Il tempo di Sangeeta a Praga (parte 6): tutte le cose belle devono finire

414Report
Il tempo di Sangeeta a Praga (parte 6): tutte le cose belle devono finire

1. Sangeeta: le cose belle devono finire
Le loro attività sessuali continuarono nei restanti giorni della loro permanenza a Praga. Suo figlio serviva regolarmente lei e sua zia, e Sammy era sempre disposto a essere coinvolto in qualsiasi altra scappatella sessuale capitasse.

Sangeeta non avrebbe mai dimenticato quella volta in cui andarono di nuovo a casa di Richard e Susie. Vide suo figlio con il cazzo sepolto nel profondo della vagina di Heidi, Suzie che leccava i succhi di sua figlia dall'asta ogni volta che si tirava indietro prima di spingerlo di nuovo dentro Heidi, Richard con il suo cazzo nel culo di Sammy e il cazzo di John nella sua bocca. Mentre sedeva lì a guardare, immaginava come sarebbe stato se fosse stata la sua famiglia.

Si chiedeva come sarebbe stata la sua prima volta con sua figlia. Dato che stava già succhiando il cazzo di Sammy, forse sarebbe stato più semplice organizzare un incontro con loro e unirsi a loro. Poteva immaginare di condividere il cazzo di suo figlio con sua figlia, poi la sua mano che scivolava su per la gonna di sua figlia e scopriva che lei le mutandine della figlia erano già bagnate. Immaginava di masturbare sua figlia attraverso le mutandine, quindi di guidarne la mano su per la gonna. Sapeva che la sua figa sarebbe stata bagnata. Era già bagnato solo a pensarci. Sapeva che sarebbe stata inzuppata quando avesse avuto il cazzo di suo figlio in bocca e avrebbe giocato con la figa di sua figlia. Immaginava di finire sdraiata sulla schiena, con la figa di sua figlia sul viso e il cazzo di suo figlio che le penetrava nella figa. Immaginava che lui la scopasse di nuovo fino all'orgasmo, Riya che le raggiungeva l'orgasmo su tutto il viso e poi Sammy che scopava sua sorella e riempiva la figa di Riya con il suo bellissimo sperma.

Sarebbe riuscita a riunirli tutti insieme? Pensò di avere dentro di sé i cazzi di suo marito e di suo figlio allo stesso tempo, mentre lei leccava la figa di sua figlia. Forse Sammy prenderebbe il cazzo di suo marito nel culo, mentre Sangeeta si farebbe scopare da sua figlia con un vibratore. Forse avrebbe fatto il culo anche a suo marito.

Non poteva fare a meno di chiedersi cosa stesse facendo Yvette adesso. Stava succhiando i cazzi dei suoi figli? O le stavano scopando la figa? Forse anche Yvette sarebbe andata con sua figlia. Forse avrebbe coinvolto anche suo marito. Poteva semplicemente immaginare la famiglia di Yvette in una situazione simile a quella che poteva vedere di fronte a lei. Forse Yvette con il cazzo di un figlio nel culo, quello dell'altro nella figa, Yvette che lecca la figa di sua figlia e i suoi figli che, a turno, succhiano il cazzo del padre finché lui finalmente non arriva in una delle loro bocche.

L’unica cosa di cui non era sicura era suo marito. Come poteva coinvolgerlo?


2. Jasima: Le cose belle devono finire
Jasima era seduta accanto a sua sorella e osservava suo nipote. Ulrich aveva telefonato e li aveva invitati tutti e tre. Lei e Sangeeta avevano fatto tutte le solite cose con Ulrich, e poi Sammy era stato coinvolto. Dalla reazione di Ulrich, a quanto pare Sammy ha succhiato il cazzo davvero bene. Poteva immaginare cosa provasse Sammy con un cazzo in bocca. Amava la sensazione del cazzo duro che scivolava dentro e fuori dal suo corpo, e ce n'era stata parecchia durante la sua visita a sua sorella, e anche tutte le volte con le donne. Fece scorrere la mano lungo la coscia di sua sorella. Sangeeta allargò le gambe per avere un migliore accesso alla sua figa, quindi Jasima colse l'occasione per iniziare ad esplorare ancora una volta i genitali di sua sorella. Era già bagnato dopo aver guardato Sammy. Jasima sentì la mano di Sangeeta sulla sua coscia e sapeva che le dita di sua sorella presto le avrebbero masturbato il clitoride e avrebbero trovato la strada nella sua vagina bagnata.

Ripensò all'inizio di quel viaggio. Fare l'hostess sull'aereo era la sua prima volta con una donna. Poi ha avuto Yvette, Sammy e Sangeeta quando è arrivata a Praga.

Si chiese cosa stesse facendo Yvette a casa. Avrebbe già fatto sesso con i suoi figli? Forse anche con sua figlia? Quando è tornata a casa voleva andare a trovare Yvette per poterla scopare di nuovo. Poi c'è anche la famiglia di Yvette. Le piacerebbe guardare Yvette e i suoi figli. Yvette sulle mani e sulle ginocchia, un figlio dietro di lei che le scopa la figa, l'altro con il cazzo in bocca e la figlia che succhia e lecca i capezzoli di sua madre. Poi Yvette sulla schiena, un figlio con le gambe sulle spalle, che le scopa la figa, l'altro che le scopa le tette, e sua figlia a cavalcioni del suo viso, lasciando che sua madre le lecchi la sua dolce piccola figa.

Jasima immaginava la propria famiglia. Come lo farebbe? Sapeva che Sangeeta l'avrebbe aiutata. Poteva immaginare di guardare sua sorella mentre seduceva i suoi figli. Forse anche Sammy e Riya sarebbero coinvolti. Sammy avrebbe sicuramente sedotto i suoi figli se ne avesse avuto la possibilità, e sperava che anche Riya fosse disposta ad aiutare con i suoi figli. O forse le piacerebbe di più sua zia. Riya non aveva mai pensato a sua nipote in quel modo prima, ma ora poteva immaginare di leccare il clitoride delle sue nipoti. Meglio ancora entrambe le sorelle e le loro famiglie insieme. Immaginava Sammy che succhiava uno dei cazzi di suo figlio e Riya che succhiava l'altro. O forse sarebbe stato uno dei suoi figli a gridare "Zia Sangeeta" mentre entrava dentro di lei.

Forse Sangeeta sarebbe venuta a fare una cosa a tre con suo marito. Meglio ancora, suo marito avrebbe sicuramente fatto sesso con sua nipote se ne avesse avuto la possibilità, e se anche Sangeeta fosse stata coinvolta sarebbe stato sicuramente dipendente dall'incesto.

Iniziò a strofinare il clitoride di Sangeeta più rapidamente.

"Sto immaginando le nostre famiglie insieme", sussurrò Jasima a Sangeeta, che rispose baciandola.

Sangeeta si staccò e sussurrò in risposta "Anch'io non vedo l'ora."

Si baciarono di nuovo.


3. Sammy: Le cose belle devono finire
“Mamma, mi chiedevo se possiamo fare qualcosa prima di andare a casa? Susie mi ha presentato ad alcune persone interessate a venire nell'appartamento.

“Sì, Sammy, va bene. Puoi portarlo qui ogni volta che vuoi. Non c'è bisogno che lo chieda."

"No, mamma, è diverso."

"Cosa vuoi fare? Hai una festa o qualcosa del genere?"

“Beh, umm, sai che mi piacciono sia gli uomini che le donne. Beh, Susie mi ha fatto conoscere degli uomini. Ho fatto sesso con loro qualche volta, e una volta ho detto loro che tu e zia Jasima eravate qui."

“Non hai detto loro cosa facciamo insieme, vero? Devi stare attento a chi parli di noi. Basta che la persona sbagliata ascolti e potremmo essere tutti nei guai”.

"No mamma, non ho detto niente a riguardo."

"Allora, qual'è il problema?" chiese Sangeeta.

"Mi pagano per fare sesso con loro."

Sammy non era a conoscenza del motivo per cui sua madre dormiva in giro. Pensò che forse era solo una puttana, non che il sesso fosse parte della sua strategia commerciale, quindi rimase sorpreso quando sua madre reagì con calma.

"Spero che li farai pagare molto."

“Bene, il modo in cui funziona è che fanno offerte per i miei servizi. Dicono quanto pagheranno e cosa devo fare per questo.

"Allora quanto prendi normalmente?"

“Varia un po', ma normalmente dieci o venti euro per succhiarmelo e ottanta o cento euro per incularmi. Finora ho risparmiato circa duemila e mezzo euro”.

Sangeeta pensò a quante inculate sarebbero state. Avrebbe dovuto coinvolgerlo nel sesso per lo sviluppo degli affari una volta tornati a casa. La sua parte gli avrebbe fruttato molto di più.

"Va abbastanza bene solo per poche settimane."

“Ma mi è stato offerto molto di più. Ed è di questo che voglio parlarti. Mi hanno offerto cinquemila euro”.

Sangeeta si chiese a cosa sarebbe servito. Qualunque cosa fosse, la sua ipotesi era che gli avrebbe fatto male il culo per una settimana dopo.

"Cosa devi fare?"

"Vogliono vedermi fare sesso con te e zia Jasima."

"Sono soldi facili allora," rispose Sangeeta, pensando a tutte le volte in cui Sammy l'aveva scopata.

"E penso che faranno sesso anche con te."

"Va bene."

“Ma vogliono qualcosa di speciale. Come ho detto, non sanno di noi. Quindi ho detto: come avrei potuto convincerti a fare sesso con me? Ho detto che siete entrambi molto pudici. È stato allora che mi hanno suggerito di drogarti.

"Drogarci?"

“Sì, uso droghe per mettervi KO entrambi, poi faccio sesso con voi. Ecco perché devono pagare così tanto”.

Sangeeta ci ha pensato. Forse sarebbe stato il suo culo a farle male per una settimana dopo, non quello di Sammy.

“Va bene, perché no. Mettimi fuori gioco. Dov'è Jasima?"

“È già priva di sensi. L'ho nella mia camera da letto."

"È lì che vuoi farlo?"

“No, qui fuori. Aiutami a portarla qui e poi ti darò le pillole."

Una volta che lui e Sangeeta ebbero portato Jasima nel soggiorno, Sammy passò un po' di tempo a sistemare sua zia sul divano. Fece sedere sua madre accanto a lei. Era molto più facile farlo mentre era ancora cosciente. Mentre mandava messaggi ai suoi contatti, guardava sua madre prendere le compresse e li beveva con un bicchiere di vino.


4. Ricoperto di sperma
Quando si svegliò Sangeeta si sentì un po' confusa. Era notte fonda e l'ultima cosa che ricordava era sedersi sul divano accanto a sua sorella e prendere le compresse. Sapeva che era successo. I suoi vestiti erano sul pavimento e, da come si sentiva il corpo, sapeva di essere stata scopata. La sua bocca, la sua vagina e il suo culo erano tutti doloranti, e quando fece scorrere le dita sulla sua pelle sentì lo sperma essiccato ricoprirla.

La doccia era aperta e decise che ne voleva una anche lei. Fu un po' faticoso alzarsi ed era un po' instabile mentre attraversava la stanza per andare in bagno. Sua sorella era in piedi sotto l'acqua corrente, con la mano appoggiata alla parete della cabina doccia.

"So di aver fatto qualcosa, ma non riesco a ricordare cosa", ha detto Jasima.

"Penso che Sammy abbia fatto sesso con noi", disse Sangeeta, unendosi alla sorella sotto la doccia e abbracciandola.

"Oh, lo pensavo, ma non riesco a ricordare cos'altro è successo. Non mi sembra che solo Sammy abbia fatto sesso con me. Hai fregato anche me? Con lo strapon?"

"Non lo so. È tutto confuso.

Jasima uscì dalla doccia e cominciò ad asciugarsi, mentre Sangeeta si lavava i capelli, si insaponava il corpo, poi lo risciacquava. Ha usato il manipolo della doccia per sciacquarsi la vagina.

"Hai visto Sammy?" chiese Jasima. «Forse può dircelo.»

"Non ancora. Forse è nella sua stanza."

"Vedrò."

Dopo che Sangeeta ebbe finito di farsi la doccia e asciugarsi, seguì sua sorella nella stanza di suo figlio. Dormivano insieme nel letto. Si chinò e baciò suo figlio. Poteva sentire il sapore dello sperma essiccato sulla sua pelle. La notte deve essere stata selvaggia, pensò, e deve esserci una storia vera in tutto questo, pensò, poi andò a letto con entrambi. Si sarebbe dovuto aspettare fino al mattino.

Quando Sammy si svegliò sapeva che sua zia e sua madre erano al suo fianco. Sua zia sembrava nella posizione migliore, quindi salì sul suo corpo nudo addormentato. Il suo pene divenne duro in un attimo. Ben presto lui fu tra le sue cosce, facendo passare la punta del suo pene tra le labbra di sua zia, e poi più in profondità dentro di lei.

Il sesso ha svegliato Jasima e lei ha baciato Sammy. "Una volta che avremo finito dovrai dirmi cosa è successo ieri sera."

"Va bene. Ma prima voglio fare la mamma.

Jasima stava preparando loro la colazione dopo che Sammy l'aveva finita, e mentre lui svegliava sua madre. Era sicura che si trattasse di una sorta di perversione sessuale – ma cosa?

Quando Sangeeta e Sammy emersero dalla sua camera da letto, Jasima preparò il pasto. Avevano indossato abbastanza vestiti per tenersi al caldo, ma le loro scappatelle mattutine erano ancora evidenti dai loro capelli arruffati e dall'aspetto un po' trasandato.

“Chi vuole qualcosa da mangiare? Oppure nessuno dei due ha ancora abbastanza energia per mangiare?" Jasima sorrise leggermente alla sorella e al nipote, sapendo cosa stavano facendo.

"Solo un po' di succo e caffè", disse Sangeeta, sembrando ancora stanca, anche dopo aver dormito tutta la notte.

Sammy, invece, si stava servendo la colazione preparata da Jasima.

Bevvero e mangiarono in silenzio per un po', e poi alla fine Sangeeta chiese: “Cos'è successo ieri sera, Sammy? Mi sento come se non fossi mai stato fregato così tanto prima d'ora.

“Ti ho parlato di alcune delle persone che Susie mi ha presentato. Sono piuttosto selvaggi”, ha detto Sammy. "Sei stato fregato da tutti i tipi di persone in tutti i modi."

Dal modo in cui si sentivano, non sorprendeva né Sangeeta né Jasima che fossero stati fregati.

"Ma cosa è successo?" disse Sangeeta.

“Bene, dopo aver preso le pillole sei svenuto e poi sono arrivate le persone. Erano sette. Il ragazzo che pagava e alcuni dei suoi amici. Sono entrati e abbiamo bevuto qualcosa, e poi uno di loro ha detto: "Allora quale è tua madre?" Gliel'ho detto, e loro hanno detto che avrei dovuto spogliarvi entrambi. È molto più difficile spogliare qualcuno che è privo di sensi. Prima ti ho spogliato, zia Jasima, poi mamma.

"Ricordo che ne parlavi, e in un certo senso ricordo le pillole", disse Sangeeta.

“Questo è parte del problema con loro”, ha detto Sammy, “rendono tutto il tempo un po’ confuso. Quindi eri sdraiato lì e ti ho chiesto cosa sarebbe successo dopo. Mi è stato detto di spogliarmi e poi mi avrebbero detto cosa fare. Il mio cazzo era così duro. Ho avuto difficoltà a togliermi i pantaloni. Poi sono rimasto nudo davanti a loro. Io ero pronto. Ho chiesto "Quale devo fare per primo?" La mamma o la zia Jasima?’”

“Il ragazzo che era al comando ha detto: ‘Tua madre’. Falle davvero bene”. Così ho fatto. Sei più divertente quando sei sveglio, ma mi è piaciuto comunque il sesso con te. Mi hanno detto di giocare con le tue tette e poi di scopartele. Ero così vicino a venirgli addosso quando mi hanno detto di fermarmi e scoparti la figa. L'ho fatto per un po', poi ho dovuto passare a zia Jasima. Non ero ancora venuto. Il ragazzo principale ha detto che più aspettavo, più venivo e più venivo pagato, quindi mi sono trattenuto.

Sangeeta si sentì eccitata da ciò che aveva sentito. Sammy l'aveva usata abbastanza volte per immaginare il suo cazzo tra le sue tette, o dentro di lei, ma l'eccitazione aggiuntiva delle persone sconosciute era grande.

“Poi il ragazzo principale ha detto ‘Jizz on her’ agli altri uomini. Mentre facevo sesso con te, si sono alternati segandosi addosso a te, mamma. Li ho visti venire ciascuno, sulla tua faccia o sulle tue tette. Ti stavo scopando mentre ti coprivi sempre di più. Ho iniziato a leccartelo. Non rispondevi molto a me o a loro, ma mi piaceva farlo.'

"Mia sorella viene scopata e leccata da suo figlio", ha commentato Jasima. "Fa molto caldo."

“È stato allora che sono passato a te, zia Jasima. Ti ho scopato per un po', ma non potevo restare dentro di te troppo a lungo. Volevo assicurarmi di entrare, mamma. Quando mi sono liberato di te, sono tornato in mamma. Però sono stato veloce e sono venuto da te per la prima volta. Ti sono rotolato via. Hai fatto fuoriuscire il mio sperma dalla tua figa. Mi è piaciuto scoparvi entrambi."

"Non capisco perché la mia figa e il mio culo siano così stanchi", ha detto Sangeeta. "Ciò che hai detto non avrebbe dovuto renderli così irritati."

“Dopo che ti ho sborrato dentro, mamma, hanno detto che era il loro turno. Pensavo che le sarebbero venuti addosso ancora un po', ma quello che facevano per lo più era scoparti nella figa o nel culo."

"Hanno preso in culo anche te," chiese Sangeeta.

"No", disse Sammy. "Ho semplicemente succhiato il cazzo per prepararli per te."

Adesso aveva un po' più senso per Sangeeta. Un intero gruppo di ragazzi che facevano una gangbang con lei le avrebbe sforzato la figa, ma non sembrava ancora abbastanza.

"Sono entrati dentro di te, mamma", disse Sammy. “Ti hanno fregato finché non sono arrivati. E anche zia Jasima. Pensavo che sarebbe stato tutto. Ti avevo scopato e ti avevo succhiato la sborra, poi ti avevano scopato. Ma volevano che facessi di più. Il ragazzo principale mi ha detto di andare su entrambi per pulirvi. Mi ha offerto più soldi, quindi l'ho fatto. Spero che non ti dispiaccia."

"No, certo che no, tesoro", disse zia Jasima.

“Ho cominciato a leccarvi, poi mi hanno detto di mettervi le dita dentro entrambi. Un dito, poi due e poi ancora finché tutta la mia mano non fu in te”. Fece una pausa e sorseggiò il caffè prima di continuare.

"È stato difficile metterci la mano, ma ti avevano allungato un po' con i loro cazzi, e io ci ho messo la mano. Vi avevo entrambi così."

Sangeeta si immaginava sdraiata sulla schiena, con le gambe divaricate, con suo figlio tra le gambe e la sua mano dentro di lei. Questo potrebbe spiegare lo stato della sua figa.

"Tutto qui", disse Sangeeta. "Hai fatto qualcos'altro?"

«Era quasi tutto. Ti hanno scopato ancora un po' e poi sono tornati a casa."

"Non ricordo di aver preso la pillola", ha detto Jasima. "Ero qui e poi tutto è diventato confuso, e poi mi sono svegliato con la figa piena di sperma."

"Mi ricordo di aver parlato con Sammy di questo", ha detto Sangeeta, "ma non sono sicuro di quello che ha detto."

Sammy sentiva che era meglio starsene per conto suo. Ne aveva parlato con sua madre, ma il motivo per cui sua zia non riusciva a ricordarlo era perché non si era preso la briga di chiederglielo.


5. Ritorno a casa
Le avventure devono finire, così come il tempo di Sangeeta a Praga. Si sedeva al tavolo della sala da pranzo nel suo appartamento e osservava sua sorella con suo figlio. In un certo senso era triste partire, perché l’anonimato di essere all’estero le aveva permesso di fare cose che non avrebbe mai fatto a casa. Ma d’altro canto, essere così lontana da casa significava che gran parte della sua famiglia era così lontana: l’altra sorella, suo fratello e sua figlia. Anche suo marito.

Aveva visto suo figlio con la sorella abbastanza volte per sapere che era vicino. Lui le sarebbe venuto addosso e poi lei si sarebbe sdraiata all'indietro con le gambe divaricate invitando Sangeeta a godersi ciò che le veniva offerto.

In realtà tutto ciò che stavano facendo era riempire il tempo. I loro bagagli erano pronti e avevano effettuato il check-in online. Stamattina aspettavano solo l'ora di andare all'aeroporto. Quindi potrebbero anche approfittarne. Sarebbe stato più difficile organizzarsi una volta tornati a casa con così tante altre persone che li conoscevano in giro.

Sangeeta aveva in programma di rimettersi in contatto con Yvette e Angela. Voleva scoparseli di nuovo entrambi e sapeva che Sammy voleva Yvette un'altra volta. Anche a lei non dispiacerebbe saperne di più sul resto della famiglia di Yvette. O dare una mano con l'altro sesso per lo sviluppo degli affari di Yvette.

Storie simili

Il mondo nascosto del mondo magico, libro:1 ch:2 torna al bagno

La storia è scritta dal mio amico ed io, attualmente stiamo cercando di fare un lavoro migliore di correzione di bozze, ma stiamo ancora cercando qualcuno che ci aiuti. I prossimi 2 capitoli dopo questo avranno più personaggi della serie, sentiti libero di suggerire eventuali relazioni o feticci che vorresti vedere. Torna al bagno Hermione si è seduta a lezione di pozioni a cui mancano ancora le mutandine, qualcuno le ha prese dalla biblioteca. La lezione è iniziata e Harry le ha chiesto se stava bene. “Sì, sto bene solo un po' scosso. “ È successo qualcosa? No, solo che ho...

3.7K I più visti

Likes 0

Far sborrare nostra figlia

Far sborrare nostra figlia Storia #100 …..sono Lynn, ho gli stessi impulsi di mia madre. La mamma (Dee Dee), il fratello Ken e io abbiamo tutti questa cosa e ci piace sentirci bene. L'abbiamo chiamato scherzosamente Feel-itis. Questo ci ha portato tutti a fare sesso l'uno con l'altro. …..Ora ho avuto una figlia Vicky. Ho deciso di non sentire Vicky crescere in modo che potesse svilupparsi a modo suo. Il suo compleanno oggi significava che adesso era maggiorenne. È stato difficile combattere l'impulso che avevo di sentire il suo corpo. Aveva già un corpo caldo. Belle tette, fianchi, gambe e un...

3.1K I più visti

Likes 0

Cambiare la realtà (parte 3)

Ciao ragazzi e ragazze! È Chase. Sai, la persona di cui parla questa storia. So cosa stai pensando – Questo non può essere vero. Bene, ti assicuro che lo è assolutamente. Non posso provartelo, a meno che non ci incontriamo un giorno e anche allora, dovrei raccontarti tutto da capo. È qualcosa che non è molto probabile che farò poiché qualsiasi esposizione di chi e cosa sono potrebbe portare alla mia cattura da parte di qualcuno che desidera trasformarmi in una specie di cavia. Non so voi, ma non sono molto entusiasta di essere rinchiuso per il resto dell'eternità e di...

1.8K I più visti

Likes 0

Andando avanti - Capitolo 3

Andare avanti capitolo 3 Il tempo sembrava congelato. L'espressione di shock e orrore sul viso di Evelyn era giustapposta ai resti bagnati del mio sperma sulle sue guance e sul suo mento. Il mio cazzo è caduto dalla mia mano e la mia testa sembrava muoversi attraverso la melassa mentre si girava lentamente verso l'ingresso del bagno. Sembra che voi due abbiate combinato un sacco di cose, disse il signor Clark con nonchalance con un leggero sorriso, guardandosi intorno al bagno come se cercasse altri membri del nostro piccolo gruppo. Mi chiedevo dove fossi scomparso per così tanto tempo. Seguì un...

1.2K I più visti

Likes 0

Il mio amore giapponese parte 9

My Japanese Love Part 9: I guai di Alicia Nei giorni che seguirono cominciai a immaginare come sarebbe stato mio figlio. È bello sapere che in tutto il caos che è successo nella mia vita ne è venuto fuori qualcosa di buono. Akira ed io siamo follemente innamorati e stiamo per avere un bambino. Abbiamo detto ai suoi genitori che erano estremamente felici per noi, tuttavia mentre le nostre vite sono cambiate in bene, Alicia è cambiata in male. Mentre sto facendo dei lavori in giardino, noto Alicia che mette un cartello di vendita di garage. Normalmente mi dice quando ne...

1K I più visti

Likes 0

La storia di Laura (per le donne)

La storia di Laura Il mio nome è Laura. Lavoro in questo studio legale da 6 mesi ormai. Sono un impiegato di base, rispondo al telefono e lavoro d'ufficio leggero. È un lavoro facile, dato che vado al college 2 sere a settimana. La mia migliore amica di lavoro è Lissette, è una donna portoricana sposata più anziana di circa 40 anni. È così divertente parlare con lei. È così selvaggia e adora parlare di sesso! Penso che lei pensi che io sia troppo innocente dato che vengo da una famiglia molto religiosa. A volte mi chiedo se abbia deciso di...

856 I più visti

Likes 0

Guardare e fare

GUARDARE E FARE John sentiva di aver fatto un ottimo affare. Quando si è trasferito in questo condominio, ha incontrato e parlato con il proprietario e ha convinto quell'uomo a lasciarlo svolgere il ruolo di custode/custode/amministratore residente, facendo tutto ciò di cui l'edificio aveva bisogno per $ 200 al mese di sconto sull'affitto più le spese. Normalmente ciò richiedeva solo poche ore al mese dal suo tempo libero, e se avesse dovuto lavorare durante quel giorno in un giorno feriale, il suo programma come tecnico di laboratorio presso un'azienda farmaceutica avrebbe potuto essere modificato - la maggior parte delle cose potrebbero...

404 I più visti

Likes 0

Tim, l'adolescente parte XV

Nota: ——NON sono l'autore! Ci sono diversi autori in realtà, non sono così sicuro che qualcuno di loro sia il creatore, ma so che non sono io. Sto semplicemente condividendo questa bella storia con tutti voi perché non l'ho vista qui. Ora in origine dovevano essere tutte 9 parti, ma... Qualcuno ha detto che la prima era troppo lunga, quindi ho deciso di dividerle tutte in post più piccoli. Ho pensato di provare un aspetto e una struttura della frase diversi per questo capitolo, per favore fatemi sapere come vi piace. BUON APPETITO--- Tim, l'adolescente parte quindici di: Rass Senip +++...

2.6K I più visti

Likes 2

Il negozio d'angolo seconda parte

La prima parte è qui: sexstories.com/story/82788/ Controllò l'orologio, sarebbe arrivata presto. Era circa una settimana dopo, ero nel suo negozio, la mamma mi aveva mandato a prendere il cibo di cui avevamo bisogno per il fine settimana. Dopo aver chiamato tutto nella cassa e aver messo tutti gli oggetti in tre grandi sacchetti di plastica. Lui mi disse: Mi devi ancora un sacco di soldi, dovrai andare nella stanza sul retro oggi Scioccato, balbettai. No. Per favore, signor Hassan, non voglio farlo Mi afferra il braccio, dicendomi; Non hai altra scelta ragazza, pensi che tutto il cibo e i soldi siano...

2.4K I più visti

Likes 0

Confessione a papà_(2)

Ho qualcosa da dirti papà, ma non posso semplicemente dirlo, devo dirti altre cose con esso, ok? Ma ci arriverò, lo prometto. La casa era tranquilla. Eri al lavoro da diverse ore e io avevo già finito le mie faccende. La nostra camera era pulita, i piatti riposti, il bucato piegato... e mi annoiavo. Ero sdraiato sul divano pensando a te ed ero così eccitato che, anche se so che non mi è permesso, ho iniziato a toccarmi. Volevo il cazzo di papà ma non saresti a casa per ore! Ho iniziato lentamente, strofinandomi il clitoride con una mano e prendendomi...

3K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.