Amica di mia moglie_(0)

473Report
Amica di mia moglie_(0)

Questa è una storia vera del tempo trascorso con uno degli amici di mia moglie. Ho cambiato i nomi per i motivi che potresti pensare. Si svolge nell'anno 2011.


Ha 66 anni, circa 1,70, forse più bassa, circa 105 bagnata fradicia. Aveva i capelli biondo ossigenato e tette piccole, cosa che adoro. Penso che le sue tette siano 34 B forse anche "A". Mi è piaciuto il modo in cui le indossa jeans, sono sempre belli e attillati.Mi sono sempre chiesto se indossasse mutandine normali o perizoma.Ha lavorato con mia moglie per anni.

Mia moglie tornava a casa e mi raccontava le cose strane che diceva e faceva. Una volta tornò a casa e disse: "Lee ha raccontato di un sogno che ha fatto la notte scorsa. Sembra che tu fossi a casa loro e suo marito non c'era. Eri completamente nuda tranne che per un sigaro che stavi fumando".

"Allora, cos'è successo?" Ho chiesto.

"Ha detto che non è successo niente, a parte il fatto che tu stavi lì nudo." Mia moglie ha risposto.

Entrambi abbiamo riso.

Col passare del tempo, oltre alle semplici visite, Lee veniva a trovarci nel periodo natalizio, di solito qualche settimana prima, così poteva imparare a cuocere i biscotti.

Dovrei tornare qui. Ogni volta che andavamo da qualche parte e Lee e suo marito sarebbero stati lì, salutavamo e facevamo le nostre cose. Quando era il momento di partire, Lee veniva sempre da me e mi dava un abbraccio e un grande bacio. Suo marito abbraccerebbe semplicemente mia moglie. A volte, quando ero divertente, le piegavo la schiena come fanno nei film e le davo un bacio davvero lungo. Si alzava sempre, si sventolava e diceva "sei pazzo" e sorrideva da un orecchio all'altro.

Ciò andò avanti per anni. Ogni volta che veniva da noi o andavamo a casa loro ci baciavamo andando e venendo.

C'erano momenti in cui lei chiamava per parlare con la moglie e io rispondevo al telefono. Parlava con me qualche volta e di solito faceva qualche osservazione intelligente. Le direi che è meglio che stia attenta o le sculaccerei il sedere.

Lei rispondeva sempre con "promesse, promesse".

Quindi una volta quando lei ha detto "promesse promesse" e sono tornato con te, basta nominare la data, l'ora e il luogo.

Beh, le ci sono voluti alcuni mesi, ma un giorno all'improvviso ho ricevuto una telefonata. Di solito ricevevamo le sue chiamate al telefono di casa. Questa volta era sul mio cellulare. Ha detto: "Oggi è il giorno, è un'ora, a casa mia. Puoi venire?

"Non ho niente da fare, sarò lì. Ci vediamo tra un'ora." Ho risposto.

Ho finito a casa del dottore e me ne sono andato. Mi ci è voluto solo poco tempo. Ero più vicino di quanto pensasse. Sono arrivato con 15 minuti di anticipo.

Scesi dal furgone, andai alla porta d'ingresso e suonai il campanello. Ci sono voluti un paio di minuti prima che lei rispondesse. Quando aprì la porta notai che indossava una vestaglia di cotone sottile e corta, completamente sbottonata. Come ha detto: "Ciao". Stavo guardando le sue tette molto piccole.

Adoro le tette piccole. Più piccolo è, meglio è.

Aveva capezzoli di buone dimensioni. Forse lungo 1/2 pollice quando erano duri ed erano molto duri.

Potevo vedere che indossava un piccolo triangolo sulla figa. Una specie di azzurro molto chiaro, quasi bianco. Indossava delle infradito. Il mio cazzo si è gonfiato un po'.

Poiché è bassa di altezza, come ho affermato all'inizio. Sono 6' 2". Sto ben sopra di lei.

Aveva ragione al punto. "Dato che sappiamo entrambi il motivo per cui sei qui, veniamo al dunque."

Mi prese la mano e mi trascinò verso la sua camera da letto. Inoltre abbiamo camminato, una leggera brezza ha catturato la sua vestaglia e l'ha fatta esplodere e ho potuto vedere la corda del perizoma che le scendeva lungo il culo. Le sue graziose natiche rimbalzavano mentre camminava.

Nella sua stanza si rivolse a me: "Ho aspettato così a lungo questo. Fin dalla prima volta che hai detto che l'avresti fatto. Mi hai bagnato le mutandine ogni volta che mi hai baciato o hai detto che mi avresti sculacciato il sedere." Lei mi ha detto.

"Come vorresti che lo ottenessi?" Lei chiese.

"Mi siederò sul letto e tu ti sdraierai sulle mie ginocchia." Le ho detto.

"Oh, bene. Mi piace così." Lei gemette.

"Hai intenzione di spogliarti con me?" Lei chiese.

"Non questa volta." Ho risposto.

"Oh, volevo tanto vederti cazzo." Lei gemette di nuovo.

"Sì, ho sentito del tuo sogno che hai fatto qualche mese fa." Le ho detto.

"Sì, eri nudo ma non ricordo niente del tuo cazzo. Allora adesso voglio vederlo." Lei sorrise mentre lasciava cadere la vestaglia sul pavimento. Lasciandomi guardare il suo corpo nudo.

"Beh, non siamo qui per il sesso. Siamo qui per sculacciarti il ​​sedere. Quindi ti suggerisco di venire qui e cominciamo." Le ho detto. «La prossima volta sarò nudo per te. Questa volta resterò solo in mutande." Mi spogliai restando in mutande.

"Funzionerà. Almeno potrò vedere e sentire il tuo rigonfiamento." Disse mentre si sdraiava sulle mie ginocchia.

Mi è piaciuto guardare il suo bel sedere rotondo con il perizoma blu visibile tra le natiche. Mi ha fatto gonfiare un po' di più il cazzo.

Ho afferrato le sue piccole tette con la mano sinistra mentre si sdraiava.

La mia mano destra le accarezza lentamente le natiche.

"È così bello. Per favore, continua a massaggiarmi il sedere." Lei gemette.

Più o meno in quel momento il primo schiaffo le colpì la guancia destra.

"Oh mio Dio, è stato fantastico. Posso averne un altro." Lei gemette.

Ho abbassato la mano sull'altra guancia. Ho visto apparire l'impronta di una mano rossa. Prima che potesse chiedere o gemere di nuovo, le ho dato altri 5 schiaffi su ciascuna guancia.

"Oh, merda. Mi ha fatto male ed è stato meraviglioso. Per favore, non fermarti. Fammi il culo rosso. È passato così tanto tempo dall'ultima volta che mi hanno sculacciato così forte." Lei ha urlato.

"Te l'avevo detto che te lo avrei fatto sentire. E le tue natiche saranno super rosse quando avrò finito." Ho risposto con un sorriso.

Le ho lasciato la mano sul sedere. Dopo qualche minuto ho cominciato a strofinarlo. Non avevo ancora finito di sculacciarla, ma volevo sentire il calore delle sue guance. Ho spostato la mano attorno al suo sedere e poi giù in mezzo al buco del culo. Mentre mi avvicinavo al suo buco del culo e della figa potevo sentire il calore. Si stava eccitando e allargò un po' le gambe permettendomi un migliore accesso a lei. Mentre continuavo a strofinare, muovevo le dita più in profondità nella sua fessura. Quando sono arrivato alla sua figa ho potuto sentire quanto fosse bagnata.

Quando le ho toccato il buco ha emesso un gemito basso e i suoi fianchi si sono sollevati. "Oh, è così bello. Adoro la sensazione delle tue dita sulla mia figa."

Il suo capezzolo nella mia mano sinistra era duro come la roccia. Ho iniziato a farlo rotolare tra le dita. Ancora una volta gemette.

"Vedo che sei carino e bagnato. È per la tua sculacciata o perché ti tocco?" ho chiesto.

"Entrambi." Lei rispose. "Ma ero già eccitato aspettando che tu arrivassi e mi sculacciassi. Ero solo più eccitato e bagnato mentre mi sculacciavi."

"Beh, visto che sei così bagnato, penso che sia ora di toglierti il ​​perizoma." Le ho detto. Ha alzato i fianchi mentre le tiravo il perizoma lungo le cosce e via dai piedi.

"Ecco, ora non ci sono più ostacoli. Possiamo continuare con le tue sculacciate." Ho sorriso.

"Oh, sì. Sculacciami il sedere bene e forte. Fammi piangere. Fammi bagnare davvero. Fammi venire. Tocca la mia figa e guarda quanto sono bagnato. Per favore, toccami il buco." Lei gemette.

Le ho dato ancora altri 5 colpi su ciascuna guancia. Cavolo, stavano diventando rossi. Ho ricominciato a massaggiarle le guance.

"Porca miseria. Quelli fanno davvero così male." Ha affermato con le lacrime agli occhi.

"Come spiegherai le tue guance rosse a Tom?" Ho chiesto.

"Mi assicurerò che sia a letto prima di spogliarmi e mettermi a letto, altrimenti andrò a letto prima di lui." Lei rispose.

Le stavo ancora accarezzando il culo e muovevo lentamente le dita verso la sua figa calda e succosa. Quando ho raggiunto il suo buco bagnato lei ha gemito: "Per favore, gioca con la mia figa. Infila le tue dita dentro di me."

Ho scoperto che era così bagnata. L'ho girata sulle mie ginocchia e ho continuato a toccarle la figa. Avevo anche notato che era completamente calva. Nemmeno un pelo sulla sua figa o sul monticello. Volevo tanto leccarle la figa ma questa volta mi sono detto che tutto quello che avrei fatto era giocare con la sua fica e sculacciarle il culo.

Ha allargato molto le gambe dandomi pieno accesso alla sua figa sciatta. Il suo clitoride era così gonfio. Sembrava un piccolo cazzo. Mi sono chinato e ho preso in bocca uno dei suoi capezzoli.

"Oh, Dio, sì! Succhiami la tetta. Sditalinami la figa." Lei gemette mentre aveva un potente orgasmo. Ho sentito qualcosa di caldo sulla mia mano che era sulla sua figa. Aveva fatto pipì o squirtava. Ho guardato la sua figa. Si è scoperto che Lee era uno squirter... Chi potrebbe chiedere di più?

La prossima volta l'avrei scopata se era quello che voleva. Dopo aver giocato per un po' con il suo buco sciatto, l'ho girata. Si lamentò ma sapeva che non sarebbe servito a nulla.

Ho dato altri 5 schiaffi su ciascuna guancia. L'ho sentita saltare e poi ho sentito qualcosa di caldo sulla mia gamba. Ha avuto un altro forte orgasmo e ha squirtato di nuovo. Questo mi ha reso il cazzo completamente duro.

Dopo che si fu calmata, si voltò verso di me e disse: "Sento di nuovo qualcosa di duro al mio fianco. È quello il tuo cazzo?"

"Sì." Ho risposto.

"Posso vederlo?" Lei chiese.

"Sì, ma questo è tutto. Hai capito?" Ho risposto.

"Ma cosa succede se voglio che tu mi scopi? Quando lo farai?" Lei sorrise.

"La prossima volta che saremo insieme scoperemo." Ho risposto.

"Oh, non vedo l'ora che arrivi quel momento. Sarò così arrapato per allora. Sai che Tom non mi scopa più. Non lo fa da più di 8 anni. Si ubriaca e va a dormire. " Si è imparentata con me.

"Ho cercato di essere fedele, ma sta diventando sempre più difficile. Mi faccio un ditalino tutto il tempo, ma è solo temporaneo. Ho bisogno di sentire un vero cazzo dentro di me. Duro e profondo. Un cazzo che posso succhiare, con cui giocare. Ogni volta che tu baciami, devo andare in bagno a pulirmi le mutandine oppure andare a casa a farmi la doccia. Mi bagno così tanto." Ha continuato.

"Ora posso vedere il tuo cazzo?" Lei chiese.

"Ok, puoi vederlo ma ricorda che non ti scoperò." Ho risposto.

Ho fatto alzare Lee dalle gambe e mi sono alzato. Il mio cazzo tendeva la biancheria intima. POTRESTI vedere la testa appena sopra la cintura e il suo contorno. Potevo vedere gli occhi di Lee sporgere mentre fissava il mio cazzo coperto.

«Porca miseria. È enorme. Quanto è grande?" gemette.

"È solo un capello sopra 7 1/2". e circa 4 pollici intorno." Ho risposto.

"Togliti le mutande, devo vederlo." Ha chiesto.

"Li abbatti se sei di fretta." Le ho detto.

Lee si avvicinò a me, allungò la mano su entrambi i lati e mi tirò giù lentamente le mutande. Non appena scesero, il mio cazzo saltò fuori e si sporse dritto davanti a loro.

"Dannazione, è ancora più grande di quanto pensassi. Posso toccarlo?" Lei gemette.

"Vai avanti e toccalo." Ho risposto.

Lee allungò la mano destra e afferrò l'asta. La sua mano sinistra è andata alle mie palle. Cominciò ad accarezzarmi su e giù.

"Penso che faresti meglio a smettere di farlo." Le ho detto.

"Perché?" Lei chiese.

"Perché ti farò venire la sborra sulle tette e sulla faccia." gemevo.

"Sarebbe meraviglioso." Rispose lei. "Era da tanto tempo che un uomo non mi veniva sulle tette o in faccia."

"Beh, non mi piace venire sulle tette e sul viso. Mi piace fare il mio deposito in profondità in una bocca, una figa o un culo caldi." Le ho detto. "Adesso fermati. Dobbiamo finire di sculacciarti. Inoltre la prossima volta faremo un sacco di sesso. Ne avrai abbastanza. Ti scoperò non solo la figa ma il culo e la bocca."

"È passato molto tempo dall'ultima volta che un uomo è entrato nella mia figa. Probabilmente sarò molto stretto. E il mio culo non ha mai avuto un cazzo così grosso dentro. Dovremo andare piano in entrambi." Lei ricambiò il sorriso.

"Non è un problema. Useremo molto lubrificante e io mi sdraierò e tu potrai salire in cima e prenderlo velocemente quanto vuoi finché non sarai pronto per farti sbattere." ho affermato. "Adesso piegati sulle mie ginocchia"

Dopo aver tirato su le mutande mi sono seduto e Lee si è messa in ginocchio con il sedere in aria.

" Schiaffo, schiaffo, schiaffo, schiaffo, schiaffo." Le ho dato altri 5 schiaffi pesanti sulle guance. Lei si allungò indietro e le afferrò il sedere. Potevo vedere le lacrime scorrerle sul viso.

"Penso che per oggi possa bastare." dissi mentre le massaggiavo il sedere.

Nonostante le lacrime Lee disse: "Sì, lo penso anch'io. Ma il mio culo è meraviglioso. E guarda com'è rosso. Non potrò sedermi per qualche giorno."

"La prossima volta porterò il mio fustigatore. Sai cosa vuol dire essere frustato. Ma faremo anche tanto buon sesso." Le ho detto.

"Pensi che sia qualcosa che ti piacerà?" Le ho chiesto.

"Sembra meraviglioso, soprattutto la parte riguardante il sesso. È passato troppo tempo dall'ultima volta che un uomo mi ha preso e mi ha usato. Ne ho così tanto bisogno." Lee gemette.

"Bene, devi solo farmi sapere la data, l'ora e il luogo." Ho risposto.

"La prossima volta voglio che prendiamo una stanza in un motel. Così non dobbiamo preoccuparci di essere interrotti e possiamo farlo più a lungo. Che ne dici?" chiese Lee.

"Mi sembra una buona cosa. Voglio vedere quanto del mio cazzo possono sopportare la tua figa, il tuo culo e la tua bocca. E quando inizi a urlare, non voglio che nessuno ci disturbi." Ho risposto.

"Potrebbe essere passato molto tempo, ma puoi star certo che lo prenderò tutto in tutti i miei buchi. Spero solo che tu possa durare così a lungo." Lee sorrise mentre stava di fronte a me.

Con quella simpatica osservazione mi sono infilato tra le sue gambe e ho infilato due dita in profondità nella sua figa e mi sono attaccato al suo capezzolo sinistro come un bambino che va a prendere il latte. Lee è crollato sulla mia mano.

"Oh, sei un tale monello. Fai questo a una ragazza nella mia posizione. Una che fa sesso da anni. Non tirarli fuori proprio adesso. Lasciami goderteli per qualche minuto. Oh, succhiami le tette più forte. " Piangeva mentre si reggeva alle mie spalle per non cadere.

Lì tenevo questa donna carina, le mie dita nella sua figa, i suoi succhi che scorrevano lungo la mia mano e le sue piccole tette nella mia bocca. Mi sarei goduto ogni centimetro del suo corpo la prossima volta che saremmo stati insieme, il che a quanto pare non sarebbe stato poi così lontano.

continua

Storie simili

GIORNO STRESSANTE

PARTE 1 immagina di tornare a casa da una lunga giornata di lavoro, sei stanco e stressato, tutto ciò che potrebbe andare storto include essere in ritardo al lavoro, il tuo collega che ruba il tuo parcheggio, il tuo computer si è bloccato, il che ti ha fatto inviare gli ordini in ritardo, e poi qualcuno ti ha fatto a pezzi mentre tornavi a casa dal lavoro. arrivi a casa dove ti sto aspettando, apro la porta indossando solo la mia corta camicia da notte di seta azzurra con bordo in pizzo bianco, una vestaglia abbinata, un sorriso sfacciato. mi guardi...

2.8K I più visti

Likes 0

The House A Slave Addestramento e asta Capitolo 11 e 12

Capitolo 11 Padrona Liz Michael e Molly e Milton Mistress Liz-D mi dice che vuole parlarmi prima che cominci. D- Che cazzo ti prende? So che sei stato un po 'giù, quindi cosa succede? Liz- Penso di stare solo facendo i movimenti. Ciò di cui hai bisogno è una sessione difficile. So che ho solo bisogno di trovare il tempo e qualcuno, magari un passivo, che posso frustare e scopare forte. Non posso farlo con Michael forse uno dei nuovi una volta. Mi dice di prendere Milton ma di non ucciderlo. Michael e Molly entrano qui, inizieremo non appena arriva il...

895 I più visti

Likes 0

Morgan L.

Morgan L Morgan era seduta nella sua cucina adesso per la prima volta e cominciò ad avere dei dubbi, mio ​​Dio, pensava che avessi appena passato la notte a scopare due amici di mio figlio. Mi sono divertito da morire, ma i ragazzi parlano che non vorrei che Terry lo scoprisse. Vorrei rivederli, ma potrebbe diventare difficile quando Terry è a casa. Il suo telefono squillò e un pezzo grosso si avvicinò e lei rispose immediatamente, quello che Morgan non sapeva era che i suoi due nuovi amici del sesso stavano organizzando una gangbang con lei per sabato sera. Sabato mattina...

563 I più visti

Likes 0

Una giornata nel bosco Capitolo 14

Bene, tutto - ecco l'atteso capitolo 14. Questa volta non ho elencato tutti i temi - spero che questa storia abbia un po' più di seguito ormai e quelli non sono necessari? Comunque... Capitolo 14 Paul tornò a casa più tardi quel pomeriggio. Ray se la stava cavando abbastanza bene. Gli ci sarebbe voluta una settimana per riprendersi completamente, se non fosse stato per le sue abilità da lycan ci sarebbero volute tre settimane. Paul sperava che Jess stesse andando bene quanto Ray. Entrò in casa e sentì Jess al piano di sopra. Salì le scale, guardò nella loro camera da...

417 I più visti

Likes 0

Le mie prime volte...

Ho parlato con Gary per più di due anni. La nostra relazione era iniziata online. Ha visto una risposta che avevo dato in una chat room e mi ha inviato un messaggio. All'inizio non sembrava interessante, ma più chiacchieravamo e più mi piaceva. Sono cauto per natura, quindi non ha avuto il mio vero nome per più di sei mesi, e anche allora solo il mio nome. A nove mesi gli ho dato il mio numero di cellulare e abbiamo iniziato a parlare al telefono. Dieci mesi ci hanno trovato a fare sesso telefonico regolarmente, cosa che avveniva principalmente nei fine...

2.1K I più visti

Likes 0

Cornuto e moglie

Aveva un aspetto piuttosto semplice. O almeno l'ho pensato da lontano finché non ho visto i suoi profondi occhi verdi a mandorla. Mentre si avvicinava, potevo vedere le sue labbra a forma di arco leggermente rivolte verso l'alto. I suoi capelli erano neri come le piume di un corvo. È passata proprio davanti a me ed è entrata nel bar. I miei occhi seguirono il suo incredibile sedere mentre si dirigeva verso il bar e si sedeva proprio accanto a un uomo di colore molto bello e ben vestito. FANCULO! Mi sono seduto a pochi sgabelli da lei e dal suo...

1.2K I più visti

Likes 0

Teenage Mutant Ninja Turtles Fanfic Capitolo 2 - scusate è tardi

Di Hana M. Brimeck Chiudo la finestra, chiudo gli occhi, mi giro, ricado all'indietro e scivolo sul pavimento. Mi prendo un momento per riprendere fiato finché i miei pensieri non vengono interrotti da un brivido freddo. 'Ho bisogno di una doccia calda.' mi dico mentre finalmente mi rialzo dal pavimento con un gemito. Mi tolgo il maglione e il reggiseno bagnati, non come se stessero facendo molto per coprirmi comunque. Mi prendo un momento per toccarmi i seni tenendoli a coppa tra le mani in un futile tentativo di scaldarli. La mia gonna cade sul pavimento in un ciuffo bagnato, seguita...

748 I più visti

Likes 0

Un sogno per i campeggiatori

Un sogno per i campeggiatori L’inverno nel Michigan era stato lungo e rigido, così io e mia moglie decidemmo di allontanarci da casa per qualche settimana. Mi sono preso due settimane di pausa dal lavoro, ho caricato il camper, ho agganciato il camion e siamo partiti. Era primavera inoltrata quindi abbiamo deciso di andare a sud per goderci un bel tempo caldo. Mia moglie Miko viene dal Giappone, ha 40 anni, è alta 1,70 e pesa circa 120 libbre. Il suo seno non è grande, ma ha un bel corpo sodo e snello. Penso che abbia un corpo fantastico e sia...

424 I più visti

Likes 0

Ti costerà

Ti costerà Per anni io e mia moglie abbiamo scherzato su Ti costerà. È il nostro modo di prenderci in giro. Lo facciamo anche davanti ai bambini. Se mia moglie vuole che falci il prato o porti fuori la spazzatura, le dirò: Ti costerà e lei: Va bene. Poi mi allungo e le prendo la tetta dandole una piccola stretta o alzo la mia mano sulla sua gonna per sentire la sua figa ricoperta di mutandine. Di tanto in tanto mi dimentico di dirlo così mia moglie dirà: Quanto mi costerà? Ebbene, l'altro giorno ho offerto a mia figlia di quattordici...

3.9K I più visti

Likes 0

Il rapimento e l'addestramento di Kitty Parte 2

Per coloro che stanno leggendo questa storia e non hanno letto la prima puntata, mi scuso per l'inizio di questa, parte 2. All'inizio si trascina un po', ma se leggi la prima parte e stai iniziando dalla seconda, pensa a è l'intervallo tra due lungometraggi in un cinema. :) I commenti sull'introduzione non sono necessari perché penso che troverai il resto di questa parte della storia abbastanza eccitante anche per coloro a cui piace in Never, Never, Land. Qualsiasi altro commento è più che benvenuto, specialmente da parte delle donne là fuori. DIVERTITI. Vanione PS: Se a qualche lettore piace molto...

1.8K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.