Le nuove scrivanie

501Report
Le nuove scrivanie

Storia di Fbailey numero 766


Le nuove scrivanie


Era molto strano essere l'unico uomo in un ufficio altrimenti totalmente femminile. Sono sicuro che in un’altra situazione del genere sarei il capo e non la segretaria del capo.

Lavoravo in azienda solo da un mese circa quando ci siamo trasferiti in una nuova sede. Tuttavia, invece di un’area più grande, eravamo ancora più confinati. Laddove il capo aveva un ufficio grande con la sua segretaria proprio fuori, lei aveva un ufficio più piccolo con la sua segretaria nel suo ufficio con lei. Oltre a ciò, era stato deciso che invece delle grandi scrivanie appariscenti, avremmo preso tutti un tavolo pieghevole alto un metro e ottanta che la maggior parte dei posti usa per i matrimoni. Ad ogni ufficio sono state assegnate quattro sedie pieghevoli, due computer e una stampante. Inutile dire che il mio capo aveva un suo capo che aveva preso la decisione attuale.

La stanza era stata allestita con le due scrivanie una di fronte all'altra e la stampante su un tavolo più piccolo in mezzo a loro.

Victoria si è girata e rigirata continuamente per tutta la mattina e mi ha mandato fuori a prendere un caffè tre volte.

Alla fine, ordinò che il pranzo fosse consegnato per entrambi.

Mentre aspettavamo che arrivasse eravamo soli nella nostra nuova area uffici. Tutti gli altri erano partiti per cercare nuovi posti dove pranzare nella strana posizione.

Vittoria disse: “Va bene! Aspetto! Non mi sento a mio agio con un ponte aperto come questo. Puoi guardare la mia gonna e non esiste alcuna possibilità che io riesca a tenere le ginocchia unite per sempre. Quindi ho deciso di allargare le ginocchia e lasciarti guardare. Presumo che dopo un po' mi sentirò più a mio agio e che potresti perdere il desiderio di guardare.

Stavo sorridendo da un orecchio all'altro quando lei finì la sua dichiarazione, poi si sedette e si aprì.

Mi è stato regalato un paio di mutandine azzurre con volant bianche attorno alle aperture delle gambe. C'era una macchia molto più scura proprio in fondo alla fessura. Era eccitata e grondava sperma.

Mi abbassai automaticamente per sistemare la crescente erezione nei miei pantaloni.

Victoria ha detto: “Vedo che abbiamo problemi simili”.

Proprio in quel momento arrivò il fattorino con il nostro ordine di gastronomia. Abbiamo praticamente mangiato in silenzio mentre fissavo la sua figa coperta di mutandine.

Dopo aver mangiato, Victoria ha chiesto: "Dato che abbiamo problemi simili, sarebbe troppo strano se affrontassimo i nostri problemi l'uno di fronte all'altro?"

Ho chiesto: "Stai suggerendo di masturbarci insieme?"

Victoria rispose: "Sì".

Infilò un paio di dita nell'apertura della gamba, tastò intorno, poi chiuse gli occhi e si diede da fare.

Ho aperto la cerniera dei pantaloni, ho tirato fuori il cazzo e ho iniziato ad accarezzarlo mentre guardavo le sue dita contrarsi dietro il tessuto sottile.

Victoria gemette, poi gemette e infine emise un lungo sospiro d'aria. Lo ha fatto quattro volte prima che dovessi correre in avanti e sparare sul pavimento piastrellato.

Quando alzai lo sguardo, Victoria mi sorrideva e spinse la scatola di fazzoletti di carta nell'angolo del tavolo. Ne ho tirati fuori due e ho pulito il cazzo, le dita e poi il pavimento.

Victoria ha detto: “È stato carino. Se non ti dispiace, mi piacerebbe farlo più volte al giorno con te. Lo facevo sempre quando ero da sola nel mio ufficio, ma farlo con te è stato fantastico.

Così quel pomeriggio abbiamo svolto un sacco di lavoro e abbiamo organizzato una festa di masturbazione reciproca ogni paio d'ore. Victoria ne aveva uno ogni mezz'ora circa.

Quando fu ora di smettere, Victoria rimase in giro e io uscii con un paio di altre segretarie.

Ho chiesto: "Come ti è piaciuta la disposizione dei tavoli nel tuo ufficio?"

Hanno riso e uno ha detto: “La prima cosa che abbiamo fatto è stata unire le scrivanie. Nessuno di noi voleva guardare la gonna dell'altro. Inoltre, penso che il mio capo giochi con se stessa quando lavora.

L’altro disse: “Lo so”.

La prima ha fatto un sorrisetto sul viso e ha chiesto: “Come hai gestito le posizioni alla scrivania? Intendo le posizioni al tavolo.

Sono sicuro di essere arrossito quando ho detto: "Ha funzionato bene".

Ridacchiarono e ci separammo per andare alle nostre macchine.

La mattina dopo Victoria disse: “Avresti notato che le altre donne hanno tutte accostato i loro tavoli. Ti dispiace il nostro accordo?"

Ho sorriso e ho detto: “Mi piace proprio come lo abbiamo noi. Che mutandine indossi oggi?"

Detto questo, Victoria si sedette e spalancò le ginocchia, si avvicinò al bordo della sedia e disse: "Oggi ho scelto il paio in cui mi piace uscire e fare un salto al bar".

Ho dovuto sorridere, erano di raso rosso con la scritta "Fuck Me" stampata sopra il monticello.

Ho chiesto: "È un invito?"

Alla strega Victoria rispose: "Assolutamente".

La porta non aveva una serratura, ma sono riuscito a incastrare il tavolo della stampante tra la porta e il tavolo della mia scrivania. Poi ho chiesto a Victoria di sedersi sul tavolo della sua scrivania. Le ho tolto le mutandine e poi mi sono tolta le scarpe, i pantaloni e la biancheria intima.

Mi sono alzato sul tavolo, ho messo la testa del mio cazzo contro il suo buco umido e l'ho penetrato. Dovette soffocare un grido di estremo piacere. Ho fatto un movimento fottutamente abbastanza rapido che non avrebbe richiesto molto tempo. In pochi istanti ho potuto sentire lo sperma gonfiarsi nel mio pene, desideroso di uscire. Mi sono scontrato con il mio capo con tutta la mia forza. Il suo orgasmo è arrivato mentre le spruzzavo sperma su tutte le viscere. Poi alla fine, proprio mentre stavo pensando di andarmene, il tavolo si è rotto, mandandoci entrambi a terra dalle risate a crepapelle. Mi sono affrettato a mettermi i pantaloni, nascondendo la biancheria intima nella tasca posteriore. Sono appena riuscito a mettermi le scarpe quando dieci persone hanno bussato alla nostra porta chiedendoci se stavamo bene.

Ho rimesso a posto il tavolo della stampante, ho aperto la porta e ho detto: "C'era un ragno sul soffitto, quindi mi sono alzato sulla sua scrivania per ucciderlo. Tuttavia non consiglierei a nessuno di voi di farlo.

Si sono fatti una risatina a mie spese e sono tornati nei loro uffici... tutti tranne una, le ragazze della sera prima. Quella di nome Emma.

Emma sussurrò: "Bella idea, lasciargli usare le tue mutandine per uccidere il ragno". Poi indicò il pavimento vicino a un angolo.

E infatti c'erano le mutandine di raso rosso di Victoria, proprio dove le avevo gettate. Erano atterrati perfettamente, così da poter leggere "Fuck Me" da dove si trovava.

Nonostante tutto, il nostro dipartimento ha continuato a migliorare la propria efficienza.

Io e Victoria non abbiamo mai messo insieme i nostri tavoli. Tuttavia, il sesso sul pavimento piastrellato è diventato per noi un affare quotidiano durante il pranzo.

Emma faceva sempre la guardia per noi, e poi la portavo a casa con me ogni sera. È diventata una ragazza fantastica, aiutandomi a scopare il mio capo. Era una ragazza così brava che l'ho sposata.

Victoria ha pagato la nostra luna di miele e poi è venuta con noi. Facevamo del meraviglioso sesso a tre ogni sera.


Fine
Le nuove scrivanie
766

Storie simili

LA SORELLA DELLA MOGLIE VIENE A STARE DOPO IL DIVORZIO - PT 1

Sandy aveva circa trentacinque anni quando lei e suo marito decisero di farla finita. Erano stati in un matrimonio abbastanza tranquillo e poco interessante per circa sei anni, ed era chiaramente ora di cambiare. Sorprendentemente, non era davvero distrutta per aver lasciato la relazione, solo un po' delusa e contenta di andare avanti. Una volta presa la decisione, Sandy ha chiamato sua sorella, Paula, per vedere se poteva stare con lei e suo marito per un po'... almeno fino a quando Sandy non avesse riavuto le sue gambe da single. Paula aveva un anno in più di Sandy e si assomigliavano...

764 I più visti

Likes 0

La nostra esperienza sessuale

Questo segue la prima parte della scena di sesso sulla nave da crociera in cui io e mia moglie ci abbandonavamo sul ponte della nave. Tornando nella nostra cabina, ci eravamo un po' rinfrescati dal fantastico divertimento orale, pisciato, anale e dall'ingoio di sperma. Eravamo un po' stanchi, ma non abbastanza stanchi per farci una doccia, metterci la biancheria da notte e rilassarci un po' prima di andare a letto. Mia moglie (Sandy) si è scusata perché voleva usare il bagno. Ho acceso la TV e mi sono rilassato per un po' per guardare qualche soap sul canale. Quando sono trascorsi...

359 I più visti

Likes 0

Le cronache della discesa di Suzie - parte 2

Parte 2 Un giorno ero al lavoro e facevo il solito... lavoravo per un altro giorno pieno di cazzi di gomma. Da quando i miei figli avevano buttato via TUTTA la mia biancheria intima. Matt si era preso la briga di farmi un paio di piccole cinghie attaccate a un tassello di pelle. Questo teneva fermo il mio dildo e teneva nascosto il mio cazzo. È stato facilissimo da montare e slacciare molto velocemente... quanto è stato premuroso da parte sua! Uscii dal gabinetto e trovai Sue, una delle altre commesse, appoggiata al bancone. L'ho guardata negli occhi e non potevo...

298 I più visti

Likes 0

Confessione a papà_(2)

Ho qualcosa da dirti papà, ma non posso semplicemente dirlo, devo dirti altre cose con esso, ok? Ma ci arriverò, lo prometto. La casa era tranquilla. Eri al lavoro da diverse ore e io avevo già finito le mie faccende. La nostra camera era pulita, i piatti riposti, il bucato piegato... e mi annoiavo. Ero sdraiato sul divano pensando a te ed ero così eccitato che, anche se so che non mi è permesso, ho iniziato a toccarmi. Volevo il cazzo di papà ma non saresti a casa per ore! Ho iniziato lentamente, strofinandomi il clitoride con una mano e prendendomi...

3.1K I più visti

Likes 0

Cambiare la realtà (parte 3)

Ciao ragazzi e ragazze! È Chase. Sai, la persona di cui parla questa storia. So cosa stai pensando – Questo non può essere vero. Bene, ti assicuro che lo è assolutamente. Non posso provartelo, a meno che non ci incontriamo un giorno e anche allora, dovrei raccontarti tutto da capo. È qualcosa che non è molto probabile che farò poiché qualsiasi esposizione di chi e cosa sono potrebbe portare alla mia cattura da parte di qualcuno che desidera trasformarmi in una specie di cavia. Non so voi, ma non sono molto entusiasta di essere rinchiuso per il resto dell'eternità e di...

1.9K I più visti

Likes 0

Asmodeus - Demon of Lust: Parte 8

A/N – Miei cari lettori! Grazie a tutti coloro che sono rimasti accanto a me e a questa storia per così tanto tempo. Mi scuso sinceramente per l'attesa tra questo capitolo e il precedente; Ho davvero scritto ogni volta che ho potuto. Dubito che ogni singolo capitolo varrebbe un anno intero di attesa, ma come per tutto ciò che scrivo ho riversato la mia anima nella parte 8 e spero sinceramente che ti piaccia leggerla. Come sempre, PER FAVORE, vota, commenta e inviami un'e-mail! Mi piace sentirvi ragazzi e risponderò a ogni e-mail. Buon Anno! Saluti, Steelkat Parte 8 Passeggiamo per...

1.8K I più visti

Likes 0

Per favore, lasciami andare

Gliel'ho lasciato fare. Gli ho lasciato toccare il mio cazzo. Suppongo di aver ceduto alle mie voglie di voler venire a qualunque costo, anche se non avevo alcun desiderio per lui, nessuna persona del mio sesso. Mi sono sdraiato sulla schiena e l'ho lasciato fare a modo suo con me. Non è che fosse un estraneo. Cominciò ad accarezzarmi dolcemente. Colpi lunghi e morbidi con la punta del dito su e giù per la mia asta. Sembrava molto surreale che il mio migliore amico mi stesse accarezzando il cazzo. Ha notato che c'era un allentamento pre-sborra dalla sua punta. Chinò la...

1.5K I più visti

Likes 0

Il mio villaggio delle MILF

Storia di Fbailey numero 776 Il mio villaggio delle MILF Lo zio Charles mi ha lasciato la sua enorme fattoria alla periferia della città. Era seicentoquaranta acri o quello che chiamano una sezione. Ha una dimensione di un miglio per un miglio. Mio padre mi aveva lasciato la sua sezione e si unirono naturalmente. Sul retro della mia terra c'era una ripida scogliera in un ampio letto di fiume. Ciò ha reso il retro centrale quasi invisibile a chiunque fosse al di fuori della mia proprietà. Avevo una piccola impresa che produceva e vendeva case prefabbricate. Rimorchi essenzialmente a doppia larghezza...

1.5K I più visti

Likes 0

Letto a baldacchino

Era stata una piccola riunione nel monolocale di Jinx. Eravamo seduti sul grande letto a baldacchino di Jinx. Quando gli altri se ne sono andati, sono rimasto a salutare Jinx, perché questa era la prima volta che la incontravo. Il letto a baldacchino mi aveva incuriosito. Stavo guardando l'intaglio ai piedi ed ero incuriosito. Ehm... corde? Ho chiesto.. Come lo hai saputo? I segni sulle colonne del letto. Bel letto a baldacchino, tra l'altro. Grazie. Sei abbastanza attento. Ti piace il bondage? Ho coperto un po '. Non esattamente dentro. Ne ho letti alcuni, e ho sempre pensato di provarci. Lei...

1.1K I più visti

Likes 0

I miei giorni in Thailandia parte 4

Mentre la cameriera portava un secchiello pieno di ghiaccio e bottiglie di birra e champagne, mi rivolsi a Mia e Pannai: Voi, due, capite l'inglese? Si guardarono e annuirono. Fu Pannai a parlare: Capire... parlare di no. Ho riso una risata malvagia: “Bene…..io amo le puttane che non parlano troppo…. Sdraiati, tutti e due! E allarga le gambe, così posso vedere le tue fiche! Mentre si sdraiavano, ho preso due manciate di ghiaccio e ho iniziato a premerlo sulle loro tette, collant, su tutto il loro giovane ventre piatto. La pelle d'oca è salita su di loro e i loro capezzoli...

1.1K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.