Quando la mamma dormiva

498Report
Quando la mamma dormiva

Mio padre lavora in una multinazionale a livello manageriale. Ha molte responsabilità con molte persone che lavorano sotto di lui. Molte volte deve viaggiare all'estero, a volte per periodi più lunghi, da 1 a 2 mesi. Non è stato così finché non ha ottenuto promozioni consecutive. Mia madre era orgogliosa dei suoi successi nella vita, ma a lei e a me mancava sempre di più con il passare degli anni.

Avevo 20 anni, mamma – 35, papà – 40. Si sono sposati presto. Nei momenti in cui papà non era presente ho notato che la mamma sembrava molto triste e sola. Era troppo bella per essere vista così. Aveva una figura dannatamente sexy. Non era né eccessivamente grassa in nessuna parte né disgustosamente magra; solo un corpo femminile sexy perfettamente proporzionato. Mi dispiaceva che dovesse essere mia madre. Indossava sempre sari di colore scuro.

Spesso dormiva anche nel sari. A volte indossava una camicia da notte, del tipo a due pezzi. Un soprabito quando era con me o qualcun altro era in casa, e mentre era in camera si toglieva il soprabito rimanendo nella biancheria che la copriva solo dalle tette fino alle ginocchia, che pendeva sulle spalle con due spalline sottili. Osservavo la sua frustrazione sessuale da molto tempo e non sapevo come aiutarla o come affrontare la questione.

Il mio desiderio di vedere e sentire il suo bel corpo mi ha fatto impazzire. Le sue tette e il suo culo erano così enormi e allettanti che non potevo più resistere. Un giorno, finalmente, quando papà era partito di nuovo per un altro tour di 2 mesi in Europa, ho iniziato a pianificare di prendere l'iniziativa che avrebbe soddisfatto almeno i miei bisogni se non i suoi; Non ero ancora sicuro che avrebbe accettato l'idea che io soddisfacessi i suoi bisogni fisici. Tuttavia, sono andato avanti per soddisfare prima le mie esigenze.

Avevo alcuni amici cattivi che avevano molta esperienza nel coinvolgere le donne nel sesso, spesso senza che la donna lo sapesse. Ho chiesto a uno di questi amici che tipo di sostanza chimica fa sì che una donna entri in un sonno profondo in cui non riesce a realizzare nulla e io posso usare liberamente il suo corpo. Mi ha dato un nome e dove trovarlo.

Ha detto che era sotto forma di polvere e quando lo metto vicino al naso della ragazza in modo che possa inspirarlo, entrerà in anestesia profonda. Sono corsa al negozio e ne ho comprato un po'. Era piuttosto costoso, quindi ho comprato un piccolo sonnellino con tutto ciò che potevo permettermi. Ho deciso di usarlo su mamma stasera stessa. Quando tornai a casa era mezzogiorno e lei stava riposando nel pomeriggio.

Quando dorme, di solito entra in un sonno profondo. Quindi, senza alcuna esitazione, ho aperto la porta della sua camera da letto per studiare le sue abitudini di sonno in modo da poter eseguire l'operazione senza intoppi quella notte. Rimasi in un angolo e osservai come si muoveva nel sonno. La caduta del suo sari si era allontanata esponendo le sue tette strettamente affascinate dalla camicetta color blu pavone abbinata al sari.

Ho dato un'occhiata più da vicino alla camicetta; aveva circa quattro ganci metallici nella parte anteriore. Le sue tette sembravano così a disagio in quella camicetta estremamente attillata; sembrava che stessero cercando di evadere per la libertà. Mi ha voltato le spalle. La camicetta sul retro si era spostata piuttosto in alto, lasciandomi intravedere i ganci del suo reggiseno rosa chiaro che sporgevano. Le sue gambe si erano piegate molto profondamente costringendo la metà inferiore del sari a volare in alto sopra le ginocchia.

La pelle lucente delle sue gambe setose divenne troppo irresistibile perché potessi trattenermi ancora. Sapevo che dovevo andarmene prima di mandare all'aria tutto il mio piano per la notte. Ma con tutto questo almeno sapevo esattamente cosa avrebbe indossato durante la notte su cui dovevo lavorare. Adesso ero abbastanza sicuro di avventurarmi nei segreti erotici di mia madre.

Presto arrivò l'ora di cena. Come al solito, lei ed io ci sedemmo a mangiare al tavolo da pranzo, tutti soli. Mi ha chiesto alcune cose sulla mia università, sui miei studi, ecc. Ho fatto finta di essere preoccupata per l'università e gli studi mentre lei continuava a mangiare. Quando non mi guardava, la mia attenzione continuava a andare al suo sari e alla sua camicetta blu pavone.

Ogni volta che si chinava anche solo un po' in avanti per mangiare il cibo, la camicetta cedeva per mostrare la spallina rosa chiaro del reggiseno. Ho trovato difficile distogliere lo sguardo da esso. Era troppo impegnata a mangiare e forse a pensare a qualcos'altro, forse a fantasticare. Subito dopo la cena andai a letto per riposarmi quanto potevo prima della lunga notte che mi aspettava.

Pensava davvero che stessi dormendo, ma potevo sentirla guardare la TV fino alle 23 circa. Poi le luci si spensero e anche lei si ritirò a letto. Ho aspettato fino alle 12.30 sperando che fosse abbastanza tempo per farla addormentare profondamente. Alle 00:45 in punto presi la polvere chimica ed entrai nella sua stanza. Le finestre e le tende erano spalancate, quindi c'era abbastanza aria fresca e luce sufficiente dalla strada per permettermi di vedere tutto ciò che era necessario per godermi la scoperta del suo fantastico corpo.

Ho spruzzato un po' di polvere su un piccolo pezzo di stoffa e l'ho tenuto vicino al suo naso mentre coprivo il mio naso con un altro panno in modo da non farmi male. Non potevo dire se stesse avendo qualche effetto su di lei. Per fare sute le ho sfiorato le labbra; erano parzialmente aperti come avviene nel sonno profondo. Le sue labbra erano molto morbide e belle.

Poi ho messo l'intero palmo della mano per coprirle il viso, leggermente all'inizio e ho aumentato la pressione solo per essere sicuro che la sostanza chimica valesse il prezzo. Ero abbastanza fiducioso che non si sarebbe svegliata fino al mattino. Eppure, per ricontrollare, ho premuto forte entrambi i suoi occhi con entrambe le mani.

Lei non si è mossa per niente. Ero così entusiasta di poter fare davvero quello che volevo al suo corpo senza che nessuno mi disturbasse. Mi sentivo in cima al mondo. Indossavo solo i miei bermuda e una maglietta ampia. Dato che sapevo che non si sarebbe svegliata, ho lasciato cadere i miei bermuda e la maglietta sul pavimento. Ora passiamo alla grande azione senza che nulla possa fermarmi.

Ho visto che il suo sari era andato di nuovo fuori strada spazzando il pavimento. L'ho preso con molta sicurezza e l'ho portato fino al suo addome da dove avrei dovuto lottare per spingerlo sotto il suo culo pesante tante volte quante le era stato avvolto intorno alla vita. Passo dopo passo sono riuscita a eliminare completamente il lungo sari dalla vita. Non potevo credere che nonostante i miei movimenti così vigorosi lei fosse totalmente all’oscuro di tutta la faccenda.

In quel caso ho pensato che avrei potuto anche accendere la lampada sul suo letto in modo da poter vedere il suo corpo in modo più vivido. Ho acceso la lampada del letto ed eccola lì, la bellezza seducente che ora giaceva solo nella camicetta e nella sottoveste. I ganci della camicetta brillavano alla luce implorandomi di liberarli e liberare i globi più belli del mondo.

Uno dopo l'altro ho aperto delicatamente i ganci del reggiseno rivelando le masse dei suoi seni che fuoriuscivano dal reggiseno rosa chiaro. Quando tutti e quattro i ganci si sono aperti, le ho fatto scivolare delicatamente la camicetta dalle spalle, le ho alzato le braccia sopra la testa per liberarla completamente. Con le braccia sopra la testa, le sue tette si sono alzate ancora più orgogliosamente mostrando il loro potere di accendere il cazzo di un uomo.

È vero, ero nudo sopra di lei, quindi tutto il mio sperma si è rovesciato sulla sua pancia e sul suo seno. Poiché era lontana dal suo stato cosciente, mi presi piena libertà di massaggiare a fondo i suoi seni a mio piacimento. L'ho pressata forte in ogni parte massaggiando ogni centimetro del suo corpo.

L'ho girata a faccia in giù, ho afferrato il reggiseno e gliel'ho tolto di dosso in un batter d'occhio. Ora gli unici indumenti che indossava erano la sottoveste e le mutandine. L'ho baciata e leccata avidamente la schiena attraverso i lunghi capelli dalla testa sparsi su tutta la schiena.

Sembrava davvero sexy. L'ho girata di nuovo a faccia in su per vedere il seno nudo e completo. Brillavano gloriosamente alla luce della lampada da letto. Capezzoli grandi come ciliegie che spuntano con fermezza. Con impazienza ho aperto il cordone della sottoveste lungo la sua vita e ho trascinato l'intera sottoveste lungo le sue gambe.

La mamma era quasi completamente nuda, fatta eccezione per le mutandine che ho tenuto come dessert finché non ho assaggiato a sazietà tutte le parti del suo corpo. Ho leccato, masticato, succhiato, morso e qualsiasi altra cosa potessi con la bocca su ogni centimetro della sua carne succosa dalle gambe al culo, alla schiena, e tette, guance, ombelico e cosa no.

Era una vera prelibatezza. Alla fine ho fatto scivolare giù anche le sue mutandine di raso viola. La vista della sua fica pulita, liscia e dolce mi ha fatto perdere i sensi all'improvviso. Ero posseduto dal diavolo in persona. Il mio cazzo era al suo livello ottimale. Senza perdere un altro secondo, ho sbattuto la mia verga nella sua fica e ho continuato a spingerla sempre più in profondità. La sua fica era già abbastanza matura quindi non è stato affatto difficile farcela.

In effetti il ​​mio cazzo si muoveva come se fosse unto. All'improvviso la mamma ha iniziato a riprendere i sensi. Ero dannatamente nervoso. Pensavo che il sonnellino del farmaco non fosse sufficiente poiché avevo ottenuto ben poco da quello che potevo permettermi. Non sapevo cosa fare dopo. All'inizio ho provato a fermarmi e a tirare fuori la canna, poi all'improvviso mia madre mi ha afferrato per i fianchi e mi ha tirato più dentro di sé. Ero entusiasta della sua attività ma allo stesso tempo ero poco sorpreso. Poi mi sono messa sulla schiena un lenzuolo che copriva il nostro corpo nudo. La mamma respirava affannosamente e gemeva. Il suo gemito stava diventando più forte. All'improvviso ho sentito il nome di mio padre pronunciato tra i suoi gemiti. Pensava che stava facendo sesso con suo marito e che i suoi fianchi si muovevano pesantemente.

Lentamente aprì gli occhi e un lampo del mio viso le passò davanti: “Oh! Mio Dio! Che diavolo stiamo facendo, figlio mio?" gridò. "Fermare! figlio mio, per favore fermati prima che sia troppo tardi, non puoi farmi questo, per favore fermati! pregò e chiuse gli occhi. Era già troppo tardi perché eravamo sull'orlo del nostro intenso orgasmo più proibito. Il suo corpo tradiva completamente le sue parole. Mentre la sua bocca diceva “No”, mi accarezzava la schiena. Cominciai a picchiarla davvero, ma più forte spingevo la grossa canna, più lei si lanciava e si sgroppava ferocemente, chiedendo ancora di più.

Non avrei mai immaginato che la mia madre, perbene e perbene, potesse muovere il suo culone così velocemente e scopare così vigorosamente. Poi all'improvviso il suo corpo iniziò a tremare in modo incontrollabile per l'orgasmo. Mi ha graffiato la schiena con le unghie. Mi sono sentito come se avessi avuto un blackout e poi all'improvviso mi sono reso conto che la mia verga stava schizzando sperma nella fica di mia madre. Alzai la testa e gridai: “Mio Dio! Che casino. Cosa ho fatto?" Ma ormai era troppo tardi. Sono crollato sul corpo di mia madre e ho iniziato a piangere; anche lei singhiozzava. Ben presto la stanchezza ci fece cadere in un sonno profondo.

Storie simili

Il mondo nascosto del mondo magico, libro:1 ch:2 torna al bagno

La storia è scritta dal mio amico ed io, attualmente stiamo cercando di fare un lavoro migliore di correzione di bozze, ma stiamo ancora cercando qualcuno che ci aiuti. I prossimi 2 capitoli dopo questo avranno più personaggi della serie, sentiti libero di suggerire eventuali relazioni o feticci che vorresti vedere. Torna al bagno Hermione si è seduta a lezione di pozioni a cui mancano ancora le mutandine, qualcuno le ha prese dalla biblioteca. La lezione è iniziata e Harry le ha chiesto se stava bene. “Sì, sto bene solo un po' scosso. “ È successo qualcosa? No, solo che ho...

3.7K I più visti

Likes 0

Far sborrare nostra figlia

Far sborrare nostra figlia Storia #100 …..sono Lynn, ho gli stessi impulsi di mia madre. La mamma (Dee Dee), il fratello Ken e io abbiamo tutti questa cosa e ci piace sentirci bene. L'abbiamo chiamato scherzosamente Feel-itis. Questo ci ha portato tutti a fare sesso l'uno con l'altro. …..Ora ho avuto una figlia Vicky. Ho deciso di non sentire Vicky crescere in modo che potesse svilupparsi a modo suo. Il suo compleanno oggi significava che adesso era maggiorenne. È stato difficile combattere l'impulso che avevo di sentire il suo corpo. Aveva già un corpo caldo. Belle tette, fianchi, gambe e un...

3.1K I più visti

Likes 0

Cambiare la realtà (parte 3)

Ciao ragazzi e ragazze! È Chase. Sai, la persona di cui parla questa storia. So cosa stai pensando – Questo non può essere vero. Bene, ti assicuro che lo è assolutamente. Non posso provartelo, a meno che non ci incontriamo un giorno e anche allora, dovrei raccontarti tutto da capo. È qualcosa che non è molto probabile che farò poiché qualsiasi esposizione di chi e cosa sono potrebbe portare alla mia cattura da parte di qualcuno che desidera trasformarmi in una specie di cavia. Non so voi, ma non sono molto entusiasta di essere rinchiuso per il resto dell'eternità e di...

1.8K I più visti

Likes 0

La storia di Laura (per le donne)

La storia di Laura Il mio nome è Laura. Lavoro in questo studio legale da 6 mesi ormai. Sono un impiegato di base, rispondo al telefono e lavoro d'ufficio leggero. È un lavoro facile, dato che vado al college 2 sere a settimana. La mia migliore amica di lavoro è Lissette, è una donna portoricana sposata più anziana di circa 40 anni. È così divertente parlare con lei. È così selvaggia e adora parlare di sesso! Penso che lei pensi che io sia troppo innocente dato che vengo da una famiglia molto religiosa. A volte mi chiedo se abbia deciso di...

856 I più visti

Likes 0

Tim, l'adolescente parte XV

Nota: ——NON sono l'autore! Ci sono diversi autori in realtà, non sono così sicuro che qualcuno di loro sia il creatore, ma so che non sono io. Sto semplicemente condividendo questa bella storia con tutti voi perché non l'ho vista qui. Ora in origine dovevano essere tutte 9 parti, ma... Qualcuno ha detto che la prima era troppo lunga, quindi ho deciso di dividerle tutte in post più piccoli. Ho pensato di provare un aspetto e una struttura della frase diversi per questo capitolo, per favore fatemi sapere come vi piace. BUON APPETITO--- Tim, l'adolescente parte quindici di: Rass Senip +++...

2.6K I più visti

Likes 2

Confessione a papà_(2)

Ho qualcosa da dirti papà, ma non posso semplicemente dirlo, devo dirti altre cose con esso, ok? Ma ci arriverò, lo prometto. La casa era tranquilla. Eri al lavoro da diverse ore e io avevo già finito le mie faccende. La nostra camera era pulita, i piatti riposti, il bucato piegato... e mi annoiavo. Ero sdraiato sul divano pensando a te ed ero così eccitato che, anche se so che non mi è permesso, ho iniziato a toccarmi. Volevo il cazzo di papà ma non saresti a casa per ore! Ho iniziato lentamente, strofinandomi il clitoride con una mano e prendendomi...

3K I più visti

Likes 0

Jimmy, i suoi fratelli e sua madre

Storia di Fbailey numero 713 Jimmy, i suoi fratelli e sua madre Jimmy, Billy e Joey stavano parlando ad alta voce di Mandy e di sua sorella gemella Candy. Stavano parlando di come le due belle ragazze avessero permesso a Jimmy e ai suoi due fratelli di sentirsi a proprio agio. La cosa su cui erano più irremovibili era che erano troppo spaventati per fare di più alle due ragazze. Erano abbastanza sicure che le ragazze avrebbero permesso loro di andare oltre e che avevano perso l'occasione di scoparle con le dita. Fu allora che la loro madre entrò nella stanza...

1.7K I più visti

Likes 0

Carne_(1)

Un mare di corpi che ondeggiano, si contorcono insieme. Carne nuda, sudata e scivolosa e ricoperta di rete sessuale e si fondono in una massa di pura fame. Bocche su cazzi che succhiano, su leccate di fighe, su morsi di capezzoli, penetrazione...violazione... dissacrazione in ogni modo immaginabile. I corpi premevano contro di lei e si strofinavano su di lei. Si sentiva bagnata da una donna a cavallo della sua gamba mentre veniva scopata a pecorina... il loro sesso le gocciolava addosso. L'altra gamba era sollevata e sentì le sue labbra aprirsi, prima per le dita sondate, e poi per la testa...

1.3K I più visti

Likes 0

Andando avanti - Capitolo 3

Andare avanti capitolo 3 Il tempo sembrava congelato. L'espressione di shock e orrore sul viso di Evelyn era giustapposta ai resti bagnati del mio sperma sulle sue guance e sul suo mento. Il mio cazzo è caduto dalla mia mano e la mia testa sembrava muoversi attraverso la melassa mentre si girava lentamente verso l'ingresso del bagno. Sembra che voi due abbiate combinato un sacco di cose, disse il signor Clark con nonchalance con un leggero sorriso, guardandosi intorno al bagno come se cercasse altri membri del nostro piccolo gruppo. Mi chiedevo dove fossi scomparso per così tanto tempo. Seguì un...

1.2K I più visti

Likes 0

Letto a baldacchino

Era stata una piccola riunione nel monolocale di Jinx. Eravamo seduti sul grande letto a baldacchino di Jinx. Quando gli altri se ne sono andati, sono rimasto a salutare Jinx, perché questa era la prima volta che la incontravo. Il letto a baldacchino mi aveva incuriosito. Stavo guardando l'intaglio ai piedi ed ero incuriosito. Ehm... corde? Ho chiesto.. Come lo hai saputo? I segni sulle colonne del letto. Bel letto a baldacchino, tra l'altro. Grazie. Sei abbastanza attento. Ti piace il bondage? Ho coperto un po '. Non esattamente dentro. Ne ho letti alcuni, e ho sempre pensato di provarci. Lei...

1K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.