più mi piaceva. Sono cauto per natura, quindi non ha avuto il mio vero nome per più di sei mesi, e anche allora solo il mio nome. A nove mesi gli ho dato il mio numero di cellulare e abbiamo iniziato a parlare al telefono. Dieci mesi ci hanno trovato a fare sesso telefonico regolarmente, cosa che avveniva principalmente nei fine...

2.1K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.