Quando la mamma dormiva

872Report
Quando la mamma dormiva

Mio padre lavora in una multinazionale a livello manageriale. Ha molte responsabilità con molte persone che lavorano sotto di lui. Molte volte deve viaggiare all'estero, a volte per periodi più lunghi, da 1 a 2 mesi. Non è stato così finché non ha ottenuto promozioni consecutive. Mia madre era orgogliosa dei suoi successi nella vita, ma a lei e a me mancava sempre di più con il passare degli anni.

Avevo 20 anni, mamma – 35, papà – 40. Si sono sposati presto. Nei momenti in cui papà non era presente ho notato che la mamma sembrava molto triste e sola. Era troppo bella per essere vista così. Aveva una figura dannatamente sexy. Non era né eccessivamente grassa in nessuna parte né disgustosamente magra; solo un corpo femminile sexy perfettamente proporzionato. Mi dispiaceva che dovesse essere mia madre. Indossava sempre sari di colore scuro.

Spesso dormiva anche nel sari. A volte indossava una camicia da notte, del tipo a due pezzi. Un soprabito quando era con me o qualcun altro era in casa, e mentre era in camera si toglieva il soprabito rimanendo nella biancheria che la copriva solo dalle tette fino alle ginocchia, che pendeva sulle spalle con due spalline sottili. Osservavo la sua frustrazione sessuale da molto tempo e non sapevo come aiutarla o come affrontare la questione.

Il mio desiderio di vedere e sentire il suo bel corpo mi ha fatto impazzire. Le sue tette e il suo culo erano così enormi e allettanti che non potevo più resistere. Un giorno, finalmente, quando papà era partito di nuovo per un altro tour di 2 mesi in Europa, ho iniziato a pianificare di prendere l'iniziativa che avrebbe soddisfatto almeno i miei bisogni se non i suoi; Non ero ancora sicuro che avrebbe accettato l'idea che io soddisfacessi i suoi bisogni fisici. Tuttavia, sono andato avanti per soddisfare prima le mie esigenze.

Avevo alcuni amici cattivi che avevano molta esperienza nel coinvolgere le donne nel sesso, spesso senza che la donna lo sapesse. Ho chiesto a uno di questi amici che tipo di sostanza chimica fa sì che una donna entri in un sonno profondo in cui non riesce a realizzare nulla e io posso usare liberamente il suo corpo. Mi ha dato un nome e dove trovarlo.

Ha detto che era sotto forma di polvere e quando lo metto vicino al naso della ragazza in modo che possa inspirarlo, entrerà in anestesia profonda. Sono corsa al negozio e ne ho comprato un po'. Era piuttosto costoso, quindi ho comprato un piccolo sonnellino con tutto ciò che potevo permettermi. Ho deciso di usarlo su mamma stasera stessa. Quando tornai a casa era mezzogiorno e lei stava riposando nel pomeriggio.

Quando dorme, di solito entra in un sonno profondo. Quindi, senza alcuna esitazione, ho aperto la porta della sua camera da letto per studiare le sue abitudini di sonno in modo da poter eseguire l'operazione senza intoppi quella notte. Rimasi in un angolo e osservai come si muoveva nel sonno. La caduta del suo sari si era allontanata esponendo le sue tette strettamente affascinate dalla camicetta color blu pavone abbinata al sari.

Ho dato un'occhiata più da vicino alla camicetta; aveva circa quattro ganci metallici nella parte anteriore. Le sue tette sembravano così a disagio in quella camicetta estremamente attillata; sembrava che stessero cercando di evadere per la libertà. Mi ha voltato le spalle. La camicetta sul retro si era spostata piuttosto in alto, lasciandomi intravedere i ganci del suo reggiseno rosa chiaro che sporgevano. Le sue gambe si erano piegate molto profondamente costringendo la metà inferiore del sari a volare in alto sopra le ginocchia.

La pelle lucente delle sue gambe setose divenne troppo irresistibile perché potessi trattenermi ancora. Sapevo che dovevo andarmene prima di mandare all'aria tutto il mio piano per la notte. Ma con tutto questo almeno sapevo esattamente cosa avrebbe indossato durante la notte su cui dovevo lavorare. Adesso ero abbastanza sicuro di avventurarmi nei segreti erotici di mia madre.

Presto arrivò l'ora di cena. Come al solito, lei ed io ci sedemmo a mangiare al tavolo da pranzo, tutti soli. Mi ha chiesto alcune cose sulla mia università, sui miei studi, ecc. Ho fatto finta di essere preoccupata per l'università e gli studi mentre lei continuava a mangiare. Quando non mi guardava, la mia attenzione continuava a andare al suo sari e alla sua camicetta blu pavone.

Ogni volta che si chinava anche solo un po' in avanti per mangiare il cibo, la camicetta cedeva per mostrare la spallina rosa chiaro del reggiseno. Ho trovato difficile distogliere lo sguardo da esso. Era troppo impegnata a mangiare e forse a pensare a qualcos'altro, forse a fantasticare. Subito dopo la cena andai a letto per riposarmi quanto potevo prima della lunga notte che mi aspettava.

Pensava davvero che stessi dormendo, ma potevo sentirla guardare la TV fino alle 23 circa. Poi le luci si spensero e anche lei si ritirò a letto. Ho aspettato fino alle 12.30 sperando che fosse abbastanza tempo per farla addormentare profondamente. Alle 00:45 in punto presi la polvere chimica ed entrai nella sua stanza. Le finestre e le tende erano spalancate, quindi c'era abbastanza aria fresca e luce sufficiente dalla strada per permettermi di vedere tutto ciò che era necessario per godermi la scoperta del suo fantastico corpo.

Ho spruzzato un po' di polvere su un piccolo pezzo di stoffa e l'ho tenuto vicino al suo naso mentre coprivo il mio naso con un altro panno in modo da non farmi male. Non potevo dire se stesse avendo qualche effetto su di lei. Per fare sute le ho sfiorato le labbra; erano parzialmente aperti come avviene nel sonno profondo. Le sue labbra erano molto morbide e belle.

Poi ho messo l'intero palmo della mano per coprirle il viso, leggermente all'inizio e ho aumentato la pressione solo per essere sicuro che la sostanza chimica valesse il prezzo. Ero abbastanza fiducioso che non si sarebbe svegliata fino al mattino. Eppure, per ricontrollare, ho premuto forte entrambi i suoi occhi con entrambe le mani.

Lei non si è mossa per niente. Ero così entusiasta di poter fare davvero quello che volevo al suo corpo senza che nessuno mi disturbasse. Mi sentivo in cima al mondo. Indossavo solo i miei bermuda e una maglietta ampia. Dato che sapevo che non si sarebbe svegliata, ho lasciato cadere i miei bermuda e la maglietta sul pavimento. Ora passiamo alla grande azione senza che nulla possa fermarmi.

Ho visto che il suo sari era andato di nuovo fuori strada spazzando il pavimento. L'ho preso con molta sicurezza e l'ho portato fino al suo addome da dove avrei dovuto lottare per spingerlo sotto il suo culo pesante tante volte quante le era stato avvolto intorno alla vita. Passo dopo passo sono riuscita a eliminare completamente il lungo sari dalla vita. Non potevo credere che nonostante i miei movimenti così vigorosi lei fosse totalmente all’oscuro di tutta la faccenda.

In quel caso ho pensato che avrei potuto anche accendere la lampada sul suo letto in modo da poter vedere il suo corpo in modo più vivido. Ho acceso la lampada del letto ed eccola lì, la bellezza seducente che ora giaceva solo nella camicetta e nella sottoveste. I ganci della camicetta brillavano alla luce implorandomi di liberarli e liberare i globi più belli del mondo.

Uno dopo l'altro ho aperto delicatamente i ganci del reggiseno rivelando le masse dei suoi seni che fuoriuscivano dal reggiseno rosa chiaro. Quando tutti e quattro i ganci si sono aperti, le ho fatto scivolare delicatamente la camicetta dalle spalle, le ho alzato le braccia sopra la testa per liberarla completamente. Con le braccia sopra la testa, le sue tette si sono alzate ancora più orgogliosamente mostrando il loro potere di accendere il cazzo di un uomo.

È vero, ero nudo sopra di lei, quindi tutto il mio sperma si è rovesciato sulla sua pancia e sul suo seno. Poiché era lontana dal suo stato cosciente, mi presi piena libertà di massaggiare a fondo i suoi seni a mio piacimento. L'ho pressata forte in ogni parte massaggiando ogni centimetro del suo corpo.

L'ho girata a faccia in giù, ho afferrato il reggiseno e gliel'ho tolto di dosso in un batter d'occhio. Ora gli unici indumenti che indossava erano la sottoveste e le mutandine. L'ho baciata e leccata avidamente la schiena attraverso i lunghi capelli dalla testa sparsi su tutta la schiena.

Sembrava davvero sexy. L'ho girata di nuovo a faccia in su per vedere il seno nudo e completo. Brillavano gloriosamente alla luce della lampada da letto. Capezzoli grandi come ciliegie che spuntano con fermezza. Con impazienza ho aperto il cordone della sottoveste lungo la sua vita e ho trascinato l'intera sottoveste lungo le sue gambe.

La mamma era quasi completamente nuda, fatta eccezione per le mutandine che ho tenuto come dessert finché non ho assaggiato a sazietà tutte le parti del suo corpo. Ho leccato, masticato, succhiato, morso e qualsiasi altra cosa potessi con la bocca su ogni centimetro della sua carne succosa dalle gambe al culo, alla schiena, e tette, guance, ombelico e cosa no.

Era una vera prelibatezza. Alla fine ho fatto scivolare giù anche le sue mutandine di raso viola. La vista della sua fica pulita, liscia e dolce mi ha fatto perdere i sensi all'improvviso. Ero posseduto dal diavolo in persona. Il mio cazzo era al suo livello ottimale. Senza perdere un altro secondo, ho sbattuto la mia verga nella sua fica e ho continuato a spingerla sempre più in profondità. La sua fica era già abbastanza matura quindi non è stato affatto difficile farcela.

In effetti il ​​mio cazzo si muoveva come se fosse unto. All'improvviso la mamma ha iniziato a riprendere i sensi. Ero dannatamente nervoso. Pensavo che il sonnellino del farmaco non fosse sufficiente poiché avevo ottenuto ben poco da quello che potevo permettermi. Non sapevo cosa fare dopo. All'inizio ho provato a fermarmi e a tirare fuori la canna, poi all'improvviso mia madre mi ha afferrato per i fianchi e mi ha tirato più dentro di sé. Ero entusiasta della sua attività ma allo stesso tempo ero poco sorpreso. Poi mi sono messa sulla schiena un lenzuolo che copriva il nostro corpo nudo. La mamma respirava affannosamente e gemeva. Il suo gemito stava diventando più forte. All'improvviso ho sentito il nome di mio padre pronunciato tra i suoi gemiti. Pensava che stava facendo sesso con suo marito e che i suoi fianchi si muovevano pesantemente.

Lentamente aprì gli occhi e un lampo del mio viso le passò davanti: “Oh! Mio Dio! Che diavolo stiamo facendo, figlio mio?" gridò. "Fermare! figlio mio, per favore fermati prima che sia troppo tardi, non puoi farmi questo, per favore fermati! pregò e chiuse gli occhi. Era già troppo tardi perché eravamo sull'orlo del nostro intenso orgasmo più proibito. Il suo corpo tradiva completamente le sue parole. Mentre la sua bocca diceva “No”, mi accarezzava la schiena. Cominciai a picchiarla davvero, ma più forte spingevo la grossa canna, più lei si lanciava e si sgroppava ferocemente, chiedendo ancora di più.

Non avrei mai immaginato che la mia madre, perbene e perbene, potesse muovere il suo culone così velocemente e scopare così vigorosamente. Poi all'improvviso il suo corpo iniziò a tremare in modo incontrollabile per l'orgasmo. Mi ha graffiato la schiena con le unghie. Mi sono sentito come se avessi avuto un blackout e poi all'improvviso mi sono reso conto che la mia verga stava schizzando sperma nella fica di mia madre. Alzai la testa e gridai: “Mio Dio! Che casino. Cosa ho fatto?" Ma ormai era troppo tardi. Sono crollato sul corpo di mia madre e ho iniziato a piangere; anche lei singhiozzava. Ben presto la stanchezza ci fece cadere in un sonno profondo.

Storie simili

Le mie prime volte...

Ho parlato con Gary per più di due anni. La nostra relazione era iniziata online. Ha visto una risposta che avevo dato in una chat room e mi ha inviato un messaggio. All'inizio non sembrava interessante, ma più chiacchieravamo e più mi piaceva. Sono cauto per natura, quindi non ha avuto il mio vero nome per più di sei mesi, e anche allora solo il mio nome. A nove mesi gli ho dato il mio numero di cellulare e abbiamo iniziato a parlare al telefono. Dieci mesi ci hanno trovato a fare sesso telefonico regolarmente, cosa che avveniva principalmente nei fine...

2.1K I più visti

Likes 0

La casa adottiva

La casa adottiva Disclaimer: quanto segue è un'opera di fantasia. Pertanto, ho scelto di ambientarlo in un mondo in cui il controllo delle nascite è sicuro, efficace e disponibile al 100% e tutte le malattie sessualmente trasmissibili sono state sradicate. Nel mondo reale, alcune delle scelte che questi personaggi fanno sarebbero estremamente rischiose. Non comportarti come loro. La mascella di Michael cadde mentre fissava la donna nuda sul letto. Aveva visto donne nude sulle riviste, ma questa era la sua prima volta nella vita reale, e lei era altrettanto sexy delle professioniste delle riviste. Il suo corpo di quasi 30 anni...

1.1K I più visti

Likes 0

Una giornata nel bosco Capitolo 14

Bene, tutto - ecco l'atteso capitolo 14. Questa volta non ho elencato tutti i temi - spero che questa storia abbia un po' più di seguito ormai e quelli non sono necessari? Comunque... Capitolo 14 Paul tornò a casa più tardi quel pomeriggio. Ray se la stava cavando abbastanza bene. Gli ci sarebbe voluta una settimana per riprendersi completamente, se non fosse stato per le sue abilità da lycan ci sarebbero volute tre settimane. Paul sperava che Jess stesse andando bene quanto Ray. Entrò in casa e sentì Jess al piano di sopra. Salì le scale, guardò nella loro camera da...

414 I più visti

Likes 0

GIORNO STRESSANTE

PARTE 1 immagina di tornare a casa da una lunga giornata di lavoro, sei stanco e stressato, tutto ciò che potrebbe andare storto include essere in ritardo al lavoro, il tuo collega che ruba il tuo parcheggio, il tuo computer si è bloccato, il che ti ha fatto inviare gli ordini in ritardo, e poi qualcuno ti ha fatto a pezzi mentre tornavi a casa dal lavoro. arrivi a casa dove ti sto aspettando, apro la porta indossando solo la mia corta camicia da notte di seta azzurra con bordo in pizzo bianco, una vestaglia abbinata, un sorriso sfacciato. mi guardi...

2.8K I più visti

Likes 0

Cornuto e moglie

Aveva un aspetto piuttosto semplice. O almeno l'ho pensato da lontano finché non ho visto i suoi profondi occhi verdi a mandorla. Mentre si avvicinava, potevo vedere le sue labbra a forma di arco leggermente rivolte verso l'alto. I suoi capelli erano neri come le piume di un corvo. È passata proprio davanti a me ed è entrata nel bar. I miei occhi seguirono il suo incredibile sedere mentre si dirigeva verso il bar e si sedeva proprio accanto a un uomo di colore molto bello e ben vestito. FANCULO! Mi sono seduto a pochi sgabelli da lei e dal suo...

1.2K I più visti

Likes 0

La Congrega Parte 1 - Reed_(1)

Canna AIUTAMI QUALCUNO AIUTI PER FAVORE!!! urlò una giovane donna mentre veniva trascinata dentro dalla porta principale da un sorridente Jackson. La teneva per il collo mentre tutti nell'area del bar ridevano e sorridevano alla pietosa donna. Era attraente, con i capelli biondi tinti tagliati in un caschetto disordinato e enormi occhi castani. Indossava una specie di uniforme, ma era talmente strappata che nessuno poteva distinguere con certezza cosa ci fosse scritto. Andò nel panico, guardando tutti nella stanza, sperando che qualcuno la salvasse. Ma a nessuno fregava un cazzo. Alcuni dei ragazzi più grandi stavano giocando a freccette vicino al...

1.1K I più visti

Likes 0

The House A Slave Addestramento e asta Capitolo 11 e 12

Capitolo 11 Padrona Liz Michael e Molly e Milton Mistress Liz-D mi dice che vuole parlarmi prima che cominci. D- Che cazzo ti prende? So che sei stato un po 'giù, quindi cosa succede? Liz- Penso di stare solo facendo i movimenti. Ciò di cui hai bisogno è una sessione difficile. So che ho solo bisogno di trovare il tempo e qualcuno, magari un passivo, che posso frustare e scopare forte. Non posso farlo con Michael forse uno dei nuovi una volta. Mi dice di prendere Milton ma di non ucciderlo. Michael e Molly entrano qui, inizieremo non appena arriva il...

893 I più visti

Likes 0

Morgan L.

Morgan L Morgan era seduta nella sua cucina adesso per la prima volta e cominciò ad avere dei dubbi, mio ​​Dio, pensava che avessi appena passato la notte a scopare due amici di mio figlio. Mi sono divertito da morire, ma i ragazzi parlano che non vorrei che Terry lo scoprisse. Vorrei rivederli, ma potrebbe diventare difficile quando Terry è a casa. Il suo telefono squillò e un pezzo grosso si avvicinò e lei rispose immediatamente, quello che Morgan non sapeva era che i suoi due nuovi amici del sesso stavano organizzando una gangbang con lei per sabato sera. Sabato mattina...

561 I più visti

Likes 0

SCOPANDO LA SORELLA DI 17 ANNI DEI MIEI MIGLIORI AMICI DURANTE IL SONNO

Mi chiamo Alex e ho 15 anni. Questa è una storia che mi è successa lo scorso fine settimana. Era una normale serata del fine settimana, alcuni amici e io stavamo bevendo a casa del mio migliore amico Jared. I suoi genitori avevano portato la sua sorellina a Disneyland per il fine settimana. Sua sorella maggiore di 17 anni era ancora a casa ed era una bomba bionda 12 su dieci. Ha tette perfettamente rotonde con coppa C con piccoli capezzoli rosa. Lei è naturalmente abbronzata e si depila la figa. So tutto questo perché una settimana fa stavamo nuotando nella...

1.1K I più visti

Likes 0

Ti costerà

Ti costerà Per anni io e mia moglie abbiamo scherzato su Ti costerà. È il nostro modo di prenderci in giro. Lo facciamo anche davanti ai bambini. Se mia moglie vuole che falci il prato o porti fuori la spazzatura, le dirò: Ti costerà e lei: Va bene. Poi mi allungo e le prendo la tetta dandole una piccola stretta o alzo la mia mano sulla sua gonna per sentire la sua figa ricoperta di mutandine. Di tanto in tanto mi dimentico di dirlo così mia moglie dirà: Quanto mi costerà? Ebbene, l'altro giorno ho offerto a mia figlia di quattordici...

3.9K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.